Amanita phalloides - gruppomicologicocastellano.it

Commenti

Transcript

Amanita phalloides - gruppomicologicocastellano.it
ORDINE Agaricales
SCHEDA N° 0054
GENERE
Amanita
SPECIE
A. phalloides
AUTORE (Fr.) Link
DATA DI RACCOLTA 01-07-211
LUOGO DI RACC. Colli di Possagno
COMUNE Possagno
PROV. TV
ALTITUDINE S.L.M. 400
I.G.M. II 083
RACCOGLITORE Dino Giuseppe Cerantola
HABITAT:
PRATI ERBOSI
ORTI E GIARDINI
MARGINI DI STRADA
TERRENO NUDO
TERRENO SABBIOSO
ARENILE
TORBIERA
TERRENO COLTIVATO A
ARGINE DI FIUME
LUOGO BRUCIATO
BOSCO DI :
BOSCO SUBALPINO
RADO
MISTO LATIFOGLIA
DENTRO AL BOSCO
AI MARGINI DEL BOSCO
SU LEGNO
VIVO
ESPOSIZIONE:
MORTO
ASSOLATA
UMIDITA’ DEL TERRENO
ACQUITRINOSO
VEGETAZIONE CIRCOSTANTE : Castagno, Carpino
FITTO
IN RADURE
DI
OMBROSA
MOLTO UMIDO
MEDIA
UMIDO
ASCIUTTO
SECCO
NOTE : Unico esemplare su terreno nudo
MICROSCOPIA: Spore da subglobose a largamente ellissoidi amiloidi; 8,5-11 x 6,5-10 μm.
BIBLIOGRAFIA : AMB Vol. 1 - pag. 132 - Zanichelli pag, 34 al 36
DETERMINATORE Dino Giuseppe Cerantola
AMANITA PHALLOIDES
AMANITA PHALLOIDES 04
RILIEVI EFFETTUATI SU REPERTI
FRESCHI
SECCHI
AMANITA PHALLOIDE GIOVANE
ANANITA PHALLOIDES MATURO
AMANITA PHALLOIDES VOLVA
SPORATA BIANCA
DESCRIZIONE
Amanita phalloides
Classe: Basidiomycetes
Ordine: Agaricales
Famiglia: Amanitacee
Genere: Amanita
Specie: A. phalloides
Sezione: Phalloideae (Fr.) Quèl. Velo generale menbranoso, anello persistente, reazione positiva o negativa
alle basi forti (KOH-NaOH).
Cappello: 4-15 cm, prima emisferico o ovoidale, poi spianato, brillante con il tempo secco, viscoso, di colore variabile, dal verde
giallastro, verde, giallo, brunastro o anche biancastro, percorso da minutissime fibre innate radiali. Margine liscio.
Lamelle: libere, fitte, poco ventricose, bianche, con poche lamellule.
Gambo: 6- 12 x 0,8-2 cm di diametro, slanciato, cilindrico, dapprima pieno, poi farcito o cavo negli esemplari adulti, biancastro,
ingrossato alla base, bulboso.
Anello: membranoso, cascante, quasi liscio o leggermente striato.
Volva: amplia, semi libera, membranosa, persistente lobata o intera, bianca o internamente giallo-biancastro negli esemplari
giovani.
Carne: bianca immutabile, prima compatta, quindi sempre più cedevole a maturità, bianca, con sottili aloni sotto il pileo concolori
allo stesso. All'esordio inodore, poi con sfumature mielato rancide sgradevoli ed infine repellenti cadaveriche. Sapore dolciastro.
Commestibilità e tossicità: Velenoso mortale
Autore della scheda : Dino Giuseppe Cerantola

Documenti analoghi

0007

0007 SCHEDA N° GENERE

Dettagli

FUNGHI MORTALI PRESENTI IN EMILIA

FUNGHI MORTALI PRESENTI IN EMILIA FUNGHI MORTALI PRESENTI IN EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

le specie piu` comuni del genere amanita in molise

le specie piu` comuni del genere amanita in molise ovolo buono, ne mette in risalto l’aspetto nello stadio iniziale e ne ribadisce la bontà, apprezzata fin dall’antichità. Centinaia le ricette create nel corso dei secoli, a cominciare da “gli ovoli...

Dettagli

Il Genere Amanita - gruppo micologico "sila catanzarese"

Il Genere Amanita - gruppo micologico "sila catanzarese" evoluzione dallo stadio iniziale di primordio a quello di completa maturità; non ultimo la bellezza delle forme e dei colori. Proprio questi motivi, alcuni anni fa, mi hanno spinto ad avvicinarmi a...

Dettagli