spazio, forma, colore!

Commenti

Transcript

spazio, forma, colore!
MUSEION PER LA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE
SPAZIO, FORMA, COLORE!
Percorso attivo nell’ambito della mostra When Now is Minimal. Il lato sconosciuto della collezione Goetz.
Per i bambini di età compresa tra i 5 ed i 6 anni e tra i 7 e gli 11 anni
Osservare, farsi stupire, creare: le coloratissime opere, le geometrie su carta, i quadri lavorati a maglia e le sculture in
serie della mostra When Now Is Minimal costituiscono il punto di partenza di un percorso attivo che sviluppa in modo
pratico i temi dello spazio, della forma e del colore. Ispirati da alcune opere scelte i bambini saranno invitati ad
utilizzare forme, materiali, lettere e oggetti di uso quotidiano come elementi seriali per comporre le loro creazioni. Il
confronto con il tema della ripetizione di sequenze seriali di determinate forme porta persino a modificare il ritmo di
un’intera stanza! Un percorso allegro e a misura di bambino, che consente di sperimentare la molteplicità delle forme
geometriche più elementari in modo giocoso (90 min).
Dove:
Destinatari:
Museion
bambini di età compresa tra i 5 e i 6 anni (ultimo anno di materna e prima elementare)
e i 7 e gli 11 anni
Costo:
gratis
Prenotazione: Judith Weger 0471 223435 /[email protected]
(se possibile durante il nostro orario di lavoro dalle ore 8.00 alle 14.00)
Nella pagina successiva trovate delle proposte per l’approfondimento in classe sui contenuti trattati a Museion!
SUGGERIMENTI PER LE ATTIVITÀ DA SVILUPPARE IN CLASSE:
1. Sulle tracce del Minimalismo: è ovunque!
Molte opere esposte in mostra riprendono le forme espressive del Minimalismo, una corrente artistica degli anni '60
caratterizzata dal prevalente utilizzo di forme e unità elementari primarie, spesso ripetute in serie.
Questa tendenza ha trovato ampia diffusione non solo in ambito artistico, ma anche nella nostra vita quotidiana,
come dimostra la cultura dell’abitare (basta guardare un catalogo Ikea!), la musica (si pensi ai ritmi seriali della
musica elettronica minimal), la moda o l’architettura delle nostre città.
Il lavoro svolto a Museion, di sensibilizzazione a determinate forme primarie, può poi indurre i bambini a cercare
altre strutture simili nella loro vita quotidiana, a casa, negli edifici scolastici, nelle riviste e nella loro città.
2. Creare con le forme geometriche
Rispetto alle rappresentazioni figurative il Minimalismo prediligeva le composizioni formali. Dopo l’attività di
sensibilizzazione alle forme geometriche elementari da ricercare nella nostra vita quotidiana, proposta al punto 1, i
bambini potrebbero successivamente disegnare su un foglio i contorni di alcuni oggetti prescelti (scatole, carte, bordo
delle tazze, matita, libro…) e variarne le geometrie attraverso ripetizioni o nuove combinazioni.
3. Ritmo nello spazio – Daniel Buren
Negli anni ’70 l’artista Daniel Buren (1938, Boulogne-Billancourt), presente in mostra, ha iniziato a sviluppare lavori
che consistono in strisce colorate di uguale misura che alternano il bianco ad un altro colore intenso (bianco-verde,
bianco-rosso, bianco-giallo, ecc.). Buren ha portato le sue strisce anche nello spazio pubblico, facendone dei
manifesti da esibire per la città, per ricoprire le facciate degli edifici o per avvolgere oggetti. In questo modo voleva
dare un “altro ritmo” allo spazio. Anche i bambini possono sviluppare un motivo seriale – righe, zig-zag, punti o altro
ancora – con cui rivestire, parzialmente o integralmente, lo spazio o gli oggetti circostanti. Alla fine si potrà discutere
interroga dosi su com’era prima lo spazio e su che cos’è cambiato nella nostra percezione.
Brita Köhler
Responsabile Servizi al pubblico / Progetti educativi