14/05/14 2 MBPresentazione Cluster SPRING – Intervento Biochemtex

Commenti

Transcript

14/05/14 2 MBPresentazione Cluster SPRING – Intervento Biochemtex
Il contributo di Biochemtex al Cluster
Tecnologico Nazionale della
Chimica Verde
Guido Ghisolfi
Presidente Biochemtex
Gruppo Mossi Ghisolfi
Biochemtex
 Biochemtex e’ la societa’ di ingegneria e ricerca
del Gruppo Mossi Ghisolfi ed occupa quasi 300
persone tra ricerca ed ingegneria.
 Attività di ricerca in Italia e negli USA
 Biochemtex e’ specializzata nello sviluppo di
tecnologie innovative nei settori: biofuels,
renewable chemicals, energy, environmental.
 Biochemtex e’ il “prime engineering contractor” per
l’impianto da 40000 tonn/y realizzato sulla base
della tecnologia PROESA®.
Sharon Center, Ohio
2
Il contesto: l’Europa di fronte a 3 sfide
Cambiamenti climatici e riscaldamento globale
Sicurezza degli approvvigionamenti energetici
Occupazione
3
La Biobased Economy: evoluta e sostenibile
Un’economia basata su
prodotti ottenuti da
biomasse, residui e
scarti
Il potenziale della Bio-based economy
Crescita
• Un mercato globale da €200 miliardi al
2020*
• In grado di creare oltre 1 milione di posti
Occupazione
di lavoro tra il 2010 ed il 2030 soprattutto
nelle aree rurali**
• In grado di ridurre la dipendenza dalle
Energia e
Prodotti
Energy
security
importazioni
energetiche
e
non,
sostituendole con
materie prime e
prodotti locali***
• I prodotti “bio-based” possono contribuire
Clima
Sources:
* McKinsey / World Economic Forum
** Bloomberg New Energy Finance
*** European Commission
**** BRIDGE 2020 Strategic Innovation and Research Agenda (SIRA)
significativamente alla riduzione delle
emissioni di gas clima-alteranti di almeno
il 50% rispetto a quelli ottenuti da fonti
fossili****
5
Il futuro dei biocarburanti in Europa
La Direttiva RED e’ in fase di revisione a seguito della cosiddetta
«proposta iLUC» avanzata dalla Commissione UE
Qualunque sia la decisione finale, risulta evidente che i biocarburanti del
futuro debbano essere caratterizzati da:
• Nessun conflitto col cibo
• Sostenibilita’ ambientale (elevate
riduzioni di emissioni di GHG,
minimo impatto diretto o indiretto
nell’uso del suolo, uso efficiente del
suolo, ecc)
• Competitivita’ coi carburanti fossili
• Alta tecnologia
6
La risposta di Biochemtex alla sfida
Europea: la tecnologia PROESA®
Agronomy
best energy crops,
based on field
experiments
Biomass
Biomass
pre-treatment and
viscosity reduction:
continuous process
Enzymes
Feed
Handling
Pre-Treatment
and Viscosity
Reduction
Steam
Water
Hydrolysis and
fermentation:
unique hybrid SSCF
process yielding high
ethanol concentrations
CO2
Hydrolysis +
Fermentation
Aggregation:
fully integrated
process design
Water
Recovery
Boiler +
Generator
Ethanol
Steam
Power
7
La nostra materia prima:
le biomasse lignocellulosiche
Residui agricoli
 Largamente disponibili nei prossimi anni (anche in
Europa)
 Nessun rischio di iLUC
 Creano possibilita’ di reddito integrativo per il
mondo agricolo
bioetanolo lignocellulosico
biomasse per energia elettrica
allevamenti
residui agricoli sul campo
A livello globale: 4,6 Miliardi di
tonn/a di Residui cellulosici
disponibili (di cui oltre 150 milioni
tonn/a in EU)
75,000%
17,500%
5,000%
2,500%
Source BNEF @ 2030-Tonn dry biomass
280 Milion tonn etanolo/y
(3 volte il consumo mondiale)
8
Le biomasse lignocellulosiche da colture
dedicate: sostenibili, utili e profittevoli
Colture dedicate non alimentari (arundo donax, miscanto, ecc):
 Non competono col cibo
 Garantiscono elevate rese per ettaro in biomassa e quindi in etanolo
(fino a 10 tonn etanolo cellulosico/ha vs max 3 tonn etanolo 1G/ha)
 Consentono un uso efficiente del suolo
 Crescono bene anche su terreni marginali o anche parzialmente inquinati
 Minime esigenze idriche e di fertilizzanti
Aree potenziali per Arundo donax
9
Il Progetto Crescentino
• Con lo stabilimento di Crescentino, il Gruppo Mossi Ghisolfi
dimostra -per la prima volta al mondo- la possibilita’ di
produrre bioetanolo lignocellulosico su scala industriale
grazie alla Tecnologia proprietaria PROESA®
• Feedstock: paglia e canna comune
• Capacita’ dell’impianto: 40mila tonn/anno bioetanolo
10
Dallo scouting tecnologico al primo
stabilimento di etanolo cellulosico…
Q1-2013
Crescentino Plant
2011-2012
Crescentino Plant
2009-2010
2006-2008
Pilot plant
construction & start
up (June 2009)
Scouting of
Technologies
Pilot Plant operation
and data gathering
Generation
of key inventions
Test of Plant
flexibility using
multiple biomasses
Proof of UNIT
OPERATION
in the labs
Start-up
Official opening
October 9, 2013
Collaboration
Agreements with
leading synthetic
biology companies
License Agreements
Formation of
Beta Renewables
11
Crescentino «in 1 pagina»
180.000
50.000.000
12
Non solo Advanced Biofuels con PROESA®
La Tecnologia PROESA® base della nuova Chimica verde-biobased
13
La Bioraffineria avanzata con PROESA®: il contributo
di Biochemtex allo sviluppo della Chimica Verde
MO’s
Fermentation
/Separation
YEAST
Isobutanol
N-butanol
Fatty Alcohols
1,4 BDO
…
C5,6 Sugars
BIOMASS
PROESA
Technology
Fermentation
Ethanol
Separation
Lignin
Hydrogen
MOGHI
Technology
BTX
C5 Sugars
GREG
Polyols
Technology
Hydrogen
Catalyst
33
Il Progetto LIDIA: uno dei progetti
cardine del Cluster SPRING
Sviluppo di tecnologie di seconda generazione per la conversione
di derivati organici in acidi dicarbossilici green, come bulding blocks di
origine rinnovabile per la sintesi di chemicals e polimeri
(Parte integrante del Cluster Tecnologico Nazionale della Chimica Verde)
- Coordinatore : Biochemtex S.p.A. –
Budget: €10,448,080,00
Durata : 36 mesi
PROGETTO DI RICERCA:
Obiettivo: Dimostrare la sostenibilità
tecnico-ambientale della produzione di
biomolecole da zuccheri a 5 e 6 atomi
di carbonio (conversione di cellulosa
ed emicellulosa contenute in biomasse
dedicate, residui, Forsu) e da lignina
come co-prodotto della conversione di
biomasse
lignocellulosiche
a
bioetanolo
PROGETTO DI FORMAZIONE:
Gestione e progettazione di
processi
e
impianti
chimici
ecosostenibili». Obiettivi: formazione
di Tecnici di Ricerca e Ricercatori
«Master in
specializzati nel campo della Chimica
Verde – Coordinatore: Politecnico di
Torino -
Partner:
Università degli
Studi di Bari
Aldo Moro
15
Conclusioni
L’Europa si traguarda verso una Economia Verde che faccia
uso di fonti rinnovabili e sostenibili
I biocarburanti avanzati sono l’unica soluzione realmente
sostenibile per la decarbonizzazione del settore dei trasporti
L’Italia, con la tecnologia PROESA®messa a punto da
Biochemtex, rappresenta un’eccellenza mondiale per lo
sviluppo della moderna bioraffineria in grado di produrre
biocarburanti avanzati e prodotti della Chimica Verde a
partire da biomasse residuali non in competizione con il cibo.
Con il progetto LIDIA, Biochemtex ed i suoi partner
intendono dare un concreto contributo al raggiungimento
degli obiettivi del Cluster SPRING, ponendo le basi per lo
sviluppo di tecnologie innovative in grado di rilanciare il ruolo
della Chimica in Italia e nel mondo
16
Grazie !
17

Documenti analoghi

Crescentino Green Revolution

Crescentino Green Revolution la Green Revolution è qui Lo stabilimento di Crescentino, in provincia di Vercelli, è il primo al mondo progettato e realizzato per produrre bioetanolo da residui agricoli o da piante non ad uso al...

Dettagli

Untitled - Biochemtex

Untitled - Biochemtex Alla fine del 2012, Novozymes – leader mondiale nel settore degli enzimi – è entrata a far parte della compagine azionaria di Beta Renewables con l’acquisizione del 10% delle quote, pari a 90 milio...

Dettagli

Beta Fact Sheet ITA

Beta Fact Sheet ITA L’azienda ha più di 60 anni di esperienza nello sviluppo di processo ed innovazione industriale, commercializzati con successo in centinaia di impianti in tutto il mondo. Beta Renewables ha investi...

Dettagli