scarica il catalogo - Babel Film Festival

Commenti

Transcript

scarica il catalogo - Babel Film Festival
Est promòvidu dae | È promosso da | Is promoted by
Centro Servizi Culturali di Cagliari, Società Umanitaria – Cineteca Sarda (Cagliari | Casteddu )
paris a | con | with
Assòtziu Babel (Cagliari | Casteddu) Areavisuale (Cagliari | Casteddu) Terra de Punt (Cagliari | Casteddu)
est finantziadu dae | è finanziato da | is funded by
Regione Autonoma
della Sardegna
Comune di Cagliari | Comune de Casteddu
Società Umanitaria, Milano
Fondazione
Banco di Sardegna
Comune di Oristano | Comune de Aristanis
Cun su patrotzìniu de | Con il patrocinio di | With the endorsement of
Senato della Repubblica
Ministero per gli Affari Europei
Presidenza
del Consiglio dei Ministri
Parlamento Europeo
Organizatzione | Organizzazione | Organization
Società Umanitaria - Cineteca sarda, Centro Servizi Culturali di Cagliari (Cagliari | Casteddu)
Assòtziu Babel (Cagliari | Casteddu), Terra de Punt (Decimomannu | Deximu), Areavisuale (Cagliari | Casteddu)
Progetu e diretzione artìstica | Progetto e direzione artistica | Project and art direction
Antonello Zanda, Tore Cubeddu, Paolo Carboni
Staff organizatzione | Staff organizzazione | Staff organization
Luca Portas, Natalino Virdis, Giulia Mazzarelli, Mariangela Caddori, Anna Vacca,
Luigi Cabras, Martina Mulas, Daniela Stara, Gaetano Crivaro, Efisio Deplano, Andrea Serra,
Giorgio Mazza, Valentina Bifulco, Antonella Maria Maddalena Licheri, Joseph Pintus,
Alessandro Doneddu, Matteo Palmas, Davide Salotto, Roberta Spada, Monica Galloni.
In collaboratzione cun | In collaborazione con | In collaboration with
Università di Cagliari,
Dipartimento di Storia,
Beni culturali e Territorio
Scuola Holden
FICC Federazione Italiana
Circoli del Cinema
Spazio Cinema Odissea
Cineworld
Partner
Cinématèque de Corse-Casa di lume, Porto-Vecchio (Francia); FICC, Federazione Italiana Circoli del Cinema; Fedic,
Cineclub Cagliari; Fedic, Cineclub Sassari; Moviementu (Oristano | Aristanis); Film Commission Sardegna;
Scuola Holden, Torino; CEC, Centro Espressioni Cinematografiche (Udine | Udin); SLORI (Gorizia | Gorica);
ARLeF, Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane (Udine | Udin); Societât Filologjiche Furlane (Udine | Udin);
Suns, Festival della canzone in lingua minoritaria (Udine | Udin); Slori (Gorizia); Associazione Sucar Drom, (Mantova);
Centro Europeo per il plurilinguismo (Milano); Arbitalia - Associazione Culturale degli albanesi d’Italia (Shën Mitri Koronë);
Chambra d’oc, Roccabruna; ENS, Ente nazionale per la protezione dei sordi (sezione di Cagliari | setzione de Casteddu);
Istituto di Cultura Ladino (Poza); Istituto di Cultura Sintia (Mantova); Associazione Don Chisciotte (Cagliari | Casteddu);
Associazione Chourmo - Marina Cafè Noir (Cagliari | Casteddu); Consorzio Camù (Cagliari | Casteddu);
Grafema (Cagliari | Casteddu); L’altra cultura soc. coop. (Oristano | Aristanis); UIKI Onlus, Ufficio di informazione del
Kurdistan in Italia; Asce, Comitato di solidarietà con il popolo del Kurdistan; Cada Die Teatro (Cagliari | Casteddu).
Media partner
Radio onde furlane
(Udin)
Cinemecum - Associazione
Cagliari in corto
(Cagliari | Casteddu)
Eja TV
(Cagliari | Casteddu)
Radio X
(Cagliari | Casteddu)
Il Babel Film Festival è convenzionato con
Largo Carlo Felice, 26 - 09124 Cagliari
Tel. +39 070 659783 - Fax +39 070 6401360 - Cell. +39 338 1613081
www.sardiniadomus.it - [email protected]
Grafema
(Cagliari | Casteddu)
Giuria ufitziale | Giuria ufficiale | Official Jury
Roberta Torre, Steve Della Casa, Onno Falkena, Alvaro Petricig, Alessandro Fiorina.
Giuria de su prèmiu Deretu de faeddare | Giuria del premio Diritto di parola | Jury for the Freedom of Speech Award
Francesca Bertolini, Anna Geri, Basilio Gioi, Marvin Lee, Marta Lovicu, Elisa Ludovico, Matteo Mameli,
Davide Mamusa, Alberto Matta, Alessandro Maxia, Ludovica Medda, Edoardo Mura, Giulia Murgia,
Matteo Palmas, Silvia Pasquini, Sara Puddu, Valerio Rizzo, Maria Giuseppina Salone,
Davide Salotto, Nicolò Sanna, Letizia Scano, Niccolò Sirigu, Francesco Sotgiu, Roberta Spada,
Andrea Spiga, Francesca Vacca, Andrea Vincis Pisano, Carlo Zaccarini, Sara Zonza.
Giuria de su prèmiu Unica | Giuria del premio Unica | Jury for the Unica Award
Alessandro Congiu, Valentina Corona, Efisio Deplano, Eleonora Fava, Fabio Fois,
Stefano Locci, Marco Oppo, Michele Orani, Valentina Pinna, Matteo Renzi, Valeria Usala.
Giuria de su prèmiu Holden | Giuria del premio Holden | Jury for the Holden Award:
Marco Ponti.
Ant collaboradu pro su prèmiu “Deretu de faeddare” sas iscolas e sos istitùtos de Casteddu |
Hanno collaborato per il premio “Diritto di Parola” le scuole e istituti di Cagliari |
Schools and institutions of Cagliari that collaborated to the “Right of Speech” award
Istituto Tecnico Commerciale “Pietro Martini”, Istituto Tecnico Commerciale “Leonardo da Vinci”,
Liceo Scientifico “L. B. Alberti”, Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II”,
Liceo Classico e delle Scienze Sociali “R. B. Motzo”, Liceo Linguistico e delle Scienze Umane “F. De Sanctis”,
Liceo Classico e Scientifico “Euclide”, Liceo Scientifico Statale “Michelangelo”, Liceo Ginnasio Statale “G. M. Dettori”,
Liceo Ginnasio Statale “Giovanni Siotto Pintor”, Liceo Scientifico “Pacinotti”,
Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’artigianato “Antonio Meucci”,
Istituto Tecnico Industriale “Scano” (Monserrato).
Ant collaboradu pro su prèmiu “FICC” sos Tzìrculos de su Tzìnema |
Hanno collaborato per il premio “FICC” i Circoli del Cinema |
Cineclubs that collaborated to the “FICC” award:
Centro Regionale sardo Federazione Italiana Circoli del Cinema;
Circolo del Cinema di Carbonia “La Miniera”, Carbonia (Ca); Circolo del Cinema [email protected], Cagliari;
Circolo Charlie Chaplin, Cagliari; Circolo Alice Guy, Cagliari; Centro Iniziative Cinematografiche, Iglesias;
Circolo Lo Specchio Magico, Macomer (NU); Circolo S’Andala, Meana Sardo (NU); Cineclub Oristanese, Oristano;
Cineclub di Quartu, Quartu S. Elena (CA); Circolo Fratelli Lumiere, Soleminis (CA);
Circolo Nuovo Pubblico, Monserrato (CA); Circolo Il Mulino, Sanluri (CA); Circolo Ciak si gira, Segariu (CA);
Circolo Laboratorio 28, Cagliari; Notorius Circolo Cinematografico Universitario, Cagliari; Circolo ARCinema, Cagliari;
Circolo Bagdad Café, S. Nicolò Gerrei (Ca); Circolo del Cinema Immagini, S. Antioco (Ca);
Circolo del Cinema Pistolas, ispadas e..., Seneghe (Or); Circolo del cinema Amélie, Villaspeciosa (CA);
Associazione Culturale Tina Modotti, Cagliari; Circolo Fentanas, Dolianova (CA);
Circolo del Cinema Fabio Masala, Quartu San Elena (Ca); Circolo del Cinema Ogliastra, Santa Maria Navarrese,
frazione di Baunei (Og); Cine Club Rizoma, Terralba (Or); Associazione Culturale Kindà, San Teodoro (Ot);
Circolo Il Crogiuolo, Cagliari; Associazione La Macchina Cinema, Elmas (Ca); Circolo Antonio Gramsci Cagliari, Cagliari;
Associazione Lampalughis, San Vero Milis (Or); Associazione culturale Film ’e Ferru, Cagliari;
Circolo Cinematografico Kinemakìne, Bitti (Nu); Circolo del Cinema Liberazione, Cagliari;
Circolo Amici del Cinema, Villacidro (Md); Associazione Consulta Giovanile Marrubiu, Marrubiu (Or);
Circolo Francesco Sardu, Monserrato (Ca); Centro Culturale Man Ray Sezione Cinema, Cagliari;
Circolo Quadrato, Quotidiane Resistenze, Siliqua (Ca); Associazione Cinefieraforum, Mogoro (Or);
Circolo di cultura cinematografica Fitzcarraldo, Ales (Or).
Gràtzias a | Grazie a | Thanks to
Artistas | Artisti | Artists
Marco Antonio Pani, Elio Turno Arthemalle, Rossella Faa, Simeone Latini, Arrogalla, Dr Drer e CRC Posse,
Claudia Crabuzza, Claudio Gabriel Sanna Trio, Malasorti, Beppe Dettori, Lino Straulino, Daniele Atzeni, Fabio Frau,
Rocco Castrocielo, Giacomo Casti, Ivo Murgia, Giancarlo Biffi, Nunzio Caponio, Arrogalla.
Collaboradores | Collaboratori | Collaborators
Alexandra Goddi (CuginiGemelli), Amedeo Costantino (Grafema), Marco Stolfo, Alberto Cicotto, Micheli Ladu,
Cesira Vernaleone, Sergio Naitza, Matteo Pau, Alessio Mura, Stefania Medda, Patrizia Medda, Sandro Murtas,
Francesca Spissu, Antonella Corona, Guido De Monticelli, Paola Masala, Basilio Scalas, Michela Murgia,
Antonello Pabis (ASCE), Ozlem Tanrikulu (UIKI Onlus), Antonello Garau, Marco Asunis (FICC nazionale),
Elisabetta Randaccio (FICC internazionale), Franco Montis, Carlo Dessì (Fedic, Cineclub Sassari),
Nando Scanu (Fedic, Cineclub Sassari), Pio Bruno (Fedic, Cineclub Cagliari).
Universidade | Università | Universities
Università di Cagliari: Antioco Floris, David Bruni, Francesco Atzeni,
Simonetta Salvestroni, Stefano Pisu, Antonietta Marra.
Iscolas | Scuole | Schools
Elisabetta Rombi, Peppino Loddo, Angela Testone, Aldo Cannas, Gianni Marilotti,
Maria Pia Brancadori, Alessandro Demuro, Chicco Spanu, Patrizia Tagliaferri, Roberto Bernardini,
Alberto Spano, Piero Porru, Caterina Origa, Sergio Puddu, Rosa Maria Manca, Vanni Mameli,
Pietro Cara, Ada Pinna, Giovanna Anna M. Sanna, Pierluigi Cossu, Letizia Fassò, Silvano Deplano,
Marina Martes, Pio Bruno, Daniela Diomedi, Enrico Pau, Giovanna Licheri, Piero Carta, Mariella Setzu.
Ambasciadas | Ambasciate | Embassies
Ambasciata della Nigeria (A. N. Afoekelu); Ambasciata d’Egitto;
Ambasciata della Repubblica Federale di Germania (Antonia Weber);
Ambasciata della Repubblica di Moldova (Liliana Verlan); Ambasciata di Svezia (Malena Hessel);
Ambasciata della Repubblica di Lettonia (Francesca Cocozza); Ambasciata di Danimarca (Agnethe Grazia Calledda);
Ambasciata del Uruguay (Maria Marcela Dos Santos); Ambasciata della Repubblica di Croazia;
Ambasciata del Pakistan; Ambasciata della Svizzera; Ambasciata della Repubblica delle Filippine.
Istituzioni e Produzioni
Kimuak, Circuito para la Exhibición de los Cortometrajes Producidos en la Comunidad Autónoma Vasca,
Department of Film & Television, National College of Arts, Cabinet Division, Government of Pakistan (Majid Saeed Khan);
German Films Italia (Ingrid Marcolin); Film Center Serbia (Andjelija Andric);
Forum Austriaco di Cultura a Roma (Hermine Aigner); Swiss Film; Bastimento Film Festival.
Gràfica e immàgine | Grafica e immagine | Graphics and image
Alexandra Goddi - Comunicazione CuginiGemelli.
Tradutziones | Traduzioni | Translations
English: Massimo Spiga - Spagnolo: Stefano Locci.
Sardu: Isportello Linguìsticu Regionale, Antonella Licheri, Micheli Ladu, Tore Cubeddu.
Ufìtziu istampa | Ufficio stampa | Press agency:
Antonello Zanda, Massimiliano Messina.
Impaginatzione catàlogu | Impaginazione catalogo e webmaster | Catalog page layout
Natalino Virdis.
Editing
Tore Cubeddu, Antonello Zanda.
Coordinamentu tècnicu | Coordinamento tecnico | Technical coordination
Areavisuale, Paolo Carboni.
Editing e authoring file multimediales | Editing e authoring file multimediali | Multimedia Editing and Authoring
Luca Portas, Luigi Cabras.
Video & Editing
Andrea Iannelli.
Ripresas video | Riprese video | Video
Andrea Cannas.
Streaming
Eja TV.
Fotografu |Fotografo | Photographer
Roberto Pili.
Chircas biblogràficas e informativas | Ricerche bibliografiche e informative | Bibliographic and informative research
Giorgio Mazza.
Amministratzione | Amministrazione | Administration
Mari Caddori, Anna Vacca.
Location
Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Casteddu | Cagliari
Spazio Odissea, Viale Trieste 84, Casteddu | Cagliari
Minimax, via De Magistris 12, Casteddu | Cagliari
Multisala Cineworld, Viale Monastir 128, Casteddu | Cagliari
Ghetto degli Ebrei, via Santa Croce 18, Casteddu | Cagliari
Vetreria di Pirri, via Italia 63, - Casteddu Pirri | Cagliari Pirri
BABEL FILM FESTIVAL
c/o Società Umanitaria – Cineteca Sarda,
viale Trieste 118 - 09123 Cagliari,
telefono: 070.278630 - 070.280367
mobile: 393.2409546 – 329.8385125
www.lacinetecasarda.it
www.babelfilmfestival.com
facebook / babelfilmfestival cagliari
[email protected]filmfestical.com
[email protected]filmfestival.com
FESTIVAL
PROGRAMMA
programma
29 SANTANDRIA | 29 NOVEMBRE | 29TH NOVEMBER
18.00
Hospitalis Sancti Antoni– via Cagliari, Aristanis | Oristano
Anteprima de su Festival | Anteprima del Festival
Proietziones | Proiezioni
SU MOLENTI DE ORAMALA, Simone Contu
(Italia, 2012, o.l: sardu, subt. ita, 61’04’’)
MARGERITA, Alessandro Grande
(Italia, 2013, o.l. italiano / romanì, subt. ita, 15’25’’)
HAMAIKETAKOA, Telmo Esnal
(España, 2012, o.l. euskera, subt. ing, 4’00’’)
sighit su dibàtitu | a seguire il dibattito
Lungometraggio
pag. 26
Cortometraggio
pag. 35
Cortometraggio
pag. 49
SU TZÌNEMA E SAS LIMBAS DE MINORIA | IL CINEMA E LE LINGUE MINORITARIE
interbenint | intervengono:
Guido Tendas, Sìndigu de Aristanis | Sindaco di Oristano
Simone Contu, regista
Tore Cubeddu, Associazione Babel
Paris a su Comune de Aristanis | In collaborazione con Comune di Oristano
2 DE NADALE | 2 DICEMBRE | 2ND DECEMBER
20.00
Minimax, via De Magistris 12, Casteddu | Cagliari
Presentada | Presentazione [tradutzione L.I.S.]
BABEL FILM FESTIVAL
paris a | con
Sergio Milia, Assessore a sa Cultura Regione Autònoma de Sardigna | Assessore alla Cultura della RAS
Antonello Cabras, Presidente Fondazione Banco di Sardegna
Massimo Zedda, Sìndigu de Casteddu | Sindaco di Cagliari
Antonello Zanda, Società Umanitaria - Cineteca Sarda di Cagliari
Tore Cubeddu, Associazione Babel | Terra de Punt
Paolo Carboni, Areavisuale
Incontro con il regista Hans Jürgen Syberberg
Introdutzione de | Introduzione di
Sergio Naitza
sighit sa proietzione | a seguire la proiezione
Evento speciale
SCARABEA, Hans Jürgen Syberberg
(Italia / Deutschland, 1968, o.l. sardu / deutsch / italiano, subt. ita, 114’, b/n)
Paris a | In collaborazione con Teatro Stabile della Sardegna
21.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126
Proietziones | Proiezioni
CHAJKA, Miguel Angel Jiménez
(España, 2012, o.l. georgian, subt. ing, 104’)
8
pag. 97
Fuori concorso
pag. 73
09.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126
Proietziones | Proiezioni
EVO’ CE ESU’, Christian Manno | Pantaleo Rielli
(Italia, 2013, o.l. griko / italiano / salentino, subt. ita, 42’43’’)
BARSAQ, Daniele Piras | Joshua Evangelista
(España, 2012, o.l wolof / español, subt. ita, 52’52’’)
URTEBERRI ON, AMONA, Telmo Esnal
(España, 2011, o.l. euskera, subt. ing, 102’55’’)
13.30
Pràngiu | Pausa Pranzo
15.00
Proietziones | Proiezioni
BEERBUG, Ander Mendia
(España, 2012, senza dialoghi, 7’58’’)
MARGERITA, Alessandro Grande
(Italia, 2013, o.l. italiano / romanì, subt. ita, 15’25’’)
IL POSTO DI DARIO, Francesco Corgiolu
(Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 16’36’’)
17 MAGGIO 1943, LO SILENCI TRONCAT, Gianfranco Fois
(Italia, 2012, o.l. algueres / italiano, subt. ita, 32’29’’)
S’INCONTRU, Emanuela Angela Bertocchi
(Italia, 2013, o.l. sardu / italiano, subt. ita, 22’17’’)
STORIE ARBERESHE, Mario Balsamo
(Italia, 2006, o.l. arbërëshe / italiano, subt ita, 54’11’’)
LA SCATOLA DELLA STIRPE, Alessandro Spiliotopulos
(Italia, 2013, o.l. grecanico, subt. ita, 16’53’’)
LA BARMA, Fredo Valla
(Italia, 2012/2013, o.l. occitan / piemontese, subt. ita, 41’04’’)
20.00
Chena | Pausa Cena
20.30
Ghetto degli Ebrei, via Santa Croce 18, - Casteddu | Cagliari
Cuntzertu paris a | Concerto con
Documentario
pag. 53
Documentario
pag. 54
Lungometraggio
pag. 23
Fuori concorso
pag. 74
Cortometraggio
pag. 35
Cortometraggio
pag. 36
Documentario
pag. 55
Cortometraggio
pag. 37
Documentario
pag. 56
Cortometraggio
pag. 38
Documentario
pag. 57
Evento speciale
Dr. Drer e CRC Posse, Claudia Crabuzza & Claudio Gabriel Sanna Trio,
Malasorti, Beppe Dettori, Lino Straulino
Presentat | Presenta
Alessio Mura
Interbenit | Interviene
Onno Falkena, fundadore | fondatore del Liet Festival
Paris a | In collaborazione con
Camù, Ass. Don Chisciotte; ARLEF; Radio Onde Furlane; Suns; Radio X
programma
3 DE NADALE | 3 DICEMBRE | 3RD DECEMBER
pag. 98
9
programma
4 DE NADALE | 4 DICEMBRE | 4TH DECEMBER
09.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126, Casteddu | Cagliari
Proietziones | Proiezioni
ARRAIANOS, Eloy Enciso Cachafeiro
(España, 2012, o.l. gallego / portogues, subt. ing, 65’41’’)
LA SUISSE D’EMILIO, Joseph Peaquin
(Italia, 2012, o.l. franco provenzale, subt. ita, 26’57’’)
CENIZAS ETERNAS, Margarita Cadenas
(Venezuela, 2011, o.l. español / yanomami, subt. ing, 113’41’’)
13.30
Pràngiu | Pausa Pranzo
15.00
Proietziones | Proiezioni
ROTER SCHNEE, Luca Popadić
(Schweiz, 2013, o.l deutsch / srpski, subt. ita, 22’47’’)
L’ESECUZIONE, Enrico Iannacone
(Italia, 2012, o.l. napoletano, subt. ita, 15’07’’)
LO CONTE DE ULISSE, Giovanni Fiori
(Italia, 2013, o.l. algueres, subt. ita, 34’ 08’’)
KONG PEH TSHAT OR, Shang-Sing Guo
(Taiwan / China, 2012, o.l. hokkien / hanyu, subt. ing, 29’57’’)
SU MOLENTI DE ORAMALA, Simone Contu
(Italia, 2012, o.l: sardu, subt. ita, 61’04’’)
TENERIFFA, Hannes Baumgartner
(Schweiz, 2012, o.l. schwizertütsch / deutsch, subt. ing, 20’49’’)
LA VOCE DEL CORPO, Luca Vullo
(Italia, 2012, o.l. siciliano / italiano, subt. ita, 30’02’’)
ENSAJOS DE ACTORES, Jesus Monroy
(España, 2011, o.l. español, subt. ing, 07’45’’)
19.15
pag. 24
Fuori concorso
pag. 75
Lungometraggio
pag. 25
Fuori concorso
pag. 76
Cortometraggio
pag. 39
Documentario
pag. 58
Cortometraggio
pag. 40
Lungometraggio
pag. 26
Cortometraggio
pag. 41
Fuori concorso
pag. 77
Fuori concorso
pag. 78
Evento speciale
pag. 103
Documentario
pag. 59
Documentario
pag. 60
Lungometraggio
pag. 27
Fuori concorso
pag. 79
Atòbiu cun proietzione | Incontro e proiezione [tradutzione L.I.S.]
Presentatzione de su dvd | Presentazione del DVD
I MORTI DI ALOS (Daniele Atzeni, o.l. sardu, subt. ita, 32’03’’)
Atòbiu cun s’autore| Incontro con l’Autore
Presentat | Presenta
Tore Cubeddu
20.00
Chena | Pausa Cena
21.00
Proietziones | Proiezioni
LIBHAKETI, Ico Costa
(Portugal, 2012, o.l. portogues / bitonga, subt. ing, 18’22’’)
JNK OLTRI LA ULTIME FRONTIERE, Marco D’Agostini
(Italia, 2013, o.l. furlan, subt. ita, 51’20’’)
SILVESTRE PANTALÉON, Roberto Olivares Ruiz
(Mexico, 2010, o.l. nahuatl, subt. ing, 65’)
INDIGENOUS SURINAME, Jerry Hartman
(USA, 2008, o.l. sranan tongo / arawak, subt. ing, 24’24’’)
10
Lungometraggio
09.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126, Casteddu | Cagliari
Proietziones | Proiezioni
VISINS DI CJASE, Marco Londero | Giulio Venier
(Italia, 2012, o.l. furlan, subt. ita, 82’58’’)
CIAVELARS E PELASSIERS, Fredo Valla / Nereo Zeper
(Italia, 2012, o.l. occitan / furlan, subt. ita, 30’11’’)
I’M NOT FAMOUS BUT I’M AROMANIAN, Enache Toma
(România, 2013, o.l. armãneshce, subt. ing, 110’33’’)
13.30
Pràngiu | Pausa Pranzo
15.00
Proietziones | Proiezioni
Fuori concorso
pag. 80
Documentario
pag. 61
Lungometraggio
pag. 28
MAKHMUR, Marta Corradi
Documentario
(Italia, 2013, o.l. kurdî, subt. ing, 18’11’’)
Cortometraggio
4 BHANRIONS, Vittoria Colonna
(Ireland, 2012, o.l. gaelige, subt. ing, 15’00’’)
Documentario
THE SILENT REVOLUTION, David Meseguer Maña
(Kurdistan, 2013, o.l. kurdî / àrabiyyah, subt. ing, 49’50’’)
ETA ORAIN ZER EGINGO, Josè Cruz Gurruchaga
Cortometraggio
(España, 2013, o.l. euskera, subt. ing, 7’34’’)
MÒGURU, Andrea Cannas
Documentario
(Italia, 2012, o.l. sardu, subt. ita, 41’53’’)
DU & ICH, Isik Esen
Cortometraggio
(Schweiz, 2011, o.l. schwizertütsch / türkçe / deutsch, subt. ing, 21’38’’)
CAHIERS, Alessandro Stevanon
Fuori concorso
(Italia, 2011, o.l. italiano / français / franco-provenzano / titsch, subt. ita, 52’31’’)
programma
5 DE NADALE | 5 DICEMBRE | 5TH DECEMBER
pag. 62
pag. 42
pag. 63
pag. 43
pag. 64
pag. 44
pag. 81
20.00 - Chena | Pausa Cena
21.30
Ex Vetreria di Pirri, via Italia 63, Casteddu | Cagliari
Reading teatrale
Evento speciale
CINEMA DESSÉ – SOS SARDOS, SOS FILM E ATERAS ISTORIAS DE FANTASIA
CINEMA DESSÉ - I SARDI, I FILM E ALTRE STORIE DI FANTASIA
Paris a | Con
Giacomo Casti, Ivo Murgia, Giancarlo Biffi, Nunzio Caponio
Musiche
Arrogalla
Paris a | In collaborazione con
Ass. Chourmo, Marina Cafè Noir, Cada Die Teatro
pag. 104
11
programma
6 DE NADALE | 6 DICEMBRE | 6TH DECEMBER
09.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126, Casteddu | Cagliari
Proietziones | Proiezioni
BISCES CHIR FAMEI, Paolo Vinati
(Italia, 2012, o.l. ladino, subt. ita, 25’23’’)
SARDONIC SMILE, Tilo Koch
(Deutschland, 2012, o.l. deutsch, subt. ing, 83’08’’)
THE SILENT CHAOS, Antonio Spanò
(France, 2012, o.l. segni / kinande / swahili / français, subt. ita, 44’46’’)
SON BOJOS, AQUESTS CATALANS!?, David Valls
(España, 2013, o.l. català, subt. ing, 70’02’’)
13.30
Pràngiu | Pausa Pranzo
15.00
Proietziones | Proiezioni
GERNIKA, Angel Maria Sandimas
(España, 2012, o.l. euskera, subt. ing, 11’30’’)
ORA CAMMINA CON ME, Stefano Tagliaferri
(Italia, 2012, o.l. pagnonese, subt. ita, 45’16’’)
COSES RARES QUE PASSABEN ABANS, Francina Verdes
(España, 2012, o.l. castellano / català, subt. ing, 27’38’’)
CALLE ULTIMA, Marcelo Martinessi
(Paraguay, 2011, o.l. joparà, subt. ing, 18’57’’)
TRANSUMANZA, Salvatore Mereu
(Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 5’00’’)
AMMENTOS MUNTAGNINOS, Giovanni Carroni
(Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 29’41’’)
DEUS ET MACHINA, Koldo Almandoz
(España, 2012, o.l. euskera, subt. ita, 8’46’’)
HAMAIKETAKOA, Telmo Esnal
(España, 2012, o.l. euskera, subt. ing, 4’00’’)
I DADI CANTASTORIE, Monica Dovarch / Fabio Dentella
(Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 10’27’’)
L’ANIMALI, Paul Filippi
(France, 2012, o.l. corsu, subt. ing, 50’00’’)
20.00
Chena | Pausa Cena
21.00
Atòbiu cun proietzione | Incontro e proiezione [traduzione L.I.S.]
LINGUE VIVE - INCONTRO CON IL CINEMA CORSO”
Interbenint | Intervengono
Yolaine Lacolonge, Cinèmathéque de Corse; Michel Houdayer, Regista;
Santa Simonpietri, Regista; Julie Perreard, Regista
Coordinat | Coordina
Marco Stolfo
LINGUA VIVA, Santa Simonpietri | Michel Houdayer
(France, 2013, o.l. corsu, subt. ita, 52’)
TUTT’IN CASA CUMUNA, Michel D’Onofrio
(France, 2013, o.l. corsu, subt. ita, 17’25’’)
DOPU A I MUNTANERI, Julie Perreard
(France, 2013, o.l. corsu, subt. fr. 5’51’’)
MARCUMARIA, Julie Perreard
(France, 2013, o.l. corsu1 / francais, subt. fr, 22’)
Paris a | In collaborazione con
Cinèmathéque de Corse
12
Documentario
pag. 65
Fuori concorso
pag. 82
Documentario
pag. 66
Lungometraggio
pag. 29
Fuori concorso
pag. 83
Cortometraggio
pag. 45
Documentario
pag. 67
Cortometraggio
pag. 46
Cortometraggio
pag. 47
Documentario
pag. 68
Cortometraggio
pag. 48
Cortometraggio
pag. 49
Cortometraggio
pag. 50
Documentario
pag. 69
Cinema Corso
pag. 91
Cinema Corso
pag. 92
Cinema Corso
pag. 93
Cinema Corso
pag. 94
09.30
Cineteca Sarda, Viale Trieste 126, Casteddu | Cagliari
Proietziones | Proiezioni
TROGAR, Adam Felix
(Slovensko, 2013, o.l. slovenčina, subt. ing, 20’24’’)
DE DRAI JORZAITN, Angela Trentini / Marco Girardi
(Italia, 2012, o.l. mocheno, subt. ita, 53’37’’)
MOMO, Teodor Kuhn
(Slovensko, 2012, o.l. slovenčina, subt. ing, 30’00’’)
TIBI UND SEINE MÜTTER, Ueli Meier
(Schweiz, 2012, o.l. schwizertütsch / bodskad, subt. ing, 71’13’’)
ZAVORRA, Vincenzo Mineo
(Italia, 2012, o.l. siciliano, subt. ita, 49’23’’)
10.00
Fuori concorso
pag. 84
Lungometraggio
pag. 30
Fuori concorso
pag. 85
Lungometraggio
pag. 31
Fuori concorso
pag. 86
programma
7 DE NADALE | 7 DICEMBRE | 7TH DECEMBER
Cinema Odissea, viale Trieste, 84 - Casteddu | Cagliari
Atòbiu | Incontro [traduzione L.I.S.]
Evento speciale
pag. 106
CHIE FAGHET SU TZINEMA E CHIE DDU PROMOVET | CHI FA IL CINEMA E CHI LO PROMUOVE
Atòbiu intro de operadores e traballadores de su tzinema | Incontro tra operatori e lavoratori del cinema
Interbenint | Intervengono
Antioco Floris, Università di Cagliari
Marco Antonio Pani, Moviementu
Rocco Castrocielo, attore
Yolaine Lacolonge, Cinèmathéque de Corse
Roberta Torre, regista
Coordinat | Coordina
Antonello Zanda
Paris a | In collaborazione con
Spazio Odissea; Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio dell’Università di Cagliari;
Film Commission Sardegna; Moviementu
13.30
Pràngiu | Pausa Pranzo
15.00
Proietziones | Proiezioni
A CICATRIZ BRANCA, Margarita Ledo Andiòn
(España / Argentina, 2012, o.l. gallego, subt. ing, 92’00’’)
EGLIADAS, di Christian Schocher
(Schweiz, 2011, o.l. rumantsch, subt. ing, 52’09’’)
Fuori concorso
pag. 87
Fuori concorso
pag. 88
13
programma
7 DE NADALE | 7 DICEMBRE | 7TH DECEMBER
20.00
Multisala Cineworld, Viale Monastir
Premiatziones | Premiazioni [traduzione L.I.S.]
PREMIAZIONE DEI VINCITORI DEL BABEL FILM FESTIVAL
Presentant | Presentano
Elio Turno Arthemalle e Rossella Faa
sos prèmios | i premi
Prèmiu “Maestrale” mègius longumetràgiu | miglior lungometraggio
cunsignat | consegna
Roberta Torre, presidente de sa Giuria | presidente della Giuria
Prèmiu “Maestrale” mègius documentàriu | miglior documentario
cunsignat | consegna
Sergio Milia, Assessore a sa Cultura, Regione Autònoma de Sardigna
Assessore alla Cultura, Regione Autonoma della Sardegna
Prèmiu “Maestrale” mègius curtzumetràgiu | miglior cortometraggio
cunsignat | consegna
Antonello Cabras, presidente de sa Fondazione Banco di Sardegna
presidente della Fondazione Banco di Sardegna
Prèmiu “Maestrale” Tzitade de Casteddu | Città di Cagliari
cunsignat | consegna
Massimo Zedda, Sìndigu de Casteddu | Sindaco di Cagliari
Prèmiu FICC, prèmiu de su pùblicu | premio del pubblico
cunsignat | consegna
Alessandro Fiorina, FICC regionale
Prèmiu “Maestrale” Deretu de faeddare | Premio Diritto di parola
cunsignant | consegnano
Sos studentes de sa Giuria | Gli studenti della Giuria
Prèmiu “Maestrale” Unica – Università di Cagliari
cunsignant | consegnano
Sos studentes de sa Giuria Unica | Gli studenti della Giuria Unica
Prèmiu Holden, prèmiu pro su mègius autore sardu | premio al miglior autore sardo
cunsignat | consegna
Marco Ponti, Scuola Holden di Torino
14
INTRODUZIONE | FOREWORD | INTRODUTZIONE
Quando abbiamo aperto la seconda edizione del Babel Film Festival due anni fa
avevamo sottolineato che quel secondo
appuntamento non era scontato e che eravamo riusciti nell’obiettivo di non fermarci,
come capita spesso alle manifestazioni
culturali mosse dalle migliori intenzioni,
al primo passo. Oggi che con la terza
edizione promuoviamo anche la biennalità
del Festival, possiamo dire che gli sforzi
che abbiamo compiuto per consolidare un
evento che ha conquistato una sua riconoscibilità internazionale sono stati premiati.
In realtà, per la situazione di crisi globale
diffusa che sta incontrando in questi anni
la cultura, proprio la terza annualità del
nostro Festival era la meno scontata. Abbiamo superato enormi difficoltà mentre ci
arrivavano riconoscimenti importanti come
il patrocinio del Senato della Repubblica,
della Presidenza del Consiglio dei Ministri,
del Ministero per gli Affari Europei e l’Alto
Patrocinio del Parlamento europeo. Questo significa che il lavoro che abbiamo fatto
in questi anni non è passato inosservato
e che soprattutto il Parlamento europeo,
come recita la lettera firmata da Martin
Schulz, ci ricorda che la «diversità culturale e linguistica è uno dei principi fondamentali dell’Unione Europea, sanciti nella
Carta Europea per i Diritti Fondamentali, e
la loro tutela è di primaria importanza per il
Parlamento Europeo» e che con la «risoluzione dell’11 settembre 2013 sulle lingue
Europee in via di estinzione e la diversità
linguistica nell’Unione Europea, la nostra
istituzione sottolinea che le lingue dell’Europa meritano lo stesso valore e rispetto,
formano una parte integrale della propria
cultura e civiltà e contribuiscono all’arricchimento dell’umanità».
Two years ago, at the opening of the
2nd edition of the Babel Film Festival,
we pointed out that its 2nd edition was
not something to be taken for granted,
as we managed to achieve the goal of
not getting stuck after the first step, as
often is the case with cultural events
set up with the best intentions. Today,
with the 3rd edition (through which this
festival has managed to keep its promise
of being biennial), we can say that the
efforts we have made to strengthen this
event, which conquered an international
recognition, were rewarded. In fact,
due to the global crisis that the culture
sector has been facing in recent years,
the 3rd edition of our festival was the
less obvious one. We overcame enormous
difficulties while, at the same time, we
received important acknowledgments
such as the Patronage of Senate of the
Republic, the Patronage of the Presidency
of the Council of Ministers, the Patronage
of the Ministry for European Affairs and
the High Patronage of the European
Parliament. This means that the work
we have done in recent years has not
gone unnoticed, and that the European
Parliament in particular, as stated in
the letter signed by Martin Schulz,
reminds us that «cultural and linguistic
diversity is one of the fundamental
principles of the European Union, as
enshrined in the European Charter of
Fundamental Rights, and its preservation
is of outstanding importance for the
European Parliament» and that with
the «resolution of 11 September 2013
on endangered European languages
and linguistic diversity in the European
Union, our institution emphasizes that
Europe’s languages are equal in value and
Il Parlamento europeo riconosce quindi
worthiness, form an integral part of its
che il Babel Film Festival, che «ha l’obietcultures and civilizations, and contribute
tivo di creare un forum sulle lingue minoto the enrichment of humanity».
ritarie e creare un ponte tra le lingue e le
culture attraverso il cinema, è davvero una The European Parliament thus recognizes
iniziativa benvenuta». Proprio questa idea that the Babel Film Festival, which
di forum, cioè di momento di incontro delle aims «to provide a forum for linguistic
lingue minoritarie che si parlano attraver- minorities and to build bridges between
so il linguaggio universale del cinema, è languages and cultures through
la forza di questo festival assolutamente cinematography, is a most welcome
unico nel panorama internazionale. L’i- initiative». The idea of a forum, i.e. a
dea del dialogo interculturale, cioè della meeting point of minority languages that
valorizzazione della comunicazione come can communicate to each other through
momento in cui la lingua confrontandosi si the universal language of cinema, is the
consolida, è l’orizzonte su cui dovrebbero strength of this festival, a unique event in
Cando amus apertu sa segunda editzione
de su Babel Film Festival, duos annos a
como, aiamus nadu ca cussu segundu
apuntamentu non fiat iscontadu e chi fiamus ressèssidos in s’obietivu de non si
firmare, comente bortas meda acontesset
a sas manifestatziones culturales, mancari
chi nàschent cun sas mègius intentziones,
a su primu passu. Oe, chi cun sa de tres
editziones promovimus finas sa biennalidade de su Festival, podimus nàrrere
chi sos trèulos pro lòmpere a unu reconnoschimentu internatzionale sunt istados
premiados. In realidade, cunsiderende sa
crisi globale chi corpit sa cultura, sa de
tres editziones fiat sa prus pagu segura.
Amus coladu dificultades mannas pròpriu
cando fiant arribende reconnoschimentos
de importu comente su de su Senadu de
sa Repùblica, su de sa Presidèntzia de su
Consìgiu de sos Ministros, su de su Ministeru pro sos Afàrios Europeos e su de su
Parlamentu europeu. Cheret nàrrere ca
su traballu chi amus fatu in custos annos
est istadu notadu. Su Parlamentu europeu, comente nos at iscritu su Presidente
Martin Schulz, nos ammentat chi sa «diversidade culturale e linguìstica est unu de
sos printzìpios a fundamentu de s’Unione
Europea, chi agatamus finas in sa Carta
Europea pro sos Deretos Fundamentales,
chi sa tutela issoro est de importu mannu
pro su Parlamentu Europeu» e chi cun sa
«Risolutzione de s’11 de cabudanni 2013
subra sas limbas europeas in estintzione
e sa diversidade linguìstica de s’Unione
europea, si ponet in evidèntzia chi sas limbas de s’Europa mèritant totus su matessi
valore e respetu, pro ite formant una parte
de sa cultura e tziviltade issoro e arrichint
s’umanidade».
Su Parlamentu europeu reconnoschet chi
su Babel Film Festival, chi tenet s’obietivu
de creare unu forum subra sas limbas de
minoria e fraigare unu ponte intro de limbas e culturas diferentes pro mèdiu de su
tzìnema, est una initziativa benebènnida
de a beru». Pròpriu custa idea de su forum, cunsideradu comente unu momentu
de atòbiu intro de sas limbas de minoria,
chi si faeddant a pare cun su limbàgiu
universale de su tzìnema, est sa fortza
de custu festival, chi est ùnicu in totu su
panorama internatzionale. S’idea de su
diàlogu interculturale, est a nàrrere de sa
valorizatzione de sa comunicatzione co-
stagliarsi le politiche linguistiche delle
istituzioni locali e internazionali. Il Babel è
un momento in cui la promozione del cinema rafforza le diversità linguistiche e al
contempo la diversità linguistica si innesta
come elemento rafforzativo del linguaggio
cinematografico. Siamo molto lontani dalla cornice idealistica in cui un pensatore
come Wilhelm von Humboldt diceva che
«la lingua di un popolo è il suo spirito, il
suo spirito è la sua lingua». Quello spirito
è diventato assoluto nelle lingue nazionali
che spingono verso la cancellazione delle
parlate locali, delle lingue minoritarie. Il
Babel non si muove sulla scia di quello
spirito equivoco, perché nel cercare di
contribuire all’opera di rafforzamento della
diversità linguistica consolida la nostra
Democrazia, che è fatta di differenze che
si rispettano, dialogano e persino si amano. È proprio l’idea del Forum di cui parla
il Parlamento Europeo.
Questa terza edizione propone film parlati
in 52 lingue diverse, provenienti da 20
paesi diversi, dall’Europa alle americhe,
dall’Asia all’Africa. Il Mediterraneo è centrale in questo ragionamento sulle lingue
che propone il festival, perché la Sardegna sta al centro di un importante flusso di
comunicazioni, che non sono solo scambi
politico-commerciali, ma sono soprattutto
incontri fra tradizioni culturali, mediazioni
socioantropologiche, dialoghi di persone
che parlano lingue diverse. In questo
contesto il Babel dà il suo contributo alla
campagna promossa dall’Amministrazione comunale per il riconoscimento di
Cagliari “Capitale Europea della Cultura
2019”. Pertanto il Babel Film Festival
lavora affinché ogni incontro culturale si
trasformi sullo schermo in una storia d’amore, perché come in ogni storia d’amore
anche in ogni film, attraverso le immagini
e le lingue parlate, si trasmettono emozioni, sentimenti, pensieri.
the international panorama. The idea of
intercultural dialogue, namely the high
regard of communication as a moment
in which the language gets consolidated
as it is compared to another one, should
be the horizon on which the national
and international policies on linguistic
issues take place. The Babel Film Bestival
is an event in which the promotion of
cinema enhances the linguistic diversity
and linguistic diversity at the same
time enhances the language of cinema.
We are very far from the conceptual
frame in which an idealistic thinker like
Wilhelm von Humboldt could write that
«the language of a people is its spirit,
and its spirit is its language». That spirit
has become absolute in the national
languages that pursue the elimination
of local dialects and minority languages.
The Babel Film Festival does not
proceed in the wake of that ambiguous
spirit, because, in trying to support the
enhancement of linguistic diversity,
it strengthens our Democracy, which
is made of differences that are able to
respect, talk with and even love each
other. It is the idea of the Forum as it was
formulated by the European Parliament.
This 3rd edition is made of films
spoken in 52 different languages from
20 different countries, from Europe to
the Americas, from Asia to Africa. The
Mediterranean is central to the argument
on language suggested by the festival,
because Sardinia is at the center of an
important flow of communications,
which are not only political and
commercial exchanges, but encounters
between cultural traditions, socioanthropologic mediations, dialogue
made by people who speak different
languages. In this context, the Babel Fil
Festival makes its contribution to the
campaign promoted by the Municipality
for the recognition of Cagliari as the
“European Capital of Culture 2019”.
Therefore, the Babel Film Festival toils
so that every cultural encounter will turn
on the screen in a love story, because in
every love story as in every film, through
images and spoken languages, emotions,
feelings, thoughts are conveyed.
mente momentu de cunfrontu e de consolidamentu, est s’orizonte chi diat a dèpere
mòvere sas polìticas linguìsticas de sas
istitutzione locales e internatzionales. In
su Babel sa promotzione de su tzìnema
afòrtigat sas diversidades linguìsticas
e in su matessi tempus sa diversidade
linguìstica afòrtigat su limbàgiu de su
tzìnema.
Semus a tesu meda dae cussu clima
idealìsticu in su cale unu pensadore comente Wilhelm von Humboldt naraiat chi
«sa limba de su pòpulu est s’ispìritu suo,
s’ispìritu suo est sa limba». Cussu ispìritu,
oe est assolutu in sas limbas natzionales
e ispinghet cara a s’eliminatziones de sas
faeddadas locales e de sas limbas de minoria. Su Babel non si movet in s’àndala
de cussu ispìritu farsu, pro ite chirchende
de afortigare sa diversidade linguìstica,
afortigamus sa Democratzia nostra, chi
est fata de diferèntzias chi si respetant,
chi si faeddant e pro finas s’istimant. Est
pròpriu custa s’idea de su Forum chi narat
su Parlamentu Europeu.
Custa editzione de su festival proponet
pellìculas in 52 limbas diferentes, chi
benint dae 20 istados, dae s’Europa, dae
s’Amèrica, dae s’Àfrica e dae s’Àsia. Su
Mediterràneu est de importu mannu in
custu resonamentu subra sas limbas chi
semus proponede, pro ite sa Sardigna
est unu logu de passàgiu polìticu e de
cummèrtziu, de traditziones e culturas, de
mediatziones sotziales e antropològicas,
e prus che totu de personas chi faeddant
intre issas in limbas diferentes. In custu
cuntestu su Babel donat su contributu
suo a su Comune de Casteddu pro su
reconoschimentu de Casteddu “Capitale
Europea della Cultura 2019”. Pro custu
su Babel Film Festival traballat pro chi
onni atòbiu culturale siet in s’ischermu
una istòria de amore, pro ite in onni istòria
de amore, in onni film, cun sas immàgines e sas limbas faeddadas, nos trasmitit
emotziones, sentimentos, pensamentos.
PRÈMIOS | PREMI | AWARDS
Prèmiu Maestrale longumetràgiu mègius | miglior lungometraggio: € 10000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione longumetràgiu.
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione lungomentraggio.
Prèmiu Maestrale documentàriu mègius | miglior documentario: € 3500,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione documentàriu.
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione documentario.
Prèmiu Maestrale curtzumetràgiu mègius | miglior cortometraggio: € 3500,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione curtzumetragiu.
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione cortometraggio fiction.
Prèmiu Maestrale Tzitade de Casteddu | Città di Cagliari: € 2000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su film chi contat mègius sas minorias in sas tzitades.
Assegnato dalla giuria Babel al film che meglio racconta le minoranze nelle città.
Prèmiu FICC, prèmiu de su pùblicu | Premio FICC, premio del pubblico: € 1500,00
Centro Regionale sardo FICC, Federazione Italiana Circoli del Cinema
(www.ficc-sardegna.it – www.ficc.it)
Prèmiu Deretu de faeddare | Premio Diritto di parola: € 1500,00
Assignadu dae sos studentes de sas iscolas superiores de Casteddu | Assegnato dagli studenti delle scuole superiori di Cagliari
Nicolò Sanna, Edoardo Mura (ITC “Pietro Martini”, Cagliari); Ludovica Medda,
Silvia Pasquini (ITC “Leonardo Da Vinci”, Cagliari); Matteo Mameli, Alberto Matta (Liceo Sc. “L.B. Alberti”, Cagliari);
Nicolò Sirigu, Carlo Zaccarini (Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II”, Cagliari);
Andrea Spiga, Elisa Ludovico (Liceo “ R.B. Motzo”, Quartu S. Elena); Marta Lovicu, Sara Zonza (Liceo “F. De Sanctis”, Cagliari);
Davide Mamusa, Francesco Sotgiu (Liceo Sc. “Euclide”, Cagliari); Anna Geri, Alessandro Maxia (Liceo Sc. “Michelangelo”, Cagliari);
Giulia Murgia, Letizia Scano (Liceo Ginnasio Statale “G. M. Dettori”);
Maria Giuseppina Salone (Liceo “ G. Siotto Pintor”, Cagliari);
Francesca Bertolini, Basilio Gioi (Liceo Sc. Pacinotti”, Cagliari); Francesca Vacca, Marvin Lee (IPSIA “ A. Meucci”, Cagliari);
Andrea Vincis Pisano, Valerio Rizzo (ITI “Scano”, Monserrato);
Matteo Palmas, Davide Salotto, Roberta Spada, Sara Puddu.
Prèmiu Unica | Premio Unica
Assignadu dae sos studentes de sa Universidade de Casteddu | Assegnato dagli studenti dell’Università di Cagliari
Alessandro Congiu, Valentina Corona, Efisio Deplano, Eleonora Fava, Fabio Fois, Stefano Locci,
Marco Oppo, Michele Orani, Valentina Pinna, Matteo Renzi, Valeria Usala
Prèmiu HOLDEN, prèmiu pro su mègius autore sardu | premio al miglior autore sardo
Assignadu dae una Giuria ispetziale de sa Scuola Holden | Assegnato da una giuria speciale della Scuola Holden
De sa giuria faghen parte | La giuria è composta da:
Roberta Torre (regista), Steve Della Casa (crìticu tzinematogràficu | critico cinematografico),
Onno Falkena (fundadore | fondatore del Liet festival), Alvaro Petricig (regista documentarista),
Alessandro Fiorina (FICC, Federazione Italiana Circoli del Cinema)
L’òpera Maestrale (Bentu estu) est istada realizada dae Fabio Frau de Gonnoscodina.
L’opera Maestrale è stata realizzata dall’artista Fabio Frau di Gonnoscodina.
giuria
GIURIA | JURY | GIURIA
18
Roberta Torre
Dopo la laurea in filosofia frequenta la
Civica Scuola di Cinema e Televisione
dove si specializza in regia. Si diploma in
recitazione e drammaturgia alla Scuola
d’Arte Drammatica Paolo Grassi.
I suoi primi lavori sono cortometraggi in
video e pellicola che ottengono premi nei
festival di cinema nazionali e internazionali. Questo percorso trova il suo punto
d’arrivo nel 1997 in Tano da Morire, suo
primo lungometraggio. A questo segue
Sud Side Stori (2000) ancora un musical
interpretato da centinaia di immigrati. Il
suo terzo film Angela è invece un melodramma dai toni classici. Nel 2007 fonda
la sua casa di produzione: Rosettafilm.
Nel 2008 produce e realizza un film
reportage sulle borgate di Roma: Itiburtini
e un documentario intervista sulla morte
di Pierpaolo Pasolini: La notte quando è
morto Pasolini.
Nel 2009 produce e realizza in coproduzione con Nuvola Film e Adriana
Chiesa Enterprises il lungometraggio I
baci mai dati.
Nel 2010 è regista di La Ciociara, lo spettacolo avrà una lunga tounèè teatrale in
tutta Italia e le farà avere una candidatura
ai Golden Graal come regista. Nel 2011
è regista de Gli Uccelli, lo spettacolo
ha un ottimo successo di pubblico e
critica e le fa vincere il premio Ombra di
Dioniso nello stesso anno. Nel 2012 è
regista e drammaturga di Insanamente
RiccardoTerzo, un progetto teatrale che
vede coinvolti nella stessa compagnia da
lei fondata, 25 pazienti psichiatrici e attori
professionisti.
È anche docente presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo e
nel 2011 l’Università di Bloomington (Indiana) le dedica un personale e la invita a
tenere successive corsi di aggiornamento
sul Cinema Italiano.
Roberta Torre
After graduating in philosophy attended
the Civic School of Film and Television
where she specialized in directing.
She graduated in acting and playwriting
at the School of Dramatic Art Paolo
Grassi .
She early works, are the short films
in video and film, that won awards
in nationally and internationally
film festivals. This itinerary finds its
culmination in 1997, with Tano da
Morire, her first feature. This is followed
for Sud Side Stori (2000), other musical,
starring hundreds of immigrants. Her
third film Angela is instead a melodrama
with classic tones.
In 2007 she founded her own production
company: Rosettafilm.
In 2008, produced and directed a film
reportage about the suburbs of Rome:
Itiburtini and a documentary interview
about the death of Pier Paolo Pasolini: La
notte quando è morto Pasolini.
In 2009, produced and directed, in coproduction with Nuvola film and Adriana
Chiesa Enterprises, the feature film I baci
mai dati.
In 2010, directed La Ciociara, the show
will have a long theatrical tounèè
throughout Italy and she will be
nominated for a Golden Graal as a best
director.
In 2011, is director of Gli Uccelli, the
show was a good success of public and
critics, and makes winning the award
Ombra di Dioniso in the same year. In
2012, directs and writes Insanamente
RiccardoTerzo, a theater project that
involves the same company she founded,
25 psychiatric patients and professional
actors.
It ‘also a teacher at the Experimental
Center of Cinematography in Palermo
and, in 2011, the University of
Bloomington (Indiana) dedicated her a
personal and invited her take training
courses on Italian Cinema.
Roberta Torre
A pustis de sa làurea in filosofia
frecuentat s’iscola tzìvica de tzìnema
e televisione e leat s’ispetzializatzione
in regia. Si diplomat in retzitatzione
e drammaturgia in s’iscola de Arte
drammàtica Paolo Grassi. Sos primos
traballos suos sunt cortomentràgios, in
vìdeo e pellìcula, premiados in festival
de tzìnema natzionales internatzionales. Cust’àndala in su 1997 li permitit
de ammaniare su primu longumetràgiu
suo Tano da Morire, a custu sighit: Sud
Side Stori (2000) unu musical interpretadu dae chentinas de immigrados. Su
de tres film est Angela, melodramma
cun tonos clàssicos. In su 2007 dat
vida a sa domo sua de produtzione:
Rosettafilm.
In su 2008 ammàniat unu film reportage subra sas burgadas de Roma:
Itiburtini e unu documentàriu intervista
subra sa morte de Pierpaolo Pasolini:
La notte quando è morto Pasolini.
In su 2009 paris cun Nuvola Film e
Adriana Chiesa ammàniat su longumetràgiu I baci mai dati.
In su 2010 est regista de La Ciociara,
s’ispetàculu at a girare peri totu s’Italia,
retzit sa candidadura a su Golden
Graal comente regista. In su 2011
est regista de Gli Uccelli, s’ispetàculu
tenet unu sutzessu mannu de pùblicu
e crìtica chi, su matessi annu, li faghet
bìnchere su prèmiu Ombra di Dioniso.
In su 2012 regista e drammaturga
di Insanamente RiccardoTerzo, unu
progetu teatrale, in ue leant parte, cun
sa matessi cumpangia teatrale chi issa
at fundadu, 25 malàidos psichiàtricos e
atores professionistas.
Est fintzas dotzente in su tzentru
isperimentale de tzinematografia in
Palermo, in su 2011 s’Universidade de
Bloomington (Indiana) li dèdicat unu
personale e la cùmbidat pro fàghere
cursos de agiornamentu subra de su
tzìnema italianu.
Stefano Della Casa
Known as Steve Della Casa was born in
Turin in 1953. is one of the founders
of the Turin Film Festival, of which he
became director in 1999. has been
director of the festival of television Roma
Fiction Fest and other events in Terni,
Gavi and Tuscania. Collaborate with the
Mostra del Cinema di Venezia in Venice,
Locarno Film Festival, San Sebastian and
Taormina. He’s a film critic and essayist,
but also author of radio and television.
Since 1994 he leads to Hollywood Party
on Radio 3. From 2006 to 2013 he was
also President of Film Commission
Torino, Piemonte.
Stefano Della Casa
Est connotu comente Steve Della Casa,
nàschidu in Torino in su 1953, est unu
de sos chi at dadu vida a su Torino Film
Festival, nde diventat diretore in su
1999. Est istadu finas diretore de su festival de televisione Roma Fiction Fest
e àteras manifestatziones in Terni, Gavi
e Tuscanica. Collàborat cun sa Mustra
de su Tzìnema de Venezia, su festival
de Locarno, San Sebastian e Taormina.
Crìticu, tzinematògrafu e sagista, autore
ghiat fintzas trasmissiones a sa ràdio e
in televisione. Dae su 1994 ghiat Hollywood Party in Radio3. Dae su 2006 a
su 2013 at fatu su presidente de sa Film
Commission Torino, Piemonte.
Onno P. Falkena
È un giornalista della Frisia, nei Paesi
Bassi. Lavora presso la televisione in
lingua frisone Omrop Fryslân. Onno
Falkena è anche uno dei fondatori del
Liet International, un concorso musicale
per le minoranze linguistiche europee. Il
Liet International, che è iniziato in Frisia,
ha coinvolto il Friuli fin dalla sua prima
edizione nel 2002. Il 19 novembre il Liet
International celebrerà la sua ottava
edizione a Udine. Onno Falkena è stato
presidente del Minority Filmfestival a
Husum nella Frisia del Nord (Germania)
nel 2006, 2008 e 2010. Onno Falkena
è anche un conferenziere sulle lingue
minoritarie.
Onno P. Falkena
Is a journalist from Fryslân, the
Netherlands. He works for Frisian
language broadcaster Omrop Fryslân.
Onno Falkena is also one of the founders
of Liet International, the songcontest
for European minority languages. Liet
International started in Friesland and
involved Friuli since its first edition in
2002. On the 19th of November Liet
International celebrated is eight edition
in Udine. Onno Falkena was president
of the jury of the Minority Filmfestival
in Husum in Northfriesland (Germany)
in 2006, 2008 and 2010. Onno Falkena
is also a regular speaker at conferences
about minority languages.
Onno P. Falkena
Est unu giornalista de sa Frisia, Paesi
Bassi. Traballat pro sa televisione in
limba frisone. Omrop Fryslân. Onno
Falkena est fintzas unu de sos chi at
dadu vida a su Liet International, unu
cuncursu musicale pro sas limbas de
minoria europeas. Su Liet International
chi est incumentzadu in Frisia, dae
sa prima edizione de su 2002, at fatu
a manera de fàghere leare parte dae
deretu a su Friuli. Su 19 de santandria,
in Udine, su Liet International festat
sa de 8 editziones. Onno Falkena fiat
presidente de su Minority Filmfestival a
Husum in sa Frisia de Nord (Germania)
in su 2006, 2008 e 2010. Onno Falkena
faghet fintzas cunferèntzias subra de
sas limbas de minoria.
giuria
Stefano Della Casa
Noto come Steve Della Casa è nato a
Torino nel 1953. è uno dei fondatori del
Torino Film Festival, di cui è diventato
direttore 1999. È stato direttore del
festival di televisione Roma Fiction Fest
e di altre manifestazioni a Terni, Gavi e
Tuscania. Collabora con la Mostra del
Cinema di Venezia, il festival di Locarno,
di San Sebastian e di Taormina. È
critico cinematografico e di saggista, ma
anche conduttore e autore radiofonico e
televisivo. Dal 1994 conduce Hollywood
Party su Radio3. Dal 2006 al 2013 è stato
anche presidente della Film Commission
Torino, Piemonte.
19
giuria
20
Alvaro Petricig
Svolge da anni attività come operatore
culturale nell’ambito della comunità
slovena della Provincia di Udine, nel
Friuli orientale. Come coordinatore del
Centro studi Nediža, si occupa di ricerca
storica ed etnografica e dell’organizzazione di iniziative espositive e editoriali
che raccontano le Valli del Natisone e il
territorio a cavallo del confine con la ex
Jugoslavia – la famigerata “cortina di ferro” – attraverso il recupero, la rilettura e
il riuso del loro patrimonio di immagini (in
particolare archivi fotografici di famiglia
e filmati amatoriali in 8mm e super8).
Regista di documentari “di creazione” tra
i suoi film ricordiamo: Sarce od hiše (Il
cuore della casa) del 1998; Starmi cajt .
Il tempo ripido del 2003, Mala apokalipsa
del 2008 – che compongono una trilogia
dedicata alle Valli del Natisone – e
Prostor v tej galaksiji (Un posto in questa
galassia) del 2011.
Del 2006 è il recupero conservativo e la
riedizione rimontata del film L’uomo di
Stregna, singolare lungometraggio girato
in pellicola 8mm da un cineamatore delle
Valli del Natisone nei primi anni ‘60. Ha
inoltre coordinato la realizzazione di alcuni documentari riguardanti i cambiamenti
dell’ambiente e delle pratiche tradizionali del Friuli montano. Nei suoi lavori è
caratteristico l’uso preminente del dialetto
sloveno delle Valli del Natisone.
Alvaro Petricig
He worked for years as a cultural worker
within the Slovenian community in the
Province of Udine, in the Friuli Eastern
Europe. As coordinator of the Centre for
the Study Nediža, deals with historical
and ethnographic research and deals
with the organization of exhibitions
and publications that tell the Natisone
Valleys and the territory on the border
with the former Yugoslavia - the
infamous “iron curtain” - through the
recovery, re-reading and re-use of their
heritage (especially stock photos of
family and home movies in 8mm and
super 8).
Documentary filmmaker among his film
we have: Sarce od hiše (The heart of the
home) in 1998; Starmi cajt. Il tempo
ripido in 2003 Mala apokalipsa in 2008 which make up a trilogy dedicated to the
Natisone Valley - Prostor v tej galaksiji (A
place in this galaxy) in 2011.
Is in 2006 the restoration process and
the re-release re-edited the film “The
Man from Streatham,” singular feature
film shot on 8mm film by a cineamatore
Natisone Valley in the early ‘60s.
He also coordinated the creation of
documentaries about changes in the
environment and traditional practices
of Friuli mountains. In his work is
characteristic of the prominent use of the
dialect of Slovenian Natisone Valley.
Alvaro Petricig
Traballat dae unos cantos annos
comente operadore culturale in sa
comunidade islovena, in provìntzia de
Udine, in su Friuli orientale. Comente
coordinadore de su Tzentru de istùdios
Nediža, si òcupat de chirca istòrica e
etnogràfica e de ammaniare mustras
e publicatziones chi contant de sas
Baddes de su Natisone e de su territòriu a fùrriu de sa làcana cun sa ex
Jugoslavia – su famadu “muru de ferru”
pro mèdiu de su recùperu, de torrare
a lèghere e de impreare totu su patrimòniu issoro (mescamente archìvios
fotogràficos de famìlias e filmados
amatoriales in 8mm e super8).
Regista de documentàrios “de creatzione”, de sos film suos ammentamus:
Sarce od hiše (Su coro de sa domo)
de su 1998; Starmi cajt . Il tempo ripido
de su 2003, Mala apokalipsa de su
2008 – chi dant vida a una trilogia pro
more sas Baddes de su Natisone – e
Prostor v tej galaksiji (Unu logu in custa
galàssia) de su 2011.
In su 2006 ant torradu a nou, cun
una editzione noa, su film L’uomo di
Stregna, unu longumetràgiu giradu, a
sos primos annos de su 60, in pellìcula
8mm dae unu amantiosu de tzìnema
de sas Baddes de su Natisone. Petricig
at fintzas coordinadu s’ammàniu de
documentàrios chi pertocant sas mudaduras de s’ambiente e sas pràticas
traditzionales de su Friuli montanu. In
sos traballos suos est mannu meda
s’impreu chi si faghet de su dialetu islovenu de sas Baddes de su Natisone.
Alessandro Fiorina
Originario di San Teodoro (OT) vive a
Cagliari. Laureato in Economia, è da
sempre appassionato di cinema, frequentatore della Cineteca Sarda dai tempi
dell’Università. Dal 2005 è segretario del
Circolo del Cinema FICC Laboratorio28,
attivo a Cagliari nella realizzazione di
rassegne e proiezioni su temi di interesse
politico e sociale. Dal 2010 è segretario
del Centro Regionale della FICC (Federazione Italiana Circoli del Cinema).
Alessandro Fiorina
Born in San Teodoro (OT) lives in
Cagliari. Graduated in Economics, he’s
always been passionate about cinema,
frequenter of the Cinematheque Sarda
since the days of the University. Since
2005 he’s secretary of the Circle Cinema
FICC Laboratorio28, active in Cagliari
in the creation of exhibitions and
screenings on issues of political and
social interest. Since 2010 he’s secretary
of the Regional Centre of the FICC
(Italian Federation of Film Societies).
Alessandro Fiorina
Originàriu de Santu Diadoru, (OT) istat
in Casteddu. Laureadu in Economia,
amantiosu dae semper de tzìnema,
frecuentat sa Tzineteca dae sos
tempos de s’Universidade. Dae su
2005 est segretàriu de su Tzìrculu de
su Tzìnema FICC Laboratorio28, in
Casteddu est ativu meda: ammàniat
rassegnas e proietziones subra temas
de interessu polìticu e sotziale. Dae
su 2010 est segretàriu de su Tzentru
Regionale de sa FICC (Federatzione
Italiana Tzìrculos de su Tzìnema)
FESTIVAL
LONGUMETRÀGIOS | LUNGOMETRAGGI
Legenda
An.
Animatziones
Animations
Animazioni
Ass.Reg.
Assistente a sa regia
Assistent Director
Assistente alla regia
Co.Pr.
Coprodutore
Coproducer
Coproduttore
Dir.Art.
Diretzione artìstica
Art Director
Direzione artistica
Dir. Fot.
Diretore de sa fotografia
Director of Photography
Direttore della fotografia
Dir. Pr.
Diretore de produtzione
Production Manager
Direttore di produzione
Fo.
Fònicu, tècnicu de su sonu
Phonic, Audio Technician
Fonico, tecnico del suono
Mo.
Montadore
Editor
Montatore
Mo.Su.
Montàgiu de su sonu
Audio Editing
Montaggio suono
Mus.
Musitzista, Mùsicas
Composer, Soundtrack
Musicista, musiche
Op.
Operadore
Camera Operator
Operatore
Pr.
Produztione, produtore
Production, Producer
Produzione, produttore
Pr. Esec.
Produtore esecutivu
Executive Producer
Produttore esecutivo
Scen.
Iscenegiadura
Script
Sceneggiatura
Sogg.
Sugetu, autore de su sugetu
Treatment, Autor of treatment
Soggetto, autore del soggetto
Vox
Boghe
Narrator
Voce narrante
Telmo Esnal (España, 2011, o.l. Euskera, subt. ing, 102’55’’)
Op.: Javier AgirreFilm – Mo.: Raúl López – Dir. Art.: Satur Idarreta
Sinossi
Synopsis
Sinossi.
Urteberri on, Amona! è una commedia
nera che segue i conflitti che attraversa
la famiglia di Mari mentre cerca di badare
alla sua particolare nonna. Nonna Mari
sta esaurendo le forze di sua figlia
Maritxu, così suo marito Joxemari decide
di chiuderla in un ospizio.
Urteberri on, Amona! is a black comedy
that follows the conflicts Mari’s family
goes through while trying to looking after
this peculiar grandmother. Grandma Mari
is draining the life out of her daughter
Maritxu so her husband Joxemari decides
to put her in a nursing home.
Urteberri on, Amona! Est una cummèdia
“niedda”, chi tratat de sos problemas de
sa famìlia de Mari in ue b’est una jaja
chi tenet bisòngiu de èssere contivigiada. Jaja Mari est boghendende sas
fortzas a sa fìgia. Su gènneru a s’acabu
resurtat a nche fàghere pònnere sa tzia
in una domo pro betzos.
Biografia
Biography
Biografia
Dopo una lunga carriera da aiuto regista
ed un’incursione di successo nel mondo
del cortometraggio (grazie a più di 100
premi in molti festival), Telmo Esnal passa al lungometraggio con la co-regia di
Aupa Etxebeste! nel 2005: una commedia che divenne il film in lingua basca di
maggior successo di tutti i tempi, con più
di 70.000 spettatori ed una nomination al
Goya come miglior regista esordiente. Il
suo cortometraggio Amona Putz ha vinto
il premio Maestrale miglior fiction alla 1ª
edizione del Babel Film Festival 2010.
Urteberri on, Amona!, è il suo primo
lungometraggio come regista.
After an extensive career as Assistant Director and a successful incursion into the world
of short ilms (having obtained over 100
awards in different festivals), Telmo Esnal
made the leap to feature ilms co-directing
Aupa Etxebeste! in 2005 a comedy that became the most successful ilm in the Basque
language to the date obtaining over 70.000
spectators and a Goya nomination for best
new director. With Urteberri on, Amona! he
embarks on his irst project as a solo director.
A pustis de annos e annos de traballu comente agiudu regista, e de èssere intradu in
su mundu de sos cortometràgios (at bìnchidu
chentinas de prèmios in paritzos festivals),
Telmo Esnal at traballadu pro su film Aupa
Etxebeste! in su 2005, una cummèdia diventada su film in limba basca prus connotu a
oe e cun unu nùmeru artu de ispetadores,
prus de 70.000, e una nominatios Goya pro
su regista mègius. Urteberri on Amona! est
su primu progetu comente regista.
Martedì 3 dicembre 2013
lungometraggi
URTEBERRI ON, AMONA!
23
longumetràgios
24
ARRAIANOS
Eloy Enciso Cachafeiro (España, 2012, o.l. galiziano/portoghese, subt. ing, 65’41’’)
Scen.: José Manuel Sande, Eloy Enciso Cachafeiro, Mauro Herce, Manuel Muñoz - Op.: Mauro Herce Fo.: César Fernández, Joaquín Pachón - Mo.: Manuel Muñoz - Pr.: Artika Films, Zeitun Films.
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Gli Arraianos, abitanti di un piccolo
villaggio sperduto nei boschi tra Galizia e
Portogallo, vivono e lavorano circondati
da una foresta senza fine. Incapaci di
trovare una via d’uscita si interrogano
sulle ragioni del loro confinamento. Un
giorno arriva uno sconosciuto, e con lui
la possibilità di cambiamento, una via
d’uscita, un mezzo di purificazione ...
The inhabitants of a small village lost
in the woodlands between Galicia and
Portugal live and work surrounded by an
endless forest. Incapable of finding a way
out, the Arraianos ask themselves about
the reasons for their confinement. One
day, a stranger arrives: the possibility
of change, a way out, a means of
purification...
Sos chi istant in unu bidditzolu ispèrdidu intre Galizia e Portogallo, traballant
inghiriados dae unu padente sena fine.
Sos Arraianos si preguntant pro cale
resone sunt gasi isolados, non resurtant a nch’essire dae custa situatzione.
Una die arribat un’istràngiu: sa possibilidade de mudare, de nd’essire, una
manera de si prugare.
Biografia
Biography
Biografia
Eloy Enciso Cachafeiro è nato a Lugo,
Spagna. Dopo la laurea in Scienze
Ambientali, ha studiato presso la scuola
di cinema documentario EICTV a Cuba.
I suoi film hanno in comune la rappresentazione della realtà con procedure
fittizie, che uniscono la tecnica del
suono e della fotografia con una vicina
e nitida rappresentazione del tema.
Arraianos è il suo secondo lungometraggio. Attualmente vive e lavora tra Galizia
e Portogallo.
Eloy Enciso Cachafeiro. Born in Lugo,
Spain. After graduating in Environmental
Science, Eloy Enciso studied documentary at
Eictv ilm school in Cuba. Enciso’s ilms have
in common the portrayal of reality trough
ictional procedures, combining sound and
photography technique with a close and
warm portray of the theme. Arraianos is his
second long feature ilm. He now lives and
works in between Galicia and Portugal.
Eloy Enciso Cachafeiro naschet a Lugo in
Spagna. A pustis de sa làurea in scièntzias
ambientales istùdiat in s’iscola de tzìnema
documentàriu Eictv in Cuba. Sos films suos
cumbinant pro mesu de sa fiction, sa tècnica
de su sonu e de sa fotografia pro dare unu
retratu pàsidu de su tema. Arraianos est su
segundu longumetràgiu suo. Si movet intre
Galizia e Portogallo in ue istat e traballat.
Margarita Cadenas (Venezuela, 2011, o.l. español/Yanomami, subt. ing, 113’41’’)
Scen.: Margarita Cadenas – Op.: Alfredo Cova – Mo.: Margarita Cadenas, Zoum Dominguez, Juan Teppa
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Cenizas Eternas è un’avventura drammatica. Il flusso del leggendario fiume
Orinoco è il teatro di un tragico incidente.
Una sopravvissuta, Anna, si perde in una
magnifica foresta: ferita, nuda e indifesa,
è sopraffatta dalla paura dell’ignoto.
L’unica certezza è quella di essere sola
nella sconosciuta immensità.
Cenizas Eternas is an adventure drama.
The flow of the legendary furious
Orinoco River is the scene of a tragic
accident. A survivor, Anna gets lost in
the magnificence of the forest. Wound,
helpless and naked, she is overwhelmed
by the fear of the unknown. The only
certainty is that of being alone in the
unknown vastness.
Cenizas Eternas est un’aventura
drammàtica. Su cùrrere lestru de
s’abba de su riu Orinoco in su trainu
est s’avisu de un’intzidente tràgicu. Si
salvat Ana ebbia, chi si perdet in sa
giungla sena bestires e sena amparu,
timende su chi non connoschet. Su chi
ischit est ebbia chi s’agatat in unu logu
sena làcanas a sa sola.
Biografia
Biography
Biografia
Margarita Cadenas, nata a Caracas
(Venezuela), è regista, produttrice
e sceneggiatrice. La sua carriera
professionale si è sviluppata tra Francia
e Venezuela. Produttrice e scrittrice
per TF1 (Francia) con film d’avventura
venezuelani, si è distinta con Barrage
sur l’Orenoque I e II, diretto da Juan Luis
Buñuel. Ha pubblicato numerosi articoli
e foto nella rubrica Storia e Viaggi del
quotidiano El Expreso.
Margarita Cadenas, director, producer,
screenwriter. She was born in Caracas,
Venezuela. Her professional career developed in France and Venezuela. She has been
a producer and writer for TF1 (France)
working on Venezuelan adventure ilms.
She distinguished herself with Barrage sur
l’Orenoque I and II, directed by Juan Luis
Bunuel. She published articles and photos
on History and Travels for the newspaper El
Expreso.
Margarita Cadenas, regista, produtora e
iscenegiadora. Est nàschida in Caracas, Venezuela, at traballadu in Francia pro TF1 e
posca in Venezuela. Est produtora de film de
aventura comente Barrage sur l’Orenoque
I e II, ghiadu dae Juan Luis Bunuel. Iscriet
artìculos e pùblicat fotografias in sa rubrica
Historia y Viajes de su giornale El Expreso.
lungometraggi
CENIZAS ETERNAS
25
longumetràgios
26
SU MOLENTI DE ORAMALA
Simone Contu (Italia, 2012, o.l: sardu, subt. ita, 61’04’’)
Sogg. e Scen.: Simone Contu, Bepi Vigna – Dir.Fot.: Corrado Serri – Fo.: Gianluigi Fulvio - Mo.: David Tomasini – Mus.: Francesco Veloci
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Vincenzo Pani giunge in Sardegna al
seguito di mamma e papà, suoi genitori
adottivi, dove il padre va ad insegnare
nella scuola media di un paesino di
montagna. Qui si trasferiscono, Vincenzo
ha un turbolento incontro con una banda
di monelli, coi quali scommette che si
presenterà a scuola in groppa ad un
bellissimo cavallo bianco.
Vincenzo Pani arrives in Sardegna with
his foster parents. From Rome, they are
moving there because his father Marco
got a job as teacher in the junior high
school of a little town on the mountains.
During a stormy encounter with a band
of local brats, Vincenzo bets that he will
arrive at school on top of a beautiful
white horse.
Vincenzo Pani lompet a Sardigna paris
cun sa mama e su babbu adotivos,
su babbu depet traballare in un’iscola
mèdia in una bidda de monte. In custu
logu nou, in ue ant a istare, Vincenzo
addòviat unu grustu de “dimonieddos”,
e cun issos ponet un’iscummissa: s’at
a presentare in iscola subra de unu
caddu murru.
Biografia
Biography
Biografia
Simone Contu è regista, produttore, location manager ed ispettore di produzione. Laureatosi in filosofia all’Università
di Milano, inizia nel capoluogo lombardo
gli studi cinematografici diplomandosi,
nel 2001, in Produzione alla Civica
Scuola di Cinema. A Roma matura l’esperienza nel campo del cinema, degli
spot pubblicitari e videoclip, lavorando
con società come Rodeo Drive, AGD,
Cattleya, Nova Film, Classic e Paco
Cinematografica, come segretario e poi
ispettore di produzione.
Simone Contu was born in Cagliari in 1970.
Conferred a bachelor’s degree on philosophy
at the Catholic University of Milano. In
Milano he also begun ilm studies and conferred a degree at Scuola Civica di Cinema
in 2001. Matured his experience in feature
ilms, commercials and music videos working with production compaies such as Rodeo
Drive, Cattleya, Nova Film and Gianluca
Arcopinto’s Pablo, as production assistant
and unit manager.
Simone Contu (Casteddu, 1970) regista,
produtore, location manager e ispetore de
produtzione. Laureadu in Filosofia in Milano,
in s’Universidade Catòlica, incomintzat sos
istùdios tzinematogràficos, diplomendesi in
su 2001 in Produtzione in s’Iscola Tzìvica de
Tzìnema. In Roma creschet s’esperièntzia
sua in su campu de tzìnema, publitzidade
e videoclip, traballat comente segretàriu
e posca comente ispetore de produtzione
cun sas sotziedades: Rodeo Drive, AGD,
Cattleya, Nova Film, Classic e Paco Cinematografica.
Mercoledì 4 dicembre 2013
Roberto Olivares Ruiz (Messico, 2010, o.l. nahuatl, subt. ing, 65’, Documentario)
Ass.Reg.: Jonathan D Amith - Mo.: Roberto Oliares Ruiz - Mus.: Carlos Salomón - Op.: Roberto Olivares Ruiz
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Silvestre Pantaleon è uno studio antropologico intorno all’ultimo uomo del suo
villaggio, ancora dedito alla fabbricazione
tradizionale di cordami e altri mestieri
in via di estinzione. Il film riflette su un
mondo che scompare con i suoi riti e la
sua cultura, costruendo il ritratto intenso e
personale di un uomo di fronte al processo universale di invecchiamento.
Silvestre Pantaleón is a luminescent study
of the last man of his village still versed
in traditional rope making and other
disappearing crafts. The protagonist lives
in San Agustín Oapan, a Nahuatl speaking
village in central Guerrero, Mexico. A
study of a fading world and disappearing
rituals, Silvestre Pantaleón provides
an intensely personal portrait of a man
facing, in a unique setting, the universal
process of aging.
Silvestre Pantaleon est s’istùdiu de
s’ùrtimu òmine de su villàgiu in ue
istat, inoghe faghent cordas e àteros
traballos chi non bi sunt prus. Un’istùdiu
de unu mundu e de ritos chi a bellu·a
bellu morint e iscumparent, Silvestre
Pantaleon nos dat su retratu de un’òmine cara a unu logu ùnicu. Su protzessu
universale de imbetzare.
Biografia
Biography
Biografia
Roberto Olivares Ruiz è un regista
messicano. Dopo la laurea presso la
Universidad Iberoamericana in Comunicazione Sociale, ha dedicato dieci
anni della sua vita in televisione e video
produzione, soprattutto nelle comunità
indigene.
Roberto Olivares Ruiz is a Mexican ilmmaker. After graduating from the Universidad
Iberoamericana in Social Communication,
specializing in ilm and television, he has
dedicated ten years to television and video
production, especially in indigenous communities.
Roberto Olivares Ruiz est unu regista
messicanu. A pustis de sa làurea in s’Universidade Iberoamericana in Comunicatzione
Sotziale, pro deghe annos at traballadu in sa
televisione e in sa vìdeo produtzione, mescamente in sas comunidades indìgenas.
Mercoledì 4 dicembre 2013
lungometraggi
SILVESTRE PANTALEÓN
27
longumetràgios
28
I’M NOT FAMOUS BUT I’M AROMANIAN
Toma Enache (România, 2013, o.l. armãneshce, subt. ing, 110’33’’)
Scen.: Toma Enache, Adrian Conerth, Carmen Dîrvariu – Dir.Fot.: Alexander Sachs - Mo.: Ruxandra Mihai - Pr.: Toma Enache
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Toni Caramusat, un regista divenuto
famoso dopo aver vinto un premio
importante, è affascinato dall’idea di
scoprire la tredicesima verità assoluta del
suo popolo, gli Arumeni, che li potrebbe
salvare dall’estinzione. Secondo un mito,
questa verità è custodita da una bella
ragazza di nome Armanamea, ultima
discendente del popolo Arumeno.
Toni Caramusat, a film director who
becomes famous after winning an
important award, is fascinated with the
idea of finding the 13th absolute truth
about his people, the Aromanians, which
might save them from going extinct.
According to a myth, this truth is held
by a beautiful girl named Armanamea,
the last descendant of the Aromanian
people.
Toni Caramusat est unu regista chi
diventat famadu a pustis de àere
bìnchidu unu prèmiu de importu. Est
amajadu dae s’idea de agatare sa de
13 veridades assolutas subra de su
pòpulu suo pro chi non bèngiat ispèrdidu. Si creet chi custa veridade l’iscat
una giòvana bella meda chi si narat
Armanamea, s’ùrtima de s’ereu de su
pòpulu Arumenu.
Biografia
Biography
Biografia
Enache Toma è laureato in Arte attoriale all’Accademia di Cinema e Teatro di
Bucarest e in Regia Teatrale all’Accademia di Cinema e Teatro di Bucarest. I‘m
not famous but I’m aromanian è il primo
lungometraggio in lingua arumena.
Enache Toma. Master’s Degree in Actor’s
Art and Stage Direction at the Theatre and
Film Academy of Bucharest (2004-2006).
I’m Not Famous but I’m Aromanian is the
irst feature ilm in Aromanian.
Enache Toma est laureadu in arte atoriale
e regia teatrale in s’Acadèmia de tzìnema e
teatru de Bucarest. I’m Not Famous but I’m
Aromanian est su primu longumetràgiu in
limba arumena.
Giovedì 5 dicembre 2013
David Valls (España, 2013, o.l. català, subt. ing, 70’02’’)
Scen.: David Valls - Op.: Sergi Guix, Eduard Miguel - Pr.: Sergi Sala, Zeba Produccions;
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Il catalano è parlato da circa 10 milioni
di persone, paragonabile in numero di
parlanti a lingue come il ceco, lo svedese,
il bulgaro, e ha più parlanti del danese,
dell’estone. Perché il catalano non è in
una situazione simile a quella di queste
lingue? Perché il suo uso non viene
ufficializzato?
Catalan language is spoken by about 10
million people, comparable in number of
speakers with languages such as Czech,
Swedish, Bulgarian, and it has more
speakers than Danish, Estonian, etc..
Why Catalan is not in a similar situation
such as other languages with a similar
amount of speakers? Why its use it is not
normalized?
Su catalanu est una limba chistionada
dae pagu prus o mancu 10 milliones de
pessones, comente nùmeru de gente
chi la chistionat si podet paragonare
a sa limba ceca, a cussa isvedesa e
cussa bulgara, tenet prus gente chi lu
chistionat de su danesu e de su estone.
Proite su catalanu no est in sa matessi
situatzione de custas limbas? Proite
s’impreu suo no est ufitzializadu?
Biografia
Biografia
Biografia
David Valls è diplomato in produzione
cinematografica e televisiva, è studioso
di linguistica e ha fondato la Zeba
Produccions. Il suo film nasce all’interno
di un progetto promosso dai Tallers
per la Llengua e la Plataforma per la
Llengua e si avvale della consulenza
tecnico-scientifica del Gruppo di studio
Endangered Languages (GELA) e il
Centro Universitario di Sociolinguistica e
comunicazione (CUSC) presso l’Università di Barcellona.
David Valls graduated in ilm and television
production, scholar of linguistics and founder
of Zeba Produccion. This project is supported
by Tallers de Lengua and Plataforma per
la Llengua. In addition, the ilm has the
technical and scienti ic advice of the Study
Group on Endangered Languages (GELA) and
the University Center Sociolinguistics and
Communication (CUSC) at the University of
Barcelona
David Valls est diplomadu in tzìnema e
televisione, istudiosu de linguìstica at tentu
e realizadu s’idea Zeba Production. Su film
naschet dae unu progetu promòvidu dae sos
Tallers per la Llengua e la Plataforma per
la Llengua, impreat sa consulèntzia tècnicu
scietìfica de su grupu de istùdiu Endagered
Languages (GELA) e de su Centre Universitari de Sociolingüística i Comunicació
(CUSC), de Barcellona.
Venerdì 6 dicembre 2013
lungometraggi
SON BOJOS AQUEST CATALANS!?
29
longumetràgios
30
DE DRAI JORZAITN
Angela Trentini | Marco Girardi (Italia, 2012, o.l. mocheno, subt. ita, 53’37’’)
Sog. e Scen.: Angela Trentini – Op. e Mo.: Marco Girardi – Mus.: Maurizio Postai
Sinossi
Synopsis
Ambientato negli anni ‘30 in Val dei
Mòcheni - Bersntol, il film racconta la vita
di una donna e di sua figlia durante l’assenza del marito, un krumer (venditore
ambulante), il cui lavoro lo costringe a
lasciare la valle dalla fine dell’autunno
alla primavera.
In the 1930s in Val dei Mòcheni, a
krumer (itinerant vendor) is forced to
leave his homeland to find work. In the
man’s absence, his wife and daughter
encounter a doctor and his wife. This is a
story of meeting, contrasts, and different
cultures.
Sinossi
Su film est ambientadu in sos annos
trinta in Val dei Mòcheni - Bernstol,
contat de sa vida de una fèmina, de sa
fìgia e de su maridu, unu krumer, (banduleri) chi pro traballu devet andare
a tesu dae sa badde, dae su beranu
fintzas a s’atòngiu.
Biografia
Biography
Biografia
Angela Trentini, laureanda in Studi
storici e filologici letterari, ha sviluppato
l’interesse per il cinema ed il suo rapporto con la storia e l’identità culturale
alpina realizzando cortometraggi a
carattere storico e antropologico.
Marco Girardi, impiegato in un’agenzia di comunicazione come grafico
pubblicitario, ha maturato un interesse
personale per le tecniche audio/video
e per il mondo cinematografico, per
poi dedicarsi alla produzione e regia di
cortometraggi.
Angela Trentini, Now completing a degree
in historical studies and literary philology,
Angela Trentini developed an interest in ilm
and its relationship to history and Alpine
cultural identify while making short ilms
about these themes.
Marco Girardi, While working in a communications agency, Marco Girardi became
interested in audio-video techniques and the
world of cinema, later devoting himself to
producing and directing short ilms.
Angela Trentini est pro si laureare in
istùdios istòricos e filosòficos, s’interessat a
su tzìnema e a su raportu de custu cun s’istòria e s’identidade culturale alpina, faghet
cortometràgios istòricos e antropològicos
Marco Girardi si interessat de tècnicas
àudio-video e de su mundu tzinematogràficu, si òcupat de sa produtzione e regia de
cortometràgios.
Sabato 7 dicembre 2013
Ueli Meier (Schweiz, 2012, o.l. schwizertütsch/bodskad, subt. ing, 71’13’’)
Op. e Scen.: Ueli Meier – Mo.: Andrea Bürgi, Annette Brütsch - Mus.: Christian Brantschen – Pr.: Tibifilm, Nico Gutmann
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Nel 1963 Tibi Lhundub Tsering, di sette
anni, arriva all’aeroporto di Zurigo. È stato
portato in Svizzera da una associazione
che si occupa di bambini profughi tibetani
a Dharamsala. Ben curato, Tibi cresce
con la sua nuova famiglia e la madre
adottiva nella piccola località rurale di
Grüningen.
In 1963, seven-year-old Tibi Lhundub
Tsering arrives at Zurich Airport. He
has been brought to Switzerland from
a home for Tibetan child refugees, the
Nursery for Tibetan Refugee Children in
Dharamsala.Tibi grows up in his foster
mother’s academic family in the small,
rural town of Grüningen.
In su 1963, Tibi Lhundub Tsering tenet
sete annos, arribat a s’aeroportu de
Zurigo. Tibi benit leadu a Svizzera, lu
pigant dae un’istrutura pro pitzinnos
pròfugos tibetanos chi est in Dharamsala. Bene tentu contu Tibi creschet in una
famìlia in su bidditzolu de Grüningen,
cun sa mama adotiva.
Biografia
Biography
Biografia
Ueli Meier è nato nel 1958 in Svizzera,
a Zurigo. Alla fine degli anni Settanta
studia fotografia di moda e pubblicità a
Zurigo. Dal 1983 lavora come fotoreporter freelance. Ha realizzato i seguenti
film: The Weekend Drive (1980), The
Bucks In Holland (1981), Der Letzte
Navigator (2004) e Tibi Und Seine Mütter
(2012).
Ueli Meier. Born in 1958 in Zurich, Switzerland. 1977-80 Trains as fashion and
advertising photographer in Zurich. Since
1983 works as independent photojournalist.
Films: 2012 – Tibi Und Seine Mütter; 2004 –
Der Letzte Navigator; 1981 – The Bucks› In
Holland; 1980 – The Weekend Drive
Ueli Meier, nàschidu in su 1958 in Zurigo.
In sos annos dae su 1977 a su 1980 istùdiat
fotografia de moda e publitzidade. Dae su
1983 traballat comente fotoreporter indipendente. Films ammaniados: The Weekend
Drive (1980), The Bucks› In Holland (1981),
Der Letzte Navigator (2004), Tibi Und Seine
Mütter; (2012).
Sabato 7 dicembre 2013
lungometraggi
TIBI UND SEINE MÜTTER
31
FESTIVAL
CURTZUMETRÀGIOS | CORTOMETRAGGI
Alessandro Grande (Italia, 2013, o.l. italiano/romanì, subt. ita, 15’25’’)
Scen.: Alessandro Grande – Dir.Fot.: Francesco Di Pierro – Mo.: Claudio Pisano – Mus.: Gianluca Sibaldi Pr.: Andrea Santoro (Pi.Sa. Film), Alessandro Riccardi (Imago), Alessandro Grande
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Efrem, giovane rom e abile borseggiatore,
affronta il suo primo furto in appartamento. Un’esperienza che gli cambierà la vita.
Efrem, gypsy boy and skilled pickpocket,
faces his first theft in an apartment. An
experience that will change his life.
Efrem est un giòvanu rom, àbile meda a
nche furare sos portafòllios, in sa prima
fura in un’apartamentu càpitat carchi
cosa. Un’esperièntzia chi at a mudare
sa vida sua.
Biografia
Biography
Biografia
Alessandro Grande è nato a Catanzaro nel 1983. Regista e produttore, è
Alessandro Grande was born in Catanzaro
in 1983. He received his doctorate at the
University of Rome, Tor Vergata, in History,
Science and Technology of the Arts. He has
made several short ilms based on social issues. Fabietto Rispondi (Little Fabio Replies)
winner of the Unishort Festival, Torno Subito
(I’ll Be Right Back) wining awards for Best
Film and Best Actor at the Festival Lattarico
and then In my prison of icially presented at
the Roma Fiction Fest.
Alessandro Grande est nàschidu in
Catanzaro in su 1983, at fatu su dotoradu
in s’Universidade Tor Vergata de Roma, in
istòria, scièntzias e tecnologia de sas artes.
At ammaniadu cortometràgios chi tratant
de temàticas sotziales: Fabietto Rispondi,
Torno Subito, Pena. Esclusione di vita chi
at bìnchidu su prèmiu ispetziale Alice a su
David de Donatello in su 2008; àteru film est
Nella mia prigione presentadu ufitzialmente a
su Fiction Fest de Roma in su 2010.
socio fondatore della GEM produzioni e
laureato in Storia, Scienze e Tecniche
dello Spettacolo, presso l’Università di
Tor Vergata. Particolarmente attento ai
temi sociali, è autore di Torno subito,
Pena. Esclusione di vita (Premio Speciale
Alice al David di Donatello 2008) e In my
prison, presentato al Roma Fiction Fest
2010.
Martedì 3 dicembre 2013
cortometraggi
MARGERITA
35
curtzumetràgios
36
IL POSTO DI DARIO
Francesco Corgiolu (Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 16’36’’)
Mo.: Francesco Corgiolu – Scen.: Francesca Mariani, Francesco Corgiolu –
Dir.fot.: Sandra Mancosu – Op.: Alessandro Corgiolu – Mus.: Diego Raspa
Sinossi
Synopsis
Sinossi
L’analisi della vita di Dario - un uomo
dedicatosi alla cultura e al teatro che
non ha più modo di perseguire le sue
passioni a causa della desolazione del
paese in cui vive - diventa il pretesto per
analizzare le brutture di una società che,
comunque, ha le risorse per risollevarsi e
non morire.
The analysis of Dario’s life, a man who
dedicated himself to culture and theatre
and who cannot pursue his passions
anymore because of civic desolation of
the land where he lives, becomes the
opportunity to analyze the blot of a
society which has, anyway, abilities to
raise again and not to die.
S’anàlisi de sa vida de Dario, un’òmine
chi at coladu sa vida sua cun sa
passione manna pro sa cultura e su
teatru. Cando non podet prus sighire
sas passiones suas, ca in ue istat b’at
disisperu, agatat su iscòtigu pro s’anàlisi de su disacatu de sa sotziedade, chi
comuncas tenet sa fortza pro si torrare
a pesare sena mòrrere.
Biografia
Francesco Corgiolu vive e lavora a
Sant’Antioco. Appassionato di cinema,
ha curato la regia e il montaggio dei
cortometraggi Curiosaggine (2009)
e L’Assedio (2011) e collaborato alla
produzione del cortometraggio Tzerrius
(2010) nonché di due spot a favore dello
sviluppo bioetico, C’era una volta (2011)
e Quel mazzolin di… (2012).
Biography
Biografia
Francesco Corgiolu lives and works in
Sant’Antioco. He is a cinemaddict, he looked
after the direction and the editing of shorts
Curiosaggine (2009) and L’Assedio (2011)
and he collaborated of making of short
Tzerrius (2010), two commercials in favour
of bioethical development, C’era una volta
(2011) and Quel mazzolin di… (2012).
Francesco Corgiolu istat e traballat in
Sant’Antiogu. Amantiosu de tzìnema, at
traballadu pro sos cortometràgios Curiosaggine (2009) e L’Assedio (2011), at traballadu
pro su cortometràgiu Tzerrius (2010) e pro
duas publitzidades a favore de s’isvilupu
bioèticu, C’era una volta (2011) e Quel
mazzolin di… (2012).
Martedì 3 dicembre 2013
Emanuela Angela Bertocchi (Italia, 2013, o.l. sardu/italiano, subt. ita, 22’17’’)
Sogg. e Scen.: Emanuela Angela Bertocchi – Dir.Fot.: Alberto Salvucci – Mo.: Michele Gagliani –
Mus.: Elena Bertocchi – Pr.: Cineclub Sassari fedic
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Durante una gita ad un sito archeologico,
quattro bambini si allontanano dai loro
compagni per giocare a nascondino
e vengono “dimenticati” dal resto del
gruppo che va via con il pullman. Inizia
così l’avventura di Antonio, Luca, Andrea
e Giovanni, che li porterà a conoscere,
grazie ad un personaggio misterioso, le
antiche leggende della tradizione sarda.
During a trip to an archaeological site,
four children move away from their
teammates to play hide and seek, then
they are “forgotten” by the rest of the
group that goes away by bus. So the
adventure of Antonio, Luca, Andrea and
Giovanni begins, during which they will
know a mysterious man, and with him
the ancient legends of Sardinian tradition.
Bator pitzinnos andant a gita a unu situ
archeològicu, comintzant a giogare a
cua-cua e gasi si nche istesiant dae
sos àteros cumpàngios, posca su restu
de sa cumpangia, chi partit in postale,
nche los ismèntigat. Est in custa manera chi comintzat su contu de Antoni,
Luca, Andria e Giuanne, custa aventura
lis at a permìtere de connòschere una
pessone misteriosa e cun issa sos
contos antigos de sa traditzione sarda.
Biografia
Biography
Biografia
Emanuela Angela Bertocchi vive ad
Orani, un paese nel centro Sardegna.
Da sempre appassionata di scrittura e
di cinema, scrive sin da piccola racconti
e poesie. Poi nel 2005, da autodidatta,
inizia a scrivere sceneggiature per cortometraggi, partecipando a vari concorsi
nazionali. Dal 2012 ha iniziato a scrivere
lungometraggi e recentemente ha finito
la sceneggiatura di un lungometraggio
sulla vita di Grazia Deledda.
Emanuela Angela Bertocchi lives in Orani,
a town in the center of the Sardinia. Always
been passionate about writing and cinema,
she writes short stories and poems since
childhood, then in 2005, like a self-taught,
she began writing screenplays for short ilms
participating in various national competitions. Since last year she began writing
feature ilms, and she has just inished the
screenplay for a feature ilm about the life of
Grazia Deledda.
Emanuela Angela Bertocchi istat in Orane,
una bidda in su tzentru Sardigna. Est apassionada dae semper de iscritura e tzìnema,
iscriet contos e poesias giai dae minore, in
su 2005 at comintzadu a iscrìere dae autodidata iscenegiaduras pro cortomentràgios,
at leadu parte a carchi cuncursu natzionale.
Dae s’annu coladu at comintzadu a iscrìere
lungometràgios, at acabadu dae pagu s’iscenegiadura de unu longumetràgiu chi tratat de
sa vida de Gràtzia Deledda.
Martedì 3 dicembre 2013
cortometraggi
S’INCONTRU
37
curtzumetràgios
38
LA SCATOLA DELLA STIRPE
Alessandro Spiliotopulos (Italia, 2013, o.l. grecanico, subt. ita, 16’53’’)
Scen.: Alessandro Spiliotopulos - Dir.Fot.: Ioannis Kavarnos, Arch. P. Nikodimos Kavarnòs – Mus.: Musicofilìa, Jalo tu Vùa, Αpodiafazzi
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Un greco di Calabria si reca agli uffici del
comune ellenofono di Bova per rinnovare
la sua carta d’identità. Il contadino è
sordomuto e analfabeta, e per questo se
ne inventa di tutti i colori pur di comunicare
i suoi dati agli sfaticati burocrati dell’ufficio.
A greek from Calabria went to the office
of the ellenofona Municipality of Bova,
to renew his identity card. The problem
is that this farmer is deaf and dumb and
illiterate, and then he invent anything
to communicate all its data to the lazy
bureaucrats.
Unu grecu de Calabria andat a sos
ufìtzios de su Comunu ellenòfonu de
Bova pro si annoare sa carta de identidade. Sa chistione però est chi custu
massaju est surdu, mudu e analfabeta,
duncas s’imbentat de totu pro resurtare
a si fàghere a cumprèndere dae sos
buròcrates mandrones.
Biografia
Alessandro Spiliotopulos è nato
a Cagliari e cresciuto a Patrasso, in
Grecia. Ha studiato cinema a Milano,
dove ha prodotto i suoi primi cortometraggi, ottenendo riconoscimenti in
vari festival nazionali ed internazionali.
Collabora come assistente alla regia
per grandi produzioni cinematografiche. Ha svolto un’estesa ricerca sulle
lingue minoritarie di origine greca del
Sud Italia, realizzando diversi lavori
audiovisivi.
Biography
Biografia
Alessandro Spiliotopulos. He was born in
Cagliari and grew up in Patras, Greece. He
studied ilm in Milan, where he produced
his irst short ilms, winning awards in
various national and international festivals.
He worked has assistant director for several
ilm productions. He currently lives and
works in Greece.
Alessandro Spiliotopulos naschet in
Casteddu e creschet in Patrasso, Grecia.
Istùdiat tzìnema in Milano in ue produit sos
primos cortometràgios chi li balent reconnoschimentos in festival natzionales e internatzionales. Collàborat comente assistente
a sa regia pro produtziones tzinematogràficas mannas. At fatu unu traballu mannu
de chirca subra sas limbas de minoria de
orìgine greca in Italia de su Sud.
Martedì 3 dicembre 2013
Enrico Jannacone (Italia, 2012, o.l. napoletano, subt ita, 15’07’’)
Scen.: Enrico Iannaccone - Dir.Fot.: Umberto Manente – Mo.: Enrico Iannaccone – Pr.: Zazen Film
Sinossi
Synopsis
Sinossi
La madre di un giovane malavitoso è
gravemente malata, ma il ragazzo sembra
non soffrirne affatto. A farlo ragionare saranno, paradossalmente, i suoi altrettanto
spietati “colleghi”, inducendolo così ad
agire in modo meccanico ed estremo.
The mother of a young careless gangster
is dying. The gangster’s associates,
disgusted by the boy’s disregard for his
sick mother, leads the character into
deep self reflection. These reflections,
having been processed mechanically and
without concern for moral, induce the
simplest yet most violent of actions.
Sa mama de unu giòvanu delincuente est
malàdia meda, paret chi pro su giòvanu
custu non siat unu pistighìngiu. A lu
pònnere in pensamentu ant a èssere sos
cullegas suos, mancari chi custos puru
de piedade nde tèngiant paga, in custa
manera issu s’at a cumportare in manera
mecànica e violenta.
Biografia
Biography
Biografia
Enrico Iannaccone è nato a Napoli
nel 1989. Da sempre intenzionato a
intraprendere la carriera di regista e
sceneggiatore, dopo un lungo periodo
trascorso a scrivere e dirigere vari
cortometraggi ed un mediometraggio
amatoriale esordisce con il primo lavoro
“ufficiale”, L’esecuzione, nel 2011.
Enrico Iannaccone was born in Naples on
1989. Always working in the pursue of a
career as a director and screenwriter, after
a long period spent writing and directing
several short ilms and a medium-length ilm,
with amateur means, he began his irst oficial work in 2011. It was titled Execution.
Enrico Iannaccone naschet in Napoli in
su 1989. Dae semper imbideadu a fàghere
carriera comente regista e iscenegiadore; a
pustis de tempus meda, coladu iscridende
cortometràgios e unu mediometràgiu, in su
2011 incomintzat a manera amatoriale e
bessit su primu traballu ufitziale intituladu
L’Esecuzione.
Mercoledì 4 dicembre 2013
cortometraggi
L’ESECUZIONE
39
curtzumetràgios
40
KONG PEH TSHAT OR
Shang-Sing Guo (Taiwan/China, 2012, o.l. hokkien/hanyu, subt. ing, 29’57’’)
Pr. Shang-Sing Guo – Scen.: Shang-Sing Guo – Dir.Fot.: Clarissa de los Reyes
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Didi, un ragazzo di campagna ingiustamente accusato di furto viene arrestato.
Lotta e perde la sua innocenza dopo il
suo incontro con l’oppressivo mondo
reale: classe, diritti e sessualità.
Didi, a country boy wrongly accused of
theft and detained, struggles and loses
his innocence by his encounter with the
oppressiveness of the real world: class,
law and sexuality.
Didi est unu pitzocu chi istat in su sartu, sena neghe benit cundennadu pro
fura e impresonadu, gherrat e perdet
s’innotzèntzia sua cando addòviat
su mundu reale e s’opressione sua:
classe, deretu, sessualidade.
Biografia
Biography
Biografia
Nato a Taipei, Shang-Sing Guo scrive
e dirige per il cinema e il teatro . Ha sviluppato un interesse per la narrazione in
giovane età, quando viveva con i nonni
in un tempio nel sud di Taiwan. Guo ha
conseguito un MFA presso la Graduate
Film Program alla Tisch School of the
Arts, dove ha ricevuto le borse di studio
Tisch School of the Arts e Dalio Family
Foundation Scholarship per l’Eccellenza
nella NYU.
Born in Taipei, Guo Shang-Sing writes and
directs for both ilm and theatre. He developed an interest in storytelling at a young
age when he grew up with his grandparents
at a temple in southern Taiwan. Guo earned
an MFA from the Graduate Film Program
at NYU’s Tisch School of the Arts, where he
was awarded the Tisch School of the Arts
Scholarships and Dalio Family Foundation
Scholarship for Excellence
Guo Shang-Sing naschet in Taipei, iscriet
e ghiat in campu de tzìnema e de teatru.
S’interessamentu pro contare istòrias est
nàschidu dae minore, cando istaiat in unu
tèmpiu cun sos giajos, in Taiwan. At leadu
su MFA in sa Graduate Film Program in sa
Tisch School de Arte, in ue at retzidu sas
bussas de istùdiu: Tisch School of the Arts
Scholarships e Dalio Family Foundation
Scholarship.
Mercoledì 4 dicembre 2013
Hannes Baumgartner (Schweiz, 2012, o.l. schwizertütsch/deutsch, subt. ing., 20’49’’)
Scen.: Hannes Baumgartner – Ass.Re.: Dario Schoch – Dir.Fot.: Jan Mettler – Mo.: Vera Kovac - Pr. Esec.: Aminta Iseppi
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Due fratelli e due obiettivi utopici: mentre
Manuel cerca di costruirsi un’esistenza
nella scalcagnata fattoria di famiglia,
René vuole convincere il suo fratellino
a partecipare alle sue attività criminali.
Sara, la ragazza di Manuel, inizia ad
apprezzare il suo fratello sconsiderato.
A story from the swiss backcountry. Two
brothers and two utopic goals: While
Manuel tries to build up an existence on
the ramshackle farm of his family, René
wants to convince his younger brother
to join his criminal activities. Meanwhile
Manuel’s girlfriend Sara starts to like the
reckless brother.
Un’istòria in unu logu a tesu dae sas
tzitades. Duos frades e duas maneras
diferentes de vìvere: Manuel chircat de
fraigare sa vida subra de una traditzione de famìlia, Renè cheret cumbìnchere
su frade a lu sighire in s’atividade criminale sua. A s’acabu, a sa cumpàngia de
Manuel, Sara, l’agradat sa manera de
Renè de pensare sa vida.
Biografia
Biography
Biografia
Hannes Baumgartner è nato nel 1983
ed è cresciuto a Winterthur. Dopo un
apprendistato cinematografico come
scrittore e regista, dal 2005 al 2009 ha
studiato alla F+F di Zurigo, presso il
dipartimento cinematografico. Nel 2012
si laurea alla ZHdK (Università delle
Belle Arti di Zurigo) con un Master in Arti
Cinematografiche. Attualmente vive e
lavora a Zurigo.
Hannes Baumgartner is born 1983. Grew
up in Winterthur. Cinematic apprenticeship
as writer and director. 2005-09 Studies at
F+F Zürich, Film department. 2012 degrees
from ZhdK (Zurich University of the Arts)
with a Master of Arts in Film. Works and lives
in Zürich.
Hannes Baumgartner est nàschidu in su
1983, crèschidu in Winterthur. At fatu s’aprendista tzinematogràficu comente iscenegiadore e regista, dae su 2005 a su 2009 at
istudiadu in sa F+F de Zurigo S’est laureadu
in su 2012 in sa ZHdK (Zurich University of
the Arts) e posca at sighidu unu Master Arts
in Film. Istat e traballat in Zurigo.
Mercoledì 4 dicembre 2013
cortometraggi
TENERIFFA
41
curtzumetràgios
42
4 BHANRÌON
Vittoria Colonna (Ireland, 2012, o.l. gaelige, subt. ing, 15’ 00’’)
Scen.: Eoin Rogers - Mo.: Julian Ulrichs - Op.: Cathal Watters - Mus.: Anna Rice - Fo.: Gareth Averil - Pr.: Cathleen Dore
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Quattro anziane sorelle irlandesi giocano
a poker con i loro Xanax, Valium e una
collana di perle, per decidere chi si
prenderà cura della loro difficile, irritabile,
anziana madre. Questa commedia nera,
esilarante e struggente, che racconta
d’amore e d’odio, si concluderà con un
colpo di scena sorprendente.
Four elderly Irish sisters play a nasty
game of poker with their Xanax, Valium
and a string of pearls, to decide who
will take care of their ailing and irritable,
ancient mother, in this hilarious dark
comedy, and poignant story of love,
hate & with a surprising twist.
Bator sorres irlandesas betzas chi
giogant a poker cun sas pastìglias de
Xanax, Valium e unu filu de perlas pro
seberare chie s’at a leare in càrrigu sa
mama betza e malàdia. Una cummèdia
niedda còmica e trista, unu contu
de amore e òdiu cun unu acabu chi
ispantat.
Biografia
Biography
Biografia
Scrittrice, regista e, in generale,
ricercatrice. Cresciuta tra Irlanda e Italia,
Vittoria Colonna ha studiato arte a
Roma. Dopo aver seguito l’addestramento per divenire cantante d’opera in
Toscana, ha poi proseguito nelle arti
dello spettacolo, concludendo i suoi
studi presso la Gaitey School of Acting a
Dublino, nel 2004. Più tardi si è dedicata
alla regia, dirigendo numerosi video
musicali, che hanno ottenuto riconoscimenti a vari livelli.
Writer, director and overall seeker. Growing
up between Ireland and Italy, Vittoria
Colonna was influenced to study fine art
painting in Rome. Having trained as an Opera singer in Tuscany, she then continued in
the performing arts, finishing her studies at
the Gaiety school of Acting in Dublin 2004.
Later she turned to directing where she
found her niche. Vittoria has directed numerous music videos, which have received
international acclaim.
Vittoria Colonna. Iscritora, regista e in
generale chircadora. Crèschida intre Irlanda
e Italia, at istudiadu arte in Roma. A pustis
de àere istudiadu in Toscana pro diventare
cantante de Òpera, at sighidu s’àndala
de s’arte de s’ispetàculu, acabende sos
istùdios suos in sa Gaiety school of Acting
in Dublino in su 2004. S’est dada a sa regia
prus a tardu. Vittoria at ghiadu paritzos
vìdeos musicales chi ant tentu reconnoschimentu internatzionale.
Giovedì 5 dicembre 2013
Josè Cruz Gurruchaga (Espana, 2013, o.l. euskera, subt. ing, 7’34’’)
Scen.: Jose Cruz Gurruchaga – Dir.Fot.: Xavi Lozano – Mo.: Aitor Aranguren, Jose Cruz Gurruchaga –
Fo.: Ion Arenas - Pr.Esec.: Banatu Filmak S.L, Dir.Pr.: Sonia Pacios
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Cosa succederebbe se fossimo diversi
da quel che è considerato “normale”?
Saremo capaci di accettare noi stessi?
What would happen if we were different
from what is considered “normal”?. We
would be able to accepting ourselves?
Ite diat a capitare si diamus èssere
diferentes dae su chi est bidu comente
“normale”? Diamus èssere capatzos de
atzetare a nois etotu?
Biografia
Biography
Biografia
Jose Cruz Gurruchaga, all’inizio degli anni
Novanta studia in una scuola di cinema e
video, contemporaneamente studia drammaturgia e inizia molto presto la carriera di
attore di teatro (Antigone e Edward II), e di
cinema in numerose serie TV, come nella
commedia Goenkale per 3 anni. Collabora
con il regista Aitor Aranguren e successivamente decide di dirigere il suo primo
cortometraggio, Eta orain egingo dugu?
Jose Cruz Gurruchaga. At the beginning of
the 90s, he attended the School of Film and
Video. In parallel, he studied Drama and soon
began his career as an theater actor (Antigone and Edward II), in movies as well as in
numerous TV series, combining acting with
scriptwriting and directing, as he did in the
TV series Goenkale for 3 years, collaborating
with the director Aitor Aranguren. Because
of that experience, he decided to his irst
short feature: Eta oran, zer egingo dugu?
Jose Cruz Gurruchaga. In sos primos annos noranta istùdiat in s’iscola de tzìnema e
vìdeo e a su matessi tempus drammaturgia.
Incomintzat sa carriera de atore de teatru
dae giòvanu (in òperas comente Antigone
e Edward II) e in televisione cun sa sèrie
Goenkale pro tres annos. Traballat paris cun
su regista Aitor Aranguren e posca detzidit
de ghiare su primu cortometràgiu suo: Eta
orain, zer egingo dugu?
Giovedì 5 dicembre 2013
cortometraggi
ETA ORAIN, ZER EGINGO DUGU?
43
curtzumetràgios
44
DU & ICH
Isik Esen (Schweiz, 2011, o.l. schwizertütsch/türkçe/deutsch, subt. ing., 21’38’’)
Scen.: Isik Esen – Dir.Fot.: Gabriel Sandru – Mo.: Kaya Inan – Mus.: Marcel Vaid - Pr.: Brigitte Hofer
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Linda e Sevilay, 15 anni, hanno un
problema. Non si tratta del loro diverso
background culturale, né del triste
condominio di periferia in cui vivono,
ma piuttosto dei loro dannati genitori.
Se solo potessero fuggire via! Alla festa
per il compleanno di Linda la situazione
esplode.
15-year-old Linda and Sevilay have a
problem. It is not their different cultural
backgrounds or the sterile apartment
building in the suburbs: it’s their
screwed up parents. If only the girls
could run away. At Linda’s birthday party
everything escalates!
Linda e Sevilay, 15 annos, tenent unu
problema: no est cussu de sa cultura
issoro diferente, nen de su palatzu
tristu e foranu in ue istant, ma a dolu
mannu su problema est su babbu e sa
mama issoro. Si mancari si nche.diant
pòdere fuire. Sa die chi Linda festat
sos annos sa situatzione iscòpiat!
Biografia
Biography
Biografia
Esen Isik è nato nel 1969 a Istanbul e
dal 1990 vive in Svizzera. Dal 1992 al
1997 frequenta la ZHdK (Zürcher Hochschule der Künste / Zurich University
of the Arts), nel dipartimento film e video
e si laurea nel 1997. Nel 2000 ha vinto
il Premio del Cinema Svizzero - Miglior
cortometraggio per Babami Hirsizlar
Caldi (The Stolen Father). Nel 2012 ha
ricevuto il Premio del cinema Svizzero
“Quartz 2012” al miglior cortometraggio
per Du & Ich.
Esen Isik Born in 1969 in Istanbul, Turkey.
Since 1990 lives in Switzerland. From 1992
to 1997 attended ZHdK (Zürcher Hochschule der Künste), ilm & video department
and in 1997 received his degree. In 2000
he won the Swiss Film Prize - Best Short
Film for Babami Hirsizlar Caldi (The Stolen
Father). And in 2012 he has received a Swiss
Film Prize Quartz 2012 - Best Short Film for
DU&ICH.
Esen Isik naschet in su 1969 a Istanbul,
Turchia. Dae su 1990 istat in Svizzera. Dae
su 1992 a su 1997 sighit sa ZHdK (Zürcher
Hochschule der Künste/ Zurich University
of the Arts), in su dipartimentu film e vìdeo,
si làureat in su 1997. In su 2000 binchet su
prèmiu de su tzìnema isvìtzeru comente
cortometràgiu mègius pro Babami Hirsizlar
Caldi (The Stolen Father). In su 2012 retzit
su Prèmiu de su tzìnema isvitzeru “Quartz
2012”, cortometràgiu mègius pro DU & ICH.
Giovedì 5 dicembre 2013
Stefano Tagliaferri (Italia, 2012, o.l. pagnonese, subt. ita. , 45’16’’)
Scen.: Stefano Tagliaferri – Dir.Fot.: Stefano Tagliaferri, Marco Tagliaferri – Fo.: Augusto Maglia –
Mo.: Stefano Tagliaferri – Mus.: Stefano Tagliaferri, Gianmichele Brena
Sinossi
Synopsis
Sinossi
A Pagnona, in Alta Valsassina, la “Püre”
era una presenza inspiegabile ed oscura
che terrorizzava il paese. Dopo il Concilio
Vaticano II, dicono, la Paura è scomparsa.
Il giorno dei morti del 1921, Anna, madre
vedova di guerra, alle prese col figlio malato, si imbatte in un angosciante mistero.
In Pagnona. High Valsassina, the “Pure”
was a dark and inexplicable presence
that terrorized the country. After Vatican
II, they say, the fear is gone. Day of the
Dead, 1921: Anna, a war widow mother,
struggling with the sick child, runs into a
frightening mystery.
In Pagnona, Alta Valsassina, la “Püre”
fiat una presèntzia chi faghiat a tìmere
sa gente de sa bidda. A pustis de
su Contzìliu Vaticanu II, narant chi
“Paura” est iscumparta. Sa die de sos
mortos, in su 1921, Anna, mama e
viuda de gherra, chi mirat a su fìgiu
malàidu, connoschet unu mistèriu chi la
pistighìngiat.
Biografia
Stefano Tagliaferri è nato a Lecco nel
1978 ed è cresciuto a Pagnona, in Alta
Valsassina. Dal 2007, dopo il diploma in
fotografia all’Istituto Europeo di Design
di Milano, lavora come assistente e
post-produttore in studi fotografici e
agenzie pubblicitarie. Durante un seminario di sceneggiatura scopre il piacere
per la scrittura e nel 2012 si diverte a
fondere le sue due passioni, autoproducendo il suo primo film breve.
Biography
Biografia
Stefano Tagliaferri. Born in Lecco in 1978,
he grew up in Pagnona, in Alta Valsassina.
Since 2007, after graduating in photography
at the European Institute of Design in Milan,
he worked as an assistant and retoucher in
photographic studios and advertising agencies. During a seminar in screenwriting he
discovers his love for writing and in 2012,
likes to blend his two passions and produced
irst short ilm.
Stefano Tagliaferri. Nàschidu in Lecco in su
1978, creschet in Pagnona, Alta Valsassina.
Dae su 2007, a pustis de su diploma in
fotografia, in s’Istitutu Europeu de Design
de Milano, traballat comente assistente
e postprodutore in istùdios fotogràficos e
agentzias de publitzidade. In unu seminàriu
de iscenegiadura connoschet su gosu de
iscrìere e in su 2012 s’ispàssiat aunende sas
duas passiones, in custa manera produet su
primu film curtzu suo.
Venerdì 6 dicembre 2013
cortometraggi
ORA CAMMINA CON ME
45
curtzumetràgios
46
CALLE ULTIMA
Marcelo Martinessi (Paraguay, 2011, o.l. joparà, subt. ing, 18’57’’)
Dir.Fot. e Mo.: Rasmus Sievers – Scen.: Marina Monsonìs – Fo.: Alejandro Lopez Velarde, Xavier Agirre Arenaza
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Miriam, adolescente di 13 anni, è povera,
deve lavorare e studiare. Il film racconta
le sue peripezie e come debba diventare
grande prima del tempo, in una strada di
confine tra Asunción e la sua periferia.
Tutti gli attori compaiono per la prima
volta davanti alla macchina da presa
e sono parte di un progetto che lavora
con bambini e adolescenti in situazioni
a rischio.
Myriam is thirteen years of age. Today
could be her last day at school. This
film follows her day with all its ups and
downs – and describes her efforts to
find acceptance. The young actors who
appear in this film are all participants of
a project that aims to combat violence
and sexual abuse among children and
young people.
Miriam, est una giòvana de 13 annos,
est pòbera e devet istudiare e traballare. Su film contant sas peleas suas e
comente devet crèschere prima de su
tempus, in un’istradone de làcana intre
Asunción e sos logos a fùrriu. Totus
sos atores cumparint pro sa prima
borta in dae in antis de sa tzinepresa e
sunt parte de unu progetu chi traballat
cun sos pitzinnos e sa gioventude chi
sunt a arriscu.
Biografia
Biography
Biografia
Marcelo Martinessi è nato nel 1973 ad
Asunción, dove ha studiato comunicazione. Ha poi studiato cinema alla New
York Film Academy (1996) e a Londra
(2003-05). Dal 1992 ha realizzato
soprattutto documentari, incentrati su
temi quali la discriminazione e la sua
terra natale, il Paraguay. Nel 2009, il suo
corto Karai Norte è stato proiettato alla
Berlinale e ha vinto il premio Maestrale
al miglior cortometraggio del Babel Film
Festival 2011.
Marcelo Martinessi. Born in 1973 in
Asunción, where he studied communications. Studied ilm at New York Film Academy
(1996) and in London (2003-05). Since
1992 he has mainly made documentaries,
on topics such as discrimination as well as
his native land, Paraguay. In 2009 his short
Karai Norte screened at the Berlinale.
Marcelo Martinessi. Nàschidu in su 1973 in
Asunción in ue at istudiadu comunicatzione.
At fintzas istudiadu tzìnema in s’acadèmia
de New York (1996) e in Londra (2003-05).
Dae su 1992 at ammaniadu mescamente
documentàrios subra argumentos comente
sa discriminatzione e sa terra in ue est
nàschidu, Paraguay. In su 2009 su traballu
suo: Karai Norte est istadu proietadu a sa
Berlinale, at bìnchidu posca, in su Babel
Film Festival de su 2011 su prèmiu Maestrale comente cortometràgius mègius.
Venerdì 6 dicembre 2013
Salvatore Mereu (Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 5’00’’, fiction)
Scen.: Salvatore Mereu – Dir.Fot.: Massimo Foletti – Pr.: Viacolvento col supporto di Sardinia Film Commission
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Dopo una giornata passata a transumare
al seguito dello zio, Elias ha un solo
sollievo: guardare il cielo, alla sera, che
comincia ad apparecchiarsi di stelle e di
aerei e sognare di stare da un’ altra parte.
After a day spent for transhumance,
following his uncle, Elias has only one
relief: look at the sky in the evening, full
of stars and planes, and dreaming of
being somewhere else.
A pustis de una die colada paris cun
su tziu a tramudare, Elias podet torrare
àlinu in una manera ebbia: a sero cando abàidat su chelu in ue comintzant a
si bìere sos primos isteddos e aèreos,
bisende de istare in un àteru logu.
Biografia
Biography
Biografia
Salvatore Mereu è nato a Dorgali
(Nuoro) nel 1965. Nel 2003 gira il suo
primo lungometraggio, Ballo a tre passi,
premiato alla Settimana Internazionale
della Critica alla 60ª Mostra di Venezia.
Il suo secondo film, Sonetaula, è presentato alla Berlinale 2008 nella sezione
Panorama, e vince tre Globi d’oro tra cui
il Gran premio della Stampa Estera
Salvatore Mereu was born in Dorgali
(Nuoro) in 1965. Mereu made his irst feature ilm Ballo a tre passi in 2003 , winning
awards at the Settimana Internazionale della
Critica alla 60 Mostra Internazionale di Arte
Cinematogra ica. His second ilm, Sonetaula,
presented at the Berlinale in 2008 (group
panorama) won three Golden Globes, one
being the Gran premio della Stampa Estera
(Foreign Press Award).
Salvatore Mereu naschet in Durgale,
(Nùgoro) in su 1965. In su 2003, girat su
primu film suo Ballo a tre passi, premiadu
in sa Settimana Internazionale della Critica
a sa de 60 Mustra Internatzionale de Arte
Tzinematogràfica. Su de duos film est
Sonetàula, presentadu a sa Berlinale 2008 in
sa setzione Panorama, binchet tres Globos
de oro e intre custos su Gran Premio della
Stampa Estera
Venerdì 6 dicembre 2013
cortometraggi
TRANSUMANZA
47
curtzumetràgios
48
DEUS ET MACHINA
Koldo Almandoz (España, 2012, o.l. euskera, subt. ita, 8’46’’)
Scen.: Koldo Almandoz – Op.: Javi Agirre – Mo.: Laurent Dufreche - Pr.: Txintxua Films, Marian Fernández
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Il lavoratore va ogni giorno in fabbrica.
È l’unico qualificato per fare il lavoro che
svolge. Un lavoro preciso, monotono e
ripetitivo. Ogni mattina la stessa cerimonia, l’avvio di ogni macchina. Ma oggi ha
preso una decisione...
The employee comes to the factory
every day. He is the only person who is
qualified to do his particular job. It is
precise, mundane, and repetitive work.
Every morning he goes through the same
drill, starting up each machine. Today,
though, he has made a decision...
S’operàiu andat onni die a fàbrica. Est
cualificadu pro fàghere su traballu suo,
unu traballu pretzisu e semper uguale
chi non mudat mai. Onni mangianu su
matessi ritu, allùghere sos machinàrios.
Ma oe at detzisu chi…
Biografia
Biography
Biografia
Koldo Almandoz è nato a Donostia,
San Sebastián, nel 1973. Sull’orlo
dei 40 ha deciso di cancellare la sua
biografia ufficiale e aderire a una setta.
Per ora non c’è nulla di interessante
da raccontare sulla sua nuova vita…
nemmeno sulla vecchia.
Koldo Almandoz. Donostia/San Sebastián,
1973. Just before his 40th birthday, he has
decided to erase his of icial biography and
join a cult. For the time being, there is nothing interesting to note about his new life…
nor about his old one.
Koldo Almandoz. Donostia/San Sebastián,
1973. A fùrriu de sos 40 annos detzidit de
cantzellare s’istòria de sa vida sua colada e
aderit a una seta, pro como non b’at nudda
de giudu de contare subra de sa vida noa
sua… e mancu de sa betza.
Venerdì 6 dicembre 2013
Telmo Esnal (España, 2012, o.l. euskera, subt. ing., 4’00’’)
Scen.: Telmo Esnal - Dir.Fot.: Javi Agirre – Mo.: Laurent Dufreche - Pr.Esec.: Txintxua Films
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Ogni giorno, alla stessa ora, Antonio e
Santi intrattengono una curiosa conversazione. Tre donne sono testimoni.
Every day, at the same time, Antonio and
Santi have a strange conversation. Three
women are witness to it.
Onni die a sa matessi ora, Antonio e
Santi comintzant a chistionare de isciollòrios. Tres fèminas assistint a s’iscena.
Biografia
Biography
Biografia
Dopo una lunga carriera da aiuto regista
ed un’incursione di successo nel mondo
del cortometraggio (grazie a più di 100
premi in molti festival), Telmo Esnal ha
fatto il grande passo al lungometraggio
con la co-regia di Aupa Etxebeste! nel
2005: una commedia che divenne il film
in lingua basca di maggior successo di
tutti i tempi, con più di 70.000 spettatori
ed una nomination al Goya come miglior
regista esordiente. Il suo cortometraggio
Amona Putz ha vinto il premio Maestrale
miglior fiction alla 1ª edizione del Babel
Film Festival 2010. Urteberri on, Amona!,
è il suo primo lungometraggio come
regista.
Telmo Esnal. After inishing C.O.U. studies at
the Lizardi Institute of Zarautz, He was irst
introduced to the world of the audiovisual at
Film and Video school of Andoain. He graduates in Andoain ES.CI.VI in 1988. That same
year he participated in a Film Directing seminar taught by Jose Luis Guerin. In 2006 he
participated in a Script Master Class taught
by Linda Seger and organized by the Sgae.
He learned the rest working and studying on
his own…
A pustis de una carriera longa comente agiudu regista e de èssere intradu in su mundu
de su cortometràgiu, (at retzidu prus de
chentu prèmios in paritzos festivals), Telmo
Esnal, incomintzat cun sos longumetràgios,
in su 2005, cun sa regia de Aupa Etxebeste!
una cummèdia chi diventat su film in limba
basca prus connotu de totu sos tempos,
retzit una nomination a su Goya comente regista noitolu mègius. Su cortometràgiu Amona Putz, at bìnchidu su Prèmiu Maestrale a
sa prima editzione de su Babel Film Festival
in su 2010. Urteberri on Amona! est su primu
longumetràgiu suo comente regista.
Venerdì 6 dicembre 2013
cortometraggi
HAMAIKETAKOA
49
curtzumetràgios
50
I DADI CANTASTORIE
Monica Dovarch | Fabio Dentella (Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 10’27’’)
Op.: Monica Dovarch – Mo.: Monica Dovarch, Fabio Dentella – Mo.Su.: Stefano Ferrari
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Questo progetto si propone di documentare l’esistenza della lingua sarda e di
raccontare le sue sfumature attraverso le
sonorità, rendendola fruibile e accessibile
ad un pubblico ampio, non soltanto in
Italia, anche nel resto del mondo.
The goal of the project is to document
the language spoken in Sardinia, and
tell it’s many nuances through the
differences of the sound, making it
accessible to a wide audience which is
not just the rest of Italy but it’s extended
at an international level.
Sa punna de custu progetu est de
documentare sa limba sarda e de
mustrare sas isfumaduras suas pro
mèdiu de sas sonoridades, faghende a
manera chi totus la potzant impreare e
manigiare, no in Italia ebbia ma in totu
su mundu
Biografia
Biography
Biografia
Fabio Dentella, operatore specializzato
in riprese cinematografiche dal 2002,
nel 2006 apre uno studio a Berlino
come filmmaker, partecipa a numerose
produzioni internazionali e nello stesso
anno dà vita all’associazione “Kinocitta’”. Nel 2009 fonda a Berlino la casa
di produzione “Blink of an eye” insieme
ad Armin Mobasseri, con cui realizzano
diversi progetti in campo artistico e commerciale. per promuovere e supportare
il cinema.
Monica Dovarch è nata a Nuoro nel
1984. Ha studiato Antropologia Culturale
all’Università degli Studi di Bologna.
Dopo aver frequentato nel 2008-2009
un Master in Antropologia Visuale alla
Goldsmiths University of London, nel
2012 ha frequentato un corso di Documentario a Berlino presso Film Arche. Al
momento vive a Berlino e lavora come
camera operatrice, sound operatrice e
assistente direzione della fotografia per
diversi progetti di cinema di finzione,
continuando a portare avanti i suoi
progetti come regista di documentari.
Fabio Dentella In Berlin, in 2009, he
founded Blink Of An Eye Productions with
Armin Mobasseri, which realized several
artistic and commercial projects. He also
created the Kinocittà association, to promote
and support cinema. In, 2006, his studio in
Berlin began his activity: he worked as a
freelance ilmmaker and has participated in
several international productions. In 2002,
he worked as cinema cameraman.
Monica Dovarch was born in Nuoro in
1984. She studied Cultural Anthropology
at the Università degli Studi di Bologna.
In 2008/2009 she attended a Master of
Art in Visual Anthropology at Goldsmiths
University of London. In 2012 she attended
a course on Documentary Making held
at FilmArche, a self managed ilm school
in Berlin. She is currently living in Berlin
working as camera operator, sound operator
and assistant director of photography for
several ictions and ilms projects, as well
as carrying out her independent projects as
documentary director.
Fabio Dentella, ispetzializadu comente
operadore in ripresas tzinematogràficas.
In su 2006, aberit un’istùdiu in Berlino, comente filmmaker e lìberu professionista leat
parte a paritzas produtziones internatzionales, in su matessi annu dat vida a su
sòtziu Kinocittà. In su 2009 paris cun Armin
Mobasseri, dat vida a sa domo de produtzione “Blink of an eye”, ammàniant progetos
diferentes in campu artìsticu e cummertziale
pro proomòvere e suportare su tzìnema.
Monica Dovarch est nàschida in Nùgoro
in su 1984, at istudiadu antropologia
culturale in s’Universidade de Bologna. In
su 2008/2009 at sighidu unu Master de
Antropologia Visuale in s’Universidade
Goldsmiths de Londra. In su 2012 at sighidu
unu cursu de documentàriu in Berlino in
sa FilmArche. A dies de oe istat in Berlino
e traballat comente operadora de camera,
de su sonu e assistente a sa diretzione de
sa fotografia pro diferentes progetos de
tzìnema de fintzione, in su peristanti sighit
a mandare a in antis sos progetos suos
comente regista de documentàrios.
Venerdì 6 dicembre 2013
FESTIVAL
DOCUMENTARIOS | DOCUMENTARI
Christian Manno | Pantaleo Rielli (Italia, 2013, o.l. griko/italiano/salentino, subt. ita, 42’43’’)
Scen.: Christian Manno, Pantaleo Rielli – Mo.:hristian Manno – Dir.Fot.: Christian Manno, Pantaleo Rielli –
Fo.: Luca di Sabato – Pr.: I move Puglia.tv, Bioglazdoc, Associazione Salento Griko
Sinossi
Synopsis
Sinossi
“Gente cu doi lingue” (gente con due
lingue) era chiamato con disprezzo il
popolo di origine greca del Salento. Per
secoli la lingua è stata fattore di divisione
tra paesi distanti tra loro solo pochi chilometri. Il documentario scava nel vissuto,
tra amore, emigrazione, nostalgia, fede,
lavoro, famiglia, poesia e musica, e ci
consegna una fotografia del reale in bilico
tra la speranza di conservare il griko e la
rassegnazione di vederlo andar via.
“Gente cu doi lingue” (people with two
languages) were contemptuously called
the people of Greek origin of Salento.
For centuries, the language has been
a dividing factor between villages, a
few kilometres from each other. The
documentary delves into the lives lived,
through love, migration, nostalgia, faith,
work, family, poetry and music. It gives
us a picture of the reality poised between
the hope of preserving grico and the
resignation in seeing it go.
“Gente cu doi lingue” (gente cun duas
limbas) gasi fiat numenadu sena istima
peruna su pòpulu de orìgines grecas
de su Salento. Pro sèculos sa limba
at partzidu biddas a curtzu s’una dae
s’àtera. Su documentàriu iscorrovat
in sa vida, intre amore, emigratzione,
nostalgia, fide, traballu, famìlia, poesia
e mùsica, nos dat una fotografia chi mustrat sa realidade a metade tretu intre
s’isperàntzia de mantènnere su grico e
su de non pòdere fàghere nudda pro a
issu e duncas de lu bìere mòrrere.
Biografia
Biography
Biografia
Christian Manno è laureato in Scienze
della Formazione presso l’Università del
Salento. Ha collaborato con la rivista “Etnopolis” e lavora come operatore filmico
e montatore presso emittenti televisive
locali e web tv. È socio della Web tv “I
Move Puglia”.
Pantaleo Rielli fonda e dirige il Parco
Turistico Culturale Palmieri di Martignano, Centro servizi al Turismo ed alla
Cultura. È operatore culturale e guida
turistica riconosciuta dalla Regione
Puglia. Si occupa dal 2004 di ricerca,
promozione, valorizzazione e fruizione
del territorio salentino, in particolare
griko. Ha collaborato con programmi ed
emittenti radio televisive.
Christian Manno is Graduated in Sciences
of Education at the University of Salento,
Christian Manno has collaborated with the
magazine Etnopolis and works as a cameraman and ilm editor at local TV stations and
web TV. He is a member of Web TV I Move
Puglia.
Pantaleo Rielli founded and managed the
Parco Turistico Culturale Palmieri in Martignano, which is a service Centre for Tourism
and Culture. He is a cultural worker and
tour guide of icially recognized by the Puglia
Region. Since 2004 he has worked for the
research, promotion, development and accessibility of Tourism in Salento, in particular
the grico area. He has collaborated with
television programs and radio stations.
Christian Manno est laureadu in Scièntzia
de s’educatzione, in s’Universidade de
su Salento. At collaboradu cun sa rivista
“Etnopolis” e traballadu comente cameraman
e film editor in televisiones locales e in sa
web TV. Est mèmbru de sa Web TV I Move
Puglia.
Pantaleo Rielli fundat e ghiat su Parcu
Turìsticu Culturale Palmieri de Martignano,
Tzentru Servìtzios a su Turismu. Est operadore culturale, guida turìstica reconnota dae
sa Regione Puglia. Dae su 2004 si òcupat de
chirca, promotzione, valorizatzione e impreu
de su territòriu de su Salento , mescamente
de cussu grico. At collaboradu cun programmas e emitentes ràdio televisivas.
Martedì 3 dicembre 2013
documentari
EVO’CE ESU’
53
documentàrios
54
BARSAQ
Daniele Piras | Carlos Chang Cheng (España, 2012, o.l wolof/español, subt. ita, 52’52’’)
Op.: Steven Van Oosterwilj – Fo.: Akira Cordeiro – Mo.: Daniele Piras, Carlos Chang Cheng –
Scen.: Mamadou Diagne – Mus.: Abdoulaye Cissokho, Diego Eslava.
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Barça o Barsaq, vita o morte, è
l’espressione usata dagli Africani prima di
attraversare le acque che li separano dal
sogno Europeo, a bordo di zattere. Barsaq è il titolo dell’opera di teatro scritta e
diretta da Mamadou Diagne e rappresentata da ragazzi senegalesi, che racconta
il prima e il dopo l’attraversata in mare.
Una storia di sogni, illusioni e falsità.
L’obiettivo di Mamadou non è rappresentare la sua opera solo a Barcellona, ma
in ogni città del Senegal.
Barça or Barsaq, life or death, it’s the
phrase used by Africans before they
sail off with cayucos to a better future
in Europe. Barsaq is the name of the
theatrical play of Mamadou Diagne put
on stage by Senegales guys, telling how
is life lived here, showing the before and
after of the trip they made. A story of
dreams, illusions and lies. Mamadou’s
target is not to stage the play in
Barcelona, but in every town in Senegal.
Barça or Barsaq, vida o morte, una
manera de nàrrere de sos africanos
impreada in antis de rugrare, cun
zàteras, sas abbas pro lòmpere a su
mundu europeu. Barsaq est su tìtulu de
un’òpera teatrale iscrita e ghiada dae
Mamadou Diagne, rapresentada dae
senegalesos chi contant su chi ant fatu
in antis de partire e posca. Unu contu
de bisos, illusiones e fàulas. Sa punna
de Mamadou no est de presentare
s’òpera sua in Barcellona ebbia, ma in
onni tzitade de su Senegal.
Biografia
Biography
Biografia
Carlos Chang Cheng e Daniele Piras
s’incontrano a Barcellona nel 2007.
Carlos viene dal Perù, Daniele viene
dall’Italia. Seguono lo stesso master
in Antropologia visiva all’Università di
Barcellona e il progetto “Barsaq” nasce
dal loro incontro con Mamadou Diagne,
un professore senegalese immigrato in
Spagna.
Carlos Chang Cheng and Daniele Piras met
in Barcelona in 2007. Carlos is from Perù,
Daniele is from Italy. In Barcelona they study
the same Master in Visual Anthropology. The
project Barsaq was born with the encounter
of Mamadou Diagne, a senegales professor
emigrate in Spain.
Carlos Chang Cheng e Daniele Piras
s’addòviant in Barcellona in su 2007. Carlos
benit dae su Perù, Daniele benit dae s’Italia.
In s’Universidade de Barcellona sighint ambos duos su master in antropologia visiva.
Su progetu Barsaq naschet dae s’addòviu
cun su professore senegalesu imigradu in
Spagna, Mamadou Diagne.
Martedì 3 dicembre 2013
Gianfranco Fois (Italia, 2012, o.l. algueres/italiano, subt. ita, 32’29’’)
Op., Mo. e Mus.: Gianfranco Fois. - Vox.: Paolo Fois
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Il 14 maggio 1943 alcuni caccia americani
sferrano un pesante mitragliamento nella
rada di Alghero a danno di un gruppo di
pescatori, uccidendone 6. Il 17 maggio
1943, la notte di San Pasquale, è la volta
del centro cittadino di Alghero. Alcune
squadriglie di caccia Wellington appartenenti alla RAF britannica, bombardano la
città provocando decine di morti.
On May 14 1943, several American
fighters struck the Bay of Alghero with
heavy machine-gun fire; as a result 6
fishermen were killed. On May 17 1943,
the night of San Pasquale, it was the
turn of the city centre. Several fighter
squadrons belonging to the British RAF
Wellington bombarded the city, causing
dozens of deaths.
Su 14 de maju de su 1943 unos
cantos aèreos de gherra americanos
incomintzant a mitragliare s’Alighera,
corpint unu grustu de piscadores e nde
bochint 6. Su 17 de maju de su 1943,
sa note de Santu Pascale, tocat a su
tzentru de sa tzitade. Sas iscuadrìglias
de sos aèreos Wellington chi faghiant
parte de sa RAF britànnica, bombardant
sa tzitade bochende gente meda.
Biografia
Biography
Biografia
Gianfranco Fois nasce nel 1983 ad
Alghero. Frequenta l’Istituto d’Arte
F. Costantino conseguendo il diploma
in Grafica Pubblicitaria e Fotografia nel
2002. Fin da ragazzino è appassionato
di cinema e grande collezionista di film.
Nel 2012 completa un corso di Editing
Video e Visual Effects ed ora si occupa
principalmente di montaggio video e
motion graphics. Collabora con lo studio
Mouse Adv e l’illustratore Taf.
Gianfranco Fois was born in 1983, in
Alghero. He attended the Art Institute F.
Constantine and gained a diploma in Graphic
Design and Photography in 2002. As a young
boy, he was fond of cinema and also a great
collector of ilms. In 2012, he attended to a
full course of video editing and Visual Effects.
He now works on video editing and motion
graphics. He worked with the Mouse Adv
studio and the illustrator Taf.
Gianfranco Fois naschet in su 1983 in
s’Alighera. In su 2002 leat su diploma in
Gràfica Publitzitària e Fotografia in s’Istitutu
de Arte F. Costantino. Giai dae minore est
apassionadu de tzìnema e colletzionat film.
In su 2012 acabat unu cursu de editing vìdeo
e Visual Effects, como si ocupat de montàgiu
vìdeo e motion graphics. Traballat cun
s’istùdiu Mouse Adv e s’illustradore Taf.
Martedì 3 dicembre 2013
documentari
17 MAGGIO 1943. LO SILENCI TRONCAT
55
documentàrios
56
STORIE ARBERESHE
Mario Balsamo (Italia, 2006, o.l. arbërëshe/italiano, subt ita, 54’11’’)
Mo.: Ilaria Fraioli - Dir.Fot.: Alfredo Betrò - Fo.: Lorenzo Corvi - Mo.Su.: Valentino Giannì - Pr.: Nicola Sofri
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Sicilia. Per raccontare che cosa significhi
‘arberesh’ oggi, mi sono concentrato su
una banda musicale, quella di Mezzojuso, e sulla vita di tutti i giorni a Piana degli Albanesi. Da cui una sorta di “Le Mille
e una notte”: i personaggi che raccontano
storie arbereshe mischiate alla fantasia e
al passato reale di una vita difficile, in un
luogo povero e a volte inospitale.
Sicily. In order to tell you what ‘arberesh’
means today, I focused on a band, the one
from Mezzojuso, and the daily lives of the
people of Piana degli Albanesi. From this,
a sort of One Thousand and One Nights
was born: the characters tell “arbereshe”
stories, in which the imagination and the
real past of difficult lives are mixed, in a
poor and sometimes inhospitable place.
Sicilia. Pro contare ite cheret nàrrere
oe ‘arberesh’ mi so limitadu a sa vida
de onni die in Piana degli Albanesi e a
una banda musicale, cussa de Mezzojuso. Est comente a contare una casta
de Le Mille e una notte: personàgios
chi contant istòrias arbereshe misturadas cun sa fantasia e su passadu beru
de una vida difìtzile in unu logu pòberu
e a bortas pro nudda ospitale.
Biografia
Biography
Biografia
Mario Balsamo, laureato in filosofia con
tesi in storia del cinema, è documentarista, docente di regia documentaria e
scrittore. Unisce alla realizzazione di
film documentari, videoclip e spot di
comunicazione sociale, la sua attività di
docente di regia e di scrittura di cinema
documentario. I suoi lavori si possono
trovare su www.iltuodocumentario.it
Mario Balsamo graduated in philosophy
with a degree thesis on the history of cinema. He directed documentaries. He teaches
documentary direction. He’s a writer. In addition to this, he directed music videos and
social communication advertisement.
Mario Balsamo, laureadu cun tesi in istòria
de su tzìnema, est documentarista, professore de regia documentària e iscritore. Ligat
a su fàghere film documentàrios, videoclip
e publitzidade sotziale, s’atividade sua de
dotzente de regia e de iscritura de tzìnema
documentàriu. Su situ in ue agatare traballos
suos est: www.iltuodocumentario.it.
Martedì 3 dicembre 2013
Fredo Valla (Italia, 2012/2013, o.l. occitano/piemontese, subt. ita, 41’04’’)
Scen.: Fredo Valla, Elia Lombardo – Dir.Fot.: Michele Zampierin – Mo.: Remo Schellino, Luca Olivieri –
Mu.: Franco Olivero, La Ciapa Rusa – Pr.: Polistudio
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Balma Boves, vertigine temporale
raccontata da coloro che in quel luogo
antico sono nati e hanno vissuto. Volti
e storie che testimoniano la fatica e la
bellezza di una civiltà saggia e dimenticata. Immagini di un’architettura rupestre
unica nelle Alpi occidentali documentata
nell’avvicendarsi delle stagioni. Tempo
nuovo che accarezza posti immobilizzati
in un passato non così remoto, ma che
sembra già lontanissimo ad uno sguardo
contemporaneo.
Balma Boves, temporal vertigo told
by those who were born and have
lived in that ancient place. Faces and
stories that were witness to the hard
work and the beauty of a wise and
forgotten civilization. Pictures of a rock
architecture unique in the western
Alps, documented in the passing of the
seasons. New time caressing places,
immobilized in a not so distant past, but
which already seems far away from a
contemporary perspective.
Balma Boves, tempus coladu e contadu
dae chie in cussu logu antigu b’est
nàschidu e b’est istadu. Caras e istòrias
chi sunt testimòngias de sa fadiga e
de sa bellesa de una tziviltade sàbia e
ismentigada. Imàgines de un’architetura
rupestre chi s’agatat in sas Alpes Otzidentales ebbia documentada dae su
colare de sas istajones. Tempus nou chi
carignat logos firmados in unu passadu
non gasi a tesu ma chi abadiende.lu
paret a largu meda.
Biografia
Biography
Biografia
Nato nel 1948, Fredo Valla vive a Ostana (Cuneo). Si è formato con “Ipotesi
Cinema”, diretta da Ermanno Olmi. Ha
collaborato con Giorgio Diritti come
sceneggiatore in Il vento fa il suo giro e
Un giorno devi andare.
Fredo Valla. Born in 1948, he lives in Ostana
(Cuneo). He trained with Ipotesi Cinema, a
course by Ermanno Olmi. He collaborated
with Giorgio Diritti as a scriptwriter: Il vento
fa il suo giro, Un giorno devi andare.
Fredo Valla. Nàschidu in su 1948, istat in
Ostana, (Cuneo) s’est formadu cun Ipotesi
Cinema ghiada dae Ermanno Olmi. Traballat
comente iscenegiadore, paris cun Giorgio
Diritti: Il vento fa il suo giro; Un giorno devi
andare.
Martedì 3 dicembre 2013
documentari
LA BARMA
57
documentàrios
58
LO CONTE DE ULISSE
Giovanni Fiori (Italia, 2013, o.l. algueres, subt. ita, 34’ 08’’)
Mus.: Tiziano Cannas Aghedu – Fo., Op., Mo.: Giovanni Fiori
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Josè Tilloca “Casanova” è un anziano
pescatore algherese che fin da piccolo
ha seguito la famiglia a Capo San Marco,
dove vivevano tre o quattro equipaggi,
tutti algheresi, che facevano “il mestiere
dei giunchi”. Una vita dura, trascorsa
fino ai 33 anni tra Capo S. Marco, Torre
Grande e Cabras. A undici anni apprende
l’arte di famiglia, la costruzione delle
nasse, e in breve tempo diventa un
maestro riconosciuto di questo mestiere
scomparso.
Josè Tilloca “Casanova” is an old
fisherman from Alghero who, when he
was nine years old, followed his family
to Capo San Marco, where three or four
more boats’ crews, all of them from
Alghero, lived. All of them were lobster
fishermen. A hard life, until he was
thirty-three, between Capo S. Marco,
Torre Grande and Cabras. He learned the
family trade, the construction of the pots,
at the age of eleven and soon became a
renowned master of this fast-declining
profession.
Josè Tilloca “Casanova” est unu piscadore saligheresu betzu chi at sighidu sa
famìlia sua, istat in Cabu Santu Marcu
dae cando teniat noe annos, inoghe
b’istaiant tres o bator ecuipàgios totus
saligheresos chi faghiant su “mestiere
dei giunchi”. Una vida difìtzile, colada
fintzas a 33 annos intre Cabu S. Marcu, Turre Manna e Cabras. A 11 annos
imparat s’arte de famìlia, sa de fàghere
natzas, in pagu tempus diventat unu
maistru reconnotu de custa arte chi oe
non si pràticat prus.
Biografia
Biography
Biografia
Giovanni Fiori è laureando in glottologia all’Università di Cagliari. Parlante
naturale di algherese, se ne occupa da
un punto di vista filologico e etnolinguistico. Col Cantiere Sociale de l’Alguer
ha realizzato Maladilèm bachtalè
romentsa, videointervista a Pashana, la
capostipite della comunità rom korakanè
di Alghero.
Giovanni Fiori. Student in linguistics at
the University of Cagliari. Native speaker of
Alguerés, he studies the local Catalan from
a philological and ethno-linguistic point
of view. He is member of the Projecte Diccionari group.
Giovanni Fiori est laureadu in glotologia
in s’Universidade de Casteddu. Chistionat
saligheresu e si nde òcupat pro su chi pertocat sa filologia e s’etnolinguìstica. Faghet
parte de su Progetu Diccionari. Cun su
Cantieri Sotziale de l’Alguer at ammaniadu
Maladillèm bachtalè romentsa, una vìdeo
intervista a Pashana, sa rapresentante de
sa comunidade rom korakanè de s’Alighera
Mercoledì 4 dicembre 2013
Ico Costa (Portugal, 2012, o.l. portogues/bitonga, subt. Ing., 18’22’’)
Scen.: Ico Costa – Op.: Ico Costa, Luís Remígio – Mo.: Tiago Antunes, Ico Costa – Fo.: Hélder Tinga, Carlos Massilau - Pr.: Vasco Costa
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Nel villaggio del distretto di Inhambane, in
Mozambico, Vivaldo ha una nonna e un
secchio di noccioline da vendere. Quando
gli viene rubato, ha paura di tornare a
casa e così va in cerca del secchio (che
in lingua bitonga si dice “libhaketi”).
A village in the district of Inhambane,
Mozambique. Vivaldo has a grandmother
and he has also a bucket with peanuts to
sell; today it was taken from him and he
is afraid of going back home. So he goes
looking for the bucket. In Bitonga, bucket
is called libhaketi.
Semus in Mozambico in unu villàgiu in
sa zona de Inhambane. Vivaldo tenet
una giaja e unu puale de nentzoleddas
chi devet bèndere. Cando nche li furant
sas nentzoleddas timet a torrare a
domo sua. Andat a giru in chirca de su
puale. In limba bitonga puale si narat
libhaketi.
Biografia
Ico Costa compie i suoi studi presso
la Scuola Nazionale Portoghese di
Cinema a Lisbona e all’Università del
Cinema di Buenos Aires. Nel 2013 firma
il suo ultimo lavoro, Le Fresnoy with
Distinction, che ha inaugurato il Festival
Internazionale di cortometraggi di Vila
do Conte.
Biography
Biografia
Ico Costa. He studies at the Portuguese
National Film School (ESTC), in Lisbon, and
at the Universidad del Cine, in Buenos Aires.
In 2013 he inishes Le Fresnoy with Distinction, and his new short ilm Corrente has its
premiere at the Curtas Vila do Conde ISFF.
Ico Costa istùdiat in s’Iscola Portoghesa
Natzionale de Tzìnema (ESTC) in Lisbona e
in s’Universidade de su tzìnema in Buenos
Aires. In su 2013 acabat s’ùrtimu traballu
suo: Le Fresnoy with Distinction, premiere in
su Festival Internatzionale de cortometràgios
de Vila do Conte.
Mercoledì 4 dicembre 2013
documentari
LIBHAKETI
59
documentàrios
60
JNK – OLTRI LA ULTIME FRONTIERE
Marco D’Agostini (Italia, 2013, o.l. friulano, subt. ita, 51’20’’)
Dir.Fot.: Claudio Cescutti, Marco D’Agostini – Mo.: Franco Brandi – Pr.: Valter Colle, Marco D’Agostini
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Cinque ragazzi legati dalla passione per
la musica vincono un concorso per canzoni in lingua minoritaria in Friuli Venezia
Giulia e partecipano alla finale europea in
Asturie, in Spagna. La musica e il viaggio
permettono di aprire ampie finestre su
temi universali come l’amicizia, gli scontri
generazionali, il vivere in un territorio
lontano dai grandi centri, l’uso della
lingua minoritaria.
Five boys, united by their passion
for music, win a contest for songs in
minority languages in Friuli Venezia
Giulia and take part of the European
final in Asturias (Spain). The music and
the journey allow to the author to open
large windows on universal topics such
as friendship, generational gaps, what it
means to live in a town isolated from the
big urban centers, the use of a minority
language.
Chimbe pitzocos, amantiosos de
mùsica, binchent unu cuncursu de
cantzones in limba de minoria, in Friuli
Venezia Giulia, arribant a sa finale
europea in Asturie (Spagna). Sa mùsica e su viàgiu lis permitit de abèrrere
orizontes noos subra de temas universale comente s’amistade, sas batallas
generatzionales, s’istare in unu logu a
largu dae sas tzitades, s’impreu de sa
limba de minoria.
Biografia
Biography
Biografia
Marco D’Agostini, ha collaborato con
televisioni private regionali nel ruolo di
regista e montatore. Tra i lavori realizzati
negli ultimi anni si segnalano Lâ vie di
là - Friulani dell’Est Europa del 2010 e
Lingue in Musica del 2012. Nel 2013 ha
concluso due produzioni: ControVento,
un documentario sul lavoro e i molteplici
aspetti della crisi e il rockumentary di
viaggio JNK.
Marco D’Agostini. Among the works carried
out in recent years, the documentary Lâ vie
di là - Friulani dell’Est Europa, made in 2010,
and screened at Rai 3 FVG e Lingue in Musica
in the 2012 for Rai 3. In 2013, two additional
productions. Controvento, a documentary on
work and the many aspects of the economic
crisis and JNK.
Marco D’Agostini. At collaboradu cun
televisiones privadas comente adetu a su
montàgiu e a sa regia. De sos traballos
ammaniados in custos ùrtimos annos,
ammentamus: Lâ vie di là - Friulani dell’Est
Europa, documentàriu de su 2010, in onda
a Rai 3 FVG e Lingue in Musica de su 2012
semper pro Rai 3. In su 2013 àteras duas
produtziones. ControVento, unu documentàriu subra su traballu e sa crisi, e JNK.
Mercoledì 4 dicembre 2013
Fredo Valla / Nereo Zeper (Italia, 2012, o.l. occitano/friulano, subt. ita, 30’11’’)
Pr.: Arealpina – Ostana, con la Regione Friuli Venezia Giulia, Edizioni Chambra D’oc
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Da Elva, piccolo e isolato comune di
questa valle, posto a 1700 metri di quota,
fino agli anni Cinquanta del ‘900, gli
uomini partivano l’autunno, percorrevano
le campagne della Pianura Padana e
arrivavano fino al Friuli praticando il
mestiere itinerante del raccoglitore di
capelli (pelassìer in occitano, cjavelâr in
friulano). Erano il sollievo e il tormento
di tante famiglie povere della Carnia le
cui donne erano costrette a vender le
loro trecce in cambio del denaro di cui
avevano bisogno.
In Elva, a small and isolated town located
at 1700 meters of altitude, until the
50s, the men left in autumn, roamed the
countryside of the Po Valley, and went to
Friuli, practicing the craft of hair gatherer
(pelassìer in Occitan, cjavelâr in Friulian).
They were the relief and anguish of
many poor families of Carnia, whose
women were forced to sell their braids in
exchange for the money they needed.
Finas a sos annos chimbanta de su
‘900, sos òmines partiant dae Elva, una
bidda minore posta a 1700 m. de artària, rugraiant sos sartos de sa Pianura
Padana e arribaiant finas a su Frìuli
pratichende s’arte bandulera, dae una
bidda a s’àtera, de regòllere pilos (pelassìer in otzitanu, cjavelâr in friulanu).
Issos fiant su turmentu ma finas s’àlinu
de paritzas famìlias pòberas de sa
Carnia in ue sas fèminas fiant fortzadas
a bèndere sas tritzas issoro a càmbiu a
pare cun su dinare chi lis bisongiaiat.
Biografia
Biography
Biografia
Nato nel 1948, Fredo Valla vive a Ostana (Cuneo). Si è formato con “Ipotesi
Cinema”, diretta da Ermanno Olmi. Ha
collaborato con Giorgio Diritti come
sceneggiatore in Il vento fa il suo giro e
Un giorno devi andare.
Nereo Zeper, è nato a Trieste nel 1950.
Nel 1990 ha diretto radiodrammi con
attori come Paolo Ferrari, Valeria Valeri,
Omero Antonutti. Nel 1998 realizza per
la RAI, come programmista e come
regista, diversi documentari. Nel 1999 il
suo Ladro di Montagne è il miglior film
di montagna al festival cinematografico
“Città di Trento”.
Fredo Valla. Born in 1948, he lives in Ostana
(Cuneo). He trained with Ipotesi Cinema, a
course by Ermanno Olmi. He collaborated
with Giorgio Diritti as a scriptwriter: Il vento
fa il suo giro, Un giorno devi andare.
Nereo Zeper was born in Trieste in 1950.
In 1990, he directed dramas for the radio,
which involved important actors such as
Paolo Ferrari, Valeria Valeri and Omero Antonutti. In 1998, he worked as an executive
producer and director on several documentaries for RAI. In 1999, his Ladro di Montagne
won the Best Movie about the Mountains
Award at the “Città di Trento” Film Festival.
Fredo Valla. Regista e iscenegiadore.
Naschet in su 1948, istat in Ostana (Cuneo).
S’est formadu cun Ipotesi Cinema, ghiada
dae Ermanno Olmi. Traballat comente iscenegiadore paris cun Giorgio Diritti in Il vento
fa il suo giro, Un giorno devi andare.
Nero Zeper, naschet in Trieste in su 1950.
In su 1990 ghiat radioprogrammas cun Paolo
Ferrari, Valeria Valeri, Omero Antonutti. In su
1998 ammàniat unos cantos documentàrios
pro sa RAI. In su 1999 su film suo Ladri di
Montagne, est su film mègius a su festival
tzinematogràficu “Citta di Trento”.
Giovedì 5 dicembre 2013
documentari
CJAVELÂRS E PELASSÌERS
61
documentàrios
62
MAKHMUR
Marta Corradi | Joshua Evangelista (Italia, 2013, o.l. kurdi, subt. ing, 18’11’’)
Op.: Marta Corradi – Fo.: Joshua Evangelista – Mo.: Marta Corradi
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Un campo profughi trasformato in un
laboratorio ideologico basato sui precetti
socialisti di Abdullah Ocalan: è Mahmur,
un villaggio di undicimila curdi nel bel
mezzo del deserto iracheno, costruito
sulle ceneri di una fuga disumana dalla
persecuzione del governo turco.
A refugee camp turned into an
ideological laboratory based on the
socialist precepts of Abdullah Ocalan.
This is Mahmur, a village of eleven
thousand Kurds in the middle of the Iraqi
desert, built on the ashes of an inhuman
escape from the persecution of the
turkish government.
Unu campu de rifugiados diventat unu
laboratòriu ideològicu basadu subra
sas ideas sotzialistas de Abdullah
Ocalan. Custu est Mahmur, villàgiu
de undighimìgia curdos, in mesu a su
desertu irachenu, fraigadu subra de
su nudda lassadu dae sos chi si sunt
fuidos pro neghe de sa persecutzione
fata dae su guvernu turcu.
Biografia
Biography
Biografia
Filmaker dall’età di 14 anni, nel
2009 Marta Corradi entra al Centro
Sperimentale diplomandosi in regia
cinematografica. Si avvicina al mondo
del cinema documentaristico grazie a
un corso tenuto da Daniele Segre. La
sua passione per il cinema e l’interesse
per le tematiche sociali, la portano nel
maggio del 2013 ad intraprendere un
viaggio con Joshua Evangelista, amico
e giornalista, all’interno del Kurdistan
iracheno.
Marta Corradi. When she was 14 she shot
her irst short movie. Since then she shot
many ilms, attending several festivals and
winning some awards. On 2009 she moved
to Rome to attend Centro Sperimentale
where she got a ilm director degree on
2013. She approached documentary cinema
through Daniele Segre. On May 2013 her
interest in social issues brought her to Iraqi
Kurdistan, where she visited Mahmur refugee camp with her friend Joshua Evangelista,
an Italian journalist.
Marta Corradi. Filmmaker dae sos 14
annos. In su 2009 intrat in su Tzentru
Isperimentale diplomendesi in regia
tzinematogràfica. S’acòrtziat a su mundu
documentarìsticu gràtzias a unu cursu chi
sighit de Cinema e Realtà de Daniele Segre.
Pro more de sa passione pro su tzìnema e
pro sas temàticas sotziales, in maju de su
2013, partit pro unu viàgiu in su Kurdistan
Irachenu cun Joshua Evangelista, amigu e
giornalista.
Giovedì 5 dicembre 2013
Oriol Gracià | David Meseguer Maña (Kurdistan, 2013, o.l. kurdi/arabiyyah, subt. ing, 49’50’’)
Scen.: Oriol Gracià, David Meseguer - Dir.fot.: Oriol Gracià, Mus.: Bave Selah, Aria Fo.: David Meseguer - Pr.: Nezvanova produccions, Barcelona.
Sinossi
Sinopsys
Sinossi
In Afrin, una cittadina rurale nel nord della
Siria, i curdi si stanno preparando per festeggiare l’arrivo della primavera e il loro
nuovo anno, una festa con forti aspetti
di identità nazionale. Quest’anno, però,
la festa sarà celebrata in un contesto
speciale.
In Afrin, a rural town in the north of Syria,
the Kurds are preparing to celebrate
the arrival of springtime and their new
year, a celebration with markedly strong
aspects of national identity. This year,
though, the festivity will be celebrated in
a special context
In Afrin, una bidda in su cabu de susu
de sa Siria, sos curdos sunt ammaniende sa festa pro s’arrivu de su beranu e
s’annu nou issoro, una festa sinnada
meda dae s’identidade natzionale.
Cust’annu però sa festa at èssere fata
cun un’ànimu diferente.
Biografia
Biography
Biografia
Dopo la laurea in Pubblicità e relazioni pubbliche presso l’Università di
Barcellona e un Master in Giornalismo
presso l’Università Ramon Llull, David
Meseguer Maña ha iniziato a lavorare
per l’agenzia DDB Barcellona nel campo
della comunicazione e per diverse
aziende come Volkswagen e Nutrexpa.
Poi ha deciso di partire come giornalista
freelance per registrare con uno sguardo
personale il mondo arabo e la Turchia.
Oriol Gracià si è laureato in giornalismo
con un Master in Documentario Creativo
presso l’Università di Barcellona. Ha
intrapreso studi post-laurea in linguaggio
audiovisivo presso l’Observatorio de
Cine di Barcellona e si è formato in TV
come operatore. Dal 2005, ha lavorato
come reporter audiovisivo scrivendo
contemporaneamente per diversi
giornali e magazines. Ha diretto diversi
documentari brevi.
David Meseguer Maña degree in Publicity
and Public Relations at Barcelona University,
and a Master’s Degree in Journalism at
Ramon Llull University. On graduating, David
started work for the DDB Barcelona agency
working on communication for different
companies such as Volkswagen, Nutrexpa...
He later decided to go freelance into international journalism, with a special focus on the
Arab world and Turkey.
Oriol Gracià has a Degree in Journalism and
a Master’s Degree in Creative Documentarymaking from Barcelona University. He has
also undertaken postgraduate studies in
audio-visual language at the Observatorio
del Cine centre in Barcelona and has trained
in TV camera operating. Since 2005, he
has worked as an audio-visual reporter
alongside writing for several newspapers
and magazines.He has directed several short
documentaries.
David Meseguer Maña laureadu a Barcellona in Publicity and Public Relations (UAB).
Master in giornalismu in s’Universidade Ramon Llull. A pustis de sa làurea at traballadu
pro s’agentzia DDB de Barcellona e s’est
ocupadu de sa comunicatzione de paritzas
cumpangias comente Volkswagen, Nutrexpa
etc. Posca at detzisu de traballare pro contu
suo in su giornalismu cun atentu pro su
mundu àrabu e su de sa Turchia.
Oriol Gracià laureadu in giornalismu e
master in Barcellona (UAB), in Creative
Documentary-making. At finas fatu istudios
subra de su limbàgiu audiovisivu in Observatorio del Cine semper in Barcellona, at fatu
finas unu tirotzìniu in TV camera operating.
Traballat dae su 2005, comente report
àudio-visivu, at iscritu pro diversos giornales
e rivistas.
At ghiadu paritzos documentàrios curtzos.
Giovedì 5 dicembre 2013
documentari
THE SILENT REVOLUTION
63
documentàrios
64
MOGURU
Andrea Cannas (Italia, 2012, o.l. sardo, subt. ita, 41’53’’)
Vox: Dino Maccioni, Emma Medas, Mus.: Paolo Congia, Stefano Guzzetti – Mo.Su.: Stefano Guzzetti – An.: Federico De Virgilis
Sinossi
Synopsis
Sinossi.
C’è molto di più di quello che si vede
facendo una semplice passeggiata per
le strade di Mogoro. Scrittori e poeti, con
le loro opere, raccontano di questa terra;
associazioni culturali cercano di portare
il paese alla vivace vita di un tempo. Giovani musicisti e teatranti coltivando il loro
sogno diffondono musica, arte e allegria,
mentre gli artigiani del tessile e del legno
primeggiano con i loro manufatti in tutta
la Sardegna.
There is a lot more than meets the eye by
doing a simple walk through the streets
of Mogoro. Writers and poets with their
works, talk about their land; cultural
associations seek to bring the village
to the bustling life of the past. Young
musicians and actors cultivate their
dream: to spread music, art and fun.
Excellent craftsmen of wood and textile
stand with their beautiful artefacts all
over Sardinia.
B’at meda de prus de su chi si biet
passigende peri sas carreras de
Mòguru. Poetes e iscritores, cun sas
òperas issoro, contant de custa terra,
sos sòtzios culturales chircant de
nche torrare sa bidda a sa vida de unu
tempus. Musitzistas giòvanos e atores
de teatru ispàinant sa mùsica, s’arte
e s’alligria e sos bisos issoro, mastros
de pannu e mastros de linna bessint
a campu in totu sa Sardigna cun sos
traballos issoro.
Biografia
Biography
Biografia
Andrea Cannas è nato a Cagliari nel
1976. Dopo diverse esperienze da
operatore, perfeziona la sua formazione
a Milano negli anni 2009-2010 dove ha
conseguito il Master in Cinema Digitale
e Produzione Televisiva all’Università
Cattolica del Sacro Cuore.
The emerging ilmmaker Andrea Cannas
was born in 1976 in Cagliari. After various experiences as a camera operator, he
developed his training in Milan in the years
2009-2010, where he obtained a Masters
in Digital Cinema and TV Production at the
Università Cattolica del Sacro Cuore.
Andrea Cannas, filmaker, naschet in Casteddu in su 1976. A pustis de esperièntzias
comente operadore, istùdiat in Milano in ue,
intre su 2009 e 2010, faghet su Master in
Tzìnema Digitale e Produtzione Televisiva in
s’Universidade Catòlica de su Sacro Cuore.
Giovedì 5 dicembre 2013
Paolo Vinati (2012, Italia, o.l. ladino, subt. ita, 25’23’’)
Op. e Mo.: Paolo Vinati – Mus.: Musica tradizionale - Pr.: Associazione Culturale Etnostudi, Istituto Ladino Micurà de Rü
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Settembre 2011, Puez, Parco Naturale
Puez-Odles in provincia di Bolzano. Il
pastore Herbert Costa che da sempre ha
custodito le pecore nel Puez quest’anno
non può svolgere il proprio lavoro. Un
gruppo di uomini della alta Val Badia si
rende disponibile per radunare le pecore
e riportarle a Valle per poi, il giorno
seguente, riconsegnarle ai loro rispettivi
proprietari.
September 2011, Puez, natural park
Puez-Odles in the province of Bolzano.
Herbert Costa, a shepherd who always
has tended the sheep in the Puez park,
this year is unable to do its job. A group of
men from the upper Val Badia is willing
to gather the sheep and bring them back
to the Valley so that, the next day, they
can bring them back to their respective
owners.
Cabudanni 2011: Puez, Parcu Naturale
Puez-Odles in provìntzia de Bolzano. Su
pastore Herbert Costa, chi dae semper
tenet sas berbeghes in Puez, custu
annu non podet traballare. Unu grustu
de òmines de s’arta Val Badia devent
fàghere a unu tàgiu sas berbeghes pro
las tramudare a badde e pro las torrare,
su cras, a sos meres.
Biografia
Biography
Biografia
Paolo Vinati, nato a Brescia nel 1967,
si è laureato al DAMS di Bologna in
etnomusicologia. Ha svolto diverse
ricerche etnomusicologiche in Lombardia, in Trentino Alto Adige, in Austria e in
Montenegro, pubblicando libri e curando
diversi CD. Ha collaborato con diversi
enti tra i quali l’Universität für Musik und
darstellende Kunst di Vienna. Attualmente collabora con l’Istitut Ladin “Micurà de
Rü” in Val Badia (BZ).
Paolo Vinati (Brescia, 1967) graduated at
the DAMS in Bologna in ethnomusicology.
He has done several ethnomusicological
researches in Lombardy, Trentino Alto Adige,
Austria and Montenegro, publishing books
and being the curator of several CDs. He
worked with various organizations, including
the University of Music and Performing Arts in
Vienna. He currently works with the Institut
Ladin “Micurà de Rü” in Val Badia (BZ).
Paolo Vinati (Brescia 1967) s’est laureadu
in su DAMS de Bologna in etnomusicologia.
At fatu chircas in custu setore in Lombardia,
Trentino Alto Adige, Austria e Montenegro,
imprentende libros e ammaniende CD. At
traballadu cun unos cantos entes comente
“Universität für Musik und darstellende
Kunst” de Vienna. Oe in die traballat cun
s’Istitut Ladin “Micurà de Rü” in Val Badia
(BZ).
Venerdì 6 dicembre 2013
documentari
BISCES CHIR FAMËI
65
documentàrios
66
THE SILENT CHAOS
Antonio Spanò (France, 2012, o.l. dei segni/kinande/swahili/francais, subt. ita., 44’46’’)
Sogg.: Agostino Spanò, Francesco Picciolo - Mo.: Antonio Spanò, Edoardo Picciolo Op. e Dir.Fot.: Edoardo Picciolo, Antonio Spanò, Francesco Peruzzi - Pr.: Office Number Four
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Nel Nord Kivu, Repubblica Democratica
del Congo, anni di sanguinosa guerra
civile hanno privato i congolesi della
loro identità. Il misticismo arma i ribelli
Mai-mai nella difesa della terra contro
invasori stranieri, ma identifica anche il
diverso come una minaccia da estirpare.
È il caso dei sordi che vivono nella città
di Butembo.
North Kivu, Democratic Republic Of
Congo. After a bloody civil war that
lasted for years, Congolese society has
lost its identity. These forces guide the
defense of the territory led by MaiMai rebels, but they also make people
consider those who are different as a
threat, just like what happens to the deaf
in Butembo.
Nord Kivu, Repùblica Democràtica de
su Congo. A pustis de annos de gherra
tzivile sena piedade, sos congolesos
ant pèrdidu s’identidade issoro. Sa
maja ghiat sos ribelles Mai - Mai in
s’amparu de sa terra issoro, issos però
faghent a manera chi sa gente càlculet
sos diversos una minetza, comente pro
sos surdos de Butembo.
Biografia
Biography
Biografia
Antonio Spanò è nato a Milano nel
1985. Animato da una grande passione
per il cinema, inizia realizzando cortometraggi. In seguito, si confronta con il
primo documentario, Our sky, our land,
che descrive il genocidio curdo perpetrato dal regime di Saddam Hussein. The
Silent Chaos (2012) è il suo secondo
documentario. Vive e lavora tra Siena
e Milano.
Antonio Spanò (Milan, 1985) began to
make short movies. Afterwards he codirected his irst documentary Our sky, our
land, awarded with Unicef Prize for the Peace
2010 (Italian Prize).
The Silent Chaos is his second documentary.
He lives and works in Italy.
Antonio Spanò naschet in Milano in su
1985. Amantiosu de su tzìnema at comintzadu faghende cortometràgios. A pustis at
cordinadu e ghiadu su primu documentàriu
suo Our sky, our land premiadu a su Prèmiu
Unicef pro sa paghe (2010, prèmiu italianu).
The silent chaos est su de duos documentàrios (2012). Istat e traballat in Italia.
Venerdì 6 dicembre 2013
Francina Verdes (España, 2012, o.l. castellano/català, subt. ing, 27’38’’)
Scen.: Pablo Baur Francina Verdés - Dir.Fot.: Pablo Baur - Mo.: Carmen G. Martínez - Fo: Martin Sappia - Pr.: Francina Verdés
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Ramon è un agricoltore ottantanovenne
che vive da solo in un paesino vicino a
Lleida, nell’entroterra catalano. La sua
memoria acuta lo riporta con facilità ai
tempo della guerra civile spagnola, da
lui vissuta in prima persona. Con una
Renault 4 verde, ci porta in tour per i vari
campi di battaglia in cui ha combattuto.
Un viaggio che incarna un nuovo incontro
con il suo passato, o ciò che ne rimane.
Ramon is an 89-year-old farmer who
lives alone in a small town near Lleida, in
inland Catalonia. His relentless memory
easily brings him back to a part of the
history of the Spanish Civil War, his own
history. With the green Renault 4 that has
been at his side for nearly forty years, for
the first time in his life, he takes a tour
of the battlegrounds where he fought. A
journey that embodies a re-encounter with
his past, or with what’s left of it.
Ramon est unu massaju de 89 annos,
istat a sa sola in una bidda non manna
meda in Catalogna, a curtzu dae Lleida.
Su pensamentu suo andat fatu-fatu
a s’istòria sua etotu, sa gherra tzivile
ispagnola. Cun sa cumpàngia sua, una
renault 4 birde chi l’at acumpangiadu
pro 40 annos, girat pro sa prima borta
peri cussos logos in ue at gherradu.
Istabilit unu ligàmene nou cun su
passadu suo, o mègius cun su chi de
custu abarrat.
Biografia
Francina Verdés ha una formazione da
giornalista. Ha studiato a Barcelona e
Madrid specializzandosi in Comunicazione e conflitti armati. È entrata in contatto
con il cinema documentario nel 2007,
partecipando ad un Master di Documentario Creativo della UAB e realizzando il
suo primo progetto documentaristico, Ja
tornes a gravar.
documentari
COSES RARES QUE PASSAVEN ABANS
Biography
Francina Verdés studied as a journalist,
with a strong tendency towards documentary cinema. She studied in Barcelona and
Madrid. She specialized in Communication
and armed con licts. She started working on
documentary cinema in 2007, when she participated in a Master on Creative Documentary by the UAB, during which she made her
irst documentary project Ja Tornes a gravar.
Venerdì 6 dicembre 2013
Biografia
Francina Verdés, s’est formada comente
giornalista. At istudiadu in Barcellona e Madrid, s’est ispetzializada in Comunicatzione
e cunflitos armados. Comintzat a si ocupare
de tzìnema documentarìsticu in su 2007 pro
mesu de su Máster de Documental Creativo
de sa UAB, a pustis de custu ammàniat su
primu documentàriu, Ja Tornes a gravar.
67
documentàrios
68
AMMENTOS MUNTAGNINOS
Giovanni Carroni (Italia, 2013, o.l. sardu, subt. ita, 29’41’’)
Op.: Davide Mocci – Mo.:Angelo Melis – Mus.: Battista Giordano
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Una preziosa testimonianza di come
sono cambiati i tempi e di come è cambiato il mondo delle campagne sarde.
Una pagina di storia sulle popolazioni del
Gennargentu, memoria lucida e schietta
di quei valori fondamentali della società
pastorale.
A valuable record of how times
have changed, how has changed the
world of the Sardinian countryside.
A page of history on the populations
of Gennargentu, lucid and forthright
memory of those fundamental values of
the pastoral society.
Una testimonia de importu de comente
est mudadu su tempus e su sartu in
Sardigna. Una pàgina de istòria de sa
gente de su Gennargentu, memòria bia
e bera de cussos valores printzipales
de su pastoriu.
Biografia
Biography
Biografia
Dopo gli studi di recitazione, mimo,
canto e teatro-danza in Francia,
Giovanni Carroni fonda a Nuoro nel
1988 la compagnia Bocheteatro, della
quale è direttore artistico e regista. Lavora per anni coi registi Marco Gagliardo
e Marco Parodi e numerose sono le sue
interpretazioni in teatro. Come attore di
cinema ha lavorato in diverse produzioni
tra cui Jimmy della collina di Enrico Pau,
20 sigarette per Nassirya di Aureliano
Amadei, Il mostro di Firenze di Antonello
Grimaldi. Oggi cura e interpreta spettacoli teatrali, sempre in veste di attore
protagonista e regista non disdegnando
le regie cinematografiche e televisive .
Giovanni Carroni. Film and television actor
and director has worked in many ilms
including “ Momenti di tregua” directed
by Antonio Darling, Una casa sotto il cielo
directed by Roberto Locci, Jimmy della
collina directed by Enrico Pau, 20 sigarette
per Nassirya Aureliano Amadei, Cefalonia, directed by Riccardo Milani, L’ultima frontiera
directed by Franco Bernini. Tutti pazzi per
amore directed by Riccardo Milani. Il mostro
di Firenze directed by Antonello Grimaldi.
Giovanni Carroni. A pustis de àere istudiadu teatru, cantu, e dantza in Francia, in su
1988, dat vida in Nùgoro a sa cumpangia
Bocheteatro in ue est diretore artìsticu e
regista. At traballadu cun registas comente
Marco Gagliardo e Marco Parodi. Comente
atore de tzìnema at traballadu in Jimmy della collina regia Enrico Pau, 20 sigarette per
Nassirya de Aureliano Amadei, Cefalonia,
regia Riccardo Milani, Il mostro di Firenze,
regia Antonello Grimaldi. Oe in die si òcupat
de ammaniare ispetàculos de teatru comente atore e regista sena refudare regias
tzinematogràficas e televisivas.
Venerdì 6 dicembre 2013
Paul Filippi (France, 2012, o.l. corsu, subt. ing, 50’00’’)
Scen.: Paul Filippi – Mo.: Véronique Buresi
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Il film ci mostra all’inizio la foto di un uomo
costretto e impacciato in una camicia di
forza. Si chiamava Xavier Rocchini. Era
un bandito e a causa della sua brutalità fu
soprannominato “Animali”. Il 5 settembre
1888 fu ghigliottinato pubblicamente
a Sartene. Questa esecuzione fu un
avvenimento importante per la Corsica,
segnata da una criminalità endemica: a
chi non si riconosceva nella Repubblica
bisognava dare l’esempio. L’esecuzione
di questo bandito segnò durevolmente la
storia corsa.
At the beginning there is a photo of
a man hindered by a straitjacket.
This man’s name is Xavier Rocchini.
Because of his brutality he is nicknamed
«L’animali », the Animal. A few days
later, on September 5th, 1888, he will be
guillotined on a public square of Sartene,
Corsica. This execution is a major event:
in this island marked by an endemic
criminality, and which has difficulty in
integrating the Republic, it’s necessary
to make an example. The capital
punishment for this emblematic bandit
will have to mark durably the memories.
A su comintzu de su film si biet sa
fotografia de un’òmine presu cun una
camisa de fortza, est Xavier Rocchini.
A paranùmene l’ant postu Animali, pro
sa meledade sua. Su 5 de cabudanni
de su 1888, nche.li segant sa conca in
pùblicu a Sartene. Custu mortore est
s’atzione printzipale in una Corsica in
ue b’at criminalidade meda, tocaiat de
dare s’esempru a chie non si reconnoschiat in sa Repùblica. Sa morte de
custu bandidu sinnat s’istòria de sa
Corsica.
Biografia
Biography
Biografia
Paul Filippi è nato ad Ajaccio nel 1966.
Ha fatto i suoi studi à l’università di
Corsica (Diritto, Lettere, e Communicazione). Lavora a France 3 Corse dal
1993. Realizza documentari in lingua
corsa nel programma Ghjenti.
Paul Filippi was born in Ajaccio in 1966.
He studied at the University of Corsica (Law,
Litterature and Communication). He joined
France3Corse in 1993. He makes documentaries in corsican language for the broadcast
Ghjenti.
Paul Filippi est nàschidu in Ajaccio in su
1966. At istudiadu in s’Universidade de
Corsica (Deretu, Lìteras e Comunicatzione).
Traballat a France3Corse dae su 1993.
Ammàniat documentàrios in limba corsa in
su programa Ghjenti.
Venerdì 6 dicembre 2013
documentari
L’ANIMALI
69
FESTIVAL
BISTOS DAE FORAS | FUORI CONCORSO
72
bistos dae foras
Miguel Angel Jimenez (Espana, 2012, o.l. georgian, subt. ing, 104’)
Scen.: Luis Moya, Miguel Angel Jiménez - Dir.Fot.: Gorka Gómez Andreu – Mo.: Imanol Gómez de Segura –
Mus.: Pascal Gaigne - Pr.: Miguel Angel Jiménez, Imanol Gómez de Segura, Gorka Gómez Andreu, Luis Moya,
Sinossi
Synopsis
Sinossi.
Chaika è una storia d’amore tra una
prostituta e un marinaio, un perdente,
ricostruita tra due stagioni: l’inverno
eterno della Siberia e l’estate nelle steppe
del polveroso Kazakistan.
Chaika is a love story between a
prostitute and a loser sailor, rebuilt
between two seasons: the eternal winter
of Siberia and the summer in the dusty
steppes of Kazakhstan.
Chaika contat de s’amore intre una
fèmina de istrada e unu marinaju fallidu,
un’istima chi naschet intre duas istajones, s’eternu ierru fritu de sa Siberia e
s’istiu in sas pasturas imprueradas de
su Kazakistan.
Biografia
Biography
Biografia
Miguel Angel Jimenez è nato nel 1979
a Madrid. Nel 1999, abbandonati gli studi
di legge, si è dedicato alla regia presso
la TAI School di Madrid. Il suo primo
cortometraggio, Las huellas (2003), è
stato co-prodotto da Aki Kaurismaki. A
metà del 2007 ha fondato la Kinoskopik
Film Produktion insieme a tre partner,
con cui ha realizzato il documentario
Días de El Abanico.
Miguel Angel Jimenez was born in 1979 in
Madrid. In 1999, he abandoned his law
studies to devote himself to directing,
attending the TAI School in Madrid. His
irst short ilm, Las huellas (2003) was coproduced by Aki Kaurismaki. In 2005-2006,
he was the executive producer of the
documentary Un lugar en el cine.
In mid-2007, he founded the Kinoskopik Film
Produktion along with three partners, and
created the documentary Días de El Abanico.
Miguel Angel Jiménez naschet in su 1979,
in Madrid. In su 1999 lassat sos istùdios de
lege e incomintzat cussos de tzinematografia
in s’iscola TAI de Madrid. Su primu cortometràgiu chi ammàniat est Las huellas (2003)
produidu paris cun Aki Kaurismaki. A metade
de su 2007, fundat Kinoskopik Film Produktion cun àteros tres sòtzios e ammàniant
su documentàriu Días de El Abanico.
Lunedì 2 dicembre 2013
fuori concorso
CHAIKA
73
bistos dae foras
74
BEERBUG
Ander Mendia (Espana, 2012, senza dialoghi, 7’58’’)
Scen.: Ander Mendia – Mus.: Jagoba Ormaetxea – Mo.: Ander Mendia – Fo.: Ion Arenas –
Anim.: Dani Ruiz, Arkaitz Alaztuei, Jesus Lauzirika, Ander Mendia - Pr.: Ander Mendia
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Joe che lavora in una vecchia stazione
di servizio decide di fare una pausa per
bere una birra. L’intento di godersi la
birra fallisce perché qualcuno gliela sta
rubando sotto il naso.
Joe, who is busy running an old roadside
petrol station, decides to take a break
and have a beer. His efforts at enjoying
his beer fail because someone is robbing
him right under his nose.
Joe, chi traballat in una istatzione de
servìtziu betza,detzidit de si firmare
pro pausare bufendesi una birra.
s’intetzione sua de si dda gosare faddit
ca calicunu si dda furat dae suta de
su nasu.
Biografia
Biography
Biografia
Ander Mendia è laureato in Belle Arti
alla UPV di València con un Master in
animazione 3D e ha sviluppato la sua
carriera professionale nell’ambito della
sua specializzazione, l’animazione 3D e
la grafica. Dal 2001 e fino al momento
in cui ha cominciato questo progetto,
ha lavorato per la casa di produzione
Baleuko come responsabile della
sezione di modeling e come animatore
in vari progetti. Nel 2010 ha creato la
sua società di produzione, la Katue, per
sviluppare i suoi progetti.
Ander Mendia. Quali ied in Fine Arts from
the University of the Basque Country and
the holder of a Master’s Degree in 3D
animation, he has pursued his professional
career within his specialist ields, which are
animation and graphic design. Since 2001,
and continuing up until the commencement of this project, he has worked for
Baleuko production company as head of
its modelling department, and as modeller
and animator in various projects. In 2010
he founded a production company under
the name Katue, in order to pursue his own
projects.
Ander Mendia. Laureadu in Belle Arti a sa
UPV cun unu Master in animatzione 3D,
at isvilupadu sa carriera sua in s’àmbitu in
ue s’est ispetzializadu: animatzione 3D e
gràfica. Dae su 2001 fintzas a cando no at
incomintzadu custu progetu, at traballadu
pro sa domo de produtzione Baleuko
comente responsàbile de sa setzione de
modeling e comente animadore in àteros
progetos. In su 2010 naschet sa sotziedade
sua, Katue, de produtzione, pro isvilupare
progetos suos.
Martedì 3 dicembre 2013
fuori concorso
LA SUISSE D’EMILIO
Joseph Péaquin (Italia, 2012, o.l. franco provenzale, subt. ita, 26’57’’)
Op. e Mo. Joseph Péaquin - Pr.: Steven Artels, Benoît Aymon, Antoine Plantevin
Co.Pr. : RTS - Radio Televisione della Svizzera Romanda / Docfilm
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Emilio ha 80 anni. È nato nel villaggio di
Suisse, a Chamois, nella Valtournenche in
Valle d’Aosta. Non ha mai lasciato il suo
villaggio natale che è raggiungibile solo a
piedi, non è mai andato in vacanza, non
ha mai visto il mare. Malgrado ciò non gli
manca nulla… è felice così.
Emilio is 80 years old. He was born
in the little village of Suisse, Chamois
where he has always lived. Chamois is
reachable only by foot. He has never been
on holiday, he has never seen the sea.
Neverthless, it doesn’t need anything. He
is so happy.
Emilio tenet 80 annos, est nàschidu in
su bidditzolu de Suisse, a Chamois, in
Valtournenche in Valle d’Aosta, in ue
istat dae semper. No at mai lassadu
su logu in ue est nàschidu, a inoghe si
podet lòmpere a pèe ebbia; issu no est
mai andadu a si fàghere fèrias e no at
mancu mai bidu su mare, ma gosi istat
bene non li mancat nudda. Est cuntentu
de custa manera.
Biografia
Biography
Biografia
Joseph Péaquin, nato ad Avignone, si è
laureato in Scienze della Comunicazione
presso l’Università di Grenoble. Nel
2003 ha fondato la casa di produzione
Docfilm, specializzata in cinema documentario. Dal1997 ad oggi ha realizzato
numerosi documentari trasmessi su
molti canali TV (Rai 3, Raisat, Rai 2, TV5
Monde) e selezionati in vari festival nel
mondo.
Joseph Péaquin, born in Avignon, he graduated in Comuincation Sciences at the University of Grenoble. In 2003 he founded the
production company Doc ilm, specializing in
documentary ilms. From ’97 to date has produced numerous documentaries broadcast
on many Tv channels (Rai 3, Raisat, Rai
2, TV5 Monde...) and selected in several
festivals around the world.
Joseph Péaquin, nàschet in Avignone,
laureadu in Scièntzias de sa Comunicatzione
in s’Universidade de Grenoble. In su 2003
dat vida a sa domo de produtzione Docfilm,
ispetzializada in documentàrios. Dae su 97
a oe at ammaniadu paritzos documentàrios
pro canales comente (Rai 3, Raisat, Rai 2,
TV5 Monde...). De custos documentàrios,
unos cantos los ant seletzionados in sos
festival peri su mundu.
Mercoledì 4 dicembre 2013
75
bistos dae foras
76
ROTER SCHNEE
Luca Popadić (Schweiz, 2013, o.l deutsch/srpski, subt. ita., 22’47’’)
Scen.: Luka Popadić, Tamara Barackov, Beka Savic – Op.: Vladan Obradovic – Mo.: Petra Beck, Fedja Hadzic
Sinossi
Synopsis
Sinossi
È morale torturare una persona,
probabilmente innocente, al fine di
prevenire un massacro? Fin dove si può
spingere un uomo nel minacciarne un
altro per salvare vite innocenti? Roter
Schnee ci racconta il conflitto interiore di
un Wehrmachtsofficer tedesco durante
l’occupazione nazista della Serbia nel
1941.
Is it moral to torture someone, who is
may be innocent, in order to prevent
mass murder? How far can a human
being go in threatening another person
to save innocent lives? Red Snow,
tells us about the inner conflict of a
German Wehrmachtsofficer during the
occupation of Serbia in 1941.
Est giustu a castigare calicunu, chi
mancari est fintzas innotzente, pro
prevènnere s’omitzìdiu de massa? A in
ue podet arribare s’òmine minetzende
un’àteru pro sarvare vidas innotzentes?
Su film si basat subra de fatos beros e
pagu connotos, tratat de sa gherra in
s’ànimu de un’ufitziale tedescu a sos
tempos de s’ocupatzione de sa Serbia
in su 1941.
Biografia
Biography
Biografia
Luka Popadić è nato nel 1980, da
genitori serbi, ed è cresciuto a Baden, in
Svizzera. Dopo il liceo, ha vagabondato
per molti anni e facendo molti mestieri
come agricoltore, muratore, imprenditore specializzato in stampa, operatore
di call center, promotore di partito,
designer grafico, musicista, artista del
graffito, ufficiale dell’esercito svizzero e
studente di scienze politiche. Attualmente fa il regista.
Luka Popadić was born 1980 by Serbian
parents and grew up in Baden, Switzerland.
After graduating from high school he was
wandering around for several years: He was
a student of political science, farmer, constructions worker, owner of a LLC company
which specialized in printing, call center
outbound agent, party promoter, graphic
designer, musician, graf iti writer and an
of icer in the Swiss Army. Actually he is ilm
director.
Luka Popadic est nàschidu in Serbia in
su 1980 dae babbu e mama serbos, est
crèschidu in Baden, Svizzera. A pustis de su
diploma at fatu paritzos traballos: istudiadu
iscièntzias polìticas, massaju, mastru
de muru, titolare de una sotziedade de
imprenta, agente de call center, promotore
de partidu, gràficu, musitzista, disegnadore
de grafitos e ufitziale de s’esèrtzitu isvìtzeru.
Oe in die faghet su regista.
Mercoledì 4 dicembre 2013
Luca Vullo (Italia, 2012, o.l. siciliano/italiano, subt. ita. ing, 30’02’’)
Sogg. e scen.: Luca Vullo - Dir.Fot.: Giorgio Giannoccaro - Mo.: Francesca Bracci - Mus.: Fabrizio Galante, Enrico Nisati e Piero Simoncini
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Sicilia, qualche secolo fa. Un re straniero
vuole verificare di persona ciò che è venuto a scoprire sui siciliani, e cioè che sono
individui in grado di cimentarsi in lunghi
discorsi… senza proferire nemmeno una
parola. Come fanno? Utilizzando, come
pochi altri al mondo, i gesti del viso e i
movimenti del corpo.
Sicily, a few centuries ago. A foreign king
wants to see for himself what he came
to find out about the Sicilians, namely
that individuals are able to engage in
long speeches… without saying a word.
How do they do? Using as few others
in the world, facial gestures and body
movement.
Sèculos faghet in Sitzìlia. Unu re
istràngiu cheriat averiguare de pessone
su chi aiat iscobertu de sos sitzilianos, est a nàrrere chi sunt pessones
àbiles meda a chistionare sena mancu
abèrrere buca. Comente faghent?
Impreant, comente pagos in su mundu,
espressadas de sa cara e movimentos
de sa carena.
Biografia
Biography
Biografia
Luca Vullo, artista poliedrico e regista
versatile, dopo aver affinato le capacità
di ideazione e scrittura a Bologna frequentando il DAMS, indirizzo cinema, e
numerosi corsi di formazione e laboratori
cinematografici, ha sviluppato una notevole esperienza di regia dirigendo
numerosi cortometraggi, documentari,
docu-fiction, videoclip musicali e spot
pubblicitari. La sua filosofia è curare
l’intero processo produttivo, dall’ideazione alla post-produzione.
Luca Vullo. A multifaceted artist and versatile director, studied Cinema at DAMS. He
develops a remarkable experiences to directing several short ilms, documentaries, docudramas, music videos and commercials. His
philosophy is to cure the entire production
process, form concept to post-production.
Luca Vullo. Artista polièdricu e regista chi
si adatat a totu. A pustis de àere afinicadu
sas capatzidades de imbentu e iscritura, sighende in Bologna, in su DAMS cun indiritzu
tzinematogràficu, cursos de formatzione e
laboratòrios tzinematogràficos, at isvilupadu
un’esperièntzia manna in sa regia ghiende
cortometràgios medas, documentàrios,
docu-fiction, videoclip mucicales e publitzidades. Sa filosofia sua est de contivigiare totu
su protzessu produtivu, dae cando naschet
s’idea finas a cando finit sa produtzione.
Mercoledì 4 dicembre 2013
fuori concorso
LA VOCE DEL CORPO
77
bistos dae foras
78
ENSAJOS DE ACTORES
Jesus Monroy (España, 2011, o.l. español, subt. ing, 07’45’’)
Scen.: Jesús Monroy – Dir.Fot.: Mariano Izquierdo – Fo.: Agustín de la Fuente –
Ass.Reg.: David Peñaranda – Mo.: Daniel Ramírez – Mus.: Moisés P. Sánchez
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Diluvia, vento, freddo. Una troupe di
cinema sta facendo le prove per un film.
Impedirà il mal tempo l’inizio del film? No,
però gli attori forse si...
Pouring, rain, wind, cold. A film troupe is
doing trials to a movie. Will prevent the
badweather the beginning of the film?
No, but the actors maybe yes…
Proet a mògios, bentu fritu. Una troupe
est faghende sas provas pro unu film.
Su tempus at a permìtere su comintzu
de su film? No, ma sos atores fortzis
emmo…
Biografía
Biography
Biografia
Jesus Monroy è attore, sceneggiatore
e regista. Come attore ha collaborato
con Antonio Malonda e Tito Mateo.
Per il cinema ha partecipato a progetti
come Despidiendo que es gerundio e
Geronimo diretti da Vier Castellanos e
Alfonso Díaz. È inoltre cosceneggiatore
di El ataque de los Zumbas, Sesión e 24
centímetros. Oggi è produttore esecutivo indipendente e distributore.
Jesus Monroy. Actor, writer and director. As
an actor participates in plays directed Antonio Malonda & Tito Mateo. Filmprojects like
Despidiendo que es gerundio and Geronimo
by Vier Castellanos and Alfonso Diaz. Cowriter by El ataque de los Zumbas, Session
and 24 centimetros. Works as an independent producer and distributor.
Jesus Monroy. Atore, iscenegiadore e
regista. Comente atore at traballadu paris
cun Antonio Malonda e Tito Mateo. In su
tzìnema at traballadu a progetos, comente
Despidiendo que es gerundio e Geronimo,
ghiados dae Vier Castellanos e Alfonso
Díaz. At leadu parte a s’iscenegiadura de
El ataque de los Zumbas, Sesión e 24
centímetros. Oe in die traballat comente
produtore indipendente e distribudore.
Mercoledì 4 dicembre 2013
Jerry Hartman (USA, 2008, o.l. sranan tongo/arawak, subt. ing, 24’24’’)
Sinossi
Synopsis
Sinossi
In Suriname la comunità indigena locale
lotta per sopravvivere alla logica dello
sviluppo globale che minaccia la loro
esistenza. La logica dello sviluppo
mette a rischio i loro diritti fondamentali:
l’accesso alla terra, all’acqua potabile,
al cibo, il diritto all’assistenza sanitaria e
all’educazione.
History repeats itself in Suriname
where Amerindians struggle to survive
in a global society that ignores their
existence. Facing exploitive development,
including gold mining, they are denied
basic human rights: access to land, clean
water, food, medical care and education.
In Suriname sos Amerindianos gherrant
pro pòdere istare in una sotziedade
globale chi non leat a cussidèriu s’esistèntzia issoro. Pro more de s’isvilupu,
chi previdit s’estratzione de s’oro, benint
negados sos deretos umanos de base
comente su deretu a impreare sa terra,
su de àere abba bona a bufare, màndigu, assistèntzia sanitària e educatzione.
Biografia
Biography
Biografia
Jerry Hartman è professore associato
presso la Walla Walla University, in
cui insegna comunicazione e media
production. Nel 2008 si è laureato presso
l’Università Nazionale con un master in
Cinema Digitale.
Jerry Hartman is an associate professor
at Walla Walla University and teaches communication and media production classes. He
graduated from National University with an
MFA in Digital Cinema (2008).
Jerry Hartman est professore assotziadu
in s’universidade Walla Walla in ue insinnat
comunicatzione, e media production, s’est
laureadu in s’Universidade Natzionale e at
fatu unu master in tzìnema digitale (2008).
Mercoledì 4 dicembre 2013
fuori concorso
INDIGENOUS SURINAME
79
bistos dae foras
80
VISINS DE CJASE
Marco Londero | Giulio Venier (Italia, 2012, o.l. friulano, subt. ita. , 82’58’’)
Scen.: Renzo Brollo, Giorgio Monte – Mus.: Nicola Avon – Mo.Su.: Marco Furlanetto Pr.: Uponadream Studios in collaborazione con Teatrino del Rifo e Prospettiva T
Sinossi
Synopsis
Sinossi
In una Gemona surreale vive Mauri,
uomo dalla personalità contorta, e affetto
da una sindrome tanto rara, quanto
misteriosa, che lo costringe a non uscire
mai di casa e a spiare i propri vicini. Pieri,
suo medico curante e compagno, dopo
l’ennesimo trasloco per colpa delle attenzioni morbose di Mauri al precedente
dirimpettaio, parte per Auckand per un
convegno sui casi clinici affetti dalla sua
stessa sindrome (denominata sindrome
di Mauri).
In a surreal little town called Gemona,
lives Mauri, a man with a strange
personality, afflicted by a rare kind of
syndrome, that force him to stay always
at home and spy his neighbours. Pieri,
his doctor and lover, went to Auckand for
a convention of a clinic study case of a
Mauri’s syndrome.
Mauri est un’òmine cun unu caràtere
tortu, istat in Gemona, a issu l’at corpidu una maladia chi cantu est rara est
misteriosa e lu fortzat a no essire dae
domo e a corbiare sos bighinos suos.
Pieri amigu e dutore suo, pro neghe de
Mauri chi istrobat su bighinu de domo,
partit a Auckland, pro leare parte a unu
cunvegnu chi pertocat casos clìnicos
de sa matessi maladia (numenada
comente sìndrome de Mauri).
Biografia
Biography
Biografia
Marco Londero e Giulio Venier sono
nati entrambi nel 1990. Insieme fondano, nel 2008 a Gemona, l’associazione
Uponadream, con l’intento di dedicarsi
al mondo degli audiovisivi, e si specializzano nella realizzazione di videoclip
musicali. I loro lavori vengono trasmessi
su emittenti locali e nazionali come Sky,
Mediaset, Rai. Visins di Cjase è il loro
primo lungometraggio.
Born in 1990, they founded together in 2008
in Gemona (Ud), the association
Uponadream, with the particular aim to deal
with the world of audiovisuals.
They specialized in the production of music
videos. Their video are transmitted for
local and national broadcasters such as Sky,
Mediaset, Rai. They teaching courses in directing and editing in some schools in Friuli.
Visins di Cjase is their irst feature ilm.
Sos registas Marco Londero e Giulio
Venier, sunt ambos nàschidos in su 1990.
In su 2008 dant vida, in Gemona (UD), a su
sòtziu Uponadream cun s’idea de traballare
in su campu audiovisivu. Leant s’ispetzializatzione pro ammaniare videoclip musicales. Sos videoclip issoro sunt trasmìtidos
in sas emitentes locales e natzionales
comente Sky, Mediaset, Rai. Visins di Cjase
est su primu longumetràgiu issoro.
Giovedì 5 dicembre 2013
Alessandro Stevanon (Italia, 2011, o.l. italiano/francais/franco-provenzano/titisch, subt. ita, 52’31’’)
Scen.: Alessandro Stevanon – Dir.Fot.:Michele D’Attanasio, AIC – Mus.: Pietro Pompei –
Mo.: Marco Spoletini, AMC – Pr.: Ezechiele 25:17 Film Production
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Due villaggi di montagna, incastonati
fra le cime della Valle d’Aosta, ognuno
con lingua e dialetti propri, ma uniti da
tradizioni comuni. Una giornata di scuola
qualunque, raccontata attraverso la
spontaneità e la gioia degli alunni di due
piccole scuole elementari.
Two alpine villages, lying amongst the
mountains of Aosta Valley, each with
its own language and dialect, but both
related by common traditions. Some
pupils of two elementary schools
describe, with spontaneity and joy, an
ordinary day in their school life.
Duas biddigheddas in sos cùcuros
de sos montes de sa Valle d’Aosta,
onniuna cun limba e dialetos pròpios
ma ligados dae traditziones comunas.
Una die de iscola comente un’àtera
contada pro mesu de sa naturalesa e
sa cuntentesa manna de sos pitzinnos
de duas iscolas elementares.
Biografia
Biography
Biografia
Alessandro Stevanon è nato ad Aosta
nel 1982. Dopo il diploma presso l’istituto
per la Cinematografia “R. Rossellini” di
Roma nel 2004 ha iniziato le sue prime
esperienze come assistente alla regia.
Il corto Niet No Nein gli vale nel 2003 il
primo premio al Festival Nazionale del
Cortometraggio organizzato da Cinecittà e Anica. Nel 2004 fonda la società
Ezechiele 25:17 Film Production, per
la quale dirige cortometraggi, videoclip,
spot pubblicitari e documentari.
Alessandro Stevanon was born in Aosta in
1982. He graduated from the “State Institute
for Cinematography “R. Rossellini” in Rome
in 2004 and began his irst experiences as
assistant director. With his short Niet No Nein
he earned the irst prize at the Festival Nazionale del Cortometraggio in 2003. In 2004 he
founded the company Ezechiele 25:17 Film
Production where he continues to work and
direct short ilms, video clips, advertisements
and documentaries.
Alessandro Stevanon naschet in Aosta in
su 1982. Si diplomat in Roma, in su 2004, in
s’istitutu pro sa tzinematografia “R. Rossellini” e incomintzat s’esperièntzia sua comente
assistende a sa regia. Su corto Niet No
Nein li balet su primu prèmiu a su Festival
Nazionale del Cortometraggio in su 2003. In
su 2004 dat vida a su sòtziu Ezechiele 25:17
Film Production e ghiat cortometràgios,
videoclip, publitzidade e documentàrios.
Giovedì 5 dicembre 2013
fuori concorso
CAHIERS
81
bistos dae foras
82
THE SARDONIC SMILE
Tilo Koch (Deutschland, 2012, o.l. deutsch, subt. ing., 83’08’’)
Scen.: Tilo Koch - Dir.Fot.: Roger Hinrichs – Mo.: Tilo Koch - Pr.: Andrea Mayer-Lueen
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Grazia, sorella della studentessa di
archeologia Isabella, è scomparsa. La
polizia tedesca non è di grande aiuto, e
quindi Isabella segue l’unica traccia a sua
disposizione: la Sardegna. Là trova la
sorella nel campo di un misterioso mago
della fuga, tra antiche saghe e inquietanti
delitti.
Grazia, sister of student of archeology
Isabella, is missing. The German
police are not of great help and thus
Isabella follows the only trace she has:
to Sardinia. There she actually finds
her sister in the camp of a mysterious
escapist, amidst ancient sagas and
unsettling crimes.
Grazia, sorre de Isabella e istudentessa de archeologia mancat. Sa politzia
tedesca est de pagu agiudu e duncas
Isabella sighit s’ùnicu sinnu chi tenet:
sa Sardigna. Agatat sa sorre in unu
mundu chi paret mìticu e legendàriu in
ue bi sunt crìmines.
Biografia
Dal 2012 Tilo Koch è free Lancer in
una agenzia commerciale che realizza
spot pubblicitari.
Biography
Biografia
Tilo Koch. Free Lancer from 2012 in a Commercial Agency that produces commercials.
Tilo Koch. Free Lancer in s’agentzia Haus
E / Alltag & Anders Werbeagentur Chemnitz,
chi si òcupat de publitzidade.
Venerdì 6 dicembre 2013
Angel Marìa Sandimas (España, 2012, o.l. euskera, subt. ing, 11’30’’)
Scen.: Angel Sandimas, Jose Luis Zumeta – Dir.Fot e Op.: Angel Sandimas – Mo.: Angel Sandimas – Fo.: Angel Gonzalez Katarain
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Il bombardamento di Guernica e le opere
che José Luis Zumeta e Mikel Laboa
crearono per rievocare quell’evento
fatidico si incontrano e prendono vita per
ispirare questo documento animato. A
Gernika il lunedi 26 Aprile 1937 è giorno
di mercato e nulla fa presagire che la vita
di tutti i giorni sta per essere violentemente interrotta.
The bombing of Guernica and the art
works that José Luis Zumeta and Mikel
Laboa created to evoke that fateful event
come alive as a single piece to inspire this
animated document. Guernica,
April 26th 1937, market day. Nothing
seems to indicate that everyday life will
be violently interrupted. But preparations
for a terrible military operation are
underway…
Su bombardamentu de Guernica e sas
òperas chi José Luis Zumeta e Mikel
Laboa ant realizadu, pro ammentare
cussa die maladita, si addòviant e
naschent pro ispirare custu documentu
animadu.
Guernica, su 26 de abrile de su 1937
sa die de su mercadu. Non b’at sinnu
perunu chi inditet s’acabu violentu de
sa normalidade fitiana. Ma b’at in cursu
s’ammàniu de un’operatzione militare…
Biografia
Biography
Biografia
Angel Marìa Sandimas videoartista
esperto di animazione in 3D è anche
un prolifico regista di cortometraggi
ed opere audiovisuali, tra cui – oltre a
Gernika - La cueva, Mari, En busca del
ocaso polar. Ha collaborato anche alla
realizzazione di videoclips musicali per i
gruppi Los planetas e Ladytron.
Angel Maria Sandimas. Short !ilm Gernika
director, Feature !ilm The Cave, Short !ilm
Mari, Short !ilm Raiders of the polar twilight.
Collaborating in video-music clips from
groups like The Planets, Ladytron, etc..
Angel Maria Sandimas. Videoartista,
espertu de animatzione 3D, regista de cortometràgios. Traballos suos de ammentare:
Gernika regista, Longumetràgiu The Cave,
Cortometràgiu Mari e Raiders of the polar
twilight. At collaboradu cun grupos musicales
comente The Planets, Ladytron e àteros pro
ammaniare vìdeo clip musicales etc.
Venerdì 6 dicembre 2013
fuori concorso
GERNIKA
83
bistos dae foras
84
TROGAR
Adam Felix (Slovensko, 2013, o.l. slovenčina, subt. ing, 20’24’’)
Scen. e Mo.: Adam Felix – Op. Peter Dúžek – Pr.: Juraj Spišák
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Trogar è la storia di un particolare tassista che vive la sua vita molto sollitaria. In
cinque capitoli, lo incontriamo nella sua
vita quotidiana, nel lavoro, negli ambienti
e con le persone che mettono in luce la
sua personalità.
Trogár (dialect name for the bad boy of
Nitra) is a story of peculiar taxi driver
who lives his life by himself - as “a ride”.
In five chapters, we meet his daily life,
work, environment and characters that
form him.
Trogár (est su nùmene in dialetu pro
inditare unu pitzocu malu de Nitra) est
s’istòria de unu tassista chi vivet sa
vida a contu suo. In chimbe capìtulos
bidimus sa vida sua de onni die, traballu, logu e personàgios chi lu formant.
Biografia
Biography
Biografia
Terminate le scuole superiori nel 2008,
Adam Felix, nata a Nitra nel 1989, si
iscrive all’accademia di Performing Art
di Bratislava, dove ha studiato nel dipartimento di Film e Regia TV. Durante
l’attività formativa ha realizzato numerosi film che focalizzano l’attenzione sulla
provincia Slovacca. Attualmente lavora
al suo film di diploma Checkpoint.
Upon graduation from Secondary Grammar
School in 2008, Adam Felix (born 1989 in
Nitra) went to the Faculty of Film and Television at the Academy of Performing Arts in
Bratislava where he studied in the department of Film and TV Directing. At the school
he made several ilms and exercises focused
mainly on Slovak provincial environment.
Currently is working on his diploma ilm
Checkpoint.
Acabada sa Secondary Grammar School in
su 2008, Adam Felix, naschet in Nitra in su
1989, s’iscriet a s’Acadèmia de Performing
Art in Bratislava, in ue istudiat tzìnema e
regia. In iscola faghet unos cantos films e
esertzìtzios basados mescamente subra
de s’ambiente provintziale islovacu. Oe in
die est traballende a su film de su diploma
Checkpoint.
Sabato 7 dicembre 2013
Teodor Kuhn (Slovensko, 2012, o.l. slovenčina, subt. ing, 30’00’’)
Scen.: Teodor Kuhn – Dir.Fot.: Denisa Buranova – Mo.: Brano Gotthardt - Pr.: Kika Majorosova, Jakub Viktorin
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Momo capisce l’importanza di avere un
padre. Il giovane ragazzo, con problemi
di autocontrollo, cerca di dare un senso
alla vita, ma tutto sembra difficile a causa
della propria insicurezza.
Momo is about the importance of having
a father. A young boy has problems with
self-control and finding a purpose in life,
and even though they seem almost too
hard to solve, they come from not feeling
secure by himself.
Momo cumprendet cantu siat de importu a tènnere unu babbu. Unu pitzocu
giòvanu cun problemas a si poderare,
chircat de dare unu sensu a sa vida
sua, e mancari sa cosa pàrgiat difìtzile,
totu dipendet dae sa paga seguresa chi
issu tenet.
Biografia
Biography
Biografia
Theodor Kuhn si è laureato alla Scuola
di Cinema e Televisione di Bratislava,
dove ha studiato nel dipartimento di Film
e Direzione TV. Il suo ultimo film Momo
ha ottenuto numerosi riconoscimenti e in
particolare è stato premiato al Midpoint
2011 come Miglior Progetto di corto.
Attualmente sta lavorando al suo primo
lungometraggio.
Teodor Kuhn is graduate from the Faculty of
Film and Television at the Academy of Performing Arts in Bratislava where he studied
in the department of Film and TV Directing.
His latest ilm Momo won the Best Script and
Best Editing awards at Festival Áčko 2012
and was awarded at Midpoint workshop
2011 as Best Short Film Project. Currently
Teodor is starting to work on his irst feature.
Theodor Kuhn s’est laureadu in s’Universidade de Film e Televisione - Acadèmia de
sas Artes – in Bratislava, at istudiadu in su
dipartimentu de Film e Diretzione TV. S’ùrtimu film chi at ammaniadu Momo at bìnchidu
sos prèmios Best Script e Best Editing a su
Festival Áčko 2012, in su Midpoint 2011 l’ant
premiadu comente su progetu mègius de
cortometràgiu. In custa muta est traballende
a su primu longumetràgiu suo.
Sabato 7 dicembre 2013
fuori concorso
MOMO
85
bistos dae foras
86
ZAVORRA
Vincenzo Mineo (Italia, 2012, o.l. siciliano, subt. ita, 49’23’’)
Dir.Fot.: Bruno Fundaro’ – Mo.: Dario Indelicato – Mus.: Martina Fedele - Pr.: Vincenzo Mineo, Trinacria Visual Art
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Nel 1800 le navi che arrivavano nel porto
di Trapani scaricavano la “zavorra” nei
pressi delle saline. La “zavorra” è la terra,
cioè i sacchi di terra che le navi usavano
per tenersi in equilibrio. Su quella terra
un secolo più tardi è stato costruito un
ospizio per anziani.
In 1800, the ships that arriving in the
port of Trapani unloaded the “Zavorra”
near the salt marshes. The “Zavorra”
is the land, the sandbags that ships
used for balance. On one of that lands a
century later was builded an hospice.
In su 1800 sas naves chi arribaiant
dae su portu de Trapani iscarrigaiant
“sa zavorra” a curtzu dae sas salinas.
Sa “zavorra” àteru no est si non sacos
de terra chi sas naves impreaiant pro
si mantènnere in echilìbriu, subra de
cussa terra matessi annos a pustis
fraigant un’ospìtziu pro antzianos.
Biografia
Biography
Biografia
Vincenzo Mineo nasce a Erice nel
1975. Laureato in Storia del cinema
alla Sapienza di Roma, ha poi lavorato
come assistente alla regia per Miniero e
Genovese, Ciprì e Maresco, Costanza
Quatriglio, Gianni Zanasi, e altri autori.
Come regista ha realizzato alcuni documentari e cortometraggi tra cui Full Of
Life, Cargo, Levanzotang Est, I’m in the
mood for love, Shalom.
Vincenzo Mineo was born in Erice, Sicily
in 1975. He works as assistent director for
movies and italian television. As author he
directed some short movies and documentaries (Shalòm, I’m in the mood for love, Tang.
Est, Levanzo, Cargo).
Vincenzo Mineo naschet in Erice in su
1975, si laùreat in istòria de su tzìnema
in sa Sapienza de Roma. At traballadu
comente assistente a sa regia pro Miniero
e Genovese, Ciprì e Maresco, Costanza
Quatriglio, Gianni Zanasi, Claudio Cupellini,
Francesco Lagi, Matteo Rovere, Roan
Johnson. Comente autore at ammaniadu
unos cantos documentàrios e cortometràgios, de ammentare: Full Of Life; Cargo;
Levanzo; Tang.Est; I’m In The Mood For
Love; Shalom.
Sabato 7 dicembre 2013
fuori concorso
A CICATRIZ BRANCA
Margarita Ledo Andiòn (España/Argentina, 2012, o.l. gallego, subt. ing, 92’00’’)
Dir.Fot.: Pablo Cayuela Miguel – Mo.: Ramiro Ledo Cordeiro - Mus.: Abe Rábade Pr.: Nós, Produtora, Cinematográfica Galega, Haddock Films, Crtvg
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Durante la prima metà del XX secolo,
migliaia di donne lasciarono la Galizia per
migrare in America. Molte di loro viaggiavano con documenti che falsificavano la
loro età e anche la loro identità. Storie
ordinarie come quella di Merc,e la cui vita
si incrocia con quella di altre emigranti.
Throughout the first half of the 20th
century, thousands of single women
left Galicia to go to America. Many of
them were illegal aliens, carrying on
documents that forged their age and even
their identity. Common stories as Merce’s
life linked to other emigrants’ lives.
In sos primos chimbanta annos de su
900 mìgias de fèminas tramudant dae
sa Galizia pro andare in America. Medas non teniant su permissu pro istare
e sos documentos issoro fiant frassos,
non tzertificaiant s’edade nen s’identidade bera. Contos de onni die, comente
cussu de Merce e de sa vida sua chi
addòviat cussa de àteras migrantes.
Biografia
Biography
Biografia
Margarita Ledo Andión è poetessa
e scrittrice, ma anche ricercatrice
e autrice di opere su film d’autore,
regista sperimentale, agitatore politico
e femminista, come risulta evidente nei
suoi documentari Santa Liberdade e
List. È anche professore di Scienze della
Comunicazione all’Università di Santiago
de Compostela e membro della Royal
Academy Galizia.
Margarita Ledo Andión. Poet and writer,
the central male character of the ilm A
cicatriz branca (White Scar) stems from her
novel Porta Blindada (Edicións Xerais, Vigo,
1990); researcher and essayist. Professor
of Communication Studies at the University
of Santiago de Compostela, she is a member
of the Real Academia Galega (Galician Royal
Academy).
Margarita Ledo Andión est poetessa e
iscritora. Su personàgiu de su film suo
benit dae unu romanzu suo: Porta Blindada
(Edicións Xerais, Vigo, 1990). Chircadora, at
iscritu sàgios subra de su tzìnema de autore,
regista isperimentale, in sos documentàrios
suos Santa Liberdade e List tratat chistiones
de su feminismu. Professora de Scièntzias
de sa Comunicatzione in sa Real Academia
Galega.de Santiago de Compostela.
Sabato 7 dicembre 2013
87
bistos dae foras
88
EGLIADAS
Christian Schocher (Schweiz, 2011, o.l. rumantsch, subt. ing, 52’09’’)
Scen.: Christian Schocher – Op.: Patrick Lindenmaier – Mo.: Martin Witz – Mo.Su.: Guido Keller Mus.: Nathan Schocher - Pr.: Ventura film sa, Radiotelevisiun Svizra Rumantscha,
Sinossi
Synopsis
Sinossi
In una vallata impoverita, gli abitanti devono lottare ogni giorno sopravvivere. Le
fotografie di Emil Brunner ci raccontano
le loro storie. Un film-saggio su quanto
il nostro tempo e la nostra cultura siano
effimeri.
A poverty-stricken mountain valley
whose inhabitants must struggle every
day for their livelihood. These images
from Emil Brunner tell their stories. A
film essay about the transience of our
time and culture.
In una badde pòbera sa gente chi b’istat devet gherrare onni die pro pòdere
sighire a campare. Sas imàgines de
Emil Brunner nos contant s’istòria de
custa gente. Unu film chi tratat de sa
precariedade de su tempus e de sa
cultura de oe.
Biografia
Biography
Biografia
Nato nel 1946 a Pontresina, in Svizzera,
Christian Schocher, figlio del fotografo
e documentarista Bartholome, dal 1968
è a capo del Kino Rex di Pontresina. Lavora a film del cosiddetto “terzo mondo”
e film d’autore, documentari svizzeri,
film muti con musica dal vivo, spettacoli
all’aperto. Dal 1970 lavora come regista
sperimentale.
Son of the photographer and documentary
director Bartholome Schocher, Christian
Schocher trained as a photographer since
1968 and now manages the Rex cinema in
Pontresina. He worked on commercial movies, so-called “third world” ilms, art-house
ilms, Swiss documentaries, silent ilms
with live music, open-air performances. He
collaborated with several Swiss ilmmakers,
such as Daniel Schmid, Fredi M. Murer, Erich
Lang anno, Hans Stürm
Fìgiu de su fotògrafu e documentarista
Bartholome Schocher, Christian Schocher
naschet in su 1946 in Pontresina, Svizzera.
In su 1968 ghiat su tzìnema Kino Rex in
Pontresina. Traballat a film cummertziales
e a àteros connotos comente de su “tertzu
mundu”, film de autore, documentàrios
isvìtzeros, filmados mudos ma acumpangiados dae mùsica, ispetàculos a s’abertu.
Dae su 1970,traballat comente regista
isperimentale.
Sabato 7 dicembre 2013
FESTIVAL
TZINEMA CORSICANU | CINEMA CORSO
Santa Simonpietri | Michel Houdayer (Francia, 2013, o.l. corsu, subt.ita, 52’)
Op.: Gilbert Brun, Michel Houdayer – Mo.: Sylvie Adnin – Pr.: GB Prod con il sostegno de Collectivité Territoriale de Corse
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Come tante altre lingue nel mondo anche
quella corsa è in pericolo di estinzione.
Per questa ragione i corsi cercano di
mantenerla viva. Per cercare di capire
questo problema, i registi hanno incontrato uomini e donne che raccontano il
loro rapporto intimo con la lingua, la loro
preoccupazione nel vederla scomparire.
Just like many languages around the
world, the Corsican language is on the
edge of extinction. For this reason, the
Corsican people are deeply attached to it.
To understand this paradox, the directors
have met men and women who tell their
intimate relationship with the language
and their anxiety about its possible
disappeareance.
Comente àteras limbas de su mundu
su corsu est una limba in perìgulu. Pro
custa resone sos corsos sunt atacados
meda a sa limba issoro. Pro cumprèndere custu paradosso, òmines e
fèminas sunt intervistados e chistionant
de su ligàmene chi tenent cun sa limba
e de sa timòria de la bìere morende.
Biografia
Biography
Biografia
Santa Simonpietri e Michel Houdayer
sono i fondatori della Maria Films dal
1988. Sono autori di numerosi documentari realizzati in Francia e in varie parti
del mondo, come Paroles de Cubains,
viaggio nel cuore di Cuba, ma anche
il ritratto di un autista che attraversa il
Brasile, una storia del cinema cinese, il
ruolo sociale del sari in India.
Santa Simonpietri and Michel Houdayer
have founded Maria Films in 1988.
They are the directors and authors of documentaries shot in France and in various parts
of the world: the self portrait of a forty tons
driver crossing Brazil, the history of Chinese
cinema, the social role of the sari in India...
Santa Simonpietri et Michel Houdayer
ant fundadu su sòtziu de produtzione Maria
Films. Diretores e autores de documentàrios
in Francia e peri su mundu: una pintura chi
mustrat un’autista peri su Brasile, s’istòria de
su tzìnema tzinesu, su ruolu sotziale de su
sari in India…
Venerdì 6 dicembre 2013
cinema corso
LINGUA VIVA
91
tzìnema corsicanu
92
TUTT’IN CASA CUMUNA
Michè D’Onofrio (France, 2013, o.l. corsu, subt. ita, 17’25’’)
Scen.: Michè D’onofrio - Dir.Fot.: Alexandra Sabathé – Fo.: Benoît Allard – Mo.: Floréal Filippi – Mo.Su.: Benjamin Falsimagne
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Le elezioni comunali s’avvicinano per
gli abitanti del villaggio di Santa Maria
di Pazzu. Dédé Stracciatelli, ex divo
del calcio, ha deciso di candidarsi per
contrastare l’attuale sindaco. Il bar del
paese diventa il teatro della campagna
elettorale...
Municipal elections draw near in the
town of Santa Maria di Pazzu. Dedè
Stracciatelli, a former soccer star decided
to be a candidate to counter the current
mayor. The bar in the country will then
be theater of the campaign...
In Santa Maria di Puzzu est belle
tempus de eletziones comunales. Dédé
Stracciatelli, chi una borta fiat famadu
in su mundu de su fùbalu, detzidit de si
candidare contra a su sìndigu de tando.
Su tzilleri de sa bidda diventat su teatru
de sa campanna elettorale
Biografia
Biography
Biografia
Michè D’Onofrio ha studiato cinema
all’Università di Corsica, dove ha scritto
e diretto i suoi primi cortometraggi.
Negli anni 2010-2011 realizza un film
di fiction intitolato Libertà per scemi!, e
un documentario, Peppu Flori, l’Anima
d’una cultura.
Michè D’Onofrio has studied ilm at the
University of Corsica, where he wrote and
directed his irst short ilms as part of his
training, a iction ilm, Libertà per scemi! and
a documentary Peppu Flori, l’anima di una
cultura.
Michè D’Onofrio at istudiadu tzìnema a
s’Universidade de Corsica, in ue at iscritu
e ghiadu sos primos cortometràgios chi
faghent parte de sa formatzione sua, at
ammaniadu unu film de fiction, Libertà per
scemi! e unu documentàriu Peppu Flori,
l’Anima d’una cultura.
Venerdì 6 dicembre 2013
Julie Perreard (France, 2013, o.l. corsu, subt. fr. 5’51’’)
Scen.: Marc Biancarelli, Jérôme Luciani – Dir.Fot.: Patrick Ghiringhelli – Mo.: Sylvie Graulier – Pr.: Marc Biancarelli, Jérôme Luciani
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Basato su una poesia corsa di Marc
Biancarelli, il film racconta di un uomo che
vive solo nella sua casa, dove il tempo
si è fermato in seguito all’assassinio del
figlio avvenuto trent’anni prima.
Based on a poem in Corsican by Marc
Biancarelli, this film depicts a man who
lives alone in his house, where time has
stood still since the murder of his son,
thirty years ago.
Si basat subra unu poesia in limba
corsa de Marc Biancarelli, su film contat
de un’òmine chi istat a sa sola, in una
domo in ue su tempus s’est firmadu
a pustis chi l’ant mortu su fìgiu, chi
mancat 30 annos.
Biografia
Biography
Biografia
Nel 1998, dopo un diploma in audiovisivi,
Julie Perreard lavora come montatrice
per l’emittente tv France 3 Corse.
Per molti anni si dedica all’attività di
montaggio e nel 2004 realizza il suo
primo documentario, Désert. Negli anni
successivi realizza altri lavori come
Sorru in musica e Cunfraternità, un’altra
strada. Nel 2008 si allontana da France
3 Corse per dedicarsi completamente
alla regia.
Julie Perreard. In 1998, after a degree in
audiovisual arts, he worked as an editor
for the France 3 Corse television. For many
years, he devoted himself to the editing of
documentaries. In 2004, he produced the
irst documentary, Désert.
In the following years, he’ll realize Sorru in
musica and Cunfraternità, un’altra strada.
In 2008, he left France 3 Corse to devote
himself to full-time directing.
Julie Perreard. A pustis de su diploma
in audiovisivos, in su 1998, traballat in sa
televisione France 3 Corse pro su montàgiu.
At traballadu paritzos annos a su montàgiu
de documentàrios. In su 2004 at ammaniadu
su primu documentàriu suo: Désert, a custu
nde sighint àteros comente: Sorru in musica,
e Cunfraternità, un’altra strada. In su 2008
sèberat de lassare France 3 Corse pro
traballare petzi in sa regia.
Venerdì 6 dicembre 2013
cinema corso
DOPU A I MUNTANERI
93
tzìnema corsicanu
94
MARCUMARIA
Julie Perreard (France, 2013, o.l. corsu/français, subt. fr, 22’)
Op. e Dir.Fot: Patrick Ghiringhelli – Fo.: Ivan Dumas - Pr.: Michèle Casalta, Mouvement, Julie Perreard
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Ispirato a un momento chiave della storia
della Corsica, “il Niolu impiccato” (quando
undici patrioti corsi furono impiccati nel
1774), e ad altri personaggi che sono
esistiti, il film racconta l’adolescenza di
un giovane contadino corso, Marcumaria,
e l’adolescenza di un giovane ufficiale
francese, Alexandre, una sorta di inviato
di guerra che scrive al padre le sue
impressioni su quello strano paese.
Inspired by a pivotal moment in the
history of Corsica, called the Hanged
Niolu (when eleven patriots were
hanged, in 1774) and historical
characters, the film shows the
adolescence of a young Corsican farmer,
Marcumaria, and that of a young French
officer, Alexandre, a “war correspondent”
who writes letters to his father, telling
him his impressions of that strange
country.
Ispiradu a unu momentu dìligu de
s’istòria corsa, connotu comente su
Niolu impiccato, e a personàgios chi
sunt esistidos a beru (in su 1774, impicant ùndighi patriotas corsos), su film
mustrat sa pitzinnia de unu massaju
giòvanu de sa Corsica, Marcumaria, de
unu giòvanu ufitziale frantzesu, Alexandre, chi comente un’inviadu in gherra
iscriet a su babbu sos sentidos suos
subra de cussu logu istravanadu.
Biografia
Biography
Biografia
Nel 1998, dopo un diploma in audiovisivi, Julie Perreard lavora come
montatrice per l’emittente tv France 3
Corse. Per molti anni si dedica all’attività
di montaggio e nel 2004 realizza il suo
primo documentario, Désert. Negli anni
successivi realizza altri lavori come
Sorru in musica e Cunfraternità, un’altra
strada. Nel 2008 si allontana da “France
3 Corse” per dedicarsi completamente
alla regia.
Julie Perreard. In 1998, after a degree
in audiovisual arts, he worked as an editor for the France 3 Corse television. For
many years, he devoted himself to the
editing of documentaries. In 2004, he
produced the first documentary, Désert.
In the following years, he’ll realize Sorru
in musica and Cunfraternità, un’altra
strada. In 2008, he left France 3 Corse
to devote himself to full-time directing.
Julie Perreard. A pustis de su diploma in
audiovisivos, 1998, traballat a su montàgiu
pro sa televisione France 3 Corse. Pro
paritzos annos traballat a su montàgiu de
documentàrios. In su 2004 ammàniat su
primu documentàriu, Désert e posca àteros
traballos ant a sighire comente Sorru in
musica e Cunfraternità, un altra strada. In su
2008 lassat France 3 Corse pro traballare
ebbia in sa regia.
Venerdì 6 dicembre 2013
FESTIVAL
EVENTOS | EVENTI SPECIALI
Hans Jürgen Syberberg (Italia/Deutschland, 1968, o.l. sardu/deutsch/italiano, subt. ita, 114’, b/n)
Scen. e Pr.: Hans-Jürgen Syberberg - Dir.Fo.: Petrus Schloemp - Mo.: Barbara Mondry - Mu.: Eugen Thomass
Cast: Walter Buschhoff, Nicoletta Machiavelli, Franz Graf Treuberg, Karsten Peters
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Tratto liberamente da un racconto di
Tolstoj. la pellicola narra la storia di un
manager tedesco che gira la Sardegna in
cerca di un terreno da acquistare, finisce
per fare una scommessa con gli abitanti
di un villaggio (Oliena), sarà proprietario
di tutta la terra che riuscirà a percorrere
dall’altopiano al mare nell’arco di una
giornata.
Freely drawn from a story by Tolstoy. The
film tells the story of a German manager
that runs Sardinia in search of a land
to buy, ends up making a bet with the
villagers (Oliena), will be the owner of all
the land that will be able to walk from the
plateau to the sea in a day.
Bogadu dae unu contu de Tolstoy, su
film contat s’istòria de unu manager
tedescu chi girat peri sa Sardigna in
chirca de comporare terrinos, ponet
un’iscummissa cun sos de Ulìana, at a
diventare mere de totu su terrinu in ue
at a resurtare a colare, in una die, dae
sa serra a su mare.
Biografia
Biography
Biografia
Hans-Jürgen Syberberg nel 1945 si
trasferì a Berlino Est e qui girò in8 mm i
suoi primi documentari. Nel 1953 emigrò
nella Repubblica Federale Tedesca: si
laureò in letteratura tedesca all’università di Monaco. A partire dalla prima
metà degli anni sessanta si dedicò alla
realizzazione di documentari televisivi.
Nel 1968 girò il primo film di finzione:
Scarabea - Wieviel Erde braucht der
Mensch, tratto liberamente dal racconto
di Lev Tolstòj “Di quanta terra ha bisogno
un uomo?” e ambientato in Sardegna.
Hans-Jürgen Syberberg in 1945 he moved
to East Berlin and here he turned his irst
documentary. In 1953 he emigrated to the
Federal Republic of Germany: he graduated
in German literature at the University of
Monaco. Starting from the irst half of the
sixties he dedicated himself to the creation of
television documentaries. In 1968 he turned
his irst iction ilm: Scarabea - Wieviel
braucht der Erde Mensch, freely drawn from
the story of Lev Tolstoy “How much land does
a man need?” and set in Sardegna.
Hans-Jürgen Syberberg tramudat a
Berlino, a s’ala est, in su 1945, e inoghe girat
sos primos documentàrios suos in 8 mm. In
su 1953 emigrat in sa Repùblica Federale
Tedesca, si làureat in literadura tedesca a
s’Universidade de Monaco. Dae sa prima
metade de sos annos sessanta cumentzat
a traballare a documentàrios televisivos.
Su primu film de fintzione est de su 1968,
Scarabea, Wieviel Erde braucht der Mensch,
bogadu dae unu contu de Lev Tolstòj Di
quanta terra ha bisogno un uomo? ambientadu in Sardigna.
Martedì 2 dicembre 2013
eventi speciali
SCARABEA
97
eventos
98
DR. DRER E CRC POSSE, CLAUDIA CRABUZZA
& CLAUDIO GABRIEL SANNA TRIO, MALASORTI,
BEPPE DETTORI, LINO STRAULINO
Band Sarda Dr.Drer & Crc Posse
Band Sarda Dr.Drer & Crc Posse
Band Sarda Dr.Drer & Crc Posse
Band attiva da oltre vent’anni che
propone un originale mix di world rap,
reggae e sonorità etniche sarde, con
testi bilingui in sardo e in italiano. La
peculiarità delle musiche e dei testi
consentono l’apprezzamento delle
canzoni da parte di un pubblico vasto
ed eterogeneo: ai live assistono e
partecipano dai giovanissimi ai giovani,
ai meno giovani ed agli adulti.
Noti in Sardegna ed oltretirreno grazie
anche alla libera diffusione dei pezzi su
internet: gli ultimi due cd han avuto oltre
300.000 ascolti dalle varie piattaforme
web Il nuovo cd Cosa Bella frisca è
attualmente in programmazione in una
decina di radio sarde, ed anche in alcune radio italiane, francesi, austriache ed
argentine. Due dei pezzi del Cd (S’Arriu
e In Mesu de su Mari) sono sigle di
altrettanti programmi di RadioRai Sardegna. Nello scorso febbraio partecipazione al documentario prodotto da RaiTre
Cagliari 1943. Quando scappavamo col
cappotto sul pigiama componendo la
sigla Casteddu 43. Nel prossimo agosto
2013 partecipazione al tour ABBA ACUA
EAU insieme a Papet J, fondatore dei
Massilia Sound System, con diverse
date in Sardegna.
Active band for over twenty years offering a
unique mix of world rap, reggae and ethnic
sardinian sounds with bilingual texts in
Sardinian and Italian. The peculiarity of
the music and lyrics of the songs allow the
appreciation by a wide and heterogeneous
audience: to live assist and participate from
the very young to the young, not so young
and adults. Known in Sardinia and over the
Tyrrhenian Sea thanks to the free diffusion
of the pieces on the internet: the last two cds
have been more than 300,000 listens from
various web platforms The new CD Cosa
Bella frisca is currently planning on about
ten radio in Sardinia and also some Italian
radios, French, Austrian and Argentine. Two
CD’s pieces (S’Arriu e In Mesu de su Ma) are
sigles for many programs RadioRai Sardinia.
In February, in last year, participating in the
documentary produced by RaiTre Cagliari
1943. Quando scappavamo col cappotto
sul pigiama, composing the theme song
Casteddu 43. In the next August 2013 participating in the tour ABBA ACUA UAE whit
Papet J, founder of Massilia Sound System,
with several dates in Sardinia.
Band chi òperat dae prus de vinti annos,
proponet unu misturu ùnicu de: world rap,
reggae e sonos ètnicos sardos, cun testos
in duas limbas: sardu e italianu. Sos piessignos de sa mùsica e de sos testos faghent
a manera chi sas cantzones agradent a unu
pùblicu mannu e diversu, a sos live issoro
andat unu nùmeru artu meda de gente:
mannos e minores. Connotos in Sardigna
e a s’àtera ala de su mare finas pro mèdiu
de sos testos chi girant in internet: sos
ùrtimos duos cd los ant iscurtados in prus
de 300.000 in giassos internet diversos. Su
cd nou, Cosa Bella frisca, oe in die est in
programma in una deghina de ràdios sardas, ma finas in ràdios italianas, frantzesas,
austrìacas, e argentinas. Duas cantzones
de su Cd (S’Arriu e In Mesu de su Mari) sunt
siglas de programmas de RadioRai Sardegna. S’annu coladu in freàrgiu ant leadu
parte a su documentàriu de RaiTre Cagliari
1943. Quando scappavamo col cappotto
sul pigiama ammaniende sa sigla Casteddu
43. In austu 2013 ant leadu parte a su tour
ABBA ACUA EAU paris cun Papet J chi at
dadu vida a sos Massilia Sound System,
àteras datas in Sardigna.
Martedì 3 dicembre 2013
Claudia Crabuzza
Claudia Crabuzza
Interprete e cantautrice algherese, voce
e leader del gruppo Chichimeca, con
i quali ha pubblicato 3 dischi,Barbari,
Luce-Nur, e Cuore? per le edizioni Tajr, è
protagonista di vari progetti musicali, tra i
quali il duo Violeta Azul.
Performer and songwriter of Alghero, voice
and leader of the Chichimeca, with whom he
has released 3 records, Barbarians, LightNur, and Heart? Tajr editions, is the protagonist of several musical projects, including the
duo Azul Violeta.
Intèrprete e cantautora saligheresa, boghe
leader de su grupu Chichimeca, ant publicadu 3 discos: Barbari, Luce-Nur, e Cuore? pro
sas editziones Tajr, protagonista in diferentes
progetos musicales, unu de custos est su
duo Violeta Azul.
Claudio Gabriel Sanna
Claudio Gabriel Sanna
Claudio Gabriel Sanna
Interprete e cantautore algherese, già
fondatore e leader del gruppo Cèlic,
con i quali ha inciso 4 dischi,negli ultimi
anni ha intrapreso la carriera da solista,
pubblicando 2 CD,Tirant lo rall (2005) e
Terrer meu (2008), per le edizioni Temps
Record, con distribuzione Armonia
Mundi.
Performer and songwriter of Alghero,
founder and leader of the group Celic, with
whom he recorded four discs, in recent years
embarked on a solo career, releasing two
CDs, Tirant lo rall (2005) and Terrer meu
(2008), Record Temps editions, with distribution Mundi Harmony.
Intèrprete e cantautore saligheresu, leader
de su grupu Cèlic fundadu dae issu, paris
ant publicadu 4 discos, in sos ùrtimos annos
at incumentzadu sa carriera de solista,
ammaniende 2 CD, Tirant lo rall (2005) e
Terrer meu (2008), editziones Temps Record
e distributzione Armonia Mundi.
Claudia Crabuzza and Claudio Gabriel Sanna
have collaborated in recent years to the
recovery of the musical and literary singersongwriter and playwright of Alghero Pino
Piras died prematurely. Thanks to various
projects and the kind cooperation of the
heirs, it was possible to recover all the sound
material and unpublished manuscripts, leading to the creation of a digital archive curated
by Claudio Gabriel Sanna and coming to the
publication of two books.
Claudia Crabuzza e Claudio Gabriel Sanna
in custos ùrtimos annos ant traballadu
paris pro bogare a pìgiu s’òpera musicale e
literària de su cantautore e commediògrafu
saligheresu Pino Piras, mortu giòvanu meda.
Cun progetos diversos e sa cullaboratzione
de sos erederis de Piras, ant bogadu a campu totu cussos materiale mai publicados chi
pertocant sonos e iscritos suos, su materiale
at dadu vida a unu archìviu digitale ghiadu
dae Sanna e a sa publicatzione de duos
libros, de custos Sanna si nd’est ocupadu
personalmente.
Malasorti
Malasorti
Malasorti
Progetto musicale che unisce cultura
“roots” ed elettronica in un approccio
estetico legato al “dub” delle origini a cui
si aggiunge la poetica dei testi in lingua
sarda. Malasorti è nato nell’estate del
2012 dalla collaborazione tra Emanuele
“Lele” Pittoni cantante dei “Ratapignata”
ed “Arrogalla”, dub producer già cofondatore dei progetti “Bentesoi” e “Baska”. Il progetto si presenta con una forte
caratterizzazione nell’immagine, curata
da Enrico Ciccu/Welcome to my Mondo.
La collaborazione che vede generare
Malasorti nasce alcuni anni fa, con 2
remix dei Ratapignata: Duba prus a forti
(uscito nel disco “Sonu ‘e magasinu”) e
Ladàmini (pubblicato su “Recto Versus
vol.2 - LCL Netlabel, nella compilation
internazionale “Around the World In Dub
Vol. 1” - Dan Dada Records e in “Atrus
annus” - Unione Sarda).
Musical project that combines culture “roots”
and electronics, in an aesthetic approach
linked to the “dub” of the origins, to which
is added the poetic texts in the Sardinian
language .
Malasorti was born in the summer of 2012
from the collaboration between Emanuele
“Lele” Pittoni singer of “Ratapignata” and
“Arrogalla” dub producer who co -founded
the project “Bentesoi” and “Baska”.
The project presents a strong characterization of the image, edited by Henrico Ciccu /
Welcome to my Mondo. The collaboration
that creates Malasorti , was born some years
ago, with 2 remixes of Ratapignata: Duba
prus a forti (released on the album “Sonu
‘e magasinu”) and Ladàmini (published in
“Recto Versus vol.2 - LCL Netlabel in international compilation “Around the World in Dub
Vol 1” - Dan Dada Records and “Atrus annus”
- Unione Sarda).
Also there is the participation of the
Emmanuele in the album “Folk You” by
Bentesoi (Nootempo) together with Claudia
Aru in the song “Lol -Love”. Malasorti in May
2013 released his irst videoclip “Malasorti”
(directed by Henry Ciccu/Welcome to my
Mondo) and, after a few dates in Cagliari, in
July 12 plays to Tundra Festival in Lithuania,
one of the most important electronic music
festival in the Baltic with artists such as The
Orb, Deadbeat and Bong Ra .
Progetu musicale chi aunit cultura “roots” e
eletrònica in unu cuntatu estèticu ligadu a su
“dub” de sas orìgines a in ue si annanghet
sa poètica de sos testos in limba sarda. Malasorti naschet in s’istade de su 2012 dae sa
cullaboratzione intre Emanuele “Lele” Pittoni
cantante de sos “Ratapignata” e “Arrogalla”,
dub producer unu de sos fundadores de sos
progetos “Bentesoi” e “Baska”. Su progetu si
presentat cun una caraterizatzione forte de
s’imàgine, curada dae Enrico Ciccu/Welcome to my Mondo. Sa cullaboratzione chi at
dadu vida a Malasorti naschet unos cantos
annos faghet cun 2 remix de sos Ratapignata: Duba prus a forti (essidu in su discu
“Sonu ‘e magasinu”) e Ladàmini (publicadu
in “Recto Versus vol.2 - LCL Netlabel, in
sa compilation internatzionale “Around the
World In Dub Vol. 1” - Dan Dada Records e
in “Atrus annus” - Unione Sarda).
Emanuele leat parte a su discu “Folk you”
de Bentesoi (Nootempo) paris cun Claudia
Aru in sa cantzone “Lol-Love”. In maju de su
2013 Malasorti pùblicat su primu videoclip
suo “Malasorti” (regia de Enrico Ciccu/Welcome to my Mondo) e, a pustis de unu pagu
de tempus chi sonat in Casteddu, su 12 de
trìulas sonat a su Tundra Festival in Lituania,
unu de sos festival de mùsica eletrònica de
prus importu de su bàltico paris cun àteros
artistas comente sos The Orb, Deadbeat e
Bong Ra.
Claudia Crabuzza e Claudio Gabriel
Sanna hanno collaborato in questi ultimi
anni al recupero dell’opera musicale e
letteraria del cantautore e commediografo algherese Pino Piras prematuramente
scomparso. Grazie a diversi progetti ed
alla cortese collaborazione degli eredi,
si sono potuti recuperare tutti i materiali
sonori e i manoscritti inediti, giungendo
alla realizzazione di un archivio digitale
di cui Sanna si occupato personalmente, ed alla pubblicazione di due libri.
Inoltre vi è la partecipazione di Emanuele al disco “Folk you” di Bentesoi
(Nootempo) insieme a Claudia Aru nella
canzone “Lol-Love”. Nel maggio 2013
Malasorti pubblica il suo primo videoclip
“Malasorti” (regia di Enrico Ciccu/Welcome to my Mondo) e, dopo alcune date
a Cagliari il 12 luglio suona al Tundra
Festival in Lituania, uno dei festival di
musica elettronica più importanti del
baltico insieme ad artisti come i The Orb,
Deadbeat e Bong Ra.
Martedì 3 dicembre 2013
eventi speciali
Claudia Crabuzza
99
eventos
100
Beppe Dettori
Beppe Dettori
Beppe Dettori
Si trasferisce a Milano all’età di 22 anni.
Qui, dopo le prime difficoltà, si rivelano
molto utili per lui i consigli ricevuti da Fabio Concato, che lo aiutano a muoversi
nell’intricata industria discografica. Dal
1994 al 1996 lavora in studio per Ron,
Vasco Rossi ed Enrico Ruggeri, e va in
tour con Gatto Panceri.
Nel 1997 scrive per i Ragazzi Italiani la
canzone Non finire mai, con la quale
partecipano a “Un disco per l’estate”, e
nel 2000 scrive Il mio amore per te per
Eros Ramazzotti, poi inserito nell’album
Stile libero.
Nel 2004 è la volta del brano Canto alla
vita composto per Josh Groban che,
prodotto da David Foster, vende in tutto
il mondo oltre 6 milioni di copie. Altre
collaborazioni importanti negli anni a seguire sono quelle con Paolo Meneguzzi
e Gianluca Grignani.
Nel 2006 pubblica l’album Kapajanka
Project 01; nel novembre dello stesso
anno diventa la nuova voce del gruppo
dei Tazenda, a poco più di un mese
dalla morte del leader storico Andrea
Parodi.
Con i Tazenda duetta con Eros Ramazzotti (Domo mia), Francesco Renga
(Madre terra) e Gianluca Grignani
(Piove luce), ed è ospite di Marco Carta
a Sanremo.
Beppe Dettori è anche vocalist di
numerosi spot pubblicitari e collabora
con Mediaset sia per show televisivi
(“La sai l’ultima?”, “Meteore e Matricole”
e “Viva Napoli”), sia per sigle di cartoni
animati (ha cantato Beyblade V Force
con Giorgio Vanni, Sherlock Holmes
indagini dal futuro, Belfagor, Gladiator’s
Academy e Quella strana fattoria con
Cristina D’Avena, e infine Pokémon:
the Master Quest con Giorgio Vanni e
Cristina D’Avena).
He moved to Milan at the age of 22 years.
Here, after initial dif•iculties, are very useful
for him the advice received from Fabio
Concato, who help him move in the intricate
music industry. From 1994 to 1996 he
worked in the studio for Ron, Vasco Rossi
and Enrico Ruggeri, and goes on tour with
Gatto Panceri.
In 1997 he wrote the song for i Ragazzi Italiani Non •inire mai, with which participating
in “ Un disco per l’estate” and in 2000 he
wrote Il mio amore per te for Eros Ramazzotti, then inserted in the album Stile libero.
In 2004 it was the turn of the song Canto
alla vita composed by Josh Groban that,
produced by David Foster, sells all over the
world more than 6 million copies.
Other important collaborations in the years
to follow are those with Paolo Meneguzzi
and Gianluca Grignani.
In 2006 he released the album Kapajanka
Project 01, in November of the same year, he
became the new voice of the group Tazenda,
little more than a month after the death of
the historical leader Andrea Parodi.
With Tazenda duet with Eros Ramazzotti
(Domo mia), Francesco Renga (Madre terra)
and Gianluca Grignani (Piove luce), and is a
guest of Marco Carta in San Remo.
Beppe Dettori is also the vocalist of several
commercials and worked with Mediaset
both for television shows (“La sai l’ultima?”,
“ Meteore e Matricole “ and “Viva Napoli”),
both initials of cartoons (he sang Beyblade
V Force with Giorgio Vanni, Sherlock Holmes
indagini dal futuro, Belfagor, Gladiator’s
Academy and Quella strana fattoria with
Cristina D’Avena, and •inally Pokémon:
the Master Quest with the Giorgio Vanni e
Cristina D’Avena).
A 22 annos tramudat a Milano. A pustis de
sas primas dificultades, sos consìgios chi
retzit dae Fabio Concato, l’agiudant meda
a si mòvere in su mundu de s’indùstria discogràfica. Dae su 1994 a su 1996 traballat,
in studio, pro Ron, Vasco Rossi e Enrico
Ruggeri, andat in tour cun Gatto Panceri.
In su 1997 iscriet pro Ragazzi Italiani sa
cantzone Non finire mai, cun custa leant
parte a “Un disco per l’estate”, in su 2000
iscriet Il mio amore per te pro Eros Ramazzotti, cantzone chi at a fàghere parte de
s’album Stile libero.
In su 2004 su testu Canto alla vita ammaniadu pro Josh Groban, produidu dae David
Foster, bendet prus de 6 miliones de còpias
peri su mundu. Àteras cullaboratziones
de importu, in sos annos chi sighint, sunt
cussas cun: Paolo Meneguzzi e Gianluca
Grignani.
In su 2006 pùblicat s’album Kapajanka
Project 01; in su mese de santandria de su
matessi annu diventat sa boghe noa de sos
Tazenda, pagu tempus a pustis de sa morte
de su leader istòricu Andrea Parodi.
Cun sos Tazenda e cun Eros Ramazzotti
cantant Domo mia, cun Francesco Renga
Madre terra e cun Gianluca Grignani Piove
luce, òspite de Marco Carta a Sanremo.
Beppe Dettori est fintzas vocalist de publitzidades medas e cullàborat cun Mediaset pro
ispetàculos televisivos (“La sai l’ultima?”,
“Meteore e Matricole” e “Viva Napoli”),
e pro siglas de cartones animados(at
cantadu Beyblade V Force paris cun Giorgio
Vanni, Sherlock Holmes indagini dal futuro,
Belfagor, Gladiator’s Academy e Quella
strana fattoria paris cun Cristina D’Avena,
Pokémon: the Master Quest paris cun
Giorgio Vanni e Cristina D’Avena).
Martedì 3 dicembre 2013
Lino Straulino
Lino Straulino
È un musicista italiano di lingua
friulana. Originario della Carnia, è inoltre
cantautore, compositore, chitarrista e
polistrumentista.
Musicista folk, Lino è stato fin dall’inizio
degli anni novanta uno dei maggiori
esponenti della Gnove Musiche Furlane
(Nuova Musica Friulana), una corrente
musicale sviluppatasi in quel periodo
in Friuli e caratterizzata dall’utilizzo del
Friulano come veicolo di espressione
in un contesto nuovo, in cui la lingua
viene sperimentata su generi musicali
diversi e non indigeni, quali il folk blues,
il neo-folk, la pachanga, il rap, l’hip-hop,
il metal, il punk rock ed altri generi
commerciali.
Is an Italian musician of the Friulian language. A native of Carnia is also a songwriter,
composer, guitarist and multi-instrumentalist.
Folk musician, Lino was from the beginning
of the nineties one of the greatest exponents
of Gnove Musiche Furlane (New Friuli
Music), a musical style that developed in
that period in Friuli, and characterized by
the use of Friulano as a vehicle of expression
in a new context in which the language is
tested on different and non-indigenous type
of music and, such as the folk blues, neo-folk,
the pachanga, rap, hip-hop, metal, punk rock
and other genres commercial.
Musitzista italianu de limba friulana.
Originàriu de sa Carnia, fintzas cantautore,
composidore e chiterrista, ischit sonare prus
istrumentos. Musitzista folk, Lino giai dae
sos annos 90 est unu de sos rapresentantes
prus mannos de sa Gnove Musiche Furlane
(Mùsica Noa Friulana), una casta de mùsica
isvilupada in sa muta de sos annos 90 in
Friuli, su piessignu de custa est s’impreu de
su Friulanu comente mèdiu de espressada
in unu àmbitu nou in ue sa limba est isperimentada in totus sas castas diversas de sa
mùsica e no indìgenas comente: folk blues,
neo-folk, pachanga, rap, hip-hop, metal,
punk rock è àteras genias cummertziales.
Martedì 3 dicembre 2013
eventi speciali
Lino Straulino
101
102
eventos
Daniele Atzeni (Italia, 2011; o.l. sardu, subt. ita.; 30’)
Fot. Op.: Paolo Carboni; Mus.: Stefano Guzzetti; Vox.: Giovanni Carroni; Mo.: Daniele Atzeni;
Eff. Vis.: Andrea Iannelli; Te.: Daniele Atzeni trad.: Tore Cubeddu; Pr.: Araj Film / Areavisuale;
Con la partecipazione della Società Umanitaria - Cineteca sarda.
Sinossi
Synopsis
Sinossi
Antonio Gairo è l’unico sopravvissuto a
una terribile sciagura che nel 1964 colpì
Alos, un paese del centro Sardegna ora
divenuto un tetro villaggio fantasma.
Ritrovata all’improvviso la memoria
perduta da tempo, l’uomo racconta la vita
del paese prima del fatidico avvenimento
e ricostruisce con incredibile lucidità le
circostanze che condussero alla tragedia.
Ibrido fra finzione e documentario, cinema
e letteratura, il film narra, attraverso un
ampio uso di filmati di repertorio, il fatale
passo verso la modernità compiuto da
una piccola comunità di pastori degli anni
‘50, mescolando la classica iconografia
della Sardegna arcaica con le atmosfere
e le suggestioni tipiche del genere gotico.
Antonio Gairo is the only survivor of a
terrible disaster in 1964 that hit Alos, a
village in the centre of Sardinia, now a
gloomy ghost village. Once his memories
return, he tells the story of the life of the
village before the fateful event and in an
incredibly clear way, reconstructs the
circumstances that led to the tragedy. A
mix between fiction and documentary,
cinema and literature, the film uses a
wide range of archive footages to narrate
the fatal step towards modernity taken
by a small community of shepherds in
the 1950s, mingling classic iconography
about archaic Sardinia with the
suggestive and fascinating atmospheres
related to the Gothic genre.
Antonio Gairo est s’ùnicu chi est
abarradu in vida a pustis de sa disaura
terrìbile chi in su 1964 at colpidu Alos,
una bidda de sa Sardigna de mesu chi
como est bìvia solu dae pantamas. Totu
in unu a s’òmini torrat sa memòria chi
aiat pèrdidu dae tempus e incumintzat a
contare, cun lutzididade manna, sa vida
de sa bidda prima de sa disgràssia, torrande a pònnere paris sos fatos chi ant
fatu lòmpere a cussa tragèdia. Su film
ponet paris fintzione e documentàriu,
tzìnema e literadura e contat, usende
medas filmados de repertòriu, su passu
fatale, fatu dae una comunidade pitica
de pastores in sos annos ‘50, fache
a sa modernidade. Su film mesturat
s’iconografia clàssica de sa Sardigna
antiga cun sas atmosferas e s’ammaju
de su genere gòticu.
Biografia
Biography
Biografia
Daniele Atzeni si è diplomato in regia
alla NUCT di Roma. Dopo aver lavorato
per alcuni anni come aiuto regista e
assistente di produzione in cortometraggi
e produzioni televisive, gira nel 2002 il
suo primo documentario Racconti dal
sottosuolo (menzione speciale della
giuria al Premio Libero Bizzarri), storie di
vita in miniera e di lotte operaie narrate
da tre vecchi minatori e un’anziana
cernitrice che lavoravano nelle miniere
del Sulcis-Iglesiente. Nel 2005 produce
e dirige il documentario La leggenda
dei santi pescatori, racconto di una
giornata di lavoro dei pescatori di tonno
sulcitani, col quale partecipa a festival e
rassegne in Italia, Spagna, Inghilterra,
Lussemburgo, Romania, Stati Uniti,
Messico, Australia, ottenendo diversi
riconoscimenti. Nel 2010 realizza il documentario Sole nero (secondo premio nel
concorso per progetti cinematografici Il
cinema racconta il lavoro), indagine sui
danni sanitari e ambientali causati dal
petrolchimico di Porto Torres nel territorio
che lo ospita da oltre mezzo secolo. Ha
realizzato inoltre i video museali Cielo di
roccia (2004), C’era una volta la miniera
e c’è ancora (2005) e La via dell’argento
(2008). Nel 2009 ha fondato la casa di
produzione Araj Film.
Daniele Atzeni has a degree in directing at
Rome’s NUCT. After working for several years
as assistant director and production assistant on short ilms and television productions, he directed his irst documentary in
2002, Racconti dal sottosuolo (which received
a special jury mention at the Libero Bizzarri
Award). The ilm focuses on the account of
three old miners and a sorter who worked
in the mines of Sulcis-Iglesias. In 2005, he
produced and directed the documentary La
leggenda dei santi pescatori, which describes
a day’s work of Sulcis tuna ishermen. The
ilm was screened in festivals in Italy, Spain,
England, Luxembourg, Romania, United
States, Mexico, Australia and won several
awards. In 2010, he directed the documentary Sole nero (which won the second award
at Il cinema racconta il lavoro, a ilm project
competition), an inquiry on the health
and environmental damage caused by the
petrochemical plant of Porto Torres in its 50
years of activity. He has also made clips for
museums: Cielo di roccia (2004), C’era una
volta la miniera e c’è ancora (2005) and La
via dell’argento (2008). In 2009, he founded
the production house Araj Film.
Daniele Atzeni s’est diplomadu in sa NUCT
de Roma. A pustis de àere traballadu pro
calchi annu comente agiudu regista e assistente de produtzione pro curtzumetràgios e
produtziones pro sa televisione. In su 2002
at fatu su primu documentàriu Racconti dal
sottosuolo (chi at bintu sa mentzione ispetziale de sa giuria in su Prèmiu Libero Bizzarri), istòrias de vida in miniera e de lotas de
sos operajos, contadas dae tres minadores
betzos e una tzernitritze betza chi traballaiant
in sas minieras de su Sulcis-Iglesiente. In
su 2005 at prodotu e diretu su documentàriu
La leggenda dei santi pescatori, chi contat
una die de traballu de sos piscadores de
tonno de su Sulcis. Cun custu film at pigadu
parte a festival e rassinnas Italia, Ispagna,
Inghilterra, Lussemburgo, Romania, Istados
Unidos, Mèssico, Austràlia, pigende reconnoschimentos diferentes. In su 2010 at fatu
su documentàriu Sole nero (segundu prèmiu
in su cuncursu pro progetos tzinematogràficos Il cinema racconta il lavoro), chi faghet
una indàgine subra sos dannos sanitàrios e
ambientales causados dae su petrolchìmicu
de Portu Turre in su territòriu in ue istat dae
prus de chimbant’annos. At realizadu sos
vìdeo museales Cielo di roccia (2004), C’era
una volta la miniera e c’è ancora (2005) e La
via dell’argento (2008). In su 2009 at fundadu sa domo de produtzione Araj Film
Mercoledì 4 dicembre 2013
eventi speciali
SOS MORTOS DE ALOS | I MORTI DI ALOS
103
eventos
104
CINEMA DESSÉ
SOS SARDOS, SOS FILM E ATERAS ISTORIAS DE FANTASIA
I SARDI, I FILM E ALTRE STORIE DI FANTASIA
Giacomo Casti
Giacomo Casti
Giacomo Casti
È nato, vive e lavora in Sardegna.
Laureato in Lettere con indirizzo antropologico, si occupa di letteratura, teatro
(regista e autore, con Antas Teatro e
Prospettive Lateatrali), cinema (attore,
film con G. Cabiddu, E. Pitzianti, T. Mannoni) e musica. Da anni tiene laboratori
di scrittura per ragazzi e adulti. E’ stato
membro del direttivo della Fondazione
Giuseppe Dessì; è socio fondatore
e uno dei direttori artistici dell’Associazione Chourmo, che da dieci anni
organizza a Cagliari il Marina Cafè NoirFestival di letterature applicate. Da molti
anni si occupa della realizzazione di
reading musicali su testi propri e di vari
autori (G. Dessì, S. Atzeni, B. Larsson,
C. Pavese, L. Pintor, F. Abate).
He was born, lives and works in Sardinia.
Bachelor of Arts, anthropological specialization, deals with literature, theater (director
and author, with Antas Theatre and Prospects Lateatrali), cinema (actor, •ilm with
Cabiddu G., E. Pitzianti, T. Mannoni) and music. For years, takes writing workshops for
teens and adults. It ‘been a member of the
Management of the Foundation Giuseppe
Dessi, is a founding member and one of the
artistic directors of the Association Chourmo, who for ten years in Cagliari organizes
the Marina Café Noir Festival in literatures
applied. For many years, is responsible for
the creation of musical reading of their texts
and various authors (G. Dessi, S. Atzeni, B.
Larsson, C. Pavese, L. Pintor, F. Abate).
Est nàschidu in Sardigna in ue istat e
traballat. Laureadu in Lìteras cun indiritzu
antropològicu, si interessat e tratat de
literadura, teatru, (regista e autore, cun
Antas Teatro e Prospettive Lateatrali)
tzìnema, (atore, film cun G. Cabiddu, E.
Pitzianti, T. Mannoni) e mùsica. Dae annos
faghet laboratòrios de iscritura pro mannos
e minores. At fatu parte de su diretivu de sa
Fundatzione Giuseppe Dessì¸ est unu de
sos chi at dadu vida, e fintzas unu de sos
diretores artìsticos de su sòtziu Chourmo,
chi dae deghe annos ammàniat in Casteddu
su Marina Cafè Noir Festival de literaduras
aplicadas. Dae paritzos annos ammàniat
reading musicales subra testos pròpios e
de paritzos autores (G. Dessi, S. Atzeni, B.
Larsson, C. Pavese, L. Pintor, F. Abate).
Ivo Murgia
Ivo Murgia
Ivo Murgia
Nato a Cagliari nel 1974 vive a Pirri. È
laureato in psicologia e ha conseguito
il master ‘Approcci interdisciplinari nella
didattica del sardo’ presso l’Università
degli Studi di Cagliari. Da una decina di
anni lavora con la lingua sarda, nei comuni, nelle scuole, nelle università, nei
conservatori, con editori, enti pubblici e
privati. Ha scritto nei giornali ‘Sardinna’,
‘Sa Republica Sarda’, ‘Superga Cinema’, ‘La Patrie dal Friûl’ e nel portale
on line ‘Arrèxini’. Ha gestito un blog
interamente in sardo e ha lavorato a Radio Press conducendo per due stagioni
il programma di musica sarda Su primu
tocu. Poesia e Mùsica de is Sardus con
Paolo Zedda e Riccardo Pittau. Dal
2004 a oggi ha raccolto una ventina di
pubblicazioni, ha scritto racconti originali
in lingua sarda premiati nei più prestigiosi concorsi letterari isolani.
Born in Cagliari in 1974, lives in Pirri. He
graduated in psychology and obtained
his master ‘interdisciplinary approaches
in teaching the sardinian language’ at
the University of Cagliari. For ten years
he worked with the Sardinian language, in municipalities, in schools, in
universities, conservatories, with editors,
government agencies and individuals.
He wrote in the newspapers ‘Sardinna’,
‘Sa Republica Sarda’, ‘Superga
Cinema’, ‘La Patrie del Friûl’ and the
online portal ‘Arrèxini’. e has managed a
blog entirely in Sardinian and worked at
Radio Press for two seasons conducting
the music program Sardinian Su primu
tocu. Poesia e Mùsica de is Sardus with
Paolo Zedda and Riccardo Pittau. Since
2004 collected a twenty publications,
he has written original stories in the
Sardinian language winners of the most
prestigious literary contests islanders.
Nàschidu in Casteddu in su 1974, istat in
Pirri. Laureadu in psicologia, at sighidu unu
master subra s’interdisciplinariedade in sa
didàtica de su sardu, in s’Universidade de
Casteddu. Traballat dae una deghina de
annos in sos comunos, in sas iscolas, in
sas universidades e in sos conservatòrios,
cun editores, entes pùblicos e privados. At
iscritu in sos giornales sardos: ‘Sardinna’,
‘Sa Republica Sarda’, ‘Superga Cinema’,
‘La Patrie del Friûl’ e in su giassu online
‘Arrèxini’. At ghiadu unu blog totu in sardu e
at traballadu cun Radio Press in ue pro duas
istajones at ghiadu su programma Su primu
tocu. Poesia e Mùsica de is Sardus cun Paolo Zedda e Riccardo Pittau. Dae su 2004 o
oe at regortu una vintina de publicatziones,
e iscritu contos originales in limba sarda
premiados in sos cuncursos literàrios prus
famados de s’ìsula
Giancarlo Biffi
Giancarlo Biffi
Bresciano d’origine, ma sardo d’adozione, è regista, attore e autore di teatro.
Collaboratore del quotidiano “Il Sardegna” e della rivista “Libertaria”. Laureato
al DAMS di Bologna, con una tesi sul
teatro in Sardegna, ha dato vita con altri
compagni sardi al gruppo teatrale Cada
Die Teatro dopo aver frequentato l’Ista di
Volterra diretta da Eugenio Barba. Con i
Cada Die, di cui è il Direttore artistico, ha
messo in scena, scritto e in alcuni casi
interpretato più di trenta opere teatrali.
Born in Brescia, but Sardinian by adoption is
a director, actor and playwright. Collaborator of the newspaper “Il Sardegna” and the
magazine “Libertaria”. Graduated at DAMS
of Bologna, with a thesis on the theater in
Sardinia, has created with other sardinians
comrades the theatral group Cada Die Teatro,
after attending the Ista of Volterra, directed
by Eugenio Barba. With Cada Die, where he’s
the artistic director, has staged, written and
played in some cases more than thirty plays.
Nàschidu in Brescia ma sardu de adotzione,
est regista, atore e autore de teatru.
Cullàborat cun su giornale “Il Sardegna” e sa
rivista “Libertaria”. Laureadu in su DAMS de
Bologna, cun una tesi subra de su teatru in
Sardigna, at dadu vida cun àteros cumpàngios sardos a su grupu teatrale Cada Die
Teatro, a pustis de àere frecuentadu su Ista
de Volterra ghiada dae Eugenio Barba. Cun
Cada Die Teatro, in ue est Diretore artìsticu,
at postu in iscena, a bortas retzitadu e
iscritu, prus de trinta òperas teatrales.
Nunzio Caponio
Nunzio Caponio
Nunzio Caponio
Ha studiato fotografia a Londra. I suoi
reportage di viaggio sono apparsi in numerose riviste tra cui Marie Claire e The
Peninsual Magazine. Trasferitosi a Hong
Kong, nel Novembre del 1992 il prestigioso Foreign Correspondents’ Club lo
invita a tenere una mostra personale di
fotografia. Sempre a Hong Kong ha le
sue prime esperienze cinematografiche,
recitando in numerosi film d’azione tra
cui i più noti sono Hit Man e Black Mask,
al fianco di Jet Li.
Nel 1999 si trasferisce a New York City
per proseguire gli studi di recitazione e
si diploma alla Lee Strasberg Theatre
Institute. A New York è cofondatore del
Sanctuary Theatre Company.
Nel 2007 si trasferisce in Sardegna,
dove inizia a insegnare nei corsi di
recitazione teatrale e cinematografica.
Inizia una collaborazione con le più
rappresentative compagnie teatrali
dell’isola come attore e regista. A partire
dal 2008, mette in scena dieci produzioni
teatrali inedite per il Teatro stabile della
Sardegna e Akroama. Nel 2012 ha firmato la sceneggiatura e la regia (insieme a
Simeone Latini) dell’Ospite. Suo primo
lungometraggio adesso in fase di post
produzione.
He studied photography in London. His
travel reportage have appeared in numerous
magazines including Marie Claire and The
Peninsual Magazine. He moved to Hong Kong
in November 1992, the prestigious Foreign
Correspondents’ Club invites him to hold an
exhibition of his photographs. so in Hong
Kong has experienced his irst ilm, starring
in numerous action movies, including the
best known are Hit Man and Black Mask,
starring Jet Li.
In 1999 he moved to New York City to make
acting studies and graduated from the Lee
Strasberg Theatre Institute. In New York is
co-founder of Sanctuary Theatre Company.
In 2007 he moved to Sardinia, where he
began as a teach courses in acting for theater
and ilm. Start a partnership with the largest
representative theater companies of the
island as an actor and director. As of 2008,
staged ten theatrical unpublished productions for the Teatro Stabile of Sardinia and
Akròama. In 2012, is screenwriter and director (with Simeon Latin) for the Ospite: his
irst feature ilm, now in post production.
At istudiadu fotografia in Londra. In
rivistas medas, comente Marie Claire e The
Peninsual Magazine, ant publicadu sos
reportage suos de viàgiu. In su mese de
santandria de su 1992 tramudat in Hong
Kong, e su famadu Foreign Correspondents’
Club lu cùmbidat a ammaniare una mustra
personale de fotografia. In Hong Kong faghet
fintzas sas primas esperièntzias tzinematogràficas, retzitende in film de atzione, sos
prus connotos sunt: Hit Man e Black Mask,
paris cun Jet Li.
In su 1999 moet a New York City pro sighire
sos istùdios de retzitatzione, si diplomat a sa
Lee Strasberg Theatre Institute. In New York
est unu de sos chi ant fundadu su Sanctuary
Theatre Company.
In su 2007 tramudat a Sardigna, in ue
cumentzat a insinnare in sos cursos de
retzitatzione teatrale e tzinematogràfica.
Cumentzat a collaborare, comente atore e
regista, cun sas cumpangias teatrales prus
connotas de s’ìsula. Dae su 2008, ponet in
iscena deghe produtziones teatrales, mai
essidas prima, pro su Teatro stabile de sa
Sardigna e Akroama. In su 2012 firmat s’iscenegiadura e sa regia (paris cun Simeone
Latini) de s’Ospite. Primu longumetràgiu suo
in fase de post produtzione.
Arrogalla
Arrogalla
Arrogalla
Arrogalla è un produttore dub e compositore di Quartu Sant’Elena (CA). Produce
suoni e ritmi ispirati alla antica (e contemporanea) tradizione della Sardegna
arricchita da impressioni paesaggistiche,
suggestioni ambientali, frequenze
lo-fi con un approccio dub. Fa parte dei
progetti Malasorti, Memoria del mare,
Baska e Bentesoi. Dal 2003 ad oggi ha
prodotto diversi album, ep, singoli, remix,
musiche per il teatro, per il video e per la
danza. E’ il direttore artistico della label/
associazione MIME_netlabel. Ha lavorato, cooperato e suonato con molti artisti
nazionali ed internazionali. Ha suonato in
tutta Europa.
Arrogalla is a dub producer and composer
of Quartu Sant’Elena (CA). He produces
sounds and rhythms inspired by the ancient
(and modern) tradition of Sardinia enriched
with impressions landscape, environmental
in luences, frequency lo- i approach with
a dub. It is part of the projects Malasorti,
Memoria del mare, Baska and Bentesoi.
Since 2003, he produced several albums, ep,
singles, remixes, music for theater, video and
dance. He is the artistic director of the label/
association MIME_netlabel. He worked, collaborated and performed with many national
and international artists. He has performed
throughout Europe.
Arrogalla est unu produtore dub e
composidore de Cuartu Sant’Elena (CA).
Produet sonos e ritmos chi s’ispirant a sa
traditzione sarda antiga (e de oe) cun una
richesa in prus dada dae impressiones de
sos logos, s’ambiente, sas frecuèntzias lo-fi
e su ligàmene cun su dub. Faghet parte de
sos progetos Malasorti, Memoria del mare,
Baska e Bentesoi. Dae su 2003 a oe at ammaniadu paritzos album ep, sìngulos, remix,
mùsicas pro su teatru, su vìdeo e sa dantza.
Est diretore artìsticu de su label/sòtziu
MIME_netlabel. At traballadu, cooperadu e
sonadu cun paritzos artistas natzionales e
internatzionales. At sonadu in totu Europa.
Giovedì 5 dicembre 2013
eventi speciali
Giancarlo Biffi
105
atòbios
106
CHIE FAGHET SU TZINEMA E CHIE DDU PROMOVET
CHI FA IL CINEMA E CHI LO PROMUOVE
Antioco Floris
Antioco Floris
Antioco Floris
Insegna Linguaggi del cinema, della
televisione e dei new media nel corso di
Scienze della comunicazione dell’Università di Cagliari, dove coordina il
Centro per l’educazione ai linguaggi
del cinema, degli audiovisivi e della
multimedialità.
L’attività di ricerca è rivolta all’opera
di Leni Riefenstahl, in particolare la
produzione nel periodo del Terzo Reich,
e al cinema in Sardegna.
Ha pubblicato saggi e volumi su Daniele
Segre, Nanni Moretti, Nanni Loy, il
cinema in Sardegna, Leni Riefenstahl,
Fabrizio De André e analisi di film.
Ha lavorato all’ideazione e produzione
di diversi cortometraggi e documentari
tra i quali, con Ignazio Macchiarella,
Libera me domine. Orazioni per i morti
in alta Corsica (2006).
Teach languages of •ilm, television and new
media in the course of Communication
Sciences, University of Cagliari, where he
coordinates the Center for Education at
the language of cinema, audiovisual and
multimedia.
The research is directed to the work of Leni
Riefenstahl, in particular the production
during the period of the Third Reich, and the
movies in Sardinia.
He has published essays and books on
Daniele Segre, Nanni Moretti, Nanni Loy,
the cinema in Sardinia, Leni Riefenstahl,
Fabrizio De André and •ilm analysis.
He worked the conception and production
of several short •ilms and documentaries
including with Ignatius Macchiarella Libera
me Domine. Prayers for the dead in High
Corsica (2006).
Dotzente de limbàgios de su tzìnema, de
sa televisione, e de sos mèdia noos in su
cursu de Scièntzias de sa comunicatzione
in s’Universidade de Casteddu, inoghe
coordinat su Tzentru pro s’educatzione a
sos limbàgios de su tzìnema, de sos audiovisivos e de sa multimedialidade.
Sa chirca est subra de s’òpera de Leni
Riefenstahl, mescamente sa produtzione in
sa muta de su Tertzu Reich, e a su tzìnema
de Sardigna.
At publicadu sàgios e volumes subra
Daniele Segre, Nanni Moretti, Nanni Loy,
su tzìnema in Sardigna, Leni Riefenstahl,
Fabrizio De André e anàlisi de film.
At traballadu a sa nàschida e produtzione
de unos cantos cortometràgios e documentàrios paris cun Ignazio Macchiarella, Libera
me domine. Orazioni per i morti in alta
Corsica (2006).
Yolaine Lacolonge
Yolaine Lacolonge
Yolaine Lacolonge
Dopo aver studiato diritto, finanza e
comunicazione Yolaine Lacolonge ha
iniziato la sua carriera a Parigi nella comunicazione finanziaria. Appassionata
di cinema e teatro, ha progressivamente
concentrato la sua carriera in questi
settori, lavorando per registi, produttori
e registi di teatro, mentre si formava in
gestione della produzione audiovisiva e
cinematografica presso INA. Tornata in
Corsica nel 1997, è stata fino al 2005 direttrice della comunicazione l’Académie
de Corse (éducation nationale) e dal
2006 al 2010 Consigliere del Presidente
dell’Assemblea della Corsica per la
comunicazione e industrie culturali.
Dal 2010 al 2013 è stata responsabile
della Regione Corsica (Direction de la
Culture) per seguire l’accordo tra CTC
e il canale France 3 Corse ViaStella, la
Cinémathèque de Corse, Corsica Pôle
Tournages (Film Commission) e seguire
lo sviluppo del partenariato euromediterraneo nel settore cinematografico
e audiovisivo. A ottobre 2013 è stata
nominata Chef du service de l’audiovisuel, du cinéma et de l’image animée
per la Collectivité Territoriale de Corse.
After studying law, •inance and communication Lacolonge Yolaine began her career in
Paris in •inancial communication. Passionate
about cinema and theater, has gradually focused his career in these areas, working for
directors, producers and theater directors,
and was formed in TV and •ilm production
management at INA.
Back in Corsica in 1997, was, until 2005, the
director of l’Académie de Corse (éducation
nationale) and from 2006 to 2010 Advisor
to the President of the Assembly of Corsica
for communication and cultural industries.
From 2010 to 2013 she was responsible for
the Region of Corsica (Direction de la Culture ) to follow the agreement between CTC
and the Channel France 3 Corse Viastella,
the Cinémathèque de Corse , Corsica Pôle
Tournages (Film Commission) and follow
the development of the Euro-Mediterranean
Partnership in the •ilm and audiovisual sector. In October 2013 was appointed Chef “du
service de l’ Audiovisual, du cinéma et de
l’image animée” for the Collectivité Regional
de Corse .
A pustis de àere istudiadu deretu, finàntzia
e comunicatzione, Yolaine Lacolonge at
comintzadu sa carriera sua in Parigi in
comunicatzione finantziària. Amantiosa de
tzìnema e de teatru, at cuntzentradu sa
carriera sua in custos setores, traballende
pro registas, produtores, e registas de
teatru, in su matessi tempus si fiat formende
in gestione de sa produtzione audiovisiva
e tzinematogràfica, in su INA. Torrat in
Corsica in su 1997, fintzas a su 2005 fiat
diretora de sa Académie de Corse (éducation nationale) e dae su 2006 a su 2010
Consigeri de su Presidente de s’Assemblea
de sa Corsica pro sa comunicatzione e
indùstrias culturales. Dae su 2010 a su
2013 est sa responsàbile pro sa Regione
Corsica (Direction de la Culture ) e sighit
s’acordu intre CTC e su canale France 3
Corse Viastella, la Cinémathèque de Corse,
Corsica Pôle Tournages (Film Commission)
e sos isvilupos de su partenariadu euromediterràneu in su setore tzinematogràficu
e audiovisivu. In su mese de santugaine, de
su 2013, est istada seberada comente Chef
du service de l’ Audiovisual, du cinéma et de
l’image animée pour la Collectivité Regional
de Corse.
Sabato 7 dicembre 2013
Marco Antonio Pani
Marco Antonio Pani
Dopo aver effettuato studi classici e artistici, si diploma come esperto in gestione
degli audiovisivi nel 1990. Lavora come
aiuto operatore, operatore e montatore in
tv private, poi come regista e sceneggiatore realizza più di trenta documentari
turistici, archeologici e di storia dell’arte.
Nel 2000 vince il Premio Kodak al Festival Filmvideo 2000 di Montecatini col suo
primo corto di finzione: Chinotto.
Trasferitosi a Barcellona, si diploma nel
2002 in regia cinematografica presso
il CECC (Centre d’Estudis Cinematográfics de Catalunya) e poi, nel 2007,
in direzione della fotografia, presso lo
stesso istituto.
In quegli anni realizza il cortometraggio
Las Puertas del Mundo Niño (che si aggiudica il Premio Opere Nuove al miglior
film al Festival Nazionale omonimo, e il
Premio alla Miglior Regia al Concorso
Internazionale VArt di Cagliari) e altri due
cortometraggi Ladrones de zanahorias
e Charcos, entrambi selezionati dal
Festival Visioni Italiane di Bologna.
After doing classical and artistic studies, he
graduated as expert in management of audiovisual in 1990. He works as assistant cameraman, cameraman and editor in private TV,
then as director and screenwriter realizing
more than thirty tourist, archaeological and
artistic documentaries.
In 2000 he won the Kodak Award at the
Festival of Montecatini Filmvideo 2000 with
his •irst short •iction: Chinotto.
He moved to Barcelona in 2002, he graduated in •ilm directing at the CECC (Centre
d’Estudis Cinematográ•ics de Catalunya) and
then, in 2007, in the direction of the photo, at
the same institute. In those years he directed
the short •ilm Las Puertas del Mundo Niño
(which won the Best Film Award at the Opere
Nuove Festival, and the award for Best Director at the International Competition VArt of
Cagliari) and two other shorts Ladrones de
zanahorias and Charcos, both selected in the
Festival Visioni Italiane in Bologna.
After the documentary Els Pintors Catalans in
Sardenya is the time of Panas with whom he
won, among others, Avisa Prize for projects
of visual anthropology for the ISRE of Nuoro,
Best Sardinia author in the Babel Film Festival and won Best Director at Puntodivista
Film Festival of Sarroch.
Subsequently, made the documentary Arturo
torna dal Brasile with whom he won, among
others, the First Prize in the Competition
for projects “ Storie di Emigrati Sardi”, the
award for the best •ilm made in the same
competition, and the prize for “Best movie by
a Sardinian” in the SIEFF. In 2013, in addition
to Capo e Croce, realizes Ìsura Da Filmà whit
images from Fiorenzo Serra, with music by
Paolo Fresu.
He currently teaches •ilm directing at the
Faculty of Sciences of Communication at the
Universitat Internacional de Catalunya.
At fatu istùdios clàssicos, diplomadu in su
1990 comente espertu in gestione de sos
audiovisivos. Traballat comente agiudu
operadore, operadore e adetu a su montàgiu
in televisiones privadas, comente regista e
iscenegiadore at ammaniadu prus de trinta
documentàrios turìsticos, archeològicos e de
istòria de s’arte.
Binchet su Prèmiu Kodak a su Festival
Filmvideo 2000 de Montecatini cun su primu
curtzu de fintzione: Chinotto.
Tramudadu in Barcellona, si diplomat in su
2002 in regia tzinematogràfica in su CECC
(Centre d’Estudis Cinematográfics de
Catalunya), in su 2007 in diretzione de sa
fotografia, in su matessi istitutu.
In cussos annos ammàniat su cortometràgiu
Las Puertas del Mundo Niño (chi binchet su
Prèmiu film mègius a su Festival Nazionale
Opere Nuove, e su prèmiu pro sa Regia
mègius a su Cuncursu Internatzionale VArt
de Casteddu) e àteros duos cortometràgios
Ladrones de zanahorias e Charcos, ambos
seletzionados dae su Festival Visioni Italiane
de Bologna.
A pustis de su documentàriu Els Pintors
Catalans a Sardenya essit Panas chi binchet
su Prèmiu Avisa pro progetos de antropologia visuale de s’ISRE de Nuoro, Prèmiu
pro s’autore Sardu mègius a su Babel Film
Festival, e cussu pro sa Regia mègius a su
Puntodivista Film Festival de Sarroch.
Ammàniat su documentàriu Arturo torna
dal Brasile e binchet, intre àteros, su primu
Prèmiu a su Cuncursu pro progetos “Storie
di Emigrati Sardi” Prèmiu pro su film mègius
ammaniadu in su matessi cuncursu e su
prèmiu a su “ film mègius de autore sardu”
a su SIEFF. In su 2013, ammàniat Capo
e Croce, e su film Ìsura Da Filmà, cun
imàgines de Fiorenzo Serra, e mùsica de
Paolo Fresu.
Oe in die est dotzente de regia tzinematogràfica in sa facultade de Scièntzias de sa
comunicatzione.in s’Universitat Internacional
de Catalunya
Dopo il documentario Els Pintors Catalans a Sardenya è la volta del Panas col
quale si aggiudica, tra gli altri, Il Premio
Avisa per progetti di antropologia visuale
dell’ISRE di Nuoro, il Premio al Miglior
autore Sardo al Babel Film Festival,
quello alla Miglior Regia al Puntodivista
Film Festival di Sarroch.
Successivamente, realizza il documentario Arturo torna dal Brasile col
quale si aggiudica, tra gli altri, il Primo
Premio al Concorso per progetti “Storie
di Emigrati Sardi”, il Premio al miglior
film realizzato, allo stesso concorso, e il
premio al “Miglior film di autore sardo” al
SIEFF. Nel 2013, oltre a Capo e Croce,
firma il film di montaggio Ìsura Da Filmà,
su immagini di Fiorenzo Serra, con le
musiche da Paolo Fresu.
Attualmente insegna regia cinematografica nella facoltà di Scienze della comunicazione dell’Universitat Internacional de
Catalunya.
Sabato 7 dicembre 2013
atòbios
Marco Antonio Pani
107
BABEL FILM FESTIVAL 2010
BINCHIDORES | VINCITORI | WINNERS
Prèmiu Maestrale mègius documentàriu | miglior documentario | Best Documentary Prize, € 3000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione documentàriu
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione documentario
given from Babel jury to the best film of the documentary section
Rumore bianco di Alberto Fasulo (2008)
Prèmiu Maestrale mègius fiction | miglior fiction | Best Fiction film prize, € 3000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione fiction
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione fiction
Given from Babel jury to the best film of the fiction film section
Amona Putz! di Telmo Esnal (2009)
Prèmiu Maestrale - Città di Cagliari | tzitade de Casteddu |città di Cagliari prize € 2000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su film chi contat mègius sas minorias in sas tzitades
Assegnato dalla giuria Babel al film che meglio racconta le minoranze nelle città
Given from Babel jury to the film that better describes the minorities of the city
Via Meilogu 18 di Salvatore Mereu (2010)
Prèmiu FICC, prèmiu de su pùblicu | premio del pubblico |the Public Prize € 1500
Assignadu dae sos Tzìrculos FICC de Sardigna
Assegnato dai Circoli FICC della Sardegna
Given by the sardinian Circoli FICC
Laboratorio 28 (Casteddu | Cagliari), Antonio Gramsci (Casteddu | Cagliari), [email protected] (Casteddu | Cagliari), Arcinema
(Casteddu |Cagliari), Chaplin (Casteddu | Cagliari), Alice Guy (Casteddu | Cagliari), Il Crogiuolo (Casteddu | Cagliari),
Nuovo Pubblico (Pauli | Monserrato), Fabio Masala (Cuartu Sant’Aleni | Quartu Sant’ Elena), Pistolas, Ispadas e...
(Seneghe), Rizoma (Terraba | Terralba) | S’andala (Meana | Meana Sardo), Nuovo Circolo Cinema (Tàtari | Sassari),
Fratelli Lumiére (Soleminis), Il Mulino (Seddori | Sanluri), La fabbrica del cinema (Su Masu | Elmas), C.d.C. Ogliastra
(Santa Maria Navarrese), Lampalughis (Sant’Eru | San Vero Milis) Circolo Quartu (Cuartu Sant’Aleni | Quartu Sant’
Elena), Immagini (Santu Antiogu | Sant’ Antioco) La miniera (Carbonia) | Kinda’ (Santu Tiadòru | San Teodoro).
Panas di Marco Antonio Pani (2006)
Prèmiu NUCT, prèmiu pro su mègius autore sardu | premio al miglior autore sardo |
prize to the best Sardinian author
Su prèmiu, assignadu dae una Giuria ispetziale de sa NUCT, est unu workshop de iscenegiadura, regia o fotografia in
sa NUCT - Scuola Internazionale di Cinema e Televisione (Cinecittà, Roma)
Il premio, assegnato da una Giuria speciale della NUCT, consiste in un workshop di sceneggiatura, regia o fotografia
presso la NUCT - Scuola Internazionale di Cinema e Televisione (Cinecittà, Roma)
This prize, given by a special jury of NUCT, is a workshop of screenplay or directory or photography at the NUCT Scuola Internazionale di Cinema e Televisione (Cinecittà, Roma)
S’Animu di Marina Anedda (2009)
Su World Social Film Festival at a assignare su Prèmiu Golden Spike a su film chi mustrat sas caraterìsticas tecnicas e
narrativas de su tzìnema sotziale.
Il World Social Film Festival assegnerà il Premio Golden Spike al film che dimostrerà le caratteristiche tecniche e
narrative del cinema sociale.
The World Social Film Festival will give the Golden Spike Prize to the film that will show the techical and narrative
charateristics of the social cinema
(www.socialfestival.com)
The Broken Moon di Marcos Negrão e André Rangel (2010)
BABEL FILM FESTIVAL 2011 - 2ª EDIZIONE
BINCHIDORES | VINCITORI | WINNERS
Giuria ufficiale | Giuria ufitziale | Official Jury
Edoardo Winspeare, Aldo Fittante, Elisabetta Randaccio, Maurizio Braucci, Maria Gonzalez Gorosarri
Prèmiu Maestrale: Mègius longumetràgiu | Miglior lungometraggio | Best feature film prize € 10000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione longumetràgios
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione lungometraggio
Given from Babel Jury to the best film of the feature film section
Il loro Natale di Gaetano Di Vaio (Italia, 2010, o.l. napulitano)
Motivazione: Dickens a Poggioreale. Di Vaio s’indigna, denuncia, a volta urla ma, come lo scrittore inglese, sa
raccontare con talento e molta passione un mondo femminile custode della dignità umana, anche dove questa viene
calpestata senza ritegno. La vita forse fa schifo ma in fondo ne vale la pena, grazie a queste donne, vestali dell’unico
motivo per continuare a vivere: l’amore.
Menzione speciale sezione lungometraggio
Novena di Enrique Collar (Netherlands, 2010, o.l. guaranì)
Motivazione: Per aver saputo raccontare un mondo in via d’estinzione con tenerezza partecipata senza rinunciare a
un rigore stilistico d’ispirazione pittorica. Il ritmo del film e della vita di Juan de Dios, durante la novena per la morte di
sua madre, seguono i tempi di un’epoca in cui l’uomo non doveva ancora competere con le macchine. Gli stessi sogni
sapevano di poesia e così il film.
Prèmiu Maestrale Mègius documentàriu | Miglior documentario | Best Documentary Prize
€ 3500,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione documentàriu
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione documentario
Given from Babel Jury to the best film of the documentary section
My Marlboro City di Valentina Pedicini (Italia, 2010, o.l.dialetto brindisino)
Motivazione: La storia della mutazione della città di Brindisi dagli anni del boom delle sigarette di contrabbando a quello
che è oggi diventa un affresco dove la sociologia non esclude un narrazione poetica e allo stesso tempo appassionante.
L’autrice è impegnata, ama la sua città ma non dimentica di essere una regista rigorosa nella costruzione della scrittura,
della messa in scena e del montaggio di quattro personaggi emblematici: metafore esistenziali di quella che è stata, è
oggi e potrebbe essere una qualsiasi città del sud.
Prèmiu Maestrale Mègius curtzumetràggiu | Miglior cortometraggio | Best short film
€ 3500,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su mègius film de sa setzione curtzumetragiu.
Assegnato dalla giuria Babel al miglior film della sezione cortometraggio fiction.
Given from Babel jury to the best film of the short section
Karai Norte di Marcelo Martinessi (Paraguay, 2009, o.l. guaranì)
Motivazione: A prima vista sembra un deserto dei Tartari girato da Sergio Leone, ma il film ha qualcosa di molto speciale
nel ricreare un inconsueto clima di tensione e mistero. “La ucciderà? L’avvelenerà? E’ una curandera? È l’unica sopravvissuta di un eccidio? Lui è buono o cattivo?” Tutte le prevedibili risposte vengono contraddette da una racconto dove
il silenzio diventa foriero di azione. Inoltre l’affascinante e misteriosa lingua guaranì contribuisce a rendere l’atmosfera
ancora più intrigante.
Premio Maestrale - Città di Cagliari I Prèmiu Maestrale - Tzitade de Casteddu
€ 2000,00
Assignadu dae sa Giuria Babel a su film chi contat mègius sas minorias in sas tzitades
Assegnato dalla giuria Babel al film che meglio racconta le minoranze nelle città
Given from Babel jury to the film that better describes the minorities of the city
Barcelona en dos colors di Alberto Diana (Italia, 2011, o.l. català)
Motivazione: Un ritratto sorprendente- almeno per noi italiani- e ben riuscito della schizofrenia della capitale catalana.
L’idea di raccontare nella stessa giornata, in due grandi manifestazioni diverse l’entusiasmo patriottico, sia per la
Spagna che per una Catalogna indipendente, è perfetta per un’ impressione di Barcellona come città con l’anima divisa
in due.
Prèmiu Deretu de faeddare | Premio Diritto di parola | Right to Speak Prize: € 1500,00
Assignadu dae sos studentes de sas iscolas de Casteddu | Assegnato dagli studenti delle scuole superiori di Cagliari
Alina Vitenco e Ma Zhengjie (ITC Martini, Cagliari); Kristine De Jesus e Stefano Mocci (ITC Da Vinci, Cagliari); Marco
Faedda e Davide Zanetti (Liceo Sc. Alberti, Cagliari); Ludovica Fois e Federico Pierantozzi (Convitto Naz. V. Emanuele
II, Cagliari); Alice Cimino e Marta Patteri (Liceo Motzo, Quartu Sant’Elena); Gioia Lai, Sonia Marras e Michelle Paderi
(Liceo De Sanctis, Cagliari); Claudia Ledda e Francesco Palmas (Liceo Euclide, Cagliari); Stefano Chillotti e Martina
Guiso (Liceo Michelangelo, Cagliari); Silvia Carta e Chiara Cau (Liceo Siotto Pintor, Cagliari); Francesco Ottonello e
Laura Piano (Liceo Sc. Pacinotti, Cagliari); Marco Frau e Gueye Ousmane (IPSIA Meucci, Cagliari); Rossana Rais e
Ilaria Schirru (ITC Besta, Monserrato); Marta Tizzano e Paolo Vacca (Liceo Dettori, Cagliari)
Afrikaaps di Dylan Valley (Sud-Afrika, 2010, o.l. Afrikaans)
Prèmiu FICC, Prèmiu de su pùblicu | Premio FICC, premio del pubblico | FICC Prize: € 1500,00:
Assignadu dae sos Tzìrculos FICC de Sardigna | Assegnato dai Circoli FICC della Sardegna
Antonio Gramsci (Casteddu | Cagliari), ARCinema (Casteddu | Cagliari), Bagdad Café (Paùli Xrexèi | S.Nicolò Gerrei),
Charlie Chaplin (Trieste), Chaplin (Casteddu | Cagliari), Cinefilanti (Zagarolo), Circolo di Siliqua (Silìcua | Siliqua),
Circolo Quartu (Cuartu Sant’Aleni | Quartu Sant’Elena), Fabio Masala (Cuartu Sant’Aleni | Quartu Sant’ Elena), Film’e
Ferru (Casteddu | Cagliari), Fratelli Lumiére (Soléminis), Kinemakine (Vithi | Bitti), La Macchina Cinema (Su Masu | Elmas), La miniera (Carbonia), Laboratorio 28 (Casteddu | Cagliari), Lampalughis (Sant’Eru | San Vero Milis), Liberazione
(Casteddu | Cagliari), Notorius (Casteddu | Cagliari), Nuovo Pubblico (Pauli | Monserrato), Rizoma (Terraba | Terralba),
Tina Modotti (Santu Sperau | San Sperate) (www.ficc.it)
Sa Règula di Simone Contu (Italia, 2007, o.l. sardu)
Prèmiu NUCT, Prèmiu pro su mègius autore sardu | Premio al miglior autore sardo |
NUCT Prize - Best sardinian Director
Su prèmiu, assignadu dae una Giuria ispetziale de sa NUCT, est unu workshop de iscenegiadura, regia o fotografia in
sa NUCT - Scuola Internazionale di Cinema e Televisione (Cinecittà, Roma) Il premio, assegnato da una Giuria speciale
della NUCT, consiste in un workshop di sceneggiatura, regia o fotografia presso la NUCT. (www.nuct.it)
Sardandendi – Andes di Roberta Aloisio (Italia, 2010, o.l. shipibo)
Motivazione: Per aver avuto uno sguardo sincero su un mondo lontano. Uno sguardo pieno di umanità, tanto da farci
sembrare quel mondo a pochi passi da noi.
Prèmiu Golden Spike | Premio Golden Spike | Golden Spike Prize
Su World Social Film Festival at a assignare su Prèmiu Golden Spike a su film chi mustrat sas caraterìsticas tecnicas e
narrativas de su tzìnema sotziale. Il World Social Film Festival assegnerà il Premio Golden Spike al film che dimostrerà
le caratteristiche tecniche e narrative del cinema sociale. (www.socialfestival.com)
Sanpit/Veleno di Enrico Pitzianti/Giuseppe Petitto/G.Luca Pulcini (Italia, 2001, o.l. issan)

Documenti analoghi

1st LIFE AFTER OIL - LIFE AFTER OIL International Film Festival

1st LIFE AFTER OIL - LIFE AFTER OIL International Film Festival territorio”. Limita l’intervento dell’uomo con “azioni di conservazione e mantenimento” e lo inserisce come “componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, che spiega la diversità de...

Dettagli

GIURIA Animazioni - LIFE AFTER OIL International Film Festival

GIURIA Animazioni - LIFE AFTER OIL International Film Festival sos film: prus bi nde arribant, dae cada ala de su mundu, prus sunt bellos e interessantes, prus su fèstival funtzionat. Duncas, comente diretore artìsticu de LIFE AFTER OIL, potzo nàrrere chi s’is...

Dettagli