clicca qui - curaferitedifficili.it

Commenti

Transcript

clicca qui - curaferitedifficili.it
Il settimanale gratuito del tuo quartiere
Anno 4 - numero 131
Venerdì 13 maggio 2011
Pubblicità: 345 1529651
Cassia, il progetto del super-elettrodotto
Da La Storta a Prima Porta: tutti i punti del piano energetico da 380 kV
L’EDITORIALE
Tutela del territorio
di Nicoletta Liguori
Il Parco di Veio è preponderante sul nostro territorio, la sua esistenza qualifica
e differenzia questa sezione di Roma
dalle altre. Questa consapevolezza
deve portare i politici che lavorano in
XX e nei comuni limitrofi interessati a
capire che i cittadini che vivono qui,
non ammetteranno che questo paesaggio sia deturpato, nell’ordine: 1. da
torri altissime che portano elettricità,
2. da discariche a cielo aperto, 3. da
insediamenti abusivi, 4. da mancati accessi ai Parchi più piccoli che fanno da
corolla al più grande. Questi sono 4
NO sui quali questa redazione ha da
sempre impostato la linea editoriale
con numerosi e incisivi articoli. Continueremo così, statene certi, (segue a pag. 2)
Parco di Veio,
nuove misure per
proteggere il verde
Cassia Antica,
un nuovo punto di
vista dal Municipio
Ponte Milvio,
cronaca della notte
dei “lunghi coltelli”
Con la conferenza stampa di martedì è ufficiale il via libera all’applicazione del “Patto per Roma sicura” anche per il Parco di Veio.
Cosa cambierà? (a pag. 4)
Il XX Municipio ha ben chiara la
questione della possibile riapertura al doppio senso di via Cassia
Antica. Ne parla il vice-presidente
Marco Perina (a pag. 6)
All’uscita dallo Stadio Olimpico tifosi da tutta Italia si riversano nella
piazza, ma la festa “rossonera” si
colora di rosso sangue: accoltellamenti e lanci di oggetti (a pag. 8)
Pubblicità su
345 1529651
cAssIA - flAmInIA
Necessario il potenziamento della rete elettrica di Roma Nord
I nuovi elettrodotti super-potenti attraverseranno il territorio del XX Municipio: interrati o in superficie?
S
vetteranno torri da 380
kV nella nostra campagna: punto interrogativo
o punto esclamativo? Le ultime
notizie parlano infatti di un progetto della “Terna” (società leader nella gestione della rete
elettrica), di potenziare la rete
elettrica a partire da Civitavecchia fino a Roma nord. Ma andiamo con ordine.
Il 10 marzo 2009 la commissione Lavori Pubblici del Consiglio regionale del Lazio si
era riunita infatti con l’obiettivo di decidere come procedere rispetto all’elettrodotto
“Santa Lucia”, che passa per
la Cassia (La Storta e dintorni)
fino ad arrivare alla Flaminia
(Prima Porta-Labaro). All’assemblea erano presenti i rappresentanti della Terna, gli uffici competenti del Comune di
Roma, nonché i rappresentanti del Parco di Veio all’interno del quale passa la rete
elettrica, e i rappresentanti del
XX Municipio. Sia i cittadini,
così come i presidenti dei con-
sorzi interessati e il consigliere
municipale Marco Tolli (Pd),
avevano sollecitato l’iniziativa
chiedendo la rapidità nei lavori finalizzati a risolvere una
situazione che diventa sempre più insostenibile. Si rende
necessario ricordare, infatti,
che la rete elettrica in alcuni
punti, in prossimità della zona
“La Castelluccia” e verso Casale di San Nicola, nonché a
Labaro, risulta visibilmente
“invasiva” dal punto di vista
paesaggistico, a causa degli
imponenti piloni metallici che
si innalzano in mezzo alla
campagna. I cittadini si lamentavano e si lamentano tutt’ora, della vicinanza della
e intervista il Vice Presidente del XX Municipio,
nonché Assessore alla
Cultura sempre in XX
Marco Perina (PDL). Vi
dirò, torno ad essere possibilista: forse la rotatoria
ce la faranno! Speriamo
ci sia l’impegno di tutti
per trovare i fondi necessari alla realizzazione di
un’opera che ci sta tanto
a cuore!
N.L.
(segue da pag. 1)
monitorando il nostro territorio. Cambiando completamente argomento vi
segnalo l’articolo a pag.
6 del nostro Matteo Spitella che riassume la nota
vicenda “Cassia Antica”
2
rete elettrica alle case. I responsabili di Terna ribadiscono comunque che la distanza dei tralicci rientra assolutamente nelle normative
disposte dalla legge.
Abbiamo contattato l’assessore
ai Lavori Pubblici del XX Municipio, Stefano Erbaggi (Pdl), il
quale ci ha spiegato che a seguito del consiglio regionale del
2009, erano stati stanziati dei
fondi per l’interramento del
tratto urbano dell’elettrodotto
S. Lucia; a seguito dell’intesa
raggiunta a marzo 2010 tra
Terna, Regione Lazio, Comune
di Roma e Ministero delle Infrastrutture, si è stabilito di rinnovare totalmente l’impianto
elettrico. Il progetto della Terna
consiste in una generale ristrutturazione e ammodernamento
della rete riguardante l’intera
area romana e rientra in un
piano più ampio chiamato “il
grande raccordo dell’energia”.
Consiste nella realizzazione di
un nuovo elettrodotto (più potente) che renderà possibile un
importante intervento di razionalizzazione della rete elettrica
esistente, con un bilancio nettamente positivo in termini di diminuzione della pressione territoriale delle linee elettriche.
Sarà possibile demolire quasi
60 km di linee a 220 kV che,
dalla stazione elettrica di Roma
Nord si sviluppano nella porzione occidentale del territorio
comunale. Tale accorgimento
consentirà di non “appesantire” la pressione sul territorio e
di risolvere alcune interferenze
con l’abitato che l’attuale linea
a 220 kV presenta. In base a
questo protocollo sono stati definiti una serie di interventi: si
prevede che i lavori per l’eliminazione totale dei tralicci inizieranno nel primo semestre
del 2013; naturalmente prima
di eliminare la tratta lunga 60
Km di tralicci, è necessario ultimare il nuovo elettrodo in maniera tale che, una volta abolita
la rete locale, questo possa entrare immediatamente in funzione. Gli investimenti complessivi ammontano a 360 milioni di euro, di cui 310 milioni
a carico di Terna e la parte restante a carico di Acea.
Ad oggi, dalle ultime indiscrezioni, sembrerebbe che
solo a Labaro verrebbero interrati gli elettrodotti e che sarebbero invece eliminati quelli
a Casale San Nicola. A questo proposito abbiamo voluto
chiedere al Commissario straordinario del Parco di Veio,
Massimo Pezzella a che punto
siano le trattative. Fortunatamente ci ha risposto che ancora nessuna decisione definitiva è stata presa e che si
impegnerà affinché nulla deturpi in futuro il bellissimo
paesaggio del Parco.
FEDERICA BASILI
13 maggio 2011
romA nord
Parco di Veio, più monitoraggio contro discariche e abusi
Con l’applicazione del “Patto per Roma sicura” arrivano telecamere, controllo dall’alto e sicurezza
C
on la conferenza
stampa del 10 maggio
scorso è stato presentato il piano di azione locale
del Parco di Veio nell’ambito
del patto per Roma sicura. In
realtà, noi ne avevamo già
dato notizia nel mese di
marzo, quando, cioè, il piano
era stato approvato.
Nel corso della conferenza
stampa, che si è tenuta nella
Sala Tevere della Giunta della
Regione Lazio e a cui hanno
partecipato il Presidente della
Regione, Renata Polverini, l’assessore agli enti locali e alle politiche per la sicurezza, Giuseppe Cangemi, e il commissario straordinario del Parco di
Veio, Massimo Pezzella, è stato,
però, illustrato più nello specifico, si legge nel comunicato
stampa, “il progetto per la sicurezza all’interno dei parchi”.
Il patto per Roma sicura, specifica il presidente Polverini,
era preesistente all’insediamento di questa Giunta, ma
non era ancora stato reso attivo. Il merito di averlo attuato
concretamente va riconosciuto
proprio al Parco di Veio, che,
con l’appoggio, appunto,
della Regione, si impegna
nella tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente e nel
quale sono state messe in atto
le prime misure previste.
Le più significative sono sicuramente state la bonifica di al-
4
Il Presidente della Regione Lazio Renata Polverini
cuni siti e l’installazione di tre
telecamere ad altissima tecnologia, “al fine di consentire- si
può leggere ancora sul comunicato stampa- il monitoraggio dell’intero territorio del
Parco per prevenire e contrastare i fenomeni di illegalità”.
Nei soli sette mesi del suo
commissariamento, Pezzella
ricorda ben 161 sopralluoghi
svolti dalle guardie del parco.
Era quindi necessario trovare
uno strumento che permettesse di monitorare 24 ore su
24 la situazione nel parco per
prevenire gli abusi sia in
campo ambientale sia in ambito edilizio.
Le tre telecamere, ha informato il commissario Pezzella,
sono state posizionate in punti
strategici del Municipio XX; è
prevista, inoltre, l’installazione
di una quarta telecamere ad
infrarossi.
Uno degli obiettivi della Giunta
nell’ambito del patto per Roma
Sicura è, però, anche quello,
come ha detto il presidente Polverini, di diversificare gli interventi e il piano di azione locale
risulta ancora più importante
dal momento che il Parco di
Veio non ha solo valore naturalistico, ma anche archeologico.
Come ha sottolineato l’assessore Cangemi, la Giunta “ ha
avviato una procedura d’urgenza per rendere disponibili
tutte le risorse del parco e ha
sbloccato 814 mila euro di
fondi straordinari che erano
stati stanziati per essere utilizzati all’interno della perimetratura del parco del comune di
Roma”. Questi fondi, ha continuato a spiegare l’assessore,
saranno destinati prevalentemente al finanziamento di tutte
le misure di sicurezza necessarie, degli interventi di bonifica
delle aree degradate e abbandonate e alla fornitura dei
mezzi. Proprio in occasione di
questa conferenza stampa, il
presidente Polverini ha consegnato, infatti, alle guardie del
Parco di Veio le chiavi di due
dei tre mezzi che la Regione ha
acquistato; per il terzo, quello
antincendio, si dovrà attendere
ancora qualche settimana.
Accanto alle misure che sono
già state adottate, l’assessore
ha sottolineato l’importanza di
alcuni progetti legati alle scuole
e soprattutto di quello che riguarda i cosiddetti ranger dell’aria, al momento operativi
solo in alcune regioni italiane,
che andrebbero ad affiancarsi
ai Tevere ranger , già noti ai
nostri lettori. Cangemi ha, infatti, ribadito più volte la necessità, nelle aree dei parchi, di
un controllo dall’alto, che risulta sicuramente più diretto e
immediato e che può essere
determinante non solo in caso
di incendio, ma anche per la
segnalazione di aree di degrado o di discariche abusive.
Per il commissario straordinario Pezzella, l’importanza del
patto per Roma sicura e, nello
specifico, di quello di attuazione locale, risiede nella necessità di tutelare i circa 15
mila ettari di terreno (7000
dei quali sorgono all’interno
del comune di Roma, mentre i
restanti sono divisi in circa
nove comuni diversi) che costituiscono il Parco di Veio da
eventuali attività vandaliche.
Un ruolo fondamentale nella tu-
tela del parco sarà svolta, però,
innovativamente, dagli stessi cittadini, che potranno segnalare,
telefonicamente o tramite il sito
del Parco di Veio, eventuali problematiche; il call center è attivo
del 15 febbraio scorso.
Altra questioni molto importanti e delicate che riguardano
i territori del Parco di Veio sono
quelle relative agli insediamenti
abusivi e alle discariche a cielo
aperto, dove spesso confluiscono anche rifiuti tossici, che,
a loro volta, possono contribuire al pericolo d’incendio.
Per questo motivo è stato fatto
anche un censimento delle aree
di degrado da bonificare e,
poi, continuare a monitorare.
L’obiettivo, recita il comunicato stampa, è quello di estendere queste misure a tutte le riserve naturali del Lazio per
garantire ai cittadini il diritto
alla sicurezza e alla qualità
della vita nei parchi regionali.
Occorre, dunque, sensibilizzare tutti perché, come ha
detto il presidente Polverini in
chiusura della conferenza,
“l’ambiente è il bene più prezioso da lasciare alle nuove
generazioni”.
Ricordiamo quindi il numero
verde 800.72.78.22 e il sito
del Parco di Veio www.parcodiveio.it, per la segnalazione
di abusi e la compilazione del
questionario.
SARA SCATENA
13 maggio 2011
xx munIcIpIo
Riapertura di via Cassia Antica? Parla il vice-presidente
A colloquio con Marco Perina sul progetto rotatoria con via Cortina D’Ampezzo: si attendono fondi
A
ppena un anno è passato dal quel 10 maggio 2010 che segnò
l’inizio di un sperimentazione
stradale attesa da anni ma destinata a fallire nel giro di pochissimi giorni. Via Cassia
Antica, dopo un interminabile
periodo di richieste incrociate
provenienti da gran parte
della cittadinanza, venne riaperta nel senso di marcia in
direzione Roma: una prova,
così fu definita. L’esperimento
però si concluse molto presto,
ben prima della data concordata: l’ordine di riportare tutto
alla “normalità”, arrivato dal
sindaco Alemanno in persona, era di quelli che non potevano essere ignorati. Il Presidente del XX, Gianni Giacomini, fu accusato di aver agito
con poca lungimiranza, ignorando il problema focale della
questione: con la Cassia Antica percorribile in ogni senso,
le auto provenienti da Via
Cortina d’Ampezzo erano
6
state obbligate ad una svolta a
destra, con la conseguente
preclusione di un passaggio
agevole per Via Cassia. La
temporanea normativa, perciò, aveva sì migliorato la vita
ad alcuni, ma l’aveva complicata ad altri: si decise così per
un ritorno anticipato allo status quo. Le proteste dei citta-
dini di Via Cassia e dintorni,
però, non si sono certo placate, e il Municipio continua
ad essere oggetto di richieste
volte a trovare una soluzione
decisiva per il tratto. Alla luce
dell’incontro del 2 maggio, incentrato sulla vicenda, tra il
Comitato dei Cittadini del XX e
il Vicepresidente Marco Perina, incontriamo quest’ultimo
per qualche delucidazione,
oggi, 9 maggio 2011: «Abbiamo chiesto l’inserimento,
nel bilancio comunale, dei
soldi utili alla realizzazione di
una rotatoria che, a mio parere, è l’unico strumento valido per risolvere ogni tipo di
problema relativo alla questione» e quando torna a parlare della situazione creatasi
lo scorso anno dice «era una
manovrata viziata all’origine,
si è risolto un problema creandone un altro». A chi vede
nel Consorzio Stradale Cortina d’Ampezzo il “colpevole”
della mancata apertura del
noto tratto dice «si pensi che,
il progetto della rotatoria, è
stato proposto e preparato dal
Consorzio circa dodici anni
fa: sono loro, in primis, ad auspicarsi una conclusione
lieta». Interpellato su altri argomenti di viabilità limitrofa,
data la sua posizione di Vice
Presidente del Municipio, afferma «sulla questione relativa al quadrilatero-Farnesina,
ed è mia opinione personale,
sarebbero bastati più controlli
sulla sosta “selvaggia” per
consentire a Via della Farnesina di rimanere a doppio
senso. Per quanto riguarda
Via di Vigna Stelluti, ormai è
ufficiale che nascerà un parcheggio sotterraneo diviso tra
box e posti rotazionali: quest’ultimi erano sufficienti, ma
stiamo comunque cercando di
aumentarli per rispondere alle
esigenze di più cittadini possibili». Marco Perina ci saluta
brevemente, richiamato ai
suoi impegni istituzionali: a
Via Flaminia 872, è il giorno
del bilancio annuale.
MATTEO SPITELLA
13 maggio 2011
MODA MARE
PROFUMERIA
DONNA
BOUTIQUE
ISTO DI 2 PR
U
Q
C
A
ODO
N
O
TT
C
I
O
I
G
OMAGGIO
DA
MO
E (FINO 30 GIUG
N
MAR
O
)
CEST
OO
MA
G
UOMO - DONNA - BAMBINO
PELLETTERIA - ACCESSORI
INTIMO - MODA MARE
presentando questo
COUPON
e aderendo alla
promozione
in OMAGGIO
un coloratissimo
cesto MARE
Via V.Piccinini,5 - ang.Via Cassia, 1279 Tel.06 30363270
UOMO
ponte mIlvIo
“Notte dei lunghi coltelli” all’uscita dallo stadio Olimpico
Ponte Milvio investita dalla festa rossonera, si tinge di rosso sangue dopo le coltellate tra tifosi
N
ella notte tra il sette e
l'otto maggio in verità
la piazza si è tinta più
di rosso che di nero.
È circa l'una e venti quando
due tifosi baresi che stanno festeggiando la vittoria del diciottesimo scudetto del Milan
vengono accoltellati in piazza.
I due trentaduenni stanno
chiacchierando al bancone
dell'Altro Chiosco, al confine
tra Ponte Milvio e viale di Tor
di Quinto, con le sciarpe della
loro squadra legate in vita,
quando iniziano dei violenti
tafferugli nel parcheggio di Tor
di Quinto, confinante con il locale. Gli scontri si sono rapidamente spostati verso la
pizza, sfociando nel lancio di
bottiglie e addirittura di sedie
e sgabelli. Nella confusione
generale un ragazzo si è avvicinato ai due, strappando loro
le sciarpe e colpendone uno
con un fendente alla coscia.
Un'ora più tardi è stato ferito
anche l'altro allo stesso modo.
Gli avventori del chiosco
hanno prestato i primi soccorsi
al ragazzo, tamponandogli la
ferita in attesa che intervenisse
il 118. Medicati al pronto soccorso, i due supporter rossoneri guariranno rispettivamente in 12 e 18 giorni.
Verrebbe da chiedersi come
mai una piazza che negli ultimi tempi è stata praticamente militarizzata con con-
8
gazzi armati di coltelli a serramanico è arrivata fino all'angolo tra Piazzale Ponte
Milvio e via Flaminia e ha colpito ancora: “Ho visto quel
ragazzo accasciarsi a terra
in un lago di sangue, circondato da una folla di gente, racconta Federica, dipendente del locale Jarro - mi
sono allontanata una ventina
di secondi, giusto il tempo di
prendere acqua e zucchero e
quando sono tornata il ragazzo era svenuto e pallidis-
trolli a tappeto quella sera sia
stata abbandonata a se
stessa. La risposta più ovvia è
che i vigili sono stati dirottati
allo stadio per coadiuvare le
forze dell'ordine a far fluidificare il traffico sull'asse Lungotevere-Tor di Quinto, facendo saltare anche l'abituale
ZTL del sabato.
La conferma ci viene data dal
Presidente del XX Municipio
Gianni Giacomini “I vigili del
Ventesimo gruppo si sono effettivamente dovuti allontanare dalla piazza per rego-
lare il traffico causato dalle
60.000 persone che uscivano
dallo stadio. Quello di ieri continua Giacomini è stato
tuttavia un caso particolare
perchè a creare disordini non
sono stati gli abituali frequentatori della piazza, ma tifosi
violenti, provenienti da varie
regioni d'Italia. Quello che
chiedo, in ogni caso è un
maggiore controllo da parte
delle forze dell'ordine”.
A sostenere un incremento
della sorveglianza è anche
Federico C., responsabile del
locale maggiormente colpito
dagli scontri, che lamenta un
eccessivo accanirsi delle autorità competenti su questioni
burocratiche evitando di garantire la sicurezza effettiva
della piazza.
I pochi agenti lasciati a sorvegliare la piazza hanno preferito non intervenire sul momento, vista l'evidente inferiorità numerica rispetto ai
violenti che si rincorrevano
per la piazza come uno
sciame d'api a cui era stato
agitato l'alveare.
La folla di una ventina di ra-
simo in volto. L'hanno colpito
nella zona inguinale, recidendogli l'arteria femorale e
facendogli perdere moltissimo
sangue.”
Fortunatamente, il tempestivo
intervento dell'ambulanza,
che già si trovava dall'altro
lato della piazza è riuscito ad
evitare il peggio, facendo sì
che la serata, già turbolenta,
non terminasse in tragedia.
ALESSIO BARBATI
13 maggio 2011
xx municipio
Questa settimana si è conclusa presso
la sede municipale di via Flaminia la
lunga maratona del XX Municipio per
l’approvazione del bilancio. Riportiamo i comunicati stampa in merito
dei due capigruppo di PdL e Pd.
TORQUATI (PD)
"I colleghi del PDL
hanno votato a
favore dell’intera
manovra proposta da Roma Capitale, dando il
proprio beneplacito a forti tagli
per il settore del
sociale e ad una
riduzione
del
40% dei fondi per la manutenzione degli edifici scolastici. In tutto il territorio
municipale, inoltre, da qui ai prossimi
tre anni sarà impossibile realizzare
nuove opere".
Lo denuncia in una nota il capogruppo
del Partito Democratico in XX Municipio, Daniele Torquati.
"L’intenzione dell’opposizione, - prosegue - in particolare quella del PD,
era di vincolare l’approvazione del bilancio proposto dal Campidoglio ad
alcune opere di interesse generale, peraltro già approvate con singole risoluzioni dall’intero Consiglio del XX Mu-
10
nicipio. Ci si è invece ritrovati di fronte
ad un PDL che, pur impegnatosi anima
e corpo - e per un anno intero - a far
promesse ai cittadini, si è scandalosamente tirato indietro al momento di richiedere ufficialmente i fondi al Comune di Roma.
In totale asservimento alla Giunta Capitolina, l’intero gruppo del PDL si è dichiarato contrario
al finanziamento
per l’eliminazione
dei container in
amianto ad Osteria Nuova; ha bocciato lo stanziamento di fondi per
la voragine di Via
Comparini (per la
quale il PD aveva
presentato anche un ordine del giorno
collegato); si è poi espresso contro il finanziamento per la rotatoria di Via
Cassia Antica e quello per la palestra
della scuola media di Cesano; ma, soprattutto, ha votato in maniera compatta contro l’emendamento che intendeva vincolare l’approvazione del
bilancio alla richiesta di finanziamento
per la costruzione della nuova scuola
alla Giustiniana.
Il culmine dell’indecenza si è però raggiunto con la modifica, proposta ed
approvata dal PDL, che ha determinato lo spostamento dei fondi destinati
all’assistenza dei disabili a quelli che
saranno utilizzati per le iniziative “istituzionali” della Presidenza del Municipio.
La lunga seduta consiliare, dunque, si
è conclusa con il PDL che ha votato
contro opere di interesse generale per la realizzazione delle quali aveva
però assunto impegni precisi in Aula
ed in modo ancora più diretto con gli
stessi cittadini - e che è poi arrivato ad
avere il coraggio di distrarre i fondi
per l’assistenza ai portatori di handicap per farli confluire in quelli destinati
alla Presidenza.
L’opposizione del Municipio Roma XX si
è battuta nell’effettivo interesse dei cittadini, scontrandosi però con i numeri
di una maggioranza presuntuosa in
cui, in maniera evidente, manca la qualità e l’onestà di un serio impegno nel
mantenere i propri impegni".
ANTONIOZZI
(PDL)
“E' sempre il solito
film: passano gli
anni e la sinistra è
incapace di modificarsi, è sempre la
stessa” dichiara Dario
Antoniozzi, capogruppo
del PDL in XX municipio.
“Anche nel passato bilancio – prose-
gue Antoniozzi - la componente di sinistra del Municipio XX motivando il
proprio voto contrario alla mancanza
di progettualità. Niente di più falso e
sbagliato: le opere realizzate in questo
anno sono sotto gli occhi di tutti“.
“ Invece di lavorare giornalmente per
i cittadini - aggiunge Antoniozzi- gli
esponenti della sinistra si perdono in
disquisizioni prive di contenuto “terrorismo psicologico” che non fa alcuna presa sui cittadini i quali comprendono chi sta veramente lavorando
per questo territorio. E’ evidente a tutti
che, ancora una volta, si presentano
in Consiglio senza nuove idee , senza
proposte innovative, senza alcuna capacità propositiva limitandosi a fare
un specie di “copia ed incolla” delle
proposte già avanzate dal PDL , i cui
iter sono già allo studio degli uffici
preposti”.
“Comunque la maggioranza in XX - conclude
Antoniozzi - preferisce
lavorare per i cittadini
e a testa bassa, anche
per cercare di recuperare i troppi anni di
mal governo di sinistra
a livello comunale, piuttosto che entrare in una
polemica inconcludente con
una sinistra che fa della disinformazione la sua attività principale “.
13 maggio 2011
formello
Iniziati i lavori della scuola materna e della scuola
media in Loc. Albereto. Una vera cittadella della
scuola per dare ai nostri bambini e ragazzi strutture
idonee, realizzate con i più avanzati criteri di sostenibilità ambientale e risparmio energetico.
"Uno dei punti più qualificanti del Programma Amministrativo è la realizzazione del Centro Scolastico
in località Albereto". Lo comunica in una nota apparsa sul proprio sito il Comune di Formello.
"Il Centro comprende l’asilo nido, la scuola materna, elementare e media, dotato di servizi comuni,
attrezzature sportive, ampi spazi verdi, parcheggi
e viabilità interna. Una cittadella della scuola per
dare ai nostri bambini e ragazzi, sempre più numerosi, gli spazi e le strutture necessarie allo svolgimento della didattica e di tutte quelle attività che
concorrono alla loro crescita e alla loro formazione. Per entrambi gli edifici abbiamo voluto che
fossero applicati i più avanzati criteri di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, che vi fossero aule luminose con ampie vetrate, spazi adeguati per le diverse attività e molto verde all’esterno".
12
xx municipio
L'Assessore ai Lavori Pubblici del XX
Municipio, Stefano Erbaggi, informa
che per quanto riguarda la Frana a
Villa di Livia la scorsa settimana si è
completato l'intervento preliminare
di pulizia della vegetazione della
scarpata e martedì prossimo avranno inizio i sondaggi necessari alla
verifica della stabilità del costone tufaceo. Successivamnte saranno stabiliti gli importi necessari per la
messa in sicurezza del costone. "Purtroppo - spiega Erbaggi - questo tipo di interventi hanno sempre un iter
complesso, ma stiamo cercando di
fare l'impossibile per velocizzare ed
evitare i disagi che stanno subendo i
cittadini e gli esercenti della via".
La Giunta municipale ha di recente
deliberato lo spostamento provvisorio e urgente del mercato dell'Olgia-
ta in via Berardinelli, in attesa degli
atti necessari allo spostamento definitivo, che dovranno essere predisposti dal Consiglio municipale.
L'Ufficio Tecnico del Municipio XX sta
effettuando un lavoro di
riqualificazione di una sala, finora
non utilizzata, all'interno della
Torretta Valadier a ponte Milvio.
Successivamente l'Assessorato alla
Cultura definirà l'utilizzo di questo
nuovo spazio di aggregazione.
Numerosi gli interventi sull'edilizia
scolastica:
- scuola via Baccano 38 : rimozione
cornicione e riapertura seconda
uscita;
- scuola via Malvano: ripristino rampa e piazzale;
- scuola elementare Largo Castelseprio: intonacatura muro esterno e
realizzazione zona d'ombra;
- scuola via Vallombrosa: realizzazione zona d'ombra e messa a dimora di nuove piante;
- asilo mago di Oz: realizzazione
zona d'ombra;
- centro anziani via Cassia 1686:
eliminazione infiltrazioni e tinteggiatura interna;
- centro anziani via Orrea: realizzazione raccolta acqua meteorica del
piazzale del centro anziani di Cesano;
- scuola via Serra 91: rifacimento
colonna bagni degli insegnanti;
- scuola Giglio: rifacimento collegamento tra scuola e padiglioni;
- scuola elementare Fosso del Fontaniletto: apertura porte antipanico;
- scuola Morro Reatino: implementazione illuminazione della palestra
xx municipio
Fino al 24 giugno i cittadini ultrasettantenni residenti nel XX Municipio, con reddito ISEE fino ad €
15.000,00 , potranno presentare
richiesta per ottenere gratuitamente la tessera di circolazione
sull’intera rete di trasporto pubblico di Roma.
Il modulo di richiesta dovrà essere
presentato presso il Segretariato
Sociale in Via Cassia 472 secondo
il seguente orario: lunedì, mercoledì e venerdì ore 8,30 - 12,30
martedì e giovedì ore 8,30 12,30 / 14,30 - 16,30 oppure in
Via Flaminia 872 al piano terra
solo Martedì e Giovedì ore 8,30 12,30 e 14,00 - 16,00
Alla richiesta dovrà essere allegato:
1. copia di un documento di riconoscimento in corso di validità 2.
dichiarazione ISEE rilasciata da
CAF o sedi e agenzie INPS, che
attesti un reddito ISEE non superiore a € 15.000,00
3. 2 foto formato tessera.
13 maggio 2011
Domenica 15 maggio si terrà la 9°
Giornata dell’Inviolatella, organizzata dal Comitato Cittadino per
il XX Municipio e dal Comitato
“Robin Hood” nella ex Tenuta
agricola dell’Inviolatella Borghese:. Seguono i dettagli:
- ore 10 appuntamento in Via dell’Inviolatella Borghese (seconda
traversa a destra della Cassia
Nuova provenendo da Corso
Francia)
- ore 10,30 visita guidata naturalistica (itinerario facile) con visita
all’allevamento di ovini
- ore 12 animazione e giochi per
i piccoli.
L’ingresso e tutte le attività sono
gratuite; si consiglia di indossare
un cappello per il sole e scarpe da
ginnastica o trekking e di portare
via cassia nuova
cesano - anguillara
al seguito una bottiglietta
d’acqua
(pranzo al sacco per
chi lo desidera).
Bambini e cani sono
i benvenuti.
Per informazioni:
[email protected]
06324471133336136823386705939
Nell’ambito della 9° Giornata dell’Inviolatella Borghese, tra le varie
attività in programma è previsto
anche un itinerario naturalistico
“guidato” con inizio alle ore 10 e
trenta.
Si tratta di un itinerario che potrà
essere percorso con facilità da tutti
(bambini compresi) perché il trac-
Sabato scorso in via della Mainella si è tenuta la cerimonia per l’inizio dei lavori della strada di collegamento tra Anguillara e Cesano.
Per l’occasione oltre al Sindaco di Anguillara, Stefano
Paolessi e il Presidente del consiglio comunale Marco
Tosi, sono intervenuti l’On. Francesco Aracri Deputato
Pdl, l’On. Renata Polverini Presidente Regione Lazio e
On. Luca Malcotti Ass. Infrastrutture e Lavori Pubblici
Regione Lazio, oltre a On. Giuseppe Cangemi Ass.Regione Lazio, On. Pietro di Paolo Ass.Regione Lazio,
Gianni Giacomini Presidente XX°Municipio.
ciato è prevalentemente in piano.
L’itinerario avrà inizio dallo
spiazzo ricavato sulla sinistra di
Via dell’Inviolatella Borghese e,
dopo aver percorso la bella valle
che costeggia la Via Cassia, dirigerà nella zona panoramica che
confina con il l’Istituto per la Cerealicoltura.
via cortina d’ampezzo
I carabinieri della stazione Monte Mario hanno arrestato un incensurato 51enne,
per lesioni e maltrattamenti in famiglia.
L'uomo, che da tempo convive con una donna romana in un appartamento in
via della Mendola, zona Cortinda D'Ampezzo, ieri sera, nel corso di un violento
litigio l'ha aggredita minacciandola con un coltello. A seguito delle urla della
donna, a difesa della figlia è intervenuta la madre che abita al piano superiore,
verso cui l'uomo si è scagliato dandole un morso al naso.
A scatenare la furia dell'uomo siano stati motivi di gelosia. Processato col rito
direttissimo e rimesso subito in libertà, il 51enne d'ora in poi ha il divieto di avvicinarsi all'abitazione, di proprietà dei genitori della ex convivente, che sino a ieri è stata la sua dimora.
14
ospedale s. andrea
In occasione della
10°
Giornata
Nazionale del
Sollievo,
promossa dall’Osservatorio Nazionale sulla salute
della Donna, l' Azienda Ospedaliera Sant'Andrea
intende sostenere un’azione di sensibilizzazione sul
tema del dolore, svolgendo un incontro aperto su
diverse tematiche proprie della sfera femminile ed
offrendo dei consulti medici gratuiti.
Incontro aperto "Il dolore nella donna: riconoscerlo
ed affrontarlo" Aula Carlo Urbani, ore 10.0014.00 Consulti medici gratuiti presso gli ambulatori
di Terapia del dolore, Ginecologia e Centro Cefalee, ore 9.00-13.00.
Prenotazione obbligatoria, telefonando al numero
06.3377.5011 nei seguenti orari: lunedì-sabato,
ore 15.00-18.00
13 maggio 2011
xx munIcIpIo
Traffico, allo studio le criticità: nel 2012 i primi interventi
Con il “Piano Particolareggiato del Tessuto Urbano” si esaminano i provvedimenti per snellire le code
C
on una nota del 4 maggio scorso, i Consiglieri
del XX Municipio Luciano Sciarretti (PDL), presidente della commissione mobilità, e Antonio Scipione
(PDL), delegato alle politiche
della mobilità e segnaletica
stradale, hanno fatto sapere
che, in seguito ad una riunione
svoltasi il giorno precedente
presso il Dipartimento Mobilità
e Trasporti di Roma Capitale, è
stato avviato lo studio del
Piano Particolareggiato del
Traffico Urbano (PPTU) in alcune zone di loro competenza.
Lo studio, che verrà effettuato
dall'Agenzia per la Mobilità,
riguarderà, come hanno sottolineato i due Consiglieri nella
nota, “l’analisi dello stato di
fatto, la determinazione delle
criticità, l’individuazione degli
interventi che saranno oggetto
del Piano attuativo e lo studio
degli schemi di circolazione”.
Tutti gli interventi che verranno
proposti, e eventualmente ap-
16
Piazza dei Giuochi Delfici
provati, saranno volti a mitigare e snellire il traffico che
quotidianamente assedia alcune delle zone nevralgiche di
Roma Nord.
In particolare, continuano Scipione e Sciarretti, “l’attenzione è stata posta su Via Flaminia Vecchia, Piazza Giuochi Delfici/Via Cassia Antica,
il quadrante Farnesina, Via
Flaminia/Via del Labaro, Vigna Stelluti e taluni ambiti
sulla Via Cassia”. In realtà
Scipione ci ha confermato di
aver elencato sommariamente
solo alcuni dei punti critici per
la viabilità dei luoghi presi in
considerazione (ad essi va
aggiunto, per esempio, Ponte
Milvio), da non intendersi,
però, limitatamente alle vie indicate, ma a tutta la zona ad
esse limitrofa.
Per quanto riguarda, invece,
altri punti problematici per la
circolazione, come Largo
della Giustiniana e la strada
di Fondovalle, Largo Sperlonga e Via dei Due Ponti, essi
sono stati tralasciati in quanto
già oggetto di studio da parte
del Dipartimento e dell'Agenzia per la Mobilità.
Con questa nota della scorsa
settimana, dunque, sembra
potersi riaprire, per gli abitanti di quelle zone, e per
chiunque si trovi a transitarvi,
la speranza di non rimanere
più imbottigliati nel traffico.
Per quanto riguarda i termini
temporali entro i quali lo studio potrebbe essere consegnato e discusso, Scipione ci
informa che ci vorrà circa un
mese per avere la relazione
tecnica dell'Agenzia della
Mobilità; si parla, quindi, approssimativamente,
della
metà di giugno. Su questa relazione, ci spiega il Consigliere, saranno indicate le criticità e le cause di tali criticità.
Saranno, quindi, necessari
anche alcuni sopralluoghi,
che l'Agenzia effettuerà proprio nell'arco di questo mese.
In seguito alla consegna della
relazione, il Municipio si
prenderà del tempo per riflet-
tere e eventualmente integrare
il piano, anche attraverso il
contributo dei comitati dei cittadini e di quartiere; poi inizierà la fase progettuale, relativa agli interventi necessari
per ridurre e smaltire il traffico, che dovrebbe estendersi
almeno fino a ottobre.
Dopodiché, dovrebbe aprirsi
la cosiddetta Conferenza dei
Servizi con tutti gli Enti interessati (Municipio, Comune,
Dipartimenti vari e, eventualmente, Regione e Provincia),
che, secondo le previsioni,
dovrebbe poi concludersi all'inizio del prossimo anno.
L'ultima fase riguarderà l'analisi del piano da parte della
giunta comunale, che dovrà,
poi, impegnarsi nel reperire i
fondi necessari all'attuazione
di tutti gli interventi necessari.
Non resta, dunque, che attendere la conclusione di questo
lungo iter burocratico e sperare
che non si creino troppi intoppi.
SARA SCATENA
13 maggio 2011
xx munIcIpIo
Scuola media Giustiniana, capitolo secondo in Comune
L’associazione “Amici della Giustiniana” di nuovo in audizione al Campidoglio: ecco il resoconto
V
enerdi 6 maggio si è
tenuto un ulteriore incontro voluto dal Municipio, tra la Commissione Lavori Pubblici del comune presieduta dall’on.Quarzo e il comitato amici della Giustiniana,
per fare il punto della situazione sulla realizzazione della
nuova scuola media per la
Giustiniana. All’incontro, tenutosi presso gli uffici di Via
Petroselli, erano presenti una
rappresentanza dell’ ICS La
Giustiniana, l’Assessore ai Lavori Pubblici del XX Municipio, Erbaggi (PDL), i Consiglieri PDL Petrucci e Petrelli
sempre del XX, l’Ing. Di Lorenzo dell’Unità Organizzativa Tecnica del XX Municipio,
l’Ing. Botta del Dipartimento
Urbanistica del Comune di
Roma, l’Ing. Porti, tecnico
della commissione LLPP capitolina. Purtroppo erano assenti
rappresentanti dell’ufficio comunale Edilizia Scolastica.
Il presidente della Commis-
18
sione Lavori Pubblici, on.
Quarzo, ha iniziato garantendo il finanziamento per la
progettazione, con delle risposte in arrivo già la prossima
settimana. Il nodo cruciale a
questo punto è l’individuazione
dell’area su cui far sorgere il
nuovo edificio. I genitori hanno
sempre espresso la volontà di
un unico plesso, ma l’ufficio urbanistica ha fatto capire che a
primo impatto ciò non sembra
fattibile. Sembra impossibile in-
fatti la realizzazione di un
unico plesso, soprattutto ampliato, in quanto manca lo spazio sufficiente; le due aree
sono di dimensioni esigue,
consentono ampliamenti, ma
non un raddoppiamento. La risposta non è ancora ufficiale,
ma le parole dell’ Ing.Botta
sono state abbastanza chiare.
In ogni caso le due scuole presenti andranno abbattute e per
il tempo necessario allo svolgimento dei lavori gli studenti
verranno dirottati nella Scuola
del consorzio Case e Campi
che verrà a breve presa in consegna dal Municipio.
L’incontro è stato importante
anche in vista dell’approvazione del bilancio comunale
che avverrà tra maggio e
giugno, in cui i genitori vorrebbero che fosse inserito lo
stanziamento dell’opera, cosa
difficile, considerando la portata dei lavori, sul cui costo
complessivo non ci sono ancora cifre ufficiali. Dunque i
tempi si prospettano necessariamente più lunghi. Il Presidente Quarzo si è tuttavia impegnato a stanziare 200.000
euro per lo studio di realizzazione. Già venerdì prossimo si
incontreranno l’ufficio tecnico
comunale e quello municipale
per effettuare un sopralluogo
dei plessi e procedere a un
computo delle spese. Nonostante il comitato si dica soddisfatto, soprattutto per l’appoggio del Municipio, dal comuni-
cato stampa emerge un po’ di
delusione da parte di coloro
che si aspettavano che il progetto fosse già un passo avanti,
con un’analisi tecnica sulla fattibilità compiuta e la certezza
della messa a bilancio. I genitori si dichiarano pronti a dar
battaglia per ottenere una
nuova sede unica, “anche con
azioni clamorose”, si legge a
termine del comunicato. In realtà non si può chiedere tutto
subito e sarebbe opportuno cogliere l’importanza di questi
primi risultati. Il finanziamento
della progettazione è già un
ottimo passo avanti, poco sottolineato. A tal proposito l’Assessore Erbaggi dichiara: “Apprezzo lo spirito del Presidente
Quarzo e il finanziamento
della progettazione, anche perché il presidente non può mettere in secondo piano richieste
altrettanto importanti da confermare, come l’ampliamento
della scuola di San Godenzo”.
ANNA RUSSO
13 maggio 2011
romA nord
Passeggiando in bicicletta da Monte Mario alla Balduina
Lo stato di avanzamento dei lavori per il progetto del percorso ciclo-pedonale nel XIX Municipio
I
l percorso ciclopedonale
Monte Mario - Balduina,
consiste in un tratto di circa 5
km che parte dalla stazione
Monte Mario, segue tutto il vecchio sedime ferroviario passando per il Policlinico Gemelli,
la zona Balduina, fino al Parco
di Monte Ciocci in prossimità
della stazione Valle Aurelia. E'
prevista la completa risistemazione dell'area interessata al
percorso mediante la creazione
di un parco chiamato “lineare”
dove si trovano una pista ciclabile, aree pedonali e parchi
per i bambini. I lavori sono finanziati da Roma Capitale e la
realizzazione è a carico di Italferr. Il progetto, ha a disposizione 6 milioni di euro. Partecipiamo all’assemblea cittadina,
sulla questione, il 05 maggio
nella parrocchia di San Cipriano dove sono presenti il Presidente del XIX Municipio Alfredo Milioni, il vice presidente,
gli assessori del XIX Municipio
alle Opere Pubbliche e al Com-
20
mercio e vari consiglieri del Municipio.
Inoltre partecipano
il Consigliere Comunale Federico Guidi, presidente
della Commissione Bilancio del
Comune di Roma, l’Ing. Patrizia
Boi di RFI (gestore dell’infrastruttura ferroviaria italiana).
Numerosa la presenza dei cittadini, tra i quali quelli denominati “frontisti” ossia 130 persone che abitano davanti alla
pista e sono preoccupati per la
realizzazione, manutenzione e
sicurezza della pista ciclabile
non ancora esistente. I “frontisti”
fanno notare che la pista percorre molti tratti in zone buie e
isolate. Sottolineano dunque il
bisogno di illuminazione e di
acqua lungo il
percorso
e
sono preoccupati che una volta
finiti i lavori sia tutto lasciato in
stato di abbandono trasformando la zona in una discarica. Quindi sollecitano la presenza di guardiani che sorveglino il percorso, cancelli e anche la possibilità di videosorveglianza. Risponde il Consigliere
Comunale Guidi: “C’è la predisposizione per l’illuminazione
ma se ne potrà parlare dopo
l’approvazione del Bilancio Comunale. La manutenzione del
parco costa 180 mila euro
l’anno, e sicuramente sarà ga-
rantita per i primi anni ma per
il futuro si sta vagliando la proposta di un consorzio composto
di cittadini “frontisti” che possano collaborare con il Comune
alle spese”. Non ci stanno i cittadini, non sono disposti a
spendere e vogliono assicurazioni dal Comune. La paura dei
frontisti è che l’innalzamento
del piano stradale in alcuni
tratti, per recuperare il dislivello
della pista e il buio, favoriscano
l’intrusione di ladri nelle loro
case, ma dall’altra parte c’è chi
difende la libertà di andare in
bici anche la sera “non stiamo
parlando della striscia di Gaza,
se circolano le persone ci sono
meno pericoli di quando si è
isolati” sostiene un ragazzo
dell’Associazione Ex Lavanderia. A tutti risponde l’ing. Patrizia Boi, dicendo che “il progetto è stato studiato da un
equipe di esperti, gli stessi che
hanno dato vita all’alta velocità, sicuramente più preparati
di tutti noi. La manutenzione
delle aree verdi è affidata al
servizio giardini del Comune
di Roma e all’ente Parco. Per
l’acqua sono predisposti 7 serbatoi che, tramite un impianto
di irrigazione, porteranno acqua per tutto il percorso. Per
quanto riguarda l’innalzamento del piano stradale fa notare che il punto più alto è in
via Zeri 1 metro e 75 e non
comporta problemi di staticità
per le abitazioni, per i problemi di sicurezza si possono
innalzare muri in accordo con
il Comune così come si è deciso con il Comune di chiudere
con cancelli la pista ciclabile
con un ulteriore costo dell’opera”. La questione rimane
sospesa, i frontisti non sono
soddisfatti dalle risposte e vogliono maggiore sicurezza, la
fine dei lavori è prevista per il
2012 chissà se per quella data
sarà possibile una bella passeggiata in bici da Monte Mario alla Balduina.
CONCETTA GELARDI
13 maggio 2011
a cura di Davide Luciani
Roma: 4 uomini e una panca
Lazio: i dilemmi sul “profeta”
Mentre la Champions si allontana, ci si interroga sul reale valore
del brasiliano: grande campipone o solo buon giocatore?
Montella, Ancelotti, Gasperini e Mazzarri: quattro mister in ballo
per il posto di allenatore dei giallorossi. Chi la spunterà?
T
L
re scontri diretti nelle ultime tre partite e altrettante sconfitte. La Lazio vede allontanarsi decisamente il quarto posto.
Gli uomini di Reja, infatti, in questo momento sono sesti in classifica, poiché pur essendo appaiati con la Roma, sono in svantaggio negli scontri diretti con i giallorossi.
Ci sono infiniti motivi per cui i biancocelesti si ritrovano in questa situazione. Una in
particolare però, preoccupa più delle alte perchè rischia di diventare un problema difficilmente risolvibile anche in futuro: la mancanza di incisività di Hernanes nei match
che contano. E' indubbio che l'innesto del brasiliano nel centrocampo biancoceleste
abbia permesso alla Lazio il salto di qualità rispetto alla scorsa stagione, ma è altresì
innegabile che il Profeta, in quasi tutte le sfide che contano abbia toppato. Delle nove
reti segnate in campionato, infatti, solo due sono arrivate in big match, nelle sfide in
casa contro Inter e Udinese. Le altre 7 sono state segnate contro squadre inferiori tecnicamente alla Lazio con Bari e Catania punite due volte a testa, seguite da Parma,
Bologna e Chievo. Più dei gol segnati o meno però (alla fine Hernanes è comunque
un centrocampista, ndr) al brasiliano si imputano le prestazioni scadenti nei suddetti
match. Non è un caso se domenica, Reja ha deciso di sostituire il suo numero 8, una
volta capito che il brasiliano non era in giornata.
E' da quando è sbarcato in Italia che tutti si interrogano sul reale valore del brasiliano:
campione o semplice buon giocatore? Non è solo la Lazio a porsi questo interrogativo. Sia Dunga che Menezes, gli ultimi due commissari tecnici verdeoro, hanno nutrito dei dubbi sulla reale forza dell'ex paulista se è vero che fin qui il laziale ha collezionato solo tre presenze con la nazionale del suo paese. Di sicuro, alla sua immagine internazionale non ha giovato l'assurda espulsione contro la Francia a febbraio,
quando il verdeoro stese con un colpo da karate Benzema. Qual'è quindi il vero Hernanes? Quello che ha trascinato la Lazio contro Parma e Catania o quello timido visto nei derby e nei big match? La verità, come sempre, sa nel mezzo. Hernanes potenzialmente è un signor giocatore, ma deve migliorare in due aspetti: il movimento
senza palla e la visione di gioco. Se il brasiliano vuole entrare nella storia della Lazio, l'anno prossimo non potrà fallire partite come quella di domenica, perchè gli idoli
calcistici sono coloro che decidono quei match. Sono i poster di questi ultimi che si tengono in camera: quelli dei calciatori “normali” vengono staccati dal muro, nell'attimo
stesso in cui abbandonano il club.
22
a Roma domenica ha agganciato la Lazio in classifica, ma forse ha definitivamente visto svanire la possibilità di raggiungere il quarto posto. Mercoledì inoltre servirà un'impresa per vincere a Milano e qualificarsi per la finale di Coppa
Italia Quarto posto e vittoria della Coppa Italia: sul raggiungimento o meno di questi obiettivi, verrà valutato il futuro tecnico della squadra, leggasi decisione di confermare o meno Montella.Il nodo panchina è il primo problema che si è posta la
cordata americana una volta sbarcata nella capitale.
Il primo nome accostato alla nuova proprietà per la panchina giallorossa, è stato
quello di Ancelotti. L'ex tecnico del Milan, a fine stagione lascerà quasi certamente
il Chelsea, ma il suo ingaggio da parte del club capitolino appare poco probabile
per diversi motivi: anzitutto il costo oneroso, in termini di stipendio, chiesto dal tecnico di Reggiolo e dal suo staff e, in secondo luogo, i massicci e pesanti investimenti che l'attuale allenatore del Chelsea richiederebbe con l'ingaggio di campioni
affermati. L'idea della nuova dirigenza è invece quella di abbassare anzitutto il
monte ingaggi con la cessione di giocatori che non rientrano nei piani societari,
come Borriello (che non verrà riscattato) e Menez. Il tecnico della Roma del futuro,
dovrà saper lavorare con i giovani e proporre un calcio piacevole e aggressivo.
Questo identikit porta a due nomi: Gasperini e Mazzarri.
Il primo è apprezzato per il suo stile di gioco e per la sua capacità di lavorare con
i giovani. Gasperini non avrebbe problemi a liberarsi del contratto che ha ancora
col Genoa, anche perchè Preziosi non ha alcun interesse a tenere il suo ex allenatore fermo al palo. Inoltre il suo stile di gioco, sarebbe l'ideale per esaltare giocatori come De Rossi e Vucinic, molto in ombra quest'anno. Più difficile è invece
arrivare a Mazzarri. E' vero che il rapporto tra il tecnico livornese e De Laurentiis
pare compromesso, ma proprio per questo il produttore partenopeo potrebbe anche decidere di non liberare l'allenatore, o far pagare alla Roma una forte penale.
E Montella? L'attuale guida tecnica giallorossa è apprezzata dai giocatori che ne
hanno caldeggiato la riconferma, questo per l'attuale dirigenza conta, ma contano
ancora di più i risultati. L'aeroplanino ha tre partite (o quattro con l'eventuale finale di coppa) per convincere la proprietà a confermarlo..
La mano di poker tra i quattro tecnici è iniziata. Chi avrà le carte migliori per vincere la panchina giallorossa?
13 maggio 2011
foro ItAlIco
Internazionali di Tennis: tutto pronto per il gran finale
Un torneo che è sempre più un “evento” tra sport e agonismo, serate al Villaggio Vip e divertimento
C
ome ogni anno la primavera romana accoglie uno degli eventi
più attesi dagli appassionati
del tennis. Il 15 maggio assisteremo infatti alle attese finali degli Internazionali BNL
d'Italia, iniziati il 5 Maggio. In
questi giorni si stanno affrontando gli imperatori della
terra rossa nella splendida
cornice del Foro Italico: Nadal, Djokovic, Federer, Wozniaki sono solo alcuni degli illustri nomi che si stanno
dando battaglia sugli undici
campi a disposizione. A difendere il primato italiano
maschile troviamo Potito Starace che, alla vigilia di questa
68/a edizione aveva dichiarato di essere in gran forma.
Novità assoluta di quest'anno
è la formula "combined
event". Dopo 33 anni infatti i
tornei ATP World Tour (maschile) e WTA (femminile) si
svolgeranno contemporaneamente: gli atleti e le atlete si
sfideranno dando la possibilità agli spettatori di seguire
entrambe le categorie nelle
stesse giornate. Il montepremi
da capogiro quest'anno si aggira intorno ai 5.000.000 di
Euro, divisi tra classe femminile e maschile.
Gli Internazionali sono un appuntamento che, in questi ultimi anni, ha registrato un aumento esponenziale di pub-
24
blico pagante, segno che lo
spettacolo offerto è riconosciuto da un numero sempre
crescente di persone. Non è
più solo un'élite a seguire questa disciplina. A tal proposito è
stato costruito il nuovo campo
centrale (inaugurato nel
2010), la cui struttura dalle ripide gradinate può accogliere
fino a 10.400 spettatori.
Come ormai è consuetudine, i
grandi eventi sportivi sono
spesso accompagnati da interessanti appuntamenti mondani. Quest'anno la nuova location del Villaggio VIP Internazionali BNL d'Italia (adiacente al campo centrale) è gestita da LUX Eventi, che per
l'occasione si è avvalsa dell'aiuto di alcune tra le più
grandi agenzie di comunicazione e pubbliche relazioni.
Abbiamo contattato per voi il
responsabile di HD Communication, Dottor Tiziano Rossi,
il quale non nasconde l'entusiasmo, sia per quanto riguarda la posizione del villaggio, sia per gli eventi che
vi si svolgono. Rossi ha di-
chiarato: "[...] la nuova struttura ad anfiteatro è molto suggestiva e permette agli ospiti
di usufruire al meglio dei servizi da noi offerti. Dopo
l'inaugurazione affidata a
Mario Biondi, avremo il piacere di ospitare Francesco
Renga – Venerdì 13 Maggio – e alcuni eventi "dance"
tra cui spicca l'appuntamento
di chiusura con il noto deejay
Bob Sinclar in console, già
sold out da qualche giorno".
Lunedì 9 Maggio i fortunati
che sono riusciti ad accedere
al villaggio hanno assistito all'esilarante spettacolo di Jerry
Calà il comico della "doppia
libidine" ha intrattenuto gli
ospiti con numerosi successi
degli anni 80'/90': da "Sapore di sale" a "Maracaibo" il
tutto condito con quella comicità che solo lui sa regalare.
Tra sport ed eventi, tra agonismo e divertimento, gli internazionali si confermano
evento cult della primavera
romana a cui non si può di
certo mancare.
ANDREA BIANCHI
13 maggio 2011
cinema
a cura di
Niccolò Matteucci
cinema
a cura di
Valeria Pighini
amanti dei b-movies ecco a voi: machete!
indietro nel tempo con Jake Gyllenhaal
Robert Rodriguez, il pupillo di Quentin Tarantino che non delude mai
Dal 29 aprile in sala “Source Code”, il fanta-thriller di Duncan Jones
Ovviamente c'è da considerare che gli elogi a questa
pellicola sono totalmente subordinati alla totale predisposizione nel vedere film di questo genere, in questo caso né più né meno di uno zelante omaggio agli
“exploitation movies” degli anni 70/80, lo stile delle
Grindhouse... questo nome vi ricorda qualcosa? Le
Grindhouse erano quelle sale cinematografiche che
proiettavano esclusivamente film di serie b, dall'horror
al pornografico, roba da palati forti, roba da Robert
Rodriguez e Quentin Tarantino, che pochi anni fa hanno reso tributo a questo genere artisticamente nullo, ma
maledettamente spassoso con un doppio film chiamato proprio Grindhouse e composto da Planet Terror
(Rodriguez) e Death Proof (Tarantino). Per chi ha buona memoria, Machete non è altro che la realizzazione di uno dei finti trailer girati da Rodriguez per essere proiettati prima di Planet Terror, riprende il filone splatter ed assurdo dei precedenti. Il
protagonista è Danny Trejo, carriera fatta di più o meno illustri comparsate, ma incredibilmente adatto a questa parte di silente vendicatore che ammalia le donne e...
“improvvisa”! Coadiuvato dalle splendide Jessica Alba e Michelle Rodriguez, il nostro eroe dopo aver subito le peggiori angherie, si farà strada a colpi (indovinate un
po') di machete, per arrivare allo scontro finale contro “il cattivo” Steven Seagal. Il
cast stellare è infine impreziosito dalla presenza di Robert De Niro nei panni di un
iper-razzista senatore americano del Texas, macchietta estremizzata dell'ex presidente George W. Bush che agisce a braccetto con un perfido Don Johnson, noto ai
più per le parti nelle serie Miami Vice e Nash Bridges. Purtroppo manca il cameo di
QT, ma i fan di Rodriguez hanno di che godere nelle comparsate degli habitué Tom
Savini, nella parte di uno spietato sicario e di Tito Larriva che ha offerto anche il suo
solito prestigioso contributo musicale per la colonna sonora con il pezzo “Machete”,
targato Tito y Tarantula. Voto: 3,5/5
Jake Gyllenhaal è Colter Stevens, soldato americano di stanza in Afghanistan cui il governo
ha affidato una missione speciale e segretissima: sventare un pericoloso attacco terroristico
che avverrà a Chicago di lì a poche ore.
Come? Tornando indietro nel tempo…. Colter
dovrà infatti rivivere all’infinito gli otto minuti che
hanno preceduto un altro feroce attentato, fino a
quando non ne avrà identificato l’autore consegnandolo alla giustizia prima che questi riesca a
compiere un’ulteriore strage.
L’idea è originale, bisogna ammetterlo, ma purtroppo il risultato lascia alquanto a desiderare.
Intendiamoci, non siamo certo di fronte ad un prodotto scadente, per carità! Anzi, il film si segue bene, la suspense non manca e gli effetti speciali sono confezionati ad arte. Ma è il plot che non funziona: troppo pretenzioso, troppo surreale,
troppo platealmente assurdo anche per una pellicola di fantascienza.
Lo sceneggiatore Duncan Jones, alla sua seconda prova dietro la macchina da presa dopo il fortunato Moon, confeziona con Source Code una perfetta operazione commerciale: storia curiosa, qualche lacrima qua e là, la bella di turno che fa
capitolare il protagonista e l’eroe positivo votato al martirio. Gli occhioni azzurri di una splendida Michelle Monaghan, tra le attrici più apprezzate del momento, fanno sognare il pubblico e, ciliegina sulla torta, l’ex cowboy innamorato di
Brokeback Mountain si conferma interprete di razza, stregando la sala con quel
viso da bravo ragazzo e con la forza della sua recitazione tipicamente disincantata e impertinente.
Ma non basta tutto questo a fare di un film un buon film.
Peccato, perché le premesse erano ottime. Per amanti del genere.
Voto: 2/5
26
13 maggio 2011
motorI
Porsche diesel? Ecco Panamera: 250 cv di puro godimento
Nuova gamma coupé 2011 della sportiva tedesca che riduce i consumi ed esalta la furia dei cavalli
L
a Porsche Panamera fa
parte di quel segmento di
mercato di recente espansione che comprende le coupé
quattroporte di lusso, tra cui
anche anche la Mercedes CLS,
la Maserati Quattroporte e l’
Aston Martin Rapide. La Panamera è la prima auto della
casa di Zuffenhausen ad aver
aggiunto altre due porte. Ci
sono voluti due anni e tanti investimenti per lanciare l’idea
diesel su una Porsche (Cayenne a parte). Porsche per
questa vettura come per tutte le
altre si è dedicata con particolare attenzione al comfort interno e alla sicurezza. Panamera viene assemblata nello
stabilimento di Lipsia, lo stesso
dove viene prodotta la Cayenne, a dimostrazione del
fatto che tra i due modelli ci
sono molte similitudini, dai
propulsori alla trasmissione integrale sui modelli 4S e Turbo
S. La GT eroga “solo” 250 Cv
e ciò contribuisce a raggiun-
28
gere un consumo medio di
circa 6,3 l/100 km grazie anche agli speciali pneumatici a
basso indice di rotolamento
che uniti ad un serbatoio da 80
litri portano la vettura ad ottenere un’autonomia residua di
1200 Km con emissioni ci
CO2 pari a 169 g/Km, livello
mai raggiunto da nessuna altra
Porsche . Tutti i progressi sono
stati ottenuti grazie alla scelta
accurata di una serie di detta-
gli, come l'impiego di nuovi
materiali per ridurne il peso, gli
indici di resistenza all'attrito e
l'elaborazione del sistema dell'iniezione nonché la scelta e il
miglioramento di un nuovo turbocompressore dotato di gestione termica perfezionata.
Altra novità è rappresentata
dalla connessione internet wireless opzionale che, a partire
da giugno 2011, permetterà
di collegarsi online a bordo
della Panamera. Il propulsore
è un V6 TDI da 3 litri Volkswagen (montato su gran
parte dei modelli a gasolio
dell’ Audi) che garantisce una
potenza da 250 Cv e una
coppia massima di 550 Nm.
Con il nuovo turbodiesel la
velocità di punta è compresa
tra i 243 Km/h della diesel e
i 305 Km/h della versione
benzina Turbo S. Il cambio automatico Tiptronic S a 8 marce
fa schizzare la Panamera da
0 a 100 km/h in 6,8 secondi
e le consente di arrivare in
breve tempo ai 243 km/h.
Senza la scritta “diesel” sulla
portiera anteriore non ci accorgeremo nemmeno di avere
di fronte una vettura a gasolio.
La sua uscita è prevista per
agosto 2011, mentre il prezzo
di listino è di circa 82.049
euro accessori extra a parte.
A.R.
13 maggio 2011
hI-tech
Arriva in Italia Google Shopping... e si compra in rete!
Migliora l'esperienza di acquisto online e per gli e-store uno strumento per incrementare le vendite
E
sce anche in Italia, Spagna e Olanda la nuova
versione beta di Google
Shopping, il servizio che favorisce il contatto tra negozianti e acquirenti sul web.
Stando alle ricerche di mercato, lo scorso Gennaio 3 europei su 4 hanno visitato un
sito di e-commerce, evidenziando una crescita del 66%
rispetto all'anno scorso.
Da oggi il motore di ricerca
più famoso del mondo si propone ai propri utenti anche
come personal shopper, rendendo disponibile un motore
di ricerca prodotti che consente di trovare online le informazioni sugli articoli, di comparare i prezzi e di scegliere il
venditore dal quale effettuare
l'acquisto.
Si può accedere al servizio
dalla homepage di Google
Shopping (google.it/shopping) o anche cliccando su
“Shopping” nel pannello a sinistra della pagina dei risultati
30
di ricerca per visualizzare i
risultati originati esclusivamente GS.
Il nuovo motore rende agli
utenti la vita più semplice indicando loro i negozi online in
cui trovare gli articoli desiderati
e permettendo di comparare i
vari prezzi li aiuta a risparmiare. I venditori allo stesso
modo hanno la possibilità di
incrementare le vendite e di far
crescere la propria visibilità sul
mercato dell'e-commerce.
I retailers possono registrarsi
al motore di ricerca gratuitamente inserendo la lista dei
prodotti che offrono nella pagina dedicata agli esercenti
(google.it/merchants).
Yoox, il più grande negozio
online italiano, che serve 67
paesi in tutto il mondo ha
commentato “Condividiamo
l'efficacia del servizio Google Shopping e la sua internazionalità: lo utilizziamo da
molto tempo e in molti paesi
del mondo, per questo abbiamo voluto essere tra i primi
a sperimentarlo anche sul
mercato italiano, in partico-
lare per lo store virtuale di
moda e design yoox.com”
Amy Gepfert, program manager di GS ha aggiunto: “Gli
europei amano fare shopping
online e ci auguriamo che il
nostro servizio consenta agli
utenti italiani di trovare prodotti sul Web facilmente e più
velocemente. Google Shopping permette infatti di spaziare tra un'ampia varietà di
prodotti offerti in tanti negozi
diversi e scremare i risultati
della ricerca per trovare l'offerta migliore, prima di entrare nel negozio online ed effettuare l'acquisto”.
La domanda a questo punto
sorge spontanea: che fine faranno i vari motori di comparazione già esistenti come
Kelkoo, Trovaprezzi, Pangora
etc? Google riuscirà a soppiantarli? Chissà che Big G
non voglia anche lanciare
una sua piattaforma per l'ecommerce... vedremo!
ALESSIO BARBATI
13 maggio 2011
lIbrI
“Noi ragazzi del Monticchio”: gli adolescenti dell’Olgiata
Un aperitivo con l’autrice Paula Treu e Michele Cucuzza per raccontare storie vissute “su una collina”
P
rendi un venerdì sera di
inizio maggio, aggiungici l'atmosfera elegante
di un circolo privato, l'accoglienza di un incantevole scrittrice, il talento di un pittore
poco conosciuto e la simpatia
di famoso giornalista e il
gioco è fatto. Il venerdì era il
6 maggio, ore 18:00, e la
scrittrice nonché presidentessa dell'associazione Vivi
Vejo Onlus è Paula Morandi
Treu, che ha accolto con calore presso il Circolo della
Marina di Lungotevere il pubblico venuto ad assistere alla
presentazione del suo libro, I
ragazzi del Monticchio. Circondati da spettacolari acquerelli raffiguranti scorci di
una Roma antica ad opera
dell'ammiraglio Luigi Pavoli –
artefice della copertina del libro della Treu – gli ospiti
hanno avuto il piacere di assistere alla presentazione di
questo libro che ha avuto
come “padrino” d'eccezione
32
il giornalista e conduttore televisivo Michele Cucuzza. I
ragazzi del Monticchio ci
parla degli adolescenti della
Roma bene, per la precisione
quelli che vivono all'Olgiata e
che, da generazioni, si riuniscono in cima ad una piccola
collina, il Monticchio, all'interno di questo
verde e quasi
inaccessibile
Comprensorio
residenziale. E
proprio lì, i ragazzi dell'Olgiata cercano di
trovare un proprio spazio, una
propria dimensione, lontano
dal mondo degli adulti con cui sono in
eterno conflitto. Ragazzi che
all'apparenza sembrano aver
avuto tutto dalla vita, che
scorrazzano all'interno delle
loro macchinette, vanno in
giro con abiti firmati, che vo-
glio solo divertirsi e si sentono
quasi immortali,
ma in realtà nascondo
una
grande fragilità
e un bisogno di aiuto. Perché
la vita può essere spietata con
chiunque e quando colpisce,
non risparmia proprio niente
e nessuno. Nove ragazzi di
nazionalità diverse, che frequentano tre scuole differenti
ma che sono legati inesorabilmente l'un l'altro da quella
collina, il loro regno incantato. Questa è la loro storia,
una storia fatta di amore e di
morte, di malattia e di dolore,
di incertezze sul futuro, di
paura di crescere ma soprattutto una storia dove il sentimento vero e autentico dell'amicizia sembra, alla fine,
trionfare su tutto. Nel corso
della loro storia, che si svolge
lungo tutto un anno scolastico,
la vita di ognuno di loro ne
esce profondamente cambiata e segnata. Ma la voglia
di andare avanti, di non arrendersi e di farsi scudo l'un
l'altro prevale. Un libro commuovente e toccante, che si
apre con una poesia dedicata
proprio ad una giovane ragazza dell'Olgiata che oggi
non c'è più – la quindicenne
Federica Lupi, scomparsa in
un tragico incidente – e con
un'altra poesia, che questa
volta parla della malattia di
LHON – una malattia che
porta alla cecità – si chiude.
Un storia per gli adolescenti
ma chi si rivolge anche agli
adulti, per invitarli ad aiutare
i ragazzi a superare la dura
prova dell'adolescenza. Perché ognuno di noi, in un
modo o in un altro, è stato
una ragazzo del Monticchio,
solo che troppo spesso ce ne
dimentichiamo.
FEDERICA D’ORIA
13 maggio 2011
sAlute
promo
Le “ferite difficili”? Si curano all’ambulatorio Vulnologico
Dal dottor Palombi, specialista del settore, una panoramica sulla lotta a ulcere e patologie vascolari
L
e “ulcere cutanee croniche” specialmente se associate al diabete
mellito possono essere causa di
gravi alterazioni del trofismo dei piedi
(piede diabetico) con devastanti infezioni (ascessi e flemmoni dei tessuti
molli), che possono poi coinvolgere
tendini, muscoli ed ossa, esitando
spesso in amputazione di coscia,
gamba o piede. Le lesioni del piede
diabetico possono verificarsi per
un’ostruzione dei grossi vasi arteriosi o
per una microangiopatia diabetica o
possono insorgere per una grave e
progressiva degenerazione dei nervi
sensitivi (neuropatia diabetica), che eliminando la percezione del dolore,
espone i piedi alla possibilità di subire
gravi danni (es. decubiti, ustioni, ferite
accidentali etc.).Anche le flebopatie
(varici e sindromi post-flebitiche) provocano spesso ulcere cutanee da stasi
ematica (sono anzi le ulcere più frequenti). La guarigione di tali ulcere richiede il trattamento della patologia di
base (interventi chirugici tradizionali o
endovascolari), eventuale elastocompressione con bende e calze elastiche
e medicazioni locali.Da alcuni anni il
34
TEAM ROMANO DI VULNOLOGIA. Nella foto da
sinistra: Luca Palombi, Giovanni Antonacci
(Podologo), Maurizio Palombi (Direttore del
Team), Fabio Martinelli, Alessandro Sortino
(Infermiere Wound Specialist)
mondo del Wound Care (cura delle ferite) ha fatto un grosso passo avanti
con l’introduzione delle medicazioni
avanzate, che hanno consentito di abbreviare molto i tempi di guarigione.
Con loro è nata la nuova figura di specialista del settore, definito “vulnologo”
(studioso esperto del trattamento e cura
delle ferite).Questo nuovo modo di concepire le medicazioni si è gradualmente allargato con successo anche
alla cura di lesioni da decubito, deiscenze di ferite chirurgiche, lesioni traumatiche acute ed in definitiva di tutte le
“ferite difficili” acute e croniche, tutte
quelle ferite cioé che rimangono a volte
aperte mesi o addirittura anni e che
comunque spesso non tendono a guarigione se trattate con i metodi tradizionali.Accanto alle medicazioni avanzate si sono aggiunte nuove tecnologie
di medicazione, come la VAC Therapy
(medicazione continua 24 ore al
giorno sotto vuoto), il Gel Piastrinico
autologo (concentrato gelatinoso di
piastrine dello stesso paziente, che libera sulle lesioni trattate fattori di crescita tissutale in elevata concentrazione), la Bioingegneria tissutale (innesto di fibroblasti e cheratinociti dello
stesso paziente prelevati con una piccola biopsia cutanea e fatti riprodurre
su uno scaffold di acido jaluronico) e
l’uso di cellule staminali (ancora in fase
sperimentale).Rispetto alle medicazioni
tradizionali, che mirano solo a tener
asciutta e protetta la ferita, le medicazioni avanzate favoriscono una guarigione più rapida ed un risparmio economico, sfruttando la creazione di un
ambiente umido,che favorisce la riproduzione cellulare, e gestendo l’essudato. Queste medicazioni si rimuovono
in modo atraumatico senza dolore e si
cambiano ad intervalli di tempo più
lunghi, riducendo ore lavorative del
personale medico-infermieristico. Nel
nostro Ambulatorio seguiamo sempre
un protocollo preciso. Dopo l’inquadramento diagnostico, la formulazione
di un piano terapeutico medico-chirurgico personalizzato e le prime medicazioni e cure (primo step), un infermiere Wound Specialist potrà seguire i
pazienti anche a domicilio (secondo
step) provvedendo contemporaneamente all’ istruzione degli stessi, che sa-
Dal 18 maggio 2010 il TEAM opera
presso la CASA DI CURA
ARS MEDICA e segue i pazienti anche
a domicilio.
Si riceve il Lunedì pomeriggio dalle
ore 15.30 alle 19.30
Per appuntamenti telefonare tutti i
pomeriggi dal Lunedì al Venerdì dalle
ore 15 alle ore 19 al numero:
329 1714093.
Per ulteriori informazioni consultare i
siti:
www.curaferitedifficili.it;
maurizio-palombi.docvadis.it
e-mail: [email protected];
[email protected]
ranno resi così progressivamente autonomi grazie anche ad una collaborazione con i care-givers (medico curante, infermiere, badante o parente
del paziente) che potranno comunque
giovarsi del nostro aiuto e conforto attraverso un teleconsulto via internet con
il nostro centro (terzo step). Infatti utilizzando una semplice macchina fotografica digitale (anche quella di un cellulare) i care-givers potranno inviare
via e-mail immagini delle lesioni in trattamento, ricevendo istruzioni sulla medicazione corretta da fare. In questo
modo sarà possible anche curare il paziente a distanza a domicilio, evitandogli frequenti, scomodi e costosi spostamenti, quando possibile.
a cura del
DOTT. MAURIZIO PALOMBI
Specialista in Chirurgia Generale
e Chirurgia Vascolare
esperto in Wound Care
UO Chirurgia Vascolare Ospedale C.T.O. “A.
Alesini” - A.S.L. RM C
13 maggio 2011
di Valeria Pighini
Coming soon… “Ponte Milvio in Moda” è work in progress!
Tutto pronto per la “Fashion kermesse” del prossimo 7 giugno all’ombra della Torretta Valadier
3
,2,1…. Inizia il conto alla rovescia! Manca meno di un mese
infatti all’evento più “cool” di
tutta Roma Nord e a Ponte Milvio fervono i preparativi per far sì che ogni
cosa sia perfetta il prossimo sette giugno quando, all’ombra della Torretta
Valadier, prenderà il via la seconda
edizione di “Ponte Milvio in moda”,
“fashion-kermesse” organizzata dalla
Olimpus Events che quest’anno tenterà di bissare il grande successo riscosso nell’aprile del 2010. L’iniziativa, patrocinata, tra gli altri, da Comune e Provincia di Roma, nonché
dal Municipio Roma XX, s’inserisce in
un più vasto disegno volto a scoprire
ed incoraggiare i giovani talenti del
Made in Italy, ma anche e soprattutto
a scommettere su di loro in un’epoca
che, sconvolta dalla crisi, preferisce
adagiarsi su certezze già consolidate
invece di spalancare le porte al vento
fresco dell’ignoto. Uno scopo lodevole, dunque, reso ancor più nobile se
si pensa che, come in passato, anche
stavolta la manifestazione sarà legata
al progetto “ModAmica”, una campagna informativa portata avanti negli istituti scolastici da esperti del settore e finalizzata a sensibilizzare i ragazzi sui gravi danni derivanti da una
non corretta condotta alimentare.
La cornice sarà, come si accennava, il
piazzale di Ponte Milvio, piacevolmente illuminato e abbellito per l’occasione da fiori e piante in un esplicito
richiamo ai colori e ai profumi della
primavera. Una “location” chic e ricca
di storia, ma al tempo stesso “trendy”,
ritrovo, da un po’ di tempo a questa
36
parte, di giovani e meno giovani. E
proprio qui, tra le statue e le panchine, a due passi dai lampioni e dai
lucchetti tanto amati dai “teenagers”,
nel cuore della movida, sarà allestito
il palco e, poco più in là, il villaggioaccoglienza destinato ad ospitare invitati, giornalisti e personaggi illustri.
Tra i presenti, non mancheranno infatti
esponenti delle istituzioni e grandi
nomi dello “star-system”. Qualcuno
già circola dietro le quinte e, sebbene
non vi siano ancora conferme ufficiali, possiamo assicurarvi che il “parterre” si preannuncia di tutto rispetto.
Il programma è decisamente denso: la
serata si aprirà intorno alle 20.30 per
concludersi verso le 23.00. Ad aprire le
danze, una finestra dedicata al già citato progetto “ModAmica” e poi, a partire dalle 21.00, lunga vita al “glamour”! Il clou dell’evento si avrà infatti
quando, davanti al pubblico e ad una
severa giuria composta da stampa e
addetti ai lavori, sfileranno le geniali
creazioni dei giovani virgulti partoriti
dalle migliori accademie di moda nostrane. Stilisti e indossatrici selezionati
con molta cura dopo mesi e mesi di casting. A dare il la, come si legge in un
comunicato diffuso dalla Olimpus
Events, gli iscritti ai corsi dell’Accademia di Moda e Costume di Roma e dell’Istituto europeo di “design”, sempre di
Roma. Una passerella importante che
regalerà a questi artisti, emergenti sì ma
già molto apprezzati e promettenti, un
modo semplice e affascinante di farsi
conoscere anche al di fuori degli ambienti più strettamente accademici. Un
bel trampolino di lancio, non c’è che
dire, considerando poi che ai vincitori
andrà un prestigioso riconoscimento e
la possibilità di esibire i propri lavori nel
corso di un evento nazionale.
Quest’anno, a darsi simbolicamente
battaglia in passerella, è già schierata
un’agguerrita squadra di fantasiose
ed eclettiche stiliste. Qualche nome?
13 maggio 2011
di Valeria Pighini
Premiazione dello scorsa edizione 2010
Ci sarà ad esempio Francesca Castagnacci, ventinovenne “designer” fiorentina specializzata in accessori: la
ragazza vanta già un curriculum
niente male e ha al suo attivo stage
presso case di gioielli come Swarovski
e “Rebecca Jewels”, nonché collaborazioni di altissimo livello con grandi
nomi dell’alta moda del calibro di Ferragamo e Mazzanti Piume.
Ammireremo poi le creazioni della
salentina Marinella Piccinno, cresciuta
a pane e tessuti, che oggi, trasferitasi
nella Capitale, vive per realizzare il
suo sogno fatto di abiti dalla legge-
rezza eterea, pizzi, merletti e chiffon, un tuffo nostalgico tra le onde di una
tradizione antica tutta da
riscoprire.
Ancora, il gruppo potrà
contare su Laura Ciarla,
studentessa del corso di
laurea in “Scienze della
moda e del costume” all’Università La Sapienza
che proprio nel marzo
scorso si è aggiudicata il primo premio
del “Concorso Nazionale Giovani stilisti futuristi” di Cassino. E poi, Claudia
Antonucci e Sara Pasquarelli che così
ama descrivere se stessa e il suo personalissimo stile: “Appassionata della
materia, i tessuti si intersecano tra di
loro, si uniscono e si confondono in un
gioco di leggerezza per dar vita ad
uno “style” fresco e morbido, espressione di una donna femminile e ironica, sofisticata e semplice”.
Infine, non poteva mancare Lei, la
“nostra” Pamela Quinzi, “reclutata”
dall’America e pronta a ricevere gli
applausi del “suo” pubblico italiano.
La stilista di La Storta presenterà alcuni
tra i suoi pezzi più celebri, dagli abitini in raso finemente decorati alle mitiche scarpe, tacchi vertiginosi e preziose applicazioni di perline e “paillettes”, strass, piume e merletti. Non
solo. Pamela potrebbe regalarci una
bella sorpresa che risponde al nome
di Elena D’Amario: infatti, chissà che
non sia proprio la brava e bella ballerina di Amici a calcare il palco fasciata in un morbido e seducente vestito targato Quinzi….!
Comunque sia, l’anno scorso Ponte
DIRETTORE RESPONSABILE:
Nicoletta Liguori
DIRETTORE EDITORIALE:
Andrea Nardini
PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE:
Luca Civita, Eugenia Vailo
CASA EDITRICE: editoriale Nartuc s.r.l.
SEDE LEGALE: Via Guido D’Arezzo 10 - 00198 Roma
SEDE OPERATIVA: Via Cassia 740 - 00189 Roma
13 maggio 2011
Milvio incoronò lo spirito “crazy” e
“burlesque” delle Bibliques. Quest’anno a chi toccherà? Ovviamente
non possiamo saperlo e fosse per noi
queste ragazze andrebbero premiate
tutte, come pure va premiata la Olimpus Events che da mesi si prodiga per
offrire al nostro Municipio un evento
unico e irripetibile!
Per info:
[email protected]
mob. 393.7154657
[email protected]
mob. 339.1748667
PER LA VOSTRA PUBBLICITÀ: 345.1529651
INFO E CONTATTI REDAZIONE:
tel /fax 06.33265424
e-mail [email protected]
sito www.settimanalezona.com
STAMPA: iPrint S.r.l.
Via Tiburtina Valeria Km 18,300 snc
Guidonia (Rm)
Registrazione: Iscrizione al tribunale di Roma N°52/2008 del 14-2-2008
37
eventI
“Notte bianca” dei musei capitolini: anche sulla Cassia
Aderirà all'iniziativa di sabato 14 maggio il Museo Crocetti: dalle ore 21 una serata di grande musica
S
abato 14 maggio 2011
i Musei di tutta Europa si
mostreranno nell’inusuale e seducente veste serale,
arricchendo l’offerta con musica, mostre, visite guidate,
degustazioni. L’evento, con il
patrocinio dell’Unesco e del
Consiglio d’Europa, è nato in
Francia nel 2005 e ripresentato in una conferenza stampa
al Campidoglio il 10 maggio.
Per il terzo anno l’Italia parteciperà alla manifestazione, attraverso musei statali, civici e
privati, aree archeologiche,
gallerie, biblioteche, per
un’emozionante ed insolita
esperienza del nostro patrimonio artistico. L'Amministrazione
di Roma Capitale ha aderito
agendo congiuntamente al Ministero per i Beni Culturali,
quindi per l'occasione tutti i
musei della Città di Roma saranno aperti gratuitamente e
ospiteranno oltre cento spettacoli. Il programma completo
degli appuntamenti sarà di-
38
sponibile
dal
10
maggio sul
sito www.museiincomune.it.
Quest'iniziativa aprirà le porte
dei musei quando di norma
sarebbero chiusi, inoltre lo farà
gratuitamente. Eventi culturali,
mostre, visite guidate, concerti:
il nostro patrimonio museale
come non lo avete mai visto.
Un'ottima occasione per visi-
tare anche il Museo Crocetti,
sito in via Cassia 492, che (a
partire dalle ore 21) ospiterà le
performance di due prestigiosissimi artisti, Gino Santercole,
cantautore, compositore, attore e chitarrista italiano, che
ha scritto le musiche di alcune
canzoni entrate nella storia
della musica leggera italiana,
come Una carezza in un pugno e Svalutation, noto inoltre
ai più per il legame sia artistico che di parentela con
Adriano Celentano, Santercole infatti pur essendo di soli
due anni più grande è lo zio
di Celentano. Con il “Molleggiato” sono cresciuti assieme
nella celebre via Gluck ed
hanno condiviso anche la
scena nelle file della band, I
Ribelli, che oltre a Celentano
ha accompagnato anche altri
cantanti come Clem Sacco e
Ricky Gianco. In questa situazione invece sarà accompagnato al piano da Marcello
Malu, altra vecchia gloria dei
favolosi anni sessanta. A seguire invece, dopo un gustoso
buffet, sarà la volta della
splendida voce di Lisa Stone,
accompagnata da un quartetto composto da Andrea Pasquetti al sax, Nicola Buffa al
chitarra, Massimiliano Ottaviani al contrabbasso ed infine
Michele d’Asaro alle percussioni. Il museo Venanzo Crocetti, per chi non lo conoscesse
nella sua veste “ordinaria”,
accoglie le opere realizzate
dallo scultore in un arco temporale di oltre settant’anni di
attività creativa. Sono esposte
in questa struttura, novanta
sculture in bronzo e una di
marmo, due dipinti su tela e
quindici tra disegni e tecniche
miste su carta, databili dal
1930 al 1998.
NICCOLÒ MATTEUCCI
13 maggio 2011

Documenti analoghi

Zona 27-03-09 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 27-03-09 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord stanno parlando e ci sarà un addetto usciere per ogni piano a cui chiedere informazioni. Sono poi previste dal Comune di Roma nuove assunzioni per i posti di dipendenti del Municipio. ENTUSIASMO “S...

Dettagli

Zona 15-04-11 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 15-04-11 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord Mennuni e il Delegato alla Protezione Civile del Municipio XX, Giuseppe Calendino, hanno donato un defibrillatore al gruppo Roma Nord della Croce Rossa Italiana, in segno di solidarietà sociale per...

Dettagli

Zona 2-5-08 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 2-5-08 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord nuova rotatoria a senso unico. Per arrivare a casa provenendo da via Cassia, centinaia di famiglie dovrebbero infatti percorrere diversi chilometri prima in un senso di marcia e poi nell’altro. Ste...

Dettagli

Zona 8-05-15 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 8-05-15 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord Camping Tiber di Via Tiberina, a Prima Porta. La funzione dell'hub, si legge nell'avviso di bando emesso dalla Prefettura di Roma a seguito di una circolare del Ministero dell'Interno per l'individ...

Dettagli

Zona 17-07-15 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 17-07-15 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord ben 8 anni fa, quando avete aperto il locale? "Era agli inizi quel fenomeno che oggi chiamiamo 'movida', da qualche anno i ragazzi si erano spostati qui. Tutto nasce dall'ormai noto 'chioschetto' a...

Dettagli

Zona 5-11-10 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 5-11-10 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord Dalla scorsa primavera infatti, nel cuore verde della via Cassia, precisamente al civico 923, c’è un nuovo ristorante nato per mettere d’accordo tutti gli appassionati di cucina asiatica: un ghiott...

Dettagli

Zona 21-05-10 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 21-05-10 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord fa viene riaperta Cassia Antica e anche a detta della Comandante del XX Gruppo della Polizia Municipale dott.ssa Rosa Mileto, da noi contattata martedì scorso, non vi sono grandi problemi di traffi...

Dettagli

Zona 25-11-11 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord

Zona 25-11-11 - Zona - Il giornale gratuito di Roma Nord Un investimento da 4,5 milioni di euro per portare Cesano agli standard degli altri quartieri di Federica basili

Dettagli