ROSA LA BELLE SULTANE CENNI STORICI ED AREA DI

Commenti

Transcript

ROSA LA BELLE SULTANE CENNI STORICI ED AREA DI
ROSA LA BELLE SULTANE
CENNI STORICI ED AREA DI DIFFUSIONE
La Belle Sultane è descritta già nel 1799 dal botanico Rossig. Più tardi la ritroviamo
raffigurata e descritta nel volume di Redoutè (vol. III) 1827; il volume catalogo fu
commissionato dall’Imperatrice Maria Antonietta, grande appassionata di rose. Oggi
questo volume è l’unica testimonianza, per le immagini fedelissime dipinte dal pittore di
corte Redoutè, su cui molti studiosi e appassionati lavorano. Pare che l’Imperatrice avesse
voluto dedicare questa rosa a una sua cugina, figlia dell’imperatore della Martinica.
Ritrovata dal segnalatore ai piedi del Monte Catria all’esterno di un vecchio cimitero di
campagna.
DESCRIZIONE MORFOLOGICA
PIANTA: i numerosi steli, sottili, raggiungono anche 2 m di altezza; molto pollonante;
spine quasi inesistenti; pianta robustissima che non ha bisogno di cure e potature; non
rifiorisce.
FOGLIE: color verde medio, piccole, leggermente arricciate, robuste e coriacee, non lucide.
FIORE: raramente solitario, raggruppato da 2 a 6 fiori; di taglia media, piatto, semplice
disposto su due file da 5 a 6 petali; stami molto evidenti e pronunciati di un colore dorato.
COLORE: rosso carminio profondo, scuro e vellutato, più chiaro al dente centrale.
PROFUMO: delicatissimo.
FRUTTO: rotondo, simile a quelli della Rosa gallica officinalis.
Conservazione e tipo di utilizzazione :
…”Rose antiche come la Galliche, le Damascene, le Centifolie e le Botaniche avevano
dominato intere epoche, avevano rappresentato i segni principali di uno stile, ad esse era
ed è affidato il fascino straordinario che riserva loro la storia, il sentimento, i miti e le
leggende; altre ancora sono avvolte nel mistero o perdute nella notte dei tempi…”
(Rosetta Borchia).

Documenti analoghi