Ecopsicologia - Salus Insieme

Commenti

Transcript

Ecopsicologia - Salus Insieme
Che cos’è l’Ecopsicologia
“Ai suoi livelli più profondi la psiche è legata alla Terra”
Il Pianeta Vivente è quello in cui, con una storia di tre miliardi di anni, la vita si è evoluta in una
moltitudine di forme diverse strettamente intrecciate tra loro, creando regni e combinazioni di
sorprendente bellezza.
Il Pianeta Vivente è quello dentro di noi. E’ la parte di noi che non ha dimenticato le sue radici terrestri,
la parte più vitale, spontanea, non contaminata, “selvatica”.
Questi due pianeti sono strettamente collegati.
La cultura occidentale degli ultimi secoli ha insegnato a conoscere e valorizzare solo la mente e a
considerare l’esuberanza della natura come qualcosa di estraneo e minaccioso. Così da tempo non
siamo più e in grado di sentire risuonare in noi il pulsare vitale di tutte le altre diverse forme di vita, e
abbiamo finito per credere che tutto questo mondo è solo materia inerte, da usare a nostro esclusivo
beneficio.
L’origine della scissione è nella visione meccanicistica-cartesiana, per cui la realtà è dualistica (rex
cogitans o mente/ rex extensa o materia) e la mente razionale, unica forma valida di conoscenza, è
fatta per dominare sulla natura “senz’anima”. Le conseguenze di questa visione si sono fatte sentire
nel tempo come:
• Sviluppo umano a senso unico (verso la razionalità), dimenticando la saggezza del corpo, l’istinto,
l’emozione, l’immaginazione.
• Credenza in una crescita economica e un benessere illimitati.
• Abnorme sviluppo tecnologico per “domare” la natura.
• Alterazione degli equilibri del pianeta e esaurimento del patrimonio delle risorse naturali
• Conflittualità sociale esasperata.
• Eclissi del senso di cooperazione e interdipendenza.
Il degrado della natura e la perdita di contatto con la terra, con la comunità dei viventi, con la natura,
si possono tradurre in malessere psico-fisico, in vuoto esistenziale, solitudine, incapacità di cogliere il
senso della vita, crisi di valori, perfino in vere e proprie patologie (sindrome da deficit di natura).
In questo contesto l’Ecopsicologia promuove la consapevolezza che siamo profondamente legati al
Pianeta Terra, che siamo parte integrante dei processi evolutivi che hanno portato alla realizzazione
dell’ecosistema terreste, e che c’è una relazione molto stretta tra la qualità del nostro rapporto con
l’ambiente naturale e la nostra qualità di vita personale.
La mission dell’Ecopsicologia si può così riassumere:
• Risvegliare le percezioni sensoriali, la degustazione delle emozioni, la
capacità di meravigliarsi, la curiosità e l’empatia nei confronti della
diversità, per facilitare il recupero di questo senso di appartenenza che si è
andato via via perdendo.
• Ricollocarci in natura come parte di un sistema più ampio, secondo una
visione ecocentrica che colloca i sapiens non più in vetta alla piramide
gerarchica degli esseri viventi, ma come parte di un intreccio di relazioni
vitali con gli altri esseri che abitano il pianeta e col pianeta stesso.
• Proporre una visione dell’individuo che trova salute, autenticità e gioia nella sua collocazione fra
cielo e terra, e che riconosce il proprio margine di azione e co-creazione nel processo della vita.
• Propone una visione dell’individuo i cui confini non si fermano alla pelle e all’ego personale ma che
è in grado di sperimentare Il proprio inconscio legame profondo con le origini (inconscio
ecologico), le relazioni sottili che legano tutti gi aspetti della vita, l’aspirazione ai valori e agli scopi
della vita nella sua unità.
La specificità dell’Ecopsicologia come movimento e ambito di attività è recuperare, diffondere e far
dialogare esperienze di diversa origine ma con la medesima ispirazione: l’unità della vita attraverso
percorsi di consapevolezza, co-creatività, e azione eco-sostenibile.
Le radici dell’Ecopsicologia
Il nome Ecopsicologia compare tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli
anni Novanta nei seguenti contesti:
1989 come ambito di studio all’Università di Berkeley (California)
1995 nel saggio di Theodore Roszak “Echopsychology”
1996 nel saggio Fritjof Capra “The Web Of Life”
1999 in Italia, al Convegno “L’uomo e il paesaggio”, Riomaggiore (SP)
La sua visione, i concetti e le pratiche fondamentali sono interdisciplinari:
• nella scienza: fisica subatomica/quantistica, teorie dei sistemi e della complessità, ecologia della
mente (Bateson), teoria di Gaia
• nella psicologia: psicologia umanistica e transpersonale (Jung, Maslow, Frankl, Rogers, Wilber,
Grof, Assagioli)
• nelle antiche saggezze: filosofie, religioni e mistiche orientali e occidentali; culture dei popoli
nativi e antichi (sciamanesimo); discipline meditative; medicine olistiche; movimenti esoterici
• nella filosofia e nei movimenti: Panteismo, Trascendentalismo americano, Teilhard de Chardin,
Ecologia Profonda, movimenti ambientalisti e eco-femministi.
Le applicazioni dell’Ecopsicologia
Terapia – la natura come setting, come contatto con emozioni, come
metafora del mondo interiore
Crescita personale – le relazioni più ampie con sé portano a relazioni
più ampie col mondo e viceversa; sviluppo di una coscienza e di
un’identità terrestre (da ego a eco)
Educazione – risvegliare nelle generazioni più giovani sensibilità e
amore, empatia e responsabilità
Reti sociali e organizzazioni – visione eco-sistemica, co-creazione e co-progettazione, rapporti
ecologici, processi partecipativi, valorizzazione dell’individuo e delle sue risorse
Ambientalismo – sensibilizzare e coinvolgere le persone in un maggior impegno parlando al loro
cuore, riconoscere il potere del singolo, creare alternative di vita ecologiche
Antropologia – ricerca e attualizzazione delle culture che ancora mantengono il legame uomo-terra e
del rapporto qualità ambientale -qualità sociale.
Esperienze di Ecopsicologia applicata
Fritjof Capra, Center for Ecoliteracy (ecoalfabetizzazione)
Philip Sutton Chard – psicoterapeuta, “The Healing Nature”
Joanna Macy – eco-filosofa
James Cook – guida di trekking
Molly Young Brown – ecopsicosintetista
Peter Senge e Otto Scharmer e l’apprendimento socio-organizzativo per una più ampia visione sociale
European Ecopsychology Society (vedi oltre)
L’Ecopsicologia in Italia
La Scuola di Ecopsicologia nasce nel 2004 in Brianza, a Osnago
(LC), fondata e diretta dalla psicologa Marcella Danon.
Acquisisce un indirizzo sempre più volto all'applicazione pratica,
sia nel campo della relazione di aiuto (per counselor, psicologi, psicoterapeuti) sia dell'educazione
ambientale (per insegnanti, educatori, guide). L'obiettivo diventa fornire strumenti pratici per
integrare la propria attività professionale attraverso percorsi formativi teorici e pratici.
Il percorso è accreditato come aggiornamento professionale da Assocounseling, e dall’European
Ecopsychology Society.
Dall’Associazione Inventare il Mondo (attiva fino al 2014) è nata la rete Professione Ecotuner, per
tradurre in azione i contenuti e la visione ecoentrica promossi dalla Scuola.
I seminari di Ecotuning - "sintonizzazione con la natura... dentro e fuori di noi" - sono aperti a tutti
coloro che vogliono diventare terrestri consapevoli e sono condotti con modalità esperienziale,
coinvolgimento attivo dei partecipanti e taglio pratico
I temi sviluppati nelle attività sono:
• Sviluppo della visione sistemica e ecocentrica
• Dialogo con gli altri esseri viventi
• Crescita personale (corpo, sensi, istinto, intuito, vita emozionale, potere e risorse individuale)
• Recupero di saggezze antiche
• Sviluppo della polarità femminile della psiche
• Relazioni coi luoghi
• Attività artistiche e creatività
• Educazione ambientale alternativa
• Esperienze transpersonali
• Reti sociali e relazioni di qualità
• Energia e energie del cosmo
• Strategie sostenibili per la vita quotidiana
• Scambi culturali
Progetti realizzati in Italia
Seminari Estivi e Tematici di Inventare il Mondo 2004 - 2012
Progetti degli Ecotuner del Piemonte
Seminari di Ecopsicologia in Molise
Oasi LIPU di Casacalenda
luglio-agosto 2010-2015
What’s Your Tree?
Quale è il tuo albero? Quale è il tuo scopo nella vita?
Un progetto formativo nato dall’esperienza di
Julia Butterfly Hill, l'ecoattivista americana che ha
passato due anni su una sequoia millenaria nel
nord della California, salvandola
dall'abbattimento.
2012-2014
Fiume…
Signor Maestro
Esperienza di incontro
con il fiume
Località Battaiola Traves (TO)
Bosco Stura di Lanzo, Borgata Pich-Cirié (TO)
Luglio 2012
Modulo didattico
Non Solo Con Gli Occhi
Un nuovo approccio all’atto osservativo
FORCOOP Piemonte
Corso per Animatori Professionali
Marzo-Maggio 2014
2013-2015
Naturalmente…Pich!
Pomeriggi di gioco con la natura
Borgata Pich-Cirié (TO) - Settembre 2014
Viva la Terra
Presso la Libreria Bufò di Cirié (To)
Terra che nutre
Associazione Salus - Torino
Maggio - Giugno 2015
Attività di Ecotuning
Associazione FormEduca - Torino
Da giugno 2014
Il Tempo Ciclico, Estate – Giugno 2014
L’Acqua siamo noi! – Dicembre 2014
Camminare Verde – Luglio 2015
Inteventi didattici di Ecotuning
Ecomuseo delle Rocche del Roero (CN)
Luglio 2015
L’Ecopsicologia nel mondo
European Ecopsychology Society
Centri di studio e formazione
Università
Escuela de Ecopsicología, Lobera de Gredos
(Espaňa)
University of Strathclyde- Scotland (GB)
Hellenic Ecopsychology Society (Grecia)
Nani Mu Ecopsychological Quests (Hawaii, USA)
Naturaleza Humana (Mexico)
Centro Ecopsicológico de Puerto Rico
Eco-Consciência, Brasil
Centro de Ecopsicologia de Uruguay
Centro de Ecopsicologia de Argentina
Instituto de Ecopsicología de Chile
Academia, Geoff Berry (Australia)
Convegni EES 2006 - 2009 – 2011 - 2013
Naropa University- Boulder CO (Usa)
Acamaj University - Hawaii, (Usa)
Antioch University - Seattle (Usa)
Greenweech Univesity - Friday Harbor, WA (Usa
Shumacher College - Totnes, England (GB)