curando l`anemia curando l`anemia

Commenti

Transcript

curando l`anemia curando l`anemia
curando l’anemia
a cura di Gennaro Cice
e Pietro Cazzola
In caso di mancata consegna restituire al mittente che si impegna a pagare la relativa tassa. Periodicità bimestrale - Spedizione in abbonamento postale - 45% - art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Filiale di Milano
Insufficienza renale cronica
e scompenso cardiaco:
una dipendenza reciproca
che si può interrompere
Vol. 7, n. 3
giugno 2004
vol. 7, n. 3, 2004
1
INFORMED
Insufficienza renale cronica e scompenso
cardiaco: una dipendenza reciproca
che si può interrompere curando l’anemia
a cura di Gennaro Cice* e Pietro Cazzola**
Introduzione
Ha scritto Claude Bernard
(1813-78), il grande medico francese fondatore della moderna fisiologia sperimentale:
“I sistemi non esistono in Natura,
ma solo nella mente dell’Uomo.
[...] Si ricordi perciò che l’organismo vivente viene decomposto nelle sue diverse parti solo per renderne più facile l’analisi sperimentale, non perché quelle parti
possano funzionare separatamente l’una dall’altra. Infatti se si vuol
dare il suo valore e il vero significato ad una data proprietà bisogna sempre riferire questa proprietà al tutto e trarre una conclusione definitiva relativamente
agli effetti generali di essa“ (1, 2).
È in questo contesto olistico che
si deve collocare la sindrome
anemia cardio-renale, una triade patologica recentemente evidenziata da Silverberg DS et al.
(3) in cui la vera novità (e ciò
non deve essere visto in senso
riduttivo) è rappresentata dall’aver riscoperto che cuore e reni sono collegati tra loro tramite un fluido (il sangue con i suoi
componenti) che consente reciproche influenze ed adattamenti, sia in condizioni fisiologiche,
sia patologiche.
*Cattedra di Cardiologia
Seconda Università degli Studi di Napoli
**Specialista in Anatomia e Istologia Patologica
e Tecniche di Laboratorio
Figura 1.
La sindrome anemia cardio-renale:
associazione tra scompenso cardiaco, nefropatia cronica ed anemia.
Nefropatia
cronica
Scompenso
cardiaco
Anemia
La sindrome
anemia cardio-renale
L’ anemia è una condizione frequente nei pazienti con insufficienza renale cronica (4) e sovente questi pazienti [80% dei
casi secondo Silverberg DS et al.
(5)] sono affetti anche da scompenso cardiaco.
Per effetto dell’interazione tra
queste tre condizioni morbose si
crea un circolo vizioso, denominato sindrome anemia cardio-renale (3, 5), che porta al reciproco aggravamento di ciascuna di
queste affezioni (Figura 1).
L’importanza della sindrome anemia cardio-renale è emersa recentemente da uno studio condotto negli USA su circa 1,1 milioni di pazienti anziani in cui la
presenza di una di queste patologie aumenta del 50-100% il ri-
schio di morte o di insufficienza
renale terminale, mentre quando
esse sono contemporaneamente
presenti il rischio raggiunge quasi il 300% (6) (Tabella 1).
Tabella 1.
Mortalità a due anni e incidenza
dell’insufficienza renale terminale
in rapporto alla sindrome anemia
cardio-renale.6
Mortalità
ESRD
a 2 anni a 2 anni
(%)
(%)
No anemia, SC, IRC
Anemia
SC
SC e anemia
IRC
IRC e anemia
SC e IRC
SC, IRC e anemia
7,7
16,6
26,1
34,6
16,4
27,3
38,4
45,6
0,1
0,2
0,2
0,3
2,6
5,4
3,5
5,9
SC = scompenso cardiaco cronico
IRC = insufficienza renale cronica
ESRD = insufficienza renale terminale
Insufficienza renale
cronica e anemia
L’anemia che si sviluppa in corso di insufficienza renale cronica è normocitica, normocromica, ipoproliferativa, con bassa
conta reticolocitaria (4).
Essa generalmente si manifesta
quando la clearance della creatinina scende a valori di 40
ml/min/1,73 m2 di superficie corporea e tende a peggiorare col
progressivo deterioramento della funzione renale (7) (Figura 2).
Nell’insufficienza renale l’ anemia può essere definita in termini di concentrazione di emoglobina (Hb) o in termini di ematocrito (Ht). Le linee guida della National Kidney Foundation raccomandano di iniziare l’approc-
Figura 2.
Correlazione inversa tra ematocrito e creatinina sierica.7
30
HT: 25,84-0,46
r = 0,42
p < 0,001
25
Ematocrito (%)
INFORMED
vol. 7, n. 3, 2004
2
cio clinico dell’anemia quando
il livello di Hb o di Ht scende intorno all’80% dei valori medi definiti nei diversi sottogruppi di
individui sani (Tabella 2), tuttavia l’Anemia Work Group sottolinea che è preferibile quantificare l’anemia con il parametro Hb,
piuttosto che con l’Ht, in quanto quest’ultimo è dipendente dai
valori glicemici e dalle metodiche di conservazione dei campioni di sangue (8, 9).
Di conseguenza, i limiti suggeriti per i due sessi sono (8):
Hb <11g/dL nelle donne in
pre-menopausa e nei pazienti in età pre-puberale;
Hb <12g/dL nei maschi adulti e nelle donne in post-menopausa.
20
15
10
5
5
10
15
20
25
30
Creatininemia (mg/dL)
35
40
45
Tabella 2.
Valori normali medi di emoglobina ed ematocrito (± ds)
in rapporto al sesso e all’età.8
Età/sesso
Emoglobina (g/dL)
Ematocrito (%)
Nascita
16.5 ± 3.0
51 ± 9
1 mese
14.0 ± 4.0
43 ± 6
2 - 6 mesi
11.5 ± 2.5
35 ± 7
6 mesi - 2 anni
12.0 ± 1.5
36 ± 3
2 - 6 anni
12.5 ± 1.0
37 ± 3
6 - 12 anni
13.5 ± 2.0
40 ± 5
12 - 18 anni (maschi)
14.5 ± 1.5
43 ± 6
Donne mestruate
14.0 ± 2.0
41 ± 5
Maschi adulti/donne in post-menopausa
15.5 ± 2.0
47 ± 6
La principale causa dell’anemia
nell’insufficienza renale cronica
è rappresentata dal deficit assoluto o relativo di eritropoietina
(EPO) poiché, a seguito del processo patologico in atto, il rene
non è più in grado di produrre
adeguate quantità di questo ormone (10).
Oltre alla carenza di EPO, altri
fattori possono contribuire allo
sviluppo dell’anemia nei pazienti
uremici:
la presenza nel plasma di sostanze (poliamine, ribonucleasi, ormone paratiroideo) che
inibiscono la crescita dei progenitori della serie eritroide o
la sintesi dell’eme (11-13);
la minor sopravvivenza degli
eritrociti (circa metà della norma) dovuta o ad eccessiva
emolisi causata da alterazioni
della membrana eritrocitaria
(14-20), o ad un’elevata eritrofagocitosi da parte dei macrofagi di derivazione monocitica (4) (Figura 3).
* p < 0,001
60
*
50
40
30
20
10
0
Emazie
pazienti uremici
Emazie
soggetti normali
Figura 3.
Eritrofagocitosi macrofagica nei soggetti normali e nei pazienti uremici.4
L’anemia nel paziente uremico
determina molteplici ripercussioni.
Innanzitutto occorre sottolineare che lo studio RENAAL ha evidenziato che l’anemia, attraverso la prolungata vasocostrizione
renale, può essa stessa essere
causa di peggioramento della
funzione di questo organo (21).
Tuttavia è principalmente a livello dell’apparato cardiovascolare che l’anemia svolge i suoi
più deleteri effetti che, nel paziente con insufficienza renale,
assumono particolare severità a
causa dell’intrinseca tossicità dell’ambiente uremico (22).
Infatti l’anemia tramite una serie di adattamenti emodinamici
(riduzione del postcarico, aumento del precarico, del volume
sistolico e della frequenza cardiaca), che hanno come prima
conseguenza l’aumento della
portata cardiaca, causa un rimodellamento eccentrico del ventricolo sinistro, con concomitanti
dilatazione ed ipertrofia (Figura
4) che lasciano invariato il rapporto spessore della parete/diametro della cavità (23, 24).
Levin A et al. hanno evidenziato
che nei pazienti con insufficienza renale lieve/moderata ogni riduzione di 0,5 g/dl dell’emoglobina determina un incremento del 32% del rischio di
Figura 4.
Relazione tra massa ventricolare sinistra (LV) ed ematocrito.
La curva ad U indica un aumento della massa ventricolare sinistra
sia con l’anemia sia con la policitemia,
quantunque con meccanismi differenti (in alto).25
Viscosità
Portata cardiaca
160
Massa ventricolare sinistra
(% del volume)
Anemia nel paziente
uremico: conseguenze
130
Donne
Uomini
100
70
20
30
40
Ematocrito (%)
50
60
INFORMED
Macrofagi con eritrofagocitosi (%)
70
ipertrofia ventricolare sinistra,
indicando che l’anemia, già precocemente nella storia evolutiva
dell’insufficienza renale, favorisce la comparsa delle alterazioni della massa ventricolare sinistra (26).
L’aumento della gettata cardiaca
è anche responsabile del rimodellamento del letto vascolare
(ridotta compliance dei principali tronchi arteriosi) che a sua
volta contribuisce all’instaurarsi
dell’ipertrofia ventricolare sinistra (27, 28).
Quest’ultima, come noto, rappresenta un’importante fattore
di rischio per lo sviluppo della
cardiopatia ischemica e dello
scompenso cardiaco nel paziente uremico (29).
Gli effetti dell’anemia sulla mortalità dei pazienti in dialisi sono
stati studiati da Ma JZ et al. che
hanno evidenziato come un valore di ematocrito <27% incrementi del 50%, rispetto ad un
valore di 30-33%, il rischio relativo di morte (30) (Figura 5).
vol. 7, n. 3, 2004
3
Figura 5.
Effetto dell’ematocrito sul rischio di morte nei pazienti in emodialisi.37
1,6
Mortalità (rischio relativo)
INFORMED
vol. 7, n.3, 2004
4
n = 75.000
1,5
1,4
1,3
1,2
1,1
1,0
0,9
0,8
< 27
27-30
30-33
Ematocrito (%)
Anemia → scompenso
cardiaco → anemia
L’anemia può causare scompenso cardiaco attraverso differenti
meccanismi (5):
Ipossia cardiaca diretta: la ridotta ossigenazione cardiaca,
nonostante l’aumento della gittata, può determinare ischemia
e necrosi dei miocardiociti.
Aumentato stress ossidativo: gli
eritrociti contengono molte sostanze antiossidanti e l’anemia
può pertanto aumentare lo
stress ossidativo delle cellule
miocardiche con conseguente loro sofferenza (31, 32).
Ritenzione di liquidi, aumento
dell’attività del sistema simpatica e del sistema renina-angiotensina-aldosterone: l’ischemia
tessutale provocata dall’anemia
è responsabile della vasodilatazione e della riduzione della pressione arteriosa (33).
Quest’ultima determina l’attivazione del sistema simpatico
che causa, tra l’altro, vasocostrizione renale e ritenzione di
sodio e di liquidi. Il ridotto
flusso renale incrementa l’attività sia del sistema renina-an-
33-36
giotensina-aldosterone sia dell’ormone antidiuretico e ciò
provoca un’ulteriore ritenzione idrico-salina. L’aumentato
volume plasmatico così ottenuto è a sua volta responsabile della dilatazione ventricolare che, in aggiunta all’eventuale
ipertrofia e all’iperattività dei
sistemi simpatico e a reninaangiotensina-aldosterone, può
causare necrosi e apoptosi delle cellule miocardiche.
Riduzione dell’attività dell’EPO
sul cuore: l’EPO esercita un’azione diretta sul cuore favorendone lo sviluppo (34) e la
contrattilità (35).
Anche lo scompenso cardiaco
stesso può determinare la comparsa di anemia e le cause possibili sono molteplici:
Ischemia renale: la prolungata vasocostrizione causa ischemia e
danno renale con conseguente
ridotta produzione di EPO (36).
Citochine: il cuore danneggiato produce citochine come il
TNFα (37) che determina anemia con tre meccanismi (38):
riducendo la produzione renale di EPO, interferendo con
l’attività dell’EPO a livello midollare e inibendo la liberazione di ferro da parte del sistema reticolo-endoteliale.
ACE-inibitori: questi farmaci, che
fanno parte della terapia standard dello scompenso cardiaco,
possono causare anemia (39).
Proteinuria: sovente i pazienti
con scompenso cardiaco sono
anche proteinurici e ciò determina una significativa perdita
urinaria di EPO, ferro e transferrina (40).
Malnutrizione: i pazienti con
scompenso cardiaco spesso evidenziano inappetenza con conseguenti perdita di peso, ipoalbuminemia e anemia (41).
Emodiluizione: l’aumento del volume plasmatico causa riduzione dell’Ht, tuttavia è stato recentemente evidenziato che nella maggior parte dei casi è presente anche una riduzione del
volume degli eritrociti (42).
La prevalenza dell’anemia nei pazienti con scompenso cardiaco è
elevata e la sua gravità aumenta
con il peggioramento delle condizioni cardiache (43-45).
Nella casistica di Silverberg DS et
al. (45) la prevalenza dell’anemia
(Hb <12 g/dl) nei pazienti con
scompenso cardiaco in I e II classe NYHA è risultata rispettivamente del 9,1% e del 19,2%,
mentre nei pazienti in IV classe
NYHA essa è stata del 79,1%.
Anemia nel paziente
con scompenso cardiaco: conseguenze
Il cuore scompensato è molto sensibile nei confronti anche di minime riduzioni dell’Hb e l’anemia
è in grado di precipitare uno
Insufficienza renale
cronica → scompenso
cardiaco → insufficienza renale cronica
È noto che l’uremia danneggia direttamente il cuore e molteplici
sono le cause di ciò: l’ipertensione, l’anemia, la ritenzione di liquidi, l’iperomocisteinemia l’iperparatiroidismo e lo stress ossidativo (49, 50).
Differenti studi hanno mostrato
che l’insufficienza renale cronica
è un fattore indipendente di mortalità nei pazienti con scompenso cardiaco (51, 52).
Per contro quest’ultimo, attraverso la vasocostrizione renale e gli
effetti nefrotossici dell’attivazione
simpatica e del sistema renina-angiotensina-aldosterone (53), rappresenta un importante fattore
predittivo di sviluppo di insufficienza renale terminale (54).
È stato inoltre osservato che i pazienti con insufficienza renale e
malattia cardiovascolare progrediscono più rapidamente verso
l’insufficienza renale terminale
di quelli senza malattia cardiovascolare (55).
Trattamento
dell’anemia
nell’insufficienza
renale cronica
Nella Figura 6 è indicato il percorso diagnostico terapeutico suggerito dalle linee guida della National Kidney Foundation (8).
Le recenti linee guida della Società Italiana di Nefrologia (56)
sottolineano che sebbene non si
possa dire con certezza quale sia
Figura 6.
Percorso diagnostico terapeutico
dell’anemia nei pazienti
con insufficienza renale cronica.8
Creatininemia
≥ 2 mg/dL
SI
Valutare
emoglobina
SI
Nessuna
indagine
NO
≤ 12,5
uomini/donne
post menopausa
≤ 11,0 donne e
pre puberi
SI
Indagare:
ematocrito,
reticolociti,
ferro, ferritina,
sangue occulto
nelle feci
NO
NO
Normale?
Deficit Fe?
SI
SI
Trattare
con
eritropoietina
Anemia
non corretta
Ulteriori
esami
ematologici
Trattare
con Fe
Anemia
corretta
Periodici
follow-up
INFORMED
scompenso grave anche in presenza di valori di Hb che in genere sono considerati normali (11
g/dl) (46).
Dai dati del SOLVD (Studies of
Left Ventricular Dysfunction) è
emerso che la presenza di anemia nei pazienti con scompenso cardiaco costituisce un fattore di rischio indipendente di
mortalità: infatti per ogni 1% di
riduzione dell’Ht in condizioni
basali è corrisposto un aumento del 3% del rischio di mortalità per tutte le cause (43).
Queste osservazioni sono state
confermate da Horwich TB et al.
che in pazienti con scompenso
cardiaco grave (classe III o IV
NYHA e FE <40%) hanno registrato un aumento del 13/% del
rischio relativo di mortalità per
tutte le cause per ogni grammo di
riduzione dell’Hb (41).
Nei pazienti con scompenso cardiaco l’anemia rappresenta inoltre un significativo fattore di rischio di ospedalizzazione e riospedalizzazione (47, 48).
vol. 7, n. 3, 2004
5
l’obiettivo di Hb ottimale da raggiungere con la terapia, indicano, in analogia con le linee guida USA (8), 11 g/dl come limite inferiore, mentre quello superiore dovrebbe essere definito individualmente su base clinica (non è raccomandabile superare stabilmente valori di 12
g/dl nei pazienti con manifesta
patologia cardiovascolare).
Se si fa riferimento all’Ht, occorre
puntualizzare che, come segnalato da Locatelli F et al. (57), un
valore >32% evidenzia già un
netto miglioramento della sopravvivenza rispetto a quanto osservato con valori inferiori.
Gli effetti della correzione dell’anemia sui parametri cardiaci
nei pazienti con insufficienza renale nelle fasi iniziali (pre-dialisi) sono stati valutati in piccoli
studi non-randomizzati (58, 59).
Portoles J et al. (58) hanno trat-
tato per 6 mesi con EPO umana
ricombinante 11 pazienti con ridotta GFR: a seguito di ciò l’Hb
è passata da 9 g/dl a 11,7 g/dl e
contemporaneamente si è assistito ad una riduzione della massa ventricolare sinistra (LVMI da
178 g/m2 a 147 g/m2).
Analogamente Hayashi T et al.
(59), trattando con EPO 9 pazienti con ridotta GFR, hanno
osservato che la parziale correzione dell’anemia (Ht da 23,6%
a 30%) si è accompagnata a una
riduzione del LVMI da 140,6
g/m2 a 126,9 g/m2 e che il ritorno alla normalità dell’Ht (40%),
ha ulteriormente ridotto questo
indice a 111,2 g/m2 (Figura 7).
Studi randomizzati hanno inoltre evidenziato che nei pazienti
in pre-dialisi il trattamento dell’anemia con EPO migliora a livello cardiovascolare anche la
capacità d’esercizio (60, 61).
Lo studio CHOIR (Correction of
Hemoglobin and Outcomes in Renal Insufficiency) e lo studio
CREATE (Cardiovascular Reduction by Early Anemia Treatment
with Epoietin Beta), tutt’ora in
corso, forniranno ulteriori indicazioni su quale debba essere,
nei pazienti con insufficienza renale, il valore di Hb a cui iniziare la terapia e quale il target da
raggiungere per prevenire al meglio le complicanze cardiovascolari (24, 62).
St Peter WL et al. (63) hanno comunque dimostrato che nel periodo pre-dialisi il regolare impiego di EPO, piuttosto che il
suo uso sporadico o addirittura
il suo non utilizzo, riduce l’incidenza delle ospedalizzazioni per
scompenso cardiaco.
In conclusione, i dati sopraesposti indicano la necessità, nella storia evolutiva dell’insufficienza renale, di una precoce
correzione dell’anemia per migliorare la prognosi, sopratutto
cardiovascolare, del paziente uremico.
p = 0,01
200
180
4 mesi
Ematocrito
32,1±1,8%
160
LVMI (g/m2)
INFORMED
vol. 7, n. 3, 2004
6
Trattamento
dell’anemia nello
scompenso cardiaco
140
120
100
12 mesi
Ematocrito
39,1±2,4%
80
60
40
p = ns
20
p = 0,03
0
Basale
n=9
Correzione
parziale
Ematocrito
nella norma
Figura 7.
Riduzione dell’ipertrofia ventricolare sinistra
dopo normalizzazione dell’ematocrito in pazienti in pre-dialisi.59
Se lo scompenso cardiaco svolge un ruolo importante nella
progressione dell’insufficienza
renale e dell’anemia, ciò significa che un suo tempestivo ed
adeguato trattamento migliorerà, non solo la performance cardiaca, ma anche il quadro ematologico e la funzione renale (5).
Studi sperimentali e clinici hanno evidenziato che la terapia dello scompenso cardiaco, accanto
a ACE-inibitori e/o bloccanti i
recettori dell’angiotensina II, β-
Bibliografia
prevents the progression of both the heart and
the renal failure and markedly reduces hospitalization. Clin Nephrol 2002 J; 58 (Suppl 1):S37
4. Bonomini M, Sirolli V. Uremic toxicity and
anemia. J Nephrol 2003; 16:21
5. Silverberg D, Wexler D, Blum M, et al. The
cardio-renal anaemia syndrome: does it exist?
Nephrol Dial Transplant 2003;18 (Suppl
8):VIII7
6. Gilbertson D, Li S, Murray AM, et al.
Competing risks of death vs ESRD in Medicare
beneficiaries age 65+ with chronic kidney disease CHF and anemia. J Am Soc Nephrol 2002;
13:SA848
in chronic renal failure. J Nephrol 2002; 15:104
21. Keane WF, Brenner BM, de Zeeuw D, et al.
The risk of developing end-stage renal disease
in patients with type 2 diabetes and nephropathy: the RENAAL study. Kidney Int 2003;
63:1499
22. Zoccali C. Fisiopatologia cardiovascolare dell’anemia. Abstract book. Trattamento dell’anemia
nell’insufficienza renale. Uno sguardo al futuro.
Napoli, 8 novembre 2003
23. Levin A, Singer J, Thompson CR, et al.
Prevalent left ventricular hypertrophy in the predialysis population: identifying opportunities for
intervention. Am J Kidney Dis 1996 ; 27:347.
7. Liu HL, Huang JJ, Guo HR, et al. Severe anemia in new end-stage renal disease patients.
Dial Trasplant 2002; 31:763
24. Pereira AA, Sarnak MJ. Anemia as a risk factor for cardiovascular disease. Kidney Int 2003;
64 (Suppl. 87):S32
8. National Kidney Foundation K/DOQI.
Clinical practice guidelines for anemia of chronic kidney disease: update 2000. Am J Kidney
Dis 2001; 37 (Suppl 1):182
25. Schunkert H, Hense HW. A heart price to pay
for anaemia. Nephrol Dial Transplant 2001;
16:445
9. Eschbach JW. Treatment of anemia of chronic kidney disease. http://www.kidney.org/professionals/kdoqi/guidelines_updates/doqi_upex.ht
ml#an
10. Eschbach JW, Downing MR, Egrie JC, et al.
USA multicenter clinical trial with recombinant
human erythropoietin. Contrib Nephrol 1989;
76:160
11. Kushner D, Beckman B, Nguyen L, et al.
Polyamines in anemia of end-stage renal disease.
Kidney Int 1991; 39:725
12. Freedman MH, Saunders EF, Cattran DC,
Rabin EZ. Ribonuclease inhibition of erythropoiesis in anemia of uremia. Am J Kidney Dis
1983; 2:530
26. Levin A, Thompson CR, Ethier J, et al. Left
ventricular mass index increase in early renal disease: impact of decline in hemoglobin. Am J
Kidney Dis 1999 ; 34:125
27. Gibbons GH, Dzau VJ. The emerging concept
of vascular remodeling. N Engl J Med 1994;
330:1431
28. London GM, Parfrey PS. Cardiac disease in
chronic uremia: pathogenesis. Adv Ren Replace
Ther 1997 ; 4:19429. Foley RN, Parfrey PS. Cardiovascular disease
and mortality in ESRD
30. Ma JZ, Ebben J, Xia H, Collins AJ. Hmatocrit
level and associated mortality in hemodialysis
patients. J Am Soc Nephrol 1999; 10:610
13. Massry SG. Pathogenesis of uremia: role of
secondary hyperparathyroidism. Kidney Int 1983;
16 (Suppl. 24):S204
31. Siems WG, Sommerburg O, Grune T.
Erythrocyte free radical and energy metabolism.
Clin Nephrol 2000; 53 (1 Suppl):S9
14. Cole CH, Balfe JW, Welt LJ. Induction of a
ouabain-sensitive ATPase defect by uremc plasma.
Trans Assoc Am PhysoI 1968; 81: 213
32. Grune T, Sommerburg O, Siems WG.
Oxidative stress in anemia. Clin Nephrol 2000;
53 (1 Suppl):S18
15. Lindner A, Gagne E-R, Zingraff J, et al. A
circulating inhibitor of the RBC membrane calcium pump in chronic renal failure. Kidney Int
1992; 42:1328
33. Anand IS, Chandrashekhar Y, Ferrari R, et al.
Pathogenesis of oedema in chronic severe
anaemia: studies of body water and sodium, renal
function, haemodynamic variables, and plasma
hormones. Br Heart J 1993; 70:357
16. Jankowski J, Tepel M, Stephan N, et al.
Characterization of p-hydroxy-hippuric acid as an
inhibitor of Ca-ATPase in end-stage renal failure.
Kidney Int 2001; 59 (suppl 78):S84
17. Kikuchi Y, Koyama T, Koyama Y, et al. Red
blood cell deformability in renal failure. Nephron
1982; 30:8
34. Wu H, Lee SH, Gao J, et al. Inactivation of
erythropoietin leads to defects in cardiac morphogenesis. Development 1999; 126:3597
35. Wald M, Gutnisky A, Borda E, et al.
Erythropoietin modified the cardiac action of
ouabain in chronically anaemic-uraemic rats.
Nephron 1995; 71:190
1. Lyons AS, Petruccelli RJ II. Medicine. An
illustrated history. Abrams HN Inc, Publishers,
New York 1978, p. 524
18. Bareford D, Lucas GS, Stone PC, et al.
Erythrocyte deformability in chronic renal fallure.
Clin Hemorheol 1986; 6:501
2. Federspil G, Scandellari C. Medicina interna e
specializzazioni mediche: un rapporto complesso.
La Medicina Internazionale 1994, n. 7, p. 99
19. McGrath LT, Douglas AF, McClean E, et al.
Oxidative stress and erythrocyte membrane fluidity in patients undergoing regular dialysis. Clin
Chim Acta 1995; 235:179
37. Herrera-Garza EH, Stetson SJ, CubillosGarzon A, et al. Tumor necrosis factor-alpha: a
mediator of disease progression in the failing
human heart. Chest 1999; 115:1170
20. Caimi G. Erythrocyte peroxide metabolism,
plasma lipid pattern and hemorheological profile
38. Means RT Jr. Advances in the anemia of
chronic disease. Int J Hematol 1999 ; 70:7
3. Silverberg DS, Wexler D, Blum M, et al. The
correction of anemia in severe resistant heart
failure with erythropoietin and intravenous iron
36. Tong EM, Nissenson AR. Erythropoietin and
anemia. Semin Nephrol 2001; 21:190
INFORMED
bloccanti, e spironolattone (64),
dovrebbe prevedere anche l’impiego di EPO (46).
Infatti, due recenti studi in vitro
hanno mostrato che l’EPO può
direttamente ridurre l’apoptosi
di miocardiociti che si trovano
in condizioni di ischemia (65,
66) e indagini condotte nel ratto (64) e nel coniglio (65) hanno messo in luce che quando si
produce artificialmente un infarto miocardico, la precoce
somministrazione di EPO ha come effetto la riduzione dell’area
necrotica e il miglioramento della funzionalità cardiaca, indipendentemente dall’azione sui
livelli di Hb, che per altro sono
apparsi immodificati.
Le conseguenze del trattamento
dell’anemia con EPO nel paziente con scompenso cardiaco
sono state studiate da Silverberg
DS et al. (45, 67) che hanno osservato come l’incremento dei
valori di Hb si accompagni ad
un aumento (fino al 42%) della
classe NYHA.
Questo evidente miglioramento
clinico della funzione miocardica ha avuto conferme in un recente studio di Mancini DM et al.
(68) in cui la correzione dell’anemia in pazienti con scompenso cardiaco moderato/grave si è
accompagnato anche ad un aumento del picco del consumo di
O2 e della capacità d’esercizio.
vol. 7, n. 3, 2004
7
INFORMED
vol. 7, n. 3, 2004
8
39. Macdougall IC. The role of ACE inhibitors and
angiotensin II receptor blockers in the response to
epoetin. Nephrol Dial Transplant 1999; 14:1836
50. Madore F. Uremia-related metabolic cardiac
risk factors in chronic kidney disease. Semin Dial.
2003; 16:148
40. Vaziri ND. Erythropoietin and transferrin
metabolism in nephrotic syndrome. Am J Kidney
Dis 2001; 38:1
51. Hillege HL, Girbes AR, de Kam PJ, et al.
Renal function, neurohormonal activation, and
survival in patients with chronic heart failure.
Circulation 2000; 102:203
41. Horwich TB, Fonarow GC, Hamilton MA,
et al. Anemia is associated with worse symptoms, greater impairment in functional capacity and a significant increase in mortality in
patients with advanced heart failure. J Am Coll
Cardiol 2002; 39:178
42. Androne AS, Katz SD, Lund L, et al. Hemodilution is common in patients with advanced
heart failure. Circulation 2003; 107:226
43. Ezekowitz JA, McAlister FA, Armstrong PW.
Anemia is common in heart failure and is associated with poor outcomes: insights from a cohort of
12 065 patients with new-onset heart failure.
Circulation 2003;107:223
44. Al-Ahmad A, Rand WM, Manjunath G, et al.
Reduced kidney function and anemia as risk factors for mortality in patients with left ventricular
dysfunction. J Am Coll Cardiol 2001; 38:955
45. Silverberg DS, Wexler D, Blum M, et al. The
use of subcutaneous erythropoietin and intravenous iron for the treatment of the anemia of
severe, resistant congestive heart failure improves
cardiac and renal function and functional cardiac
class, and markedly reduces hospitalizations. J
Am Coll Cardiol 2000; 35:1737
46. Silverberg DS, Wexler D, Blum M, et al.
Erythropoietin should be part of congestive heart
failure management. Kidney Int 2003; 64 (Suppl.
87):S40
47. Silverberg DS, Wexler D, Blum M, Iaina A.
The cardio renal anemia syndrome: correcting
anemia in patients with resistant congestive heart
failure can improve both cardiac and renal function and reduce hospitalizations. Clin Nephrol
2003; 60 (Suppl 1):S93
48. Kosiborod M, Smith GL, Radford MJ, et al.
The prognostic importance of anemia in patients
with heart failure. Am J Med. 2003; 114:112
49. Amann K, Tyralla K. Cardiovascular changes
in chronic renal failure-pathogenesis and therapy.
Clin Nephrol 2002; 58 (Suppl 1):S62
INFORMED
Direttore Responsabile
Pietro Cazzola
Marketing & Pubblicità
Armando Mazzù
Consulenza Grafica
Piero Merlini
52. Dries DL, Exner DV, Domanski MJ, et al. The
prognostic implications of renal insufficiency in
asymptomatic and symptomatic patients with left
ventricular systolic dysfunction. J Am Coll Cardiol
2000; 35:681
53. Fine LG, Bandyopadhay D, Norman JT. Is
there a common mechanism for the progression of
different types of renal diseases other than proteinuria? Towards the unifying theme of chronic
hypoxia Kidney Int 2000; Suppl. 75:S22
54. Knight EL, Glynn RJ, McIntyre KM, et al.
Predictors of decreased renal function in patients
with heart failure during angiotensin-converting
enzyme inhibitor therapy: results from the studies
of left ventricular dysfunction (SOLVD). Am
Heart J 1999 ; 138 (5 Pt 1):849
pre-dialysis patients. Am J Kidney Dis 1991;
18:50
61. Revicki DA, Brown RE, Feeny DH, et al.
Health-related quality of life associated with
recombinant human erythropoietin therapy for
predialysis chronic renal disease patients. Am J
Kidney Dis. 1995; 25:548
62. Locatelli F, Del Vecchio L. Studio CREATE:
razionale, protocollo e caratteristiche demografiche basali. 44° Congresso Nazionale della
Società Italiana di Nefrologia. Bologna, 28-31
maggio 2003. Baselife Nephrology 2003; speciale 3/1:4
63. St Peter WL, Xue J, Ebben J, Collins A. Preend stage renal disease erythropoietin use predicts
hospitalization in periods before and after endstage renal disease diagnosis. J Am Soc Nephrol
2001; 12:248A (abstract)
56. Società Italiana di Nefrologia. Linee guida per
il trattamento dell’anemia nell’insufficienza renale
cronica. Giornale It. Nefrologia 2003; 20 (S-24)
64. Hunt SA, Baker DW, Chin MH, et al.
ACC/AHA Guidelines for the Evaluation and
Management of Chronic Heart Failure in the
Adult: Executive Summary A Report of the
American College of Cardiology/American Heart
Association Task Force on Practice Guidelines
(Committee to Revise the 1995 Guidelines for the
Evaluation and Management of Heart Failure):
developed in collaboration with the International
Society for Heart and Lung Transplantation;
Endorsed by the Heart Failure Society of America.
Circulation 2001; 104:2996
57. Locatelli F, Conte F, Marcelli D. The impact of
haematocrit levels and erythropoietin treatment
on overall and cardiovascular mortality and morbidity-the experience of the Lombardy Dialysis
Registry. Nephrol Dial Transplant 1998; 13:1642
65. Calvillo L, Latini R, Kajstura J, et al.
Recombinant human erythropoietin protects the
myocardium from ischemia-reperfusion injury
and promotes beneficial remodeling. Proc Natl
Acad Sci USA 2003 ;100:4802
58. Portoles J, Torralbo A, Martin P, Rodrigo J, et
al. Cardiovascular effects of recombinant human
erythropoietin in predialysis patients. Am J
Kidney Dis 1997; 29:541
66. Parsa CJ, Matsumoto A, Kim J, et al. A novel
protective effect of erythropoietin in the infarcted
heart. J Clin Invest 2003; 112:999
55. Levin A, Djurdjev O, Barrett B, et al.
Cardiovascular disease in patients with chronic
kidney disease: getting to the heart of the matter.
Am J Kidney Dis 2001; 38:1398
59. Hayashi T, Suzuki A, Shoji T, et al.
Cardiovascular effect of normalizing the hematocrit level during erythropoietin therapy in predialysis patients with chronic renal failure. Am J
Kidney Dis 2000; 35:250
67. Silverberg DS, Wexler D, Sheps D, et al. The
effect of correction of mild anemia in severe, resistant congestive heart failure using subcutaneous
erythropoietin and intravenous iron: a randomized controlled study. J Am Coll Cardiol 2001;
37:1775
60. Teehan BP, Krantz S, Stone WA, et al. Doubleblind, placebo controlled study of the therapeutic
use of recombinant human erytrhropoietin for
anemia associated with chronic renal failure in
68. Mancini DM, Katz SD, Lang CC, et al. Effect
of erythropoietin on exercise capacity in patients
with moderate to severe chronic heart failure.
Circulation 2003; 107:294
Redazione & Amministrazione
Edizioni Scripta Manent s.n.c.
Via Bassini, 41 - 20133 Milano
Tel. 0270608060 - 0270608091
Fax 0270606917
E-mail: [email protected]
Stampa
Arti Grafiche Bazzi, Milano
Registrazione Tribunale di Milano n. 378 del 28.05.98
È vietata la riproduzione totale o parziale di articoli,
illustrazioni e fotografie, pubblicati su INFORMED,
con qualsiasi mezzo,
senza espressa autorizzazione dell’Editore.
L’Editore non risponde dell’opinione espressa dagli Autori
degli articoli.
Diffusione gratuita.
Ai sensi della legge 675/96 è possibile in qualsiasi momento
opporsi all’invio della rivista comunicando per iscritto la propria
decisione a:
Edizioni Scripta Manent s.n.c. - Via Bassini, 41 - 20133 Milano