un viaggio nella danza - Accademia Gerundia di Lodi

Commenti

Transcript

un viaggio nella danza - Accademia Gerundia di Lodi
43
VENERDÌ 19 GIUGNO 2009
il Cittadino
Cultura & Spettacoli
In concerto
MILANO
n MILANO
¢ CREMONA
Caparezza genio del caos Sarah Jane “la rossa”
Oggi in scena al castello in bilico tra rock e jazz
Musica, ambiente e una carica infinita di elettronica:
all’Idroscalo si inaugura il tour estivo dei Subsonica
Metallica, tutto esaurito
per il grande ritorno
Le “storie” di Gino Paoli
dopo 50 anni di carriera
Organizzata
dai giovani
dell'Università
di Pavia, va in
scena oggi
l'esibizione di
Caparezza a
Pavia. Nel sug­
gestivo scena­
rio del castello
Visconteo sul
palco arriva Caparezza
l'ennesima
tappa del lungo tour intolato, come l'ul­
tima incisione discografica, "Le dimen­
sioni del mio caos". È uno show di qua­
si due ore che unisce alle canzoni un vi­
vace contorno di coreografie, improvvi­
sazioni e costumi dai colori sgargianti.
Caparezza esegue brani tratti da tutti i
suoi cd, passando dai toni intimisti di
"Eroe" alle strofe orecchiabili di "Vieni
a ballare in Puglia".
Un'ondata di buona musica, all'insegna
dei messaggi ecologici e della voglia di
regalare emozioni. È l'Idroscalo di
Milano ad essere stato scelto quale
"teatro" per il concerto di apertura del
tour estivo dei Subsonica. Mercoledì la
prima delle sei tappe del tour estivo
della band torinese è attesa con
particolare fervore dai tanti fan: sono
davvero tanti i giovani impazienti di
scatenarsi al suono elettro­dance
inconfondibile marchio del gruppo.
Samuel, Max Casacci, Boosta, Vicio,
Ninja aderiscono alla campagna di
Legambiente "Per il clima contro il
nucleare" e alternano l'esecuzione delle
canzoni al lancio di messaggi ecologici.
Il singolo "Il vento" apre il concerto,
segue una lunga serie di brani di
successo dei primi anni dell'attività
della band. La seconda parte vede il
predominio della componente dance,
apprezzata nei recenti live all'estero.
Non stupisce la notizia che il live di lu­
nedì dei Metallica al DatchForum sia
tutto esaurito. La lunga attesa per il ri­
torno della band in Italia e la fama di
quella che molti addetti ai lavori indica­
no quale la hard rock band più famosa
di sempre sono alla base della corsa dei
fan all'acquisto dei biglietti per la data
milanese. Dopo 27 anni di attività più o
meno costante il gruppo fondato da
Lars Ulrich e James Hetfield può sfode­
rare una serie di brani di successo che
non teme rivali. Dal vivo i Metallica
esprimono al meglio il loro rock trasci­
nante, vibrante, grintoso. Nella scaletta
dell'attesa serata milanese non manca­
no i brani più noti della band, i classici
"Master of Puppets", "Seek and de­
stroy", "Enter sandman" e la ballata
"Nothing else matters". Nel finale arri­
vano la famosa "One", canzone di forte
avversione alla guerra, e l'originale
"Mama said".
Arriva a Cre­
mona il tour
che festeggia
l'ennesimo
traguardo pre­
stigioso rag­
giunto da Gino
Paoli. Si an­
nuncia davve­
ro speciale il
live di venerdì
all'Arena Giar­ Gino Paoli
dino visto che
celebra i 50 anni di carriera dell'artista
genovese. In versione jazzistica ripropo­
ne i tanti brani di successo che lo han­
no fatto entrare nell'olimpo degli artisti
italiani, accompagnato da Vittorio Riva
alla batteria, Carlo Fimiani e Marco
Caudai alle chitarre, Dario Picone al
piano. Oltre ai classici del passato, Gino
Paoli suona le canzoni tratte dal suo più
recente disco "Storie".I
¢ PAVIA
¢ CREMA
Appuntamento domani sera a Crema
per la musica di qualità. Di scena per
un concerto ad ingresso gratuito alla
Cremarena di Via Dante c'è l'infonfon­
dibile voce di Sarah Jane Morris. Si
tratta di una delle numerose tappe del
"Where It Hurts Tour" dedicato alla
promozione dell'omonimo, ultimo, suo
album. La "rossa" Jane ha sempre go­
duto di un ampio seguito in Italia, con­
quistato grazie ai suoi virtuosismi voca­
li e aumentato, nel tempo, con una se­
rie di raffinate esibizioni . Muovendosi
a proprio agio tra i classici del rock e
del jazz, partendo del singolo "You
know her", inserisce in scaletta due
brani dedicati alla musica italiana. Il
più datato è "Quale amore", cantato
nel '90 a Sanremo con Riccardo Fogli.
L'altro, eseguito con la vittoria al Festi­
val in compagnia di un altro Riccardo
(cioè Cocciante), è dell'anno successi­
vo ed è il piu noto "Se stiamo insieme".
I Subsonica mercoledì prossimo a Milano
IL SAGGIO-SPETTACOLO REALIZZATO DELL’ACCADEMIA LODIGIANA
La nave della Gerundia
e un palco tra le onde:
un viaggio nella danza
n Basta un po’ di immaginazio­
ne ­ e la magia visionaria del te­
atro ­ per trasformare Lodi in
una città marittima e il palco­
scenico del Viale nell’assito di
una nave in rotta per le Ameri­
che. Destinazione: New York,
Broadway per l’esattezza, meta
di Un viaggio spettacolare, alla
ricerca di un gruppo di talen­
Nelle immagini
tuosi ballerini da arruolare in
a fianco alcuni
un musical di prossima rappre­
degli allievi
sentazione. Questo il titolo e la
della Gerundia
trama dello spettacolo portato
impegnati nello
in scena lo scorso 9 giugno da­
spettacolo di
gli allievi dell’accademia Ge­
fine d’anno
rundia, protagonisti di una se­
dell’accademia:
rata di musica e danza che ha
nella trama di
coinvolto il numeroso pubblico
“Un viaggio
per l’originalità delle coreogra­
spettacolare”
fie (curate da Angela Giancotti,
la ricerca da
Maddalena Monaldi e Alessan­
parte di un
dra Tansini),
impresario
la ricche zza
di un gruppo
dei costumi
di talentuosi
(deliziose le di­
ballerini
vise da mari­
da arruolare
naretto indos­
per la produzione
sate dalle bal­
di un musical
lerine di mo­
di prossima
dern jazz) e la
rappresentazione
bravura di tut­
ti gli interpreti
sul palco. A co­
minciare dal
L CONCERTO FINALE DEGLI ALLIEVI CHE HANNO SEGUITO LE LEZIONI DI MUSICA DELLA SCUOLA
comandante
Max Farina,
docente del­
l’accademia
Gerundia e di­
rettore tecnico
dello spettaco­
lo: a lui l’onore
di introdurre i
vari balletti
che hanno
scandito il lungo viaggio della
uando
nave, a lui l’onere di compilare
Johnny
scrupolosamente il diario di
Rotten
bordo annotando tappa dopo
iniziò a
tappa i successi della ciurma.
cantare
Alla fine persino lui sarà co­ nei Sex Pistols
stretto ad ammettere che non
aveva più o me­
era affatto necessario affronta­
no la stessa età
re un viaggio tanto pericoloso
di Hugo ­ cresta,
per trovare qualcosa che si pos­
anfibi e magliet­
sedeva già in partenza: ad in­
ta sbrindellata
terpretare il suo prossimo mu­
come ogni punk
sical non saranno i ballerini che si rispetti.
professionisti incontrati a Hugo è uno dei
Broadway (interpretati dalle al­
giovani cantan­
lieve di danza classica e hip
ti che la sera del
hop), né gli artisti di strada che
13 giugno si so­
bazzicano di fronte al teatro, no esibiti sul
ma i membri del suo stesso
palco dell’acca­
equipaggio. «Spesso nel corso
demia Gerundia
della vita, l’illusione e l’ansia
in occasione del
di poter raggiungere appassio­ concerto rock Un’immagine del concerto degli allievi dei corsi di musica dell’accademia Gerundia
nanti traguardi ci porta a per­
con cui gli allie­
correre un viaggio alla ricerca vi dei corsi di canto, pianoforte, ducibili, seppur in epoche diver­ ta, gli allievi dell’accademia si so­
di facili successi» scrive nell’ul­
chitarra e batteria hanno festeg­ se, a questo genere musicale. An­ no alternati sul palco in diverse
tima pagina del suo diario capi­
giato la fine delle lezioni. Il look
che il metal, tuttavia, ha tenuto
formazioni: dalla classicissima
tan Farina. «Questa suggestio­
inconfondibile e lo stile canoro
banco: Tommaso ha interpretato basso­chitarra­batteria alla dop­
ne può condizionare la nostra
fanno di Hugo un esempio lam­
due hits dei Metallica, mentre Le­
pietta di chitarre, talvolta arric­
vita, ci porta lontano dal nostro
pante di come il punk ­ a trent’an­
onardo (in coppia con Hugo) si è chita dalla voce del pianoforte.
vero orizzonte fino a farci di­ ni di distanza dallo scioglimento
cimentato con gli ZZ Top. Le ra­
Più o meno emozionati, più o me­
menticare che il vero viaggio della band che l’ha inventato ­
gazze hanno preferito invece le
no intimiditi, tutti sono riusciti
dobbiamo viverlo dentro noi
continui ad affascinare ancora melodie più romantiche dei
grazie al loro talento in erba a
stessi, per non rischiare di per­
oggi i cuori e l’abbigliamento dei Cramberries e di Brian Adams,
conquistarsi l’affetto del pubblico
dere ciò che di veramente emo­
musicisti di nuova generazione. ad eccezione di Maria, alle prese
che, generoso e partecipe, li ha
zionante ci è stato donato e con­
Tra i brani che gli allievi hanno
con i Guns ‘n Roses. Tutti i brani sommersi di applausi e grida d’in­
dividere con chi ci vuole bene scelto per il concerto di sabato, (20 in tutto) sono stati eseguiti dal
coraggiamento, ripagandoli in un
la magnifica avventura della vi­
tre erano dei Sex Pistols, uno dei
vivo anche nell’accompagnamen­
colpo solo di tutte le energie spese
ta».
Clash, due dei Green Day e uno to musicale, e fatta eccezione per
durante il lungo anno di lezioni.
Silvia Canevara
dei Ramones, tutti gruppi ricon­
un paio di pezzi con base registra­
S. C.
Un po’ di fantasia per trasformare Lodi
in una nave in rotta per l’America
I
GLI STUDENTI LODIGIANI AL CONCORSO
Chitarre distorte, rock ed energia
Tributo a Ramones e Clash: le nuove leve nel solco dei “classici”
Q
Piccole voci al “Cuoricino d’oro”
n Piccoli cantanti lodigiani arrivano alle semifinali del concorso cano­
ro internnazionale “Cuoricino d’oro” organizzato dall’omonima asso­
ciazione no profit. Il progetto aveva come primaria finalità quella di so­
stenere l’attività di ricerca e sperimentazione in campo musicale da
parte di bambini in età compresa tra i 5 e gli 11 anni e quindi anche al­
l’interno della scuola primaria pubblica e privata. Questo perché la
musica ha una valenza educativa e formativa. E ancora una volta
l’agenzia di spettacolo di Lodi Altamarea ha esportato la qualità del
territorio che rappresenta. In questo caso si tratta dei piccoli iscritti al­
le classi seconde delle scuole elementari cittadine Riolo e Barzaghi en­
trambe del quarto circolo: «Il cuoricino d’oro è un importante concorso
nato a Luino ­ spiega il titolare di Altamarea Alberto Ferrari ­: Per po­
ter partecipare i bambini hanno lavorato sodo imparando a cantare in
coro, con tanto di voci soliste, una canzone inedita intitolata “La bici­
cletta”, scritta da me e da Giambattista Girelli. Il nostro successo for­
tunatamente non è mancato anche se, dopo aver superato i primi turni
ed essere arrivati alla semifinale di venerdi 12 giugno, purtroppo non
abbiamo guadagnato la finale. Comunque è stata una grande esperien­
za per tutti e soprattutto per gli studenti». Le premiazioni sono state or­
ganizzate e presentate da Maria Teresa Ruta. Presente anche la dirigen­
te scolastica dei due istituti lodigiani Iole De Marco che racconta:
«Un’esperienza da ripetere. I nostri allievi hanno potuto confrontarsi
sia con altri studenti che con gruppi professionistici internazionali e di
conseguenza sono molto entusiasti del risultato ottenuto». (P. A.)