monitor - Indice

Commenti

Transcript

monitor - Indice
Contenuti
Obbiettivo: Ottenere in stampa i medesimi colori che vediamo sul monitor
(quando ci accingiamo a stampare le nostre foto con la nostra stampante
casalinga.)
Seguire semplici passi:



Scegliere il profilo colore più adatto per la stampa inkjet
 impostarlo nella macchina fotografica
 impostarlo in Photoshop
calibrare il monitor in modo da avere una corretta visualizzazione dei colori.
impostare la stampante nella maniera più opportuna per una stampa di qualità.
Intro
Una buona gestione del colore comprende il settaggio dei profili di tutti i
dispositivi coinvolti nel processo di creazione, acquisizione, elaborazione e
stampa delle immagini.
Se hai intenzione di spedire le tue foto ad un laboratorio che ti faccia il lavoro di
stampa, allora quello che c‟è scritto in questa guida non ti serve a molto.
Meglio chiedere direttamente al laboratorio quale profilo colore preferiscono, e
regolarti di conseguenza.
Di solito trattano l‟ sRGB, ma ti conviene sempre chiedere prima.
Invece queste slide sono consigliate se hai intenzione di stampare le foto con la
tua stampante inkjet, in maniera da non doverti mai più disperare perché ti ha
stampato i colori tutti sballati, e l‟erba invece di verde è uscita rosa, e altre cose
del genere.
Il profilo della fotocamera
Per prima cosa, devi sistemare la tua macchina fotografica assegnandole un
profilo colore corretto.
Se la destinazione è la stampa, è meglio scattare foto con il profilo Adobe
RGB(1998).
Perciò è meglio assegnare questo profilo colore alla tua fotocamera: controlla nel
manuale d’uso come devi fare.
Non tutte le fotocamere però consentono di cambiare profilo: se la tua
macchina non scatta in RAW, probabilmente non puoi cambiare il profilo colore, e
quindi devi lasciare quello sRGB.
Se la tua macchina scatta in RAW, puoi anche assegnare il profilo in un secondo
momento, in Photoshop Camera Raw.
N.B.: Se la destinazione della foto è la pubblicazione web, lascia il profilo sRGB,
senz‟altro il più adatto a questo scopo.
Il profilo nello spazio di lavoro
Dopo aver settato il profilo colore
della tua fotocamera, devi impostare
quel medesimo profilo anche per
Photoshop.
Posto quindi che tu abbia
l‟RGB(1998) nella tua fotocamera,
dovrai usare l‟RGB(1998) anche in
Photoshop.
Per la gestione dei colori in
Photoshop,
vai
in
Modifica>Impostazioni colore.
regola i parametri come mostrato
nello screenshot :
Quale profilo scegliere?
Quando con il mouse passi sopra alle varie voci relative
agli spazi di lavoro e ai criteri di gestione colore, puoi
vederne le caratteristiche e gli impieghi nel riquadro in
basso, chiamato “Descrizione“.
Calibrare il monitor
Per calibrare il monitor, l‟ideale è usare un apposito dispositivo hardware
chiamato colorimetro.
E‟ assolutamente indispensabile acquistarne uno se vuoi lavorare in maniera
professionale.
ColorVision Spyder3 Pro e Monaco Optix sono i colorimetri più usati dai
professionisti.
Se non hai intenzione di acquistare un colorimetro, puoi comunque calibrare il tuo
monitor via software.
Chi ha un Mac può usare il sistema di calibrazione incorporato nel sistema.
Chi ha un PC, invece, può usare Adobe Gamma oppure Profile Maker Pro 5 .
Calibrazione dei monitor








eyes one
monitor
stampante
videoproiettore
scanner
Fotocamera
economici solo monitor
+ costosi

tecnologia monitor



tecnologia monitor
punto del biaco 5000 fine art
Oggi si tende a scegliere valori prossimi a 6500
Gamma 2.2
Luminanza
quanto luminoso è il monitor
per assomigliare alla carta bisogna in genere diminuire la
luminosità


calibrare strumento
con basetta
posizionare strumento su
monitor
ventose o contrappeso



manda dei segnali x calibrare il monitor
portatile a scatti
il monitor è + preciso
Cosa contiene un file ICC



icc tabella conversione rgb xyz
stampante cmyk in xyz
+ intenti di rentering

stampante tabella
colorata che vale su tale
stampante e su quella
carta
Calibrazione tramite software
Attenzione, tali software si basano molto sulle tue percezioni soggettive.
Se già sai di avere problemi di visione dei colori, meglio lasciare perdere questi
metodi, rischi di fare più danno che beneficio.
Se invece sei sicuro di avere una buona percezione dei colori e delle sfumature,
meglio calibrare in questo modo che non calibrare affatto.
 Di seguito troveremo come calibrare il monitor con Adobe Gamma in modo da
ottenere il massimo risultato che questo mezzo permette.
 O in alternativa di calibrarlo con ProfileMaker 5.0
In ogni caso, è necessario ridurre al minimo le condizioni esterne che possono
disturbarti durante un‟operazione così delicata.
Abobe gamma (1)
Esegui la calibrazione nella stessa stanza e nella condizione luminosa in cui sei
solito usare il tuo computer.
Se lavori in condizioni di luce variabili, è meglio eseguire una calibrazione per
ogni condizione, in maniera da poter scegliere di volta in volta il profilo più
adatto (es: luce diurna, luce artificiale, ecc.)
Prima di cominciare, abbi cura di posizionare il monitor in maniera da non avere
riflessi che ti disturbino.
Vai nel Pannello di controllo, visualizzazione classica.
Clicca su “Adobe Gamma“.
Scegli la versione “(Assistente) passo a passo” e vai avanti.
Clicca su “Carica” e se vedi un profilo con il nome del tuo monitor, seleziona
quello, perché costituisce un buon punto di partenza per il processo di
calibrazione. Altrimenti lascia stare e in “Descrizione” inserisci un nome che
identifichi la tua calibrazione.
Adobe Gamma (2)
Aggiusta luminosità e contrasto così come ti è richiesto nel pannello.
Ma attenzione: se hai un monitor LCD non mettere al massimo il contrasto: lascialo al
valore di default, e regola solo la luminosità come ti viene richiesto.
Se non fai così, avrai un risultato davvero pessimo!
Accetta i fosfori individuati dall‟applicazione, a meno che tu non voglia inserire
qualcosa di diverso.
Ora devi porre la massima attenzione nel regolare i quadratini colorati.
Lascia perdere il quadrato grigio (cioè non mettere la spunta a “Visualizza solo gamma
singolo”), e basati solo sui tre colorati.
Sistemati in modo da avere un angolo di visione perfettamente perpendicolare al
monitor e osservalo un po‟ da lontano per avere una visuale migliore.
Una volta che hai fatto „sparire‟ i quadratini centrali come richiesto, puoi andare
avanti.
In genere, la misura del punto bianco va bene impostata a 6500° K, ma puoi stabilirla
tu premendo su “Misura“.
Segui scrupolosamente le istruzioni dell‟applicazione.
Ora puoi salvare il profilo che hai ottenuto con un nome a tua scelta.
Profile Maker 5
ProfileMaker, attualmente alla
versione 5.0.8, è il
programma professionale
di profilazione e misura del
colore di GretagMacbeth
ora X-Rite.
Tra i vari moduli previsti, uno
di questi è dedicato alla
calibrazione e profilazione
del monitor.
Per iniziare bisogna aprire
ProfileMaker e cliccare su
Monitor:
Nelle Preferenze si
imposta la versione di
profilo ICC che si
desidera generare:
versione 2 o versione 4:
Torniamo alla finestra della
profilazione del monitor e
impostiamo il tipo di monitor
(LCD o CRT) in Reference Data.
A questo punto ci sono due
possibilita:
o la calibrazione/caratterizzazione è
già stata fatta e salvata;
oppure viene fatta adesso con lo
strumento.
Se viene fatta adesso, in
Measurement Data si sceglie lo
strumento di misura. ProfileMaker
supporta questi strumenti:
In questo caso si usa Eye-One
Pro e faccio le misurazioni.
L’applicazione mi chiede di
mettere Eye-One Pro sulla
sua basetta, e poi mi chiede
se voglio fare una nuova
calibrazione o usare quella
esistente.
Dico di usare quella esistente e
ProfileMaker apre una
finestra e comincia a
visualizzare e misurare
spettralmente 99 aree
colorate per fare la
caratterizzazione del
monitor, che dura circa 6
minuti:
Alla fine mi chiede se voglio salvare i dati di misurazione, ed io li
salvo da qualche parte, possono essermi utili in seguito.
A questo punto non mi rimane che: scegliere in Profile Size se
voglio un profilo a matrice (Default) o a tabella (Large); scegliere
il punto bianco (scelgo quello misurato); e dare via alla creazione
del profilo con Start.
ProfileMaker mi chiede dove salvarlo e con che nome e poi mi
chiede se voglio impostarlo come profilo di sistema:
Io rispondo di sì e il procedimento è finito.
Step 1 monitor calibration
Se avessi chiesto anche di fare la
calibrazione, ProfileMaker mi
propone un processo di
calibrazione in 6 passi, che è
lo stesso proposto da
MeasureTool e che si sarebbe
potuto fare in anticipo.
Questo modulo produce la
calibrazione e
caratterizzazione del monitor,
che serve per creare il profilo.
Il primo è questo, dove si fissano
gli obiettivi della calibrazione:
Per quanto riguarda il White Point (punto bianco) le scelte possibili
sono queste:
Tipicamente si sceglie un bianco di 6500 kelvin, oppure il bianco
nativo se non si desidera modificare la o le LUT della scheda
video.
Si sceglie Paper White se si intende impostare il bianco del monitor
simile al bianco di una carta. In tal caso è necessario aver
misurato la carta in precedenza e aver segnato i valori XYZ, che
vanno impostati in questo punto della calibrazione. La misura
della carta si fa con Measure Tool e dopo aver impostato lo
strumento in riflessione con Configuring (nella barra laterale
degli strumenti), con Measuring/Chart cioè Spot Measurement e
in XYZ.
Calibrare il bianco del monitor sui valori XYZ del bianco della carta
può avere un senso se si lavora in uno studio di prepress e sempre
con la stessa carta, ma normalmente non è un parametro di
calibrazione consigliato.
Si imposta poi il gamma (da 1.0 a 3.0 con passo 0.1); la luminosità in percentuale;
il tipo di monitor (LCD o CRT). Questi dati si possono salvare e richiamare.
Si passa alla seconda finestra, che è questa, che riguarda i monitor provvisti di
regolazione di contrasto:
Se il vostro monitor non ha regolazione di contrasto,
come il mio, si passa alla terza finestra:
Qui si sceglie se regolare la luminosità in percentuale, o con dati di
luminanza. La prossima schermata dipende dal fatto che
abbiamo indicato luminosità o luminanza. Nel primo caso si apre
questa finestra:
Qui va regolato il punto bianco, ma anche in questo caso, se il
monitor non ha regolazioni per il punto bianco, si passa alla
prossima:
Nel secondo caso si apre questa. dove si può indicare
una luminanza desiderata:
Infine inizia la caratterizzazione, con la visualizzazione e la misura
spettrale di 99 aree colorate, che dura circa 6 minuti:
Profili della stampante
Per ottenere i massimi risultati dalla tua stampante inkjet, è opportuno che ti procuri
i profili di quella stampante: infatti ogni produttore solitamente mette a disposizione
dei profili che tengono conto del preciso modello della stampante e anche del tipo di
carta su cui andrai a stampare.
Questi profili sono a disposizione nel sito della casa produttrice e tutti li possono
scaricare gratuitamente.
Ecco ad esempio come installare i profili se hai una stampante Epson:
Vai al sito della Epson.
Clicca su “Supporto e driver“.
Segui il percorso suggerito, ovvero:
scegli “stampanti inkjet“
seleziona il tuo prodotto (ad esempio, Epson Stylus Photo R200)
seleziona il tuo sistema operativo e clicca su “Conferma selezione“
Clicca su “ICC Profiles” e avvia il download.
Profili della stampante
Clicca su “ICC Profiles” e avvia il download.
Ora scompatta lo zip che hai scaricato nella cartella dei “profili” della tua
stampante (il percorso viene individuato automaticamente, basta avviare il
processo).
Vai nella cartella “profili” e vedrai che lì ci sono i file che hai appena scaricato.
Però perché funzionino devi selezionarli e, dal menu che si apre cliccando sul
pulsante destro del mouse, scegli “Installa profilo“.
Importantissimo : riavvia il sistema.
Ora verifica che tutto funzioni: apri una foto in Photoshop e scegli
“Stampa con anteprima“.
In “Opzioni” scegli “Consenti a Photoshop di determinare i colori“.
Se tutto va bene, subito sotto, in “Profilo stampante“, vedrai comparire
nel menu a tendina anche tutti i profili che hai appena installato.
La compensazione monitor
I profili ICC vengono usati (quando vengono usati) dalle applicazioni.
L‟operazione di base che le applicazioni fanno con i profili ICC (cioè la più
elementare, la meno complicata, la più diffusa) è la cosiddetta compensazione
monitor. Vediamo di cosa si tratta.
Tutti i monitor funzionano in modalità RGB, mentre le immagini possono essere
in modalità RGB o CMYK o altro ancora.
Per riprodurre correttamente una immagine RGB o CMYK su monitor (RGB) è
necessario fare una conversione di colore dal profilo dell‟immagine (origine) al
profilo del monitor (destinazione) e per fare questa conversione è necessario che:
all‟immagine RGB o CMYK sia associato un profilo ICC; tipicamente il profilo è
incorporato all‟immagine, alternativamente può essere assegnato dall‟utente in
modo esplicito o implicito;
Inotre al monitor deve essere associato un profilo ICC, tipicamente memorizzato
nel sistema operativo;
l‟applicazione sia in grado di riconoscere (“onorare”) i due profili ICC (quello
dell‟immagine e quello del monitor) e di fare una conversione di colore dal profilo
dell‟immagine al profilo del monitor con un certo intento di rendering
Compensazione monitor
Questa conversione di colore, che si chiama compensazione monitor, si traduce
nel fatto che l‟applicazione non manda al monitor direttamente i numeri RGB o
CMYK dell‟immagine (nel primo caso perché i colori sarebbero diversi, nel
secondo caso perché le modalità sono diverse), ma prima di mandarli li converte
nel profilo del monitor, in modo che i colori rimangano uguali.
La compensazione monitor viene effettuata da molte applicazioni grafiche, tra le
quali:
Adobe Photoshop (dalla versione 5) con intento di rendering colorimetrico relativo
con compensazione del punto nero;
Adobe Illustrator;
Adobe InDesign;
Adobe Bridge;
Adobe Lightroom con intento di rendering percettivo;
Apple Preview (Anteprima) con intento di rendering colorimetrico relativo;
Apple Aperture;
Apple iPhoto;
Apple Safari (solo per Jpeg con profilo incorporato e con intento di rendering
percettivo);
Altri software
OmniWeb se configurato;
Firefox: si può configurare se la compensazione monitor è attiva o no, l‟intento di
rendering usato, le immagini su cui viene eseguita;
FastPicture Viewer (Win);
ADCSee Pro;
Windows Live Photo Gallery;
Nikon Capture NX 2;
Canon Digital Photo Professional;
IrfanView (con plugin LCMS);
Ci sono applicazioni che non supportano la compensazione monitor,
e possono non supportarla in tre modi:
•non leggono (o non considerano o non “onorano”) il profilo contenuto
nell‟immagine;
•non assumono un profilo di default quando l‟immagine non contiene un profilo;
•non prendono in considerazione il profilo del monitor.
Nella prima categoria ci sono tutte le applicazioni non grafiche, compresi gran
parte dei browser, per esempio:
Microsoft Word;
Microsoft Excel;
FileMaker;
Internet Explorer: manda i numeri RGB direttamente al monitor;
Nella seconda categoria c‟è
Safari (per Jpeg senza profilo);
Nella terza categoria ci sono molte applicazioni free o a basso costo, tra le quali:
Visualizzatore di Windows XP: assume che il monitor sia sRGB; se l‟immagine
non ha profilo manda direttamente i numeri al monitor;
Windows Photo Gallery assume che il monitor sia sRGB.
FastStone Image Viewer: ha una opzione per riconoscere il profilo dell‟immagine,
ma assume che il monitor sia sRGB;
XnView: ha una opzione per riconoscere il profilo dell‟immagine, ma assume che
il monitor sRGB;
Picasa (l‟ultima versione in teoria fa la compensazione monitor, ma in pratica non
la fa).

Documenti analoghi

color vision.indd

color vision.indd di colori che, una volta letti dal colorimetro, verranno interpretati e utilizzati per produrre un adeguato profilo colore ICC. Per soddisfare sia il principiante che il professionista ColorVision m...

Dettagli

La Gestion ee Colore

La Gestion ee Colore Inoltre, mostrare come gestire in pratica le impostazioni software di: • Fotocamera (es. Nikon) • Sistema Operativo (es. Windows) • Programma di Fotoritocco (es. Photoshop CS2) • Driver Stampante (...

Dettagli

Istruzioni per l`uso

Istruzioni per l`uso base del supporto a causa della composizione della gomma di quest’ultimo. Prima di utilizzare il prodotto, verificare la superficie di appoggio. Si raccomanda la pulizia regolare del monitor, che n...

Dettagli

Blue Eye Pro Proof Edition Manual

Blue Eye Pro Proof Edition Manual eye pro sono strumenti per la gestione del colore precisi, veloci e semplici da usare che consentono di calibrare automaticamente un monitor e creare il profilo ICC corrispondente. Il profilo conti...

Dettagli