Vino novello in bottiglie d`annata per i cinesi

Commenti

Transcript

Vino novello in bottiglie d`annata per i cinesi
Vino novello in bottiglie d'annata per i cinesi
LONDRA. Dal nostro corrispondente
er farsi una cantina, fanno saltare il banco delle
aste e innescano dinamiche sconosciute nel mercato
dei vini e delle truffe.
Parliamo dei cittadini cinesi che si sono abbattuti come
uno tsunami sulle aste londinesi di cantine vintage, facendo il pieno, senza badare a
spese. Alle aste di dicembre
nove compratori su dieci erano asiatici e la nettissima maggioranza degli asiatici erano
P
made in Beijing. «Un fenomeno - ha dichiarato Serena Suttcliffe responsabile mondiale
dell'area vini per Sotheby's che sta cambiando le dinamiche del mercato londinese.
PASSIONE E INGANNO
È gara per comprare
bottiglie vuote con etichette
originali, riempire
con prodotto di bassa qualità
e rivenderle come grand cru
agisce più sotto la spinta di
una moda che sollecitato da
una conoscenza autentica.
«Il pericolo è proprio questo
- ha commentato Adam Bilbey responsabile delle operazioni cinesi di Berry bros and
Rudd, antichi mercanti di vino in Saint James's, a Londra che, cioè, prevalga l'esigenza
di adeguarsi alle abitudini occidentali rispetto al piacere
del vino». E lo dice un gruppo
che con la Cina fattura più della metà dell'export.
Il fenomeno - sia la caccia
ai vini autentici sia l'indotto
della contraffazione mascherata in bottiglie vere - colpisce per la rapidità, ma era lar-
Sono clienti che muovono
ora i primi passi per allestire
cantine di alta qualità per questo sono in una fase di shopping». Favoritissimi i grand
cru di Bordeaux, da Petrus a
Cahtaeau Lafite divenuti
inavvicinabili per compratori europei. Una bottiglia di Lafite del 1982 è stata battuta
per 2.875 sterline. Andrew
Lloyd Webber, compositore
e re del musical londinese andrà a Hong Kong a vendere la
sua cantina e già si parla di un
gamente prevedibile. L'affermarsi di una crescente classe media cinese pronta a gettarsi sulle mode occidentali,
incrocia Londra prima delle
altre capitali europee. Era accaduto con i petrodollari arabi, s'è ripetuto con quelli russi ora tocca all'opulenza cinese sfilare per le vie della capitale britannica. In modo discreto, lontano dalle ostentazioni kuwaitiane e del mondo post-sovietico, ma con
identica decisione.
Il vino, probabilmente, è
solo l'inizio. Anche quello...
finto.
L.Mais.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
prezzo attorno ai 2,5 milioni
dipounds.
La passione crea l'inganno
e le truffe si moltiplicano. In
Cina è gara per comperare le
bottiglie vuote di grandissimi
produttori. Un vetro d'annata, con etichetta autentica,
può costare anche 300 sterline. Non è destinato ad appassionati collezionisti, ma a ladri che riempiono le bottiglie
con vini d'ordinanza e li vendono come pezzi rari ad un
pubblico che per il momento

Documenti analoghi