aggressioni - Osservatorio per la legalità e la sicurezza

Commenti

Transcript

aggressioni - Osservatorio per la legalità e la sicurezza
AGGRESSIONI BAT
12 giugno
DEGENERA LA RISSA, CINQUE IN MANETTE
Una lite per futili motivi tra cinque romeni ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Un diverbio
sfociato in una rissa e solo il tempestivo intervento dei carabinieri ha evitato il peggio. Protagonisti
del movimentato pomeriggio, come detto, sono stati cinque individui che nel corso di una
discussione scaturita da futili motivi, sono passati alle vie di fatto. Sono volati pugni, schiaffi,
spintoni: la zuffa è avvenuta alla periferia di Canosa.
18 giugno
BOTTE DOPO TENTATO FURTO
Solito confine, molto labile, fra la legittima difesa e la giustizia “fai da te”. L’episodio accaduto a
Trani si è risolto con una violenta colluttazione ed un seguito sia in ospedale, per un protagonista,
sia in caserma dei carabinieri, per entrambi. Il primo, un 40enne romeno, entrava in un negozio di
articoli per la casa e nascondeva qualche prodotto in una borsa pensando di farla franca. Il secondo,
il proprietario, lo fermava prima che uscisse. Da lì nasceva la colluttazione, in cui il ladro aveva
decisamente la peggio riportando ferite che ne hanno reso necessario il soccorso da parte del 118.
1 luglio
BOTTE AL PRESUNTO LADRO
Per tutta la notte, sino all’alba, lo hanno sequestrato e malmenato, ritenendolo responsabile del furto
di alcuni motori nautici. Non contenti, si sono accaniti sul presunto ladro picchiandolo anche nelle
vicinanze della caserma dei carabinieri di Barletta. Ma, alla fine, lo sventurato è riuscito a sottrarsi
ai suoi «carcerieri» e, con uno stratagemma, ha avvicinato i militari di una gazzella ed ha raccontato
la sua odissea. Conclusione: tre tranesi sono finiti in manette con le pesanti accuse di sequestro di
persona in concorso e lesioni. Il presunto ladro (quello che loro reputavano fosse stato l’autore del
furto di tre motori fuoribordo di altrettanti natanti ancorati nel porto di Trani), invece, ha rimediato
un lieve trauma cranico e contusioni varie. Protagonista di questa disavventura, un 32enne anche lui
tranese e già conosciuto alle forze dell’ordine.
9 agosto
PICCHIO’ UN ANZIANO
Picchiato brutalmente e maltrattato solo perché era particolarmente irrequieto e, pare, si era
permesso di chiedere insistentemente una sigaretta. Accadde a Trani sul finire del 2011,all’interno
di una casa di riposo. La vittima, un 73enne originario di Barletta affetto da patologia psichiatrica
(nel frattempo l’anziano è purtroppo morto per cause comunque non riconducibili alla violenza
patita), ospite da tempo di «Villa Dragonetti» di Trani, sarebbe stato picchiato da un operatore
socio- sanitario.
Blog: osserbari.wordpress.com e-mail: [email protected]
Cell. : 3392922301 - 3476839372
11 agosto
MALTRATTA L’ANZIANA MADRE E AGGREDISCE I CC
Squallida la storia maturata tra le mura di un appartamento e conclusasi con l’arresto di un 35enne
tranese, accusato maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.
Forse al rifiuto della donna di dargli i soldi, è andato su tutte le furie. Un’ira sproporzionata.
Accorsi i carabinieri di una gazzella che si sono precipitati in quell’appartamento, in pieno centro
cittadino. Il violento figlio, nel corso delle operazioni di identificazione, ha aggredito anche i
militari.
13 agosto
LITE TRA PESCATORI PER BARCA AFFONDATA
Per un’imbarcazione, colata a picco nelle acque del porto di Trani, l’armatore accusa il proprietario
di un altro motopesca in fase di ormeggio di averlo urtato più volte durante le manovre di attracco.
Il motopeschereccio affonda e scoppia l’inferno. Un pescatore finisce in ospedale, un altro in
carcere accusato di tentato omicidio.
23 settembre
GLI AGENTI OGGETTO DI INTEMPERANZE
Gli episodi di insofferenza a vario titolo nei confronti degli agenti della Polizia di Trani , oltre che
indignare da un lato e preoccupare dall’altro, cominciano a diventare fin troppo numerosi. La
frequenza, ripetitività e, in certi casi, anche progressione di intensità delle aggressioni, fisiche o
verbali che siano, nei confronti di chi porta una divisa, con particolare riferimento ai vigili urbani,
non possono, ormai, passare inosservati. L’ultimo episodio, registratosi sabato sera in piazza
Plebiscito nei pressi della villa comunale, sotto gli occhi increduli di decine e decine di persone, è
forse la goccia che farà traboccare il vaso e determinerà una presa di coscienza da parte della
politica innanzitutto, ma non solo, verso un obiettivo che dovrebbe essere comune: il mantenimento
del senso civico ed il rispetto delle regole prima e del prossimo poi. Come già la Gazzetta ha riferito
ieri, due agenti della Polizia locale sono stati aggrediti da una coppia di coniugi, nei pressi della
villa comunale, dopo che gli operatori avevano contestato una serie di infrazioni per il parcheggio in
difetto della loro auto e, soprattutto, la mancata esposizione del contrassegno di assicurazione. La
reazione è stata, a dir poco, scomposta nelle parole e violenta nei fatti: l’uomo ha percosso i vigili e
la donna ha tirato fuori le unghie nel senso letterale del termine. Per fermarli, è stato necessario
l’intervento di un’altra pattuglia, al termine del quale i due agenti sono stati condotti al pronto
soccorso, mentre i responsabili al Comando: identificati, dovranno rispondere, fra le altre ipotesi, di
resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’auto, per la cronaca, è stata rimossa e, oltre i verbali di
contestazione, gli agenti si riservano di sporgere denuncia. L’episodio, purtroppo, non è nuovo.
Come dicevamo, soltanto nell’ultimo anno se ne sono registrati alcuni, particolarmente inquietanti,
a cominciare dalla rissa fra commercianti e vigili urbani, accompagnata da fischi e petardi contro le
forze dell’ordine, di domenica 1mo luglio 2012 al porto: da allora è aperto un fascicolo, della
Procura della Repubblica, che vede alcuni ristoratori sottoposti a procedimento penale per oltraggio,
resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il 19 ottobre dello scorso anno, all’esterno della scuola
media Giustina Rocca, la presunta aggressione fu verbale, ma riguardò da una parte un consigliere
comunale e, dall’altra, un agente della Polizia locale che, successivamente, avrebbe avuto la
mobilità per andare a lavorare a Cerignola. Infine, lo scorso 7 luglio una donna tentò di investire
due vigilesse che le avevano contestato il divieto di sosta: soltanto grazie alla prontezza di riflessi di
una delle due operatrici il crimine non andò a buon fine e la malcapitata se la cavò solo con qualche
contusione e tanto spavento. E tutto questo è solo la punta dell’iceberg di un sentimento che vede
troppo spesso (basta leggere alcune deliranti affermazioni sui sociale network) i vigili urbani
oggetto di critiche e disprezzo a prescindere. Pare evidente che ci sia qualcosa che non quadra, ma
vi è anche un denominatore comune: gli agenti oggetto delle intemperanze dei cittadini sono tutti a
tempo determinato, i cosiddetti “precari ”, da anni alla ricerca di una stabilizzazione che tarda ad
arrivare e che, intanto, patrocinano cause di lavoro per il riconoscimento dei diritti maturati. I fatti
dimostrano che sono sempre in prima linea per la difesa della legalità, ma, oltre ad essere i più
esposti, sono anche i più indifesi. Così, nel momento in cui l’illegalità si ribella alle istituzioni, sono
loro a soccombere e riportare la peggio in quello che appare un inaccettabile rovesciamento dei
piani che fa di chi porta una divisa non un aiuto, ma un fastidio. Sarebbe il momento, oltre la
prevedibile ondata di solidarietà in favore degli ultimi due malcapitati, di voltare decisamente
pagina operando, tutti, un profondo esame di coscienza.
5 ottobre
ASSISTENTI SOCIALI AGGREDITI
Quattro assistenti sociali sono stati aggrediti negli uffici comunali da un giovane, vecchia
conoscenza delle forze dell’ordine. «Il giovane si era presentato al Comune di Canosa per richiedere
illegittimamente ed arbitrariamente una sistemazione abitativa – ha riferito il vicecomandante della
Polizia municipale, dopo la revoca del beneficio di “messa alla prova” di - sposta dal Tribunale per i
Minori di Bari. Ricevuto un ovvio rifiuto da parte degli assistenti, ha reagito dapprima
minacciandoli verbalmente e subito dopo, passando per le vie di fatto. In particolare ha tentato di
rovesciare la scrivania sui dipendenti e ha lanciato contro gli stessi il monitor di un computer, che
fortunatamente non ha colpito nessuno.
31 ottobre
DIFENDE L’AUTO DAI LADRI. AGGREDITO COL CRIC
Bersagliere difende la sua auto dai ladri e viene aggredito a colpi di cric. È successo a Trani.
Arrestati i due presunti responsabili, Vincenzo Di Bisceglie, di 42 anni, e Carmine Fratepietro, di 35
anni, entrambi di Andria. Sono accusati di tentata rapina impropria in concorso, lesioni personali,
ricettazione e porto abusivo di arma impropria.
1 novembre
SCHIAFFI, PUGNI E CALCI AL POLIZIOTTOLPO MESSO A SE
E stato aggredito con calci, schiaffi e pugni. Il grave episodio si è verificato all’interno del carcere
di Trani e a pagarne le conseguenze è stato un agente della Polizia penitenziaria che è dovuto. Ad
aggredire il poliziotto, pare, sarebbe stato un detenuto barese recluso in una cella sezione nella
sezione «comuni» che è stato denunciato per violenza a pubblico ufficiale e lesioni.
13 novembre
PER UN CELLULARE ACCOLTELLA L’AMICO
E’ successo a Barletta. Aveva prestato il telefonino all’amico connazionale che, forse perché offeso
dalla richiesta di restituzione del cellulare da parte del proprietario, non ha capito più nulla.
Accecato dall’ira, un 42enne marocchino, già noto alle forze dell’ordine ed in possesso di un
permesso di soggiorno per lavoro non ha esitato a colpire il connazionale che gli aveva prestato il
telefono cellulare con tre fendenti sferrati con un pugnaletto che deteneva illegalmente.
21 dicembre
LEGALE AGGREDITO NEL SUO STUDIO
Aggredito da un cliente mentre era nel suo studio a Barletta, offeso con epiteti piuttosto pesanti e
anche rapinato di telefono e auto. E' la brutta avventura della quale è rimasto vittima un avvocato
barlettano e i cui motivi scatenanti sono ancora tutti da chiarire. Intanto, il cliente «violento» è finito
ai domiciliari insieme a un amico intervenuto, a un certo punto, a suo supporto.
22 dicembre
IMPRENDITORE SEQUESTRATO E LIBERATO DA COMMANDO
Un’azione da vero e proprio commando disposto a tutto. Un imprenditore di Andria, titolare di una
nota azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di tovaglie in pvc, è stato
affiancato da un’auto di grossa cilindrata con alcuni individui a bordo. L’imprenditore era nella sua
macchina e stava rincasando. I malfattori avrebbero anche esploso a scopo intimidatorio alcuni
colpi d’arma da fuoco per costringerlo. Dopo aver costretto il malcapitato ad uscire dall’auto, pare,
lo avrebbero colpito alla testa. L’imprenditore, ferito e minacciato con le armi, è stato costretto a
rimanere immobile, sorvegliato dai malviventi. Sequestrato ed in balìa dei malfattori insomma. Uno
di essi si sarebbe messo alla guida dell’auto rapinata. Poco dopo, però, inspiegabilmente,
l’imprenditore è stato abbandonato e liberato, potendo così dare l’allarme. Forse i malfattori
cercavano soldi ma qualcosa non ha funzionato nel loro piano o, è anche probabile, hanno pagato la
loro «inesperienza».