casa Koshino

Commenti

Transcript

casa Koshino
AUTORE:
Tadao Ando
OPERA:
casa Koshino
LUOGO:
parco nazionale monte Rokko, Osaka Giappone
COSTRUZIONE:
1981, ampliamento 1984
BIBLIOGRAFIA:
El Croquis 44, 58 Tadao Ando;
monografia Tadao Ando
aerofotogrammetria
assonemetria
N
ingresso
studio
stanza
padronale
bagno
organigramma primo piano
LA COMPOSIZIONE
L'ingresso della casa, indirizzato da un vialetto posto in maniera
centrale, oltre l'ingresso si trova la stanza da letto padronale, un
bagno ed un piccolo studio, attraverso una scala rettilinea si accede
al livello inferiore occupato da un vasto salone a doppia altezza,
dalla zona pranzo e dalla cucina.
pianta primo piano
scala 1:200
lungo, ma della medesima larghezza, collegato al primo tramite un
corridoio interrato ad ovest. Questo secondo corpo contiene otto
piccole stanze da letto, per i bambini e gli ospiti, poste in linea e
ingresso
sapzi connettivi
Le stanze si aprono tutte a sud, schermate all'esterno da un porticato
e, per un tratto, da un muro di contenimento prolungato
parallelamente all'edificio.
Tra i due volumi, Ando, crea una specie di cortile interno aperto sui
due lati minori con uno spazio che si fonde ad est con il declivio del
monte e ad ovest si trasforma in una scalinata.
studio
cucina-sala pranzo
bagno
camera padronale
atelier
vista dall'alto
conclude, anche se addizione cronologicamente successiva, in
maniera omogenea e naturale il progetto di partenza. Ospita l'atellier
della padrona di casa, stilista, ed un piccolo bagno.
camera singola
cemento che si apre ad est, quasi fosse squarciato, in una grande
vetrata.
bagno
atelier
cucina
sala pranzo/salone
facciata est
pianta piano terra
scala 1:200
bagno
stanza 1
stanza 2
stanza 3
stanza 4
stanza 5
stanza 6
stanza 7
stanza 8
organigramma piano terra
LUCE & MATERIALE
L'illuminazione del salone viene generata da due grandi vetrate rettangolari e tagli differenti,
e da lucernari lunghi e stretti che tagliano il soffitto lungo i muri perimetrali lasciando entrare
la luce radente e cangiante sulle enormi superfici nude di cemento a vista delle
prospetto lato sud
scala 1:200
prospetto lato ovest
scala 1:200
cui Ando tende.
Lungo il muro curvo corre un
lucernario stretto che lascia filtrare
in maniera inquietante la luce
all'interno di questo spazio nudo e
quasi astratto.
Il calcestruzzo di Tadao Ando
reagisce alla luce disgelando la
sua vera natura e non
semplicemente il significato dato
dalla mano dell'uomo. Inoltre se
"la luce mostra nelle forme la sua
componente statica, mentre nel
colore disvela piuttosto quella
dinamica", la monocromia
intransigente del calcestruzzo di
facciata ovest
"desiderio di esibirsi"proprio delle
cose.
sezione
scala 1:200
studio compositivo della casa visto in 3D
divisione funzionale della casa visto in 3D
atelier
zona privata
zona ospiti

Documenti analoghi

L.A.C. Laboratorio di Architettura Contemporanea Mantova TADAO

L.A.C. Laboratorio di Architettura Contemporanea Mantova TADAO Tadao Ando nasce ad Osaka nel 1941. Dopo aver viaggiato negli Stati Uniti, in Europa ed in Africa, approfondendo la propria cultura da autodidatta, fonda nel 1969 il proprio studio di architettura ...

Dettagli