I cinque sensi dell`abbandono Poco prima di dormire

Commenti

Transcript

I cinque sensi dell`abbandono Poco prima di dormire
I cinque sensi dell’abbandono
di Luca Fiorini
Ho assaggiato le tue labbra
corpi, morsi, carne e piacere.
Ho sentito il tuo odore
quello vero che tu vivi.
Ho visto gocce più dense
tra la nebbia e i miei pensieri.
Ho toccato questo vetro
che si è posto tra noi due.
Ho udito il silenzio
troppo forte tra di noi.
Siamo nudi con noi stessi,
esseri imperfetti
perfettamente umani.
Poco prima di dormire
di Luca Fiorini
Siamo figli di un tempo che ci ripudia,
che abortisce la nostra esistenza.
Generazione suicida
tra sballo e surreale.
Felicità in pasticca e amori non corrisposti.
Involucri vuoti
fatti di mode e stereotipi.
Solo la musica ci salva
e il sesso ci anestetizza,
addolcendo per un momento
una verità per sempre amara.
Il tempo passa ma chi se ne frega,
siamo già morti dentro
da tempo immemore.
Guardati in faccia
di Luca Fiorini
L’Amore è un’illusione,
ma sono le illusioni stesse
che danno un senso alla nostra esistenza
contribuiscono alla convinzione
che ci sia pur qualcosa per cui valga la pena vivere.
Non c’è nessun Dio con cui prendersela,
nessuna entità superiore.
Non sono loro ad odiarci
ma è l’essere umano che odia sé stesso.
Cane mangia cane
e sei costretto ad odiare per non essere mangiato.