12 07 2010 cinefestival parolini 3 settimana

Commenti

Transcript

12 07 2010 cinefestival parolini 3 settimana
Comunicato stampa
Terza settimana di programmazione all’arena del Giardino Parolini
Prosegue la stagione del cinema all’aperto con Cinefestival Bassano, il progetto
cinematografico di Operaestate Festival Veneto, la lunga kermesse promossa dalla Città
di Bassano del Grappa con la regione del Veneto in collaborazione con il Ministero per i
Beni e le Attività Culturali, le Province di Vicenza e Treviso, la Fondazione Cariverona,
Unicredit, le aziende e gli istituti di credito aderenti al Club Amici del Festival.
Un film ogni sera, con inizio alle 21.30 durante le serate di luglio. Lunedì 12 luglio verrà
proiettato The informant! (U.S.A., 2009) di Steven Soderbergh. Abituati ai film di denuncia
di questo regista, si rimane piacevolmente colpiti nel vedere la sua ultima fatica.
Un’esilarante black comedy mascherata da thriller procedurale, dove i fatti reali sono
conditi con surreali espressioni dell’animo umano. Merito anche di un irriconoscibile Matt
Damon, ingrassato 13 chili per entrare nei grigi panni del perfetto impiegato d’azienda.
Un’importante multinazionale ha studiato una truffaldina politica per il controllo dei prezzi
sul mercato mondiale. Un agente dell’FBI e un biochimico sono incaricati di svelare il fatto
e di provare la frode; quando alla fine vi riusciranno, i colpevoli saranno condannati a
pagare una salatissima multa.
Martedì 13 luglio è la volta di I gatti persiani (Iran, 2009) di Bahman Ghobadi.
Probabilmente la pellicola iraniana più “giovane” e spiazzante di sempre. Il regista kurdoiraniano Bahaman Ghobadi ci mostra una Teheran metropolitana e vitale, dove si parla un
linguaggio moderno e la vita trascorre scandita da un senso di repressione manifesto.
Usciti da poco di prigione, due giovani musicisti, un uomo e una donna, decidono di
formare una band. Setacciano il mondo underground della Teheran di oggi in cerca di altri
musicisti. Siccome suonare in Iran è vietato, progettano di fuggire dalla loro esistenza
clandestina e sognano di esibirsi in Europa. Ma senza soldi e senza passaporti non sarà
facile.
Mercoledì 14 luglio, La battaglia dei tre regni (Cina, 2008) di John Woo. Spunto per oltre
una dozzina di videogame e per moltissimi fumetti, il popolare romanzo scritto settecento
anni fa da Guanzhong Luo dà vita ad un film esteticamente affascinante. Ai tempi della
Cina dei tre regni, III secolo d.C., il generale Cao Cao decide di invadere i regni del sud.
Per respingere l’invasore, il sovrano Sun Quan si allea con lo storico nemico Liu Bei, ma
nonostante tutto i loro eserciti sono ben poca cosa rispetto al milione di uomini di Cao
Cao. Tra curatissimo sonoro e scene d’azione dirette dal mitico coreografo Corey Yue si
giunge alla liberatoria battaglia di chiusura, immersa in frecce a tappeto ed effetti
pirotecnici.
Giovedì 15 luglio è in programma Il Profeta (Francia, 2009) di Jacques Audiard. Il regista
indaga il sistema carcerario, che ripete, in un ambiente più claustrofobico e più estremo, le
violenze esterne, creando piccoli microcosmi di potere. Dalla prigione non si esce migliori,
si esce induriti o piegati. Condannato a sei anni di reclusione, il diciannovenne Malik El
Djebena viene preso di mira dal leader della gang corsa che spadroneggia nel carcere.
Malik è costretto a svolgere numerose “missioni”, che però lo fortificheranno e gli
meriteranno la fiducia del boss. Ma Malik è coraggioso e impara alla svelta, e non esiterà
a mettere a punto un suo piano segreto. Nel momento in cui uscirà di prigione dopo sei
anni, sarà a capo di un vero e proprio impero.
Venerdì 16 luglio è la volta di Parnassus l’uomo che voleva ingannare il diavolo (Francia Canada, 2009) di Terry Gilliam. Il Dottor Parnassus può far vivere alle persone delle
esperienze indimenticabili grazie al suo specchio magico. Ma, a causa del patto che ha
stretto con il diavolo, sta per perdere la figlia Valentina avendo promesso che al
compimento del sedicesimo anno d’età la ragazza vada nelle mani del demonio. L’attore
Heath Ledger - che stava intensamente collaborando con Terry Gilliam al film - è morto
dopo i due terzi delle riprese, e gli amici Colin Farrell, Johnny Depp e Jude Law lo hanno
sostituito nelle sequenze mancanti, grazie all’espediente dello specchio magico, che
trasforma il mondo circostante e anche le sembianze di chi lo attraversa.
Sabato 17 luglio è in programma L’uomo che verrà (Italia, 2190) di Giorgio Diritti. Dopo il
felice caso de “il Vento fa il suo giro”, suo film di debutto, Giorgio Diritti riunisce uno
straordinario gruppo d’attori offrendo un importante contributo civile di memoria storica.
Inverno 1943, Martina ha 8 anni e da quando ha perso il fratellino ha smesso di parlare. La
mamma rimane nuovamente incinta e Martina vive nell’attesa del bambino che nascerà,
mentre la guerra man mano si avvicina e la vita diventa sempre più difficile. Nella notte tra
il 28 e il 29 settembre 1944 il bambino viene finalmente alla luce. Quasi
contemporaneamente le SS scatenano un rastrellamento senza precedenti, che passerà
alla storia come la strage di Marzabotto.
Domenica 18 luglio, a chiudere la terza settimana, A Single Man (U.S.A., 2009) di Tom
Ford. Lo stilista Tom Ford debutta nella regia con un melodramma impeccabile diretto con
garbo ed eleganza. Los Angeles, 1962. George Falconer, professore inglese di letteratura
all’università, ha perso in un incidente il compagno amato da sedici anni. Incapace di
reagire al lutto e all’afflizione, riordina carte, oggetti e sentimenti e decide di togliersi la vita
con un colpo di pistola. Proveranno a “ripararlo” e a trattenerlo sul baratro, Charley, una
vecchia amica delusa e disillusa, e Kenny, uno studente disponibile e sensibile. Spiegati i
missili nucleari a Cuba e puntata l’arma alla tempia, la “crisi” pubblica e privata è destinata
a esplodere o a rientrare?
Prezzi dei biglietti come lo scorso anno, interi 5 euro e ridotti 4 euro (riduzioni per ragazzi
fino a 14 anni e oltre i 60 anni). Abbonamenti per 10 film 35,00 euro.
Informazioni e abbonamenti Ufficio IAT di Bassano tel. 0424 524214