Aȱfarȱbelleȱleȱdonne

Commenti

Transcript

Aȱfarȱbelleȱleȱdonne
A far belle le donne, le antiche ricette in un volume esclusivo | Bonvivre
Home
HOME
Video
Liberoreporter.it
Segreti di Stato
CONTATTACI
Appuntamenti
I Libri di LR
Pagina 1 di 2
Search in site...
WEEK (il settimanale)
REDAZIONE
Bellezza
Criticart
Cultura
Fiori e piante
Il gusto
Moda o Classe?
Salute
Tempo Libero
World
!ȱ"#$ȱ%&''&ȱ'&ȱ()**&+ȱ'&ȱ#*,-./&ȱ$-.&,,&ȱ-*ȱ0*ȱ
1)'02&ȱ&3.'03-1)ȱ
Divani&Divani Natuzzi
Scopri la Nuova Collezione Divani Soft Touch di Natuzzi!
www.divaniedivani.it
‘Per non far crescere i peli piglia polvere di botte, farina de
lupini e alume de rocco arso e falle bollire con uno boccale
de acqua e lassa reposare per otto giorni poi bagna una
spongia e bagnia el loco dove voli pelar piú volte e tutti li
peli cascheranno’ cosí é scritto ne Il ricettario cosmetico di
Caterina Sforza nel XV secolo. Per non far crescere le
mammelle ‘piglia la radice di anagallo e lavala bene poi
tritala, piglia miele e fai bollire sino a che non é cotto,
mettilo dentro con l’olio rosato e fa bollire ancora. Poi
levala dal fuoco e distendila sopra una pezza tanto grande
che piglia la mammella’ (De’ secreti universali XVI sec.) e
poi consigli per fare i capelli biondi con cenere di vite, uova
e olio o per fabbricare un belletto a base di semi di zucca,
melone, cocomeri e angurie, il tutto tritato e miscelato con
olio di mandorle dolci o preparati per cancellare le macchie
del volto. Tutte ricette che hanno il sapore della bisnonna e
oltre raccolte con pazienza da libri antichissimi ed editati
nel bellissimo volume pubblicato da Aboca Museum dal titolo “a far belle le donne di Piero” quel
Della Francesca i cui volti sono riprodotti nelle pagine preziose. la casa natale del pittore é
adiacente al palazzo che a Sansepolcro ospita il Museo della azienda che ha fatto della ricerca
sulle piante medicinali una missione.
By Betsson
E la stessa famiglia Della Francesca commerciava in piante officinali con contatti frequenti con
l’antico orto francescano in cui lavorava Luca Pacioli , allievo del Maestro, che insieme alle erbe
si dedicava alla comprensione dei fenomeni della natura in pieno spirito rinascimentale.
Cinquecento anni piú tardi il principio che il benessere si misuri anche con la propensione a
prendersi cura di sé é sempre uguale. La bellezza corporea é da sempre stata inseguita come
valore, status e indicatore di livello sociale oltre ad essere un mezzo per affermarsi. La donna del
Quattrocento, in particolare, ha la massima cura della propria immagine, conscia del ruolo
dominante di padrona delle corti signorili del tempo, sebbene ancora subirdinata all’uomo,
inizia a intravedere margini di autonomia come la possibilità di studiare o di gestire la casa,
ambito nella quale é moglie, madre ma anche regina. Le famiglie coltivano questo patrimonio,
capace di generare matrimoni di buon casato e coltiva la bellezza con astuzie, trine, stoffe
pregiate e gioielli costosi. Nulla di molto diverso dall’attuale. E cosí sono ribaditi i criteri estetici
dominanti ai quali adeguarsi é conveniente: pelle bianchissima, capelli biondi o rosso naturale,
labbra rosse e occhi chiari e luminosi. É il periodo in cui l’avvio dei commerci marittimi apre le
porte a pietre preziose che arricchiscono i forzieri e le donne dei potenti. Questi completano un
abbigliamento ricco e sfarzoso con trucco e pettinature sempre impeccabili che richiedono lo
sforzo dinun nutrito gruppo di fantesche. Vanno di moda i capelli biondi e il segreto per
schiarirli si tramanda da madre in figlia. L’arte cosmetica quindi diventa una passione e una
scienza e tutto viene vagliato per le sue proprietà benefiche. Unguenti, profumi, belletti,
maschere, ma anche fondotinta e ceroni ricavati da sostanze vegetali sono il bagaglio di ogni
nobildonna che si rispetti sia essa una Gonzaga che un’Este, una Farnese, una Sforza o una
Medici. I ricettari sono chiamati ‘secreti’ e la professione di speziale diventa remunerativa e
richiesta. trovete in questo volume delle ricette scritte da Caterina Sforza, signora di Forlí che si
dedicó alla ricerca come una moderna alchimista. Il volume puó essere acquistato direttamente
sul sito www.aboca.com. Vi troverete una filosofia estremamente attuale, perché le donne sia
pure in tanti secoli, non sono, in fondo, affatto cambiate.
http://bonvivre.liberoreporter.eu/?p=3250
28/06/2012