Riflessioni su Aikido e bambini

Commenti

Transcript

Riflessioni su Aikido e bambini
AIKIDO
Riflessioni su Aikido e bambini
L’Aikido è un arte marziale che si diffonde in Europa
intorno agli anni sessanta ad opera degli allievi del Maestro
Morihei Ueshiba
Frutto finale di antiche conoscenze dell’arte della guerra,
dell’uso della spada e del combattimento armato ed a mani
nude, esso appare come un insieme di tecniche di difesa per
rispondere ad attacchi atti ad offendere la propria sicurezza
personale.
Questa disciplina, attraverso la pratica, rivela un
percorso che conduce ad un perfetto equilibrio tra corpo, mente,
e spirito.
E’ dunque nell’incontro tra arte marziale e principio
spirituale che si coglie l’essenza di quest’arte; diversamente da
altre discipline l’Aikido non è agonistico, non vi sono ne’ gare,
ne’ campionati, ne’ olimpiadi, proprio perché per chi lo pratica l’obbiettivo finale non è il confronto con l’altro, ma la
coscienza di se’ e della propria forza interiore, l’unica lotta è contro il nostro nemico numero uno: il nostro io, il
nostro ego.
Armonia e coordinazione fisica, attitudine al controllo delle emozioni, concentrazione, sviluppo della
sensibilità, sono soltanto alcuni degli obbiettivi realistici di un praticante.
L’Aikido dunque attraverso l’uso del corpo e la relazione che scaturisce con il compagno dall’allenamento,
diviene la “Via” per rendere armonioso il rapporto con noi stessi e gli altri, un concetto molto diverso da ciò che
propongono, con un messaggio decisamente fuorviante, molti film d’azione…!
I ragazzi che praticano l’Aikido intraprendono la strada del confronto con i compagni, per il tramite
dell’insegnante, in modo umile e disponibile.
Ogni interazione con il proprio partner ha il fine di produrre
piacere nell’apprendere, gratificazione e
rinforzo delle proprie sicurezze. La lezione comincia sempre con il saluto, momento di silenzio e rispetto, in cui
allievi ed insegnante si preparano ad affrontare un’ora insieme, focalizzata sulla disciplina, sull’educazione del
movimento, integrandoli con ginnastica, gioco, tecniche di concentrazione ed esercizi di equilibrio.
!
www.aikidotorino.net
Fin dalle prime lezioni poche e precise istruzioni faranno sperimentare ai giovani quanto l’unione mente–
corpo possa dare energia, potenza, calma e decisione. L’Aikido, se praticato con costanza, influirà anche sulla qualità
della vita e sulla formazione del carattere. I bambini saranno costantemente stimolati attraverso giochi e movimenti,
all’attenzione, alla precisione del gesto e alla relazione con gli altri. Il senso della disciplina, che è sempre presente
ma nulla toglie all’ aspetto ludico della lezione, comincia da subito e col tempo i bambini incominceranno ad
apprezzare ed a cogliere il significato di quest’arte marziale.
Al saluto iniziale seguono una serie di esercizi da effettuare da soli ed in coppia, di coordinazione per
ottenere una corretta postura del corpo sul preciso contatto dei piedi al suolo (si pratica scalzi). I fanciulli scoprono
come si può correttamente tenere una posizione di equilibrio senza vacillare, come il rilassamento del corpo non
corrisponda ad un cedimento fisico, bensì ad un potenziamento di tutte le fasce muscolari. Si impara soprattutto come
una precisa coordinazione del corpo nasca da un attento movimento di tutte le parti di esso.
Lo studio delle tecniche viene integrato con l’insegnamento delle “cadute”, fondamentali per l’esecuzione
delle medesime; un preciso contatto con il suolo (mente e corpo coordinati) al momento dell’impatto evita rovinosi e
pericolosi ruzzoloni.
Durante lo svolgimento della lezione, l’istruttore terrà sempre in evidenza la diversità delle varie fasce di età
per far si che sia l’aspetto ludico che tecnico siano alla portata di tutti in modo che ogni partecipante rimanga attento
e motivato a partecipare in modo positivo.
Bisogna ricordare infine che i praticanti di Aikido, sia bambini che adulti, imparano l’autodisciplina, la non
aggressività, in quanto si insegna ad abbassare il più possibile il livello di conflittualità sia con gli altri che con noi
stessi.
La lezione si conclude con il saluto finale nel quale ci si rilassa e si ripensa alle cose imparate durante la
lezione.
!
www.aikidotorino.net