08) CME_Restauro solaio ligneo

Commenti

Transcript

08) CME_Restauro solaio ligneo
Settore A4 – Restauro e conservazione del Patrimonio immobiliare artistico e storico
Regione Emilia Romagna
Provincia di Modena
Comune di Carpi
Castello dei Pio: Sala Manuzio (2° stralcio)
Opere di restauro soffitto ligneo, realizzazione impianti e pavimento
PROGETTO ESECUTIVO A4 n. 197/2013
Computo metrico estimativo
restauro solaio ligneo
Carpi, 07 ottobre 2015
Il Restauratore di opere d’arte
Alberto Mauro Sorpilli
………………………………….
Il Responsabile di Procedimento
Arch. Giovanni Gnoli
..................................................
Progetto esecutivo n. 197/13: computo metrico estimativo
1
art.
DESCRIZIONE
n.
lungh. largh. altez.
Ml
Ml
Ml
area
mq
prezzo
unitario
OPERE DA RESTAURATORE
1 RESTAURO DEL SOFFITTO LIGNEO DECORATO comprendente:
a) Indagini preliminari
Conoscenza dei materiali lignei che compongono le strutture e delle coloriture
applicate in essi (indagini chimiche, biologiche, ecc.). Tali indagini serviranno a
determinare la metodologia da applicare nell’intervento di restauro.
Test di pulitura sul materiale e prove di consolidamento.
Documentazione fotografica delle principali fasi di intervento.
a corpo
b) Controllo preventivo
L’intera superficie interessata sarà sistematicamente controllata per individuare
zone decoese, fatiscenti o pericolanti, tali parti andranno preventivamente
sondate per controllare se esistono distacchi e sollevamenti negli strati
superficiali e nelle finiture dipinte.
Se necessario verranno velinate con bendaggi di carta giapponese le zone
distaccate della pellicola pittorica.
Se esistono distacchi di parti lignee ( cornici, coprifilo…..) andranno smontate e
catalogate poi successivamente rimontate in fase di consolidamento
a corpo
c) Disinfestazione
La salvaguardia del legno, dall’attacco di funghi o insetti, dovrà garantire la
buona conservazione del materiale nel tempo; la protezione del legno avverrà
mediante l’utilizzo di sostanze chimiche garantendone così la repellenza
all’aggressione da parte di funghi, organismi e insetti. I protettivi da utilizzare
saranno di vario tipo e potranno essere impiegati in base alla tipologia,
l’esposizione e l’esercizio del manufatto da proteggere. Saranno, in ogni caso,
da evitare applicazioni di prodotto in forti spessori, in quanto lo scopo dovrà
essere quello di proteggere il legno e non isolarlo dall’ambiente.
I prodotti capaci di preservare i materiali lignei potranno essere; composti
chimici semplici o miscele di diversi formulati come ad esempio, le sostanze
sintetiche in solventi organici, i sali minerali solubili in acqua e i prodotti oleosi
naturali.
Trattamento insetticida per l’eliminazione di animali xilofagi dato a pennello e ad
iniezione nelle zone dove abbisogna.
a corpo
d) Pulitura
2.400,00
520,00
800,00
Prima di eseguire le operazioni di pulitura sulle superfici lignee, sarà opportuno
attenersi a delle specifiche procedure al fine di salvaguardare l’integrità del
materiale. Le operazioni preliminari comprendono le seguenti fasi esecutive:
−
Identificazione dell’essenza lignea;
−
Identificazione dei depositi incoerenti da dover rimuovere e campagna di
saggi al fine di verificare eventuali tracce di cromie originali;
−
Eventuale preconsolidamento, se si riscontra la necessità, del materiale
prima di iniziare la pulitura;
−
Applicazione del sistema di pulitura prescelto su campionature di
materiale;
−
Analisi dei risultati ottenuti sulla superficie campione prima di estendere
le operazioni di pulitura a tutta la superficie.
Eliminazione dei depositi di particellato atmosferico con utilizzo di spugne
Wisahb.
Impacchi pulenti e lavaggi nelle zone di rifacimenti pittorici e in base alle
sedimentazioni da rimuovere variando le metodologie e le dosi dei prodotti
pulenti da utilizzare.
a corpo
e) Stuccatura e integrazione
La procedura conteplerà il riempimento di fori, fessure ed altre soluzioni di
continuità d’elementi lignei appartenenti sia ad unità strutturali (travi, barcarecci,
travicelli, ecc ) con stucco, steso a spatola, composto con impasti diversi.
Previa eventuali operazioni preliminari di pulitura da eseguire secondo le
prescrizioni di progetto sverniciatura con aria calda, pulitura manuale ecc.) la
procedura prevederà la spolveratura, con un pennello morbido, della fessura e
il successivo trattamento con tampone imbevuto d’alcool denaturato. Nel caso
d’interventi rivolti alla “ricostruzione” di spigoli o porzioni vive, sarà vantaggioso
mettere in opera uno stucco più denso con l’aggiunta di colla di coniglio.
21.687,62
Importo
totale
art.
DESCRIZIONE
n.
lungh. largh. altez.
Ml
Ml
Ml
area
mq
prezzo
unitario
Importo
Le ricette per confezionare stucchi sono svariate in ragione al tipo di legno, e
alla fessurazione da riempire, in linea generale se non diversamente specificato
negli elaborati di progetto si potrà utilizzare un impasto composto da un legante
naturale da scegliere tra gesso, colla animale (ad es. coniglio), cera d’api o da
un legante sintetico (polimero come ad es. le resine acriliche) e da un inerte
(con funzione di antiritiro e di colorante) costituito da polvere di legno o
microfibre. All’interno di questo impasto potranno essere inseriti, in percentuali
non superiori a 5%, eventuali pigmenti al fine di avvicinare la tonalità cromatica
originale.
Nel caso di stuccature d’elementi strutturali, si potranno utilizzare leganti a base
di polimeri sintetici (le resine più utilizzate sono quelle epossidiche o
poliuteraniche in ragione al tipo di stuccatura da eseguire) opportunamente
caricati con polvere di segatura o fillers allo scopo di migliorare la resistenza a
compressione e ridurre il volume di resina impiegato così da contenere lo
sviluppo di calore al momento della reazione esotermica. L’impasto dovrà
essere una consistenza tissotropica e sarà applicato per, eventuali, strati
successivi con spatola (tempo di presa a 23°C ca. 6-8h, tempo d’indurimento
completo ca. 5-7 giorni). Le resine utilizzate dovranno essere compatibili con il
legno, pertanto dovranno presentare un’elasticità tale da sostenere variazioni
dimensionali imposte dagli sbalzi termici e modulo elastico similare a quello del
legno (ca. 3000 N/mm2).
Nel caso in cui le dimensioni delle lacune saranno tali da non rendere
conveniente operare delle stuccature si dovrà intervenire attraverso la
procedura della tassellatura.
Integrazione delle lacune e delle parti di legno mancanti con essenze simili
all’originale e stuccature delle micro fratture.
a corpo
f) Consolidamento
Eventuali parti di legno disgregato che risultassero collabenti o con segni
evidenti di un degrado avanzato andranno consolidate con iniezioni di resine
acriliche in solvente.
a corpo
g) Restauro pittorico
Ricomposizione dei cromatismi della decorazione con integrazione a velatura
delle lacune e riduzione dell’interferenza visiva da eseguirsi con colori ad
acquerello e/o tempera per le parti decorate, tonalizzazioni a mordente delle
parti lignee.
a corpo
h) Fissaggio finale
)
2.400,00
1.680,00
3.720,00
Dove necessario, con un leggero protettivo a base di resine acriliche diluite in
solvente organico a bassa concentrazione, nebulizzato a pressione, per
ottenere una presentazione ad effetto satinato, coerente con l’indice di
rifrazione caratteristico della pellicola pittorica a tempera magra.
Trattamento protettivo da applicare anche come fissativo delle zone restaurate
con resine acriliche o con cere protettive.
a corpo
Calcolo della superficie in sviluppo del solaio:
superficie in pianta
superficie laterale travi principali
superficie laterale riquadrature su muri e travi
superficie laterale riquadrature sui travi e travetti
sommano MQ.
COSTO AL MQ DEL RESTAURO € 230,00 = ( € 34.107,62 / 148,29 MQ )
900,00
sommano
6
4
52
10,90
7,30
7,30
2,30
7,30
2,50
0,40
0,5
0,06
0,15
79,57
21,90
4,70
42,12
148,29
2
RESTAURO DEL MATERIALE LAPIDEO DEL CAMINO comprendente:
a) Interventi conoscitivi e di documentazione
art. 015002- Esecuzione di saggi relativi alle diverse fasi dell'intervento, per
l'applicazione di materiali e metodologie diverse, inclusi gli oneri per la
comparazione con i dati emersi dalle indagini diagnostiche e dalle indagini
storico-archivistiche. Stima su base oraria del restauratore inclusi gli oneri
relativi alle opere provvisionali necessarie
b) Operazioni preliminari
art. 015021- Rimozione di depositi superficiali incoerenti a secco con
pennellesse, spazzole e aspiratori; inclusi gli oneri relativi alla protezione delle
superfici circostanti, per tutti i tipi di pietra situati in ambienti interni
295,38
28,00
34.107,62
art.
DESCRIZIONE
art. 015024- Stuccatura e microstuccatura temporanea con malta a base di
grassello e sabbia fine nei casi di esfoliazioni, fessurazioni, scagliature,
fratturazioni o lesioni, per prevenire gli effetti dilavanti provocabili da puliture a
base di acqua inclusi gli oneri relativi alla successiva rimozione della malta
provvisoria, per una diffusione del fenomeno entro il dmq, da valutare a singolo
intervento
c) Operazioni di consolidamento
n.
lungh. largh. altez.
Ml
Ml
Ml
area
mq
prezzo
unitario
Importo
35,00
art. 015030- Ristabilimento della coesione mediante impregnazione per mezzo
dei pennelli, siringhe, pipette, a seguito o durante le fasi della pulitura; inclusi gli
oneri relativi alla rimozione degli eccessi del prodotto consolidante, su superfici
mediamente e/o molto lavorate situate sia in ambienti esterni sia in ambienti
interni, con silicato di etile, mediante applicazione fino a rifiuto
130,00
art. 015037- Disinfezione da colonie di microrganismi autotrofi o/e eterotrofi
mediante applicazione di biocida e successiva rimozione meccanica, su opere
situate sia in ambienti esterni sia in ambienti interni; da valutare al mq sui mq
effettivamente interessati dal fenomeno, esclusi gli oneri relativi al fissaggio
delle superfici circostanti in pericolo di caduta
art. 015039- Trattamento finale mediante applicazione di biocida per prevenire
la formazione di attacchi di microrganismi autotrofi; da eseguire su titti i tipi di
opere in pietra mediante un ciclo di applicazione
117,00
30,00
art. 015041- Rimozione di depositi superficiali coerenti, incrostazioni,
concrezioni, fissativi alterati mediante applicazione di compresse imbevute di
soluzione satura di sali inorganici o carbonato ammonio; inclusi gli oneri relativi
ai saggi per la scelta della soluzione e dai tempi di applicazione idonei e alla
successiva rimozione meccanica dei depositi solubilizzati mediante
pennellesse, spazzole, bisturi, specilli
d) Operazioni di pulitura meccanica
art. 015048 - Rimozione di depositi coerenti di notevole spessore quali croste
nere o strati carbonati con mezzi meccanici manuali e/o con strumentazioni di
precisione; inclusi gli oneri relativi alla eventuale protezione provvisoria di
oggetti confinanti su superfici piane:
/a- b- c- e- f- con bisturi, con martello e scalpello, con scalpellino pneumatico,
con apparecchio ad ultrasuoni, con microsabbiatrice
390,00
440,00
e) Operazioni di stuccatura, microstuccatura e presentazione estetica
Stuccatura con malta nei casi di fessurazioni con malta nei casi di fessurazioni,
fratturazioni, mancanze profonde massimo 3 cm; operazione eseguibile su tutti
i tipi di pietra situati sia in ambienti esterni sia in ambienti interni, inclusi gli oneri
relativi ai saggi per la composizione di malte idonee per colorazione e
granulometria, alla lavorazione superficiale della stessa e alla pulitura di
eventuali residui delle superfici circostanti
Ristabilimento della coesione mediante impregnazione per mezzo di pennelli,
siringhe, pipette, a seguito o durante le fasi della pulitura; inclusi gli oneri relativi
alla rimozione degli eccessi del prodotto consolidante, su superfici mediamente
e/o molto lavorate situate sia in ambienti esterni sia in ambienti interni, con
silicato di etile, mediante applicazione fino a rifiuto
f) Operazioni di presentazione estetica e protezione
Revisione cromatica per eliminare gli squilibri eccessivi creatisi nel tono
generale del parametro murario e delle integrazioni, da eseguirsi mediante
velature con acqua e calce pigmentata e protezione finale a base di cera
microcristallina
TOTALE OPERE DA RESTAURATORE
280,00
150,00
360,00
sommano
Euro
Carpi, 07 ottobre 2015
Il Restauratore di opere d'arte
Albero Mauro Sorpilli
…………………………………..
Il Responsabile del Procedimento
Arch. Giovanni Gnoli
……………………………………………..
2.255,38
36.363,00