Fish and chips,Il cocktail più costoso del mondo

Commenti

Transcript

Fish and chips,Il cocktail più costoso del mondo
Fish and chips
Il fish and chips è un piatto tipico della
cucina britannica. Consiste in filetto di pesce bianco (solitamente gadidi
come il merluzzo o l’eglefino) fritto in pastella e attorniato da abbondanti
e spesse patatine, anch’esse fritte, scelte tra le cultivar farinose Maris
Piper, King Edward o Desirée. Viene servito con una spruzzata di sale e di
aceto (solitamente di malto) e molto spesso è accompagnato anche da altre
pietanze, spesso piselli (bolliti in modo particolare a formare una zuppa
grumosa). È un piatto molto diffuso anche in Australia, Nuova Zelanda,
Sudafrica e Stati Uniti.
Ingredienti:
Merluzzo filetti 500 gr.
Patate 500 gr.
Per la pastella
Uova 1 tuorlo
Farina tipo 00 50 gr.
Farina di mais fioretto 70 gr.
Latte 200 ml
Paprika 1 pizzico
Lievito di birra disidratato 6 gr. (18 gr. se fresco)
Per la purea di piselli
Scalogno 1
Menta fresca 8 foglioline
Sale q.b.
Brodo vegetale 70 ml
Piselli 300 gr.
Olio di semi 1 filo
Per friggere
Olio di semi per friggere 500 ml
Preparazione:
Per preparare il fish and chips iniziate dalla pastella che dovrà lievitare:
sciogliete il lievito di birra in 3 cucchiai di latte tiepido, mescolate e
lasciatelo riposare una decina di minuti al caldo. Mettete poi tutti gli
altri ingredienti in una ciotola abbastanza capiente: la farina bianca, il
fioretto di mais setacciate, un pizzico di peperoncino, un rosso d’uovo e una
punta di lievito in polvere e il resto del latte a temperatura ambiente. Con
una frusta, miscelate per bene gli ingredienti, quindi aggiungete per ultimo
il lievito di birra disciolto nel latte e mezzo cucchiaino di sale. Coprite
il recipiente con pellicola trasparente e lasciate fermentare la pastella per
1 ora e mezza in un ambiente caldo e senza correnti d’aria. Nel frattempo
preparate la purea di piselli; sgranate i piselli freschi, poi tritate
finemente lo scalogno e sciogliete in un tegame il burro. Versate lo scalogno
tritato nel tegame e fatelo appassire per qualche istante; unite poi i
piselli e le foglioline di menta. Per favorire la cottura e insaporire,
versate un mestolo di brodo vegetale e fate stufare i piselli per 10-15
minuti. Quando saranno pronti, togliete i piselli dal fuoco, tenetene da
parte un paio di cucchiai e frullate i restanti; aggiustate di sale e poi con
un mestolo di legno incorporate alla purea i piselli messi da parte.
Preparate le chips: pelate le patate e tagliatele per il lungo, in modo da
ottenere dei bastoncini dello spessore di circa 1-1,5 cm; sciacquatele per
bene sotto acqua corrente per togliere l’amido in superficie e asciugatele
completamente con un panno da cucina. Infine, preparate il “fish”: tagliate i
filetti di merluzzo in rettangoli di circa 8-10cm di lunghetta e 4 cm di
spessore. Ora potete friggere il fish and chips; in due padelle riscaldate
l’olio controllando con il termometro da cucina che non superi i 130-140°.
Friggete poche patate per volta per circa 4 o 5 minuti; questa prima frittura
a bassa temperatura serve per cuocere l’interno delle patate ma non deve
renderle croccanti all’esterno. Scolatele dal’olio aiutandovi con una
schiumarola e mettetele a scolare su un vassoio foderato con carta
assorbente. Tenetele da parte perchè poi procederete ad una seconda frittura.
Poi alzate la temperatura dell’olio a circa 180°, nel frattempo mettete i
pezzi di merluzzo a bagno nella pastella (che avrà iniziato a fermentare)
immergendoli con una pinza. Lasciateli qualche istante a mollo, poi scolatene
un pezzo alla volta e gettateli nell’olio bollente, 2-3 pezzi per volta per
evitare che si attacchino l’un l’altro. Quando la pastella sarà dorata,
scolate i filetti di pesce e poneteli su un vassoio foderato con carta
assorbente; non prolungate troppo la cottura, poiché se il pesce friggerà
prolungatamente, diventerà troppo secco, perdendo la sua fragranza. In
ultimo, friggete per la seconda volta le patate, sempre poche alla volta,
nello stesso olio usato per la cottura del pesce, finchè non saranno ben
dorate e croccanti. Servite fish and chips ben caldo accompagnando il piatto
con la caratteristica purea di piselli alla menta.
Il cocktail più costoso del mondo
costa circa 9.000 sterline
Il
cocktail più costoso del mondo è in vendita a Londra costa quanto una nuova
auto di famiglia circa 9.000. sterline, oltre 10.000 €uro. Il ‘Gigi è stato
creato in onore di Grace Jones e tra i sui ingradienti c’è champagne d’annata
e un brandy ultra-rare dal 1888. E ‘realizzato con un champagne vintage e un
di brandy Armagnac ultra-raro che precede la guerra anglo-boera. Il risultato
è descritto come ‘oro liquido’. Il prezzo è equivalente a una nuova
Mitsubishi Mirage o un Rolex Submariner. E ‘stato creato per l’attrice Grace
Jones madrina all’apertura del ristorante Gigi a Mayfair, pluri-stellato,
avvenuta Giovedi scorso a cui ha partecipato con Boy George. Cesare Papagna,
manager del ristorante, ha detto che voleva dare all’iconica star del cinema
qualcosa di “veramente speciale” per l’occasione. Il Gigi offre l’aspetto di
un cocktail di champagne tradizionale che di solito è realizzato con cognac e
amari vari. Tuttavia è fatto con una bottiglia vintage del 1990 di Cristal e
una bottiglia del 1888 Samalens Vieille reliquia Vintage del Bas Armagnac, e
condita con “profusione” di foglie d’oro. I creatori sostengono il ‘Gigi sia
il Top delle bevande più costose del mondo – battendo il Melbourne 8167
sterline detto ‘Winston’ che si trova al secondo posto. Grazie al suo prezzo,
la bevanda deve essere pagato in anticipo per evitare situazioni “piuttosto
imbarazzanti”, per cui è rifiutato il debito e occcorre la carta di credito
di un mecenate.
Scoperto oro microscopico nei
dintorni di Stonehenge
Gli
archeologi hanno appena rivelato il processo utilizzato da antichi artigiani
altamente qualificati nel creare magnifici manufatti d’oro trovati intorno a
Stonehenge. Secondo Discovery News , l’oro era composto da minuscole
particelle che gli esperti ottici ritengono potessero essere fatti solo da
bambini o adulti con estrema miopia, o avrebbero riportato danni permanenti
alla loro vista. Nel 1808, William Cunnington, uno dei primi archeologi
professionisti della Gran Bretagna, scoprì quello che è diventato noto come
“i gioielli della corona del ‘Re di Stonehenge’. E’ stato trovato all’interno
di un grande tumulo dell’età del bronzo appena mezzo miglio da Stonehenge,
conosciuto oggi come Bush Barrow. Nel tumulo del 4000 aC, Cunnington trovò
gioielli, un ricamo d’oro che era fissato al mantello, e un pugnale finemente
decorato. “Il lavoro d’oro era finissimo, fu usato nella realizzazione e il
posizionamento di letteralmente decine di migliaia di minuscoli componenti
fatti singolarmente, ognuno di circa un millimetro di lunghezza e di circa un
quinto di millimetro,” ha detto David Dawson, direttore del Museo Wiltshire
Devizes, in cui i risultati del lavoro con micro-oro sono in esposizione
permanente. Un rapporto dell’The Independent ha spiegato il processo
stupefacente utilizzato nella creazione del manico di un solo pugnale, ornato
con circa 140.000 piccole borchie dorate di solo un terzo di millimetro. La
prima fase ha comportato la produzione di finissimo filo d’oro, solo un po
‘più spesso di un capello umano. L’estremità del filo era poi appiattito per
creare un perno a testa, ed è stato poi tagliato con una selce affilata o
rasoio di ossidiana, appena un millimetro sotto la testa. Questa procedura
delicata è stata poi ripetuta letteralmente decine di migliaia di volte.
“D’avanti, un piccolo punteruolo di bronzo con una finissima punta è stato
usato per creare i fori nel manico del pugnale in cui erano posizionati i
piccoli elementi”, ha scritto The Independent. “Poi un sottile strato di
resina d’albero è stato strofinato sulla superficie, come adesivo, per
mantenere i perni in posizione. Ogni perno è stato poi accuratamente inserito
nel suo minuscolo buco – probabilmente con l’aiuto di un osso o di una
pinzetta di legno, perché le borchie sono troppo piccole per essere state
poste in posizione direttamente dalle dita dell’artigiano ” La particolare
decorazione del manico pugnale, è confrontabile con un ago per cucire. Le
borchie sono state collocate in linee rette e le teste sovrapposte l’un
l’altro come squame di pesce. “Stimiamo che l’intera operazione – la
fabbricazione del filo, fare i buchi, incollare la resina e il posizionamento
del perno – avrebbe richiesto almeno 2500 ore per essere completata,” ha
detto David Dawson. Ronald Rabbetts, un esperto di ottiche dell’occhio umano,
ha esaminato il lavoro intricato dell’oro sul manico del pugnale e ha
spiegato che solo i bambini, i giovani adolescenti, o naturalmente i miopi
adulti avrebbero avuto la vista abbastanza precisa per tale lavoro
dettagliato, e le lunghe ore di loavoro e la messa a fuoco avrebbero
rapidamente danneggiato la loro visione. “Solo i bambini e gli adolescenti e
gli adulti che erano diventati miopi naturalmente o per la natura del loro
lavoro, sarebbero stati in grado di creare e produrre tali oggetti
minuscoli,” ha detto. “Non ci sarebbe quasi certamente stata una parte della
classe elitaria dell’età del bronzo un artigiano simile, spesso a causa del
loro lavoro, in infanzia, era miope nella loro vita adulta. Sarebbero quindi
stati in grado di fare qualsiasi altro lavoro a parte la realizzazione di
piccoli manufatti e avrebbero dovuto essere sostenuto dalla comunità in
generale. ” The Independent sostiene che la ricerca sulle ottiche della vista
umana di lavoro con il micro-oro nell’età del bronzo ha notevoli implicazioni
per la comprensione più piena della natura della società in Europa
occidentale circa 4000 anni fa.
Miele vs batteri resistenti agli
anti-biotici
Il
miele grezzo rappresenta una speranza contro i «super germi» resistenti ai
farmaci. A dire la verità era una cura già in uso tra gli uomini preistorici,
ma anche i nostri scienziati l’hanno verificata, e funziona. Uno studio,
pubblicato dall’inglese Wound Journal, spiega con dati eloquenti che molti
batteri resistenti a forti famaci, soccombono solo al miele. Cavalli feriti
che non guarivano sono stati curati con una pasta al miele e sono guariti.
Tobias Olofsson, l’autore dello studio, in un comunicato stampa, ha spiegato
che: «Gli antibiotici sono per lo più una sostanza attiva, efficace contro un
ristretto spettro di batteri. Il miele quando è utilizzato “vivo”, permette a
questi batteri lattici, se necessario, secondo il tipo di minaccia, di
produrre il giusto tipo di composti antimicrobici. Il miele delle api a
tutela della salute contro altri microrganismi nocivi sembra aver funzionato
bene per milioni di anni. Tuttavia, poiché il miele comprato al supermercato
non contiene i batteri lattici vivi, negli ultimi anni molte delle sue uniche
proprietà sono state perse». Comprate miele sicuro!!!!
Teiera prodotta con cioccolato
Alcun
i Mestri Cioccolatieri hanno dimostrato che l’impossibile è possibile, con la
creazione di una teiera in cioccolato, senza farla fondere. Un’idea
assolutamente inutile che viene portata a termine nella speranza di
guadagnarci qualacosa. Il dewtto: “utile come una teiera di cioccolato”,
intende proprio l’inutilità dell’impegno messo nel costruire la cosa, ma
alcuni scienziati e ingegneri della Nestle Product Technology Centre hanno
trasformato, questa settimanai, l’inutilità e l’impossibilità del concetto,
in realtà, riuscendo a costruire una teiera pienamente funzionante fatta
interamente in cioccolato. John Costello e il suo team hanno scoperto che il
segreto per consentire alla teiera di sopportare il caldo, dopo essere stata
riempita con acqua calda, era costruirla con strati di cioccolato fondente in
un apposito stampo in silicone. “si versa l’acqua in un certo modo e non si
mescola, e si lascia fermentare, come si farebbe normalmente, si prepara una
tazza di tè, e si lascia riposare per un po ‘cioè quando si versa qualcosa di
caldo all’interno, quello che succede è che il cioccolato nella parte interna
del guscio si scioglie ma non fonde il recipiente”, ha detto Costello. In
totale il processo di costruzione della teiera impiega circa due ore e mezzo.
Ecco il video:
Insediamento preistorico scoperto in
un’area prevista per l’Ambasciata
degli Stati Uniti a Londra
Un
accampamento preistorico è stato scoperto lungo il fiume Tamigi in una zona
riservata per la nuova ambasciata americana a Londra, secondo un rapporto di
Science. I ricercatori non sono ancora stati in grado di restringere il
periodo di tempo specifico dell’abitato, ma hanno stimato che il sito risale
tra i 12.000 e i 500.000 anni fa. Se la data è quest’ultima, la scoperta sarà
molto significativa.
“Siti preistorici a Londra sono estremamente rari e avere un tale orizzonte
conservato è abbastanza significativo”, ha detto Kasia Olchowska,
un’archeologa anziana presso il Museum of London Archaeology. Gli archeologi
stavano svolgendo degli scavi prima della costruzione dell’ambasciata, quando
hanno scoperto gli strumenti dell’età della pietra, i resti carbonizzati di
fuochi, ossa di animali, e una possibile trappola per i pesci costituita da
due file di pali di legno che si estendeva su un’area lunga 12 metri.
Il manufatto più antico dal sito è di selce del Paleolitico, ed è stato
probabilmente travolto da un canale del fiume. I ricercatori non hanno
individuato l’età esatta per gli strumenti di pietra, ma il tutto fa pensare
che sia stato realizzato tra i
100.000 e i 12.000 anni fa, ma forse anche più vecchio circa 500.000 anni fa.
Ulteriori ricerche sono in corso nel tentativo di restringere quel lasso di
tempo. Il team ha anche trovato altri strumenti di pietra, tra cui una lama
di 12.000 anni fa, che sarebbe stata fatta in osso o legno e utilizzata come
uno strumento o un’arma, e raschiatoi neolitici portatili che sarebbero stati
utilizzati per la lavorazione del legno o per far pulizia.
Olchowska ha spiegato che la zona è stata probabilmente utilizzata per
piazzole di spedizioni temporanee di caccia e di pesca. Nei tempi antichi,
l’area era costituita da una rete di canali ed era molto più umida di quanto
non sia oggi, il che la rendeva inadatta all’insediamento permanente. Mentre
è più probabile che l’edificio dell’Ambasciata procederà come previsto, la
nuova scoperta dà agli archeologi la possibilità di studiare una zona più
ampia della vita preistorica di Londra.
Morto il “cattivo” Richard Kiel
Sir Roger
Moore ha detto che è rimasto “totalmente sconvolto” per la morte del coprotagonista di James Bond, Richard Kiel, che è morto all’età di 74 anni.
L’ex stella di 007, ha reso omaggio al 74enne attore, meglio conosciuto per
aver interpretato il cattivo con i denti di metallo ‘Jaws’ in La spia che mi
amava e Moonraker, morto ieri. Sir Roger, 86 anni, ha scritto su Twitter:
“Sono assolutamente sconvolto nel sapere della morte del mio caro amico
Richard Kiel. Eravamo in un programma radiofonico insieme solo una settimana
fa. Sono affranto. La star americana, imponente, ha fatto due apparizioni
nella serie di James Bond, ed è morto in ospedale a Fresno, in California,
ieri. Una portavoce del Saint Agnes Medical Center ha confermato la morte di
Kiel – ma non ha rivelato la causa, citando invece la riservatezza del
paziente. Il gigante attore americano è diventato una figura di culto grazie
al suo ruolo in Bond e era un must-vederlo su circuito dei cinefili accaniti
‘tutta la sua vita. L’agente di Kiel, Steve Stevens ha detto: “Era un amico
molto leale e cliente da oltre 35 anni, un marito fantastico e padre, e non
era solo un attore gigantesco, ma un uomo gigante”. Originariamente destinato
a morire alla fine di La spia che mi amava, il personaggio di Jaws era così
popolare con i fan che i capi dello studio hanno insistito con Kiel per
riapparire sullo schermo, per riprendere il suo ruolo in Moonraker. “La
sceneggiatura originale era per lui di essere ucciso da uno squalo”, ha
ammesso. “Hanno poi filmato ed hanno anche girato un finale in cui
sopravviveva e la popstar usciva fuori dell’oceano.
Affermò: “Questo è stato uno dei grandi momenti per me, guardare la
proiezione del film, La spia che mi amava, e vedendo la reazione della folla
al teatro quando Jaws è spuntato fuori l’oceano, ed è sopravvissuto e nuotò
viaè stato emozionante. Ci sono stati fischi e urla, applausi. non riuscivo a
crederci. ” Kiel, nativo di Detroit, è apparso al fianco di Adam Sandler in
Happy Gilmore nel 1996, e più recentemente ha prestato la sua voce al cattivo
e
vile Vlad nel 2010 dal racconto di Tangled. Richard Kiel è sopravvissuto alla
moglie, Diane, ed ai loro tre figli.
Nativo di Detroit, Kiel è stato descritto come “un marito e un padre
fantastico” [UNITED ARTISTS]
Scoperta la carogna di un leone nel
freezer di un ristorante
UK –
L’animale morto è stato scoperto infilato in un congelatore nella cucina di
un ristorante, che non è stato rivelato. Il proprietario della struttura ha
detto agli ispettori sanitari che il leone gli è stato donato da uno zoo
vicino per nutrire la sua muta di cani. E poiche’, il leone era l’unica
violazione del codice della salute, al ristorante è stato permesso di
continuare la sua attività. La scoperta sconvolgente è stata rivelata da Ian
Brightmore, un gestore di tutela della salute nel Chichester District
Council, nel Sussex occidentale. Il ristoratore non si è espresso su quando o
dove ha trovato l’animale congelato. Ha solo affermato: “Quando lavoravo in
un’altra zona mi sono imbattuto in un leone morto dentro il congelatore. “il
cibo era vicino a uno zoo e il cui proprietario deteneva anche una muta di
segugi e le confezioni di cibo ricavate erano destinati alla loro
alimentazione. “Perché il leone fosse stato tenuto in un luogo in cui
venivano conservati alimenti destinati al consumo umano, non è stato
rivelato, ovviamente abbiamo dovuto prendere provvedimenti.” Ha affermato il
funzionario.
Per sconfiggere il cancro basta
un’iniezione di sale
Alcuni ricercatori dell’Università
di Southampton, parte di un team internazionale, hanno contribuito a creare
una molecola che può uccidere la malattia tumorale trasportando ioni di sodio
e cloro nelle cellule colpite.
Trasportatori di ioni sintetici sono stati creati per lo scopo, i ricercatori
hanno dimostrato come un afflusso di sale in una cellula inneschi la morte
cellulare.
Questi trasportatori di ioni sintetici, descritti questa settimana sulla
rivista Nature Chemistry, potrebbe indicare la strada a nuovi farmaci antitumorali, mentre ne potranno beneficiare anche pazienti con fibrosi cistica.
Gli scienziati hanno creato una tecnica che può portare alla morte delle
cellule tumorali, che si autodistruggeranno dopo essere state iniettate con
il sale.
Il co-autore allo studio, professor Philip Gale, dell’Università di
Southampton, ha detto: ‘Questo lavoro dimostra come trasportatori di cloruro
possono lavorare con i canali del sodio nelle membrane cellulari a causare un
afflusso di sale in una cella.
‘Abbiamo scoperto che possiamo innescare la morte cellulare con il sale.’
Le cellule nel corpo umano lavorano duramente per mantenere una
concentrazione stabile di ioni all’interno delle loro membrane cellulari.
Turbare questo delicato equilibrio può attivare le cellule e costringerle ad
uccidersi attraverso l’apoptosi, nota come morte cellulare programmata, un
meccanismo che l’organismo utilizza per liberarsi di cellule danneggiate o
pericolose.
Un modo per distruggere le cellule tumorali è quello di innescare questa
sequenza di autodistruzione modificando il bilanciamento ionico nelle
cellule.
Sfortunatamente, quando una cellula diventa cancerosa, cambia il modo di
trasportare ioni attraverso la membrana cellulare in modo che blocca
l’apoptosi.
I ricercatori hanno superato questo scolio, sviluppando un modo sintetico per
trasportare gli ioni, ma purtroppo questo distrugge anche le cellule sane che
dovrebbero essere superate per essere utili nel trattamento del cancro.
Il Prof Jonathan Sessler, della Facolta ‘di Austin Scienze Naturali presso
l’Università del Texas, ha dichiarato:’ Abbiamo così chiuso il ciclo e
dimostrato che questo meccanismo di far affluire il cloruro nella cellula, da
un trasportatore sintetico, effettivamente innesca l’apoptosi.
‘Questo è emozionante perché indica la strada verso un nuovo approccio per lo
sviluppo di farmaci anti-cancro.’
Dalle cellule staminali una speranza
per le vittime di ictus
Il trattamento, sviluppato da scienziati dell’Imperial College di Londra, è
ritenuto essere così efficace perché innesca la rapida rigenerazione delle
cellule cerebrali che sono danneggiate durante la malattia.
Pazienti affetti da ictus hanno mostrato notevoli segni di ripresa dopo che è
stato offerto loro un nuovo trattamento radicale.
Cinque persone che avevano subito ictus molto gravi hanno riacquistato la
parola, l’uso di braccia e gambe e migliorato la cognizione dopo soli sei
mesi, secondo una ricerca britannica appena pubblicata.
I tre uomini e due donne, di età compresa tra i 45 ei 75, sono stati trattati
con le cellule staminali estratte dal proprio midollo osseo nel primo
esperimento di questo genere.
Gli scienziati avvertono che il nuovo trattamento è in una fase di test, e
hanno affermato che hanno bisogno di testarlo su migliaia di persone prima
che possa essere dichiarato un successo completo, ma hanno detto che i
risultati mostrano un grande potenziale di rivoluzionare la vita per i
pazienti colpiti da ictus.
Il dottor Soma Banerjee, che ha guidato la ricerca, ha detto: ‘Ovviamente
questo è solo uno studio pilota con cinque pazienti, ma è molto emozionante e
sicuramente è un trampolino di lancio per ulteriori ricerche.
‘Questo è il primo passo per portare la scienza di base al capezzale dei
nostri pazienti.
“Ci sono stati miglioramenti significativi in tutti i nostri pazienti in
termini neurologici e clinici.”
Ognuno dei pazienti in prova dei cinque esaminati aveva subito gravi ictus
ischemici, in cui un’arteria essenziale per l’alimentazione di sangue al
cervello era diventata bloccata.
Quando questo accade le cellule cerebrali sono affamate di ossigeno e possono
morire, causando difficoltà motorie gravi, tra cui volti cadenti, gambe e
braccia paralizzate, e problemi con il mangiare e parlare.
Dei cinque pazienti, quattro avevano sofferto la categoria peggiore di ictus
dove l’intera fornitura di sangue alla parte anteriore di un lato del
cervello è completamente compromessa.
La prognosi per le persone che hanno questo tipo di ictus è di solito scarsa
– circa il 50 per cento muore entro sei mesi, e un altro 46 per cento non
migliora. Solo il 4 per cento recupera abbastanza per vivere in modo
indipendente.
Il dottor Banerjee ha detto: ‘Sono stati in grado di camminare e in grado di
badare a se stessi.
‘Sono stati in grado di lavarsi, vestirsi, mangiare, bere, accudire le loro
funzioni corporee, come pure restare in piedi. Erano indipendenti. ‘
La terapia utilizza usa cellule staminali chiamate CD34 + – un insieme di
cellule staminali nel midollo osseo che favorisce la rigenerazione delle
cellule del sangue e dei vasi sanguigni.
Purtroppo cinque pazienti non sono sufficienti a dimostrare che è veramente
efficace.
I pazienti sono stati trattati entro sette giorni da un grave ictus, e a
differenza di molti altri studi sulle cellule staminali, la maggior parte
delle quali sono infuse nei pazienti entro sei mesi o più tardi.
Le cellule sono state iniettate, attraverso un’arteria nel loro inguine,
direttamente nel cervello.
Sono necessari almeno altri sette anni di test prima che la cura possa
raggiungere gli ospedali, ed i migliaia di pazienti che dovranno sottoporsi
al trattamento prima di poterlo considerare un successo.
Ma gli scienziati sono entusiasti della sua potenzialità. Il Professor Nagy
Habib che ha anche lavorato alla ricerca, ha detto: ‘Questi sono i primi ma
interessanti dati e vale la pena perseguire.
Chiunque abbia visto la sofferenza in un malato di ictus sarà incoraggiato
dalla nuova cura e nella speranza che i medici e gli scienziati continuino ad
esplorare i nuovi modi per trattare questa malattia devastante ‘.

Documenti analoghi