Leggi articolo - la Clessidra dal 1945

Commenti

Transcript

Leggi articolo - la Clessidra dal 1945
42
Primo
a cura di
Fabrizio Rinversi
Piano
LUCA CASTELLANI
BRAND DIRECTOR
CORUM ITALIA
Luca Castellani, classe 1977, ha cominciato giovanissimo, appena ventenne, la propria attività lavorativa presso la
Nimex spa, azienda produttrice e distributrice di caffè, nell’ambito della Gestione Clienti, per poi, nel 2000, passare
allo Studio Penta (ufficio di rappresentanza di aziende operanti nel segmento tessile), come responsabile Gestione e
Sviluppo Clienti Nord Italia. L’incontro con l’Alta Orologeria è avvenuto nel 2002, anno in cui Castellani è entrato nel
Gruppo Richemont in qualità di Sales Manager Italia di Officine Panerai, un ruolo che gli ha permesso di acquisire
importantissime competenze sul fronte della pianificazione distributiva, dell’analisi degli stock e delle vendite,
dell’organizzazione dell’attività media e PR in cooperazione con i punti vendita. Questa esperienza si è conclusa nel
settembre del 2006, quando Castellani si è trasferito presso lo Swatch Group, per occuparsi, come Brand Manager
Italia, di Jaquet Droz, un’opportunità di crescita professionale fondamentale, che gli ha consentito di acquisire tutti gli
strumenti finalizzati alla responsabilità gestionale a 360° di un marchio, dalla promozione del brand, al marketing, alle
PR, all’organizzazione dei budget. Ecco, dunque, nel febbraio del 2008 l’ulteriore evoluzione con la nomina a Brand
Director Italia per Corum, dove, per la prima volta, Castellani ha assunto la responsabilità di un’intera struttura aziendale
e, dunque, anche di amministrazione, finance e gestione del personale. Lo abbiamo voluto incontrare successivamente
al passaggio del brand sotto il controllo di una importante azienda cinese, la China Haidian Holdings, avvenuto lo
scorso aprile, per capire i riflessi organizzativi che sono venuti a determinarsi e, in termini generali, per fare il punto della
situazione sotto il profilo distributivo e commerciale.
Inevitabile chiederti quali sono stati i riflessi a livello organizzativo e strategico sul mercato di tua
competenza, conseguenti all’acquisizione di Corum da parte della China Haidian Holdings?
Al momento non abbiamo ancora avuto nessun tipo
di cambiamento né organizzativo né strategico. Questo credo sia legato al fatto che l’acquisizione di Corum da parte di China Haidian risale solo a qualche
mese fa. Credo che nel corso del secondo semestre
di quest’anno riceveremo qualche indicazione in più.
Sono comunque certo nell’affermare che, se ci saranno dei cambiamenti, questi avranno come obiettivo il
miglioramento di tutte le attività a supporto del marchio Corum nel nostro Paese.
Puoi raccontarci come Corum ha vissuto e attraversato questa ormai lunga fase di recessione e di
sett e m b r e
2 01 3
43
Admiral’s Cup AC-ONE 45
Chronograph, cassa in titanio grado
5 impermeabile fino a 30 atmosfere.
Movimento meccanico automatico,
quadrante nero con finiture
“grenadier fendu”.
rallentamento in Italia e quali contromisure sono
dal cliente finale una simile dinamicità, e poi, non
state adottate per far fronte all’inevitabile calo del-
pensi che tale strategia di prodotto, tesa un poco
la domanda?
più ad innovare che non a consolidare, non aiuti in
È vero stiamo vivendo una crisi che oramai perdura da di-
questa specifica fase di mercato?
verso tempo e non voglio addentrarmi nello specifico. Posso
In realtà, la vera fase di cambiamento è iniziata ora-
però dire che le difficoltà in atto colpiscono in misura diver-
mai 6 anni fa, quando abbiamo deciso di tornare a
sa i marchi presenti sul nostro mercato. Corum è un brand
lavorare sui 2 pilastri sui quali, oggi, il marchio si
di nicchia e il suo obiettivo primario è stato sempre quello di
identifica, ossia Admiral’s Cup e Corum Bridges.
difendere questa sua quota di mercato attraverso una politi-
Quello che abbiamo visto è stato, anno dopo anno, un
ca commerciale mirata al consolidamento del lavoro sul ter-
progressivo completamento dei suddetti pilastri, au-
ritorio e alla salvaguardia del rapporto che ci lega ai nostri
mentando l’offerta di prodotto rivolta al cliente finale.
partner distributivi. Credo sicuramente che l’indipendenza
Certamente un punto di forza per la rete di conces-
che ci ha sempre contraddistinto, ha contribuito a tener-
sionari (trasferito poi anche al cliente finale) è l’aver
ci lontano dalla legge della crescita imposta a doppia cifra,
capito che la fase che stavamo attraversando aveva
permettendoci così di non perdere mai di vista un elemento
come unico obiettivo quello di riposizionare il mar-
fondamentale quale il rapporto umano.
chio su di un livello di eccellenza estremamente
identificata, inserendo delle innovazioni tecniche
In questi ultimi anni Corum ha aggiornato con fre-
uniche e nello stesso tempo cercando di consolidare
quenza le proprie collezioni iconiche, lavorando
un immagine che, nel corso degli ultimi anni, si era
molto sul design (ad esempio, Admiral’s Cup con il
un poco appannata.
recente AC-ONE), oppure sulla tecnica nel Golden
Bridge e nel Ti-Bridge (ad esempio, il Dual Winder).
Delle collezioni Corum, in Italia, qual è, attualmente,
Come è stato recepita dal network distributivo e
la più performante e per quale motivo, a tuo giudizio?
se tte mbre
2013
44
PrimoPiano
In questo momento, sul mercato interno, la famiglia
mero dei punti vendita, quello che verrà fatto sarà
Legend da 42 mm è il prodotto meglio venduto. Que-
un lavoro mirato sulla qualità sia del lavoro che dei
sto perché trattasi di un orologio con dimensioni più
rapporti.
contenute, proposto ad un prezzo più interessante.
Ritengo che la tendenza, soprattutto per i mercati
In tal senso, e in un momento del genere la mas-
europei, sia quella di ritornare ad indossare degli
sima collaborazione con il punto vendita potrebbe
orologi con misure più portabili, riducendo così l’in-
essere una variabile fondamentale per lo sviluppo
cidenza dei modelli extralarge.
del sell-out. Quali iniziative hai in animo di avviare
per stimolare la “produttività” del retail?
Puoi dirci quanti, ad oggi, sono i concessionari
L’input che abbiamo sempre ricevuto da Antonio Cal-
Corum in Italia, come sono distribuiti geografica-
ce, CEO di Corum, è stato quello di salvaguardare al
mente e se il network è stabile o in evoluzione, in
massimo il rapporto con i nostri dettaglianti creando
funzione dello sviluppo di aree particolari o di una
con loro un forte legame che, come detto prima, non
maggiore selettività?
si basa sui numeri ma sul rapporto vero, personale,
Attualmente in Italia abbiamo una rete di 35 punti
con il marchio.
vendita ben distribuiti su tutto il territorio naziona-
Quanto abbiamo fatto in difesa di tale rapporto nel
le. Vi è stata nel corso di questi anni un riduzione
corso degli anni, oggi ci premia sul fronte del suppor-
marcata del network con l’obiettivo di creare una
to che i nostri dettaglianti destinano a Corum e l’aver
distribuzione che, dal punto di vista qualitativo,
compreso le reciproche necessità ci ha permesso e
rappresentasse al meglio il marchio Corum. Nel
ha permesso loro, di lavorare con l’obiettivo di co-
corso dei prossimi anni, più che incrementare il nu-
struire basi solide per il futuro.
Admiral’s Cup AC-ONE 45 Regatta,
in titanio grado 5 con lunetta trattata PVD nero.
La funzione regata, ossia il count-down su 10
minuti è visibile attraverso una finestrella al 3,
è regolabile via corona, ed è a scatto.
2 01 3
45
La
E’ di tutta evidenza l’at-
contare ancora oggi su di una filiale che supporta al
tuale “inquinamento” dei
100% la distribuzione. In accordo con la Casa Madre e
risultati di fatturato delle
su espresso ordine di Antonio Calce abbiamo sempre
Maison orologiere “haut
uno stock minimo riguardante i prodotti con maggiore
de gamme” dall’acquisto
rotazione e questo ci permette di dare un servizio dav-
di un pubblico non au-
vero rapido alla nostra rete di vendita. Posso dire che
toctono ma proveniente
se la richiesta arriva da un concessionario su Milano,
da Cina, Brasile, Russia,
l’orologio può essere in negozio nel giro di un’ora.
Stati Uniti, etc… Dal tuo
Admiral’s Cup Legend 38 Chronograph,
declinato al femminile, in oro rosa con
lunetta incastonata con 72 diamanti.
Il movimento automatico consente
una visualizzazione tri-compax su
di un quadrante in madreperla, i cui
indici orari sono costituiti da diamanti.
osservatorio privilegiato
Stai pensando a particolari strategie di comunica-
qual è per Corum l’inci-
zione, per quest’ultima parte d’anno, per essere più
denza del cliente este-
incisivo nei confronti del cliente finale? Fra di esse
ro e cosa pensi si debba
quale ruolo giocano Internet ed i Social Network?
fare per “mantenere” la
Per questo, in realtà stiamo aspettando di capire quale
clientela italiana, magari
sarà il supporto che riceveremo nel corso dei prossimi
in una prospettiva futura
mesi. Sono convinto che in futuro si dovrà affiancare a
quando sarà visibile qual-
quella tradizionale, una comunicazione innovativa, che
che accenno di ripresa?
vada a colpire utenti nuovi, soprattutto appartenenti
Non voglio nascondere che in anche noi, magari in
ad una fascia d’età più giovane. E’ necessario avvici-
forma minore rispetto ad altri, beneficiamo dell’inte-
nare questo target al mondo dell’orologeria, invitandoli
ressamento di un pubblico estero verso il marchio,
a scoprire gli aspetti più affascinanti del segnatempo
soprattutto su prodotti di alta gamma come Golden
haut-de-gamme, attraverso input in linea con il loro
Bridge e Ti- Bridge. Ritengo, però, che l’aver inserito
modo di vivere. So che allo studio ci sono nuove attività
all’interno della collezione una gamma di modelli con
di marketing e di comunicazione e spero di vedere pre-
prezzi e contenuti adatti al mercato europeo costi-
sto i risultati di questo lavoro.
tuisca la giusta strategia per preservare la clientela
interna. Nel futuro prossimo, non solo continueremo
Ci saranno degli appuntamenti specifici sul merca-
a mantenere questa tipologia di prodotto all’interno
to italiano o lanci di novità (o estensioni di gamma)
della collezione, ma andremo ad ampliare l’offerta
che hai già pianificato per gli ultimi mesi del 2013?
aggiungendo modelli che confidiamo possano incon-
Oltre ai modelli presentati a Basilea, quest’anno abbia-
trare sempre di più il gusto dei
nostri interlocutori.
Quali sono, allo stato, i tempi che riesci ad assicurare al
cliente,
tra
formalizzazione
dell’ordine e consegna, fatta
eccezione per i pluri-complicati e i pezzi in edizione limitata?
Rapidi, parliamo davvero di ore o
Golden Bridge Automatic
in oro rosa, dotato del
movimento baguette
automatico a carica lineare.
La ricarica automatica
è assicurata da una massa
in platino che scorre
su di un asse lineare.
Platina e ponti sono in oro
rosa, mentre il bilanciere
è ad inerzia variabile.
mo previsto di immettere sul mercato europeo
due referenze appartenenti alla famiglia Legend da 42 mm. Si tratterà di due orologi, un
Solotempo e un Chrono, realizzati in acciaio
PVD nero e con quadrante nero, integrati
al massimo di uno/due giorni se
da un cinturino tecnico.
la richiesta arriva da più lontano.
Entrambe saranno edi-
Questo è il vantaggio di poter
zioni limitate .
se tte mbre
2013

Documenti analoghi