Diapositiva 1 - Impact Dolore

Commenti

Transcript

Diapositiva 1 - Impact Dolore
Sandra Vernero – MD
Cofondatore e segretario generale di Slow Medicine
Coordinatore del Progetto Nazionale “FARE DI PIÙ NON SIGNIFICA
FARE MEGLIO”
[email protected]
• L`OMS stima che l`ammontare delle prestazioni che non danno nessun
beneficio ai pazienti corrispondono a circa il 20 – 40% della spesa sanitaria
( WHO 2010), negli USA il 30% (Brody NEJM 2012)
• Il 50% delle angioplastiche su pazienti con angina stabile sono inappropriate
(Fonte: JAMA 2011) come pure il 23,4% delle colonscopie (Fonte: JAMA Int
Med 2013), il 55,7% delle risonanze magnetiche alla parte lombare della
colonna vertebrale (Fonte: JAMA Int Med 2013).
• I`80% dei «nuovi» farmaci immessi sul mercato negli ultimi 30 anni non sono
che copie degli esistenti e solo il 2,5% rappresenta un progresso terapeutico
(Fonte: Prescrire 2012)
Domenighetti-Vernero © SIMI 2014
QUALITA’ = APPROPRIATEZZA
Evitare:
•SOVRAUTILIZZO
•SOTTOUTILIZZO
•SCORRETTO UTILIZZO
Institute of Medicine
Crossing the Quality Chasm
A new Health System for the 21st Century
Sandra Vernero - Slow medicine
Il principio della centralità del benessere dei pazienti
Il principio dell’autonomia dei pazienti
Il principio della giustizia sociale
ETICA DELLA RESPONSABILITA’
n engl j med 362;4 nejm.org january 28, 2010
Deborah Grady, MD, MPH
ARCH INTERN MED/VOL 170 (NO. 9), MAY 10, 2010
http://choosingwisely.org/
ABIM FOUNDATION : the American Board of Internal Medicine Foundation
CONSUMER REPORTS: magazine americano pubblicato mensilmente da Consumers Union
Consumer Reports Health
AMDA – Dedicated to Long Term Care Medicine
American Academy of Allergy, Asthma & Immunology
American Academy of Dermatology
American Academy of Family Physicians
American Academy of Hospice and Palliative Medicine
American Academy of Neurology
American Academy of Ophthalmology
American Academy of Orthopaedic Surgeons
American Academy of Otolaryngology — Head and Neck Surgery Foundation
American Academy of Pediatrics
American Association for Pediatric Ophthalmology and Strabismus
American Association for the Study of Liver Diseases
American Association of Blood Banks
American College of Cardiology
American College of Chest Physicians and American Thoracic Society
American College of Emergency Physicians
American College of Medical Toxicology and American Academy of Clinical Toxicology
American College of Obstetricians and Gynecologists
American College of Occupational and Environmental Medicine
American College of Physicians
American College of Radiology
American College of Rheumatology
American College of Rheumatology – Pediatric Rheumatology
American College of Surgeons
American Gastroenterological Association
American Geriatrics Society
American Headache Society
American Medical Society for Sports Medicine
American Psychiatric Association
American Society for Clinical Pathology
5
10
5
15
5
5
5
5
5
10
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
10
5
5
5
5
American Society for Radiation Oncology
5
American Society for Reproductive Medicine
5
American Society of Anesthesiologists
5
American Society of Anesthesiologists - Pain Medicine
5
American Society of Clinical Oncology
10
American Society of Echocardiography
5
American Society of Hematology
5
American Society of Nephrology
5
American Society of Nuclear Cardiology
5
American Society of Plastic Surgeons
5
American Urological Association
5
Commission on Cancer
5
Critical Care Societies Collaborative - Critical Care
5
Endocrine Society and American Association of Clinical Endocrinologists
5
Heart Rhythm Society
5
North American Spine Society
5
Society for Cardiovascular Angiography and Interventions
5
Society for Cardiovascular Magnetic Resonance
5
Society for Maternal-Fetal Medicine
5
Society for Vascular Medicine
5
Society of Cardiovascular Computed Tomography
5
Society of General Internal Medicine
5
Society of Gynecologic Oncology
5
Society of Hospital Medicine – Adult Hospital Medicine
5
Society of Hospital Medicine – Pediatric Hospital Medicine
5
Society of Nuclear Medicine and Molecular Imaging
5
The Society of Thoracic Surgeons
5
57
315
Società pratiche
Health at a Glance 2013 - © OECD 2013
Life expectancy at birth and health spending per capita, 2011 (or nearest year)
Life expectancy in years
85
ISR
KOR
GRC
SVN
80
CHE
ITA
JPN
ISL SUE FRA
ESP
AUS
AUT NLD
PRT
GBR LUX
NZL
CAN
DEU
FIN IRL
BEL
DNK
NOR
USA
CHL
CZE
POL
EST
SVK
75
TUR
HUN
MEX
CHN
BRA
70
IDN
RUS
R² = 0,51
IND
65
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
Health spending per capita (USD PPP)
Sandra Vernero - Slow
8000
9000
Fonte Health at a Glance 2013: OECD Indicators
Conclusioni.
Abbiamo documentato una appropriatezza prescrittiva del 56%............
…….quindi un 44% di inappropriatezza prescrittiva
Health at a Glance: Europe 2012
Antibiotics consumption, 2000 and 2010 (or nearest year)
Source: OECD Health Data 2012; European Surveillance of Antimicrobial
Consumption (ESAC) project, 2011
Rapid evolution and spread of carbapenemases among Enterobacteriaceae in
Europe Canton R et al, Clin Microbiol Infect 2012; 18: 413–431
Posti letto per lungodegenti negli
ospedali e in istituti (RSA)
Italia
Torino, dicembre 2010: nasce Slow Medicine
www.slowmedicine.it
The case for Slow medicine
Complessità, incertezza, opacità, scarsa misurabilità, variabilità
delle decisioni, asimmetria informativa, conflitti d’interesse e
corruzione, sono le caratteristiche dei sistemi sanitari … una scatola
nera difficilmente controllabile …
Gianfranco Domenighetti - Bologna, 14 dicembre 2012
… non ho dubbi che Slow medicine sia la
migliore medicina del 21°secolo. Richard Smith
22
Bologna 14 giugno 2014
Nasce la Slow Medicine. Io c’ero.
Ferrara | Castello Estense| 29 giugno 2011
Fra acuzie e cronicità:
curare malati, curare malattie
- uso appropriato delle risorse: EVITARE SOVRAUTILIZZO di
indagini e trattamenti
- dare valore alla STORIA DEL PAZIENTE: la “voce della vita”
- riappropriarsi della SEMEIOTICA FISICA, ridare importanza
all’esame obiettivo e su quella base richiedere gli
esami appropriati
- NON RITENERE CHE IL NUOVO SIA SEMPRE MEGLIO, in
particolare riguardo ai farmaci e ai dispositivi medicali
SOVRAUTILIZZO di test e trattamenti
• SPRECO di RISORSE
• ERRORE CLINICO
-danni diretti da test e trattamenti inappropriati (radiazioni ionizzanti,
effetti collaterali farmaci, interazioni tra farmaci)
- danni da falsi positivi e sovradiagnosi da test inappropriati >> ansia e
stress, ulteriori test anche invasivi, trattamenti interventistici e chirurgici
inappropriati (sovratrattamento)
http://www.slowmedicine.it/
Pratiche ad alto rischio d’inappropriatezza in Italia
di cui medici, altri professionisti e pazienti dovrebbero parlare
Ogni società scientifica/associazione di professionisti che aderisce al progetto
individuerà una lista di cinque test diagnostici o trattamenti, a partire da quelli
già indicati negli USA in Choosing Wisely, che :
• sono effettuati molto comunemente in Italia
• non apportano benefici significativi, secondo prove scientifiche
di efficacia, alle principali categorie di pazienti ai quali vengono
generalmente prescritti
• possono al contrario esporre i pazienti a rischi
Questi test e trattamenti ad alto rischio di inappropriatezza dovranno essere
oggetto di aperto dialogo nella relazione tra medico e paziente per facilitare
scelte sagge e consapevoli.
Altri promotori del Progetto
lanciato da Slow Medicine a dicembre 2012
• Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO)
• Federazione Nazionale Collegi Infermieri professionali, Assistenti sanitari, Vigilatrici
d'infanzia (IPASVI)
• Società Italiana per la Qualità dell’Assistenza Sanitaria (SIQuAS VRQ)
• Istituto Change di Torino
• Partecipa Salute, promosso dall’IRCCS-Mario Negri, dal Centro Cochrane Italiano e da Zadig
srl.
• Inversa Onlus, associazione di pazienti affetti da idrosoadenite suppurativa
• Altroconsumo
• Slow Food Italia
• Assunzione di responsabilità da parte dei medici e degli altri professionisti
della salute
• Scelta attiva da parte delle Associazioni Professionali e delle Società Scientifiche
delle pratiche che dovrebbero essere discusse tra medici, altri professionisti
e pazienti in Italia
• Momenti di informazione e di formazione dei professionisti, particolarmente
centrati sulla relazione medico-paziente
• Partecipazione di pazienti e cittadini
• Diffusa sensibilizzazione dei cittadini sulle pratiche ad alto rischio di
inappropriatezza individuate e sul fatto che per tutelare la loro
salute non sempre sia meglio fare di più
IMPOSTAZIONE
• È fondamentale che il progetto continui ad essere, come Choosing Wisely, un progetto
che parte dai medici e dagli altri professionisti sanitari, come loro assunzione di
responsabilità, e non rappresenti invece imposizione e controllo dall'alto o
adempimento burocratico
• parallelamente deve essere percepito dai cittadini come miglioramento di qualità e
sicurezza del servizio sanitario, nel loro stesso interesse, e non come razionamento
della spesa sanitaria
•
rispetto di valori e preferenze della persona curata
>> ALLEANZA tra medici e altri professionisti e cittadini
• top 5 condivise a livello nazionale
• far interagire le società scientifiche tra loro e con rappresentanti di pazienti e cittadini:
visione sistemica
Sono state pubblicate liste di esami e trattamenti a rischio di inappropriatezza
da parte delle società scientifiche e associazioni:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
Società Italiana di Radiologia Medica – SIRM
Collegio Italiano dei Primari Medici Oncologi Ospedalieri – CIPOMO
Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica – AIRO
Cochrane Neurological Field – CNF
Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica – ADI
Società Italiana di Medicina Generale – SIMG
Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri – ANMCO
Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica – SIAIP
Società scientifiche di IPASVI: AICO, AIOSS, AIUC, ANIMO
Hanno inoltre aderito al progetto e stanno elaborando loro liste :
•Associazione Italiana di Neuroradiologia – AINR
•Associazione Italiana di Psicogeriatria – AIP
•Associazione Medici Diabetologi – AMD
•Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti - FADOI
•Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani – ADOI
•Associazione per un’assistenza appropriata in ostetricia e ginecologia - ANDRIA
•Società Italiana di Genetica Umana – SIGU
•Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica – SIAAIC
•Associazione Italiana di Medicina Nucleare – AIMN
•Collegio Italiano dei Primari di Chirurgia Vascolare
•Società Italiana di Cure Palliative – SICP
•Federazione Italiana Medici pediatri – FIMP
•Associazione Culturale Pediatri - ACP
•ISDE Medici per l’Ambiente
•Società Italiana di Pedagogia Medica - SIPeM
•Altre Società scientifiche di IPASVI tra cui ANIARTI e AISLEC
EOC Locarno Svizzera
International Roundtable on Choosing Wisely
Wednesday, June 11 – Thursday, June 12, 2014
Amsterdam, The Netherlands – Teatrum Anatomicum
Australia
Canada
Denmark
Germany
Italy
Japan
New Zealand
Switzerland
The Netherlands
UK and Wales
US
http://blog.abimfoundation.org/impressions-on-choosing-wiselys-global-expansion/
The Medical Professionalism Blog
Impressions on Choosing Wisely®’s Global Expansion
Written by Daniel Wolfson on June 23, 2014
As noted in a previous blog post, Choosing Wisely is gaining traction abroad.
Global initiatives include Choosing Wisely Canada, Choosing Wisely Netherlands and
“Slow Medicine” in Italy.
I am fascinated by the different ways other countries are promoting the campaign to physicians
and patients, and leveraging it to tackle issues
prevalent in their particular health systems.
Legge 15 marzo 2010, n. 38
Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.
(10G0056) (G.U. Serie Generale, n. 65 del 19 marzo 2010)
1. La presente legge tutela il diritto del cittadino ad accedere alle cure
palliative e alla terapia del dolore.
2. E' tutelato e garantito, in particolare, l'accesso alle cure palliative e alla
terapia del dolore da parte del malato, come definito dall'articolo…………
al fine di assicurare il rispetto della dignita' e dell'autonomia della persona
umana, il bisogno di salute, l'equita' nell'accesso all'assistenza, la qualita'
delle cure e la loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze, …..
Non iniziare il trattamento di un tumore senza definirne l’estensione (attraverso la stadiazione
clinica) e discutere con il paziente l’intento del trattamento (es. se curativo o palliativo).
Commission on Cancer
Non usare terapia antitumorale in pazienti con tumori solidi con le seguenti caratteristiche:
basso status di performance (3 o 4), nessun beneficio ricevuto da precedenti interventi basati su
prove di efficacia (EB), non eleggibilità per un trial clinico, mancanza di forti prove di efficacia a
supporto del valore clinico di un ulteriore trattamento antitumorale.
American Society of Clinical Oncology
Non ritardare le cure palliative per un paziente con grave malattia e malessere fisico, psicologico,
sociale o spirituale perché si sta perseguendo un trattamento diretto della patologia.
American Academy of Hospice and Palliative Medicine
Non ritardare di contattare i servizi disponibili di cure palliative e di hospice in Pronto Soccorso
per i pazienti che possono trarne vantaggio.
American College of Emergency Physicians
Non ritardare le cure palliative di base nelle donne con cancro ginecologico avanzato o
recidivante, e, quando è appropriato, rivolgersi alla medicina palliativa di livello specialistico.
Society of Gynecologic Oncology
Non mantenere il supporto vitale per i pazienti ad alto rischio di morte o con ripristino funzionale
severamente compromesso senza offrire ai pazienti e alle loro famiglie l’alternativa di un’assistenza
interamente focalizzata al benessere del paziente.
Critical Care Societies Collaborative – Critical Care
Non raccomandare più di una singola frazione di radioterapia palliativa per una metastasi ossea
dolorosa non complicata.
American Academy of Hospice and Palliative Medicine
Non utilizzare di routine schemi estensivi di frazionamento (più di 10 frazioni) per il trattamento
palliativo delle metastasi ossee.
American Society for Radiation Oncology
Non prescrivere analgesici oppioidi come terapia di prima scelta per trattare il dolore cronico
non da cancro.
American Society of Anesthesiologists – Pain Medicine
Non consigliare l’utilizzo prolungato o frequente di analgesici da banco (da automedicazione)
per la cefalea.
American Headache Society
Non consigliare riposo a letto per più di 48 ore nel trattamento della lombalgia.
North American Spine Society
Non eseguire imaging per cefalea non complicata.
American College of Radiology
Non eseguire imaging per lombalgia nelle prime sei settimane, in assenza di segni/sintomi di
allarme (semafori rossi).
American Academy of Family Physicians
Collegio Italiano Primari di Oncologia Medica – Green Oncology
Non effettuare di routine terapia antitumorale nei pazienti affetti da tumori solidi
con Performance Status (PS) compromesso (3-4) o in progressione dopo 2-3
linee terapeutiche, ma privilegiare le cure palliative.
Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica (AIRO)
Non utilizzare, per quanto possibile, trattamenti radioterapici prolungati quando la finalità
della radioterapia è quella sintomatico-palliativa ed in persone malate con aspettativa di
vita ridotta.
Non eseguire un trattamento radioterapico per patologie articolari degenerative (benigne),
specie al di sotto dei 60 anni
Società Italiana di Radiologia Medica (SIRM)
Non eseguire Risonanza Magnetica (RM) del Rachide Lombosacrale in caso di lombalgia
nelle prime sei settimane in assenza di segni/sintomi di allarme (semafori rossi o red flags).
Non eseguire di routine Risonanza Magnetica (RM) del ginocchio in caso di dolore acuto da
trauma o di dolore cronico.
Non eseguire Risonanza Magnetica (RM) dell’encefalo per cefalea non traumatica in assenza
di segni clinici di allarme.
Società Italiana di Medicina Generale (SIMG)
Non richiedere di routine esami di diagnostica per immagini in caso di lombalgia
senza segni o sintomi di allarme (bandierine rosse o redflag)
Non prescrivere terapie con antinfiammatori non steroidei (FANS) senza valutare inizialmente
e riconsiderare periodicamente la reale indicazione clinica e il rischio di effetti collaterali
in quel momento e in quello specifico paziente.

Documenti analoghi

Diapositiva 1 - Associazione ANIMO

Diapositiva 1 - Associazione ANIMO portando a 135 in totale i test e trattamenti sui quali, secondo l’iniziativa Choosing Wisely, medici e pazienti dovrebbero interrogarsi. http://www.choosingwisely.org/doctor-patient-lists/ Di ques...

Dettagli

la storia di Choosing Wisely e il lancio del progetto

la storia di Choosing Wisely e il lancio del progetto In accordo con Brody, Slow Medicine suggerisce ad ogni società scientifica/associazione di professionisti di costituire per questo obiettivo un gruppo di studio di alto livello che includa “profess...

Dettagli