capitolo iv - La Valle del Cesano

Transcript

capitolo iv - La Valle del Cesano
Capitolo IV
IV.1
LA VALORIZZAZIONE
La Foresta Fossile della Val Cesano rappresenta un bene di ampia
portata e di eccellenza per il nostro territorio, nel suo duplice aspetto di
componente dei sistemi ambientali e del patrimonio culturale e scientifico.
Questa straordinaria testimonianza della storia della Terra e della Vita
può contribuire allo sviluppo economico del nostro territorio tramite un
adeguato piano di Recupero, di Tutela e di Valorizzazione.
Per quanto concerne la valorizzazione le amministrazioni comunali
della valle del Cesano si sono mostrate molto interessate. Hanno
contribuito alla divulgazione della scoperta e si sono dichiarate pronte e
disponibili a contribuire ad interventi futuri, quali la realizzazione di una
struttura museale stabile e di un percorso di visita in situ.
In particolare, l’amministazione del comune di Monte Porzio, nella
persona dell’assessore all’urbanistica e dell’ambiente David Guanciarossa,
in un convegno avvenuto nel maggio 2002, si è mostra favorevole alla
realizzazione di un percorso geo-naturalistico sito nell’attuale “Parco della
Vita” a Monte Porzio.
79
Capitolo IV
Risalendo il fiume dalla foce percorrendo la S.S. 424, il parco si
raggiunge girando a sinistra nella strada che costeggia il piccolo affluente
del Cesano, il Fosso del Ponte, e che porta all’acquedotto.
Questa posizione centrale, non può che creare una suggestione del tutto
particolare sia al turista occasionale che al visitatore più attento, offrendo
un ulteriore sito culturale da visitare.
Dopo circa duecento metri si raggiunge l’ingresso al parco (Figura
41.), che deve il suo nome simbolico agli alberi piantati dai ragazzi delle
scuole del comune.
Figura 41 : Ingresso al Parco della Vita.
L’area consiste in un ampio parcheggio, contornato da una staccionata
in legno, e confinante a sud-est e sud-ovest con il fiume, a nord-est con un
80
Capitolo IV
parchetto giochi, molto frequentato nelle ricorrenze festive, e a nord-ovest
con l’area adibita agli alberi piantati. È possibile scendere al fiume in
diversi
punti
dopo
un
piccolo
dislivello
e
costeggiarlo,
anche
attraversandolo, nei periodi di secca estivi con normali scarpette da
ginnastica.
In tale luogo ho realizzato un’idea di progetto (Figura 42) riguardante
un percorso didattico cercando di limitare le spese e che sia adeguato
all’inserimento naturalistico della zona.
Figura 42: Pianta del progetto del percorso; le macchine fotografiche indicano i punti di scatto delle
foto successive; i numeri indicano le soste previste; le p sono le aree di parcheggio.
L’allestimento dell’area prevede l’entrata e la possibilità di
parcheggiare nell’attuale area adibita a sosta, procedendo solamente al
81
Capitolo IV
rinnovo del terreno. Questo consiste nel creare zone di verde, prati con erba
bassa all’inglese che richiedono normale manutenzione da parte di
giardinieri. Per l’area del parcheggio ho proposto anche una siepe, che
corre lungo i due lati confinanti con il fiume, per creando nicchie interne
dove inserire le aree di sosta per le stazioni numero uno, quattro e cinque.
Una volta parcheggiata l’auto, è subito visibile quale sia l’inizio del
percorso, anche grazie ai cartelli direzionali che accompagnano il tragitto
(Figura 43).
La prima stazione che si incontra è chiamata “IL GAZEBO” la quale è
racchiusa dalla siepe e dove è possibile osservare il primo tronco fossile,
che si trova incassato nel terreno, protetto da agenti atmosferici e da
possibili atti di “vandalismo”.Il gazebo, delle dimensioni di 4x4 m, si trova
sopra il tronco, e porta i primi due pannelli esplicativi che permettono di
prendere visione delle prime informazioni (Figura 44). Nel primo pannello
(Figura 45), vengono riportate informazioni generali sul fiume e sulla
Valle de Cesano, sui Comuni attraversati e una cartina del percorso a cui
far riferimento.
Nel secondo pannello (Figura 46), sono invece illustrati i risultati
ottenuti dalle datazioni del radiocarbonio, dall’analisi botanica, dall’analisi
granulometrica e diffrattometrica.
82
Capitolo IV
Figura 43 : Inizio del percorso
83
Capitolo IV
Figura 44: Stazione N°1.
84
Capitolo IV
Figura 45 : Pannello 1.
85
Capitolo IV
Figura 46: Pannello N°2.
86
Capitolo IV
Seguendo la direzione indicata dai cartelli, si giunge alla sosta numero
2, chiamata “IL PINO SILVESTRE” (Figura 47).
In questa stazione è possibile osservare la pianta tipica della Foresta
Fossile, il Pino silvestre, a cui hanno portato le analisi botaniche.
Effettuando un giro antiorario attorno ad esso si incontrano due nuovi
pannelli esposti su di una bacheca in legno.
Nel pannello numero tre (Figura 48), viene trattato l’aspetto botanico
della Foresta Fossile, spiegando le caratteristiche morfologiche più
importanti della famiglia di appartenenza dei pini, le Pinaceae.
Il quarto pannello (Figura 49) illustra invece il contesto climaticoambientale contemporaneo alla Foresta Fossile risalente a circa 50 mila
anni fa,
soffermandosi in particolare sulla situazione climatica al tempo
dell’ultima glaciazione.
Lasciata la seconda sosta, si procede verso la terza stazione, definita “A
TU PER TU CON I TROCHI”. Questa è però una sosta particolare, infatti,
assieme alla stazione numero 6, è osservabile solamente nei periodi di
secca estivi visto che per gran parte dell’anno il raccordo si trova ricoperto
dal livello del fiume (Figura 50)
La terza stazione è progettata in corrispondenza dei siti di ritrovo N° 56-7, quelli in cui sono maggiori i resti fossili e dove si sono estratti i
campioni sottoposti alle analisi.
87
Capitolo IV
Figura 47 : Stazione N° 2.
88
Capitolo IV
Figura 48 : Pannello 3.
89
Capitolo IV
Figura 49 : Pannello 4
90
Capitolo IV
Figura 50: Percorso di raccordo tra le stazioni 2 e 3.
Dopo aver percorso circa 200 metri lungo la sponda del fiume, anche
con semplici scarpe da ginnastica, è possibile prendere finalmente visione
dei resti fossili ancora inseriti negli strati, sia di ghiaia, quelli più alti, che
di argilla, quelli ad una altezza di quasi un metro (Figura 51). Come
illustrazione, è presente un singolo pannello, il quinto (Figura 52), il quale
mostra l’evoluzione del Fiume Cesano da 50 mila anni fa sino ad oggi
riportando
anche
alcune
foto
91
degli
affioramenti
circostanti
Capitolo IV
Figura 51: Stazione N°3.
92
Capitolo IV
Figura 52: Pannello N°5.
93
Capitolo IV
Tornando indietro per la stessa strada o attraversando il fiume su delle apposite
passerelle, è possibile ammirare il parco da lontano ed avere una suggestiva visione di
come questo domini sul corso del fiume che gli passa attorno come aggirandolo (Figura
53).
Figura 53: Parco della Vita visto dalla stazione N°3.
Arrivati alla quarta stazione chiamata “CAMMINANDO CON L’UOMO DI
NEANDERTHAL” (Figura 54), è possibile percorrere un tratto di quasi 10 m
confrontando le proprie impronte da quelle lasciate, ovviamente sono una riproduzione su
un calco, dall’uomo di Neanderthal.
In questo modo si punta a cogliere l’attenzione non solo dei più piccoli
e ad imparare interagendo con il percorso. Le differenze tra il nostro piede e quello dei
neanderthaliani saltano subito all’occhio.
94
Capitolo IV
Ad esempio il nostro è un piede più lungo con falcate maggiori dovute alla maggiore
altezza, mentre quello dell’uomo di Neanderthal era sicuramente più piccolo con passi più
vicini uno con l’altro in quanto la loro statura media era inferiore a quella dell’uomo
attuale. Il loro pollice era probabilmente più divaricato testimoniando un adattamento utile
alla corsa. La presenza dell’uomo di Neandethal nella valle del fiume Cesano è
documentata da numerosi ritrovamenti di selci e manufatti in pietra ascrivibili all’industria
muosteriana. Sono state ritrovate industrie mousteriane da circa 200 mila anni fino circa
40 mila anni fa.
Il pannello sesto (Figura 55) illustra le principali differenze tra “l’abitante” della
Foresta e l’uomo di oggi, riportando alcune camminate famose come quella avvenuta sulla
luna da Neil Armstrong (luglio 1969), e quella ritrovata a Laetoli (3,8 milioni di anni fa)
attribuita all’Australopitecus Afarensis.
Il settimo pannello (Figura 56) mostra, invece, l’evoluzione umana e quali siano stati i
rapporti tra l’ Homo Sapiens sapiens e l’ Homo Neanderthalensis, i quali non
appartenerono alla stessa linea evolutiva e dalla loro interazione ne uscirono vincenti i
sapiens, da cui discendiamo oggi.
95
Capitolo IV
Figura 54: Stazione N°4.
96
Capitolo IV
Figura 55: Pannello N°6.
97
Capitolo IV
Figura 56: Pannello N°7.
98
Capitolo IV
Subito dopo aver finito il percorso delle orme, si arriva alla stazione numero cinque
chiamata “GLI ABITANTI DELLA FORESTA FOSSILE” (Figura 57). Questa condivide
con la stazione precedente il viale che è delimitato a sinistra dalla siepe, che affianca il
parcheggio, e a destra dalla staccionata in legno. In questa sosta è possibile ammirare
subito una fedele riproduzione di un uomo di Neanderthal. Tale ricostruzione permette al
visitatore di rendersi conto delle differenze dell’uomo preistorico della valle del Cesano
rispetto all’uomo moderno. Oltre a delle panchine, ove è possibile riposarsi all’ombra
prima dell’ultima sosta, sono inseriti altri due pannelli esplicativi. Il primo (Figura 58),
che corrisponde all’ottavo in totale, illustra la vita dell’Homo Neanderthalensis, come
viveva e cosa mangiava mostrando immagini di alcuni strumenti in selce rinvenuti nella
valle. Nel secondo pannello, il numero nove (Figura 59), vengono mostrati i
macromammiferi presenti circa 50 mila anni fa nei territori della odierna valle del Cesano
e contemporanei all’uomo di Neanderthal.
I più famosi sono sicuramente il bisonte della steppa e il cervo gigante, a
testimonianza dei quali ci sono stati diversi ritrovamenti. Altri grandi mammiferi, non
meno importanti, sono il mammut, l’orso delle caverne, l’alce, il bue muschiato, ancora
vivente, e il rinoceronte lanoso, che hanno
Probabilmente abitato i territori della valle del Cesano durante il Pleistocene.
99
Capitolo IV
Figura 57: Stazione N°5.
100
Capitolo IV
Figura 58: Pannello N°8.
101
Capitolo IV
Figura 59: Pannello N°9.
102
Capitolo IV
Usciti dal “corridoio” delle stazioni 4 e 5, dopo qualche metro e dopo una piccola
scaletta in legno si giunge all’ultima stazione, il punto di sosta numero 6 chiamato degli
“AFFIORAMENTI” (Figura 60).
Come già trattato in precedenza questa stazione, assieme alla terza, rientra tra quelle
osservabili solamente nei periodi estivi per i problemi dovuti al livello fluviale, visto che il
piano di calpestio è alla stessa quota di scorrimento delle acque nel periodo estivo. In
questa sosta è possibile osservare un paio di affioramenti dei tronchi, i quali si trovano
ancora in posizione vitale.
L’ultimo pannello presente mostra il lavoro di censimento dei ritrovamenti nella Val
Cesano, in particolare nei Comuni di Monte Porzio, San Lorenzo in Campo e San Michele
al Fiume (Figura 61).
Una volta finita la visita si guadagna facilmente l’uscita dal percorso entrando
nuovamente nel parcheggio dal lato opposto a quello in cui si era entrati.
103
Capitolo IV
Figura 60: Stazione N°6.
104
Capitolo IV
Figura 61: Pannello N°10.
105

Documenti analoghi