Travi in CA ntc 2008 - RG Studio Progettazioni

Commenti

Transcript

Travi in CA ntc 2008 - RG Studio Progettazioni
NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI
TRAVI IN CEMENTO ARMATO
(D.M.
D.M. 14 Gennaio 2008)
MATERIALI
Conglomerato
Non è ammesso l’uso di conglomerati di classe inferiore a C20/25.
Acciaio
Si deve utilizzare acciaio di tipo B450C caratterizzato dai seguenti valori nominali delle tensioni
caratteristiche di snervamento e rottura da utilizzare nei calcoli:
fy nom
450 N/mm2
ft nom
540 N/mm2
Deve inoltre rispettare i requisiti indicati nella seguente
CARATTERISTICHE
Tensione caratteristica di snervamento fyk
Tensione caratteristica di rottura ftk
(ft/fy)k
(fy/fynom)k
Allungamento( Agt )k:
Diametro del mandrino per prove di piegamento a 90 ° e
successivo raddrizzamento senza cricche:
φ < 12 mm
12≤ φ ≤ 16 mm
per 16 < φ ≤ 25 mm
per 25 < φ ≤ 40 mm
REQUISITI
FRATTILE (%)
≥ fy nom
≥ ft nom
≥ 1,15
< 1,35
≤ 1,25
≥ 7,5 %
5.0
5.0
10.0
10.0
10.0
4φ
5φ
8φ
10 φ
Gli acciai B450C possono essere impiegati in barre di diametro ∅ compreso tra 6 e 40 mm. L’uso di
acciai forniti in rotoli è ammesso, senza limitazioni, per diametri fino a ∅ ≤ 16 mm per B450C.
Le NTC 2008 ammettono anche l’utilizzo di acciaio tipo B450A (solo per le armature trasversali) con
diametri compresi tra 5 e 10 mm e soltanto se è rispettato almeno uno dei seguenti casi:
RG Studio Progettazioni
-
elementi in cui è impedita la plasticizzazione mediante il rispetto del criterio di gerarchia delle
resistenze; (dipende dalle scelte del progettista, dal tipo di duttilità richiesta dalla struttura (tipologia e
sito su cui sorge))
-
elementi secondari (NTC 2008 § 7.2.3);
-
strutture poco dissipative con fattore di struttura q ≤ 1,5.
Per gli acciai B450A il diametro ∅ delle barre deve essere compreso tra 5 e 10 mm. L’uso di acciai
forniti in rotoli è ammesso, senza limitazioni, per diametri fino a ∅ ≤ 10 mm per B450A.
LIMITAZIONI GEOMETRICHE
La larghezza b della trave deve essere ≥ 20 cm e, per le travi basse comunemente denominate
“a spessore”, deve essere non maggiore della larghezza del pilastro, aumentata da ogni lato di
metà dell’altezza della sezione trasversale della trave stessa, risultando comunque non
maggiore di due volte bc, essendo bc la larghezza del pilastro ortogonale all’asse della trave.
Il rapporto b/h tra larghezza e altezza della trave deve essere ≥ 0,25.
Non deve esserci eccentricità tra l’asse delle travi che sostengono pilastri in falso e l’asse dei
pilastri che le sostengono. Esse devono avere almeno due supporti, costituiti da pilastri o
pareti. Le pareti non possono appoggiarsi in falso su travi o solette.
LIMITAZIONI DI ARMATURA
Armature Longitudinali
Almeno due barre di diametro non inferiore a 14 mm devono essere presenti superiormente
e inferiormente per tutta la lunghezza della trave.
In ogni sezione della trave, salvo giustificazioni che dimostrino che le modalità di collasso
della sezione sono coerenti con la classe di duttilità adottata, il rapporto geometrico
ρ relativo all’armatura tesa, indipendentemente dal fatto che l’armatura tesa sia quella al
lembo superiore della sezione As o quella al lembo inferiore della sezione Ai , deve essere
compreso entro i seguenti limiti:
1,4
3,5
< ρ < ρ comp <
f yk
f yk
dove:
ρ è il rapporto geometrico relativo all’armatura tesa pari ad As/(b·h) oppure ad Ai/(b·h);
ρcomp è il rapporto geometrico relativo all’armatura compressa;
fyk è la tensione caratteristica di snervamento dell’acciaio (in MPa).
RG Studio Progettazioni
Nelle zone critiche della trave, inoltre, deve essere ρcomp ≥1/2ρ e comunque ≥ 0,25ρ.
L’armatura superiore, disposta per il momento negativo alle estremità delle travi, deve essere
contenuta, per almeno il 75%, entro la larghezza dell’anima e comunque, per le sezioni a T o
ad L, entro una fascia di soletta pari rispettivamente alla larghezza del pilastro, od alla
larghezza del pilastro aumentata di 2 volte lo spessore della soletta da ciascun lato del
pilastro, a seconda che nel nodo manchi o sia presente una trave ortogonale. Almeno ¼ della
suddetta armatura deve essere mantenuta per tutta la lunghezza della trave.
Le armature longitudinali delle travi, sia superiori che inferiori, devono attraversare, di
regola, i nodi senza ancorarsi o giuntarsi per sovrapposizione in essi. Quando ciò non risulti
possibile, sono da rispettare le seguenti prescrizioni:
- le barre vanno ancorate oltre la faccia opposta a quella di intersezione con il nodo,
oppure rivoltate verticalmente in corrispondenza di tale faccia, a contenimento del
nodo;
- la lunghezza di ancoraggio delle armature tese va calcolata in modo da sviluppare una
tensione nelle barre pari a 1,25 fyk, e misurata a partire da una distanza pari a 6 diametri
dalla faccia del pilastro verso l’interno.
La parte dell’armatura longitudinale della trave che si ancora oltre il nodo non può terminare
all’interno di una zona critica, ma deve ancorarsi oltre di essa. La parte dell’armatura
longitudinale della trave che si ancora nel nodo, deve essere collocata all’interno delle staffe
del pilastro. Per prevenire lo sfilamento di queste armature il diametro delle barre non
inclinate deve essere ≤ αbL volte l’altezza della sezione del pilastro, essendo:
 7,5 ⋅ f ctm
1 + 0,8ν d
⋅
 γ Rd ⋅ f yd 1 + 0,75 K ⋅ ρ comp
D
α bL = 
per nodi interni
ρ
 7,5 ⋅ f ctm
⋅ (1 + 0,8v d ) per nodi esterni
 γ Rd ⋅ f yd
α bL = 
dove: νd è la forza assiale di progetto normalizzata;
kD vale 1 o 2/3, rispettivamente per CD “A” e per CD “B”;
γRd vale 1,2 o 1, rispettivamente per CD “A” e per CD “B”.
Se per nodi esterni non è possibile soddisfare tale limitazione, si può prolungare la trave oltre il
pilastro, si possono usare piastre saldate alla fine delle barre, si possono piegare le barre per una
RG Studio Progettazioni
lunghezza minima pari a 10 volte il loro diametro disponendo un’apposita armatura trasversale dietro la
piegatura.
Armature Trasversali
Nelle zone critiche devono essere previste staffe di contenimento.
La prima staffa di contenimento deve distare non più di 5 cm dalla sezione a filo pilastro; le
successive devono essere disposte ad un passo non superiore alla minore tra le grandezze
seguenti:
- ¼ dell’altezza utile della sezione trasversale;
- 175 mm e 225 mm, rispettivamente per CD “A” e CD “B”;
- 6 volte e 8 volte il diametro minimo delle barre longitudinali considerate ai fini delle
verifiche, rispettivamente per CD “A” e CD “B”
- 24 volte il diametro delle armature trasversali.
N.B. Per staffa di contenimento si intende una staffa rettangolare, circolare o a spirale, di diametro
minimo 6 mm, con ganci a 135° prolungati per almeno 10 diametri alle due estremità. I ganci devono
essere assicurati alle barre longitudinali.
Zone Critiche
Le zone critiche si estendono, per CD “B” e CD “A”, per una lunghezza pari rispettivamente a
1 e 1,5 volte l’altezza della sezione della trave, misurata a partire dalla faccia del nodo travepilastro o da entrambi i lati a partire dalla sezione di prima plasticizzazione.
Per travi che sostengono un pilastro in falso, si assume una lunghezza pari a 2 volte
l’altezza della sezione misurata da entrambe le facce del pilastro.
RG Studio Progettazioni
SOLLECITAZIONI DI CALCOLO
I momenti flettenti di calcolo, da utilizzare per il dimensionamento o verifica delle travi, sono quelli
ottenuti dall’analisi globale della struttura per le combinazioni di carico di seguito elencate.
Nel caso delle costruzioni civili e industriali le verifiche agli stati limite ultimi o di esercizio devono
essere effettuate per la combinazione dell’azione sismica con le altre azioni e che qui si riporta:
G1 + G 2 + P + E + ∑ jψ 2 j Qkj
Gli effetti dell'azione sismica saranno valutati tenendo conto delle masse associate ai seguenti carichi
gravitazionali:
G1 + G 2 + ∑ jψ 2 j Qkj
I valori dei coefficienti ψ2j sono riportati nella tabella 2.5.I NTC 2008.
Ricordiamo che ai fini delle verifiche degli stati limite si definiscono le seguenti combinazioni delle
azioni.
- Combinazione fondamentale, generalmente impiegata per gli stati limite ultimi (SLU):
γG1⋅G1 + γG2⋅G2 + γP⋅P + γQ1⋅Qk1 + γQ2⋅ψ02⋅Qk2 + γQ3⋅ψ03⋅Qk3 + …
- Combinazione caratteristica (rara), generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE)
irreversibili, da utilizzarsi nelle verifiche alle tensioni ammissibili:
G1 + G2 + P + Qk1 + ψ02⋅Qk2 + ψ03⋅Qk3+ …
- Combinazione frequente, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE) reversibili:
G1 + G2 + P + ψ11⋅Qk1 + ψ22⋅Qk2 + ψ23⋅Qk3 + …
- Combinazione quasi permanente (SLE), generalmente impiegata per gli effetti a lungo termine:
G1 + G2 + P + ψ21⋅Qk1 + ψ22⋅Qk2 + ψ23⋅Qk3 + …
- Combinazione sismica, impiegata per gli stati limite ultimi e di esercizio connessi all’azione sismica E:
E + G1 + G2 + P + ψ21⋅Qk1 + ψ22⋅Qk2 + …
- Combinazione eccezionale, impiegata per gli stati limite ultimi connessi alle azioni eccezionali di
progetto Ad :
G1 + G2 + P + Ad + ψ21 ⋅Qk1 + ψ22 ⋅Qk2 + ...
Nelle combinazioni per SLE, si intende che vengono omessi i carichi Qkj che danno un contributo
favorevole ai fini delle verifiche e, se del caso, i carichi G2.
γG1⋅G1 + γG2⋅G2 + γP⋅P + γQ1⋅Qk1 + γQ2⋅ψ02⋅Qk2 + γQ3⋅ψ03⋅Qk3 + …
Altre combinazioni sono da considerare in funzione di specifici aspetti (p. es. fatica, ecc.). Nelle
formule sopra riportate il simbolo + vuol dire combinato con.
RG Studio Progettazioni
I valori dei coefficienti parziali di sicurezza γGi e γQj sono riportati al Cap. § 2.6.1 ed alla tabella 2.6.I
delle NTC 2008.
Al fine di escludere la formazione di meccanismi inelastici dovuti al taglio, le sollecitazioni di taglio
di calcolo VEd si ottengono sommando il contributo dovuto ai carichi gravitazionali agenti sulla trave,
considerata incernierata agli estremi, alle sollecitazioni di taglio corrispondenti alla formazione delle
cerniere plastiche nella trave e prodotte dai momenti resistenti Mb,Rd,1,2 delle due sezioni di
plasticizzazione (generalmente quelle di estremità) determinati come indicato in par. § 4.1.2.1.2, NTC
2008, amplificati del fattore di sovraresistenza γRd assunto pari, rispettivamente, ad 1,20 per strutture in
CD “A”, ad 1,00 per strutture in CD “B”.
Per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche, si considerano due
valori di sollecitazione di taglio, massimo e minimo, ipotizzando rispettivamente la presenza e l’assenza
dei carichi variabili e momenti resistenti Mb,Rd,1,2, da assumere in ogni caso di verso concorde sulla trave.
Nei casi in cui le cerniere plastiche non si formino nella trave ma negli elementi che la sostengono,
le sollecitazioni di taglio sono calcolate sulla base della resistenza di questi ultimi.
I momenti resistenti sono da calcolare sulla base delle armature flessionali effettivamente presenti,
compreso il contributo di quelle poste all’interno della larghezza collaborante di eventuali solette piene,
se ancorate al di fuori della campata in esame.
La larghezza collaborante è da assumersi uguale alla larghezza del pilastro bc (caso a) su cui la trave
confluisce più:
- due volte l’altezza della soletta da ciascun lato, nel caso di travi confluenti in pilastri interni (caso b);
- due o quattro volte l’altezza della soletta da ciascun lato in cui è presente una trave trasversale di
altezza simile, nel caso di travi confluenti rispettivamente in pilastri esterni o interni (caso c e d).
RG Studio Progettazioni
VERIFICHE DI RESISTENZA
Flessione
In ogni sezione il momento resistente, calcolato come indicato nel par. § 4.1.2.1.2 NTC 2008, deve
risultare superiore o uguale al momento flettente di calcolo, determinato come indicato poc’anzi
(SOLLECITAZIONI)
Taglio
Per le strutture in CD “B”, la resistenza a taglio nei confronti delle sollecitazioni determinate
come indicato poc’anzi (SOLLECITAZIONI) è calcolata come indicato nel par. § 4.1.2.1.3.
NTC 2008.
Per le strutture in CD “A”, vale quanto segue:
- la resistenza a taglio si calcola come indicato al par. § 4.1.2.1.3. NTC 2008 assumendo
nelle zone critiche ctg θ =1;
Se nelle zone critiche il rapporto tra il taglio minimo e quello massimo risulta inferiore a -0,5, e se il
maggiore tra i valori assoluti dei due tagli supera il valore:

V Ed ,min
V R1 =  2 −

V Ed ,max


 ⋅ f ctd ⋅ bw ⋅ d


dove:
bw è la larghezza dell’anima della trave;
d è l’altezza utile della sua sezione;
allora nel piano verticale di inflessione della trave devono essere disposti due ordini di armature
diagonali, l’uno inclinato di +45° e l’altro di -45° rispetto all’asse della trave.
La resistenza deve essere affidata per metà alle staffe e per metà ai due ordini di armature inclinate,
per le quali deve risultare
V Ed ,max ≤
As ⋅ f yd
2
dove As è l’area di ciascuno dei due ordini di armature inclinate.
- 21 maggio 2009 -
RG Studio Progettazioni

Documenti analoghi