2010 - Enaip

Commenti

Transcript

2010 - Enaip
Sto
rie
e
Me
mo
rie
di
Fri
ula
ni i
n
Gra
nB
reta
Ca
g
na
len
dar
io 2
010
d
n
a
s
e
i
r
Sto
f
o
s
e
i
r
o
m
e
M
n
i
s
n
a
i
l
u
i
r
F
n
i
a
t
i
r
B
t
a
e
r
G
0
1
0
2
r
a
d
n
e
l
a
C
Storiis e Memoriis di Furlans in Grande Bretagne Lunari 2010
The Massera family outside their house at Polava, 1947.
La famiglia Massera fuori casa a Polava nel 1947.
La famee Massera fûr de cjase a Polava tal 1947.
Introduction
Introduzione
Introduzion
This calendar aims to tell the story of emigration from the region of Friuli to
the United Kingdon through a collection of parts of life stories and meaningful
photographs that take their place within each month of the year.
Questo calendario ha l’obiettivo di raccontare la storia dell’emigrazione
friulana nel Regno Unito attraverso una serie di brani di storie di vita e di fotografie significative, che trovano una loro collocazione all’interno di ciascun
mese dell’anno.
Chest lunari al à tant che obietîf chel di contâ la storie de emigrazion furlane
intal Ream Unît cuntune schirie di testemoneancis e di fotografiis significativis, une par ogni mês dal an.
This oral history project, that is stored in the AMMER (Multimedia Archive
for the Memories of Regional Emigration) and financed by the Friuli-Venezia
Giulia region, is vitally important for three reasons.
Firstly, it seeks to keep alive the memory of a past that might otherwise
be forgotten because of the rapid and continuous changes that affect the
cosmopolitan society we live in today.
Questo progetto di storia orale che e’ confluito nell’ AMMER (Archivio
Multimediale della Memoria dell’ Emigrazione Regionale), finanziato dalla
Regione Friuli Venezia Giulia, riveste un’importanza essenziale per tre motivi.
In primo luogo, vuole mantenere viva la memoria di un passato che altrimenti
potrebbe essere dimenticato a causa dei veloci e continui mutamenti alla quale
e’ sottoposta la societa’ cosmopolita e contemporanea in cui viviamo.
Chest progjet di storie orâl, che al fâs part dal AMMER (Archivi Multimediâl de Memorie de Emigrazion Regjonâl) finanziât de Regjon Friûl Vignesie Julie, al à une impuartance essenziâl par trê resons.
Prin di dut par vie che al vûl di tignî vive la memorie di un passât che, se di
no, al podarès jessi dismenteât par vie dai mudaments continuis e une vore
svelts de nestre societât cosmopolite e contemporanie.
Secondly, it aims to preserve and safeguard those old local customs and
traditions that belong to our cultural heritage, whatever the social reality,
practices that run the risk of being forgotten in the process of globalization and
with them those traits that distinguish us from each another.
In secondo luogo, intende conservare e tutelare quegli usi e costumi locali e
antichi, che appartengono al patrimonio culturale di ogni realta’ sociale, che
a causa della globalizzazione rischiano di essere dimenticati, perdendo così
quelle peculiarita’ che contraddistinguono gli uni dagli altri.
Po dopo par vie che al vûl conservâ e tutelâ chei ûs e chei costums locâi e
antîcs che i partegnin al patrimoni culturâl di ogni realtât sociâl e che a riscjin
di jessi dismenteâts par vie de globalizazion, fasintnus pierdi cussì chês particolaritâts che nus fasin diferents di chei altris.
Lastly, this calendar that will provide you month by month with its stories of
the past life and photographs that tell of a rich history and feelings that live on
to this day, aims to give new generations a chance to discover and learn about
their history and therefore their own identity through the life stories of those
who decided to undertake a journey, often into the unknown.
Infine, il calendario, che vi accompagnera’ mese dopo mese, con racconti
di una vita passata e fotografie che sanno narrare una storia profonda e
sentimenti ancora vivi, vuole offrire alle nuove generazioni un momento di
riflessione affinche’ possano scoprire e conoscere, attraverso le storie di vita di
coloro che hanno deciso di affrontare un viaggio senza spesso sapere dove li
avrebbe portati, il loro passato e quindi la loro identita’.
Infin il lunari, che us compagnarà mês par mês, cun testemoneancis di vite
passade e fotografiis che a contin di une storie profonde e di sintiments
ancjemò vîfs, al vûl ufrî aes gnovis gjenerazions un moment di riflession par
che a puedin scuvierzi e cognossi il lôr passât e la lôr identitât traviers des
testemoneancis di cui che al à decidût di frontâ un viaç cence savê dulà che al
sarès rivât.
Un ringraziamento sincero e’ rivolto a tutti coloro che hanno contribuito alla
realizzazione di questo progetto di storia orale offrendo le loro memorie e raccontando la loro esperienza di vita anche attraverso fotografie uniche e intrise
di una storia che non vogliamo venga dimenticata.
Un graciis di cûr a cui che al à judât a puartâ insom chest progjet di storie orâl
cu la sô testemoneance e cun fotografiis unichis e plenis di une storie uniche
che o volìn che no sedi dismenteade.
Our heart-felt thanks go out to everyone who has contributed to this oral
history project by sharing their memories and telling their life experiences and
also through unique photographs that are steeped in a history that we never
want to see forgotten.
LUCIA BUGITTI (PRESIDENT ERAPLE UK)
ELISA SINOSICH (CHIEF EXECUTIVE ERAPLE)
LUCIA BUGITTI (PRESIDENTE ERAPLE UK)
ELISA SINOSICH (PRESIDENTE GENERALE ERAPLE)
LUCIA BUGITTI (PRESIDENTE ERAPLE UK)
ELISA SINOSICH (PRESIDENTE GJENERÂL ERAPLE)
Special thanks to: / In particolare si ringrazia: / In particolâr graciis di cûr a:
Lucio Alzetta, Massimo Alzetta, Dora Bertolutti-Howard, Alberta Boccato, Alvini Canciani, Dario Caretto, Elvio Carnera, John Carnera, Mario Cicigoi, Achille Crovato, Adriano Fantini, Nicesio Fantini, Giannina Ferguson, Matteo
Gabelli, Cynthia Gamble, Giambattista Girolami, John Girolami, Derna Holinsky, Gianfranco Holmes, Antonio Maraldo, Nelson Maraldo, Mirella Marcovigi-Emery, Maria Mariutto-Cox, Angelina Massera, Elda Mezzavilla, Peter
Ruszczak, Alice Sartor.
Notes
*The Arandora Star set sail from Liverpool for Canada on 1st July 1940
with 1564 men on board. Among these were Italian, German and Austrian
prisoners and English crew members. On the morning of 2nd July 1940
the liner was torpedoed by a German submarine off the Irish coast. 446
Italians were among the 700 lost at sea. Information taken from the book:
“Arandora Star, a forgotten tragedy” by Maria Serena Balestracci, published by
Millenium Editrice 2006.
Note
*L’Arandora Star salpo’ da Liverpool il primo luglio 1940 alla volta del Canada
con a bordo 1564 uomini tra prigionieri italiani, tedeschi, austriaci e membri
dell’equipaggio inglese ma la mattina del due luglio 1940, a largo della costa
irlandese, il translatlantico venne colpito da un missile di un sottomarino tedesco .
I dispersi furono circa 700 di cui 446 italiani. Informazioni tratte dal libro “Arandora Star, una tragedia dimenticata” di Maria Serena Balestracci, Ed. Millenium
Editrice 2006.
Notis
*L’Arandora Star e partì di Liverpool il prin di Lui dal 1940 pal Canadà cun 1564
personis sedi presonîrs talians, todescs, autriacs che membris dal ecuipaç inglês,
ma la matine dai doi di Lui dal 1940, dongje de cueste irlandese, un missil di un
somerzibil todesc al à cjapât il transatlantic. I muarts a son stâts cirche 700 e di
chescj 446 a jerin di citadinance taliane. Informazions gjavadis dal libri “Arandora
Star, una tragedia dimenticata” di Maria Serena Balestracci, Ed. Millenium Editrice
2006.
**Primo Carnera (Born in Sequals, 25th October 1906 – Died in Sequals,
29th June 1967) was one of the greatest boxers in Italian sporting history. He
was heavyweight world champion from 29th June 1933 to 14th June 1934.
**Primo Carnera (Sequals, 25 Ottobre 1906 – Sequals, 29 giugno 1967) e’ stato
uno dei piu’ grandi pugili nella storia di questo sport in Italia. Fu campione mondiale dei pesi massimi dal ventinove giugno 1933 al quattordici giugno 1934.
**Primo Carnera (Secuals, ai 25 di Otubar 1906 – Secuals, ai 29 di Jugn 1967)
al è stât un dai plui grancj pugjii de storie di chest sport intal stât talian. Al è stât
campion mondiâl dai pês massims dai vincjenûf di Jugn dal 1933 ai cutuardis di
Jugn dal 1934.
New Moon
Luna Nuova
Lune Gnove
First Quarter
Primo Quarto
Prin Cuart
Last Quarter
Ultimo Quarto
Ultin Cuart
Full Moon
Luna Piena
Lune Plene
Cover:
Duino De Vincenti, Nicesio Fantini,
Firmino Cudicio on their way to work at
the mine in Llanhary, 1951.
In copertina:
Duino De Vincenti, Nicesio Fantini,
Firmino Cudicio mentre vanno al lavoro
nella miniera di Llanhary, nel 1951.
In cuvierte:
Duino De Vincenti, Nicesio Fantini,
Firmino Cudicio intant che a van a vore te
miniere di Llanhary, tal 1951.
From top left: Vittorio Marcovich, Eugenia
Mazorana, Luigi Mazorana, Lina Marcovich,
Teresa Marcovich, Anna Mazorana, Mario
Marcovich, Mirella Marcovich, Bruno Marcovich
and Maria Gerin. Udine, in the house on Via
Aquileia, 1928.
In alto da sinistra: Vittorio Marcovich, Eugenia
Mazorana, Luigi Mazorana, Lina Marcovich,
Teresa Marcovich, Anna Mazorana, Mario
Marcovich, Mirella Marcovich, Bruno Marcovich e
Maria Gerin. Udine, casa di via Aquileia, 1928.
Ad alt di man çampe: Vittorio Marcovich,
Eugenia Mazorana, Luigi Mazorana, Lina
Marcovich, Teresa Marcovich, Anna Mazorana,
Mario Marcovich, Mirella Marcovich, Bruno
Marcovich e Maria Gerin. Udin, cjase di vie
Aquilee, 1928.
2010
JANUARY GENNAIO ZENÂR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1 New Year’s Day
2
Maria madre di Dio
S. Basilio vescovo
3
4
5
6
7
8
9
S. Genoveffa
S. Ermete
S. Amelia
Epifania del Signore
S. Raimondo
S. Severino
S. Giuliano martire
10
11
12
13
14
15
16
S. Aldo Eremita
S. Igino Papa
S. Modesto martire
S. Ilario
S. Felice martire
S. Mauro abate
S. Marcello Papa
17
18
19
20
21
22
23
S. Antonio abate
S. Liberata
S. Mario martire
S. Sebastiano
S. Agnese
S. Vincenzo martire
S. Emerenziana
24
25
26
27
28
29
30
S. Francesco di Sales
Conversione di S. Paolo
SS. Tito e Timoteo
S. Angela Merici
S. Tommaso d’ Aquino
S. Costanzo
S. Martina
31
S. Giovanni Bosco
“The Fascist regime encouraged everyone with
foreign sounding first or surnames to change and
Italianize them, even those originally of German
or Slavic origin. I even have a copy of the 1929
Gazzetta Ufficiale that shows how the Marcovich
family became the Marcovigi. The funny thing
is that my grandmother always refused saying:
“I married a Marcovich who was a good man
and a gentleman and I don’t want to change or
become anything else.”
Mirella Marcovigi Emery
“Il fascismo invito’ tutti quelli che avevano i
nomi e cognomi stranieri, anche di origine
tedesca o di origine slava, di cambiare e di
italianizzarli; ed io ho anche una copia della
Gazzetta Ufficiale del 1929 che dimostra che
la famiglia Marcovich e’ diventata Marcovigi.
Ma la stranezza e’ che mia nonna si e’ sempre
rifiutata e diceva: “Mi go’ sposa’ un Marcovich
el iera bon el iera un gentil’uomo e mi no voio
diventar, no voio cambiar.”
Mirella Marcovigi Emery
“Il fassisim al veve domandât a ducj chei che a
vevin i nons e i cognons forescj, ancje di origjin
todescje o slave, di cambiâ e di italianizâju; o ai
ancje une copie de Gazete Uficiâl dal 1929 che e
dimostre che la famee Marcovich e je deventade
Marcovigi. Ma la singolaritât e je che mê none
si è simpri refudade e e diseve “Mi go’ sposa’ un
Marcovich el iera bon el iera un gentil’uomo e
mi no voio diventar, no voio cambiar.”
Mirella Marcovigi Emery
The Ruszczak family.
From left: Peter, Olga, mother Elda, father
Lucs and Anna, Bradford, 1968.
Famiglia Ruszczak a Bradford, 1968.
Da sinistra: Peter, Olga, mamma Elda, papa’
Lucs e Anna.
Famee Ruszczak a Bradford, 1968.
Di man çampe: Peter, Olga, la mari Elda, il
pari Lucs e Anna.
The lads from Valcellina at work at the French Embassy.
First from the left: Lucio Alzetta, 1955.
I ragazzi della Valcellina al lavoro presso l’ambasciata
francese nel 1955. Il primo sulla sinistra è Lucio Alzetta.
I fantats de Val Celine che a lavorin li de ambassade
francese intal 1955. Il prin a man çampe al è Lucio Alzetta.
2010
FEBRUARY FEBBRAIO FEVRÂR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
5
6
S. Verdiana
Presentazione del Signore
S. Biagio
S. Gilberto
S. Agata
S. Paolo Miki
7
8
9
10
11
12
13
S. Teodoro martire
S. Girolamo Emiliani
S. Apollonia
SS. Arnaldo e Scolastica
S. Dante
B.V. di Lourdes
S. Maura
14
15
16
17
18
19
20
S. Valentino martire
S. Faustino
S. Giuliana Vergine
S. Donato martire
S. Simone Vescovo
S. Corrado
S. Eleuterio V.
21
22
23
24
25
26
27
I di Quaresima
S. Margherita
S. Renzo
S. Edilberto re
S. Cesario
S. Romeo
S. Leandro
28
II di Quaresima
Lucio Alzetta remembers that one
evening, when he was working at the
French Embassy the Queen arrived with
her lady-in-waiting.
He opened the door and showed her
into the drawing room. She stayed for
twenty minutes and tried speaking to
him in English, Italian and French.
The next day the Ambassador received a
letter in which the Queen thanked him
for the evening and told him what an
unexpected pleasure it was to meet such
nice Italian lads.
Lucio Alzetta
Lucio Alzetta ricorda che una sera,
quando stava lavorando all’Ambasciata
Francese, è arrivata la Regina con la
sua dama di compagnia.
Lui le ha aperto la porta e l’ha
accompagnata in salotto. Lei è rimasta
lì per venti minuti e ha cercato di
parlare con lui in inglese, italiano e
francese.
Il giorno seguente l’Ambasciatore ha
ricevuto una lettera in cui la Regina lo
ringraziava per la serata ed esprimeva
compiacimento per i ragazzi italiani
che lavoravano li.
Lucio Alzetta
Lucio Alzetta si vise che cuant che al
lavorave into Ambassade Francese,
une sere e je rivade la Regjine cu la
dame di compagnie, lui i à viert la
puarte e le à fate sentâ inte sale. Si è
fermade par vincj minûts e e à cirût
di fevelâ inglês, talian e francês cun
lui. La dì dopo l’Ambassadôr al à
ricevût une letare dulà che la Regjine
lu ringraciave de serade e lu informave
di jessi restade une vore contente e
maraveade dai fantats talians.
Lucio Alzetta
From left: Andrea Oriani
and his cousin, Achille
Crovato and Angelina
Oriani. La Ronda café in
Waterloo, London, 1958.
Da sinistra: Andrea
Oriani e la cugina, Achille
Crovato e Angelina
Oriani. Caffè La Ronda a
Waterloo, Londra, 1958.
Di man çampe: Andrea
Oriani e la cusine, Achille
Crovato e Angelina
Oriani. Cafè La Ronda a
Waterloo, Londre, 1958.
The Girolami brothers in Fanna. From left: John
wearing the Fez, his Fascist hat, Umberto, Oreste and
Giambattista, 1929
Fratelli Girolami a Fanna nel 1929. Da sinistra: John,
con il Fez, capricapo fascista, Umberto, Oreste e
Giambattista.
I fradis Girolami a Fane intal 1929. Di man çampe:
John, cu la Fez, barete fassiste, Umberto, Oreste e
Giambattista.
2010
MARCH MARZO MARÇ
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
5
6
S. Albino
S. Basileo martire
S. Tiziano
S. Casimiro
S. Adriano
S. Giordano
7
8
9
10
11
12
13
III di Quaresima
S. Giovanni di Dio
S. Francesca Romana
S. Simplicio Papa
S. Costantino
S. Massimiliano
S. Arrigo
14
15
16
17
18
19
20
IV di Quaresima
S. Longino
S. Eriberto vescovo
S. Patrizio
S. Salvatore
S. Giuseppe
S. Claudia
21
22
23
24
25
26
27
V di Quaresima
S. Lea
S. Fedele
S. Gabriele
Annunciazione del Signore
S. Emanuele
S. Augusto
28
29
30
31
Le Palme
S. Secondo martire
S. Amedeo
S. Beniamino martire
“Living in the country
meant that during the school
summer holidays we were
always outside and hunting
for birds’ nests. There were
only three of us lads in my
part of the village and we
spent all our time together.”
Nelson Maraldo
“D’estate, quando avevamo
le vacanze di scuola,
abitando in campagna,
eravamo sempre fuori e si
giocava a trovare i nidi di
uccelli. Eravamo solo tre
ragazzi della mia borgata,
eravamo sempre assieme.”
Nelson Maraldo
“Vie pal Istât, cuant che no
si leve a scuele, in
campagme o jerin simpri
difûr e o zuiavin a cjatâ i
nîts dai uciei. O jerin dome
trê fruts intal gno borc e o
jerin simpri insiemi. “
Nelson Maraldo
1
Massimo Alzetta with friends and a little dog in
Montereale Valcellina, 1940s.
Massimo Alzetta con amici e un piccolo cane a
Montereale Valcellina negli anni ’40.
Massimo Alzetta cun amîs e un cjanut a
Montreâl intai agns ’40.
2
On the right the two brothers Antonio and Nelson
in Orgnese, in the parish of Cavasso Nuovo, with
their two cousins, 1951.
Sulla destra i due fratelli Antonio e Nelson ad
Orgnese, frazione di Cavasso Nuovo, insieme a
due cugini nel 1951.
A man drete i doi fradis Antonio e Nelson a
Orgnês, frazion di Cjavàs cun doi cusins intal
1951.
1
2
Nicesio Fantini with other Friulians and Welsh miners in Llanhary, 1951.
Nicesio Fantini con altri minatori friulani e gallesi a Llanhary nel 1951.
Nicesio Fantini cun altris minadôrs furlans e galês a Llanhary intal 1951.
2010
APRIL APRILE AVRÎL
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2 Good Friday
3
S. Ugo vescovo
S. Francesco di Paola
S. Riccardo vescovo
4 Easter
5 Easter Monday
6
7
8
9
10
Pasqua di Resurrezione
Lunedì dell’Angelo
S. Guglielmo
S. Ermanno
S. Alberto Dionigi
S. Maria Cleofe
S. Terenzio martire
11
12
13
14
15
16
17
S. Stanislao vescovo
S. Giulio Papa
S. Martino Papa
S. Lamberto
S. Annibale
S. Bernadette
S. Aniceto papa
18
19
20
21
22
23
24
S. Galdino vescovo
S. Ermogene martire
S. Adalgisa vergine
S. Anselmo
S. Daniele
S. Giorgio martire
S. Fedele
25
26
27
28
29
30
S. Marco evangelista
S. Cleto
S. Zita
S. Pietro Chanel
S. Caterina da Siena
S. Pio V papa
“We were working in the City of London where we
made all the stairs, toilets and dividing walls out of
terrazzo. It was a hard job working there because
in those days there weren’t cranes or any other way
to carry up our stuff. I was sixteen and had to carry
sacks of cement that weighed 50 kilos up seven or
eight floors on my back. We started punctually at
eight in the morning and stopped for ten minutes at
ten, half an hour to eat something at midday. After
that we got another ten minutes at three and then we
finished at six on the dot and went home”.
Antonio Maraldo
“Si lavorava nella City di Londra dove si facevano
le scale, i gabinetti e i divisori tutti di terrazzo.
Si lavorava la’, era un lavoro duro perche’ quella
volta, non c’erano le gru o niente da portare su la
roba ed io avevo sedici anni e mi toccava portare su
sacchi di cemento che quella volta erano cinquanta
chili, sette, otto piani a portarli sulla schiena. E si
cominciava alle otto di mattina, puntuali e dopo
ci si fermava per dieci minuti alle dieci, mezz’ora a
mezzogiorno a mangiare e dopo alle tre ci si fermava
ancora per dieci minuti e dopo si finiva alle sei puntuali e si veniva a casa.”
Antonio Maraldo
“Si lavorave inte City di Londre dulà che si fasevin
lis scjalis, i gabinets e lis paradanis des teracis. Si
lavorave li e al jere un lavôr dûr parcè che in chê
volte no jerin lis gruis o alc altri par puartâ sù la
robe. Jo o vevi sedis agns e o vevi di puartâ sù sacs
di ciment che in chê volte a pesavin 50 chilos, siet,
vot, plans a puartâju su la schene. Si tacave a vot a
buinore, puntuâi, dopo si faseve une polse di dîs
minûts aes dîs, miezore a misdì e dopo, aes trê,
ancjemò dîs minûts par finî aes sîs, puntuâi, e
tornâ a cjase.”
Antonio Maraldo
1
Elda Mezzavilla with her husband Celeste at their house in Bourne
End, 1959.
Elda Mezzavilla con il marito Celeste nella casa di Bourne End nel
1959.
Elda Mezzavilla cul om Celeste inte cjase di Bourne End intal
1959.
2
Nicesio Fantini cutting a client’s hair in South Wales, 1952.
Nicesio Fantini mentre taglia i capelli ad un cliente nel sud del
Galles nel 1952.
Nicesio Fantini intant che i taie i cjavei a un client intal sud dal
Gales intal 1952.
1
2
Mr and Mrs Alzetta at their wedding at the Italian Church in London, 1958.
Matrimonio dei coniugi Alzetta nel 1958 nella chiesa italiana di Londra.
Matrimoni dai nuviçs Alzetta intal 1958 inte glesie taliane di Londre.
2010
MAY MAGGIO MAI
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
San Giuseppe artigiano
2
3
4
5
6
7
8
S. Atanasio
SS. Filippo e Giacomo
SS. Silvano e Nereo
S. Pellegrino martire
S. Giuditta martire
S. Virginia
S. Vittore martire
9
10
11
12
13
14
15
S. Gregorio vescovo
S. Antonino
S. Fabio martire
S. Pancrazio
Nostra Signora di Fatima
S. Mattia Apostolo
S. Torquato
16
17
18
19
20
21
22
Ascensione del Signore
S. Pasquale Baylon
S. Giovanni I papa
S. Pietro di Morrone
S. Bernardino da Siena
S. Vittorio martire
S. Rita da Cascia
23 Pentecoste
24
25
26
27
28
29
S. Desiderio vescovo
S. Amalia
S. Adelmo
S. Filippo Neri
S. Agostino
S. Emilio martire
S. Massimino vescovo
30
31
SS. Trinitá
Visitazione B.M.V.
Derna remembers how she met her husband: “When I saw him
he was well-dressed: a herringbone coat , a hat and he had leather
gloves and I’d never seen anyone with leather gloves before. When
I saw him I said: “Oh my goodness, what a handsome lad!”. Can
you imagine him wanting a poor girl like me but he said: “Oh no,
you’re not going to Italy!”. After six weeks they got married.
Derna Holinsky
Derna ricorda l’incontro con il marito: “Quando l’ho visto
era ben vestito: il cappotto a lisca di pesce, il cappello e aveva
i guanti di pelle che io non avevo mai visto nessuno con i
guanti di pelle. Quando l’ho visto ho detto: “Madonna che
bel ragazzo!”. Ti puoi immaginare se voleva una povera ragazza
1
2
come me ma lui mi disse: “E no, tu non vai in Italia!”. Dopo
sei settimane si sposarono.
Derna Holinsky
Derna si vise di cuant che si è cjatade pe prime volte cul so om:
“Cuant che lu ai viodût al jere ben vistût: al veve il capot spinât,
il cjapiel e lis manecis di piel e jo no vevi mai viodût nissun cu
lis manecis di piel. Cuant che lu ai viodût o ai dit: Marissante
ce biel fantat! Tu pûs crodi se al vûl une puare frute come me,
ma lui mi à dit: eh no, tu no tu tornis in Italie!”. Dopo sîs
setemanis o jerin maridâts.
Derna Holinsky
1
Derna Holinsky and her husband Vasiliko on their wedding day in
St. Patrick’s Church, Bradford, 2nd August 1953.
Derna Holinsky il giorno del matrimonio con il marito Vasilico nella
Chiesa St Patrick di Bradord il 2 agosto del 1953.
Derna Holinsky la dì dal matrimoni cul om Vasilico inte Glesie di
St. Patrick di Bradord ai 2 di Avost dal 1953.
2
Elvio Carnera and his wife Barbara on their wedding day in London,
1959.
Il giorno delle nozze di Elvio Carnera e la moglie Barbara nel 1959
a Londra.
La dì des gnocis di Elvio Carnera e de femine Barbara intal 1959
a Londre.
Alice Sartor sitting on a Vespa with a friend in Kensington, London, 1960s.
Alice Sartor in sella ad una Vespa con un amico a Kensington, Londra, anni ’60.
Alice Sartor suntune Vespa e un amì a Kensington, Londre, agns ’60.
2010
JUNE GIUGNO JUGN
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
5
S. Giustino martire
S. Marcellino
Madonna della Lettera
S. Quirino vescovo
S. Bonifacio vescovo
6
7
8
9
10
11
12
Corpus Domini
S. Roberto vescovo
S. Medardo vescovo
S. Primo
S. Diana
S. Barnaba apostolo
S. Guido
13
14
15
16
17
18
19
S. Antonio da Padova
S. Eliseo
S. Vito
S. Aureliano
S. Gregorio Barbarigo
S. Marina
S. Gervasio
20
21
22
23
24
25
26
S. Silverio papa
S. Luigi Gonzaga
S. Paolino da Nola
S. Lanfranco vescovo
Natività S. Giovanni Battista
S. Guglielmo abate
S. Vigilio vescovo
27
28
29
30
S. Cirillo D’Alessandria
S. Attilio
SS. Pietro e Paolo
SS. Primi Martiri
“I learnt to ride a motorbike at sixteen and then I
bought a Triumph Tiger T10 650 cc. that I rode all
over Italy. When I came back to England I decided
to sell that bike and buy a Vespa”.
Alice Sartor
1
Alice Sartor on a trip out
of town in Hertfordshire,
1960s.
Alice Sartor in gita fuori
porta nel Hertfordshire,
anni ’60.
Alice Sartor intant di une
gjite intal Hertfordshire,
agns ’60.
“Ho imparato a guidare la motocicletta all’età di
sedici anni e dopo comprai una Triumph Tiger
T10 650 cc. con la quale girai lungo tutta l’Italia.
Quando ritornai in Inghilterra decisi di vendere
quella moto e comprai una Vespa.”
Alice Sartor
“O ai imparât a menâ la moto a sedis agns e dopo
o ai comprât une Triumph Tiger T10 650 cc. che
cun chê o ai fat il zîr di dute la Italie. Cuant che o
soi tornade in Ingletiere o ai decidût di vendile e
di cjolimi une Vespa.”
Alice Sartor
2
Gianfranco Holmes on his
Lambretta in Corby, 1958.
Gianfranco Holmes a Corby
in sella alla sua Lambretta
nel 1958.
Gianfranco Holmes a Corby
su la sô Lambretta intal
1958.
1
2
Cicigoi with fellow members of the Alpine Infantry, 1953.
Mario Cicigoi insieme a dei compagni alpini nel 1953.
Mario Cicigoi cui compagns alpins intal 1953.
2010
JULY LUGLIO LUI
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
S. Teobaldo eremita
S. Ottone
S. Tommaso apostolo
4
5
6
7
8
9
10
S. Rossella
S. Antonio Maria Zaccaria
S. Maria Goretti
S. Claudio
S. Priscilla
S. Armando
S. Silvana
11
12
13
14
15
16
17
S. Benedetto
S. Fortunato martire
S. Enrico imperatore
S. Camillo de Lellis
S. Bonaventura
N. S. del Monte Carmelo
S. Alessio
18
19
20
21
22
23
24
S. Federico V.
S. Giusta
S. Elia profeta
S. Lorenzo da Brindisi
S. Maria Maddalena
S. Brigida
S. Cristina
25
26
27
28
29
30
31
S. Giacomo apostolo
SS. Anna e Gioacchino
S. Natalia
S. Nazario
S. Marta
S. Pietro Crisologo vescovo
S. Ignazio di Loyola
“…It [Arandora Star] was torpedoed off the Irish coast and
luckily my father was on deck. They were all allowed on deck
to get some fresh air and to stretch their legs. When the ship was
torpedoed he was terrified of course. An English soldier said:
“Come on, you have to jump!’ and my father said no because he
couldn’t swim but the English soldier took him by the hand and
they jumped into the sea together. He spent nine hours in the
water holding on to the side of a life raft. After that he was taken
to England…He told us that there had supposedly been two ships
there, one taking gold to Canada and the other carrying prisoners.
It would seem that the ships were mistaken for each other at the
last minute. I’m not sure if this is really true or not because it’s
only what was said at the time and what he told us. Apparently
the Germans knew that these ships were leaving and torpedoed the
one they thought was carrying the gold.” *
Lilia M. Mariutto Cox
“...Sulla costa dell’Irlanda venne silurata [Arandora Star ndr]
e fortunatamente mio padre stava camminando sul ponte in
quel momento, erano tutti autorizzati a salire sul ponte per
prendere un po’ d’aria fresca e camminare un po’, e quando
la nave venne silurata naturalmente lui era terrorizzato. Un
soldato inglese gli disse: “Andiamo, devi saltare!” e mio padre
disse di no perche’ non sapeva nuotare ma il soldato inglese
gli prese la mano e saltarono insieme nel mare. Lui rimase in
acqua per nove ore attaccato al bordo di una barca di salvataggio. Dopo fu riportato in Inghilterra...Lui ci disse che
al tempo pare ci fossero due navi, una doveva portare l’oro e
doveva andare in Canada e l’altra nave doveva portare i prigionieri e pare che all’ultimo momento le due navi siano state
scambiate. Non sono sicura che sia assolutamente vero perche’
questo e’ solo cio’ che si diceva e che lui ci disse. E pare che i
tedeschi sapessero di queste navi che stavano partendo e cosi’
loro silurarono la nave che pensavano portasse l’oro.” *
Lilia M. Mariutto Cox
“...Su la cueste de Irlande la nâf e je stade silurade [ la Arandora Star ndr] e par fortune gno pari al jere che al cjaminave sul
puint in chel moment, ducj a podevin lâ sul puint par cjapâ un
pôc di aiar e cjaminâ e cuant che la nâf e je stade silurade lui al
jere terorizât, come che si pues imagjinâ. Un soldât inglês i à
dit: “Dai mo, tu âs ti saltâ” e gno pari i à dit di no, par vie che
nol saveve nadâ, ma il soldât inglês i à cjapât la man e si son
butâts in mâr insiemi. Lui al è restât inte aghe nûf oris tacât di
une sialupe. Dopo lu àn tornât a puartâ in Ingletiere... nus à
dit che si diseve che a fossin dôs nâfs, une e veve di puartâ l’aur
e e veve di lâ in Canadà e chê altre e veve di puartâ i presonîrs
e al somee che propit tal ultin lis vedin scambiadis. No soi
sigure che e sedi lade propit cussì parcè che chest al è dome
ce che a disevin e che lui nus à contât. Al pâr che i todescs
a savessin di chestis nâfs che a jerin daûr a partî e cussì a àn
silurât chê che a crodevin che e fos plene di aur.” *
Lilia M. Mariutto Cox
Lilia M. Cox’s father, Pietro Mariutto, during the First
World War in Cavasso Nuovo, circa 1916.
Il padre di Lilia M. Cox, Pietro Mariutto, durante la Prima
Guerra Mondiale a Cavasso Nuovo nel 1916 circa.
Il pari di Lilia M. Cox, Pietro Mariutto, intant de prime
vuere mondiâl a Cjavàs intal 1916 cirche.
Giannina Ferguson at Whipps Cross Lido in London, 1952.
Giannina Ferguson al Lido Whipps Cross a Londra nel 1952.
Giannina Ferguson sul lît di Whipps Cross a Londre intal 1952.
2010
AUGUST AGOSTO AVOST
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
5
6
7
S. Alfonso
S. Eusebio
S. Lidia
S. Giovanni Maria Vianney
S. Osvaldo
Trasfigurazione N. Signore
S. Gaetano da Thiene
8
9
10
11
12
13
14
S. Domenico
S. Romano
S. Lorenzo martire
S. Chiara
S. Giuliano
S. Ippolito
S. Alfredo
15
16
17
18
19
20
21
Assunzione Maria Vergine
S. Stefano
S. Giacinto
S. Elena
S. Ludovico
S. Bernardo
S. Pio X papa
22
23
24
25
26
27
28
S. Maria regina
S. Rosa da Lima
S. Bartolomeo apostolo
S. Ludovico
S. Alessandro martire
S. Monica
S. Agostino
29
30
31
Martirio S. Giovanni Battista
S. Tecla
S. Aristide martire
“…We used to go to the
mountains to collect chestnuts and
we sang from one place to another.
Everyone would listen to us
because we were all good singers in
my family, my dad and my mum
and lots of people we met would
say : “Come on, sing some more!”
and they clapped us…We used to
sing songs like ‘Vecchio Scarpone’
or ‘Un mazzolin di fiori’, all songs
from the olden days…”
Angelina Massera
“...Si andava in montagna a
prendere le castagne e si cantava
da un posto all’altro e tutti ci
ascoltavano perche’ in famiglia
eravamo tutti grandi cantori, mio papa’, mia mamma e
tanti dall’altra parte ci dicevano:
“cantate ancora!” e ci battevano
le mani ... Cantavamo canzoni
come ‘Vecchio Scarpone’ o ‘Un
mazzolin di fiori’, tutte canzoni
di una volta....”
Angelina Massera
“...Si leve in mont a cjapâ sù
cjastinis e si cjantave lant di
un puest a chel altri e ducj nus
scoltavin parcè che in famee o
cjantavin ducj ben, gno pari,
mê mari e tancj di chê altre
bande nus disevin: “cjantait
ancjemò!” e nus batevin lis mans
.. o cjantavin cjançons come
‘Vecchio Scarpone’ o ‘Un mazzolin di fiori’, dutis cjançons di
une volte... “
Angelina Massera
1
Angelina Massera playing her accordion in
Polava, April 1953.
Angelina Massera mentre suona la
fisarmonica a Polava nell’Aprile 1953.
Angelina Massera intant che e sune la
armoniche a Polava intal Avrîl dal 1953.
2
From left: Mirella Marcovigi walking with a
friend through the streets of Trieste, 1952.
Da sinistra: Mirella Marcovigi a passeggio
con una amica per le strade di Trieste,
1952.
Di man çampe: Mirella Marcovigi intant
che e fâs une cjaminade cuntune amie a
Triest intal 1952.
1
2
Giannina Ferguson remembers how her mother, Innes Andreutti,
worked as a spy for the Resistance and had to carry messages from the
SS, who had their headquarters in Susans Castle to the BOF (Osoppo
Brigade of Friuli). The information was carefully hidden under a
bandage around her head which was then covered by a headscarf.
Thanks to her beauty the young spy didn’t encounter any great
difficulties in carrying out her delicate role and the great importance
of the information she was carrying spared her from having her head
shaved, the action taken against those women who associated with the
Germans.
Giannina Ferguson.
Giannina Ferguson ricorda che la madre, Ines Andreutti, essendo
una spia della Resistenza doveva portare i messaggi dalle SS, che
avevano il loro quartiere generale nel castello di Susans, alla BOF
(Brigata Osoppo di Friuli). Quelle informazioni venivano nascoste
accuratamente sotto una fascia in testa coperta da un fazzoletto.
Grazie alla sua bellezza, la giovane spia non incontro’ grandi difficolta’ nel suo delicato ruolo e la grande importanza delle informazioni di cui lei era in possesso le risparmiarono la rasatura dei
capelli, gesto che veniva compiuto sulle donne che frequentavano
i tedeschi.
Giannina Ferguson.
Giannina Ferguson si ricuarde che sô mari, Ines Andreutti, che e
jere une spie de resistence, e veve di puartâ i messaçs des SS, che e
vevin il lôr cuartîr gjenerâl intal cjistiel di Susans, a chei de
Brigade Osôf. Lis informazions a jerin platadis cuntune fasse
metude tal cjâf sot dal façolet. In gracie de sô bielece la zovine
spie no à vût mai dificoltâts inte sô funzion delicade e la grande
impuartance des informazions che e veve cjapât sù i àn sparagnât
che le coçonassin, cemût che pal solit si faseve cu lis feminis che a
vevin frecuentât i todescs.
Giannina Ferguson.
Giannina Ferguson’s mother, Ines Andreutti, with her husband on their wedding day, in via
Vittorio Veneto, Udine, 1947.
La madre di Giannina Ferguson, Ines Andreutti, con il marito in via Vittorio Veneto a Udine il
giorno delle nozze nel 1947.
La mari di Giannina Ferguson, Ines Andreutti, cul om in vie Vittorio Veneto a Udin la dì des
gnocis intal 1947.
2010
SEPTEMBER SETTEMBRE SETEMBAR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
S. Egidio abate
S. Elpidio vescovo
S. Gregorio martire
S. Rosalia
5
6
7
8
9
10
11
Beata M. Teresa di Calcutta
S. Petronio
S. Regina
Natività B. V. Maria
S. Sergio papa
S. Nicola da Tolentino
S. Diomede martire
12
13
14
15
16
17
18
SS Nome di Maria
S. Giovanni Crisostomo
Esaltazione della Santa Croce
B. V. Maria Addolorata
SS. Cornelio e Cipriano
S. Roberto Bellarmino
S. Sofia martire
19
20
21
22
23
24
25
S. Gennaro vescovo
S. Eustachio
S. Matteo apostolo
S. Maurizio martire
S. Padre Pio
S. Pacifico da Sanseverino
S. Aurelia
26
27
28
29
30
SS. Cosimo e Damiano
S. Vincenzo de’ Paoli
S. Venceslao martire
SS. Michele e Gabriele
S. Girolamo dottore
“…Back then my mum used to cycle
around the countryside in Friuli looking
for food to sell on the black market
because we had to live on something.
Once she took me with her and I
remember being in the basket on the bike
and there were hard things underneath
me that were obviously cheeses and
salamis…I was her cover in case she was
stopped by the Germans. We lived quite
well because my mum worked a lot on
the black market during the war.”
Gianfranco Holmes
“... In quei tempi mia mamma andava
in giro in bicicletta, in campagna nel
Friuli a trovare cibo per venderlo al
mercato nero perche’ bisognava vivere.
E una volta mi porto’ con se’ e mi
ricordo, in bicicletta, io nel paniere
e c’erano cose dure sotto che ovviamente erano formaggi e salami... Ero
il suo alibi nel caso in cui la fermassero i tedeschi. Si viveva abbastanza
bene perche’ mia mamma lavorava
molto nel mercato nero durante la
guerra.”
Gianfranco Holmes
“...In chê volte mê mari e leve ator in
biciclete, in campagne in Friûl a cirî
robe di mangjâ di vendi al marcjât
neri parcè che si veve di vivi in cualchi maniere. Une volte mi à puartât
cun jê e mi visi che in biciclete tal
zei a jerin dentri robis duris che, al
è clâr, a jerin formadi e salams... Jo
o jeri il so alibi tal câs che i todescs
nus fermassin. Si viveve avonde ben
parcè che mê mari e lavorave une
vore intal marcjât neri intant de
vuere.”
Gianfranco Holmes
Gianfranco Holmes as a young boy with his mother,
Alice Salvini in Piazza Oberdan, Trieste, 1944.
Il piccolo Gianfranco Holmes con la madre Alice Salvini
in Piazza Oberdan a Trieste nel 1944.
Il piçul Gianfranco Holmes cu la mari Alice Salvini in
Place Oberdan a Triest intal 1944.
Giambattista Girolami’s nursery school class, Fanna, 1929.
La classe della scuola materna di Giambattista Girolami, Fanna, 1929.
La classe de scuele materne di Giambattista Girolami, Fane, 1929.
2010
OCTOBER OTTOBRE OTUBAR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
S. Teresa del Bambin Gesù
SS. Angeli Custodi
3
4
5
6
7
8
9
S. Gerardo abate
S. Francesco d’Assisi
S. Placido martire
S. Bruno abate
B. V. Maria del Rosario
S. Pelagia
S. Dionigi
10
11
12
13
14
15
16
S. Daniele
S. Firmino vescovo
S. Serafino da Montegranaro
S. Edoardo re
S. Callisto I papa
S. Teresa d’Avila
S. Edvige
17
18
19
20
21
22
23
S. Ignazio d’Antiochia
S. Luca evangelista
S. Isacco martire
S. Irene
S. Orsola
S. Donato vescovo
S. Giovanni
24
25
26
27
28
29
30
S. Antonio Maria Claret
S. Crispino
S. Evaristo papa
S. Fiorenzo vescovo
S. Simone
S. Ermelinda
S. Germano vescovo
31
S. Lucilla
“…We went to normal schools but
on Saturday afternoons we took
part in the Fascist Saturday and
so we had to wear a black bomber
jacket, a fez on our heads and do
our practice. Back then, when we
were all together, many people didn’t
understand right and left so our
teacher would put a stone in our
hand and that was the right and if
we had to turn right we had to turn
where we had the stone. It was
fun. Then we broke formation and went to play in the
village: we used to fight with the children from another
village near by.” Lucio Alzetta
“...Si facevano le scuole normali pero’ il sabato
pomeriggio si andava a fare il sabato fascista e allora ti
dovevi vestire con il giubotto nero, il fez in testa e si
faceva pratica. Ai quei tempi, quando eravamo tutti
insieme, tanta gente non capiva destra e sinistra e la
maestra ci metteva un sasso in mano e questa e’ la
destra e se devi girare a destra devi girare dove hai il
sasso. Era un divertimento. Poi da li si rompevano le
file e si andava nel paese a giocare: si faceva la Guerra
contro i giovani di un altro paese vicino.”
Lucio Alzetta
“...Si faseve scuele normâl, ma la sabide intal
dopomisdì si leve a fâ la “sabide fassiste” e alore tu
vevis di vistîti cu la gjachete nere, il fez tal cjâf e di
fâ pratiche. In chê volte tancj di lôr no capivin la
diference fra la man diestre e la man çampe cussì la
mestre nus meteve un clap inte man e po ti diseve:
cheste e je la man drete e se tu âs di lâ a man drete tu
âs di zirâ de bande che tu âs il clap. Al jere un
divertiment. Po si rompevin lis riis e si leve in paîs a
zuiâ: si faseve la vuere cuintri dai frutats di un altri
paîs li dongje.” Lucio Alzetta
1
Mirella Marcovigi at the Dimesse School, Udine, 1934.
Mirella Marcovigi al Collegio delle Dimesse a Udine nel 1934.
Mirella Marcovigi intal “Collegio delle Dimesse” di Udin intal 1934.
2
Dora Bertolutti at school, Faedis, 1966.
Dora Bertolutti a scuola nel 1966, Faedis.
Dora Bertolutti a scuele intal 1966, Faedis.
1
2
From right: Achille Crovato kneeling by a picture of Primo Carnera with a group
of conscripts in Spilimbergo, 1946.
Sulla destra, in ginocchio accanto il quadro di Primo Carnera, Achille Crovato
con il gruppo dei coscritti a Spilimbergo nel 1946.
A man drete, in zenoglon dongje dal cuadri di Primo Carnera, Achille
Crovato cul grup dai coscrits a Spilimberc intal 1946.
2010
NOVEMBER NOVEMBRE NOVEMBAR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
5
6
Ognissanti
Commemorazione Defunti
S. Martino
S. Carlo Borromeo
S. Zaccaria profeta
S. Leonardo abate
7
8
9
10
11
12
13
S. Ernesto abate
S. Goffredo vescovo
S. Oreste
S. Leone Magno
S. Martino di Tours
S. Renato martire
S. Diego
14
15
16
17
18
19
20
S. Giocondo vescovo
S. Alberto Magno
S. Margherita di Scozia
S. Elisabetta
S. Oddone abate
S. Fausto martire
S. Benigno
21
22
23
24
25
26
27
Present. B. V. Maria
S. Cecilia
S. Clemente papa
Cristo re e S. Flora
S. Caterina d’Alessandria
S. Corrado vescovo
S. Massimo
28 I d’Avvento
29
30
S. Giacomo
S. Saturnino martire
“I got to know my uncle Primo better when I
was older. When he stopped boxing he began
wrestling and he became world champion in
wrestling, after the war he started to travel
around the world and every year he came to
London, he used to wrestle in London too,
he went around the world…When my uncle
arrived I remember this big man, I was
sixteen or seventeen at the time and he shook
my hand and said: “Hey little one, shake my
hand!” and it hurt because he didn’t know
his own strength. He travelled the whole
world but he always liked Sequals and when
he died he ended up in Sequals; he died on
29th June 1967.” **
John Carnera
1
From left: Severino Carnera, Primo Carnera, Secondo Carnera, Sequals, 1930.
Da sinistra: Severino Carnera, Primo Carnera, Secondo Carnera. Sequals, 1930.
Di man çampe: Severino Carnera, Primo Carnera, Secondo Carnera. Secuals, 1930.
S. Andrea apostolo
“Ho conosciuto meglio mio zio Primo
quando ero piu’ grande, quando ha finito
la box ha incominciato la lotta libera ed
e’ diventato campione del mondo di lotta
libera, dopo la Guerra ha incominciato
a girare il mondo e ogni anno veniva a
Londra, faceva lotta libera anche in Inghilterra, faceva il giro del mondo... Quando
arrivava mio zio, mi ricordo quest’uomo
grande, allora io avevo sedici, diciasette
anni e mi dava la mano e mi diceva: “Hey
piccolo, dammi la mano!” e mi faceva
male perche’ lui non conosceva quanta
forza aveva. Lui ha girato tutto il mondo
ma gli piaceva sempre Sequals e quando
è morto è finito a Sequals; e’ morto il 29
giugno 1967.” **
John Carnera
2
Primo Carnera with his mother and father Giovanna and Sante Carnera, Sequals, 1930.
Primo Carnera con mamma Giovanna e papa’ Sante Carnera a Sequals nel 1930.
Primo Carnera cun sô mari Giovanna e so pari Sante Carnera a Secuals intal 1930.
“O ai cognossût miôr gno barbe Primo
cuant che o jeri plui grant, cuant che al
à sierât cul pugjilât e al à scomençât cu
la lote libare e al è deventât campion dal
mont di lote libare. Dopo de Vuere al
à scomençât a zirâ il mont e ogni an al
vignive a Londre, al faseve lote libare ancje
in Ingletiere, al faseve il zîr dal mont...
cuant che al rivave gno barbe, mi visi chest
omenon, alore jo o vevi sedis, disesiet
agns, e mi deve la man e mi diseve: “hey
piçul, dami la man!” e mi faseve mâl parcè
che lui nol saveve trope fuarce che al veve.
Al à zirât dut il mont ma i plaseve simpri
Secuals e cuant che al è muart lu àn metût
a Secuals. Al è muart ai 29 di Jugn dal
1967.” **
John Carnera
1
2
Fund raising in London for the earthquake in Friuli in May 1976.
Raccolta fondi a Londra per il terremoto del Friuli del maggio 1976.
Racuelte di fonts a Londre pal taramot dal Friûl dal Mai 1976.
2010
DECEMBER DICEMBRE DICEMBAR
SUNDAY DOMENICA DOMENIE
MONDAY LUNEDÌ LUNIS
TUESDAY MARTEDÌ MARTARS
WEDNESDAY MERCOLEDÌ MIERCUS
THURSDAY GIOVEDÌ JOIBE
FRIDAY VENERDÌ VINARS
SATURDAY SABATO SABIDE
1
2
3
4
S. Eligio
S. Bibiana
S. Francesco Saverio
S. Barbara
5 II d’Avvento
6
7
8
9
10
11
S. Giulio martire
S. Nicola vescovo
S. Ambrogio vescovo
Immacolata Concezione
S. Siro
B. V. Maria di Loreto
S. Damaso papa
12 III d’Avvento
13
14
15
16
17
18
S. Giovanna Francesca
S. Lucia vergine
S. Giovanni della Croce
S. Valeriano
S. Albina
S. Lazzaro
S. Graziano vescovo
19 IV d’Avvento
20
21
22
23
24
25 Christmas Day
S. Fausta
S. Liberato martire
S. Pietro Canisio
S. Francesca Cabrini
S. Giovanni da Kety
S. Delfino
Natale del Signore
26 Boxing Day
27
28
29
30
31
S. Stefano
S. Giovanni evangelista
SS. Innocenti Martiri
S. Tommaso Becket
S. Eugenio vescovo
S. Silvestro papa
“Apart from the usual events: funerals,
weddings and christenings, we all used
to go to the Italian dance festivals. We
used to go on outings. In 1982, when
we won the World Cup, we watched
the match on a portable television at a
service station on our way back from
one of these trips. Three coach-loads of
Italians all around one little black and
white television”.
Adriano Fantini
“A parte le solite occasioni: funerali,
matrimoni e battesimi, andavamo
tutti alle feste da ballo italiane.
Facevamo delle gite. Nel 1982,
quando abbiamo vinto la Coppa del
Mondo, guardammo la partita su una
televisione portatile in una stazione di
servizio, di ritorno da una di queste
gite. Tre pullman pieni di italiani
tutti intorno a un piccolo televisore
in bianco e nero.”
Adriano Fantini.
“Gjave lis solitis ocasion: funerâi,
gnocis e batisims, o levin ducj aes
fiestis di bal talianis. O fasevis gjitis.
Intal 1982 cuant che la Italie e à vinçût la Cope dal Mont, o vin cjalade
la partide tun televisôr portatil
intune stazion di servizi, intant che o
tornavin di une di chestis gjitis. Trê
corieris plenis di talians tor ator di un
televisôr piçul in blanc e neri.”
Adriano Fantini.
Dinner with Italians in Wales, 1970.
First on the left: Nicesio Fantini and
his wife Maureen; last on the right
Alvino Canciani and his wife Stella
Canciani.
Cena con italiani in Galles nel 1970.
Primo sulla sinistra Nicesio Fantini
e la moglie Maureen; ultimo sulla
destra, Alvino Canciani con la
consorte Stella Canciani.
Cene cun talians in Gales intal
1970. Il prin a man çampe al
è Nicesio Fantini cu la femine
Maureen; l’ultin a man drete al è
Alvino Canciani cu la femine Stella
Canciani.
3
1
5
2
6
4
7
11
8
1.
2.
10
9
Maureen Fantini’s hair, 1956.
Capelli di Maureen Fantini, 1956.
Cjavei di Maureen Fantini, 1956.
3.
Giannina Ferguson, 1961.
7.
Alice Sartor, 1949.
4.
Mario Cicigoi, 1957.
8.
Caterina and Ottorino Girolami, 1920s.
Caterina e Ottorino Girolami, anni ‘20.
Caterina e Ottorino Girolami, agns ‘20.
5.
Elda Mezzavilla, 1948.
Procession in Orgnese, 1950s.
Processione ad Orgnese, anni ‘50.
Procession a Orgnês, agns ‘50.
6.
Elda Pascolini, 1954.
9.
Maraldo Nelson with his brother Antonio and his
mother by the river Meduna, 1956.
Maraldo Nelson con il fratello Antonio e la
mamma al fiume Meduna, 1956.
Maraldo Nelson cun so fradi Antonio e cun so
mari sul flom Midune, 1956.
10. Massimo Alzetta with fellow conscripts, 1954.
Massimo Alzetta con i coscritti, 1954.
Massimo Alzetta cui coscrits, 1954.
11. John Girolami with a friend in Udine, 1951.
John Girolami con un amico a Udine, 1951.
John Girolami cuntun amì a Udin, 1951.
12. Mirella Marcovigi at the Cavalchina Ball in
Trieste, 1953.
Mirella Marcovigi al ballo della Cavalchina
a Trieste, 1953.
Mirella Marcovigi al “ballo della
Cavalchina” a Triest, 1953.
12
www.enaip.org.uk
[email protected]
eraple
© Acli-Enaip 2009
134 Clerkenwell Road, London, EC1R 5DL
Tel.: 020 72780139/0
Fax: 020 72789968

Documenti analoghi