Il Gaspino 14/15 - Ginnasio Antonio Sema

Commenti

Transcript

Il Gaspino 14/15 - Ginnasio Antonio Sema
2
La Redazione
Caporedattrice – Serena Protić
Vicecaporedattrice – Chiara Rihter
Grafica – Giorgio Rosso
Direttore responsabile- Dora Manzo
Illustrazioni – Federica Cossich e
Arthur Jonathan Molin
Copertina – Federica Cossich
Responsabile foto – Sabrina Curavić
Per le parti in lingua slovena e inglese si ringraziano le prof.sse Vlahovič e Filipčič
Cari lettori, come ogni fine d’anno scolastico, il Gaspino è pronto per rallegrarvi, farvi
rilassare e farvi anche ricordare con nostalgia qualche bel momento passato a
scuola.
Quest’anno, con l’arrivo prematuro di un caldo terribilmente afoso (e dopo un anno
pieno di torture!), tutti i nostri buoni propositi e la nostra auto motivazione stanno svanendo velocemente. Così, siamo già con la testa in vacanza, a goderci il sole, la
sdraio e la compagnia dei nostri amici.
È così che la redazione vi augura un’estate intensa abbastanza da farvi dimenticare
le fatiche passate e rilassante quanto basta per annoiarvi e farvi tornare la nostalgia
della scuola.
Auguriamo una buona estate anche a chi non è riuscito a concludere l’anno, non
arrendetevi e ricordatevi di divertirvi anche voi!
La redazione
3
Sommario
Vita a scuola .............................................................................................................................................................. 6
La mia scuola ................................................................................................................................................................. 5
La mia nuova esperienza scolastica ........................................................................................................................... 8
L’esperienza alla CFMUNESCO .................................................................................................................................... 9
Incontro con Oleg Mandić ......................................................................................................................................... 10
Una giornata scientifica a Trieste ............................................................................................................................... 12
Una serata speciale .................................................................................................................................................... 13
Tra una lezione e l’altra... .................................................................................................................................... 14
Kepass .......................................................................................................................................................................... 14
Gli stereotipi ................................................................................................................................................................. 15
Ogled zgodovinskih razstav v Ljubljani ...................................................................................................................... 18
Bili smo na razstavi 1001 izum...................................................................................................................................... 19
Weekend sulla neve .................................................................................................................................................... 20
Giornata scientifica sulla Luce ................................................................................................................................... 21
Francofonia, Celje 2015 .............................................................................................................................................. 22
Nuove collaborazioni ............................................................................................................................................. 23
Gli studenti del Ginnasio di Celje al Sema ................................................................................................................ 23
DVA DNI V KNEŽJEM MESTU ........................................................................................................................................ 23
Pensieri, parole ...................................................................................................................................................... 26
LA VITA È UN GROVIGLIO ............................................................................................................................................ 26
PODZEMNA................................................................................................................................................................... 28
Ai miei compagni di IV… ............................................................................................................................................ 30
CUPIDO ............................................................................................................................................................................ 32
In giro per il mondo .......................................................................................................................................... 33
La nostra vita è il viaggio più bello ............................................................................................................................ 33
Roma: la città eterna .................................................................................................................................................. 34
Spettacoli e teatro ............................................................................................................................................... 36
Le fatiche di Pseudolus ............................................................................................................................................... 36
Trst, mesto v vojni ......................................................................................................................................................... 37
Carmen ........................................................................................................................................................................ 37
A scuola di jazz con Gwen Hughes ........................................................................................................................... 39
4
THE BOY AND THE WORLD ........................................................................................................................................... 40
Attualità ..................................................................................................................................................................... 41
Waiting on the Elio, the car of the Future .................................................................................................................. 41
DOGS TRAINED TO DETECT PROSTATE CANCER WITH MORE THAN 90% ACCURACY ............................................ 41
Invenzioni del 2014/15 ........................................................................................................................................... 42
Curiosità ....................................................................................................................................................................... 43
Why do men still exist? Scientists finally find the answer .......................................................................................... 43
Short people at greater risk of heart attack, says study .......................................................................................... 43
''Kisla faca'' ................................................................................................................................................................... 44
Kako otrok vzbudi pozornost? Tako, da postane delinkvent ................................................................................... 45
How to annoy a Slovenian ......................................................................................................................................... 46
Strano ma vero ......................................................................................................................................................... 47
Paramedic who rushed to help ‘collapsed woman’ finds dying pigeon .............................................................. 47
Il meteo sul comodino: sole, pioggia e fulmini in una scatola magica.................................................................. 47
Svago .............................................................................................................................................................................. 48
Medagliere ........................................................................................................................................................................... 49
Galleria ......................................................................................................................................................................... 51
5
Vita a scuola
6
La mia scuola
Il Ginnasio Antonio Sema Pirano, o GASP
in breve, è la mia scuola. Ormai è da
quasi un anno che la frequento. È una
scuola piccola e dà l’impressione di far
parte di una grande famiglia. Tutti si conoscono e c’è un clima rilassato.
Davanti alla scuola c’è un campo da
pallamano dove si fa ginnastica nelle
giornate più belle, quando è soleggiato
e fa caldo. Nelle giornate fredde e piovose l’ora di ginnastica viene svolta nella
piccola, ma accogliente palestra, che si
trova nello scantinato.
Quando si entra a scuola, si è soliti passare attraverso il guardaroba, che si
trova subito a sinistra. È una stanza piccola, con un’ottantina di armadietti numerati e di diversi colori. Ogni alunno ha
la chiave del proprio e all’interno vi tiene
tutto il necessario.
Uscendo dal guardaroba dall’altra porta,
si arriva nel refettorio. Qui ci si trattiene in
assenza delle lezioni, stando seduti su sedie viola, dietro tavoli di legno chiaro. Si
mangia, si legge il giornale, si studia, si
fanno i compiti e si chiacchiera. Dietro il
refettorio c’è la cucina, dotata di tutte le
comodità immaginabili, quali un frigorifero, un tostapane, un forno a microonde, un lavandino, un forno con piastra, piatti, tazze, posate e persino due distributori automatici.
Parallelamente al refettorio scorre un
corridoio che porta fino alla biblioteca,
nella quale possiamo trovare migliaia di
libri e tre computer disponibili per tutti gli
alunni, con l’ultimo sistema operativo e
molti programmi avanzati. Prima della biblioteca, alla sinistra, ci sono i bagni e
alla destra le aule. Tutte le aule hanno fi-
nestre con vista sul mare e sul golfo di Lucia. Le aule non sono dedicate a una
materia specifica, ma a più materie dello
stesso ambito, e per questo motivo sono
attrezzate con tutto ciò che potrebbe
servire.
Al piano terra c’è pure il laboratorio, dotato di tutto ciò che serve a uno scienziato. Qui si fanno esperimenti pratici e si
imparano molte cose nuove.
Salendo per le scale, che si trovano tra i
bagni e il refettorio, si arriva al primo
piano. Qui il corridoio ha una specie di
balcone con vista sul refettorio, prima di
arrivare in sala insegnanti, dove si riposano tutti i professori (che sono giovani,
professionali, ma anche comprensivi con
noi), la preside, la consulente e la segretaria. Nessun alunno vi entra mai senza
un minimo di timore.
Accanto alla sala insegnanti c’è l’aula di
informatica. In tutto, qui ci sono dieci
computer veloci, con tutti i programmi di
ultima generazione e una lavagna interattiva.
Dall’altra parte del corridoio c’è l’aula di
sloveno. Qui il soffitto è abbassato e
l’aula è rivestita di legno, dato che ci troviamo nella mansarda.
Tra l’aula di sloveno e quella di informatica c’è l’aula di matematica e fisica. È
l’unica aula con la lavagna e i gessetti,
molti righelli, geosquadre, compassi e
forme geometriche.
La via Tra gli orti 8 non è facilmente accessibile, ma vale la pena venirci cinque
giorni alla settimana per studiare in una
scuola di alto livello come questa, che
organizza molte uscite didattiche. Non
riesco a immaginare un ginnasio migliore
di questo.
Sandro Romanello
7
La mia nuova esperienza scolastica
Il mio primo giorno di scuola al ginnasio è stato davvero pieno di emozioni, dopo le
elementari, ho fatto finalmente il salto, sono entrata in un altro ordine di studi, sto
diventando grande.
Devo ammettere che la notte che ha preceduto il mio primo giorno di scuola ho
dormito poco a causa della preoccupazione e la mattina dopo ho quasi
fatto tardi.
Quando sono entrata a scuola ho dovuto orientarmi, capire, individuare
l’aula giusta, familiarizzare con i nuovi
compagni e le nuove abitudini.
All’inizio mi sono sentita un po’ persa
con tutti quei volti e quelle voci nuove.
I miei compagni sembravano tutti più
intelligenti e maturi di me e avevo
paura di rimanere indietro. Penso che
sarebbe bello affrontassimo questo
nuovo anno scolastico collaborando
tutti insieme per superare le difficoltà
facendo lega comune contro gli ostacoli. La competenza va bene perché
è un tipo di motivazione, ma la solidarietà e la collaborazione sono, secondo me, ancora più importanti.
Malgrado le mie preoccupazioni, spero di farcela. Più che sull’intelligenza punto sull’
impegno e la tenacia. Prendo la scuola come una sfida e per vincerla devo mettercela tutta. I nuovi professori, alcuni con aria davvero autorevole, un po’ mi intimoriscono. Sono più severi e distaccati se confrontati con quelli delle elementari, però
sono tutti davvero competenti e bravi nel loro lavoro, sono pazienti con noi novellini
e ci aiutano con molti consigli riguardo allo studio.
Sono molto felice di aver scelto questa scuola. So che adesso si fa sul serio e si inizia
a costruire il proprio futuro. Non sono ammessi “poltronaggi” e negligenze.
Non sono più una bambina, mi sto preparando ad entrare nel mondo degli adulti.
Lorenza Lia Perič
8
L’esperienza alla CFMUNESCO
La CFMUNESCO (Cividale del Friuli Model
United Nations UNESCO) è una simulazione delle attività Nazioni Unite organizzata dall’ UNESCO (in lingua inglese) che
dura tre giorni e a cui partecipano studenti delle scuole medie di tutto il
mondo. Quest’anno la CFMUNESCO è
stata organizzata a Cividale del Friuli dal
13 al 15 novembre 2014.
discorsi tutto ciò passò e capii in che
modo dovevo comportarmi e come parlare per ottenere l’attenzione degli altri
delegati. È stata un’esperienza unica
che spero non sia l’ultima. Invito tutti
quelli che non l’hanno provata a tentare
di parteciparvi ’’ (Simeon – delegato per
il disarmo).
A noi del ginnasio Antonio Sema, rappresentato da me, Luna e Simeon, è spettato il compito di rappresentare l’Afghanistan in tre diversi comitati, uno per studente: disarmo, Unesco e diritti umani.
La simulazione è stata organizzata a Cividale del Friuli, una città italiana non
molto lontana da Pirano, ed è la prima
esperienza di questo genere per la città.
Ogni comitato aveva poi altri tre sottotemi da affrontare, composti da tre problemi a cui il ‘’delegato’’ doveva trovare
(e proporre) delle soluzioni efficaci.
Il comitato del disarmo doveva affrontare i seguenti temi: abuso di mercenari,
uso dei satelliti per scopi militari e provvedimenti riguardanti i gruppi terroristi. Dato
che queste tematiche riguardano l’Afghanistan, l’approfondimento eseguito
dal delegato doveva essere molto preciso. Al delegato per il disarmo è spettato
anche il compito di tenere un discorso
alla cerimonia d’apertura, in cui doveva
rappresentare la scuola e ringraziare gli
organizzatori.
‘’Avevo il cuore in gola, il che mi faceva
tremare la voce. Lo stesso accadeva
quando tentavo di parlare durante le riunioni del comitato, però dopo un paio di
Il comitato dell’UNESCO doveva trovare
le soluzioni al problema della sperimentazione sugli animali, al traffico illegittimo
del patrimonio artistico e alla difesa del
patrimonio culturale afgano. Era il comitato più grande, con un delegato appartenente ad ogni stato partecipante. Le
persone erano preparatissime e gli studenti arrivati da lontano (come l’Oman,
le isole Mauritius, il Canada, la Russia,
ecc.) avevano una pronuncia e una padronanza
dell’inglese
impeccabili.
Inizialmente ero un po’ intimorita da tutta
questa situazione, con procedure così
formali e discorsi così ben studiati. Conoscere persone nuove e simpatiche però
mi tranquillizzò. Anche il ‘’Chair’’, ossia i 3
giudici che si occupavano di mantenere
9
il controllo e dirigere i dibattiti, era composto da persone giovani e simpatiche.
Furono proprio loro a farmi superare il
momento di panico da palcoscenico e
a spronarmi a parlare di più.
gay, bisessuale e transessuale) ed, infine, gli abusi effettuati sulla popolazione
dalle forze armate.
Questa a Cividale è stata per noi
un’esperienza nuova e ricca di emozioni
che ci ha aiutati a maturare e a capire
meglio il mondo della politica, il mondo
degli adulti.
Luna, delegata per il comitato sui diritti
umani, doveva trovare una soluzione ai
seguenti problemi: la questione della
riorganizzazione dei campi profughi, i diritti umani della comunità LGBT (lesbica,
(Nota di merito a Simeon, che ha ricevuto una menzione onorevole per il suo
carisma e i suoi interventi.)
Serena Protić
Incontro con Oleg Mandić
Il giorno 4 febbraio 2015, gli alunni della prima e terza classe della nostra scuola, con
un paio noi della seconda, hanno preso parte all'incontro con Oleg Mandić presso
la Scuola Media Superiore Italiana di Isola „Pietro Coppo“.
Oleg Mandić è un 82enne di origini croate, ben noto per essere l'ultima persona ad
essere uscita da Auschwitz viva. Per quanto incredibile possa suonare, Oleg Mandić
era testimone della chiusura delle porte del campo di sterminio, luogo di genocidio
di massa di Auschwitz.
Ad aprire l'incontro sono stati Maurizio Tremul, Presidente della Giunta Esecutiva
dell'Unione Italiana; Felice Žiža, il Vicesindaco del Comune di Isola; e Marko Gregorič,
Presidente della CAN di Isola. Inoltre, a introdurre il tanto atteso Oleg Mandić, è stato
Alberto Scheriani, Presidente della CAN Costiera e Vicesindaco del Comune della
Città di Capodistria.
Dopo i discorsi di introduzione, Oleg Mandić ha salutato gli studenti presenti e li ha
ringraziati per la loro presenza, invitandoli a dare importanza a quello che hanno
visto, vedono e vedranno, parlando dell'orrore che era l'Olocausto.
È seguita la proiezione del documentario Povratak Posljednjeg (Il ritorno dell'ultimo),
che ci portati indietro nel tempo di 70 anni, presentandoci l'esperienza vissuta da
Oleg nel campo di sterminio. Nel documentario Oleg narra dei giorni nei quali era
rappresentato da un numero, come altre migliaia di persone che lo circondavano.
Il documentario, diretto da Igor Paulić, presenta tutta la rigidità e crudeltà dimostrata
nei confronti dei disgraziati forzati a stare in quel campo. Il documentario, oltre ad
avere superato le aspettative degli spettatori, ha presentato agli stessi qualcosa di
mai visto prima e ci ha fatto riflettere sull'olocausto dal punto di vista di una persona
10
che ha vissuto questa crudeltà. Dopo la proiezione del documentario, Oleg ci ha
degnato di un suo discorso nel quale, come Nietzsche, ha provato a spiegare la genealogia della morale. Dicendo di aver visto la parte peggiore della vita e di aver
toccato il fondo, il signor Mandić ha affermato di poter distinguere facilmente il
buono dal cattivo.
Nonostante la timidezza iniziale degli studenti presenti, il numero di domande iniziò a
crescere esponenzialmente, tanto che mancava il tempo per rispondere a tutti. Le
domande sono state tante, soprattutto riguardanti la routine quotidiana nel campo.
Un argomento interessante che Mandić ci ha esposto è stato quello del „commercio“ all'interno dei campi. Ogni cosa commestibile aveva un suo valore, che veniva
misurato in porzioni giornaliere di pane date dalle guardie. Ha condiviso con noi
quello che per lui è una dolce memoria del campo, ossia quando sua madre, come
regalo di compleanno, gli regalò due agli, aggiungendo che un solo spicchio d'aglio
valeva sette porzioni giornaliere di pane.
Un altro argomento che Oleg Mandić ha affrontato è stato quello legato alla religione. Mandić ha affermato l'inesistenza di un Dio, con la giustificazione che “Un Dio
non permetterebbe tutto questo male e tutta questa sofferenza“. Parole forti da
parte di Oleg, che poi ha giustificato come un' opinione personale.
Tutto sommato, l'incontro con Oleg Mandić, secondo me, è uno dei più soddisfacenti
e impressionanti al quale la scuola ci ha fatto partecipare. Spero che per tutti, come
per me, questo incontro abbia fatto riflettere sulla questione dell'olocausto e sulle
cose inaspettate nella vita. La lezione che ho tratto da ciò è di cogliere l'attimo nonostante le circostanze, dato che non sappiamo mai quando toccheremo il fondo
e ci ritroveremo senza speranze oppure solo con una: quella di restare vivi.
Simeon Perich
11
Una giornata scientifica a Trieste
Lunedì 18 maggio noi della prima del
Sema con la prima del ginnasio Carli di
Capodistria ci siamo recati a Trieste per
trascorrere una giornata all’insegna
della scienza e per partecipare a dei laboratori organizzati per noi. Inizialmente,
ci siamo recati all’università di Trieste,
dove ci hanno divisi in due gruppi: un
gruppo aveva la possibilità di produrre
delle creme, dei deodoranti, ecc., mentre l’altro gruppo avrebbe partecipato a
un laboratorio sul DNA.
Io ho partecipato al secondo laboratorio.
Ci hanno accolti due professoresse
molto giovani e simpatiche che ci hanno
spiegato molto bene le caratteristiche
del DNA. Ci hanno illustrato con quali
strumenti si lavora nell’ambito di tali
esperimenti.
Da subito ci siamo divisi in quattro squadre: ciascun membro del gruppo aveva
un proprio DNA, segnato da un numero.
L’esperimento che abbiamo fatto consisteva nel ‘’giocare’’ con gli strumenti e i
DNA. Avendo preso il caso di un omicidio,
dovevamo confrontare il DNA trovato
sulla scena del crimine con quelli dei sospettati.
Ci siamo trovati in una specie di NCIS
(film poliziesco). Insomma, è stato molto
interessante vedere e provare da soli a
risolvere “un’indagine’’.
Siccome ci era rimasto ancora un po’ di
tempo, abbiamo fatto un altro esperimento che consisteva nel
confrontare il DNA di un neonato con
quelli dei possibili padri. Questa volta
però non abbiamo seguito tutti i procedimenti, ma abbiamo osservato solo la
struttura del DNA e abbiamo scoperto
chi
era
il
padre
del
bimbo.
Sono stati degli esperimenti veramente
molto interessanti: il secondo ci ha fatto
ridere tutti perché abbiamo associato i
padri e la madre del neonato ai nostri
compagni. È stato molto divertente.
Alla fine degli esperimenti ci sono stati
consegnati dei diplomi. Usciti dall’università, siamo andati alle Torri d’Europa,
dove abbiamo fatto una breve pausa,
dopodiché ci siamo recati al centro Elettra Sincrotrone di Trieste, dove un impiegato ci ha fatto da guida e ci ha spiegato un po’ di cose su questo centro di
ricerca internazionale che opera al servizio della scienza e dell’industria. Questo
centro vuole così contribuire alla soluzione delle sfide globali in vari campi.
Anche dopo questo incontro, durante il
quale ci sono state fornite molte spiegazioni, abbiamo ringraziato e salutato cordialmente
la
nostra
guida.
Devo dire che è stata una giornata veramente molto interessante e molto divertente. La cosa che mi è piaciuta di più
sono stati gli esperimenti fatti all’università di Trieste: ‘’Giocando si impara’’.
È stato bello per noi alunni anche ritrovarci con i nostri amici ed ex compagni
di classe del ginnasio Carli.
Isabel Goja
12
Una serata speciale
La poesia racconta la vita, ci parla di noi, ci emoziona… ed è stata proprio la poesia
al centro della nostra esibizione nell’ambito dello spettacolino di fine anno al quale,
come vuole la tradizione, partecipiamo nel mese di maggio assieme all’asilo e alla
SEI Vincenzo e Diego de Castro.
È stata molto emozionante la singolare esibizione de L’infinito di Giacomo Leopardi
da parte dei ragazzi di III, accompagnati dal tirocinante Piero. È seguita l’interpretazione dei ragazzi di I della poesia Z vlakom di Oton Župančič. Non potevano mancare le poesie nelle altre lingue che studiamo a scuola. Vita e Luka hanno recitato
Cantares e Antonio Machado, Andrea e Adna Notre-Dame de Paris e La mer, sempre i ragazzi di prima hanno interpretato Summer Wishes di un autore anonimo e
Dreaming of summer di Kann Nasbit.
A chiudere la nostra esibizione è stata l’esilarante classe II che, ispirandosi allo spettacolo teatrale STOMP, hanno entusiasmato il pubblico con un particolare numero
musicale avvalendosi di scope, dizionari, bottiglie di plastica, un secchio, un bicchiere, un cucchiaino, un mestolo, dell’acqua, tanta energia e un gran bel ritmo.
Dora Manzo
13
Tra una lezione e l’altra...
KEPASS
Si chiama Kepass (Knowledge Exchange Program for the Adriatic School System) il
nuovo progetto per l’integra- zione europea attraverso il mondo della scuola al
quale ha aderito il nostro Ginnasio in quest’anno scolastico, più precisamente da
settembre a fine novembre 2015. In realtà, Kepass è una sorta di breve esperienza
Erasmus a livello di scuola superiore che ha dato l’opportunità agli studenti che vi
hanno aderito (due per scuola ) di frequentare la scuola in un altro Paese dell’area
Adriatica per tre mesi.
L’alunna della nostra scuola che aveva deciso di partire ha vinto il concorso per il
Collegio del Mondo Unito di Duino, così noi abbiamo soltanto ospitato. Per tre mesi
hanno frequentato le lezioni di III due ragazzi di un liceo albanese di Valona che
hanno incontrato un programma scolastico e un ambiente molto diverso dal loro.
Il progetto ha visto la partecipazione di studenti provenienti dalle Marche, dal Friuli
Venezia Giulia, dal Montenegro, dalla Bosnia-Herzegovina, dall’Albania e dalla Slovenia.
Le finalità del progetto sono diverse. Prima fra tutte, la creazione di un programma
Adriatico per la mobilità di studenti della scuola secondaria. Questo darà la possibilità a studenti tra i 17 e i 18 anni di frequentare la scuola in un altro paese dell’Adriatico, di essere a contatto con differenti culture, lingua e curricola, con effetti sulla loro
flessibilità, competenze interculturali, superamento di pregiudizi etnici, nuove abilità
14
e capacità di lavorare in differenti mercati. Inoltre, il progetto porterà alla creazione
di una rete istituzionale delle autorità delle scuole dell’Adriatico che svilupperà criteri
e riconoscimenti reciproci dei programmi scolastici e dei diplomi per aumentare le
opportunità di mobilità degli studenti.
Durante i tre mesi di mobilità gli studenti sono stati in contatto con una cultura diversa
dalla propria, un curricolo scolastico diverso da quello abituale, spesso anche con
una lingua nuova. Quest’esperienza ha sicuramente regalato ai ragazzi maggiore
flessibilità, nuove competenze culturali e una mente più aperta e preparata a superare i pregiudizi, tutte risorse utili sia per gli studi futuri che per un migliore inserimento
nel mondo del lavoro.
Isabel: Luna, tu frequenti la III, come hai vissuto l’esperienza dei due studenti che
hanno frequentato per tre mesi la nostra scuola e la vostra classe?
Luna: Quest'anno abbiamo avuto l'occasione di ospitare due ragazzi provenienti
dall' Albania che hanno deciso di trasferirsi, con il progetto KEPASS, nella nostra
scuola per tre mesi. Mi dispiace di non averli conosciuti meglio, ma per quello che
ho potuto vedere, sono ragazzi molto aperti, loquaci, modesti. Ho ammirato, soprattutto il loro coraggio per aver lasciato la loro casa, scuola, amici per tre mesi.
Siamo rimasti in contatto anche dopo il loro rientro e credo che sia stata una bella
esperienza, non solo per loro, ma anche per noi.
Gli stereotipi
Gli italiani sono tutti raccomandati… gli sloveni sono
invidiosi… gli inglesi bevono
sempre il tè…i fran- cesi parlano soltanto la loro lingua…quante volte sentiamo questo tipo di affermazioni… siamo cir- condati dagli stereotipi.
Lo stereotipo è la visione
semplificata e largamente
condivisa della realtà su un
luogo, un oggetto, un avvenimento o un gruppo riconoscibile di persone accomunate da certe caratteristiche o qualità.
15
Si tratta di un concetto astratto o schematico che può avere un significato neutrale
(ad es., lo stereotipi del Natale con la neve e il caminetto acceso), positivo (la cucina
italiana è la più raffinata al mondo) o negativo (ad es. l’associazione tra il consumo
di droghe e la musica rock) .
Se usato in senso negativo, diventa un pregiudizio, una credenza non vera che però
può essere cambiata tramite l’educazione e/o la familiarizzazione. Insomma, gli stereotipi sono come dei vampiri, quando vengono inondati dalla luce (della ragione)
si disintegrano…bisogna riflettere, parlarne.
A tale proposito, è stato proprio quello degli stereotipi l’argomento scelto dalle insegnanti di lingua italiana e slovena per sviluppare un laboratorio linguistico in occasione della giornata dedicata alle lingue il 26 settembre 2014.
Isabel: Prof.ssa Manzo, come si è svolto
questo laboratorio?
Isabel: Questo progetto è stato poi ripreso in un secondo momento, ci spieghi
Prof.ssa: Va detto che, nell’ottica di una come.
collaborazione già intrapresa con le Prof.ssa: Visto il riscontro positivo e l’intescuole slovene, in occasione della gior- resse suscitato dall’argomento, io e l’innata abbiamo invitato due scuole medie segnante di lingua slovena abbiamo deslovene in cui si studia l’italiano come lin- ciso di riprenderlo e di svilupparlo
gua d’ambiente. L’invito ha avuto un nell’ambito della giornata delle porte
buon riscontro da parte della scuola di Li- aperte, meglio conosciuta come giorvade, così una II media con la loro inse- nata informativa che si è tenuta venerdì
gnante è stata ospite del nostro Ginnasio. 13 febbraio, dedicata agli alunni delle
Gli alunni sono stati divisi in quattro gruppi medie che vengono a visitare la nostra
di lavoro e alcuni nostri alunni di II ave- scuola perché desiderano iscriversi al
vano il compito di seguirli e di aiutarli.
Sema. Così, oltre che agli stereotipi di itaDopo un’introduzione sugli stereotipi, il liani e sloveni, abbiamo pensato di estenprimo esercizio consisteva nella tradu- dere il discorso anche agli stereotipi che
zione in lingua italiana di una barzelletta riguardano gli inglesi e i francesi.
in sloveno sugli stereotipi degli sloveni e di I ragazzi di III hanno preparato una breve
una traduzione in sloveno di una barzel- lezione introduttiva sugli stereotipi spieletta in lingua italiana sugli stereotipi de- gando come nascono, come agiscono,
gli italiani, inoltre ogni gruppo doveva mi- come affrontarli…; successivamente
mare agli altri gruppi gli stereotipi riscon- sono stati presentati dei video creati dai
tati nelle barzellette tradotte. Nella se- ragazzi guidati dalle insegnanti di lingua
conda parte del laboratorio, ogni su alcuni stereotipi di italiani, sloveni, ingruppo doveva ritrarre l’italiano e lo slo- glesi e francesi.
veno tipici. È seguita la premiazione del Devo dire che i ragazzi si sono molto digruppo più meritevole. La giuria era vertiti nella fase della presentazione, ma
composta da alcuni nostri alunni di II.
specialmente nella fase della creazione
Devo dire che è stata una mattinata pia- e del montaggio dei video… inoltre,
cevole in cui i ragazzi non hanno solo cosa molto importante…hanno riflettuto.
ascoltato, ma hanno anche lavorato e riflettuto…
16
Isabel: Anche voi di III avete lavorato
molto ai video sugli stereotipi. In particolare, di che cosa vi siete occupati?
La realizzazione del video è stata più impegnativa del previsto, però alla fine i video sono venuti bene e ne sono fiero.
Chiara: Io, invece, ho partecipato ai video sugli stereotipi degli italiani e dei popoli che parlano inglese. Mi ha divertito
molto il video sugli stereotipi degli inglesi
e dei canadesi, dove Giorgio interpretava la parte del canadese che non ha
mai freddo, io e i miei compagni invece
la parte degli inglesi, più freddolosi. Molto
divertente è stato, inoltre, il video sugli
americani che usano le armi in modo improprio anche a scuola.
Giorgio: Io, personalmente, mi sono occupato del montaggio del video sugli
stereotipi italiani e su quelli in lingua inglese. Mi è piaciuto molto fare un’esperienza di questo tipo perché mi piace lavorare in questo campo. Gli strumenti
che avevo a disposizione non erano il
massimo perciò mi è servito più tempo.
17
Ogled zgodovinskih razstav v Ljubljani
Na topel spomladanski dan sredi aprila smo se dijaki GASP-a odpravili na ekskurzijo v
Ljubljano. Najprej smo si ogledali razstavo o Emoni, kjer nam je vodnica povedala
nekaj zgodovinskih podatkov. Tam kjer stoji danes mesto, so bila včasih mostišča. Ko
so Rimljani zasedli območje, so si zgradili razkošno mesto Emona. V vitrinah je bilo
razstavljeno razno orodje in orožje, kot so na primer meč, sekira, srp in tako dalje.
Ogledali smo si lahko model tipičnega rimskega mesta. V mestu sta se sekali dve
glavni ulici Cardo in Decumanum. Na sredini mesta je bil trg ali Forum, na trgu pa
bazilika. Tla bogatih hiš so krasili
mozaiki. Ogledali smo si lahko
nagrobne spomenike in izvedeli
smo, da so se včasih v Rimu cesarji
tako
pogosto
izmenjavali
na
prestolu, da so na cesarskih kipih
samo menjali glave. Izven mesta so
pokopavali mrtve v sarkofage ali
žare, z njimi pa tudi oljenke, nakit in
denar. Nato smo se sprehodili po
Emoni in si lahko ogledali terme, krstilnico, obzidje in glavna mestna vrata.
Imeli smo nekaj prostega časa, nato pa smo se odpravili na razstavo 1001 izum na
Gospodarsko razstavišče, kjer smo izvedeli, da mračni srednji vek za Arabce ni bil
mračen. Imeli so bolnice, šole, ukvarjali so se z matematiko, geografijo, postavili
temelje medicine, še zlasti kirurgije, in astrologije, merili so čas, imeli klimatizirana
bivališča in ženske so imele tudi svojo avtoriteto.
Ekskurzija mi je bila všeč. Četudi sem o Rimljanih veliko vedela, je bilo zanimivo še kaj
izvedeti in videti na lastne oči, kako so živeli. Druga razstava mi je bila še bolj všeč,
saj sem bogatejša za mnoga nova spoznanja o zlati dobi islamske civilizacije.
Serena Protić
18
Bili smo na razstavi 1001 izum
Ko je rimski imperij razpadel, se je v Evropi začelo temno obdobje, ko je bila večina
ljudi neuka in praznoverna. Cerkev jim ni omogočala razvoja, saj je prepovedala vse
antične zapise iz bogate zakladnice znanja. A v teh temnih stoletjih za Evropo je
blestela arabska civilizacija. Njena prava veličina je bila v tem, da je znala prevzeti
že obstoječa kulturna in znanstvena spoznanja tako antike kot Daljnega vzhoda, jih
združiti in ustvariti popolnoma novo kulturo. Arabci so bili veliko bolj napredni od
ostalih civilizacij. Njihova odprtost in radovednost sta spodbudili nova odkritja. Ena
izmed največjih spodbud je bil Koran, njihova sveta knjiga, zlasti pa hadis: ''Učeni
ljudje so nasledniki Božjih poslancev, znanstveniki ne zapuščajo kot dediščino denar
in drugo dobro, pač pa nauk. Ta, ki prevzame to dediščino, ima največjo srečo''. Izvir
največjih arabskih odkritij je bil grški svet, ki je bil v tistem času v Evropi pozabljen.
Danes so arabska odkritja predstavljena na razstavi 1001 izum. Eksponatov je veliko.
Velikanska ura, okrašena s simboli različnih kultur. Razstava opozori na pomen in
doprinos muslimanskih žensk, ki so skupaj z moškimi pomembno prispevale pri gradnji
islamske kulture oziroma zlate dobe islama. Muslimanke so bile zelo uspešne in
prepoznavne v poeziji, literaturi in umetnosti. Poleg tega so veliko ustvarjale tudi na
področju matematike, astronomije in medicine. Arabski zdravniki so izumili več kot
200 različnih kirurških inštrumentov, ki se uporabljajo še danes. Vedeli so, kako zdraviti
polomljeno kost, uporabljati zelišča kot zdravila, poznali so ljudsko srce ter so zdravili
sivo mreno. Zelo pomembni so bili tudi v astronomiji: izumili so astrolab, narisali so prve
geografske karte in preučevali nebesna telesa. Arabci so bili znani matematiki, saj so
bili prvi, ki so uporabljali algebro. Veliko današnjih besed izhaja iz arabščine: arsenal,
jogurt, žirafa itd. Prevzeli smo tudi njihove številke.
Arabski imperij je začel razpadati, ko so se začele križarske vojne. Tedaj znanost ni bila
več pomembna, temveč je oblast začela strogo utemeljevati svojo moč na religiji in
ne na odprtosti duha in to je pomenilo začetek konca napredne in močne civilizacije.
Ob tej razstavi se človek zave stereotipov o muslimanih, ki da razširjajo vero z nasilnimi
in agresivnimi dejanji v imenu svoje svete knjige. V 99. ajetu Korana piše: '' Če bi tvoj
Gospodar hotel, bi vsi na Zemlji verjeli v isto. Ali boš ti ljudi sovražil, dokler ne postanejo
verniki?!''. Ampak obstajajo tudi ajeti v Koranu, ki so lahko napačno interpretirani: '' In
vašim sovražnikom demonstrirajte silo in konjske uzde, da bi ustrašili Božjega in vašega
sovražnika''. Ta ajet govori o pravici, ki jo daje Koran svojim pripadnikom, da se lahko
branijo pred napadi in lahko uporabljajo silo proti napadalcem, vendar je po Koranu
prepovedana agresivna vojna. Islamski teroristi ubijajo in razširjajo vero v imenu
Korana, čeprav je to v nasprotju z verskimi resnicami islama.
Adna Šito
19
Weekend sulla neve
Nell’ambito delle attività
opzionali
offerte
dalla
scuola, ogni anno vengono
organizzate anche delle
gite,
delle
uscite.
Quest’anno la scuola ci ha
dato la possibilità di trascorrere un fine settimana sulla
neve, a Forni di Sopra, il 7 e
l’8 febbraio scorsi, accompagnati dalla prof.ssa di
geografia e dal prof. di
educazione sportiva. Inoltre, lunedì 9 febbraio è
stata organizzata una giornata sulla neve, sempre a
Forni di Sopra, per tutti gli altri.
Elena: Andrea, che cosa ti è piaciuto di questa uscita?
Andrea: Per me e i miei compagni che abbiamo trascorso tre giorni a Forni di Sopra,
è stata un’esperienza fantastica e piena di emozioni. Abbiamo trascorso tre giornate
soleggiate durante le quali potevamo fare quello che volevamo. Eravamo sempre
assieme sulle piste, ci fermavamo nei rifugi per mangiare e riposarci un po’, poi si
sciava ancora e la sera si tornava in camera dove si parlava, ci si riposava e si stava
in compagnia. Uno di quei giorni siamo anche andati in piscina e questo è stato uno
dei punti forti della gita. I nostri accompagnatori, la professoressa di geografia e il
professore di ginnastica, sono stati molto bravi a organizzare tutto alla perfezione e
penso che anche loro si siano divertiti in nostra compagnia. Il prossimo anno, però
sarebbe bello essere più numerosi, dato che eravamo in pochi; e si sa che in più si è,
più ci si diverte. Per me questa è stata una bellissima gita, ce la siamo proprio spassata!
20
Giornata scientifica sulla Luce
“La luce è vita” è stato lo slogan scelto dal nostro ginnasio in occasione del tradizionale appuntamento delle porte aperte per il quale è stata organizzata una giornata
scientifica ispirandoci all’Anno internazionale della luce, proclamato dalle Nazioni
Unite per il 2015, con laboratori che hanno spaziato tra biologia, chimica, geografia
e fisica.
Un’occasione questa per farci conoscere, ma anche per divulgare dei contenuti
scientifici e per far riflettere i ragazzi sull’importanza della luce per la vita dell’uomo.
Quest’anno alla giornata hanno partecipato ragazzi di molte scuole elementari italiane e anche slovene: la Pier Paolo Vergerio il Vecchio di Capodistria, la Dante Alighieri di Isola, la Vincenzo e Diego de Castro di Pirano, una rappresentanza della SE
di Buie, di Cittanova e di Umago ed anche alcuni ragazzi provenienti dalla SE slovena
di Pirano.
I laboratori proposti sono stati i seguenti:
 La luce è vita: la fotosintesi
 La luce: salute e danni
 La luce è energia
 Le tecnologie del futuro: caratteristiche fisiche della luce
Elena: Adna, tu hai partecipato attivamente a uno dei laboratori guidati dalle vostre
insegnanti, raccontaci la tua esperienza in merito.
Adna: Io ho fatto parte del gruppo di chimica, i nostri esperimenti avevano lo scopo
di produrre la luce e
il fuoco usando determinate sostanze.
Abbiamo usato il
magnesio, il cotone
e alcuni composti
chimici. Per me è
stata un’esperienza
molto educativa e
interessante perché
ho visto come funziona il flash della
camera fotografica
del passato e ho
scoperto che il cotone è facilmente infiammabile dato che contiene cellulosa.
21
Francofonia, Celje 2015
Tra le lingue studiate a scuola, molto amata da noi studenti è quella francese,
nell’ambito della quale partecipiamo ogni anno al progetto Francofonia. L’appuntamento di quest’anno era fissato per il 27 marzo a Celje.
Ce ne parla la nostra mentore, la prof.ssa Lavinia Hočevar.
Elena: Prof.ssa, ci spieghi che cos’è il progetto Francofonia.
Prof.ssa: Il progetto Francofonia ha preso il nome dalla settimana internazionale della
francofonia, celebrata ogni anno la terza settimana di marzo. In questa occasione
vengono organizzati vari eventi che promuovono la cultura e la lingua francese ed il
suo insegnamento in tantissimi paesi di tutto il mondo.
Tra gli eventi in Slovenia ce n’è uno dedicato al teatro francese, organizzato dall’Istituto dell’educazione di Celje al NLG di Celje. Gli allievi delle scuole medie interessate
preparano insieme uno spettacolo teatrale. Quest’anno l’evento si è tenuto il 27
marzo 2015, l’opera presentata è stata L’européenne di David Lescot.
Elena: Quali sono le finalità di questo progetto?
Prof.ssa: Il progetto vuole avvicinare il francese
agli allievi che desiderano migliorare o approfondire la loro conoscenza della lingua, che vogliono provare le brezza di esibirsi davanti ad un
vasto pubblico e presentare uno spettacolo assieme ad altri coetanei sloveni.
Gli allievi migliorano la loro pronuncia, arricchiscono il loro vocabolario e possono mettere alla
prova la loro comprensione del francese. Non considerano più il francese solo una
lingua di apprendimento, ma la sentono più vicina. Inoltre, hanno la possibilità di lavorare con registi francesi che collaborano con tutte le scuole interessate;
quest’anno abbiamo ospitato Pierre Andrau e Léa Carton.
Elena: Per preparare la vostra rappresentazione avete incontrato un attore francese
che vi ha dato dei consigli? Raccontaci questa esperienza.
Adna: Un sabato è venuto a trovarci Pierre Andrau, un attore francese, che ci ha
aiutato a prepararci per lo spettacolo teatrale che abbiamo presentato a Celje. Con
lui abbiamo fatto degli esercizi che ci hanno aiutato a sviluppare le capacità linguistiche, a migliorare la pronuncia francese, a prestare più attenzione alla chiarezza e
al tono di voce che dobbiamo usare recitando. Innanzitutto, per me e per i miei
compagni è stato bello ascoltare un professionista di madrelingua francese, è stata
un’esperienza utile e divertente.
22
Nuove collaborazioni
Gli studenti del Ginnasio di Celje
al Sema
Il 7 e l’8 maggio un gruppo di studenti del Ginnasio di Celje, Gimnazija Celje Center,
che studiano l’italiano come materia opzionale, hanno ricambiato la visita che noi
avevamo fatto loro nel mese di dicembre e sono venuti a trovarci, accompagnati
dal loro Preside e dall’insegnante di lingua italiana.
In questi due giorni trascorsi dalle nostre parti i ragazzi di Celje hanno visitato Pirano
e casa Tartini, Portorose, le saline di Sicciole, Capodistria e, naturalmente la nostra
scuola. Proprio a scuola hanno partecipato a un laboratorio linguistico dedicato agli
stereotipi, preparato dalle insegnanti di lingua slovena e italiana, nel corso del quale,
aiutati da alcuni nostri alunni di II, hanno tradotto delle barzellette in lingua italiana e
in lingua slovena, hanno mimato gli stereotipi riscontrati nelle barzellette e disegnato
l’italiano e lo sloveno tipici. Dopo una comprensibile timidezza iniziale, nel corso del
laboratorio si è creata una bella collaborazione e l’atmosfera si è fatta via via più
rilassata.
Come in genere gli incontri e i gemellaggi tra scuole, anche questa nuova esperienza ci ha arricchiti. E speriamo che questi primi due incontri abbiamo segnato l’inizio di una collaborazione duratura. Le premesse ci sono…
Dora Manzo
DVA DNI V KNEŽJEM MESTU
V četrtek, 4. decembra, smo se dijaki 1.,2., in 3. letnika odpravili na dvodnevno
ekskurzijo v slovensko knežje mesto, imenovano Celje. Že beseda ekskurzija nam
pove, da to ni zabava, temveč delo na prostem. Tako je tudi bilo, ampak kljub
delavnosti smo poskrbeli za zabavo in se imeli zelo lepo. Ko smo po triurni vožnji prispeli
v Celje, smo se najprej odpravili v Gimnazijo Celje-Center, kjer so nas dočakali dijaki
in ravnatelj gimnazije in nam predstavili svojo šolo. Namreč današnja stavba
Gimnazije Celje-Center je bila leta 1912 zgrajena po načrtih Richarda Klossa in velja
za najmarkantnejšo secesijsko stavbo v Celju ter eno med najlepšimi v tem delu
23
Evrope. Sprva je bila v poslopju osnovna šola, v času med 1. in 2. svetovno vojno celo
vojaška bolnišnica. Po 2. svetovni vojni je šola postala pedagoška akademija in
pedagoška gimnazija. Nekaj časa je poslopje nudilo streho visokošolskemu
pedagoškemu središču regije. Do leta 1974 je bil njen sedež II. Oš Celje.
Po predstavitvi dijakov, ki so se zelo potrudili, smo se sprehodili do hostla, kjer naj bi se
malo spočili in pripravili na prihajajoče delavnice. Po kratkem premoru smo se vrnili v
gimnazijo, kjer smo se udeležili posebne prireditve z naslovom Dan znanosti, ki je bil
posvečen mednarodnemu letu svetlobe. Imeli smo čast prisluhniti predstavitvi prof.
dr. Sama Kralja. Slednji je eden od tistih univerzitetnih profesorjev, ki se odlikuje po
vrhunskih znanstvenih dosežkih, saj ga njegova bibliografija
uvršča v svetovni vrh na področju fizike, hkrati pa je ohranil
stik z vsakdanjim življenjem. Prenesel nam je svoje bogato
znanje o vlogi svetlobe in našem zaznavanju le-te. Njegova
predstavitev o tehnološki revoluciji me je prevzela. Vprašanje,
ki mi je dalo misliti, je bilo: ''In kaj če bi se leno prepustili naravi,
da ta naredi z Zemljo, kar ji pač ustreza?''. Namreč prof. dr.
Kralj pravi, da je potek evolucijskega prilagajanja počasen
celo za polža in lahko traja milijone let. Zato ''nenadna''
močna sprememba pogojev v naravi, na katero se vrsta ni
uspela prilagoditi, lahko vodi do izumrtja ali do bistvene
preobrazbe vrste. Tako pravijo, da je izumrtje dinozavrov
sploh omogočilo razvoj človeka. Nasploh pa je za Zemljo
izumiranje in porajanje novih vrst nekaj povsem običajnega
kot npr. jutranja kavica. Tako kot se vsako živo bitje rodi, živi in
nato umre, se v daljšem časovnem obdobju obnaša tudi
poljubna vrsta. Življenjska doba povprečne vrste je nekaj milijonov let, zato vsaj za
nekaj naših generacij še ni strahu.
Ta predstavitev je bila zame najboljši del celotne ekskurzije. Definitivno sem dojela
nekaj, česar prej nisem znala oz. nisem razmišljala o tem. To je tudi bil strokovni del
ekskurzije in jo lahko imenujemo kot obliko zunajšolskega učenja.
Po predstavitvi smo prisluhnili petju izjemno nadarjenih dijakov, nad katerimi sem bila
precej navdušena. Sledilo je kosilo v šolski menzi.
Po kosilu smo imeli dve uri delavnic, bili smo razporejeni po skupinah, namreč dekleta
v eni, fantje v drugi. Prav tako, kot je bilo nekoč v Gimnaziji Celje-Center. Ko smo
končali delavnice, smo imeli dve uri prostega časa. Lepo je bilo hoditi po neznanem
mestu. Tisto, kar mi je še bolj približalo Celje kot mesto, je bilo decembrsko vzdušje po
ulicah, polnih božičnih drevesc. Vse je bilo okrašeno in osvetljeno. Hodila sem po
mestu z ozeblimi rokami in v mrzlem zraku čutila vonj po kuhanem vinu in slišala otroški
smeh. Božične stojnice z domačimi dobrotami so še napolnile naše čutnice. Po
sprehodu smo se odpravili na še en sprehod, takrat vodeni. Vodile so nas dijakinje, ki
so se zelo potrudile, da bi nam čim bolj približale svoje mesto. Vzdušje je bilo
sproščeno in hkrati poučno. Celje je ohranilo svojo srednjeveško podobo, ki se
nenavadno naravno zliva s sodobnim urbanim okoljem.
24
Po prijetnem sprehodu in ogledu različnih znamenitosti smo prisluhnili koncertu dijakov
v Narodnem domu, ki se nahaja na trgu Celjskih knezov od leta 1895 in je pomenil
ponos slovenskih rodoljubov. In prav tu so se mi ob poslušanju koncerta začele
porajati različne misli. Zgodovina slovenstva nam v obsežnih knjigah predstavlja, kako
so slovensko deželo naseljevali najrazličnejši narodi, prikazuje nam njihovo kulturo in
način življenja. Razkriva nam nenehen boj slovenskega naroda za priznanje pravice;
biti to, kar Slovenci so: narod s svojim načinom življenja, z lastnim razumom, in kar je
najpomembneje, z lastnim jezikom.
Drugi dan je minil še hitreje kot prvi. Začeli smo dan s poukom na gimnaziji.
Prisostvovala sem zanimivemu pouku biologije in slovenščine in se, čeprav gostja,
dobro počutila v razredu.
Nato smo šli v podzemlje Stare grofije, kjer smo si ogledali rimsko cesto in obrambna
stolpa. Celje je namreč zelo staro mesto. Ustanovili so ga Kelti v prvem tisočletju pred
našim štetjem. Poimenovali so ga Celeja ali Keleia. Opazni so ostanki na Miklavškem
hribu iz starejše železne dobe. Na terasi pod hribom se je v 1. stoletju pred našim
štetjem razvilo močno keltsko naselje, kjer so kovali noriški denar. Leta 15 pred našim
štetjem so območje zasedli Rimljani. Celeia je dobila mestne pravice in uradni naziv.
V kasnejši rimski dobi je bilo mesto utrjeno, krasili so ga lepi templji in velike javne
stavbe.
Območje Celeie, poseljeno s Slovani, je prišlo v 6. stoletju v sestav slovenske
Karantanije. V 9. stoletju pa pod oblast nemških fevdalcev. Danes je Celje mesto in
sedež istoimenske mestne občine v Sloveniji, ki leži ob sotočju reke Savinje in Voglajne.
Največja znamenitost je stari Celjski grad, ki se prvič omenja leta 1322 in je bil sedež
Celjskih grofov, najvplivnejše plemiške rodbine na Slovenskem, ki smo si ga imeli
možnost ogledati.
Z raznovrstnimi dejavnostmi smo osvetlili življenje Celjskih grofih. Žovneški grofje so si
pridobili ugled z vplivnimi rodbinskimi zvezami. S pomočjo dedovanja so dobili veliko
posesti in mesto Celje. Tako so postali Žovneški grofje gospodarji Celja. Povezali so se
s Habsuržani. Z njihovo pomočjo so dobili dostojanstvo Celjskih grofov.
Torej, ogledali smo si notranjost gradu in spoznavali njegovo pomembno zgodovino.
Menim, da bi bil lahko grad bolje obnovljen v nekdanjem stilu, saj obiskovalec ob
ogledu ne podoživi preteklosti. Pozicija gradu ponuja prelep razgled na celotno
mesto in čeprav nam vreme ni bilo naklonjeno, smo lahko videli Celje pod meglo.
Potem smo se vrnili v center mesta, kjer smo lahko še malo uživali v mestu. Po enem
šmornu in čaju v mestni kavarni na Krekovem trgu smo se počasi odpravili nazaj na
obalo. Z lepimi vtisi in še lepšimi mislimi sem se vrnila domov. Pridobila sem širše znanje
o neznanem mestu in ga polno doživela.
Luna Bisaki
25
Pensieri, parole
…
LA VITA È UN GROVIGLIO
La vita è fatta di emozioni e sentimenti,
bisogna saperla capire, ma soprattutto
amarla, perché la vita è il dono più
grande che si possa ricevere. La vita può
essere anche un groviglio di situazioni difficili e momenti complicati, ma non bisogna temere, perché dalle situazioni complicate nascono persone migliori.
nostra Elisa, il cui sogno nel cassetto è di
fare la scrittrice e trasferirsi in America.
Elisa si dedicava ogni giorno a scrivere le
proprie storie al computer, ma c’era un
ostacolo che le impediva di compiere i
suoi interessi: la timidezza! Già nel periodo della scuola elementare Elisa era
una bambina solitaria e molto timida, si
vergognava a far leggere alle altre persone le sue storie e si vergognava di giocare con gli altri bambini.
Vorrei presentarvi una ragazzina di nome
Elisa. Elisa ha sedici anni, è una studentessa tranquilla, ama la musica ed ha
molti progetti in mente che vorrebbe
realizzare quando sarà grande e indipendente. Ogni ragazzo non vede l’ora
di poter allontanarsi da casa e fare un lavoro che ha sempre desiderato, come la
Rimase comunque il problema della sua
timidezza, che le stava impedendo di
pubblicare le sue storie su Internet, anche a costo di rimanere anonima. La sua
paura era quella di essere giudicata.
Intanto, Elisa frequentava il liceo, fu soltanto lì che conobbe qualche persona
con i suoi interessi, ed Elisa ne fu felice. Si
rese conto che dopotutto le persone non
sono dei giudici che osservano la parte
peggiore di te, anzi, sono disposti a tutto
pur di farti felice. Era un periodo diverso.
Elisa stava cambiando. Le insegnanti si
complimentavano con lei per la sua bravura nello scrivere, finché la incoraggia-
26
rono a pubblicare una sua storia sul giornalino della scuola. Elisa accettò, come
se la sua timidezza fosse svanita.
rata, non capiva perché la sorella si arrese, certo anche lei si sarebbe arrabbiata se il suo ragazzo non l’avesse
amata per davvero, ma non si sarebbe
arresa per questo Forse è vero che le persone non riescono a vivere senza amore,
perché la vita ha bisogno di amore.
Tutto sembrava andare per il meglio, finché purtroppo arrivò il giorno della morte
di sua sorella Lara. Era da tempo che
Lara non si faceva viva, lei abitava in un
altro stato per motivi di studio, ma Elisa
seppe che stava facendo uso di stupefacenti e che ultimamente stava esagerando. Anche Lara, come Elisa, era una
ragazzina pensierosa con un sogno nel
cassetto: da grande avrebbe voluto diventare un avvocato.
Dopo la tragica morte di Lara, Elisa iniziò
a guardare il mondo con occhi pieni di
amarezza: la vita alcune volte può essere un groviglio, non sempre va tutto
bene e bisogna far attenzione a non cadere, ... ma se si cade bisogna rialzarsi,
senza timore e riprovare ancora una
volta. Bisogna avere una speranza per
tutto, perché la speranza è il cuore della
vita. È solo così, con il coraggio e la felicità nel cuore si possono raggiungere i
propri obiettivi.
Un giorno Lara conobbe un ragazzo di
nome Luca, ne rimase subito affascinata,
pure lui. Erano diventati inseparabili, ma
a Lara qualcosa non convinceva. Infatti,
venne a sapere che Luca fece una
scommessa con i suoi amici, la cui posta
erano naturalmente i soldi. Scommesse
che sarebbe diventato il fidanzato di
Lara soltanto per finta. Da quel giorno
Lara non era più la stessa. Iniziò ad odiare
tutti e per questo si lasciò andare ad alcolici e droghe. Non voleva più continuare. Elisa era dispiaciuta ed addolo-
Elisa lo sapeva, dopo quello che aveva
passato era ancora più forte di prima,
fece di tutto per realizzare i suoi sogni, e
ci riuscì. L’importante della vita è non arrendersi, per ogni cosa che ti succede
c’è sempre una speranza, per tutto.
La speranza è il cuore della vita.
Federica Cossich
27
PODZEMNA
Hodim po peronu in
nestrpno čakam vlak.
Noče in noče se
prikazati. Zamuja že
celih pet minut. Brcam
papirček.
Opazim
gospoda,
ki
me
opazuje. »Kaj hočeš,
da tako buljiš vame?«
si
rečem.
Prostor
osvetljujejo le bele,
dolge luči, od katerih
je
vsaka
tretja
pokvarjena.
Zatohel
zrak in vonj po tirnicah
in vlakih mi leze po
grlu. Razmišljam. »Zakaj mi je to naredil, ta prasec!?!?« si govorim, medtem ko se mi v
mislih prikazuje njegova slika. »Jaz, konj, sem mu zaupal, on pa jo je kar popihal z
mojimi stvarmi!« Usedem se na zmajano in umazano klop. Na peronu ni žive duše,
trenutno pa je še moja mrtva. Iz žepa vzamem telefon in natipkam sporočilo: »Dobiva
se na postaji pred Mercatorjem, tam kjer sva se srečala zadnjič.« Pošljem sporočilo.
Tresem se. Globoko vdihnem. Pljuča se mi napolnijo z umazanim, smrdljivim zrakom.
V daljavi končno zaslišim prihajajoči vlak. Vstanem, se še malo sprehodim in vlak se
prikaže.
Vrata se odpirajo počasi in škripajoče. Vstopim na vlak. Prazen je in vse je tiho. Ta je
zadnji danes. Na koncu vagona sedi le moški. Poiščem si najbolj temačen prostor na
vlaku in se namestim. Vrata se zaprejo in vlak odpelje. Vožnja se vleče v neskončnost.
V ušesih mi odmeva zvok vrtečih se koles.
Ko izstopim, stoji na peronu mlad moški, na prvi pogled zelo urejen. Soj luči osvetli
njegov bledi obraz in nazaj polizane temne lase. Ko stopam mimo njega, se zadenem
ob njegovo ramo. Zaznam močen vonj moškega parfuma. Spomnim se na telefon.
Otipam praznino v desnem žepu. Ozrem se za moškim, ki hitro hodi proti izhodu s
perona. Ko vidi, da ga gledam, pospeši. Začnem mu slediti in se nato poženem v tek.
Sledim vonju parfuma. Približam se mu in nato skočim nanj. Podrem ga. Držim ga z
vso močjo. Iztrgam mu iz rok svoj telefon. Odrinem ga in stečem. Nato hodim.
Globoko diham in polnim pljuča s svežim zrakom. Srce mi bije močno in silovito. Noge
so težke. Misli so prazne. Vedno tak klavrn konec …
Melania Pasar
28
Se fossi..
Se fossi fuoco ti arderei intorno,
se fossi acqua ti abbraccerei,
se fossi aria ti volerei intorno
e se tu fossi un quadro ti ammirerei tutto il giorno.
Se fossi il tempo ti fermerei,
se fossi una candela non mi spegnerei;
se fossi una radio canterei per te
e se fossi una coperta ti terrei vicino a me.
Se io fossi
Se io fossi acqua ti calmerei
Se fossi Peter, come sono ed ero
se io fossi arcobaleno, dai tuoi demoni
e tu verresti da me,
ti purificherei.
io donerei questa poesia a te.
Se io fossi alba risorgerei e le tue paure affronterei.
Peter Novel
Se io fossi pianoforte la mia voce ti darei
e con essa ti calmerei,
con i tasti ti aiuterei,
con le corde ti guiderei.
Se io fossi Veronika, cosa che sono ed ero,
ti addormenterei in un sonno profondo ed
eterno.
Veronika Pirjevec
29
Ai miei compagni di IV…
Ormai siamo quasi giunti alla fine. Tra poche settimane i nostri sguardi non si incroceranno più tutte le mattine, ne sentiremo più le grida di Ele, gli sbadigli di Sebastian e le risate durante le pause. Tra
poco non ci sarà più la corsa all’ultimo
snickers della macchinetta e non saremo noi a contare gli ultimi secondi
della terza ora, prima della merenda. È
proprio attraverso i piccoli dettagli che
abbiamo iniziato a costruire prima una
certa complicità e successivamente
l’amicizia che
ci lega. Sembra
ieri
il
giorno che ci
siamo incontrati per la
prima volta
alla giornata
delle
porte
aperte, eppure sono ormai passati
più di quattro
anni. Siamo
entrati in questa scuola che eravamo
ancora bambini e tutti assieme, passo
dopo passo, siamo quasi arrivati alle
porte dell’università. Spaventa un po’ sapere che adesso ognuno di noi prenderà
la propria strada e ci separeremo. Ad
ogni modo, sono sicura che un legame
come quello che si è formato tra noi non
potrà venir spezzato né dai chilometri né
dalle frontiere. Non è possibile cancellare o dimenticare i momenti che abbiamo vissuto assieme, perché non abbiamo condiviso soltanto risate, ma anche dolori. Ci siamo sempre sostenuti e
appoggiati, diventando quasi una famiglia.
Abbiamo imparato a riconoscere
l’umore di ognuno dai gesti e dagli
sguardi.
Tutti sappiamo che quando Sara inizia a
girare con gli occhi è meglio non avvicinarsi nemmeno, però sappiamo anche
che con un abbraccio e una carezza ritorna ad essere la persona dolce e ridicola
di
sempre.
Poi c’è
Aleksandra,
che sinceramente
abbiamo visto
arrabbiarsi
poche
volte,
però
quando
succedeva
“scoppiava”, lasciando tutti sbalorditi, visto
che dalla sua bocca di solito non escono
che complimenti e parole gentili che farebbero sorridere anche la persona più
triste
del
pianeta.
Naska, invece è tutto il contrario… il suo
cattivo umore si riconosce perché diventa particolarmente loquace e il suo
solito silenzio si trasforma in commenti
pungenti. Ma siamo pronti a perdonarle
tutto, perché è praticamente impossibile
trovare degli occhi buoni e sinceri come
i suoi, i quali contengono tutto l’ amore
dell’
universo.
30
Tra i nostri banchi troviamo anche Sebastian, il quale passa dalla gentilezza al
sarcasmo alla velocità della luce, però i
suoi pisolini e la sua risata lo rendono
adorabile. L’altro maschietto parecchio
soggetto a nervosismi è Matjaž, al quale
abbiamo affidato il compito di tenere
tutto sotto controllo e di farci ripetizioni in
ogni singola materia sin dalla 1° classe e
questo dimostra quanto sia grande il suo
cuore, quindi gli è permesso di fare il moralista.
Alessia è forse l’ unica che non abbiamo
mai visto perdere le staffe. Sembra che
viva in un’ oasi di pace: mentre tutti litigano lei non si schiera mai con nessuno
e
rivolge
sorrisi
a
tutti.
Poi troviamo Zoe, l’umore di Zoe si può
decifrare a chilometri di distanza e
quando inarca le sopracciglia si sa che
dalla sua bocca non usciranno commenti piacevoli, ma tutti sappiamo che
la cura alla sua rabbia sono le risposte e
le risate di Eleanor. Infine c’è lei, Ele, che
non sa controllare le proprie emozioni e
se si alza con la luna storta è come un
uragano che spazza via tutto, però Ele sa
anche essere la persona più generosa
del mondo. In quattro anni non ha esitato un attimo a offrire il proprio aiuto,
anche se in certe situazioni era lei a venir
penalizzata.
Credo che questo sia il bello della piccola famiglia che ha preso vita tra i banchi del Sema. I difetti di ognuno si sono
mostrati irrilevanti, perché l’amicizia e
l’amore che uniscono la nostra classe
hanno sempre avuto la meglio.
Ane Lizariturry Apollonio
…e poi ci sei tu, Ane, con la tua sensibilità, il tuo perfezionismo, la tua caparbietà e la tua vitalità…che trovi sempre
le parole giuste per tutti…ma che hai
sempre bisogno di quelle parole giuste
che, se entrano nel tuo cuore e lo “toccano”, rimarranno lì per sempre.
31
CUPIDO
Quest'anno, pur avendo avuto un anno turbolento,
non ho resistito a non causare un po' di scompiglio
tra gli ingenui novellini.
Anche se sembrava fosse destinata a durare, la
scintilla scoccata tra La Cipolla e Priscilla Malcontenta si è ben presto affievolita. Iniziata nella favolosa palude di Rio dei Gamberi, tra alberi e fiori, le
nottate passate attorno al romantico falò non sono
bastate a far fiorire il loro amore. Il sentimento nato
tra i due si è ben presto consumato con il ritorno
alla vita scolastica.
E si sa, Mr. Burns ha una vera passione per le novelline, tanto che una gli ha proprio
colpito il cuore. Ma ahimè, il nostro amato gigolò in crisi non è riuscito a far breccia
nel cuore della bella Coniglietta nemmeno con l’aiuto di una delle mie frecce.
Non arrenderti, Mr. Burns, la speranza è l’ultima a morire!
Essendo l'imbranato che sono, quest'anno ne ho combinata un'altra delle mie e,
sbagliando mira, ho centrato la persona sbagliata, ed ecco che così Miss Perfetta si
è trovata ben due ammiratori! L'Insoddisfatto, pur essendo un timidone, ha dato
sfogo a tutto il suo charm da seduttore, ma non è bastato a cogliere l'attenzione
della nostra corteggiata. Per il Leopardi della situazione, invece, il metodo è stato
tutt'altro: avvicinandola da amico, il nostro pretendente si è fatto strada nel cuore di
Miss Perfetta puntando sulla fiducia, ma nemmeno questo è bastato. Speriamo solo
che non si presenti qualche altro corteggiatore, perché si sa che tra i due litiganti, il
terzo gode!!
E come potrebbero mancare i leggendari tira e molla tra Er Mandrillone e l'Infuocata, che quest'anno mi hanno fatto impazzire tra tutti i litigi e le riappacificazioni.
Fortunatamente è finito tutto bene, ma si sa che ben presto dovrò rincorrerli nuovamente per placare qualche battibecco.
A proposito, saranno forse loro la ragione per cui quest'anno ho esaurito tutte le mie
frecce ?
Il vostro Cupido
32
In giro per il mondo
La nostra vita è il viaggio più bello
Tanto tempo fa un uomo importante per la storia della letteratura disse: ''Non sai
bene se la vita è viaggio, se è sogno, se è attesa, se è un piano che si svolge giorno
dopo giorno e non te ne accorgi se non guardando all'indietro. Non sai se ha senso.
In certi momenti, il senso non conta. Contano i legami.”
Se la vita fosse un viaggio, in questo preciso istante sceglierei di farlo in treno per star
seduta e guardare un po’ fuori in tranquillità, godermi il viaggio senza pensieri e lasciando i problemi alle spalle, in un selfie che ne segna la fine.
I treni la maggior parte delle volte sono accoglienti e caldi, ma questa vita sembra
una corsa di auto impazzite, come sulle giostre, penso all’autoscontro per essere precisa, in cui volutamente o meno vai
a sbattere con la gomma sugli altri o
sui bordi della pista. La gomma riesce
in qualche modo ad attutire il colpo,
ma ti senti comunque balzare in
avanti o in dietro o di lato innavertitamente, e ad ogni colpo che volutamente ti vengono a dare ci rimani
male. A volte succede che ti incastrino in un angolo e ti senti in trappola. Peggio se li vedi prendere la rincorsa e poi ti vengono addosso. Fortuna vuole che poi, facciano marcia
indietro e ti senti libera ancora per un
attimo. Fino a quando non vai a
sbattere o ti vengono addosso con
tutta la forza che hanno.
Se la vita fosse un viaggio e di certo lo è, ad un certo punto alla fermata del treno
vedrei salire a bordo qualcuno con cui continuare verso il futuro oppure scendere
per correre verso una mongolfiera che sollevandosi da terra mi aiuterebbe per una
volta a salire in alto, ad andare oltre. Oltre le case, oltre i confini, oltre. Vedere tutto
più piccolo e insignificante, senza ingigantire inappropriatamente tutto, sentire un
33
senso di leggerezza interiore che non per forza deve coincidere con la felicità, ma
con qualcosa che ha a che fare con essa.
Vorrei davvero trovare le parole per far capire agli altri come mi sento a volte e gli
urti delle macchine dell’autoscontro in questo momento mi sembrano l’unico paragone sensato. Mi sento incastrata tra la vita che faccio e quella che vorrei percorrere
nell’immediato, senza dover attraversare i vicoli chiusi, ma passando direttamente
sulla strada maestra. Incastrata tra persone e oggetti che non vorrei avere attorno e
che mi appesantiscono. Sono incapace di andare a sbattere anche solo per gioco.
Volutamente non ho mai fatto del male a nessuno e vorrei che gli altri facessero lo
stesso. Forse chiedo troppo, ma una persona che io considero saggia dice che alla
fine del viaggio tutto ti viene restituito. Alla fine del viaggio ognuno sente sulla propria
pelle quello che ha fatto, sia il bene che il male.
SÌ, la vita è un viaggio. C’è chi perde il primo treno, ma prende il secondo, che magari è quello giusto. C’è chi preferisce usare la macchina, che è anche più comoda
e veloce, e per due c’è sempre posto.
C’è chi prende la nave e vaga in mare aperto e ha paura di affondare ma poi la
trova, la sua ancora, e il suo porto sicuro. C’è chi prende l’aereo, per perdersi nel
cielo, per poter volare e affacciandosi dal finestrino coglie tutti i particolari del
mondo e quando atterra, lo trova già lì, ad aspettarlo a braccia aperte, l’amore.
SÌ, la vita è un viaggio e chi viaggia vive due volte.
Luna Bisaki
Roma: la città eterna
Anche quest’anno le classi finali delle scuole medie con lingua d’insegnamento italiana della Slovenia e della Croazia hanno partecipato all’escursione di maturità
nella capitale italiana. L’avventura ha avuto inizio il 10 novembre, quando dopo 12
lunghe ore di autobus siamo finalmente giunti a destinazione.
Il bel tempo ci ha accompagnati durante la permanenza e questo ci ha permesso
di visitare le bellezze dell’antica Roma sotto un caldo sole autunnale. La prima giornata è stata dedicata alla visita del cuore dell’antico Impero, e la passeggiata sul
colle Palatino ci ha lasciati senza parole. Camminare tra le rovine di quello che un
tempo era il “centro del mondo” ci ha regalato momenti di vera emozione. Un’altra
meraviglia che abbiamo visitato è stata la Cappella Sistina che con la sua imponenza ci ha fatti commuovere. Nei Musei Vaticani abbiamo potuto ammirare opere
d’arte dei grandi maestri rinascimentali.
34
Questo è stato un viaggio nel tempo con vari ponti di collegamento tra antichità,
Rinascimento, Barocco e Fascismo. È incredibile come una città così caotica e piena
di vita riesca a far rivivere con estrema naturalezza il suo passato.
Ane e Zoe
Roma mi è piaciuta molto. Di giorno in giorno mi sentivo più “inghiottito” dal turbine
di gente, turisti, abitanti che in massa si spostavano per le viscere di una città testimone di più di 2700 anni di storia. Dal Foro romano alla cappella Sistina, all’Altare
della patria, le epoche si intrecciano, creando un’atmosfera unica di “eternità” che
mi ha impressionato e mi farà sicuramente tornare per poter vivere più pienamente
la città.
Matjaž
35
Spettacoli
e teatro
Le fatiche di Pseudolus
Il Dramma Italiano di Fiume
Adattamento e regia: Giovanni Battista Storti
Con il suo primo spettacolo della stagione, la compagnia del Dramma Italiano si è
presentato al pubblico con uno dei più grandi commediografi della letteratura latina,
Plauto. La nuova commedia fa riferimento ad alcuni testi di Plauto, Miles Gloriosus e
Pseudolus in particolare. Nell’antica Roma lo schiavo Pseudolus desidera ottenere la
libertà: per riuscirci decide di aiutare il suo padrone – un giovane romano innamorato
di una bellissima schiava – a conquistare il cuore della sua amata, che purtroppo è
già stata promessa a un altro. Dopo aver elaborato un piano, i due agiscono, ma
purtroppo niente va come immaginato.
Tuttavia, dopo vari inganni, bugie, mascheramenti, frodi e modifiche al piano, è arrivato il lieto fine. Divertente e spassoso!!!
36
Trst, mesto v vojni
Novembra 2014 smo se s šolo odpravili na ogled gledališke predstave, drame: Trst,
mesto v vojni. Predstava je potekala tako v italijanskem kot slovenskem jeziku. Za
enojezične govorce pa so poskrbeli podnapisi. V drami je bilo predstavljeno obdobje
v Trstu med prvo svetovno vojno. Režiser Igor Pison se je osredotočil na življenje v
mestu, predvsem na posledice vojne. Vojaki so imeli težko življenje na fronti, živeli so
okopani v jarkih, v pomanjkanju hrane in v pričakovanju vojaških napadov. Ampak
za tiste, ki so ostali v mestu, žene, otroke in starejše ljudi, ni bilo nič lažje. Igralci so
zaigrali več prizorov vojne in nam prikazali problematiko le-te. Zgodbe so različne,
vsak človek se sooča z življenjem na svoj način in išče možnosti za golo preživetje.
Najbolj me je ganila zgodba o ženi, katere mož je odšel na fronto in je ostala sama z
otrokom brez kakršne koli pomoči. Bila je prisiljena poiskati delo. Kljub pomanjkanju
dela se ji je uspelo zaposliti na železnici, kjer je nadomeščala delavko, ki je zbolela. A
bila je vseskozi v strahu za preživetje. Pretreslo me je, kako je zmogla prenašati
bremena in odgovornost zase in za otroka. Drugi prizor, ki mi je ostal v spominu, so bili
možje ob povratku iz vojne in njihove družine, ki jih nestrpno pričakujejo. Vendar na
žalost se jih veliko ni vrnilo. Prizor nam prikaže ženo, ki izve, da so moža ustrelili. Ob
strašni novici se je zjokala in izkričala vso nesrečo. Dramsko delo je podobno mozaiku,
sestavljeno iz več delčkov življenja v mestu. Sceno na odru so pospremili v ozadju
video prizori iz vojne in avdio posnetki bitk in orožja.( Igralci: Lorenzo Zuffi, Roberta
Colacino, Maurizio Zacchigna, Adriano Giraldi, Primož Forte, Massimiliano Borghesi,
Tadej Pišek, Mariagrazia Plos, Lara Komar in Nikla Petruška Panizon). Predstava,
vredna ogleda in na katero smo vsi že dolgo čakali, tako Slovenci kot Italijani s te
meje in onstran nje.
Sabrina Curavić
Carmen
Carmen è una delle più famose opere al mondo: è un'opera francese di Georges
Bizet scritta nel 1875. La storia si svolge in Spagna nella città di Sevilla nel 1820, ossia
nel periodo della corrida. L'opera riguarda la vita e le storie d' amore della bella Carmen. Inoltre, descrive la vita degli operai nella fabbrica e dei contrabbandieri. I personaggi esprimo liberamente il loro amore appassionato, la gelosia, il rancore e la
rabbia.
Le operaie nella fabbrica dei sigari si trovano in piazza a Sevilla trascorrendo il loro
tempo libero a divertire i soldati della caserma vicina. Carmen è la più rispettata dai
soldati, dedica una canzone d'amore a Don Jose, tentando si attirare la sua attenzione, ma non ci riesce. Carmen ferisce una ragazza con il coltello e viene mandata
37
in carcere. In carcere seduce Don Jose, che l' aiuta a scappare. Carmen si trova tra
contrabbandieri, ma rifiuta di farvi parte. Carmen dedica una danza con le castagnette a Don Jose, per ringraziarlo del suo sacrificio. In montagna si incontrano i contrabbandieri. Ci sono anche Don Jose e Carmen, che però litigano in continuazione.
Don Jose sente che Carmen non lo ama più, ma non vuole perderla. In montagna
c' è anche Michaela, decisa a trovare Don Jose e combattere per il suo amore. Nella
storia c' è anche il toreador Escamillo, che si innamora immediatamente di Carmen.
Don Jose va con Michaela a trovare la madre morente. Adesso Carmen è felice e
innamorata di Escamillo che sta per combattere contro il toro. Quando Escamillo
entra nell'arena Carmen rimane da sola nella piazza vuota. Don Jose, le chiede disperatamente
di
scappare con lui. Carmen lo rifiuta perché
non lo ama più. Don
Jose uccide Carmen.
Mentre il popolo urla e
festeggia la vittoria di
Escamillo, Carmen sta
sanguinando in mezzo
alla piazza e Don Jose
piange il suo unico
amore.
L'opera Carmen è stata la prima e l'unica opera che ho visto. Prima di vederla avevo
dei pregiudizi; pensavo che sarebbe stata noiosa e sinceramente se non fosse stato
obbligatorio, non ci sarei andata. Non ne sapevo molto dell'opera in generale e forse
per questo motivo non ne ero interessata. L'opera iniziò con un' ouverture abbastanza dinamica che catturò completamente la mia attenzione. Ho capito che i
cantanti d'opera, oltre ad avere l' abilità di cantare un repertorio così difficile, devono essere anche attori, saper improvvisare ed essere convincenti in quello che
fanno. Oltre alla protagonista, che aveva una voce abbastanza profonda, mi è piaciuta la vocalità di Michaela, la ragazza innamorata di Don Jose, che a sua volta
amava Carmen. Michaela aveva una voce meravigliosa e molto espressiva.
La ''storia'' dell'opera era altrettanto interessante e mi è piaciuto il fatto che fosse in
francese, una lingua che studio a scuola, perciò cercavo anche di ascoltare più attentamente. Sono uscita dal teatro con un'impressione positiva e completamente
contraria a quello che mi aspettavo. Spero di poter assistere ad altre opere e la prossima volta che ci verrà offerta un' uscita del genere ci andrò volentieri. In fin dei conti,
la cosa più importante è che la Carmen ha cambiato il mio punto di vista riguardo l'
opera.
Adna Šito
38
A scuola di jazz con Gwen Hughes
Gwen Hughes è una cantautrice e attrice americana che cerca di diffondere la musica jazz tra
i giovani facendo lezioni
in varie scuole. Assieme a
lei, a trovarci a scuola
sono venuti altri due
membri della sua band.
Durante un tour in Croazia nel 2004 ha incontrato
il batterista sloveno Tomi
Purich. Tomi credeva
nelle capacità di Gwen
di connettersi con i musicisti e il pubblico europei.
Da qui ha iniziato la sua
carriera con i “Mono” in
tutto
l’est
Europa.
La sera del giorno stesso
la comunità degli Italiani
di Pirano ha organizzato
una serata per la cantante, che si è esibita con
la
sua
band.
Gwen e il suo amico sassofonista hanno portato
gli alunni indietro nella
storia con le melodiose
note e parole dei vecchi
tempi dell’inizio del ‘900.
Le due ore in compagnia
della talentuosa Gwen si
sono decisamente impresse nella memoria di
ogni alunno facendoci
incontrare un mondo
nuovo. Gwen ha fatto
colpo su tutti, raggiungendo il suo scopo: dimostrare il valore e la purezza della musica jazz.
Federica Cossich
Si è sentita l’energia positiva della cantante e
quanto veramente si sia
divertita durante il concerto. Tutto questo è
stato trasmesso a noi
spettatori, che abbiamo
potuto rilassarci e divertirci assieme a Gwen.
Con questa talentuosa
cantante ho potuto osservare qualcuno che
ama e trasmette l’amore
per il proprio lavoro e mi
ha fatto capire il segreto
per sconfiggere la paura
dell’esibizione e per fare
un concerto veramente
unico: divertirsi!
Elena Lulić
Julija Koren e Eva
Amanda Pocecco
39
THE BOY AND THE WORLD
The Boy and the World is a Brazilian animated film directed by Ale Abreu. It is set
in an imaginary world which somehow reminds us of Brazil with its big, industrialized
cities in contrast with the pure nature that
surrounds them. The film stars Vinicius Garcia, Lu Horta and Marco Aurélio Campos.
Cuca is a curious kid who lives in a small
village situated in a distant, mythical country.
He lives in poor conditions, however,
he seems not to care as long as he has his
parents and magical friends to play with.
Suddenly, his father needs to leave in
search of work. Cuca sees him embarking
on a train and never coming back. He
spends the days following this event in
pure confusion and sadness, until the day
he decides to embark on a train too in
search for his dad, but ends up finding himself in a strange, magical place.
The Boy and the World is a film full of imagination and adventure. The script is fast
moving and the plot has unexpected twists with both shockingly touching, innocent
and playful moments. The characters are very well developed and it has an unexpected, meaningful ending.
This film is well worth seeing. The musical background is sensational, I give it the most
credit for giving me deep, conflicting feelings. I would not have missed it for the world.
Serena Protić
40
Attualità
Waiting on the Elio, the car of the Future
This article talks about a Three-Wheel car built and designed by Elio Motors. Its design
is surprisingly economical and it has low fuel-consumption. This car was created so
that it would be possible to ride for 84 miles with only one litre of gas. This invention
was seen for the first time last year by Sean Donahue, a director of thirty-seven years
old who took part in Consumer Electronics Show in Las Vegas. This car struck him so
much that he saw in her a great future. Donahue had to shell out 500 dollars to get
his name on the Elio list. The invention should have come out already in 2014 however,
due to some unexpected delays, the exit was postponed to year 2016. The pensioner
Deborah McAteer tells us that Elio is a great project but it must be made first to be
able to appreciate its potential since there are no guarantees that it will work. So far,
Elio Motors has not yet produced any cars: for now, they continue to sell places on
the waiting list. All to all, as Deborah says, this innovation is still a dream
Giorgio Rosso
DOGS TRAINED TO DETECT PROSTATE CANCER WITH
MORE THAN 90% ACCURACY
A research is now suggesting that trained German shepherd dogs can help doctors
detect prostate cancer with noticeable accuracy by sniffing out the chemicals
which are linked to the disease from men’s urine samples.
It was an Italian team that reported the reliability rate in the Journal of Urology. The
rate comes from many years (even decades) of studying and training dogs’ sense
of smell to improve it, which will now be able to help doctors detect numerous cancers and diseases. The two German shepherds had to sniff 900 men’s urine samples:
360 of them had prostate cancer, while the other 540 did not. Both of the shepherds
succeeded by being right in over 90% of cases.
Dogs cannot, however, start right away: their incredibly useful skill needs to be accurately verified first in order to be 100% sure about it.
Nowadays, the only way to detected prostate cancer is by taking the PSA test, a
blood test that occurs via physical examination and biopsy. It is not, however, taken
frequently since it is not considered reliable enough.
The new research has been welcomed as ”spectacular” by Claire Guest, the cofounder of the Buckinghamshire-based charity Medical Detection dogs, since men
41
will now be able to be examined with more accuracy than any other existing prostate cancer test has ever done.
Detection dogs provide an alternative solution to the problems of lack of accurate
prostate cancer tests; if only they were machines, they would be hugely demanded.
Serena Protić
Invenzioni del 2014/15
1. Hendo Hoverboard: skateboard volante ispirato a “Ritorno al futuro”. Realizzato da Hendo Jill e Greg Henderson, è in grado di sollevarsi dal terreno di qualche cm e
verrà utilizzato per proteggere le opere d’arte e gli edifici durante i terremoti.
2. Stampante 3D: macchina in grado di costruire qualsiasi cosa e può essere
persino utilizzata per creare dei tessuti umani.
3. Lumo Lift: dispositivo che viene posizionato sotto la maglietta e avverte chi lo indossa nei momenti in cui sta tenendo una postura sbagliata.
4. Apple Watch: consente di avere un computer al polso.
5. Wikipearl: confezione commestibile a base di calcio e zucchero ideata da David Edwards per incartare yogurt, gelati e creme.
6. Immuno Matrix: inventato dall’ingegnere biomedico Kasia Sawicka, è un cerotto che fa le vaccinazioni senza il bisogno di aghi, siringhe sterili e ambienti
refrigerati.
7. Pantelligent: padella che insegna a cucinare. Ha dei
sensori di temperatura che trasmettono le informazioni
ad una app che segnala quando e ora di aggiungere
un
ingrediente
o
di
servire
in
tavola.
8. Bastone Allungabile per selfie
42
Curiosità
Why do men still exist? Scientists finally find the answer
The aim of this article is to explain why men’s existence is necessary for the wellbeing
of our planet and population.
Through the decades not only women, but also biologists, questioned themselves
how men survived through all these centuries, as the only thing they are capable of
doing for the sustain of humanity is producing sperm. Because of this, we may consider that it makes more sense to have an all-female society that can reproduce with
the help of our new technology and methods, than to have people that cannot do
anything – naturally if we are speaking in evolutional terms. But latest researches
demonstrate that is it not all in our reproduction, as we need a balanced society that
guarantees diversity. We must also consider the effort that men make to reproduce,
as researches show that they are somehow competing between them and it is this
spirit that increases our genetic health. It was the same Charles Darwin who first
thought of a “sexual selection” where male compete and women choose the best.
This can also explain why in the wild world, in the animal planet, the males are often
more colourful than the females, as competition provides diversity. But, since Darwin,
no one really thought of this in words of our “society”. This is why researchers tried to
find out the importance of males competition – and existence – by conducting several experiments with some controlled beetles in a laboratory. The results were spectacular, as they saw that the ones who fought longer for their female were the same
ones who won her. This was and still is the proof that this kind of competition among
humans, animals or other possible creatures is essential, because it provides genetic
health and balance.
Sabrina Curavić
Short people at greater risk of heart attack, says study
A recent study demonstrated that short people have a higher
chance
of
dying
because
of
a
heart
attack.
Since the 1950s scientists have noticed that there is a correlation
between height and heart disease, which kills over 70 thousand
people a year in the UK. A new study claims every 6.3 centimetres
difference in height between two people makes the shorter person 13.5 % more likely
to develop heart disease, which is one of the most common causes of premature
43
death in the world. The condition occurs when blood flow stops to part of the heart
causing damage to the heart muscle. Researchers studied the DNA of people of various heights. They found that the same genetic variants which make us shorter or taller
also influence the development of our cardiovascular system and they are the reason we have lower or higher risk. A medical director, Professor Jeremy Pearson, said
this was the first study to show that the risk of heart disease is at least in part due to
genetics.
Serena Vegliach
''Kisla faca''
Nekega petka sem se v družbi sošolke vračal iz šole, utrujen od napornega tedna,
vendar vesel kot otrok, saj so bile pred mano počitnice. Usedla sva se na klopco
avtobusnega postajališča in klepetala. Ko nama je zmanjkalo besed, sem se
razgledal po reklamnih plakatih. Pozornost mi je vzbudil slogan z leve in z desne.
»LIMONADA - NIČ VEČ KISLIH FAC!« Velik kisel obraz otroka in misel na pijačo sta v
meni prebudila občutek žeje. Nato pa sem na dnu plakata opazil še napis v drobnem
tisku in se ga zelo razveselil, saj je to pomenilo, da so se oglaševalci le spomnili na
prevod v italijanščino. Nisem mogel, da se ne bi zakrohotal, ko sem ga prebral.
Začudeni sošolki sem s prstom pokazal reklamni plakat. Tudi ona se je zasmejala,
vendar sem se jaz hip zatem že zresnil. »Koga imajo za norca?«, rečem. V prevodu ni
bilo samo pomenske napake (prevod je bil namreč dobeseden), bila je celo
pravopisna napaka. Niente più faccie acide.
Iz razočaranosti sem se obrnil vstran v upanju, da me sošolka spet spravi v dobro voljo,
a pogled je že segel do drugega reklamnega plakata. Komaj sem si upal prebrati
prevod. In bolje bi bilo, da ga ne bi prebral: še ena pravopisna napaka.
Kompletamente. Povzetek: dve pravopisni napaki in zgrešen prevod na enem
avtobusnem postajališču.
Kot pripadnik italijanske narodne skupnosti imam pravico do uporabe svojega
maternega jezika, t. j. italijanščine, na vseh področjih javnega življenja, saj mi to
zagotavlja 11. člen Ustave Republike Slovenije, ki pravi: »Uradni jezik v Sloveniji je
slovenščina. Na območjih občin, v katerih živita italijanska ali madžarska narodna
skupnost, je uradni jezik tudi italijanščina ali madžarščina.« Ker je Portorož na
dvojezičnem območju, je torej tudi italijanščina uradni jezik in je potrebno, da so vsi
javni napisi dvojezični, tudi reklamni slogani. Tako površni prevodi pa kažejo na
malomarnost pristojnih občinskih uslužbencev, ki prevajajo javne napise.
Spoštovanje do jezika pomeni tudi spoštovanje do naroda ali narodne skupnosti, ki
ga govori. Če v jeziku delamo napake iz brezbrižnosti in površnosti, ne spoštujemo
naslovnika. Zakaj kot pripadnik italijanske skupnosti nisem vreden spoštovanja?
Italijanska narodna skupnost je avtohtona: to pomeni, da je zgodovinsko prisotna že
stoletja v tem prostoru, in je vredna spoštovanja, tako kot mora tudi italijanska
narodna skupnost spoštovati slovenski narod in slovenščino kot jezik okolja, uradni in
44
državni jezik. Zato si želim in upam, da bo v čim bližnji prihodnosti več spoštovanja do
narodne skupnosti.
Matjaž Puh
Kako otrok vzbudi pozornost?
Tako, da postane delinkvent
Antropologinja Vesna Vuk Godina v Sobotni prilogi Primorskih novic z dne 10. 1. 2015
kritično spregovori o posledicah prijazne in nenasilne vzgoje, ki vodijo v vse večje
nasilje med mladimi.
S prijazno vzgojo brez kazni in avtoritete otrokom odrekamo možnost, da bi odrasli.
Otroci se posvečajo lastnemu ugodju in samopodobi. Potrošniški kapitalizem vzgaja
narcisistične otroke, pri katerih ugotavljamo pomanjkljivo socializacijo in slabo
izoblikovanje vesti.
Cilj socializacije v preteklosti je bil usposobiti otroka za preživetje in mu omogočiti, da
odraste. Danes pa je cilj, da bo otrok srečen. Prijazna vzgoja brez kazni in avtoritete,
ki se je razširila po drugi svetovni vojni, ukinja tradicionalno družinsko socializacijo in
onemogoča otroku funkcionalno odrasti. V zadnjih 70 letih so postale vzgojne kazni
in avtoritativnost, ki so nujni družbeni pogoji za to, da otrok postane odrasel, zelo
problematični. Ampak otroka je treba v funkcionalno odraslost prisiliti. Preiti mora od
tega, da dela, kar mu je všeč, v to, kar je prav in mu lahko tudi ni všeč. Prehod vedno
izsili okolje, kar povzroči neugodje. Tega koraka noben otrok ne bo naredil
prostovoljno. Prijazna vzgoja povzroči, da otrok ni verbalno zaustavljiv. Ko rečeš, tega
ne smeš, bo to delovalo le pri osebah, ki imajo razvito vest. Kot se je izkazalo v
ameriških šolah, vzgoja brez nasilja nazadnje povzroči še večje družbeno nasilje. In
temu smo bili priča tudi v osnovni šoli v Desklah.
Eden od problemov je tudi prekomerna tekmovalnost in zmagovanje za vsako ceno.
To pomeni, da vzgoja vodi v asocialno vedenje ter razvija individualizem in zato je
zanemarjen pomen širše skupine. Pomemben je le posameznik, ki mora biti najboljši.
Šlo je tako daleč, da tradicionalni vzgojni ukrepi ne delujejo več. Moralna kazen ni
učinkovita, kazen je nasploh brezpredmetna, ker posameznik nima razvite vesti.
Druge kazni niso zaželene ali so zakonsko prepovedane. Tako je v šolah kršenje pravil
postalo mogoče oziroma celo prinese nagrado, saj se s kršiteljem pričnejo vsi ukvarjati.
Torej dobil je želeno pozornost. Šola je postala poligon za merjenje moči. Otroci
maltretirajo druge otroke in učitelji tega ne morejo ustaviti.
Obstajajo tri načini za dosego občudovanja in pridobitev pozornosti. En način je, da
si najboljši učenec. Drugi način je, da se otroci merijo po tem, kar imajo (telefoni,
igrače). Tretji način je, da postane delinkvent. Bolj kot krši pravila, bolj se bodo
ukvarjati z njim.
45
Vprašanje je, kaj lahko sedaj storimo. Otroke bi bilo potrebno kaznovati tako, da bi
jim povzročili veliko količino neugodja, ki presega ugodje, ki so ga čutili ob kršenju
pravil. Ker pa je to zakonsko prepovedano, antropologinja šolam svetuje, da odprejo
socialne kanale, preko katerih bodo otroci tekmovali za svojo vidnost in želeno
pozornost. Tisti, ki si želi pozornosti, naredi zanjo vse. Asocialni otroci pa hočejo
pozornost. Žal družba, kjer vsak skrbi samo zase, lahko funkcionira le s striktno zunanjo
kontrolo.
Družba, ki temelji na asocialnosti, se bo lahko spremenila le, če se spremeni tip
zahodnega kapitalizma in s tem tudi vzgoja. Žalostno bi namreč bilo, da bi v
prihodnosti živeli v družbi, ki temelji na strogi zunanji represiji in video nadzoru.
Peter Novel
How to annoy a Slovenian
1. Tell him you just brought a new car. And if he asks which brand, say “BMW, of
course”. And if you’re his neighbor, you’ll see that in one week time he will
have a bigger and more expensive one.
2. When he invites you to lunch, tell him you can’t stand beef soup and sausages. He won’t know what to cook for you (you’ll probably get cabbage or
potatoes).
3. Say that Slovenia is part of the Balkans. He will be at least shocked, and you
will have a lesson on how different Slovenians are from the “southern people”.
4. If you go out on a drink and he offers to pay, pick the most expensive cocktail. He will try to persuade you that you could drink 5 beers with that money.
5. Tell him that you hate skiing and mountains in general. This will make him
quite upset.
6. If he takes you to a place with a panoramic view, tell him: “oh, it’s beautiful!
You can see all your country from up here”.
7. Finally, if none of the above works, just say Slovakia instead of Slovenia. This is
definitely going to work.
*I used »he«, but if it was »she«, it would be pretty much the same (or even worst
in some cases!).
Matjaž Puh
46
Strano, ma vero
Paramedic who rushed to help ‘collapsed woman’ finds
dying pigeon
Rachel Lack is a paramedic in London. One
day someone called an ambulance from
Southall. The same Rachel thought it was a
women in need for help that she will assist,
however, when she arrived on the scene
she did not see any injured person. Instead,
in the middle of a crowd, she saw a pigeon.
She was very surprised of the response to
her question about whether it was real or
not that they just called an ambulance for
an animal. But the surprise of the crowd was even bigger as she explained that the
emergency calls are only for humans. She also said that case like this make things
really complicated as they prepare themselves for someone in need for help, preparing also the control room. Fortunately, scenarios like this are rare, said Rachel Lack.
Next time, she advised, they should call or contact the RSPCA for advice on animal
welfare and use the emergency calls wisely.
Sabrina Curavić
Il meteo sul comodino: sole, pioggia e fulmini in una
scatola magica
Le previsioni meteo riprodotte in una scatola sul
tuo comodino. Si chiama Temposcope ed è un
nuovo esempio di come la tecnologia stia realmente entrando nel futuro.
Volete sapere se oggi pioverà o se ci sarà il sole
giusto per andare al mare? Basta aprire gli occhi e rivolgere lo sguardo verso questa “scatola
magica” capace di mostrare pioggia, luce o nuvole al suo interno.
Temposcope è connesso a internet tramite Wi-Fi dal quale percepisce le informazioni sulle previsioni meteorologiche. Il resto viene da sé. L’inventore, Ken Kawamoto, ha anche reso noti i codici per far sì che i clienti possano creare o migliorare
questo oggetto a loro piacimento, magari inserendo la neve, unico difetto fin qui
scovato.
47
Svago
Completa il cruciverba basandoti sulle esperienze scolastiche vissute quest'anno.
Orizzontale
Verticale
3. Con chi Cupido ha avuto più problemi que-
1. Qual è il nome del nuovo professore di sociologia?
2. In che lingua è stato recitato ''Frankenstein''?
4. Dove si è svolta la giornata sulla neve?
6. Di che nazionalità sono i due ragazzi del progetto
KEPASS?
7. Chi ha raggiunto il secondo posto alle gare di
italiano?
9.Che cosa è stato ridipinto nel secondo semestre?
11. Quale religione, accanto all'ellenismo e al
cristianesimo, abbiamo incontrato nella gita a Lubiana?
st'anno?
5. Come si chiama il sopravvissuto ad Auschwitz che
abbiamo incontrato?
8. Da dove proviene il regista di ''The Boy and The
World''?
10. Quale spettacolo teatrale bilingue abbiamo visto?
12. Chi ha raggiunto il primo posto al lancio del
peso?
48
Un ortolano colpisce con la zappa un lampeggiante e sente
ueueueueuuueeeeuuu allora questo comincia a scavare e trova un’auto della
polizia, il carabiniere dice: ‘’Mi scusi, ci hanno seminato!’’
Il bambino: ‘’Mamma mamma, ma
perché mentre mangiamo ti alzi da tavola e vai a prendere le medicine in
cucina?’’ e la mamma: ‘’perché il
dottore mi ha detto lontano dai pasti!’’
-‘’ Paola, quando finirai di essere
gelosa?’’
-‘’quando tornerai a chiamarmi Antonella’’
49
Medagliere
BIOLOGIA
Riconoscimento di bronzo a livello repubblicano:
Serena Protić (cl.III), Chiara Rihter (cl.III), Eleanor Morris Đurđević (cl.IV), Vita Dobravc (cl.I)
CHIMICA
Rconoscimento di bronzo: Sandro Romanello (cl.I)
ED. FISICA
Gare di atletica a Pola:
Simeon Perich – 1° posto per il lancio del peso
Gabrijel Franza – 3° posto per il lancio del peso, 3° posto per la corsa 1000m
Chiara Rihter – 2° posto per il salto in alto, 3° posto per la corsa 100m
FRANCESE
Gare di lettura, riconoscimento d’argento: Sabrina Curavić (cl.III)
Riconoscimento d’oro: Adna Šito e Andrea Maria Paparella (cl.II), Serena Protić e Chiara
Rihter (cl.III)
GEOGRAFIA
Riconoscimento di bronzo a livello repubblicano:
Sandro Romanello, Luca Babnik e Peter Novel (cl.I), Simeon Perich (cl.II), Serena Protić (cl.III),
Matjaž Puh e Alessia Mima Perič (cl.IV)
INGLESE
Reading badge di bronzo: Sabrina Curavić (cl.III)
Reading badge d’argento: Serena Protić (cl.III) e Vita Dobravc (cl.I)
ITALIANO
2° posto: Ane Lizariturry Apollonio (cl.IV)
MATEMATICA
Riconoscimento VEGA di bronzo:
Sandro Romanello e Luca Babnik (cl.I), Simeon Perich (cl.II), Serena Protić e Luna Bisaki (cl.III),
Matjaž Puh e Zoe Križovnik (cl.IV)
Riconoscimento VEGA d’argento:
Sandro Romanello(cl.I) e Matjaž Puh (cl.IV)
STORIA
Riconoscimento di bronzo a livello repubblicano:
Ane Lizariturry Apollonio (cl.IV), Serena Protić (cl.III), Chiara Rihter (cl.III), Adna Šito (cl.II)
50
Galleria
51
52
53
54
Classe I
Classe II
55
Classe III
Classe IV
56
Buone
vacanze!
57
Ginnasio Antonio Sema Pirano
Fra gli orti 8, 6320 Portorose
tel. 05 674 42 30 fax: 05 674 42 31 www.ginnasiosema.net [email protected]
58