Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016

Transcript

Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato – Dal 1996 si occupa di Sicurezza sul Lavoro quale tecnico qualificato
nell'assistenza aziendale, Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione,
Analisi termografiche, Acustica, Antincendio, Consulenza Marcatura
CE.Formatore qualificato. Dal 2012 convenzionato al NETWORK GTC.
Il 17 Luglio 2014 è stata rilasciata dalComitato ISO/PC
283 - Occupational Health & Safety Management
Systems - la prima bozza (CD, Committee Draft) della
nuova norma internazionale sulla Sicurezza e Salute sul
lavoro che andrà a sostituire l’attuale OHSAS 18001
come standard internazionale.
Come qualcuno ricorderà, prima del 1999 non esisteva una
normativa internazionalmentericonosciuta di gestione della
sicurezza. Le aziende dovevano scegliere tra una vasta gamma
di standard di salute e di sicurezza nazionali e di schemi di
certificazione di proprietà degli Enti. Questo portava alla
confusione e alla frammentazione del mercato minandola
credibilità dei singoli schemi, creando pertanto potenziali
barriere commerciali.
Raccogliendo il meglio dalle norme e dai regimi esistenti,
il Gruppo di progetto OHSAS (Occupational Health and
Safety Assessment) pubblicò nel 1999 la serie OHSAS
18000.
La serie ha attualmente due specifiche:
18001 concentrata sui requisiti per un efficace sistema di
gestione della sicurezza sul lavoro
18002 una guida pratica che offre chiarimenti e
orientamenti perl’attuazione del sistema.
Già nel 2005 piùdi
15.000 organizzazioni in
circa 80 paesi usavano la
OHSAS 18001.
Nel Luglio 2007, la
norma OHSAS 18001
viene aggiornata e
allineata maggiormente
con lo schema di altre
norme sui sistemi di
gestione comela ISO
14001, contribuendoa
facilitarel’integrazione
dello standard con i
sistemi di gestione
esistenti nelle aziende.
Nel Regno Unitosi
adottava la normativa
come standard britannico, veniva quindi resa
certificabile, creandola
BS OHSAS 18001. In
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
Italia nel 2008, con l’entrata in vigore del D.Lgs 81/08, la
OHSAS 18001 viene considerata conforme, per le parti
attinenti, al modello organizzativo previsto dall’art. 30 del
D.Lgs. 81/08 quale sistema idoneo ad avere efficacia
esimente per la responsabilità amministrativa degli enti.
Sebbene la BS OHSAS 18001 sia oggi utilizzata in 127
paesi, rimane comunque una norma inglese e nell’attuale
globalizzazione questo rappresenta un limite. Inoltre sono
sempre di più i consumatori e clienti che si aspettano che
le organizzazioni siano etiche in ogni aspetto della loro
attività, compreso il modo in cui trattano i loro
dipendenti. Di recente i vari media (stampa, web, ecc.)
hanno riportato una serie di illeciti delle organizzazioni,
che hannocondotto ad un significativo impatto negativo
sui marchi denunciati e la perdita di fiducia nei loro affari.
Si è quindi sentita la necessità di elaborare uno standard
universalmente riconosciuto in tutte le aree geografiche,
stati, culture e giurisdizioni, quale punto di riferimento
per la gestione della salute e sicurezza; in modo da
promuovere una migliore comunicazione sulletematiche
comuni, sui principie condividere lebest practicenel
commercio mondiale.
Per questo nel Comitato ISO/PC 283 sono stati
coinvolti48 paesi (più 17 come osservatori), provenienti
da Europa e America, ma anche da Africa, Asia e Sud
America, cheaiuteranno a creare uno strumento adattoa
tutti. Inoltre è stata interessatafortemente l'Organizzazione
Internazionale del lavoro (ILO), che data la suaesperienza
sul tema haapportato alcune intuizioni molto importanti
sul documento pubblicato.
La ISO 45001 dovrebbe perciò superare alcuni limiti ora
presenti
nella
OHSAS
18001
tra
cui
la
responsabilitàetica(nell
a letteratura anglosassone corporate
social
responsibility,
CSR).
Argomento
questo
affrontato anche nel
C.D. della ISO 9001
del
2000
esuccessivamente ritrattatoper il veto negativo
dei paesi in via di
sviluppo,
che
non
ritenevano le proprie
organizzazioni mature
peradempiere a questi
aspetti. Sarà perciò
interessante verificare
nelle prossime versioni
dello standard quali
sviluppi avrà l’argomento.
di Norberto Ferigato
Pag. 1 a 7
L’attuale C. Draft della ISO 45001avanza quindinuovi
strumenti formalizzati per la creazione di una cultura della
sicurezza sia per lacondivisione (eticità) che per il
controllo.Con una maggiore deterrenza e chiarezza nella
relazione tra fare o non fare la prevenzione e
nell’assolvimento della Responsabilità Amministrativa e
nell’inversione
dell’onere
della
prova
acarico
dell’organizzazione in ambito legale. Questo ha
comportato un focus molto forte sul top management e la
leadership aziendale.
La ISO 45001 incorporerà poi una definizione
standardizzata del termine “rischio” per garantire che le
incoerenze nell'applicazione delle OHSAS 18001 basate
su interpretazioni variabili del termine vengano rimosse.
La norma ISO affronterà anche le incongruenze
dovutealle definizioni di “lavoratori”e“lavoro” che
variano nei diversi paesi.
Inoltre, come già accade per la ISO 9001, nella nuova
norma, l'organizzazione dovrà guardare al di là dei
problemi di salute e di sicurezza interni immediati, ma, ad
esempio, dovranno pensare alla responsabilità verso
ipropri appaltatori e fornitori; nella sicurezza non si tratta
solo di valutarli, qualificarli e monitorarli ma
di“estendere” il proprio modello di gestione all’esterno.
Un altro argomento inserito attualmente nel C. Draft della
45001 è come il proprio lavoro potrebbe influenzare i siti
vicini. Sul rischio da incidenti rilevanti connessi con le
attività industriali,l’Italia è tristemente nota peril luogo
del primo tragico evento europeo le cui Direttive, che
regolamentano la materia,ne portano ancora il nome
(SEVESO). Anche questo argomento rappresenta una
sfida importante che potrebbe trovare ostacoli nei
prossimi passaggi di revisione dello standard.
ISO che utilizza testo comune negli standard. In confronto
con la 18001, la struttura del nuovo standard 45001 sarà
quindi:
1. Scopo
2 . Riferimenti normativi
3. Termini e definizioni
4. Contesto
dell'organizzazione
5. Direzione
6. Pianificazione
7. Supporto
8. Funzionamento
9. Valutazione delle
prestazioni
10. Miglioramento
1.Scopo e campo di
applicazione
2. Pubblicazioni di riferimento
3. Termini e definizioni
4.1. Requisiti Generali
4.2. Politica per la OH&S
4.3 Pianificazione
4.4 Attuazione e operatività
(4.4.1, 4.4.2, 4.4.3)
4.4Attuazione e operatività
(4.4.4, 4.4.5, 4.4.6, 4.4.7)
4.5 Controllo
4.6 Riesame della direzione
La ISO 45001 sosterrà le nuove aree dei sistemi di
gestione per garantire la migliore compatibilità e la
governance dei sistemi, rendendo l'implementazione
all'interno di un'organizzazione molto più agevole. Una
volta pubblicata, la norma si potrà applicare ad ogni
organizzazione che desidera:
a)
definire e attuare un sistema di gestione della salute e
sicurezza sul lavoro riconosciuto a livello
internazionale per ridurre o minimizzare i rischi per il
personale e le altre parti interessate;
b) mantenere e migliorare costantemente le proprie
prestazioni di salute e sicurezza;
c) tenere tutte le proprie attività in linea secondoil
proprio Codice Etico di salute e
sicurezzariconosciuto da uno standard a livello
globale.
Sebbene il Comitato di progetto ISO/PC 283 abbia
redatto, tra le prime cose, una pianificazione di massima
per emanare nei tempi previsti la versione finale, l’alto
numero di partecipanti e forse anche alcuni obbiettivi
ambiziosi, hanno reso il lavoro di sviluppo non sempre
facile creando disaccordi. Questo ha comportato, per
ora,solo un piccolo ritardo nel rilascio di questa prima
bozza, inizialmente prevista per Maggio 2014.
Gli obbiettivi che in questa fase il Comitato ISO/PC 283
si è dato sono quindi molto più ampi cheil concentrarsi
solo sulle condizioni dei dipendenti interni e dovrebbe
portare a un grande cambiamento, rendendo difficile per il
management e la leadership la possibilità di delegare la
responsabilità a un safety manager o di “appaltare”
(outsourcing) il rischio a organizzazioni esterne.
Tuttavia l’esperienza di 25 anni dello standard OHSAS è
stata internazionalmente riconosciuta, tant’è che sia la
18001 che la guida 18002 sono state usate come base per
lo sviluppo della norma ISO.
Il nuovo standard però seguirà il nuovo format "HighLevel Structure" di cui all'allegato SL, il che significa che
sarà allineato con le versioni rivedute della ISO 14001 e
ISO 9001 in programma per la pubblicazione nel 2015.
Il"High-Level Structure"è un formato comune per tuttele
nuove norme e/o aggiornamenti sui sistemi di gestione
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
Il lavoro comunque è ancora lungo, occorreranno circa 2
anni affinché lo standard venga affinato, verificato con le
discussioni pubbliche, registrando le osservazioni dei
rispettivi Organismi Nazionali Normativi (in Italia è UNI)
e infine occorreràassicurarsi che tutti i paesi coinvolti in
questo lavoro siano d'accordo.
La pubblicazione definitiva dello standard è prevista ad
Ottobre 2016.
Timeline del progetto:
1.
2.
3.
4.
di Norberto Ferigato
ISO / CD 45001 (prima bozza del Comitato) è stata rilasciata
il 17 Luglio 2014;
ISO / DIS 45001 (prima proposta di standard internazionale),
sarà pubblicata entro Febbraio 2015;
ISO / FDIS 45001 (bozza finale standard internazionale), con
pubblicazione entro Marzo 2016;
ISO 45001.Rilascio definitivo dello standard previsto per
Ottobre 2016.
Pag. 2 a 7
In allegato il sommario tratto dal CD ISO 45001
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato
Pag. 3 a 7
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato
Pag. 4 a 7
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato
Pag. 5 a 7
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato
Pag. 6 a 7
Dalla OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001:2016
di Norberto Ferigato
Pag. 7 a 7

Documenti analoghi