Manuale Informativo Tatuaggi

Commenti

Transcript

Manuale Informativo Tatuaggi
Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Come fare Tatuaggi? Manuale Informativo & Pratico www.tattoobooknow.com v.1.0 -­‐ 2013 www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 1 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Sommario PREMESSA 4 I PRIMI PASSI 5 LA SCELTA DI UN DISEGNO PER IL PRINCIPIANTE 12 LE MACCHINETTE 15 BOBINA 16 LINER & SHADER 18 LINER 19 RIEMPIMENTO 19 COME SI RICONOSCE UNA MACCHINETTA DA LINEA O DA SFUMATURA? 20 CALIBRAZIONE MACCHINA A BOBINE 20 ALIMENTATORE 26 CLIP-­‐CORD 27 RCA 28 PEDALINO / FOOTSWITCH 28 PUNTALI O TIPS 28 GRIPS 29 ORING 30 ELASTICI 30 GLI AGHI 30 CAPS, CONTENITORI PER INCHIOSTRO 33 MONTAGGIO DELLA MACCHINETTA 34 A PROPOSITO DI ESCURSIONE AGO 35 LO STENCIL, CREAZIONE ED APPLICAZIONE 38 PROCEDURA DEL TATUAGGIO 41 IL RIEMPIMENTO 44 CURA DEL TATUAGGIO 47 STERILIZZAZIONE E PREVENZIONE 48 www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 2 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 3 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Premessa Anche se è un luogo comune è sempre bene ricordarlo: il tatuaggio è un disegno indelebile sulla pelle. Per chi si affaccia la prima volta a questa bellissima arte deve ricordare che è ancora un principiante e di conseguenza deve fare pratica esclusivamente su pelle sintetica o simili. Purtroppo in tanti quando iniziano a scoprire questa arte hanno sempre una gran voglia di provare su amici, familiari etc.. È necessario fare prima molta pratica, tanta pratica. Il tatuaggio è un segno indelebile e si rischia poi di dover ritrovarsi a far i conti nel futuro con i “colpi di testa” del passato. Le macchinette per tatuare possono diventare una soddisfazione ma anche una grande frustrazione ! Questo manuale è stato acquistato dal sito www.tattoobooknow.com in forma digitale. E’ soggetto a modifiche, aggiornamenti ed approfondimenti, tutti i clienti che hanno acquistato il presente manuale hanno diritto a ricevere i successivi aggiornamenti in forma completamente gratuita. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 4 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 La copia è personale ed è assolutamente vietata la diffusione, anche parziale, senza preventiva autorizzazione. Il manuale è stato scritto da persone che sono nel settore Tattoo da svariati anni. I contenuti sono riportati per utilizzo unicamente informativo e non vanno considerati in sostituzione allo studio tenuto dall’eventuale personale medico competente in materia. I primi passi In Italia l’arte del Tatuaggio sta progredendo giorno dopo giorno. Dalla fine degli anni ’90 (periodo in cui è stata riconosciuta la professione del tatuatore), sempre più Italiani si mettono sotto gli aghi per farsi disegnare indelebilmente ogni tipo di immagine: lettere, frasi, nomi, voli, paesaggi, animali, simboli tribali, teschi, fiori, donne, uomini … E tanto altro. Basta fare un giro in spiaggia di estate per rendersi conto di quante persone, un tempo insospettabili, hanno deciso di decorarsi il corpo. C’è anche tanta gente che www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 5 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 vede il tatuaggio come un simbolo satanico, galeotto o disadattato …. Quelli ci saranno sempre. Tante persone appassionate e tante persone incuriosite da questa arte, magari brave nel disegno, che vogliono approfondire la tecnica e la reale messa in opera di un tatuaggio. Prima di tutto bisogna ricordare che il tatuaggio oltre ad essere una forma d’arte è anche un “business”. Ciò vuol dire che troviamo tanti tatuatori improvvisati che “rovinano” persone e tanti commercianti pronti a venderti il loro prodotto a prezzo scontatissimo che molto spesso è da buttare subito nel cestino. Un esempio tra tutti: il mercato cinese. Bisogna dire che i cinesi stanno inondando il mercato con prodotti davvero scadenti. E non parliamo di lampadine che potrebbero anche tornar utili, parliamo invece di inchiostri, macchinette ed altri accessori che nel 90% dei casi risultano davvero scadenti se non pericolosi. Basta farsi un giro su eBay o altri siti del genere per ritrovarsi in vendita “KIT FAI DA TE” a prezzi convenienti che includono macchinette da linee e www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 6 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 riempimenti, aghi, inchiostri, alimentatori, pelli sintetiche, puntali, stencil ed anche regali! Importante: evitare macchinette di dubbia provenienza. Dalla Cina si possono acquistare magari gli aghi per far pratica, pelle sintetica, inchiostri e puntali .. A parte che gli inchiostri non hanno la dovuta certificazione di conformità e quindi è sconosciuta la provenienza. Possono risultare cancerogeni con tutte le gravi conseguenze del caso. Evitar di commettere l’errore che fanno in molti di iniziare la pratica con macchinette scadenti. Perché? Perché non sono calibrate, sono montate senza un criterio preciso, perché fanno linee tremolanti, perché si danneggiano spesso, perché sono inaffidabili. Comprare sempre una macchinetta decente, fatta apposta per le linee o per le sfumature ma che sia decente. Un marchio conosciuto e magari con qualche apprezzamento. Se si inizia a tatuare con una macchinetta Cinese non si capirà mai chi sbaglia ed il lavoro risulterà pessimo per un principiante. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 7 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Dimenticare quindi le macchinette cinesi. Se chi sta leggendo queste righe ha comprato un KIT cinese non deve sentirsi in disagio perché è un problema di molti. Purtroppo chi vuole iniziare a tatuare e fa qualche ricerca nel web per comprare del materiale senza spendere troppo capita spesso in certe offerte. Se è stato acquistato un KIT dalla Cina, si può mantenere tutto il restante materiale (alimentatore forse si o forse no) ma chiudere in un cassetto le macchinette. E’ necessario imparare con macchinette decenti, sia bobine che rotative, bisogna indirizzarsi verso macchinette affidabili. Il tatuaggio va eseguito seriamente e con le macchinette Cinesi si sbaglia subito strada. Qualche marchio “serio” ? Beh, qua non vogliamo far www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 8 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 pubblicità … Se qualcuno compra marchi del calibro di Micky Sharpz o Sunskin (per dirne solo due), non può certo sbagliarsi… Per cui, il mercato cinese va benissimo per comprare materiali ed attrezzatura per imparare. Anche per gli alimentatori rimanderemo a prodotti più rinomati (si veda Eikon). Spesso si sente dire che un alimentatore cinese è identico ad un altro perché tutti gli alimentatori vengono fatti in Cina. E’ vero che la maggior parte degli apparati elettronici vengono fatti in Cina .. A qualcuno però faremmo volentieri provare un Eikon EMS 300 Clone con uno originale … La differenza è abissale. Ad ogni modo, per imparare a lavorare bene fin da subito il consiglio essenziale è di comprare materiale di buon fattura. Purtroppo nel mondo del Tattoo il risparmio non ripaga mai. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 9 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 La pelle sintetica La pelle (gomma) cosiddetta sintetica è lo strumento di lavoro di tutti i principianti. E’ bene infatti iniziare a tatuare solo su quella .. Ad un principiante non venga mai in mente di provare direttamente su pelle umana, a meno che non sia il nonno ultranovantenne che tanto bene vuole al nipote ed in punto di morire voglia regalare il suo corpo (non sarebbe neanche il massimo in fatto di coagulazione sanguigna). Scherzi a parte, provare sempre e solo su pelle sintetica o altro tessuto che non sia direttamente pelle umana. A volte risulta difficile resistere ma invece è molto importante! Quindi, la pelle sintetica ha un colore che ricorda la vera pelle umana, la si trova in commercio in forma pressochè rettangolare, a forma di un volto (adatta principalmente per far pratica con il trucco permanente) o per essere applicata sulle braccia ed ottenere in questo modo un senso più “realistico”. E’ composta da un materiale gommoso ed è un buon punto di partenza, obbligatorio per i principianti. Come su pelle, si applica lo stencil e dopo si inizia a tatuare. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 10 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Naturalmente la pelle umana ha una “risposta” molto diversa perché la pelle sintetica non perde sangue, si utilizza in una posizione sempre comoda e soprattutto non si muove come farebbe il cliente. In ogni caso, con le pelle sintetica si riesce a prendere confidenza con la macchinetta ed a capire l’utilizzo e lo spessore dei vari aghi e può tornare utile anche quando si vuole “testare” un disegno prima della messa in opera su pelle umana. La pelle sintetica va trattata fin dall’inizio come se fosse pelle umana ovvero è conveniente metabolizzare da subito la procedura di lavoro per un ambiente sterile ed utilizzare la vasellina quando serve. A proposito di vasellina, quest’ultima su pelle sintetica è particolarmente adatta per ripulirla dall’inchiostro in eccesso. I principianti spesso si ritrovano a tatuare su pelle sintetica ma dopo non riescono ad eliminare l’inchiostro. Provare a pulirla con la vasellina, l’inchiostro viene eliminato rapidamente. Anche per la pelle sintetica il commercio offre diverse qualità, tra le migliori sono quelle “da tavolo”, con il colore tendente al giallo, che hanno una resa migliore grazie alla maggior consistenza della gomma utilizzata. E poi c’è la pelle di “porco” ovvero la cotenna di maiale www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 11 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 che si presta piuttosto bene per la pratica di un tatuaggio. Importante che sia “recente” e che venga utilizzata da subito per evitarne la decomposizione! La scelta di un disegno per il principiante Ta-­‐Dah! Chi sta leggendo questo manuale nella maggior parte dei casi ha fatto ricerche, scritto sui forum, letto articoli ed ha dedotto che tutti, all’inizio, son sempre consigliati da una cosa sola, da un modello: FARE LE www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 12 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 LINEE ! FARE LE LINEE DRITTE ! FARE LE LINEE DRITTE ! INIZIARE DALLE LINEE ! Beh, fondamentalmente iniziare a far pratica (su pelle sintetica naturalmente!) partendo da un disegno che ha molte linee non è sbagliato. Si impara a tener ferma la mano ed a capire meglio la macchinetta che si ha tra le mani… Mah …. Non sempre va bene ! Perché? Perché se è vero che un bravo tatuatore sa far tutto è anche vero che un bravo tatuatore, o disegnatore, è portato a fare una cosa piuttosto di un’altra! Vedi ad esempio un grande artista come “Alex De Pase”. Questo ragazzo fa ritrattistica in maniera davvero eccellente, certi tatuaggi sembrano reali … Ma, chiedi ad esempio ad Alex di farti un tatuaggio molto geometrico tipo un “Polinesiano” ? Cosa ti risponde ? Che non è il suo stile e magari ti indirizza verso un altro artista .. Anyl Gupta è un altro di quelli …Paul Booth etc.. Questo perché ci sono persone che sanno far tutto di tutto, altre meglio uno stile ed altre meglio ancora un altro stile! E’ vero che per far pratica bisogna provar di tutto ed all’inizio non si può certo iniziare con un tatuaggio www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 13 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 ritrattistico ma è anche vero che le “linee dritte” possono essere anche non specificatamente dritte se non si ama un particolare tipo di disegno. Quello che è importante invece è saper utilizzare al meglio l’ago, aver la giusta pressione per evitare di lacerare la pelle o per non inciderla affatto. Il disegno viene successivamente. Prima si impara la tecnica meglio è. Prima si impara a sfumare e riempire correttamente meglio è. Le linee debbono risultare ben fatte, delineate, senza andare troppo a fondo e senza risultare troppo flebili. Per cui, è bene prima conoscere le proprie potenzialità ed i gusti e dopo procedere alla scelta del disegno. Non è detto che un bravo tatuatore debba saper far tutto. Anzi, ci son persone che si credono di essere tatuatori ma che tutt’ora stanno rovinando le persone. Bisogna ricordare che è anche importante aver una buona mano nel disegno, chi è NEGATO nel disegno, difficilmente potrà essere bravo a tatuare. Ad ogni modo, si parte sempre da un disegno semplice, con qualche linea e qualche curva … Magari iniziare a fare qualche lettera con linee dritte tipo la “L” o la “T” e dopo passare alla “D” ed alla “B” e dopo ancora scrivere una parola come “FAME” e dopo “ACQUA”. Insomma, l’importante è conoscere la macchinetta, l’ago www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 14 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 e l’inchiostro. Le macchinette Ci sono diversi tipi di macchinette per Tatuaggi . Le “Liner” e le “Shader” sono le macchine più comuni dal punto di vista tecnico realizzativo. Da lato meccanico, esistono macchinette a bobina, macchinette rotative e lineari. Rotativa La macchinetta rotativa fu inventata negli Stati Uniti d’America da Samuel O’Reilly nell’anno 1891, basandosi su un progetto di Thomas Alva Edison del 1876. Le macchinette rotative utilizzano un motore elettrico per azionare l’oscillazione degli aghi. Sono più leggere delle classiche macchinette a bobina in quanto utilizzano un singolo motore ed un telaio che indicativamente pesa la metà rispetto ai telai che si utilizzano per posizionare le bobine con il relativo gruppo di “armature bar”. Le rotative, rispetto alle macchinette a bobine, risultano inoltre più silenziose e con minor vibrazioni, proprio www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 15 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 grazie all’utilizzo del singolo motore elettrico. In genere si collegano all’alimentatore con un singolo cavo di tipo RCA che facilità anche la manipolazione della macchinetta in corso d’opera. Le macchinette rotative possono funzionare con gli stessi aghi, puntali, tip e quant’altro utilizzabile con le normali macchinette a bobina. In genere non hanno necessità di calibrazione ed i modelli più recenti ed avanzati hanno la possibilità di regolare la “morbidezza” del tratto tramite apposite viti di regolazione. Funzionano con gli stessi alimentatori, su tensioni che indicativamente variano da 5v. a 8v. Bobina La macchinetta a “bobine” sono in genere quelle più utilizzate, quelle che emettono il classico “ronzìo” e che normalmente tutti hanno visto ad una convention, su riviste, video etc. Sono composte da un telaio sul quale sono fissate generalmente due bobine, su supporto isolante. All’interno di queste bobine vi è un nucleo centrale avvolto da una serie di avvolgimenti di fili di rame: wraps. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 16 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 La qualità del magnetismo della macchinetta è dato dalla conducibilità elettrica e dal numero di avvolgimenti che sono presenti in queste bobine. Il condensatore collegato alle bobine migliora l’efficienza elettrica e magnetica della macchinetta. Sul telaio è inoltre presente una molla posteriore alla quale è fissata la barra dell’indotto dove andrà posizionato l’ago. Sopra questa barra è fissata poi la molla anteriore ed elastico “oring” che consentiranno di portare l’energia elettrica alla vite di contatto e mettere quindi in funzionamento la macchinetta. La connessione all’alimentatore viene fatta tramite appositi cavetti a due contatti (clip-­‐cord). Alcuni modelli permettono anche il collegamento con cavetti RCA. La scelta di una macchinetta rotativa o a bobine è data dall’esperienza, dalle abitudini e da tanti altri fattori. Può essere una questione di semplice praticità o di gusto. Tanti tatuatori sono passati alle rotative per poi tornare alle bobine e viceversa. Un’artista fa lavori meravigliosi con entrambe, bisogna provarle per capire. C’è da dire che ai principianti vengono sempre consigliate le macchinette a bobine per “sentire” quando l’ago penetra nella pelle; con le rotative, infatti, non si www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 17 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 sente al tatto e all’udito questa rilevante differenza .. Ad ogni modo, se non si prova, non si capirà mai realmente. Liner & Shader Liner e Shader letteralmente significano “linea” ed “ombreggiatura” e stanno appunto a significare il settaggio predefinito delle macchinette. Le macchinette a bobina in genere vengono tarate una per le linee ed una per le ombreggiature / riempimenti. Esistono poi modelli “ibridi” cioè che riescono ad eseguire tutte le funzionalità con apposite regolazioni su macchinetta. Va comunque ricordato che macchinetta “ibrida” non significa proprio macchinetta “universale”, cioè che fa contemporaneamente linee e sfumatura. L’ibrida ha la caratteristica di poter essere impostata per UNA o per L’ALTRA funzione. Per chi è specialmente agli inizi ad ogni modo è sempre consigliato iniziare con macchinette tarate appositamente per una determinata funzione, questo per evitare confusione e capire meglio singolarmente le tecniche di tatuaggio. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 18 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Liner Una macchinetta settata per le linee è generalmente più veloce e funziona tra i 120 ed i 140 Hz. L’ago ha un “colpo” più deciso che permette quindi di tracciare linee decise solitamente in un singolo passaggio. Shader Una macchinetta settata per le sfumature ha una velocità media e funziona tra i 110Hz ed 120hz. L’ago ha un colpo più “morbido” adatto appunto per far penetrare l’inchiostro in modo più delicato consentendo più passaggi nello stesso punto. Riempimento una macchinetta settata per i riempimenti ha una velocità lenta e funziona tra i 100Hz ed 110hz. L’ago ha un colpo ancora più “morbido” adatto appunto per far penetrare l’inchiostro in modo ancora più delicato consentendo più passaggi lenti nello stesso punto. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 19 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Come si riconosce una macchinetta da linea o da sfumatura? Basta farci un po’ d’occhio. La macchinetta da linea si riconosce perché ha la barra dell’indotto e la molla anteriore leggermente più corta. Quella da sfumatura (o riempimento), viceversa ha la barra e molla più lunga rispetto alla macchinetta da linea. Calibrazione Macchina a Bobine Naturalmente la macchinetta a bobine per “lavorare” bene deve anche essere ben tarata. Quando si acquista una macchinetta da un produttore rispettabile, normalmente si entra già in possesso di uno strumento già tarato e pronto per l’utilizzo. In ogni caso, durante gli utilizzi, è sempre bene controllare che la macchinetta sia regolata bene per il fine preposto. Dobbiamo quindi verificare l’impostazione ed aggiustare eventuale la taratura. Si veda la foto seguente per osservare ogni singolo elemento montato su una macchinetta a bobine: www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 20 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 La parte più importante del sistema magnetico della macchinetta sono le bobine. Abbiamo già parlato dell’importanza delle bobine (il componente più importante) ma un altro elemento da tenere in assoluta considerazione è la barra dell’indotto ovvero la barra dove andrà fissato l’ago che determinerà linee, sfumature o riempimenti adeguati. Quindi, nel momento in cui si andrà a tarare la macchinetta si andranno a determinare fondalmente: -­‐ La lunghezza del “colpo -­‐ La compressione della linguetta www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 21 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 La lunghezza del colpo è la distanza percorsa dalla barra dell’indotto dal punto più in altro al punto più in basso misurati durante il funzionamento. La compressione della linguetta è l’iterazione e la combinazione degli effetti della forza della linguetta dietro e la velocità di quella davanti. Durante la taratura viene impostata la forza e la velocità della macchinetta. La linguetta posteriore andrà a determinare la forza, quella anteriore andrà a determinare la velocità. Si consideri comunque sempre che è l'iterazione delle due linguette che fa sì che una macchinetta sia correttamente tarata. Sia forza che velocità vengono impostate e modificate andando ad agire su uno dei quattro parametri delle linguette. Questi quattro parametri sono: -­‐ La lunghezza di lavoro -­‐ La larghezza -­‐ Lo spessore L’angolatura (angolo di deflezione) della linguetta. Larghezza e spessore risultano direttamente proporzionali (per esempio: se aumento lo spessore della linguetta anteriore, aumenta la velocità), mentre www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 22 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 lunghezza e angolatura sono inversamente proporzionali (se aumento la lunghezza della linguetta anteriore, diminuisce la velocità). La lunghezza del colpo, ovvero la fuoriuscita dell'ago, viene data dal cosiddetto Bottom Gap. Il Bottom Gap è la distanza che intercorre tra il nucleo centrale della prima bobina e la barra dell'indotto senza la linguetta anteriore montata. Tale distanza deve essere pari a 3 o 4 millimetri. Una macchinetta con una fuoriuscita eccessiva o troppo corta dell'ago, viene risolta con un corretto Bottom Gap. Il Bottom Gap è la distanza che passa dal nucleo centrale della prima bobina alla barra dell'indotto, senza la linguetta anteriore montata. Esso determina la fuoriuscita totale dell'ago e deve essere pari a 3 o 4 millimetri. Il Bottom Gap è determinato dall'angolo di piegatura della linguetta posteriore. Stabilita questa misura occorre farne altre due. La prima è l'Air Gap. Tale misurazione si riferisce alla distanza che passa dal nucleo centrale della prima bobina alla barra dell'indotto con la linguetta anteriore montata. Tale distanza deve essere pari alla www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 23 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 metà del Bottom Gap (quindi da 1,5 a 2 millimetri) ed identica al Point Gap. L'Air Gap è la distanza che passa dal nucleo centrale della prima bobina alla barra dell'indotto con la linguetta anteriore montata. Essa deve essere pari alla metà del Bottom Gap ed identica al Point Gap. Il Point Gap è la distanza che intercorre tra la vite di contatto e la linguetta anteriore quando la barra dell'indotto è chiamata verso il basso, ovvero quanto tocca la prima bobina. Il Point Gap è la distanza che passa tra la vite di contatto e la linguetta anteriore con la barra dell'indotto chiamata verso il basso. Se Air Gap e Point Gap sono identici avremo un Ciclo operativo indicativamente pari al 50%. Il Ciclo operativo è la percentuale temporale tra circuito aperto e circuito chiuso ovvero la percentuale del tempo entro cui l'ago risulta sotto pelle sul tempo in cui l'ago sta nel puntale. Una volta che le tre misurazioni sono state eseguite www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 24 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 occorre stabilire la velocità della macchinetta, tenendo conto che: -­‐ La macchinetta da Linea è la più veloce e viaggia dai 120 ai 140 Hz -­‐ La macchinetta da Sfumatura viaggia dai 110 ai 120 Hz -­‐ La macchinetta da Colore è la più lenta e viaggia dai 100 ai 110 Hz Agendo quindi sulla velocità, dovranno essere modificate le specifiche della linguetta anteriore, considerando che la linguetta: -­‐ Più corta corrisponde a maggiore velocità -­‐ Più lunga corrisponde a minore velocità -­‐ Più larga corrisponde a maggiore velocità -­‐ Più stretta corrisponde a minore velocità -­‐ Più spessa corrisponde a maggiore velocità -­‐ Più sottile corrisponde a minore velocità Da notare inoltre che la linguetta anteriore è normalmente piegata tra i 15° (10/20) con un media di 15°. Se vengono aumentati i gradi di piegatura si rallenta la velocità. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 25 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Di conseguenza: -­‐ La macchinetta sarà più lenta quando i gradi di piegatura della linguetta anteriore saranno maggiori. Ad ogni modo considerare che la modifica di una delle due linguette può provocare cambiamenti nel voltaggio da utilizzare, velocità della macchinetta stessa, la lunghezza del colpo ed il ciclo operativo (duty cycle). Alimentatore come per le macchinette anche gli alimentatori sono disponibili in diverse configurazioni. Sono comunque classificabili in 3 tipologie: mini-­‐
portatili, con indicatore analogico o con display digitale. L’alimentatore in genere ha un entrata di tipo “jack” per l’inserimento del pedale che permette di attivare o meno la macchinetta ed un uscita sempre “jack” nel quale andrà collegato il cavo che porta alla macchinetta. Sull’alimentatore poi è posizionato il trimmer per la regolazione del voltaggio di uscita che andrà direttamente alla macchinetta. Gli alimentatori con singolo display mostrano il voltaggio di uscita, quelli più evoluti, digitali, mostrano www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 26 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 anche dati aggiuntivi come la velocità (CPS), Duty Cycle, Voltaggio e Follow Through. Permettono inoltre di memorizzare “preset” per essere richiamati facilmente al cambio di macchinette, impostare il pedalino sempre attivo etc. Altri modelli permettono anche il collegamento di più macchinette selezionabili all’occorrenza tramite apposito interruttore. Clip-­‐Cord I clip-­‐cord non sono altro che i cavi di collegamento che servono per collegare la macchinetta all’alimentatore. Hanno una molla centrale che permette di far rimanere fissato il cavo alla macchinetta evitando quindi il distacco accidentale. Va ricordato che se i clip-­‐cord non sono di buona qualità oppure il telaio della macchinetta non ha una buona conducibilità si rischia comunque di far interrompere bruscamente l’alimentazione alla macchinetta con tutti gli eventuali imprevisti del caso. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 27 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 RCA Anche questi sono cavi di collegamento ma con Jack “RCA” decisamente più pratico e “meno rischioso”. Normalmente utilizzate su macchine rotative ma anche su macchinette a bobine opportunatamente modificate. Pedalino / Footswitch il pedalino è l’accessorio che collegandolo all’alimentatore permette di attivare la macchinetta per tatuaggi. Si aziona naturalmente con il piede. In commercio esistono anche dei modelli wireless ovvero senza fili che aiutano sicuramente nella collocazione con relativa praticità. Puntali o Tips Il puntale è quell’accessorio che si monta sul “grip” ovvero sull’impugnatura dove all’interno passerà l’ago che si andrà ad utilizzare per effettuare il tatuaggio. I puntali sono disponibili in diverse dimensioni, a seconda dell’ago da utilizzare, sia in acciaio inox / alluminio e quindi sterilizzabili oppure in plastica usa e www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 28 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 getta, sterilizzati singolarmente. I puntali vengono venduti in modalità monoblocco ovvero hanno puntale in un singolo blocco, anch’esso normalmente usa e getta, più facili da montare e rimuovere. Oppure esistono divisi generalmente in due parti da fissare al grip (impugnatura), solitamente in acciaio e quindi riutilizzabili previa sterilizzazione. Grips Il grip praticamente è “l’impugnatura” , si trovano quindi in varie forme e peso e la scelta è molto individuale, riguardo alla macchinetta utilizzata ed “alla mano” che si ha per tatuare. Al grip vanno fissati puntali e tips solitamente mediante piccole viti a brugola per poi essere montati sulla macchinetta. Anche in questo caso in commercio si trovano Grips monouso che montano in blocco sia i puntali che i tips. Sono quindi disponibili in varie misure a seconda dell’ago da utilizzare. Esistono modelli usa e getta, in plastica autoclavabile (da sterilizzare) e generalmente in acciaio, in varie misure e peso. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 29 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Il consiglio è quello di provare diversi puntali al fine di poter recepire quali per il proprio stile e per la propria “mano” siano migliori. Dipende comunque tanto anche dalla macchinetta utilizzata; in genere si utilizzano puntuali che equilibrino il rapporto peso / macchinetta. Ad ogni modo, si tiene di conto anche il tipo di disegno da eseguire . Oring gli Oring sono gli elastici che servono per sorreggere la molla anteriore della macchinetta a bobine. Gli oring vengono chiamati anche i “gommini” che servono per fissare l’ago alla barra dell’indotto. Elastici gli elastici classici (quelli gialli) o altri tipi di elastici di maggiore qualità vengono solitamente inseriti circa a metà della barra dell’ago per evitare sollecitudini dello stesso all’interno del puntale. Gli Aghi www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 30 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 In commercio esistono diverse tipologie, marche e naturalmente misure di aghi. L’ago si sceglie a seconda del tratto, della caratteristica e del tatuaggio che si andrà ad eseguire. Esistono aghi da linea, da sfumatura e da riempimento. Si differenziano principalmente dal numero di aghi saldati sulla barra e dalla relativa forma. Esistono “tondi”, “conici”, “larghi” e con forme che ricordano vagamente il pennello. La differenza di queste forme fa la differenza del tratto. Gli aghi “tondi”, che tendono ad appuntirsi e ricordano il tratto di una penna, sono i Round Liner. I “Round Liner” in genere vengono utilizzati per le linee, sintetizzati con la sigla “RL” preceduti dal numero della misura: “3RL”, “5RL” etc. Poi ci sono quelli lineari ma adatti per sfumature e piccoli riempimenti, i Round Shader che hanno saldature che portano ad una forma meno appuntita. Questi sono identificati con le sigle “RS” (5RS, 7RS etc..). Altra tipologia di aghi fondamentali sono quelli denominati “Magnum”. Gli aghi magnum hanno una forma molto simile al pennello e sono utilizzati per riempimenti e sfumature. Le saldature dei singoli aghi, sui magnum, sono più distanti tra loro e permettono anche riempimenti e sfumature su zone più estese. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 31 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Esistono poi delle varianti come i “Flat” (aghi su singola linea), Soft Magnum con bordi curvi per evitare di “tagliare” la pelle etc. Questi sono identificati con le sigle “M1”, “M2” etc. A seconda della disposizione degli aghi. Gli aghi “Bugpin” invece servono principalmente per disegni più dettagliati come i ritratti. Sono più fini ed in genere hanno una misura in più rispetto ad aghi tradizionali, ciò vuol dire ad esempio che un ago “Bugpin” Liner da 9 andrà utilizzato con un puntale in misura 7 con gli aghi tradizionali. Importante tenere anche in considerazione il “diametro” stesso del singolo ago saldato su barra che andrà a modificare la resa del tatuaggio stesso. Le misure classiche sono 0,25mm per singolo ago. Naturalmente più l’ago è sottile meno deciso sarà il tratto su pelle. Da tenere poi conto anche dell’affilatura (taper) che in genere si divide tra short, medium e long. Più un ago è affiliato, meglio incide la cute… Non vuol dire però che è migliore di un altro ! Gli aghi debbono essere scelti in base al disegno da effettuare con i relativi dettagli ma anche in base alla cute che si andrà a tatuare! … Anche in questo caso, così come per la macchinette, la www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 32 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 teoria da soltanto una piccola informazione sulla resa di ogni ago. Ci sono tantissimi fattori da dover tener in considerazione, quindi, la miglior cosa che possiamo fare è testare ogni singolo ago in base alla propria attrezzatura, esperienza e tipo di disegno da tatuare… Alcuni aghi marca “Mithra”: “Tappini”, caps, contenitori per inchiostro i piccoli “caps” in plastica, di varie misure, sono utilizzati per contenere l’inchiostro. Sono posizionati sopra apposito supporto oppure semplicemente “incollati” sul piano di lavoro con della www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 33 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 vasellina. Basta inserire l’ago e fare un piccolo colpo sul pedale per far imprimere l’ago con l’inchiostro. Montaggio della macchinetta Il montaggio della macchinetta è molto simile sia che si tratti della macchinetta a bobine sia che si tratti di quella rotativa. Anche in questo in caso il metodo differisce, seppur minimamente, dalle normali abitudini del tatuatore… C’è chi monta prima l’ago nella macchinetta e poi il puntale c’è chi fa il contrario … Un esempio: -­‐ Prendere l’ago scelto preventivamente in base al tratto che devo tatuare (linea, sfumatura o riempimento). -­‐ Inserire nell’occhiello dell’ago il “gommino” (tappino, Oring o come si vuole chiamare… Solitamente colorato) che serve ad eliminare le vibrazioni ed oscillazioni dell’ago e fare una leggera curva in prossimità dell’ago affinchè rimanga ben allineato con il puntuale; anche in questo caso, si tratta di pura e semplice decisione fatta in base alle mille prove e consigli di tatuatori veterani. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 34 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 -­‐ Poi inserire l’ago nel puntale + grip facendo attenzione a non bloccarlo durante l’inserimento per evitar di piegare gli aghi. Il puntale naturalmente viene scelto in base alla misura dell’ago; anche il puntale ha le sue misure che variano a seconda dell’ago utilizzato -­‐ Dopo inserire il tutto nel “blocca tubo” e regolare l’escursione dell’ago mettendo in azione la macchinetta. A proposito di escursione ago Anche in questo caso esistono diverse “scuole” in merito. Gli Americani prediligono un ago a fermo macchina sempre fuori almeno un paio di millimetri per regolarsi successivamente di conseguenza. La regola standard è che l’ago non fuoriesca dal puntale nei limiti di 1,5mm, questo per prevenire che l’inchiostro penetri troppo a fondo e che crei linee e tratti “sfuocati” … Le cosiddette “Linee Scoppiate”. Quindi, per regolare la giusta escursione dell’ago, premere la barra dell’indotto fino all’uscita massima e calcolare che l’ago non fuoriesca più di 1,5mm a macchinetta in funzione. In genere, è meglio regolare puntali + escursione in modo che quando la macchinetta www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 35 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 è a “riposo” l’ago non esca dal puntale ed una volta in funzione non sporga più di 1,5 mm. -­‐ Dopo fissare l’ago alla barra dell’indotto ed “assicurare” l’ago mediante uno o due elastici, a seconda della loro resistenza, indicativamente a metà ago per evitare oscillazioni verticali (o in altre direzioni) durante il tatuaggio. Ovviamente durante questo ed altri settaggi si prova la macchinetta azionandola tramite il pedalino con il giusto voltaggio (vedi in basso per il collegamento). Il voltaggio non è sempre uguale. La regola è che per le macchinette settate da linee il voltaggio è più alto rispetto a quello per sfumature o riempimenti. Ad ogni modo il voltaggio varia da macchinetta a macchinetta … Se avete ad esempio una Micky Sharpz, le linee viaggiano sempre intorno i 10v …. Con una SunSkin il voltaggio per linee si aggira bene già sui 8v/ 8.5v. E’ necessario prendere confidenza con tutta la strumentazione e dopo, per settare un voltaggio o inserire un ago, occorreranno 10 secondi. Con le macchinette rotative il procedimento è pressochè simile, su alcuni modelli l’inserimento dell’ago è www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 36 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 semplificato e non vi è bisogno di inserire elastici aggiuntivi in quanto già dotate di stabilizzatore (si vedano ad esempio le “Stygma”…) -­‐ Dopo aver effettuato il montaggio del grip + puntale + ago si passa al collegamento del cavo elettrico che può essere “clip-­‐cord” o cavo “RCA” a seconda della macchinetta utilizzata. Il collegamento con il “clip-­‐cord” (quello con la molla centrale) si effettua mediante l’attacco in due “fori” specifici posti normalmente in verticale all’interno del telaio: uno all’estremità dell’altro, in alto ed in basso. Il collegamento con cavo RCA invece è più facile e “visibile”. Basta inserire il connettore con le prese maschio/femmina. Dopo aver fatto questo, sarà necessario inserire l’altra estremità del cavo alla relativa porta dell’alimentatore. Per concludere e per attivare la macchinetta, è necessario inserire il cavo del pedalino / footswitch nell’alimentatore e regolare il voltaggio in base al lavoro da eseguire. -­‐ Infine, dopo aver eseguito le dovute regolazioni come escursione ago e stabilizzatore aghi, è sempre www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 37 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 buona norma coprire la macchinetta con apposite protezioni per evitare di danneggiarla, sporcarla e, cosa molto importante, isolarla da eventuali contaminazioni. L’isolamento della strumentazione al fine di prevenire eventuali contaminazioni DEVE essere SEMPRE la PRIMA regola da seguire. Lo stencil, creazione ed applicazione Prima di effettuare il tatuaggio è necessario preparare lo stencil che riporti praticamente le linee fondamentali del disegno che si andrà a tatuare. E’ importante ricordare che nello stencil andranno scelti soltanto i tratti fondamentali del disegno, per non appesantirlo troppo e per evitar di riportare sulla cute linee e segni confusi tra di loro. Linee troppo vicine tra loro, infatti, rischieranno di non essere riportate fedelmente sulla cute per cui in fase di realizzazione è buona norma distanziarle in una misura adatta alla successiva replicazione. Per creare stencil ed imprimere il calco su pelle ci sono diverse possibilità… Un tempo ad esempio si utilizzava una semplice “carta lucida” e poi si replicava su pelle mediante un deodorante stick… Dopo si andava a www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 38 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 ripassare con la macchinetta ma spesso lo stencil si “cancellava” e la procedura era davvero poco igienica. Uno tra i metodi più utilizzati è quello di utilizzare fogli di “carta ectografica” (es.: “Spirit”), originariamente creati per comunicazioni “ThermoFax” e che si sono rilevati molto utili per creare stencil per tatuaggi. Semplicemente, funzionano così: si applica il foglio dove è riportato il disegno da tatuare direttamente sul lato “ectografico” (meglio se fissato con nastro adesivo per evitare imperfezioni) e con una penna a punta fine si ripassano i tratti da riportare su stencil. Fatto questo, basta girare il foglio originale del disegno per ritrovare fedelmente i tratti precedentemente ripassati. Una volta preparato lo stencil, va ritagliata la carta in eccesso in modo da lasciarne il minimo indispensabile e mantenere solo quel piccolo spazio che permette di tenerla con le dita al momento dell’applicazione. Se l’applicazione dello stencil andrà fatta in zone particolarmente curve come spalla o ginocchia, può rendersi utile tagliare con piccoli tratti il disegno verso l’interno in modo da favorirne la corretta adesione. E’ utile inoltre segnare sia su pelle che nel disegno da riportare, degli assi di riferimento quando il disegno da applicare sia molto simmetrico e/o viene riportato in zone che prevedono simmetria (es. collo, fondoschiena etc..). www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 39 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 L’applicazione dovrà essere effettuata SOLTANTO previa depilazione e disinfezione della zona da tatuare. Porre inoltre molta attenzione anche a “nei” o altre macchie cutanee che sono sempre da EVITARE. Fatto questo, tramite una soluzione liquida apposita, ad esempio il largamente utilizzato “Stencil Stuff”, spalmare un piccola dose nella zona da tatuare e successivamente applicare lo stencil facendo attenzione ad evitare tensioni muscolari e spostamenti accidentali dello stencil stesso. Attendere il tempo necessario, in genere pochi secondi, e ripassare delicatamente con le dita nei punti più ostici. Dopo rimuovere lo stencil ed aspettare ancora qualche secondo affinchè si asciughi completamente. E’ buona norma applicare lo stencil in posizione rilassata, mai in tensione, quando il soggetto è in piedi. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 40 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Procedura del tatuaggio Una volta completato il montaggio delle macchinette e l’applicazione dello stencil, si può procedere con il vero e proprio tatuaggio. Si presuppone a questo punto di aver già adottato tutte le procedure al riguardo della sterilizzazione e disinfezione dell’ambiente di lavoro. Prima del tatuaggio, prima di qualsiasi altro preliminare, è imperativo mantenere l’ambiente completamente sterile e disinfettato. Le linee Si parte quindi a tracciare le linee. Con una mano si impugna ovviamente la macchinetta, meglio se sulla stessa mano viene avvolto un pezzo di carta di buona qualità tra l’anulare ed il mignolo per aiutare a tendere la pelle e tenere pulita la zona. Con l’altra si tiene in tensione la pelle da tatuare… La pelle deve essere piuttosto tirata! www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 41 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Dopo aver applicato l’inchiostro sull’ago, si inizia a tracciare le linee partendo dal basso verso l’altro e a destra verso sinistra per evitare di cancellare lo stencil precedentemente applicato. L’inclinazione giusta da mantenere per tracciare le linee è tra circa i 70 / 75 gradi. Anche in questo caso però, l’esperienza ed il metodo di lavoro saranno quelli che otterranno maggior riscontro. Importante non premere eccessivamente, cercare di mantenere una pressione costante evitando di tremare. Ogni tanto pulire molto delicatamente le linee appena eseguite da eccesso di inchiostro e sangue tramite spruzzatore. Lo spruzzatore naturalmente deve contenere una soluzione sterile, neutra e disinfettante. Fare molta attenzione a non cancellare lo stencil. Quando necessario, andrà applicata della vasellina per mantenere morbida la pelle, picchiettando nei punti dove è presente un eccessivo sanguinamento. Fare poi attenzione all’eccesso di vasellina che potrebbe far scivolare inavvertitamente le mani. Gli errori più comuni possono essere: -­‐ Linea tremolante; macchinetta troppo veloce, troppo lenta, troppa vibrazione degli aghi, tremolìo della mano, pelle ostica, cliente che si muove www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 42 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 -­‐ Linea “sfuocata” o doppia linea; aghi penetrati troppo a fondo, aghi storti, macchinetta lenta o troppa velocità nel tracciare. -­‐ Linea “opaca”; poco inchiostro, pelle non tesa sufficientemente, aghi consumati. -­‐ Linea “confusa”; vibrazioni laterali, macchina troppo veloce, aghi consumati. Importante quindi è di tirare bene la pelle e mantenere la macchinetta ben salda alla mano. Fare attenzione a inserire la giusta quantità di inchiostro ed assicurarsi che gli aghi non siano danneggiati. Controllare infine il voltaggio della macchinetta e l’escursione ago. Evitare quando possibile di tracciare linee con mani in movimento ma tenerla sempre ferma e muovere soltanto le dita, dal basso verso l’alto. La velocità di movimento deve essere costante, media, non troppo veloce e non troppo lenta per evitare di lacerare la pelle. Mantenere un’inclinazione di circa 70 gradi. Gli aghi debbono penetrare a poco più della metà dell’escursione (se impostata a 1.5mm) per evitare linee “opache” o “confuse”. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 43 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Il riempimento Anche il riempimento va eseguito con pelle in tensione. Con un’inclinazione che può arrivare indicativamente fino a 90 gradi, il colore va applicato movimenti più lenti rispetto alle linee ed eseguito in modalità circolare, sempre dal basso verso l’altro e da sinistra verso destra. Fare attenzione a procedere con calma, con movimenti circolari molto vicini tra di loro per migliorare la qualità del riempimento. E’ importante avere pazienza! Controllare sempre che la zona tatuata non ecceda con il sangue ed applicare la vasellina quando possibile per limitare l’eccesso di sangue ed evitar di mischiare i colori. Aver cura di non premere eccessivamente per evitare la formazione di rigonfiamenti e ritardi nella guarigione. Non stressare la pelle, procedere con calma ed assicurarsi che il riempimento sia perfettamente uniforme. Evitare di tenere la macchinetta ferma in un punto. Per riempire correttamente è necessario non stressare la pelle, evitare la fuoriuscita eccessiva di colore, tirare bene la pelle e non andare troppo veloce. La pressione deve essere costante, se necessario fare un www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 44 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 pausa e continuare successivamente. Il colore si stende nello stesso identico modo del nero. Da ricordare che i colori chiari tendono a sparire presto, solitamente nel giro di 4/5 anni ed è per questo che successivamente debbono essere ripassati. In questo manuale non viene spiegata nel dettaglio la stesura del colore perché meriterebbe un manuale a parte per via delle innumerevoli varianti che si incontrano durante l’applicazione nonché i rischi di eventuali mix di colori inaspettati. La sfumatura La sfumatura richiede sicuramente una pratica maggiore rispetto alle basi precedenti. La sfumatura infatti è possibile applicarla utilizzando svariate tecniche e diverse tipologie di aghi. La sfumatura inoltre prevede una diluizione dei colori e dei neri (scala di grigio) tramite soluzioni coloranti già diluite e diluite nel momento del tatuaggio. E’ possibile utilizzare ad esempio aghi come i Magnum e stenderli a mo’ di pennello, facendo attenzione a miscelare correttamente via via le giuste gradazioni dei colori. L’ago in genere deve essere utilizzato applicando una www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 45 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 pressione simile a quella delle linee per andarlo a diminuire durante la passata… Come se fosse “strusciato”. Una pressione decrescente con macchinetta a velocità maggiore. Per evitare sfumature troppo chiare, tenere di conto la pressione iniziale e la velocità della macchinetta. Viceversa una sfumatura troppo scura sarà dovuta ad una pressione troppo decisa e spesso non uniforme. Tenere sempre in considerazione le tonalità del colori / grigi. Tirare sempre bene la pelle e passare gli aghi con movimenti veloci. Fare MOLTA attenzione a non passare ripetutamente negli stessi punti per evitare dolori al tatuato e per evitare eccessiva lacerazione della pelle. E’ MOLTO IMPORTANTE. Se la pelle risulterà lacerata, le sfumature non avranno una buona resa! Queste sono naturalmente le basi per applicare linee, riempimenti e sfumature. L’esperienza e vari tentativi affineranno la singolare tecnica di ogni tatuatore. Non seguire tutto alla lettera, tatuare in base al proprio stile ed alle proprie intuizioni. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 46 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Cura del tatuaggio Il tatuaggio una volta terminato va pulito, disinfettato e ricoperto con uno strato di vasellina. Dopo va avvolto con la pellicola trasparente alimentare. Il tatuato dovrà poi averne cura nei giorni successivi curandolo con crema al Bepantenolo e lavarlo con sapone neutro. I primi giorni (di solito 3 giorni) andrà inoltre tenuto al riparo da eventuali impurità esterne proteggendolo sempre con pellicola trasparente cambiata opportunatamente 3 o 4 volte al giorno. Ricordarsi sempre che prima di un tatuaggio c’è una ferita da guarire! Dopo circa 1 settimana il tatuaggio inizierà a spellare, tutto regolare, importante è mantenerlo sempre idratato con una crema tipo “Nivea” o simili. Evitare esposizioni solari o bagni in mare durante il periodo di guarigione ovvero circa 20/30 giorni. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 47 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Sterilizzazione e prevenzione Prima di tutto, prima di tutto davvero, prima di ogni cosa, ancor prima di attaccare alla corrente l’alimentatore, è bene aver chiara l’idea della sterilizzazione. E’ la prima regola da tenere a mente. Bisogna innanzitutto rendersi conto che un tatuaggio alla fine è un ago o una serie di aghi che penetrano ripetutamente nella pelle, con l’uscita di sangue con tutti i rischi connessi. Quindi, regola FONDAMENTALE, aver le giuste precauzioni. Per giuste precauzioni si intende: -­‐ Operare sempre in ambiente pulito e precedentemente sterilizzato -­‐ Utilizzare guanti in lattice o altri sterili rigorosamente monouso www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 48 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 -­‐ Utilizzare strumentazione usa e getta o preventivamente sterilizzata -­‐ Proteggere le macchinette ed il resto con adeguate protezioni In commercio sono disponibili soluzioni detergenti e disinfettanti per il “prima”, “durante” e “dopo” tatuaggio. E’ una cosa davvero importante mantenere la pulizia. A nessuno venga MAI in mente di fare tatuaggi a mani scoperte e/o senza detergenti e disinfettanti a portata di mano. Non è una sciocchezza, una ferita “aperta” come il tatuaggio va sempre trattata con la massima cura. Se malauguratamente dovesse nascere un’infezione, le conseguenze potrebbero essere devastanti. Quindi, ancora una volta, ricordarsi sempre che prima del tatuaggio deve consolidarsi una giusta prevenzione. Di seguito è riportato un estratto dei “requisiti strutturali e procedure di lavoro di uno studio di tatuaggi o di un tatuare associato” a cura dell’APTPI. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 49 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Associazione Piercers Tatuatori Professionisti Italiani REQUISITI STRUTTURALI E PROCEDURE DI LAVORO DI UNO STUDIO DI TATUAGGI E DI UN TATUATORE ASSOCIATO Uno studio di tatuaggi associato deve acquisire uno specifico parere di idoneità igienico sanitaria, un parere preventivo positivo o un’autorizzazione all’esercizio da parte delle autorità locali preposte a tale compito. Un tatuatore associato deve lavorare all’interno di una struttura che abbia ottenuto i requisiti di cui sopra e essere in possesso di un attestato di partecipazione ad un corso igienico sanitario riconosciuto dalla regione cui appartiene (vedi statuto associativo art.6 c.1). Oltre a quanto impone l’autorità locale sopra citata si richiede all’associato: Un qualsiasi inquadramento fiscale; Un contratto con una ditta di raccolta rifiuti speciali e registro delle ricevute carico scarico; Autoclave per la sterilizzazione a vapore con controlli e test periodici documentati e archiviati in maniera facilmente consultabile a disposizione di clienti e autorità; www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 50 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Test tipo “Vapor Line”, Bowie & Dick Test, Spore Test,(se disponibili) per autoclave a vapore (vedi protocollo di sterilizzazione);. Prodotti certificate CE per la detersione, disinfezione e sterilizzazione a freddo di superfici e attrezzature forniti di schede tecniche e istruzioni per l’uso; Guanti in Lattice, o altro materiale adeguato, monouso per la preparazione del tavolo di lavoro e per la realizzazione del tatuaggio; Camice monouso per proteggere gli abiti, mascherina chirurgica a triplo strato per la protezione della mucosa labbiale e per impedire l’emissione di particelle di saliva durante il tatuaggio, occhiali protettivi per proteggere la mucosa corneale; Teli monouso o pellicole per la protezione di lettini, poltrone e superfici di lavoro; Pellicole monouso per la protezione di macchinette, cavi e alimentatori; Colori per tatuaggi certificati. Un modulo di CONSENSO INFORMATO da consegnare al cliente Dove vengano descritti rischi a breve e lungo termine (vedi allegato Statuto Associativo). PROCEDURA DI LAVORO L'obiettivo principale dell' a.P.T.P.i. consiste nell'integrare i www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 51 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 requisiti minimi richiesti dagli Enti di Igiene Pubblica al fine di elevare il livello di professionalità degli operatori, in modo da salvaguardare il più possibile la salute dei nostri clienti e degli operatori stessi. Sappiamo bene che l'area che ci circonda è ricca di innumerevoli microrganismi presenti su tutte le superfici, compresa la pelle umana. Fortunatamente la maggior parte di essi è innocua. Esistono però altri microrganismi (funghi, spore, virus, ecc) che possono dare origine a patologie più o meno gravi e talvolta mortali. Persino una sala operatoria non è completamente libera da germi. Combinando la scrupolosa pulizia dello studio, la disinfezione delle superfici, la corretta sterilizzazione dello strumentario e un’adeguata procedura di lavoro, si può ridurre significativamente la presenza di organismi patogeni e quindi il rischio di infezioni. Ricordiamo, inoltre, che non solo i microrganismi viventi possono causare problemi, ma anche cellule morte e particelle di polvere entrate nelle ferite causate dal tatuaggio con probabili complicazioni di vario genere. A questo scopo qui di seguito indichiamo condizioni e procedure che ci sembrano più consone per poter garantire un livello di sicurezza superiore. www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 52 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 Un Tatuatore lavora con aghi e in presenza di liquidi biologici: una combinazione potenzialmente pericolosa a meno che non vengano prese le precauzioni necessarie e rispettate procedure di lavoro sicure. Quindi solo la piena attenzione e il rispetto di tali procedure possono evitare errori gravi, non solo a danno del cliente ma anche dell'operatore (ad esempio puntura accidentale da ago potenzialmente contaminato, contaminazione diretta con sangue ecc). Per garantire, quindi, professionalità e sicurezza la a.P.T.P.i. si autoimpone una Procedura di Lavoro che tutti i Soci sono tenuti a seguire. Tale documento illustra passo passo come valutare la richiesta del cliente, come preparare il banco di lavoro, come preparare il disegno e le operazioni da eseguire durante l’esecuzione del tatuaggio per lavorare nella massima sicurezza possibile. 1. RICHIESTA DEL CLIENTE Dal momento della richiesta di un cliente un Socio Tatuatore dovrà fornire tutta l’assistenza necessaria nella scelta del disegno e dovrà informare il cliente sulle proprie metodologie di lavoro e sui rischi a breve e lungo termine impliciti nella procedura del tatuaggio. Un Socio Tatuatore consegnerà quindi al cliente il Consenso Informato da leggere e sottoscrivere, un www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 53 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 promemoria per la cura del tatuaggio, un bigliettino dove chiaramente indicato l’appuntamento eventuale e, se richiesta dal Socio, la caparra a titolo di anticipo sul prezzo del tatuaggio come impegno formale tra cliente e Tatuatore. Il giorno dell’appuntamento il Cliente tornerà in studio con il Consenso Informato firmato e insieme al Tatuatore, dopo aver assistito all’allestimento del banco di lavoro, procederà alla compilazione della parte a tergo dove sono riportate domande specifiche sul proprio stato di salute. Il Socio Tatuatore valuterà le risposte e deciderà se procedere, demandare il cliente ad un preventivo consulto medico oppure rinunciare all’esecuzione del tatuaggio. Un Socio Tatuatore dovrà valutare la situazione di salute del cliente sulla base delle sue dichiarazioni e sulla base delle risposte alle domande del Consenso Informato. La presenza di allergie cutanee a qualunque sostanza, la presenza di anomalie di qualunque genere (micosi, psoriasi, eccessiva acne, orticaria, ferite evidenti, o altro) manifeste sulla pelle del cliente, devono indurre il Socio Tatuatore a demandare il cliente ad un consulto medico. Il Socio, in questo caso, fornirà al cliente le schede tecniche dei colori dove sono riportate le sostanze che li compongono e eventualmente, se richiesti dal medico, campioni dei colori stessi. Successivamente, eseguiti i controlli medici, il Socio potrà procedere sul cliente solo www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 54 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 previo certificato scritto del medico da allegare al Consenso Informato . La a.P.T.P.i. diffida i propri Soci a procedere su clienti che, nel caso di una casistica sopra descritta, tornino in studio senza certificato medico. Nel caso in cui un cliente dichiarasse di essere affetto da malattia infettiva di qualunque tipo, disturbi del sistema nervoso centrale, malattie endocardiache, o altro, il Socio Tatuatore demanderà il cliente a consulto medico. Solo previo certificato che indichi che la procedura di tatuaggio non comprometterà ulteriormente la salute del cliente, il Socio Tatuatore potrà procedere. In ogni caso un Socio Tatuatore sarà a disposizione del medico che necessitasse di informazioni sui materiali e sulle procedure di lavoro. 2.ALLESTIMENTO BANCO DI LAVORO Il banco di lavoro,di un Socio Tatuatore, dovrà essere costituito di materiale liscio lavabile e dovrà essere allestito, davanti al cliente, nel modo seguente: Prima di tutto, l’operatore, rimuoverà orologi, anelli e bracciali e procederà al lavaggio delle mani con sapone antibatterico per almeno 2-­‐3 minuti, facendo particolare attenzione agli spazi tra le dita; per l’asciugatura si useranno tovaglioli di carta monouso; solo nell'eventualità in cui non fossero presenti lavandini nelle immediate vicinanze della zona di lavoro, si www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 55 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 potranno utilizzare prodotti specifici igienizzanti per la cute, solitamente prodotti a base di alcool etilico. Si indosseranno guanti monouso e si stenderà su tutto il piano di lavoro una pellicola protettiva monouso, facendo attenzione a rivestire anche angoli e bordi. Sopra la pellicola si collocherà una salvietta doppio strato assorbente impermeabile monouso. Dovranno essere rivestiti da pellicola monouso anche alimentatori, clipCoard, lampade e tutto ciò che sarà toccato durante l’esecuzione del tatuaggio. A questo punto, un Socio Tatuatore, disporrà, sul piano di lavoro , tutto il materiale necessario per l’esecuzione del tatuaggio, in particolare tappini portacolori monouso, vasellina sterile monodose o simili (disponibili in blister, in tubetti o in barattoli; da questi ultimi il prodotto verrà preso utilizzando spatoline monouso) , rasoi per tricotomia monouso, spruzzino rivestito di pellicola monouso ( il getto dello spruzzino andrà indirizzato sulla carta assorbente utilizzata per la pulizia costante del tatuaggio e non direttamennte sulla parte trattata per evitare di sollevare un aerosol contaminato), carta assorbente monouso (disponibile in fogli, ripiegati in scatole, in rotoli; per questi ultimi i fogli andranno preparati prima e accumulati in quantità sufficiente sul piano di lavoro). aghi sterili monouso sigillati, puntali sterili sigillati. Si disporrà in oltre, sul banco di lavoro, www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 56 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 qualunque atro materiale che sarà ritenuto necessario per la realizzazione del tatuaggio avendo sempre cura di proteggere tutto con pellicole monouso. A questo punto l’operatore si toglierà i guanti monouso. Solo dopo aver disposto tutto il materiale sul banco in modo chiaro e ordinato, il Socio Tatuatore chiederà al cliente di compilare e firmare il consenso informato nella parte riguardante la dichiarazione di consapevolezza. Un Socio Tatuatore chiarirà tutti gli eventuali dubbi sui materiali esposti che il cliente dovesse esprimere e sulla base delle risposte al consenso informato, valuterà se procedere. 3. PREPARAZIONE DELLA CUTE E DEL DISEGNO Una volta firmato il Consenso, il Socio Tatuatore indosserà camice monouso, guanti in lattice monouso e procederà alla preparazione della cute del cliente. La zona da trattare verrà detersa e disinfettata con prodotti specifici certificati, poi sarà depilata e disinfettata di nuovo prima della realizzazione del disegno. Preparata la cute si procederà alla realizzazione del disegno da tatuare per la quale si utilizzeranno pennarelli specifici demografici ( questi ultimi se utilizzati su mucose o pelle rasata o lesa devono essere eliminati dopo l’utilizzo e smaltiti come rifiuti contaminati) oppure stampini con veline www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 57 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 monouso utilizzando prodotti trasferenti specifici certificati (in nessun caso in stick). A Questo punto si cambieranno i guanti monouso. Visionato e accettato il disegno da parte del cliente, il Socio Tatuatore procederà al montaggio delle macchinette avendo la cura di rivestirle con pellicole monouso quando pronte per l’uso. Terminata la preparazione dell’attrezzatura, il Socio Tatuatore indosserà camice monouso, guanti nuovi monouso, mascherina monouso, occhiali protettivi e inizierà la realizzazione del tatuaggio. 4. DURANTE LA REALIZZAZIONE DEL TATUAGGIO Durante la realizzazione del tatuaggio il Socio Tatuatore non si allontanerà mai dalla postazione se non indispensabile, cambierà guanti ogni volta le sue mani abbandonino la zona di lavoro o per compiere qualsiasi operazione dove sia presente il rischio di “contaminazione crociata”. Non risponderà al telefono ne potrà interagire con altri clienti. Se per necessità dovesse allontanarsi dalla postazione dovrà cambiare tutti gli indumenti protettivi indossati potenzialmente contaminati. Siamo arrivati alla conclusione di questo manuale solo per un po’! Il contenuto infatti riceverà nuovi aggiornamenti che il proprietario riceverà gratuitamente www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 58 Manuale Informativo & Pratico sul mondo dei Tatuaggi – Versione 1.0 -­‐ 2013 nella sua casella email. Vogliamo sperare di esserti stati un po’ di aiuto. Per qualsiasi domanda, puoi contattarci a: [email protected] Un sincero ringraziamento per la fiducia accordataci. Il Team Tattoo Book Now -­‐2013 www.tattobooknow.com -­‐ la copia è vietata ! 59