Pag. 2 Congratulazioni! Benvenuti nel mondo della pesca a doppia

Commenti

Transcript

Pag. 2 Congratulazioni! Benvenuti nel mondo della pesca a doppia
Pag. 2 Congratulazioni! Benvenuti nel mondo della pesca a doppia velocità! Se tu hai già pescato con un mulinello a doppia velocità in passato, saprai quanto superiori siano le permorfamances di un mulinello con queste caratteristiche. Se, al contrario tu non hai mai pescato con un mulinello del genere, sii pronto a conoscere una novità davvero entusiasmante. Tu sei prossimo a scoprire perché i più esperti pescatori di tutto il mondo considerano i mulinelli a doppia velocità come uno dei più grandi vantaggi che ci possono essere nell’attrezzatura da pesca dedicata al mare. Pag. 3 Pulsante di rilascio leva freno oltre la posizione strike Leva per settaggio frizione Pomello di regolazione frizione a secco Posizione di sblocco della bobina Pulsante per innesto rapporto di recupero basso Tasto per innesto rapporto di recupero elevato Impugnatura ergonomica Corpo in grafite Cicalino Piastra in acciaio inox per collegamento alla canna Descrizione tabella Item: tipo Gear ratio: rapporto di recupero (High: alto, low: basso) WT (oz): Peso (once) Line capacity: Capacità della bobina Line class: Classe di lenza Std. Monofilament line (yds): Monofilo standard (yards) Thin monofilament line (yds): Multifibra (yards) *Se la capacità del filo che volete imbobinare risultasse troppo elevata è consigliabile inserire preventivamente una certa quantità di backing. Pag. 4 Caratteristiche Frizione a leva per casting, traina e pesca con il vivo Corpo in pezzo unico in grafite, robusto, leggero e resistente alla salsedine 4 cuscinetti AR‐B Frizione in grafite, duratura e assai modulabile Più del 200% in più di superficie frenante rispetto ai mulinelli di vecchia concezione Pulsante per selezionare la velocità di recupero veloce ed affidabile Frizione impermeabile di brevetto Shimano Piastra di fissaggio in acciaio inox Regolazione frizione programmabile mediante la leva Ingranaggi in acciaio inox Impugnatura ergonomica torpedo Cicalino segnala abboccate particolarmente rumoroso Pag. 5 AR‐B (Cuscinetti anti sporcizia) Attraverso originale trattamento superficiale delle sfere dei cuscinetti, noi abbiamo drasticamente migliorato la resistenza del cuscinetto contro la corrosione Pag.6 Come funziona una frizione a leva Pre‐programmare ed utilizzare la tua frizione a leva è semplice. La regolazione della frizione è pressoché infinita e dipende dal filo che hai caricato in bobina. La regola base è quella di regolare la frizione alla posizione “STRIKE” a circa un terzo del valore del carico di rottura del filo. Per esempio, se tu stai usando un filo da 20 libbre, il valore di slittamento della frizione sullo strike non dovrà superare il valore di 7 libbre; usando un 30 libbre esso non dovrà essere superiore alle 10 libbre. Per pre‐programmare la frizione: Inizia con il posizionare la leva della frizione sul “FREE” dopodiché ruota in senso orario il pomello di regolazione alla base della leva per incrementare la capacità frenante. Posiziona la leva sullo “STRIKE” e con un dinamometro controlla se il valore a cui slitta la frizione è in linea con la regola base descritta nel precedente paragrafo. Se così non fosse ripeti i passi descritti in precedenza; se invece il valore risultasse superiore, riporta la leva in posizione “FREE” e ruota la leva in senso antiorario per diminuire il freno sulla bobina. Utilizza sempre un dinamometro (va bene anche una semplice bilancia digitale per pesare i tuoi pesci) . ATTENZIONE: Ogni qualvolta decidi di regolare la frizione tramite il pomello di regolazione, ricordati di posizionare sempre prima la leva sul “FREE” altrimenti potresti causare danni irreparabili al mulinello. Una volta regolata la frizione nel modo descritto in precedenza , tu potrai ritornare al valore di slittamento pre‐programmato in posizione “STRIKE” ogni qualvolta lo vorrai. Il tuo mulinello si “ricorderà” questo settaggio per sempre, pertanto tu non avrai dubbi sulla reale pressione che stai esercitando durante il combattimento sul pesce. Qualora reputassi necessario incrementare questa pressione potrai andare oltre la posizione “STRIKE” semplicemente premendo il pulsante posto nel settore metallico in cui ruota la leva della frizione, posizionato appena dopo lo “STRIKE”. IN questo modo avrai la possibilità di portare la leva fino in posizione “FULL”; in questo modo potrai gradualmente aumentare il valore di slittamento della frizione fino al 70% del valore del carico del filo che stai utilizzando. Questo settaggio va usato con cautela e solamente dopo aver pre‐programmato la frizione in quanto si potrebbe superare il valore del carico di rottura del filo utilizzato. Si raccomanda quindi di controllare il settaggio del valore di slittamento allo strike prima di ogni uso successivo al primo settaggio e comunque sempre dopo aver combattuto un pesce particolarmente veloce e potente. Didascalie disegno Setting the drag…. Regolando la frizione…. Strike position: posizione strike Strike to check: Verifica della posizione strike Free spool: bobina libera (FREE) Full drag: Max Drag (FULL) Pag. 9 Regolazione in scala della frizione Se tu sei un pescatore esperto tu potrai regolare la tensione di slittamento della bobina semplicemente tirando fuori il filo dal mulinello con le mani e valutando ad occhio il carico corrispondente. Se tu hai qualche dubbio regola la tua frizione con un dinamometro. La maggioranza dei pescatori sovrastima la regolazione della frizione fatta senza di dinamometro del 100%!! Per regolare la frizione con un dinamometro prima di tutto collega il mulinello alla canna e fai passare il filo attraverso gli anelli; dopodiché fai tenere il dinamometro ad un amico e contemporaneamente tira il filo facendo piegare la canna. Nel momento in cui il filo scorre fai leggere il valore indicato sul dinamometro e ripeti l’operazione fino a quando non avrai tarato la frizione al 30% del carico di rottura del filo in posizione strike. Avrai, in questo modo, settato la tua frizione in modo appropriato. Pag. 10 Imbobinamento Il tuo mulinello può essere usato con quasi tutti i tipi di filo incluso il nylon, il dacron ed i multi fibra. Qualsiasi tipo di filo tu scegli tu dovrai assicurarti che le spire si avvolgano con una giusta ed uniforme tensione e non rimangano lente. Se il filo non è avvolto in questo modo sulla bobina, un pesce particolarmente veloce che dovrà contrastare un valore particolarmente elevato di freno , schiaccerà le spire di filo imbobinate con scarsa tensione contro quelle sottostanti compromettendo sia l’integrità del filo che quella dello stesso mulinello. Entrambe le situazioni comporteranno la sicura perdita del pesce che romperà il filo o danneggerà la bobina. Assicura saldamente il filo alla bobina del mulinello. Se non seguirai questa importante regola il filo probabilmente slitterà sulla bobina quando sarà sottopressione e comincerai ad immagazzinare filo. Molti mulinelli inoltre, hanno una sottile linea rossa per indicare il livello di caricamento massimo. Qualora questa linea non fosse presente, carica la bobina lasciando uno spazio di circa mezzo centimetro dal bordo della bobina stessa. Nota bene: Quando usi lenze particolarmente sottili oppure multi fibra, noi raccomandiamo di avvolgere uno strato di dacron sottostante come backing prima di avvolgere il filo. In questo caso la bobina sarà protetta maggiormente dalla pressione del monofilo avvolto, che addirittura, a volte, potrebbe compromettere l’integrità della bobina, soprattutto in seguito al combattimento con un grosso pesce che spesso comporta l’avvolgimento di filo sul mulinello con spire particolarmente strette. Questo accorgimento è comunque necessario soltanto con lenze davvero sottili. Pag.12 Approfondimenti sulle frizioni. La relazione tra le frizioni ed il filo è soggetta spesso a confusione e false verità. Infatti, la natura ed il modo di comportarsi di una frizione sono difficili da spiegare. Comunque ci sono degli aspetti legati alla Fisica che tu dovresti conoscere. Prima di tutto la quantità di filo presente sul mulinello condiziona la frizione. In che modo? Quando la bobina è piena il filo fuoriuscirà praticamente in corrispondenza del bordo della bobina. Quando la quantità di filo si sarà sensibilmente ridotta, il braccio di leva, ossia la distanza che c’è tra l’asse della bobina ed il punto in cui la spira del filo sul mulinello si svolge, si sarà anch’esso ridotto. La conseguenza di ciò sarà che la forza necessaria per tirare fuori il filo dal mulinello risulterà essere maggiore in questo caso rispetto al caso di partenza. In molti mulinelli il calore può comportare sensibili aumenti di resistenza sulla frizione. Come? Un pesce potente, e veloce può svuotare un mulinello in pochissimo tempo. Questo normalmente causa un surriscaldamento interno che causa una dilatazione di alcune parti del meccanismo con cui è costruita la frizione. Questa espansione spesso è responsabile (in alcuni mulinelli) di un aumento della capacità di freno Il meccanismo della frizione del TLD II Speed è concepito in modo tale che il calore generato dal veloce sbobinamento del filo non comporti un aumento del valore del carico pre‐programmato. Questo è quindi un problema che non riscontrerai mai su questo tipo di mulinelli. A volte un’improvvisa ed estrema accelerazione causa un incremento del valore di slittamento della bobina. Per questo motivo alcuni esperti pescatori posizionano la bobina sul free, frenando la fuoriuscita con il pollice fin quando non capiscono che il pesce è rimasto allamato; questa è una delle tattiche più importanti quando vengono usati fili particolarmente sottili. Le frizioni Shimano sono progettate per essere le più sensibili, e durature frizioni al mondo. Se tu segui le indicazioni contenute in questo manuale e le ricorderai ogniqualvolta è necessario, il tuo mulinello Shimano ti darà per molti anni il massimo delle prestazioni senza accusare il minimo problema. Pag. 14 Manutenzione Il mulinello Shimano richiede una piccolissima manutenzione interna. Questo naturalmente dipenderà da come e quanto il mulinello sarà stato utilizzato durante la stagione di pesca. Durante la maggior parte del tempo in cui viene usato, il mulinello sarà esposto a spruzzi di acqua di mare, sole, pioggia, il tutto mescolato in una deleteria combinazione. Sebbene ogni mulinello sia costruito con i materiale che meglio di tutti resistono alla corrosione.…grafite, acciaio inox, alluminio anodizzato, e bronzo marino….la combinazione di caldo e sale marino potrebbe causare corrosione anche dove questa non è prevedibile. Il modo migliore per prevenire questi problemi è semplicemente quello di spruzzare il mulinello con uno spry adatto come il WD 40 oppure il CRC. Questi prodotti sciolgono i residui di sali dalle superfici del mulinello permettendoti di elimare qualsiasi loro deposito. Spruzza semplicemente il prodotto con la bomboletta, dopodiché attendi qualche minuto ed in seguito asciuga con un panno ben asciutto. Non è necessario asciugare completamente tutto il protettivo; infatti lasciarne un leggero strato proteggerà il mulinello e renderà la successiva pulizia ancora più semplice. Non preoccuparti se un po’ di prodotto finirà sul filo: i prodotti indicati non lo danneggeranno minimamente. Qualora tu non avessi la possibilità di pulire il mulinello con questi prodotti spry dopo una giornata di pesca, tu potrai sciacquarli con un getto leggero di acqua dolce. Non utilizzare troppa pressione per sciacquare i mulinelli visto che questo spingerà i residui di sale ed altra sporcizia più all’interno nel tuo mulinello. Un getto leggero basterà allo scopo. Qualora tu dovessi sciacquare il mulinello ricordati di posizionare sempre la leva della frizione in posizione “FULL”. Altra avvertenza è quella di non immergere completamente il mulinello in acqua per pulirlo: come succede con un risciacquo troppo intenso, si potrebbe danneggiarlo. Periodicamente verifica che tutte le viti siano avvitate perfettamente per prevenire perdite dovute alle vibrazioni della barca durante l’azione di pesca. Non mettere il mulinello dentro buste di plastica chiuse per lunghi periodi; si genererebbero le condizioni per intrappolare in essa umidità e sporcizia in genere, promuovendo poi problematiche durante l’azione di pesca. Noi ti raccomandiamo di far ispezionare e controllare il mulinello al Service Shimano almeno una volta all’anno. Uno smontaggio, pulizia, controllo e ri‐lubrificazione approfonditi non solo prolungheranno la vita del mulinello ma stopperanno sul nascere ogni potenziale deterioramento conseguente all’uso. L’allegato esploso di ogni tipo di mulinello con i riferimenti dei codici di ogni singolo pezzo ti aiuteranno qualora optassi per la possibilità di fare questa manutenzione da solo. Shimano comunque ha attualmente una rete di assistenza capillare che può fare tranquillamente questo lavoro per te, semplicemente portando il mulinello presso il negozio autorizzato in cui lo hai acquistato. Quando riponi il mulinello per molto tempo, verifica che la posizione della leva della frizione sia sul “FREE” ed il cicalino sia inserito. Queste due semplici accortezze eliminano tensioni interne non necessarie dai componenti meccanici della frizione e della bobina. La tua frizione funzionerà più a lungo e in maniera più fluida. Sfortunatamente, ma è così, una gran parte dei problemi denunciati sui mulinelli dai pescatori sono il risultato di manutenzioni o successivi assemblaggi effettuati in maniera impropria. I mulinelli da pesca moderni sono complessi e sofisticati che richiedono una certa competenza e familiarità per poter essere smontati e rimontati. Noi ti raccomandiamo di utilizzare sempre l’Assistenza Shimano contattabile attraverso lo Shimano Shop dove hai effettuato l’acquisto per attivare la garanzia e richiedere la riparazione o il controllo del mulinello. Se tu comunque decidessi di effettuare queste due operazioni personalmente, ricordati di seguire fedelmente le seguenti indicazioni che possono tranquillamente fungere da linee guida. •
Quando rimuovi il carter laterale del mulinello svitando le viti, ricordati che esso si svita in senso orario. •
Quando riposizioni il carter laterale, assicurati che esso si avviti al corpo in maniera corretta e salda. Noi ti raccomandiamo di serrare le viti saldamente per prevenire perdite fortuite o, peggio, infiltrazioni di acqua di mare nei dischi della frizione. Un rimontaggio inappropriato comporterà un funzionamento a strappi della frizione pertanto cerca di seguire sempre queste semplici istruzioni. •
Assicurati che i dischi della frizione siano sempre puliti, asciutti e liberi da corpi estranei quando il tuo mulinello è smontato. •
Controlla che sulla superficie della frizione sia sempre presente un sottile film di lubrificante. Qualora fosse necessaria una ri‐applicazione utilizza soltanto grasso approvato dall’assistenza Shimano per assicurarti le massime prestazioni del sistema di frizione del tuo mulinello. •
Infine, assicurati che quando rimonti il mulinello, le viti siano ben assicurate al corpo in grafite, senza stringerle in maniera eccessiva. E’ necessaria soltanto una leggera pressione per assicurarsi che non si svitino. Una pressione elevata, come quella che abitualmente si usa per stringere un dado, a volte potrebbe comportare il danneggiamento della filettatura con la conseguenza di spanare la sede della vite.. Qualora questo dovesse accadere, dovrai rivolgerti al centro di assistenza Shimano ed attivare la garanzia. Seguendo queste semplici regole tu sarai in grado di eseguire una manutenzione preventiva base personalmente senza alcun problema. Comunque, noi continueremo a raccomandare sempre di affidarsi al nostro service per quanto possibile. Questo è il modo migliore per prendersi cura dei nostri prodotti. 

Documenti analoghi

Il mulinello da traina

Il mulinello da traina bobina con cuscinetti ed asse porta bobina .I punti di regolazione di tale frizione si chiamano punto free, punto strike e punto full, spesso al punto free corrisponde anche lo sgancio bobina(liber...

Dettagli

Noi crediamo di aver creato, con la serie TORSA di Shimano, i

Noi crediamo di aver creato, con la serie TORSA di Shimano, i Un’altra causa di variazione della capacità di freno di una frizione è dovuta alla corrispondente quantità di  filo  immagazzinato  nel  mulinello.  Le  frizioni  in  genere  sono  pre‐regolate  qu...

Dettagli

Il Mulinello a Bobina Fissa

Il Mulinello a Bobina Fissa Qui entrano in campo un altra serie di fattori,quali rapporto di recupero (gear ratio),posizione della frizione,frizioni particolari con meccanismi dedicati,numero di bobine di ricambio,robustezza ...

Dettagli