Untitled - Provincia di Ancona

Commenti

Transcript

Untitled - Provincia di Ancona
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 2
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) GRUPPO DI LAVORO: RAPPORTO AMBIENTALE: Hystrix S.r.l. Fano Coordinamento e redazione: Dott. Biol. Elena Bresca Collaborazioni tecniche: Dott. Biol. Marco Bonacoscia, Dott. Biol. Paolo Giacchini, Dott. Filippo Savelli, Dott. Fabio Piccinetti Dott. in Scienze Ambientali Elaborazione cartografica: Geom. Mattioli Marco 3
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 4
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) INDICE PREMESSA ......................................................................................................................................................... 8
SEZIONE INTRODUTTIVA ................................................................................................................................... 9
1.
Quadro normativo di riferimento della VAS e della VI....................................................................... 10
SEZIONE A ‐ INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E PIANIFICATORIO ........................................................ 13
A.1. QUADRO NORMATIVO E PROCEDURALE, TECNICO‐AMMINISTRATIVO DI RIFERIMENTO PER IL PFV. ESITI DELLA FASE DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE (SCOPING). ........................................................................... 14
2.
Presentazione alla cittadinanza delle linee programmatiche del piano ............................................ 14
3.
Avvio del procedimento di VAS (Artt. da 13 a 18 del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii).................................. 14
4.
Fase di scoping (Art.13, commi 1 e 2, del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii) ................................................... 14
5.
Elaborazione del Rapporto Ambientale (art.13, commi 3 e 4, del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii)............. 16
6.
Presentazione al pubblico dell’ipotesi aggiornata di PFV alle categorie interessate......................... 17
7.
Successive fasi di adozione, consultazione (art.14, del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii) e pubblicazione, valutazione del rapporto ambientale e degli esiti i risultati della consultazione (Art.16, del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii) .......................................................................................................................................................... 17
A.2. ILLUSTRAZIONE DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI E DELLE AZIONI DEL PFV.................................................. 18
8.
Le linee programmatiche del PFV....................................................................................................... 18
8.1
Contenuti generali del PFV............................................................................................................. 18
8.2
Analisi della pianificazione territoriale a fini faunistici al momento zero...................................... 18
9.
Gli obiettivi di sostenibilità ambientale del PFV, le componenti ambientali coinvolte, macrobiettivi, obiettivi specifici e azioni previste. ................................................................................................................. 20
9.1
Obiettivi generali dei Piani Faunistico‐venatori Provinciali ........................................................... 20
9.2
Obiettivi specifici del Piano Faunistico‐venatorio della provincia di Ancona ................................ 20
9.3
Le azioni del PFV: ........................................................................................................................... 22
A.3. LE SCELTE DI PIANO E LE ALTERNATIVE VALUTATE.................................................................................. 27
SEZIONE B ‐ OBIETTIVI AMBIENTALI DI RIFERIMENTO .................................................................................... 30
B.1. ANALISI DI COERENZA ESTERNA............................................................................................................... 31
9.4
Quadro pianificatorio, programmatico, legislativo di riferimento................................................. 31
9.5
Obiettivi di riferimento .................................................................................................................. 32
9.6
Coerenza tra obiettivi di PFV e obiettivi di riferimento ................................................................. 36
B.2. ANALISI DI COERENZA INTERNA. .............................................................................................................. 37
SEZIONE C ‐ INQUADRAMENTO DEL CONTESTO AMBIENTALE E TERRITORIALE DI RIFERIMENTO ................ 38
C.1 AMBITO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO.................................................................................................. 39
9.7
Inquadramento territoriale dell’ambito di riferimento ................................................................. 39
9.8
Le valenze e le tutele...................................................................................................................... 40
9.8.1
Aree protette (AAPP) ai sensi della L 349/91. ........................................................................... 40
5
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.8.2
Aree Natura 2000 ...................................................................................................................... 41
9.8.3
Important Bird Area (IBA) .......................................................................................................... 44
9.8.4
Aree Floristiche Protette ai sensi della L.R. n. 52/1974............................................................. 45
C.2. I TEMI AMBIENTALI E GLI INDICATORI AMBIENTALI. ............................................................................... 47
9.9
I TEMI AMBIENTALI PERTINENTI .................................................................................................... 47
9.9.1
HABITAT E RETI ECOLOGICHE: vegetazione............................................................................... 47
9.9.2
HABITAT E RETI ECOLOGICHE: fauna ......................................................................................... 51
9.9.3
LA RETE ECOLOGICA: sistema di nodi e connessione della REM ............................................... 53
9.9.4
POPOLAZIONE E ASPETTI SOCIO ECONOMICI............................................................................ 59
9.10
9.9.4.1
Popolazione venatoria ...................................................................................................... 59
9.9.4.2
Appostamenti fissi............................................................................................................. 65
9.9.4.3
Incidenti stradali ............................................................................................................... 66
9.9.4.4
Danni agricoltura, tipologia e specie coinvolte................................................................. 67
Gli Indicatori Ambientali ................................................................................................................ 69
9.10.1
Indice di Conservazione del Paesaggio (ILC).......................................................................... 69
9.10.2
Percentuale della sup. urbanizzata sul totale della sup. provinciale .................................... 71
9.10.3
Indice di protezione e valenza ambientale (Romano & Paolinellli, 2007)............................. 71
9.10.4
Percentuale della SPFV sul totale della sup. provinciale....................................................... 72
9.10.5
Percentuale delle aree escluse dall’attività venatoria sul totale della sup. provinciale previste dal PFV ....................................................................................................................................... 72
9.10.6
% cacciatori iscritti residenti sul totale cittadini residenti .................................................... 72
9.10.7
Vigilanza venatoria: numero agenti e/o guardie per 1000 ha .............................................. 73
C.3. CRITICITÀ, SENSIBILITÀ E VULNERABILITÀ TERRITORIALI. ........................................................................ 74
9.11
Elementi di criticità territoriali ....................................................................................................... 74
9.11.1
Elementi di frammentazione ambientale.............................................................................. 74
9.11.2
Altri fattori antropici.............................................................................................................. 77
9.11.3
Elementi di criticità correlati alla gestione faunistico‐venatoria .......................................... 79
9.11.4
Sensibilità specie‐specifica ai fattori di pressione................................................................. 79
9.11.5
Capacità del sistema dei nodi di garantire la gestione delle specie...................................... 82
C.4. I SETTORI DI GOVERNO, LE DINAMICHE TERRITORIALI, LE PRESSIONI AMBIENTALI. .............................. 86
SEZIONE D ‐ VALUTAZIONE.............................................................................................................................. 87
D.1. LE INTERAZIONI TRA IL PIANO E IL SISTEMA AMBIENTALE...................................................................... 88
D.2. VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI................................................................................................................... 91
10.
Le azioni di piano: pressioni, risposte, impatti. .................................................................................. 91
10.1
Le pressioni e le azioni mitigative .................................................................................................. 93
10.1.1
10.2
Effetti potenziali correlati con l’attività venatoria ................................................................ 98
Le risposte .................................................................................................................................... 102
D.3. VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI CUMULATIVI E SINERGICI. ...................................................................... 106
6
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) PREMESSA La realizzazione dei Piani Faunistico‐Venatori Provinciali è prevista dall’art. 10, comma 7, dalla Legge 157/92 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”, come strumento di pianificazione del territorio agro‐silvo‐pastorale, di gestione della fauna ed dell'attività venatoria. Secondo la L. 157/92 (art 10, comma 1), “Tutto il territorio agro‐silvo‐pastorale nazionale è soggetto a pianificazione faunistico‐venatoria finalizzata, per quanto attiene alle specie carnivore, alla conservazione delle effettive capacità riproduttive e al contenimento naturale di altre specie e, per quanto riguarda le altre specie, al conseguimento della densità ottimale e alla sua conservazione mediante la riqualificazione delle risorse ambientali e la regolamentazione del prelievo venatorio”. Sempre secondo quanto previsto L. 157/92 (art 10, comma 7) “Ai fini della pianificazione generale del territorio agro‐silvo‐pastorale le province predispongono, articolandoli per comprensori omogenei, piani faunistico‐venatori”. Il presente Rapporto Ambientale (RA) si riferisce al processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) in merito al Piano Faunistico‐Venatorio Provinciale della provincia di Ancona 2012‐2016 (in seguito PFV) che, secondo il D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii. di recepimento della Direttiva 2001/42/CE, rientra nella casistica di piani sottoposti a VAS (D.Lgs 152/06, art. 6, comma 2 lettera b). La Provincia di Ancona, Settore Affari Istituzionali e Generali – Area Polizia Provinciale, Flora e Fauna, in qualità di autorità procedente, ha richiesto l’avvio della procedura di V.A.S. con nota prot. 61822 del 08/06/2011, all’autorità competente, l’Area Procedure Autorizzazioni Ambientali e Valutazioni Ambientali del Dipartimento III – Governo del Territorio della stessa Provincia. Il presente documento fa seguito alla fase di scoping, funzionale, secondo quanto previsto dal D.lgs 152/06 e ss.mm.ii., art. 13, comma 1, a stabilire, nelle fasi preliminari di consultazione tra proponente ed i Soggetti Competenti in materia Ambientale (SCA), l’impostazione metodologica, le tematiche da analizzare ed il livello di approfondimento da includere nel RA. Il RA è stato redatto secondo le indicazioni delle vigenti normative, in particolare seguendo le istruzioni delle “Linee Guida Regionali per la VAS della Regione Marche”, Allegato I (D.G.R. n. 1813/2010) e le indicazioni del documento regionale di indirizzo “Criteri ed indirizzi per la pianificazione faunistico‐venatoria 2010/2015” (in seguito CIPFV) (D.A. 5/2100). Dal momento che il territorio provinciale, oggetto di pianificazione, è interessato da 24 siti Natura 2000, si rende necessaria la Valutazione di Incidenza. Le linee guida regionali per la VAS (D.G.R. 1813/2010) prevedono (Par. 4.2) “per i piani o i programmi soggetti a valutazione ambientale strategica, la valutazione di incidenza, ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357 è compresa nell’ambito della VAS. […]. Il rapporto ambientale contiene gli elementi di cui all’allegato G del DPR 357/1997.” A tale scopo è stato redatto lo Studio di Incidenza, allegato al RA e parte integrante dello stesso, per la valutazione degli impatti potenziali sulle valenze di SIC e ZPS coinvolti, così come specificato dalle Linee Guida per la V.I. (DGR 220/2010) per i piani (cfr. par. 7, Contenuti dello studio di incidenza per i piani, e Cfr. par. 8, Valutazione degli impatti per i piani). 8
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 10.3
VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI CUMULATIVI E SINERGICI ............................................................. 106
SEZIONE E ‐ MONITORAGGIO ........................................................................................................................ 108
E.1. I PARAMETRI PER IL MONITORAGGIO .................................................................................................... 109
SEZIONE F ‐ CONCLUSIONI............................................................................................................................. 110
F.1. BILANCIO DELLE VALUTAZIONI EFFETTUATE .......................................................................................... 111
F.2. EVENTUALI DIFFICOLTÀ INCONTRATE .................................................................................................... 111
BIBLIOGRAFIA ................................................................................................................................................ 112
ALLEGATI CARTOGRAFICI:.............................................................................................................................. 114 APPENDICE: SINTESI NON TECNICA 7
116 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE INTRODUTTIVA 9
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 1.
QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO DELLA VAS E DELLA VI La Valutazione Ambientale Strategica (VAS), procedura introdotta dalla Comunità Europea con la Direttiva 2001/42/CE concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente, valuta gli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente ed ha, come obiettivo principale, quello di “di garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente e di contribuire all'integrazione di considerazioni ambientali all'atto dell'elaborazione e dell'adozione di piani e programmi al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile, assicurando che venga effettuata la valutazione ambientale di determinati piani e programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente” (art. 1 Direttiva 2001/42/CE). Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, disciplina nella Parte Seconda le “Procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione d’impatto ambientale (VIA) e per l’autorizzazione integrata ambientale (IPPC)” e costituisce per il nostro paese il formale recepimento della direttiva 2001/42/CE. La Regione Marche ha recepito la normativa nazionale con la Legge regionale 12 giugno 2007, n. 6 ed ha emanato le Linee Guida Regionali per la VAS (DGR 1813 del 21 dicembre 2010) che forniscono indicazioni in merito al percorso metodologico e procedurale. Il decreto nazionale all’art. 4 commi 2 e 3, stabilisce che: “la valutazione ambientale strategica […] riguarda i piani e programmi di intervento sul territorio ed è preordinata a garantire che gli effetti sull'ambiente derivanti dall'attuazione di detti piani e programmi siano presi in considerazione durante la loro elaborazione e prima della loro approvazione”; “la procedura per la valutazione ambientale strategica costituisce, per i piani e programmi sottoposti a tale valutazione, parte integrante del procedimento ordinario di adozione ed approvazione. I provvedimenti di approvazione adottati senza la previa valutazione ambientale strategica, ove prescritta, sono nulli”. La VAS valuta il grado di integrazione degli obiettivi del piano con i principi di sviluppo sostenibile e gli effettivi rischi e fattori di incidenza nei confronti delle diverse componenti ambientali. Le valutazioni per la VAS assumono, come criterio primario, lo sviluppo sostenibile ovvero “uno sviluppo che garantisce i bisogno delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri” (Rapporto Bruntland, 1987). Per “valutazione ambientale” si intende l'elaborazione di un rapporto concernente l’impatto sull’ambiente conseguente all’attuazione di un determinato piano o programma da adottarsi o da approvarsi, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni nell'iter decisionale di approvazione di un piano o programma e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione (ex art 5, comma 1, lettera a) del D.Lgs. n. 152/2006). La consultazione del pubblico, come nella Valutazione di Impatto Ambientale, è parte essenziale del procedimento. Di seguito si riportano sinteticamente i principali riferimenti normativi in merito alle procedure di Valutazione Ambientale Strategica e Valutazione di Incidenza. 10
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA COMUNITÀ EUROPEA Direttiva 2001/42/CE “concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente”. (Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 197/32 del 21 luglio 2001). STATO ITALIANO Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152. "Norme in materia ambientale". (Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 ‐ Supplemento Ordinario n. 96). Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4. “Ulteriori disposizioni correttive e integrative del D.Lgs.3 aprile 2006, n.152 "Norme in materia ambientale" (Gazzetta Ufficiale n. 4 del 29 gennaio 2008 ‐ Supplemento Ordinario n. 24). Decreto Legislativo 29 giugno 2010, n. 128. Modifiche ed integrazioni al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell’articolo 12 della legge 18 giugno 2009, n. 69. REGIONE MARCHE Legge regionale 12 giugno 2007, n. 6. Modifiche ed integrazioni alle Leggi regionali 14 Aprile 2004, n. 7, 5 Agosto 1992, n. 34, 28 ottobre 1999, n. 28, 23 Febbraio 2005, n. 16 e 17 Maggio 1999, n. 10 ‐ Disposizioni in materia ambientale e rete natura 2000. CAPO II – II Valutazione ambientale strategica Artt.17‐20. (B.U.R. Marche n. 55 del 2 giugno 2007, pagg. 10607‐16628). Delibera di Giunta Regionale n. 561 del 14 aprile 2008. Direttiva 2001/42/CE concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – d.lgs. 3 aprile 2006 n. 152 “Norme in materia ambientale” ‐ L.R. 12 giugno 2007, n.6 “Disposizioni in materia ambientale e Rete Natura 2000” – D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 “Ulteriori disposizioni correttive e integrative del d.lgs 3 aprile 2006 n152, recante norme in materia ambientale”. Atto di indirizzo interpretativo e applicativo. (B.U.R. Marche n. 42 del 28 aprile 2008). Delibera di Giunta Regionale 833 del 16 giugno 2008. LR n. 6/2007 “Disposizioni in materia ambientale e Rete Natura 2000” art. 20 ‐ Approvazione delle “Linee guida regionali per la valutazione ambientale strategica. Delibera di Giunta Regionale n. 1400 del 20/10/2008. LR n. 6/2007 “Disposizioni in materia ambientale e Rete Natura 2000” art. 20 ‐ Approvazione delle “Linee guida regionali per la valutazione ambientale strategica. (BUR n. 102 del 31 ottobre 2008). Delibera di Giunta Regionale n. 1813 del 21/12/2010. Aggiornamento delle “Linee guida regionali per la valutazione ambientale strategica di cui alla DGR 1400/2008 e adeguamento al DLgs 152/2006 così come modificato dal DLgs 128/2010. (B.U.R. Marche n. 02 del 11/01/2011). VALUTAZIONE DI INCIDENZA – NATURA 2000 COMUNITÀ EUROPEA Direttiva 92/43/CEE "Habitat" del 21 maggio 1992 relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. (GUCE L 206 del 22.7.1992, pag. 7). Direttiva 2009/147/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente la conservazione degli uccelli selvatici del 30 novembre 2009 (GUCE n. L 20/7 del 26/01/2010). 11
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Assessment of plants and projects significantly affecting Natura 2000 sites. Methodological guidance on the provisions of artiche 6(3) and 6(4) of the Habitats directive 92/43/EEC. European Commission, November 2001. Valutazione di piani e progetti aventi un’incidenza significativa sui siti della rete Natura 2000. Guida metodologica alle disposizioni dell’articolo 6, paragrafi 3 e 4 della Direttiva “Habitat” 92/43/CEE. Documento di orientamento sull’articolo 6, paragrafo 4 della Direttiva Habitat 92/43/CEE. Gennaio 2007. STATO ITALIANO Legge n. 157 dell'11 febbraio 1992 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio, in attuazione dell'articolo 9 della direttiva 79/409/CEE. (GU, serie generale, n. 46 del 25 febbraio 1992). D.P.R. n. 357 del 8 settembre 1997 Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche. (S.O. alla G.U. n. 248 del 23 ottobre 1997). REGIONE MARCHE Legge regionale 12 giugno 2007, n. 6. Modifiche ed integrazioni alle Leggi regionali 14 Aprile 2004, n. 7, 5 Agosto 1992, n. 34, 28 ottobre 1999, n. 28, 23 Febbraio 2005, n. 16 e 17 Maggio 1999, n. 10 ‐ Disposizioni in materia ambientale e rete natura 2000. (B.U.R. Marche n. 55 del 2 giugno 2007). DGR n. 1471 del 27 ottobre 2008. DPR 357/97 – DM 17 ottobre 2007. Adeguamento delle misure di conservazione generali per le ZPS e per i SIC. (B.U.R. n. 105 del 7/11/08). DGR 220 del 9 febbraio 2010. LR n. 6/2007 ‐ DPR n. 357/1997 ‐ Adozione delle linee guida regionali per la valutazione di incidenza di piani ed interventi. (B.U.R. n.20 del 26 febbraio 2010). L.R. 15 novembre 2010, n. 16. Assestamento del Bilancio 2010. (Suppl. n. 9 del BUR n. 101 del 18 novembre 2010). INFORMAZIONE E PARTECIPAZIONE DEL PUBBLICO Convenzione sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale. Århus, Danimarca, 25 giugno 1998. Direttiva 2003/4/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2003, sull’accesso del pubblico all’informazione ambientale. Direttiva 2003/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 maggio 2003 che prevede la partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del consiglio 85/337/cee e 96/61/ce relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia. 12
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE A ‐ INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E PIANIFICATORIO 13
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) A.1. QUADRO NORMATIVO E PROCEDURALE, TECNICO‐AMMINISTRATIVO DI RIFERIMENTO PER IL PFV. ESITI DELLA FASE DI CONSULTAZIONE PRELIMINARE (SCOPING). 2.
PRESENTAZIONE ALLA CITTADINANZA DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DEL PIANO Il coinvolgimento del pubblico, come nella Valutazione di Impatto Ambientale, è parte essenziale del processo di VAS, come ribadito dalla stessa Direttiva 2001/42/CE e da documenti successivi come la Convenzione di Aarhus e la Direttiva 2003/35/CE, che mirano a garantire l’informazione ai cittadini anche grazie ad un ruolo attivo della pubblica amministrazione nel divulgare l’informazione ambientale. Prima ancora dell’elaborazione del RA, e quindi delle fasi di consultazione del pubblico previste dalla normativa in materia di VAS, la Provincia di Ancona ha voluto esporre le linee programmatiche del PFV in alcuni incontri con le categorie interessate, per facilitare il coinvolgimento dei cittadini. 3.
AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI VAS (Artt. da 13 a 18 del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii) La Provincia di Ancona, Settore Affari Istituzionali e Generali – Area Polizia Provinciale, Flora e Fauna, in qualità di autorità procedente, con nota prot. 61822 del 08/06/2011, ha trasmesso all’autorità competente, l’Area Procedure Autorizzazioni Ambientali e Valutazioni Ambientali del Dipartimento III – Governo del Territorio della Provincia, il Rapporto Preliminare (RP) per la VAS, richiedendo al contempo l’avvio della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), di cui agli artt.da 13 a 18 del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii, per la redazione del nuovo PFV provinciale (2011‐2016). 4.
FASE DI SCOPING (Art.13, commi 1 e 2, del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii) L’autorità competente, con nota prot. 72271 del 29/06/2011, ha condiviso ed integrato l’elenco dei soggetti competenti in materia ambientale (SCA), dando l’avvio alla procedura di scoping di cui all’art. 13, commi 1 e 2, del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. Contestualmente, è stata indetta una Conferenza di Servizi di cui agli artt. 14 e ss. della L 241/90, al fine di entrare in consultazione con tutti i soggetti coinvolti sin dai momenti preliminari dell’attività di elaborazione del piano, per la definizione della portata e del livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale. Un passaggio fondamentale per la VAS è difatti la consultazione obbligatoria dei soggetti competenti in materia ambientale definiti all’art. 5 – comma s D.Lgs 152/06 come “le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici che, per le loro specifiche competenze o responsabilità in campo ambientale, possono essere interessate agli impatti sull'ambiente dovuti all'attuazione dei piani, programmi o progetti”. I Soggetti Competenti in materia Ambientale (SCA) individuati d’intesa con l’autorità procedente, sono elencati qui di seguito: 
Regione Marche ‐ Servizio Agricoltura, Forestazione e Pesca 
Regione Marche ‐ Servizio Ambiente e Paesaggio 
Ente Parco Regionale del Conero 
Ente Parco Regionale del Gola della Rossa e di Frasassi 
WWF ITALIA (presso Riserva Naturale di Ripa Bianca) 14
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 
Comunità Montana Ambito 2B – C.M. Catria e Nerone 
Comunità Montana Ambito 3 – C.M. dell' Esino‐Frasassi 
Comunità Montana Ambito 4 – C.M. di San Severino 
Osservatorio Faunistico Regionale – Marche 
Comuni di: Ancona, Senigallia, Jesi, Osimo, Fabriano, Falconara Marittima, Castelfidardo, Chiaravalle, Loreto, Montemarciano, Filottrano, Sassoferrato, Camerano, Ostra, Monte San Vito, Maiolati Spontini, Corinaldo, Arcevia, Cupramontana, Castelbellino, Agugliano, Ripe, Polverigi, Santa Maria Nuova, Cerreto d'Esi, Numana, Sirolo, Serra de' Conti, Castelplanio, Ostra Vetere, Monsano, Serra San Quirico, Monte Roberto, Staffolo, Belvedere Ostrense, Camerata Picena, Montecarotto, Monterado, San Marcello, Morro d'Alba, Genga, Rosora, Offagna, Castelleone di Suasa, Barbara, Mergo, Castel Colonna, San Paolo di Jesi, Poggio San Marcello. 
Provincia di Pesaro e Urbino Servizio Urbanistica ‐ Pianificazione Territoriale ‐ V.I.A. ‐ V.A.S. ‐ Aree protette 
Provincia di Macerata ‐ Settore XII ‐ Ambiente e Polizia provinciale. Risorse naturali e biodiversità 
Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche – Sezione di Ancona 
Corpo Forestale dello Stato – Comando provinciale di Ancona 
ASUR Servizio Veterinario (Zona Territoriale n. 4 Senigallia) 
ASUR Servizio Veterinario (Zona Territoriale n. 5 Jesi) 
ASUR Servizio Veterinario (Zona Territoriale n. 6 Fabriano) 
ASUR Servizio Veterinario (Zona Territoriale n. 7 Ancona) 
ASUR Zona Territoriale n. 4 ‐ Dipartimento di prevenzione 
ASUR Zona Territoriale n. 5 ‐ Dipartimento di prevenzione 
Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona 
Comando Provinciale Vigili del Fuoco 
Provincia di Ancona – Dip. III Governo del Terrritorio – Servizio I – Urbanistica 
Provincia di Ancona – Dip. III Governo del Terrritorio – Settore I – Tutela e valorizzazione dell’ambiente – Area Acqua Pubbliche e Sistemazioni idrauliche. La Conferenza di Servizi si è svolta il giorno 08/09/2011, presso la sala Riunioni del Dip. III Governo del Terrritorio – Servizio I – Urbanistica in Via Menicucci 1, Ancona. Nell’ambito dell’incontro i soggetti presenti hanno espresso i propri contributi finalizzati a definire la portata ed il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale, nonché considerazioni in merito al piano. Le risultanze della Conferenza sono state riportate nel verbale redatto dall’autorità procedente e trasmesso a tutti i soggetti coinvolti nel procedimento in oggetto con nota prot. n.112706 del 26/09/2011. Nel suddetto verbale risultano allegati tutti i contributi rilasciati dagli SCA nell’ambito della consultazione preliminare qui di seguito elencati: 1. Provincia di Macerata ‐ Settore XII Ambiente (nota prot. n. 100147 del 01/09/2011); 2. Regione Marche ‐ Servizio Territorio Ambiente ed Energia (mail dell’08/09/2011) 3. ARPAM Dipartimento provinciale di Ancona (nota prot. n. 111391 del 22/09/2011); 15
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 5.
ELABORAZIONE DEL RAPPORTO AMBIENTALE (ART.13, COMMI 3 e 4, del D.LGS 152/06 e ss.mm.ii) Terminata la fase di consultazione preliminare e sulla base delle indicazioni emerse nello scoping, i tecnici consulenti dell’Amministrazione Provinciale – Settore Vigilanza e Polizia Provinciale Protezione della Natura – Flora e Fauna (Hystrix S.r.l.) hanno provveduto alla stesura del presente RA, contestualmente alla definizione delle linee pianificatorie del PFV. Nel seguente schema si riporta come le indicazioni degli SCA emerse in fase di scoping siano state accolte nel RA e/o nel PFV. Tab. 1: sintesi delle indicazioni degli SCA emerse in fase di scoping e riferimento all’approfondimento relativo nel Rapporto Ambientale. SCA, INDICAZIONE/PARERE RIFERIMENTO NEL RA/PFV Le indicazioni, che si ritengono opportune, sono Nella nota si richiede che vengano valutati eventuali state recepite nel piano. impatti significativi sull’ambiente, come specificato alla Gli eventuali impatti significativi sull’ambiente, come specificato alla lettera f) dell’All. VI del lettera f) dell’All. VI del DLgs 152/06. DLgs 152/06, sono analizzati nel presente RA e SI richiede inoltre di: nella VI. ‐ “voler prevedere che ci sia un corridoio o una zona di rispetto qualora, nel territorio a confine tra le due province, si trovino una ZAC, in particolar modo di tipo B, ed una Zona di Ripopolamento e Cattura, in modo tale che non si verifichino delle interferenze o disturbo alla fauna selvatica delle ZZRRCC.” 1. Provincia di Macerata ‐ Settore XII Ambiente ‐
“disporre che comunque qualora vengano rilasciate autorizzazioni per appostamenti fissi ubicati in prossimità del confine con la provincia di Macerata se ne dia comunicazione alla medesima al fine di rispettare le dovute distanze dovute per legge”. 2. Regione Marche Servizio Territorio Ambiente ed La REM è stata ampiamente presa a riferimento per l’analisi della situazione territoriale e per la Energia Si fa presente che è stato completato il lavoro sulla Rete elaborazioni cartografiche, anche grazie alla Ecologica Marche (REM), non ancora adottato con fattiva collaborazione del Servizio Territorio specifico atto e si fa presente come possano essere Ambiente ed Energia, che ha messo a considerati, in particolare, gli obiettivi e le misure di disposizione i dati. gestione per i Sistemi Ambientali contenuti nel quadro propositivo. Nel RP si è spiegato come tali temi ambientali Non si hanno osservazioni, riguardo quanto esposto nel non sono pertinenti con il campo di azione del RP, in merito alle matrici: Aria, Acque, Rifiuti/suolo e PFV rumore. Il DLgs 152/06 e ss.mm.ii. stabilisce che nel RA fornisca informazioni in merito a “qualsiasi problema ambientale esistente pertinente al piano o al programma” (ex all. VI, lettera b), agli “obiettivi di protezione ambientale pertinenti al 3. ARPAM Dipartimento provinciale di Ancona 16
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) piano o al programma” Si ritiene che gli effetti del piano possano far sentire la loro influenza sui temi ambientali individuati come pertinenti, ovvero Popolazione ed aspetti socio‐economici, Biodiversità (Paesaggio e reti ecologiche, Fauna, Vegetazione e habitat). Data la tipologia di Piano non si intravedono interferenze o impatti con altre componenti. 6.
PRESENTAZIONE AL PUBBLICO DELL’IPOTESI AGGIORNATA DI PFV ALLE CATEGORIE INTERESSATE Presentazione della bozza definitiva alle categorie interessate per condivisione contenuti. 7.
SUCCESSIVE FASI DI ADOZIONE, CONSULTAZIONE (art.14, del D.LGS 152/06 e ss.mm.ii) E PUBBLICAZIONE, VALUTAZIONE DEL RAPPORTO AMBIENTALE E DEGLI ESITI I RISULTATI DELLA CONSULTAZIONE (Art.16, del D.lgs 152/06 e ss.mm.ii) Vengono riassunti di seguito gli step successivi all’elaborazione del presente RA, in cui si interfacciano l’iter per la VAS e l’iter di approvazione del piano stesso: 1) Presentazione del PFV in Commissione Tecnica Provinciale per approvazione; 2) Presentazione in Conferenza dei Servizi del PFV e del RA; 3) Adozione della Giunta Provinciale del PFV e del RA; 4) Pubblicazione del RA per osservazioni; 5) Trasmissione del PFV alla Regione Marche per verifica di conformità; 6) Fase decisionale VAS: verifica delle osservazioni pervenute, attività tecnico‐istruttorie con acquisizione del parere dell’AC; 7) Eventuale nuova adozione della Giunta Provinciale del PFV a seguito di modifiche o integrazioni; 8) Trasmissione del PFV alla competente commissione consiliare; 9) Trasmissione del PFV e del RA in Consiglio Provinciale per l’approvazione. 17
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) A.2. ILLUSTRAZIONE DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI E DELLE AZIONI DEL PFV. 8.
LE LINEE PROGRAMMATICHE DEL PFV. 8.1
Contenuti generali del PFV. Il PFV si articola attraverso i seguenti contenuti generali: ‐
l’analisi dello stato di fatto, che comprende una raccolta e presentazione delle informazioni riferite al settore faunistico venatorio del passato quinquennio e l’analisi delle attuali caratteristiche territoriali. La valutazione critica di tali informazioni rappresenta uno tra gli aspetti significativi che definiscono le scelte per la pianificazione 2011‐2016; ‐
la pianificazione territoriale degli istituti faunistici; ‐
la definizione delle modalità gestionali; ‐
le norme tecniche di attuazione del PFV; ‐
lo Studio di Incidenza ed il Rapporto Ambientale, allegati funzionali alla Valutazione di Incidenza e alla Valutazione Ambientale Strategica. La Pianificazione è definita in base ai seguenti parametri: ‐
superficie assegnata dai CIPFV alle diverse tipologie di istituto; ‐
caratteristiche del territorio definite dalla carta delle Vocazioni faunistiche per il Fagiano e per la Lepre e dalla carta della qualità ambientale; ‐
esigenza di tutela della fauna; ‐
risultati positivi conseguiti nel passato quinquennio nella gestione degli istituti faunistici; ‐
valutazione delle proposte dell’ATC. La pianificazione territoriale comprende: ‐
la definizione della superficie territoriale assegnata alle diverse tipologie di Istituto; ‐
le caratteristiche che devono avere gli istituti faunistici; ‐
l’individuazione dei Distretti Territoriali Omogenei (DTO); ‐
la pianificazione a fini della gestione e del prelievo del Cinghiale; ‐
la localizzazione degli Istituti Faunistici. 8.2
Analisi della pianificazione territoriale a fini faunistici al momento zero. Il quadro dell’assetto pianificatorio pregresso a fini faunistici è stato determinato dal precedente PFV e dal Piano Particolareggiato degli Istituti Faunistici della Provincia di Ancona. Tale aspetto è stato ampiamente trattato nel piano, a cui si rimanda per gli approfondimenti. Di seguito si ripornota pertanto, sinteticamente, solo alcuni dati essenziali. Per un raffronto tra previsioni pianificatorie del passato PFV 2004‐2009 e le proposte del piano 2012‐2016, è stata redatta una carta, riportata in allegato, con il confronto tra i rispettivi istituti di gestione (vedi in allegato carta Istituti di gestione faunistico venatoria). 18
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Istituti preesistenti La seguente tabella riassume sia la superficie che la SPFV per ogni tipologia gestionale. Tab. 2: istituti faunistici 2004‐2009. ISTITUTI Superficie (ha) % sulla sup. SPFV (ha) provinciale % sulla SPFV provinciale AREE PROTETTE 16.340 8,34 14.683 8,77 OASI 2.508 1,28 2.432 1,45 ZRC 14.466 7,39 13.159 7,86 CPURS 1.302 0,66 1.214 0,73 ZAF 1.409 0,72 1.272 0,76 ZAC 841 0,43 809 0,48 AFV 6.397 3,27 5.949 3,55 Totale 43.263 22,09 39.518 23,60 Gestione e prelievo di cinghiale In base al Regolamento per la gestione faunistico‐venatoria degli ungulati nel territorio della Provincia di Ancona (allegato alla del. consiliare n. 107 del 02.07.2003) sono stati definiti i criteri e le norme specifiche per la ripartizione del territorio, attraverso: ‐
una fascia di territorio (costiera e basso‐collinare) a bassa vocazionalità per il Cinghiale, detta “Distretto di Eradicazione”, ove la presenza della specie viene definita non compatibile con le produzioni agricole e la gestione degli habitat; ‐
una fascia più interna detta “Distretto di Contenimento” in cui la specie non necessita di una gestione attiva dal punto di vista della sua conservazione; ‐
una fascia a ridosso dell’area montana, rappresentata dai territori più idonei alla specie, in cui l’obiettivo è comunque la conservazione delle popolazioni; la gestione faunistico‐venatoria prevede la ripartizione del territorio in 6 Distretti (ognuno composto da Zone di caccia) in cui operano le squadre di caccia in braccata autorizzate, oltre che i cacciatori singoli. Appostamenti fissi Lo status degli appostamenti fissi è riferito alle autorizzazioni rilasciate nella stagione venatoria 2010/11. Tab. 3: autorizzazioni rilasciate nella stagione venatoria 2010/11 Anno A.F. per A.F. per A.F. per A.F. con A.F. senza acquatici colombacci colombacci richiami vivi richiami vivi con richiami (2) (1) vivi A.F. per acquatici Tot. senza richiami vivi 2010 208 66 47 168 7 19
13 509 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) (1) Appostamento fisso per colombacci precisando che non intende proseguire l'attività venatoria dopo il 15 novembre La densità totale nella Provincia di Ancona è di 3,04 appostamenti / 1.000 ettari. 9.
9.1
GLI OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DEL PFV, LE COMPONENTI AMBIENTALI COINVOLTE, MACROBIETTIVI, OBIETTIVI SPECIFICI E AZIONI PREVISTE. Obiettivi generali dei Piani Faunistico‐venatori Provinciali La normativa nazionale (art 10, comma 1, L. 157/92), recepita da quella regionale, prevede che la pianificazione faunistico‐venatoria provinciale sia finalizzata: a) per quanto attiene alle specie carnivore: ‐ alla conservazione delle effettive capacità riproduttive per le specie presenti in densità compatibile; ‐ al contenimento naturale per le specie presenti in soprannumero; b) per quanto riguarda le altre specie: ‐ al conseguimento della densità ottimale e alla sua conservazione mediante la riqualificazione delle risorse ambientali e la regolamentazione del prelievo venatorio. 9.2
Obiettivi specifici del Piano Faunistico‐venatorio della provincia di Ancona Il PFV viene redatto nel perseguimento degli obiettivi previsti dalla normativa vigente in materia e da quelli indicati dai CIPFV, che possono essere sintetizzati in linea generale: ‐
nella tutela della fauna; ‐
nella conservazione dell’ambiente naturale; ‐
nel prelevo venatorio sostenibile. Più in particolare l’obiettivo è quello di dare continuità all’azione pianificatoria e gestionale che è stata avviata con il PFV 2004‐2009, visti gli apprezzabili risultati conseguiti, risolvendo le criticità che si sono manifestate ed individuando nuove strategie, conseguenti all’evoluzione delle metodologie e delle tecnologie, per ottimizzare l’equilibrio tra la conservazione della natura ed il prelievo venatorio nel rispetto delle produzioni zoo‐agro‐forestali. Di seguito, per ciascun tema ambientale riconosciuto come pertinente (già identificati nel Rapporto Preliminare), vengono individuati gli obiettivi ambientali di riferimento che il piano si propone di perseguire. Gli obiettivi di sostenibilità sono le finalità che ci si prefigge di raggiungere tramite l’attuazione del PFV, attraverso le azioni previste nel perseguimento di una politica di sostenibilità economica, ambientale e sociale. Per ciascuna componente ambientale si possono delineare i relativi obiettivi di sostenibilità, che devono rispettare quanto previsto nella legislazione vigente e nei piani, programmi, accordi internazionali, direttive comunitarie sovraordinate che sono coerenti con il piano in oggetto. Nella tabella seguente si sintetizzano, per ciascuna componente ambientale, i macrobiettivi di sostenibilità delineati e gli obiettivi specifici. 20
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Tab. 4: Obiettivi di sostenibilità ambientale per ciascuna componente ambientale del PFV. COMPONENTE AMBIENTALE POPOLAZIONE ED ASPETTI SOCIOECONOMICI MACROBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI a) Evitare e/o ridurre conflitti fra aspetti di gestione faunistico‐
venatoria e aspetti sociali ed economici. Ob. a.1 Evitare e/o ridurre i conflitti con attività umane e produttive, con particolare riguardo ai settori agricolo e zootecnico, della pesca, della forestazione, del turismo naturalistico. b) Promuovere la crescita culturale e la cooperazione tra tutti gli stakeholders. Ob. b.1 Garantire l’informazione, la comunicazione e la partecipazione dei diversi attori interessati (soggetti coinvolti nella gestione faunistica e nell’attività venatoria, associazioni agricole, allevatori, associazioni ambientaliste, operatori del turismo naturalistico, etc), nella gestione, conservazione, fruizione degli habitat e della fauna. Responsabilizzazione e coinvolgimento dei soggetti coinvolti nella gestione faunistica e nell’attività venatoria. Ob. a.2 Prevenire conflitti di tipo sanitario, sociale ed economico nei confronti della popolazione umana. c) Rispettare le attività Ob. c.1 Pianificazione e regolamentazione dell’attività e tradizioni culturali venatoria in equilibrio tra esigenze di tipo sociale e correlate all’attività conservazione delle valenze faunistiche. venatoria. BIODIVERSITÀ – FAUNA d) Mantenere il giusto equilibrio fra attività venatoria e risorse faunistiche. Ob. d.1 Conseguimento della densità ottimale delle popolazioni di specie soggette a prelievo venatorio e la sua conservazione tramite la regolamentazione del prelievo stesso. Ob. d.2 Mantenimento/miglioramento degli equilibri ecologici, delle reti trofiche, della densità ottimale delle popolazioni faunistiche, con particolare attenzione alle specie di interesse conservazionistico, gestionale. Ob. d.3 Incremento delle conoscenze in merito allo status delle popolazioni faunistiche. Ob. d.4 Prevenzione dell’inquinamento genetico delle popolazioni naturali. Ob. d.5 Vigilanza e controllo sulle operazioni gestionali. e) Tutela della fauna Ob. e.1 Tutela e conservazione della fauna protetta e di protetta e di interesse interesse conservazionistico (ai sensi delle Direttive, conservazionistico accordi internazionali, Liste Rosse, normativa nazionale), con particolare attenzione agli obiettivi di conservazione dei Siti Natura 2000. 21
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) COMPONENTE AMBIENTALE MACROBIETTIVI BIODIVERSITÀ – f) Mantenimento delle Ob. f.1 Mantenimento e riqualificazione degli habitat E risorse ambientali e naturali e seminaturali al fine di favorire il naturale degli habitat incremento della fauna selvatica, con particolare attenzione ai siti Natura 2000 e agli obiettivi di conservazione degli stessi. VEGETAZIONE HABITAT BIODIVERSITÀ PAESAGGIO ECOLOGICHE OBIETTIVI SPECIFICI E – g) Conservare gli Ob. g.1 Mantenimento/miglioramento della Rete RETI ecosistemi e la Ecologica: garantire la qualità ambientale delle cores connettività tra di essi areas, della funzionalità dei corridoi ecologici e la connettività ecologica tra gli habitat, con particolare attenzione alla specie di interesse conservazionistico, gestionale, venatorio. Ob. g.2 Consolidamento delle funzioni territoriali dell’attività agricola e valorizzazione delle aree con valenza boschiva. Ob. g.3 Coordinamento tra le politiche di gestione di Parchi e Riserve e Siti Natura 2000. 9.3
Le azioni del PFV: Di seguito si identificano le azioni previste dal piano (descritte in dettaglio nel PFV) per il conseguimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale. AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZAC AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE 22
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 14. INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI CON LA FAUNA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV Tab. 5: rapporto tra obiettivi e azioni. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI A) EVITARE E/O RIDURRE CONFLITTI FRA ASPETTI DI GESTIONE FAUNISTICO‐VENATORIA E ASPETTI SOCIALI ED ECONOMICI Ob. EVITARE E/O RIDURRE I CONFLITTI CON AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA a.1 ATTIVITÀ UMANE E PRODUTTIVE, CON GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA PARTICOLARE RIGUARDO AI SETTORI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL AGRICOLO E ZOOTECNICO, DELLA CINGHIALE PESCA, DELLA FORESTAZIONE, DEL AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE TURISMO NATURALISTICO. AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI CON LA FAUNA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV Ob. PREVENIRE CONFLITTI DI TIPO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE a.2 SANITARIO, SOCIALE ED ECONOMICO AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI NEI CONFRONTI DELLA POPOLAZIONE CON LA FAUNA UMANA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA 23
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI B) PROMUOVERE LA CRESCITA CULTURALE E LA COOPERAZIONE TRA TUTTI GLI STAKEHOLDERS Ob. GARANTIRE L’INFORMAZIONE, LA AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) b.1 COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO DEI DIVERSI ATTORI INTERESSATI (SOGGETTI COINVOLTI NELLA GESTIONE FAUNISTICA E NELL’ATTIVITÀ VENATORIA, ASSOCIAZIONI AGRICOLE, ASSOCIAZIONI ALLEVATORI, AMBIENTALISTE, OPERATORI DEL TURISMO NATURALISTICO, ETC), NELLA CONSERVAZIONE, GESTIONE, FRUIZIONE DEGLI HABITAT E DELLA FAUNA; RESPONSABILIZZAZIONE COINVOLGIMENTO DEI COINVOLTI NELLA FAUNISTICA E E SOGGETTI GESTIONE NELL’ATTIVITÀ VENATORIA. AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 14. INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV C) RISPETTARE LE ATTIVITÀ E TRADIZIONI CULTURALI CORRELATE ALL’ATTIVITÀ VENATORIA Ob. PIANIFICAZIONE c.1 REGOLAMENTAZIONE VENATORIA ESIGENZE IN DI CONSERVAZIONE FAUNISTICHE. E DELL’ATTIVITÀ EQUILIBRIO TIPO SOCIALE DELLE TRA E VALENZE AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE DI ZAC AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 14 INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO 24
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. D) MANTENERE IL GIUSTO EQUILIBRIO FRA ATTIVITÀ VENATORIA E RISORSE FAUNISTICHE Ob. CONSEGUIMENTO DELLA DENSITÀ AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE d.1 OTTIMALE DELLE POPOLAZIONI DI FAUNISTICA SPECIE SOGGETTE A PRELIEVO VENATORIO E LA SUA CONSERVAZIONE TRAMITE LA REGOLAMENTAZIONE DEL PRELIEVO STESSO. AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE DI ZAC AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE Ob. MANTENIMENTO/MIGLIORAMENTO AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) d.2 DEGLI EQUILIBRI ECOLOGICI, DELLE RETI AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO TROFICHE, DELLA DENSITÀ OTTIMALE AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE DELLE POPOLAZIONI FAUNISTICHE, CON FAUNISTICA PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO, GESTIONALE. AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO Ob. INCREMENTO DELLE CONOSCENZE IN AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV d.3 MERITO ALLO STATUS DELLE POPOLAZIONI FAUNISTICHE. Ob. PREVENZIONE DELL’INQUINAMENTO AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO d.4 GENETICO DELLE POPOLAZIONI NATURALI. Ob. VIGILANZA E CONTROLLO SULLE AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E d.5 OPERAZIONI GESTIONALI ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV 25
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI E) TUTELA DELLA FAUNA PROTETTA E DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Ob. TUTELA E CONSERVAZIONE DELLA AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 e.1 FAUNA PROTETTA E DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO (AI SENSI DELLE DIRETTIVE, ACCORDI INTERNAZIONALI, LISTE ROSSE, NORMATIVA CON PARTICOLARE NAZIONALE), ATTENZIONE AGLI CONSERVAZIONE DEI OBIETTIVI DI SITI NATURA 2000. F) MANTENIMENTO DELLE RISORSE AMBIENTALI E DEGLI HABITAT Ob. MANTENIMENTO E RIQUALIFICAZIONE AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO f.1 DEGLI HABITAT NATURALI E AMBIENTALE SEMINATURALI AL FINE DI FAVORIRE IL AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 NATURALE INCREMENTO DELLA FAUNA SELVATICA, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI SITI NATURA 2000 E AGLI OBIETTIVI DI CONSERVAZIONE DEGLI STESSI. G) CONSERVARE GLI ECOSISTEMI E LA CONNETTIVITÀ TRA DI ESSI AZ. 2 REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO Ob. MANTENIMENTO/MIGLIORAMENTO g.1 DELLA RETE ECOLOGICA: GARANTIRE LA AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE QUALITÀ AMBIENTALE DELLE CORES AI SENSI DELLA L. 394/91 AREAS, DELLA FUNZIONALITÀ DEI AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE CORRIDOI ECOLOGICI E LA FAUNISTICA CONNETTIVITÀ ECOLOGICA TRA GLI HABITAT, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO, AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 GESTIONALE, VENATORIO. Ob. CONSOLIDAMENTO DELLE FUNZIONI AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA g.2 TERRITORIALI DELL’ATTIVITÀ AGRICOLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA E VALORIZZAZIONE DELLE AREE CON VALENZA BOSCHIVA. AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE Ob. COORDINAMENTO TRA LE POLITICHE DI AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE g.3 GESTIONE DI PARCHI E RISERVE E SITI AI SENSI DELLA L. 394/91 NATURA 2000. AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 26
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) A.3. LE SCELTE DI PIANO E LE ALTERNATIVE VALUTATE La pianificazione territoriale provinciale non può prescindere dalle indicazioni dei CIPFV, sulla base delle quali sono state individuate, sulla superficie soggetta alla pianificazione faunistico‐venatoria (SPFV), le superfici assegnate alle diverse tipologie di istituto, riportate nella seguente tabella. Tab. 6: superfici assegnate alle diverse tipologie di istituto (2012‐2016) dai CIPFV. SUPERFICI ASSEGNATE DAI CIPFV Istituti Ha
% Totale SPFV della Provincia di Ancona 167.439
100,00 Territorio di caccia programmata – sup. min. garantita
116.444
69,54 Tot. per Istituti – sup. max teorica 50.995
30,46 Aree Protette – sup. max
34.873
20,83 Aree Protette – sup. min.
26.497
15,82 AFV e AATV – sup. max 12.297
7,34 ZAC max 2.550
1,52 CPPS max 1.275
0,76 Di seguito si riportano le motivazioni che hanno guidato alla definizione della pianificazione territoriale, pur restando nei limiti imposti dalle normative e dai CIPFV. Le aree protette In base all’art. 3, comma 1 – lett. a) della L.R. 7/95, come modificata dalla L.R. 15/2011, gli istituti protetti comprendono: I parchi e le riserve naturali ai sensi della L. 394/91; La pianificazione di questa tipologia di aree protette non viene adottata attraverso il PFV. Pertanto si prende atto che attualmente una porzione del territorio è occupato da tali istituti. Le Oasi di protezione faunistica Si ravvisa che le Oasi esistenti mantengono dei valori naturalistici tali da non poter ipotizzare la revoca delle stesse. Il PFV non rileva nel territorio provinciale ulteriori aree con particolari emergenze faunistiche, che possono far presupporre di vincolare ulteriore zone, fatta eccezione per una piccola porzione di zona umida ove si segnala la presenza di avifauna nidificante nel comune di Jesi. Le Zone di Ripopolamento e Cattura Considerato che la superficie destinata alle ZRC nel passato quinquennio ha soddisfatto sufficientemente le esigenze di produttività di fauna per le finalità di ripopolamento del territorio di caccia programmata, si ritiene che possa essere garantita una superficie analoga per l’istituzione delle nuove ZRC. Pertanto le ZRC 27
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) possono occupare un massimo di ha 14.000 di SPFV. Rispetto alla carte delle vocazioni faunistiche, le ZRC devono insistere, anche parzialmente, in quadranti di valore medio o buono o alto. Centri Pubblici e Privati di riproduzione della fauna allo stato naturale la cui superficie complessiva non può occupare più del 2% del territorio precluso alla caccia; La SPFV che viene destinata a tali istituti è finalizzata a garantire la possibilità di mantenere quelli esistenti ed ricomprendere le Zone Ambientamento Fauna, che devono essere trasformate in Centri Pubblici, per un totale di massimo 3.000 ha. I CPPS devono avere dimensioni minime di ha 100 e massime di ha 500. Le ZAF esistenti che gli ATC intendono confermare senza modificazione di confini, e che vengono pertanto trasformate in CPPS, possono in deroga avere superficie inferiore a ha 100. Zone di Addestramento Cani (ZAC) permanenti, la cui superficie complessiva non può interessare più del 2% del territorio inibito alla caccia; Considerata la pianificazione preesistente e le esigenze tecniche di allenare ed addestrare i cani, per ogni tipologia di ZAC si destinano le seguenti relative SPFV: ZAC di tipo B: ha 1.200 (devono avere dimensione minima di ha 300 e massima di ha 900) ZAC di tipo C: ha 395 (quelle che funzionano con l’abbattimento della fauna di allevamento non possono interessare le aree della carta della Naturalità indicate con valori medio – alto – molto alto). ZAC di tipo D: ha 5 ZAC previste dal comma 9 dell’art. 33 della L.R. 7/85: ha 200 Totale ZAC: ha 1.800 Fondi chiusi e sottratti alla gestione programmata della caccia fondi chiusi e sottratti alla gestione programmata della caccia. In base alla pianificazione pregressa e rispetto alle esigenza di vietare la caccia attraverso gli altri Istituti di protezione il PFV stabilisce di destinare alle aree che possono essere inibite al prelievo venatorio ai sensi dell’art. 21 della L.R. 7/95, un massimo di ha. 800. Possono essere esclusi dal territorio cacciabile i fondi in cui vengono realizzate tecniche di coltivazione sperimentali, tecniche di coltivazione biodinamiche, terreni in cui si svolgono attività di ricerca in campo agronomico e forestale, terreni che fanno parte di proprietà agricole che svolgono attività turistiche quali agriturismo e bad and breakfast, o didattico‐educative quali fattorie didattiche. Gli istituti di gestione privatistica della caccia (AFV e AATV) Posto che deve essere assicurata una SPFV agli istituti esistenti pari ad ha 5.949, in quanto i termini della concessione non coincidono con quelli di scadenza del PFV, e che i CIPFV determinano che la Provincia debba realizzare almeno un bando per offrire la possibilità di realizzarne ulteriori, si destina a tale tipologia di istituti una SPFV massima di ha 7.400 di cui: ha 6.800 per AFV e ha 600 per AATV. Le AFV di nuova costituzione non possono avere SPFV inferiore ad ha 600, mentre le AATV devono avere una SPFV non inferiore ad ha 300 e non superiore ad ha 600. Le AFV possono essere istituite di preferenza nell’ambito dei territori caratterizzati da un valore medio, alto e molto della Carta della Naturalità e comunque non possono essere concesse quando interessate, anche parzialmente, dalla presenza di territori con valore molto basso della Carta della Naturalità. 28
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Le AATV non possono essere istituite quando ricadenti, anche parzialmente, in territori della Carta della Naturalità aventi valori molto alto – alto ‐ medio, mentre possono essere concesse preferenzialmente quando interessano, anche parzialmente, territori con valore molto basso della Carta della Naturalità. Quadro di sintesi della pianificazione territoriale a fini faunistici Nella seguente tabella si riporta sintesi della destinazione di superficie ai diversi istituti comparata con la SPFV assegnata dai CIPFV e quindi la superficie minima garantita prevista per il Territorio di Gestione Programmata della Caccia. Tab. 7: superfici assegnate alle diverse tipologie di istituto (2012‐2016) dal PFV. Istituto SPFV assegnata SPFV assegnata dai SPFV residua CIPFV Parchi e Riserve naturali – L. 394/91 ha 14.684 Oasi di protezione ha 2.500 ZRC ha 14.200 Centri pubblici e privati produzione fauna ha 3.000 ZAC ha 1800 Fondi sottratti – art. 21 della L.R. 7/95 ha 800 Totale aree protette ha 36.984 ha 38.698 ha 1.714 AFV ha 6.800 AATV ha 600 Tot. Istituti di gestione privatistica ha 7.400 ha 12.297 ha 4.897 TGPC minimo garantito ha 123.055 ha 116.444 Rispetto alle superfici massime destinate agli istituti faunistici risulta che il TGPC minimo che viene garantito con il PFV è pari a ha 123.055, ripartito omogeneamente tra i due ATC, garantendo all’ATC AN1 circa ha 59.030 e all’ATC AN2 circa ha 64.025 di territorio cacciabile. La Zone per la gestione ed il prelievo venatorio del Cinghiale In base a quanto previsto al § 7.3 dei CIPFV, il territorio provinciale viene ripartito i 3 zone finalizzate ad una gestione del Cinghiale che prevede densità obiettivo della specie entro i seguenti valori: ‐
Zona “A”: densità non superiore a n. 5 cinghiali/kmq; ‐
Zona “B”: densità non superiore a n. 2 cinghiali/kmq; ‐
Zona “C”: densità tendente a 0 cinghiali/kmq. 29
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE B ‐ OBIETTIVI AMBIENTALI DI RIFERIMENTO 30
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) B.1. ANALISI DI COERENZA ESTERNA 9.4
Quadro pianificatorio, programmatico, legislativo di riferimento Il quadro pianificatorio e programmatico viene delineato con l’individuazione dei piani e dei riferimenti legislativi ritenuti attinenti con le previsioni di competenza del PFV. Questo step costituisce la prima considerazione da affrontare nell’analisi di coerenza esterna, attraverso la quale si verifica la congruenza degli obiettivi del piano in oggetto con il quadro programmatico sovraordinato e di settore e gli obiettivi di protezione ambientale e di sostenibilità stabiliti a livello superiore (internazionale, nazionale, regionale e provinciale). Tale step, denominato “Analisi di coerenza esterna”, permette di verificare la coerenza degli obiettivi e delle priorità dello strumento pianificatorio provinciale rispetto ai vari livelli di pianificazione e programmazione sovraordinata (internazionale, nazionale, regionale) tra cui si individuano i seguenti piani/programmi: Tab. 8: piani e documenti di riferimento. CONVENZIONI, ACCORDI INTERNAZIONALI E DIRETTIVE EUROPEE Parigi (18 ottobre 1950) Protezione degli uccelli: durante il periodo di riproduzione; la migrazione di ritorno (marzo‐luglio) e tutto l'anno per le specie minacciate di estinzione; regolamentazione mezzi di caccia. Ramsar (2 febbraio 1971) Conservazione zone umide di importanza internazionale e degli uccelli Acquatici.
Berna (19 settembre 1979). Conservazione vita selvatica e ambiente naturale in Europa, della flora e fauna selvatiche e degli habitats. Rio de Janeiro (5 giugno 1992). Conservazione della biodiversità, uso durevole dei suoi componenti, ripartizione equa dei benefici delle biotecnologie. Direttiva 92/43/CEE "Habitat" del 21 maggio 1992 relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. (GUCE L 206 del 22.7.1992). Direttiva 2009/147/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente la conservazione degli uccelli selvatici del 30 novembre 2009 (GUCE n. L 20/7 del 26/01/2010). PIANI E STRUMENTI LEGISLATIVI NAZIONALI L. n. 6 dicembre 1991, n. 394. Legge quadro sulle aree protette e ss.mm.ii; (GU 13 dicembre 1991, n. 292, S.O.). L. 157/92 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio, in attuazione dell'articolo 9 della direttiva 79/409/CEE. e ss.mm.ii; (GU, serie generale, n. 46 del 25 febbraio 1992). DPR n. 357 del 8/09/97 “Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 92/43 CEE relativa alla conservazione degli habitat e semi naturali, nonché della flora e della fauna selvatica” e ss.mm.ii. (S.O. alla G.U. n. 248 del 23 ottobre 1997). Decreto ministeriale 17 ottobre 2007. Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione 31
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS). (GU n. 258 del 6‐11‐
2007). PIANI E STRUMENTI LEGISLATIVI REGIONALI L.R. 7/95 e ss.mm.ii, e regolamenti regionali ad essa riferiti. Legge Regionale 28 aprile 1994, n. 15 “Norme per l’Istituzione e gestione delle aree protette naturali”. Criteri ed Indirizzi per la Pianificazione Faunistico‐Venatoria 2010‐2015 (D.A. 5/2100). PPAR (D.G.R. n. 197 del 03.11.1989). Attualmente in fase di aggiornamento, con D.G.R. N. 140/2010 è stato approvato il documento preliminare per la verifica e l'adeguamento del P.P.A.R. al Codice dei beni culturali e del paesaggio e alla Convenzione europea del paesaggio. L.R. n. 52 del 20 dicembre 1974. Provvedimenti per la tutela degli ambienti naturali. (B.U.R. 31 dicembre 1974, n. 53). L. R. 12 giugno 2007, n. 6. Modifiche ed integrazioni alle Leggi regionali 14 Aprile 2004, n. 7, 5 Agosto 1992, n. 34, 28 ottobre 1999, n. 28, 23 Febbraio 2005, n. 16 e 17 Maggio 1999, n. 10 ‐ Disposizioni in materia ambientale e rete natura 2000. (BUR n. 55 del 21/06/2007). Legge regionale 18 luglio 2011, n. 15. "Modifiche alla Legge Regionale 5 gennaio 1995, n. 7 "Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell'equilibrio ambientale e disciplina dell'attività venatoria". DGR n. 1471 del 27/10/2008. DPR 357/97 ‐ Decreto ministeriale 17 ottobre 2007 ‐ Adeguamento delle misure di conservazione generali per le zone di protezione speciale di cui alla direttiva 79/409/CEE e per i siti di importanza comunitaria di cui alla direttiva 92/43/CEE. (B.U.R. n. 105 del 7 novembre 2008). Piano Forestale Regionale (PFR). Legge Regionale 23 febbraio 2005, n. 6, articolo 4. (D.G.R. n. 114 del 26.02.2009). Piano di sviluppo rurale (PSR) delle Marche 2007‐2013. (D.A. n. 153 del 2/02/2010). PIANI E STRUMENTI PIANIFICATORI PROVINCIALI Regolamenti provinciali di settore. STRUMENTI PROGRAMMATICI Strategia regionale per lo sviluppo sostenibile 2006‐2010 ‐STRAS (D.A.C.R. n. 44 del 30 gennaio 2007). ALTRI PIANI TERRITORIALI Piani dei Parchi e Riserve Naturali (L. 349/91, L.R. 15/94). 9.5
Obiettivi di riferimento Di seguito vengono individuati gli obiettivi contenuti nei piani/strumenti normativi sopra elencati, che hanno attinenza con il PFV. Per semplicità di analisi, vengono analizzati gli strumenti di carattere sottordinato, dal momento che recepiscono gli indirizzi e le linee di principio dettate dagli strumenti ad essi sovraordinati da cui derivano i propri obiettivi. Ne consegue che l’analisi si concentrerà prevalentemente su strumenti di livello regionale e provinciale. 32
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Per quanto concerne gli indirizzi dettati dai livelli di tutela e dai vincoli presenti, questi sono stati già esaminati tramite analisi cartografica per la delineazione delle ipotesi del PVF, trasponendoli sul territorio per guidare nelle scelte di piano. L. 157/92, L.R. 7/95, L.R 15/2011, CIPFV La pianificazione faunistico‐venatoria è finalizzata “per quanto attiene alle specie carnivore, alla conservazione delle effettive capacità riproduttive e al contenimento naturale di altre specie e, per quanto riguarda le altre specie, al conseguimento della densità ottimale e alla sua conservazione mediante la riqualificazione delle risorse ambientali e la regolamentazione del prelievo venatorio.” La legge, inoltre, recepisce integralmente, facendone propri i principi fondanti, le seguenti direttive: -
79/409/CEE “Uccelli” del Consiglio del 2 aprile 1979; -
85/411/CEE della Commissione del 25 luglio 1985; -
91/244/CEE della Commissione del 6 marzo 1991; -
Convenzione di Parigi del 18 ottobre 1950; Convenzione di Berna del 19 settembre 1979. DPR n. 357/97, LR 6/2007, DGR n. 1471/2008 Il DPR n. 357/97, recependo la Direttiva Habitat 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche, mira alla salvaguardia della biodiversità mediante la conservazione delle specie e degli habitat. L’obiettivo è assicurare il mantenimento, o il ripristino, in uno stato di conservazione soddisfacente degli habitat naturali e delle specie di fauna e flora selvatiche di interesse comunitario, anche attraverso l’istituzione di Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e di Zone Speciali di Conservazione (ZPS). La DPR 357/97 prevede che le procedure da essa disciplinate, tengano conto delle esigenze economiche, sociali e culturali, nonché delle particolarità regionali e locali. La LR 6/2007 disciplina le procedure per l'individuazione e la gestione dei siti della Rete Natura 2000 a livello regionale mentre la DGR n. 1471/2008, recependo il DM 17 ottobre 2007, indica le misure minime di conservazione relative a SIC e a ZPS. La pianificazione e programmazione territoriale, e quindi anche il PFV, deve tenere conto delle valenze naturalistico ‐ ambientali dei siti Natura 2000 individuati. Convenzione di Ramsar La Convenzione riconosce l’importanza delle zone umide e delle loro funzioni ecologiche fondamentali come regolatori del regime delle acque e come habitat di una flora e di una fauna caratteristiche ed in particolare, di uccelli acquatici. Si arriva al riconoscimento delle zone umide come una risorsa di grande valore economico, culturale, scientifico e ricreativo, la cui perdita sarebbe irreparabile. L’obiettivo è la tutela delle zone umide, della loro flora e fauna, per arrestarne la scomparsa e la progressiva invasione da parte dell'uomo, riconoscendo gli uccelli acquatici come risorsa internazionale, attraverso una internazionale coordinata. Gli stati contraenti devono favorire, nei limiti del possibile, il razionale utilizzo delle zone umide che si trovano sul loro territorio e devono designare le zone umide del proprio territorio da inserire nell'Elenco dei Siti Ramsar, adottare le misure necessarie per essere informati, al più presto possibile, delle modifiche 33
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) delle condizioni ecologiche delle zone umide, situate sul suo territorio e inserite nell'Elenco che si sono verificate o si stanno verificando e potranno verificarsi in seguito allo sviluppo tecnologico, alla polluzione o ad altri tipi di interventi da parte dell'uomo. Le Parti contraenti incoraggiano le ricerche e gli scambi di dati e pubblicazioni, relativi alle zone umide, alla loro flora e fauna, favorendo la formazione di personale competente per lo studio, la gestione e la sorveglianza delle zone umide. Convenzione di Rio de Janeiro La Convenzione persegue la tutela della diversità biologica, nell'espressione delle varietà di tutti gli organismi viventi negli ecosistemi del pianeta. Si pongono i seguenti obiettivi: assicurare la conservazione della diversità biologica in situ ed ex situ, garantire l'utilizzo sostenibile dei suoi componenti e la corretta ed equa distribuzione dei benefici derivanti dall'utilizzazione delle risorse genetiche, a livello globale. La Convenzione è il primo accordo globale ed esteso, rivolto a tutti gli aspetti della diversità biologica: risorse genetiche, specie ed ecosistemi. Riconosce, per la prima volta, che la conservazione della diversità biologica è un problema comune per l'intera umanità e parte integrante del processo di sviluppo. Per raggiungere i suoi obiettivi, la Convenzione, in accordo con lo spirito della Dichiarazione sull'Ambiente e lo Sviluppo di Rio, promuove una rinnovata collaborazione tra i Paesi. Le sue disposizioni sulla cooperazione tecnico‐scientifica, l'accesso alle risorse genetiche ed il trasferimento di tecnologie compatibili con l'ambiente formano la base di questa collaborazione. L. n. 394/1991, LR 15/1994 La legge regionale 15/1994, nell'ambito dei principi fondamentali stabiliti dalla L. n. 394/1991, e dalla normativa del PPAR, detta norme per l'istituzione e gestione delle aree naturali protette d'interesse regionale allo scopo di: a) applicare metodi di gestione o di restauro ambientale idonei a garantire una integrazione tra uomo e ambiente naturale, anche mediante la salvaguardia di valori antropologici, archeologici, storici e architettonici e delle attività agro‐silvo‐pastorali e tradizionali; b) conservare le specie animali e/o vegetali, le associazioni vegetali, forestali, le singolarità geologiche, le formazioni paleontologiche di comunità biologiche, i biotipi, i valori scenici e panoramici, i processi naturali, gli equilibri idraulici ed idrogeologici, gli equilibri ecologici, il patrimonio biogenetico; c) promuovere le attività di educazione, di formazione e di ricerca scientifica anche interdisciplinare nonché le attività ricreative compatibili; d) difendere e ricostruire gli equilibri idraulici e idrogeologici; e) promuovere la qualificazione delle condizioni di vita e di lavoro delle popolazioni locali, nonché le attività agro‐silvo‐pastorali. Nelle aree regionali protette si intende favorire la valorizzazione e la sperimentazione delle attività produttive compatibili con l'esigenza di tutela dell'ambiente e si promuove la più ampia partecipazione delle forze sociali presenti nel territorio e degli enti locali con i quali sono ricercate forme di collaborazione ed intesa. 34
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) PPAR Attualmente in fase di aggiornamento, con DGR. n. 140/2010 è stato approvato il documento preliminare per la verifica e l'adeguamento del PPAR al Codice dei beni culturali e del paesaggio e alla Convenzione europea del paesaggio. Il PPAR ha l’obiettivo generale di disciplinare gli interventi sul territorio con il fine di conservare l’identità storica, garantire la qualità dell’ambiente e il suo uso sociale, assicurando la salvaguardia delle risorse territoriali. Il piano riassorbe il complesso di vincoli esistenti in materia paesistico ‐ ambientale in un regime più organico, esteso ed articolato di salvaguardia, esplicitando e definendo le caratteristiche paesistiche ed ambientali sia delle aree vincolate che di quelle non coperte da vincolo, in modo da individuare lo specifico regime di tutela. Gli obiettivi principali perseguiti dal PPAR, sono: -
il riconoscimento del valore culturale del paesaggio; -
il recupero del tessuto urbano in tutte le sue parti, scoraggiando la crescita dimensionale del costruito che frammenta il territorio e finisce per distruggerne l’identità; -
il mantenimento degli equilibri più delicati esistenti fra naturale e costruito (es. centri storici e paesaggio agrario); -
la coniugazione della tutela dell’ambiente con la presenza dell’uomo; -
la tutela del paesaggio agricolo, particolarmente laddove si abbia contiguità con gli insediamenti storici. L.R. n. 52/74 La presente legge si propone, a livello regionale, di sviluppare nella collettività una adeguata coscienza dei problemi ecologici nonché di tutelare l'ambiente naturale. Quest’ultimo obiettivo viene perseguito anche tramite la delimitazione delle aree soggette a tutela delle specie floristiche rare o in via di estinzione. La Regione intende, inoltre, promuove la divulgazione dei problemi della tutela ambientale ed ecologica e la formazione della coscienza ecologica dei cittadini, in particolare dei giovani, attraverso convegni, pubblicazioni, conferenze, dibattiti e concorsi. PFR, LR 6/2005 La LR 6/2005 disciplina le azioni e gli interventi diretti allo sviluppo del settore forestale, nonché alla salvaguardia dei boschi, delle siepi, degli alberi e dell'assetto idrogeologico del territorio (art. 1). A tale scopo la legge prevede che la Giunta forestale predisponga il PFR con la finalità di perseguire la valorizzazione e la tutela delle risorse forestali, per la definizione e la programmazione degli interventi nel settore forestale (art. 4, LR 6/2005). Tra gli obiettivi strategici del PFR, coerenti con il PFV, si individua la tutela dell'ambiente, attraverso il mantenimento e la conservazione della biodiversità negli ecosistemi forestali e il miglioramento del loro contributo al ciclo globale del carbonio, la conservazione delle funzioni protettive nella gestione forestale, con particolare riguardo all'assetto idrogeologico e alla tutela delle acque. PSR Il PSR si articola in ASSI per i quali sono state individuate AZIONI CHIAVE da attuare per il perseguimento delle finalità del piano. Tra gli obiettivi del PSR coerenti con PFV, si può individuare il seguente: “Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale” (ASSE II), che vuol essere raggiungo tramite le seguenti azioni” (Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Piano di Sviluppo Rurale (PSR) 2007 – 2013): 35
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) ‐
Sostegno all’agricoltura a basso impatto e per la tutela del suolo e delle acque; ‐
Mantenimento e ampliamento delle superfici forestali regionali; ‐
Interventi per la tutela e la valorizzazione del paesaggio rurale. STRAS La STRAS si articola in 4 aree di intervento, per ciascuna delle quali sono definiti i rispettivi macro obiettivi ed obiettivi specifici. Di seguito si riportano i macro obiettivi associati all’area di intervento 2. Natura e biodiversità, attinente al piano in oggetto: ‐
Riduzione delle emissioni di gas climalteranti ‐
Conservazione degli ecosistemi ‐
Riduzione dell’impatto ambientale dell’agricoltura e conservazione dello spazio rurale ‐
Garantire una sviluppo territoriale integrato ‐
Proteggere il territorio dai rischi idrogeologici, idraulici e sismici ‐
Prevenire la desertificazione ‐
Ridurre l’inquinamento del suolo e del sottosuolo 9.6
Coerenza tra obiettivi di PFV e obiettivi di riferimento Tab. 9: analisi di coerenza esterna. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV PIANI E STRUMENTI LEGISLATIVI a1 a2 b1 c1 d1 d2 d3 d4 d5 e1 L 157/92, LR 7/95, CIPFV DPR 357/97, LR 6/2007, DGR 1471/2008. CONVENZIONE RAMSAR CONVENZIONE RIO DE JANEIRO L 349/1991, LR 15/1994 PPAR LR N. 52 /74 PFR PSR STRAS 36
g1 g2 g3 f1 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) B.2. ANALISI DI COERENZA INTERNA. Di seguito si riporta l’analisi del rapporto tra obiettivi del PFV e relative azioni individuate per il loro conseguimento. Tab. 10: analisi di coerenza interna. AZIONI/OBIETTIVI a1 a2 b1 c1 d1 d2 AZIONE 1 AZIONE 2 AZIONE 3 AZIONE 4 AZIONE 5 AZIONE 6 AZIONE 7 AZIONE 8 AZIONE 9 d3 e1 f1 g1 g2 g3 AZIONE 10 AZIONE 11 AZIONE 12 AZIONE 13 AZIONE 14 AZIONE15 AZIONE 16 AZIONE 17 AZIONE 18 AZIONE 19 AZIONE 20 AZIONE 21 AZIONE 22 AZIONE 23 AZIONE 24 37
d5 d4 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE C ‐ INQUADRAMENTO DEL CONTESTO AMBIENTALE E TERRITORIALE DI RIFERIMENTO 38
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) C.1 AMBITO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO. Il PFV ha competenza provinciale, pertanto l’ambito di riferimento si configura come il territorio amministrativo della Provincia di Ancona. Da sottolineare che il PFV ha competenza solo nel territorio esterno ad aree protette (AAPP). Nella valutazione degli impatti si terrà conto anche dei possibili effetti di margine, nei confronti delle province limitrofe, anche se non comprese nel territorio di azione del piano in oggetto. Il quadro conoscitivo è stato affrontato secondo lo schema proposto nel R.P., considerando i diversi temi ambientali ritenuti pertinenti e recependo le indicazioni emerse in seguito alle consultazioni in fase di scoping. In alcuni settori non è stato possibile recepire informazioni e serie storiche, per mancanza di studi o monitoraggi pregressi, o perché i dati non sono risultati accessibili al momento della redazione del RA. L’indagine conoscitiva, affrontata di pari passo per PFV e VAS, è stata affrontata tramite i seguenti step: 
reperimento dei dati pregressi e delle analisi a disposizione; 
individuazione di indicatori in grado di rappresentare le componenti considerate; 
analisi dei trend, qualora possibile. Importante documento di riferimento per l’analisi del contesto ambientale è stata la relazione di sintesi della prima fase del progetto Rete Ecologica Marche – REM (Regione Marche, 2011). La finalità di tale progetto è l’individuazione delle aree chiave per garantire il funzionamento del sistema di rete ecologica a livello regionale. L’obiettivo è quello di tutelare l'integrità dei processi ecologici e dei relativi servizi ecosistemici attraverso azioni atte ad aumentare la qualità del paesaggio e mitigare la frammentazione del territorio per conservare la vitalità delle popolazioni e delle comunità animali e vegetali ed indirizzare le trasformazioni su porzioni di risorse rinnovabili e non inibenti i processi da mantenere. La REM, in tal senso, acquisisce il valore di Piano–Programma di miglioramento ecologico del territorio, a supporto anche di altri strumenti di pianificazione. Il piano faunistico, che coinvolge in primis il tema ambientale della biodiversità e della gestione degli habitat ed in particolare della fauna, può utilmente confrontarsi con le basi conoscitive e gli indirizzi della REM. Un particolare approfondimento è stato dedicato ai siti Natura 2000 insistenti nel territorio provinciale. Le analisi effettuate, per semplicità metodologica, sono riportate nella Valutazione di Incidenza allegata al presente RA. 9.7
Inquadramento territoriale dell’ambito di riferimento Il territorio della provincia di Ancona (sup. di 2041 Km2) comprende un settore appenninico di limitata superficie, una più vasta area collinare a tratti pianeggiante fino ad arrivare alla linea costiera, che si contraddistingue per la presenza di coste basse e sabbiose tranne che in corrispondenza del promontorio del Monte Conero (572 m s.l.m.). 39
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Il territorio provinciale si caratterizza, dl punto di vista geologico, dalla successioni litostratigrafia umbro‐
marchigiana, affiorante largamente nella porzione più interna del suo territorio e nell’area del Monte Conero. Nella parte più orientale della provincia, la successione sopra menzionata è ricoperta da una successiva successione litostratigrafica di origine marina‐pelitica (sabbie, argille) generatasi tra pliocene inferiore e pleistocene inferiore. Localmente, i terreni di tali successioni sono ricoperti da detriti e depositi alluvionali presenti con spessori variabili e granulometrie disomogenee. Le varie formazioni sono state deformate nei tempi geologici, generando anticlinali e sinclinali la cui direzione prevalente segue l’asse NW‐SE. Le principali anticlinali che attraversano le Marche costituiscono due dorsali tra loro parallele, che confluiscono nella porzione meridionale della regione, nel massiccio dei Sibillini: la dorsale marchigiana, più orientale e pertanto compresa nel territorio regionale; la più occidentale, segna il confine tra Marche e Umbria, ed è difatti chiamata dorsale umbro‐machigiana. Tra le due si sviluppa una lunga e stretta depressione del sinclinoro camertino. I maggiori rilievi della dorsale più interna in ambito provinciale sono M. Strega (1.276 m), M. Testagrossa (1.175 m), M. Maggio (1.361 m) e M. Serra Santa (1.423 m), M. Nero (1.410 m). La dorsale marchigiana raggiunge la quota più elevata con il M. San Vicino (1.479 m) che continua verso NO con i M. Pietroso ( 1093 m), Revellone (841 m), Murano (882 m), Predicatore (736 m) e le più modeste cime del territorio di Arcevia. L’idrografia principale ha andamento trasversale rispetto alle dorsali appenniniche e alla linea di costa, costituita da fiumi paralleli di breve corso che formano, da nord a sud, i bacini di Cesano, Misa, Esino (il corso d’acqua principale della provincia), Aspio‐Musone. Nel settore collinare questi fiumi hanno dato origine ad alluvioni terrazzate di cospicuo spessore. 9.8
Le valenze e le tutele Per quanto attiene le valenze faunistiche e botanico‐vegetazionali, la provincia di Ancona presenta le seguenti tutele sancite dalla normativa e/o zone segnalate a livello nazionale o internazionale per le proprie valenze, rappresentate nella Carta delle valenze e delle tutele, riportata in allegato. 9.8.1
Aree protette (AAPP) ai sensi della L 349/91. Tre sono le aree protette, di carattere regionale, presenti in provincia di Ancona, descritte sinteticamente di seguito. (fonte dati: Regione Marche ‐ Territorio Ambiente ed Energia http://www.ambiente.regione.marche.it/Ambiente/Natura/ParchieRiserve.aspx). PARCO NATURALE REGIONALE DEL MONTE CONERO Anno istituzione: 1991 Sup.: 5.994 ha Comuni: Ancona, Camerano, Sirolo, Numana
Descrizione sintetica: Massiccio montuoso sito sul versante adriatico, immediatamente a sud di Ancona, il Conero costituisce un rilievo calcareo e calcareo‐marnoso sollevatosi dal mare verso la fine del Miocene e successivamente riunitosi, nel Quaternario antico, alla penisola italiana. La morfologia del complesso è stata determinata, oltre che da fenomeni di carattere tettonico, dall'azione delle forze erosive che ne hanno gradualmente modellato le superfici originando aspetti talvolta assai suggestivi, con tratti di costa a 40
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) falesia come quelli che si rinvengono fra l'area di Portonovo e Ancona. La tipica vegetazione dell'area è rappresentata dalla macchia mediterranea e, in particolare, dal corbezzolo che risulta essere la specie più diffusa. Dal punto di vista faunistico il Conero è un importante sito per la migrazione dell’avifauna. PARCO NATURALE REGIONALE GOLA DELLA ROSSA E DI FRASASSI Comuni: Arcevia, Cerreto d'Esi, Fabriano, Genga, Serra San Quirico. Sup.: 10.026 ha Anno istituzione: 1997 Descrizione sintetica: Si tratta di un'area di rilevante interesse naturalistico che include principalmente tre differenti biotopi: la Gola di Frasassi, una fra le più belle gole calcaree delle Marche, dove il carsismo ha dato origine a un sistema di complessi ipogei che, con la famosa Grotta del Vento, assumono un rilievo ed un interesse di valore indubbiamente mondiale; la Gola della Rossa, caratterizzata anch'essa da interessanti fenomeni carsici e dove sono rinvenibili specie assai interessanti come la Moehringia papulosa; infine la Valle Scappuccia alla quale si può accedere tramite una piccola quanto suggestiva forra naturale sulle pareti della quale si possono osservare considerevoli popolamenti di capelvenere. In generale la vegetazione dell'area, soprattutto nei versanti esposti a sud, è caratterizzata da specie più spiccatamente mediterranee quali il terebinto, la fillirea, il corbezzolo, mentre nei versanti esposti a nord prevalgono le specie più mesofile come l'orniello e il carpino nero o addirittura il faggio. Faunisticamente l'area del Parco offre rifugio a numerose specie di notevole interesse quali il lupo, l’aquila reale e il falco pellegrino. Nelle numerose e affascinanti grotte del comprensorio sono stati inoltre rinvenute grandi colonie di pipistrelli (oltre 12.000 miniotteri) che, proprio per tale motivo, sono tra le più importanti d’Europa. Tra la fauna cavernicola, oltre al geotritone è notevole ricordare la presenza del Niphargus, un raro e minuscolo crostaceo che popola i laghetti delle grotte RISERVA NATURALE REGIONALE DI RIPA BIANCA Comuni: Jesi Sup.: 318 ha Anno istituzione: 2003 Descrizione sintetica: Relitto di una passata attività estrattiva, l'area della riserva è situata lungo il fiume Esino a metà strada fra il Parco Gola della Rossa e la costa adriatica e presenta un ambiente caratterizzato da isolotti, aree di sponda ghiaiosi da stagni e da un piccolo bacino artificiale. Nella residua fascia di vegetazione ripariale predominano invece il salice rosso, quello bianco, e il pioppo, sia nero che bianco. La riserva, con i suoi diversi habitat è divenuta un importante sito di svernamento, nidificazione ed estivazione di numerose ed interessanti specie di uccelli come il cavaliere d'Italia. Qui è presente anche la più grande garzaia di aironi delle Marche in cui nidificano nitticore, aironi cenerini, garzette. 9.8.2
Aree Natura 2000 L’ambito di riferimento (Provincia di Ancona ‐ 195.881 ha) risulta interessato da 24 siti Natura 2000 tra cui: 
16 Siti di Importanza Comunitaria (SIC), di cui 5 interni ad aree protette, 8 completamente esterni e 3 parzialmente sovrapposti; 
8 Zone di Protezione Speciale (ZPS), di cui 1 interna ad aree protette, 3 completamente esterne e 4 parzialmente sovrapposte. 41
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Nelle tabelle che seguono si specifica il rapporto tra siti Natura 2000 presenti ed aree protette (AAPP) (ai sensi della L.349/91), specificando se SIC e ZPS sono completamente esterni od interni a Parchi e Riserve, o se hanno almeno una parte del loro territorio in sovrapposizione con esse. Tab. 11: rapporto tra aree protette e siti Natura 2000 Codice e denominazione sito Prov Area Tot (ha)
Esterno ad AAPP Completamente interno ad AAPP Parziale sovrappo‐
sizione ad AAPP SIC IT5320002 Valle Scappuccia AN 281 Interno Parco Gola Rossa e Frasassi IT5320003 Gola di Frasassi AN 692 Interno Parco Gola Rossa e Frasassi T5320004 Gola della Rossa AN 1.309 1220 ha ricompresi nel Parco Gola Rossa e Frasassi IT5320005 Costa tra Ancona e AN Portonovo 168 Interno Parco del Conero IT5320006 Portonovo e falesia AN calcarea a mare 132 Interno Parco del Conero 1.140 Interno Parco del Conero IT5320009 Fiume Esino in località AN Ripa Bianca 140 109 ha ricompresi nella Riserva Ripa Bianca IT5310019 AN, Monte Catria, Monte PU Acuto 8.481 (150 ha in prov. AN) X AN 55 X IT5320001 Monte lo Spicchio ‐ AN Monte Columeo ‐Valle di S. Pietro 967 X 1.062 595 ha ricompresi nel Parco Gola Rossa e Frasassi 202 X 1.494 (1490 ha in prov. AN) X IT5320007 Monte Conero AN IT5320008 Selva di Castelfidardo IT5320012 Valle Vite ‐ dell'Acquarella Valle AN IT5320013 Faggeto di San Silvestro AN IT5320011 AN, Monte Puro ‐Rogedano MC ‐ Valleremita 42
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Codice e denominazione sito Esterno ad AAPP Completamente interno ad AAPP Parziale sovrappo‐
sizione ad AAPP X IT5330009 Monte Giuoco del AN, 3.036 (561 ha Pallone ‐Monte MC in prov. AN) Cafaggio X IT5320014 Monte Nero e Serra AN Santa X IT5310031 Monte Catria, Monte AN, 8.883 (745 ha Acuto e Monte della PU in prov. AN) Strega X IT5320009 Fiume Esino in località AN Ripa Bianca 139 109 ha ricompresi nella Riserva Ripa Bianca Prov Area Tot (ha)
IT5320010 Monte Maggio ‐Valle AN dell'Abbadia 684 620 ZPS IT5320015 Monte Conero AN 1.768 Interno Parco del Conero IT5320016 Valle Scappuccia AN 1.019 839 ha ricompresi nel Parco Gola Rossa e Frasassi IT5320017 Gola della Rossa e di AN Frasassi 2.626 2.524 ha ricompresi nel Parco Gola Rossa e Frasassi IT5320018 Monte Cucco e Monte AN Columeo 1.266 X IT5330025 AN, Monte San Vicino e MC Monte Canfaito 4.707 (1.261 ha in prov. AN) 262 ha ricompresi nel Parco Gola Rossa e Frasassi IT5330026 Monte Giuoco Pallone 4.444 (1.431 ha in prov. AN) X AN, del MC Informazioni in merito ai siti quali cartografie, schede formulario, studi di approfondimento, si possono consultare ai seguenti link: 
Sito della Ministero dell’Ambiente – Biodiversità: ftp://ftp.scn.minambiente.it/Cartografie/Natura2000/schede_e_mappe/Marche/ 
Sito della Regione Marche – Territorio Ambiente Energia – Rete Natura 2000: http://www.ambiente.regione.marche.it/Ambiente/Natura/ReteNatura2000/Cartografia.aspx Nella Valutazione di Incidenza sarà approfondita l’analisi di queste zone. 43
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.8.3
Important Bird Area (IBA) Le IBA (Important Bird Area) sono siti individuati in tutto il mondo, sulla base di criteri ornitologici applicabili su larga scala, da parte di associazioni non governative che fanno parte di BirdLife International. Nell’individuazione dei siti, l’approccio del progetto IBA si basa principalmente sulla presenza significativa di specie considerate prioritarie per la conservazione, oltre ad altri criteri come la straordinaria concentrazione di individui, la presenza di specie limitate a particolari biomi, ecc. Nella provincia di Ancona insiste un’area IBA, la 085 ‐ “Monte Conero”, che include il promontorio del Conero e una piccola parte dell’IBA 212 ‐ “Monte Catria, Monte Acuto e Monte della Strega”, che si estende prevalentemente in provincia di Pesaro e Urbino, in corrispondenza del comprensorio omonimo. La prima si sovrappone al Parco Naturale Regionale del Monte Conero. La seconda, nell’inventario del 2000, faceva parte dell’IBA 086 ‐ “Gola del Furlo e Monte Catria” che è stata poi divisa nelle due IBA 212 e 213 ‐ “Furlo”. Queste corrispondono a due siti disgiunti già individuati indipendentemente come ZPS. Di seguito si riportano i dati inerenti le due IBA (Fonte dati: LIPU, 2002). IBA 085 ‐ “Monte Conero” DESCRIZIONE Nome e codice IBA 1998‐2000: Monte Conero ‐ 085 Superficie: 5.924 ha Descrizione e motivazione del perimetro: l’IBA include il promontorio calcareo del Conero a sudest della città di Ancona che degrada in un sistema di colline verso l’interno. Il Parco Regionale del Conero coincide con l’IBA. L’area è uno dei più importanti colli di bottiglia d’Italia per i rapaci migratori. Categorie e criteri IBA (*): B1iv, C5 IBA 212 ‐ “Monte Catria, Monte Acuto e Monte della Strega” DESCRIZIONE Nome e codice IBA 1998‐2000: Gola del Furlo e Monte Catria ‐ 086 Superficie: 4.932 ha Descrizione e motivazione del perimetro: l’IBA include una zona montana a nord‐ovest di Sassoferrato che corrisponde alla ZPS IT5310031‐ Monte Catria, Monte Acuto e Monte della Strega. Categorie e criteri IBA (*): C7 Specie (non qualificanti) prioritarie per la gestione: Coturnice (Alectoris graeca) Specie Popolazione Minima nidificante Popolazione Massima nidificante Aquila reale 1 Lanario 1 5 Pellegrino 1 5 Tottavilla 11 50 Calandro 11 50 Averla piccola 11 50 Ortolano 11 50 Coturnice 11 50 44
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) (*) LEGENDA CRITERI: Le IBA vengono identificate applicando un complesso sistema di criteri. Si tratta di soglie numeriche e percentuali applicate alle popolazioni di uccelli che utilizzano regolarmente il sito. Criteri di importanza a livello mondiale A1 Il sito ospita regolarmente un numero significativo di individui di una specie globalmente minacciata. A2 Il sito ospita regolarmente taxa endemici, incluse sottospecie presenti in Allegato I Direttiva "Uccelli". A3 Il sito ospita regolarmente una popolazione significativa di specie la cui distribuzione è interamente o largamente limitata ad un bioma (es. mediterraneo o alpino). A4 I Il sito ospita regolarmente più del 1% della popolazione paleartico‐occidentale di una specie gregaria di un uccello acquatico. A4 II Il sito ospita regolarmente più del 1% della popolazione mondiale di una specie di uccello marino o terrestre. A4 III Il sito ospita regolarmente più di 20.000 uccelli acquatici o 10.000 coppie di una o più specie di uccelli marini. A4 IV Nel sito passano regolarmente più di 20.000 grandi migratori (rapaci, cicogne e gru). Criteri di importanza a livello biogeografico B1 I Il sito ospita regolarmente più del 1% della popolazione di una particolare rotta migratoria o di una popolazione distinta di una specie gregaria di un uccello acquatico. B1 II Il sito ospita regolarmente più del 1% di una distinta popolazione di una specie di uccelli marini. B1 III Il sito ospita regolarmente più del 1% della popolazione di una particolare rotta migratoria o di una popolazione distinta di una specie gregaria di uccello terrestre. B1 IV Nel sito passano regolarmente più di 3.000 rapaci o 5.000 cicogne. B2 Il sito è di particolare importanza per specie SPEC 2 e SPEC 3 (specie con status di conservazione sfavorevole nell'Unione Europea secondo Tueker & Heath, 1994). B3 Il sito è di straordinaria importanza per specie SPEC 4 (specie concentrate in Europa, Tucker & Heath, 1994). Criteri di importanza a livello dell'Unione Europea C1 Il sito ospita regolarmente un numero significativo di individui di una specie globalmente minacciata. C2 Il sito ospita regolarmente almeno l'1% di una "flyway" o del totale della popolazione della UE di una specie gregaria inclusa in Allegato 1 della Direttiva "Uccelli". C3 Il sito ospita regolarmente almeno l'1% di una "flyway" di una specie gregaria non inclusa in Allegato 1 della Direttiva "Uccelli". C4 Il sito ospita regolarmente almeno 20.000 uccelli acquatici migratori o almeno 10.000 coppie di uccelli marini migratori. C5 Nel sito passano regolarmente più di 5.000 cicogne o 3.000 rapaci. C6 Il sito è uno dei 5 più importanti nella sua regione amministrativa per una specie o sottospecie inclusa in Allegato 1 della Direttiva "Uccelli". C7 Sito è già designato come ZPS o comunque meritevole di designazione su basi ornitologiche. 9.8.4
Aree Floristiche Protette ai sensi della L.R. n. 52/1974 Nella provincia di Ancona insistono 17 aree floristiche protette, elencate di seguito (Fonte dati: Schede descrittive delle aree floristiche protette – Regione marche Servizio Ambiente e Territorio, Aggiornamento: Gennaio 2009). Queste zone, designate ai sensi della L.R. n. 52/1974 si propongono di tutelare le valenza botanico‐
vegetazionali, in particolare piante rare o in via di estinzione e meritevoli di tutela. 45
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) DENOMINAZIONE SUPERFICIE (HA) COMUNI COLLOCAZIONE GEOGRAFICA QUOTA SOVRAPPOSIZIO‐
NE CON AAPP MONTE CONERO 1.061,00 Ancona, Sirolo ZONA LITORANEA da 0 a 572 m Rientra interamente nel Parco Naturale del Monte Conero 6,05 Senigallia ZONA COLLINARE da 30 a 90 m Castelfidardo ZONA COLLINARE da 20 a 130 m 32,87 Ancona ZONA COLLINARE da 100 a 240 m 69,46 Filottrano, Osimo ZONA COLLINARE da 75 a 130 m BOSCO DEI MONACI 30,78 BIANCHI Cupramontana ZONA COLLINARE da 220 a 370 m GOLA DELLA ROSSA Fabriano, Serra ZONA S. Quirico MONTANA SELVA MONTEDORO DI SELVA DI 36,83 CASTELFIDARDO SELVA GALLIGNANO DI BOSCHETTI COLLINARI PRESSO IL FIUME MUSONE 548,15 da 170 a 841 m Rientra parzialmente nel Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi MONTE SAN VICINO ha 775,50 Fabriano, Cerreto d’Esi (VALLE DELL’ACQUARELLA, VALLE VITE, VAL DI CASTRO) ZONA MONTANA da 320 a 1081 Rientra m parzialmente nel Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi GOLA DI FRASASSI 493,92 Fabriano, Genga ZONA MONTANA da 200 a 730 m VALLE SCAPPUCCIA 204,80 Genga ZONA MONTANA da 370 a 802 m Rientra interamente nel Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi BOSCHETTI 15,51 Sassoferrato ZONA da 460 a 520 m 46
Rientra interamente nel Parco naturale Gola della Rossa e di Frasassi PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) DENOMINAZIONE SUPERFICIE (HA) PLANIZIARI PRESSO S. GIOVANNI VALLEREMITA MONTE FANO COMUNI COLLOCAZIONE GEOGRAFICA MONTANA – 2.082,78 Fabriano ZONA MONTANA da 370 a 1155 m 0,61 Fabriano ZONA MONTANA 400 m 112,20 Sassoferrato ZONA MONTANA da 350 a 400 m Sassoferrato ZONA MONTANA da 1100 a 1276 m 1.391,33 Fabriano ZONA MONTANA da 460 a 1400 m 325,93 Sassoferrato ZONA MONTANA da 436 a 1200 m PRATO UMIDO PRESSO FABRIANO QUOTA SOVRAPPOSIZIO‐
NE CON AAPP FORMAZIONI A BOSSO LUNGO IL SENTINO SETTORI CULMINALI 45,99 DEL MONTE DELLA STREGA MONTE MAGGIO – MONTE NERO VERSANTE EST DEL MONTE CUCCO C.2. I TEMI AMBIENTALI E GLI INDICATORI AMBIENTALI. 9.9
I TEMI AMBIENTALI PERTINENTI 9.9.1
HABITAT E RETI ECOLOGICHE: vegetazione La Regione Marche già da tempo ha individuato una rete di Aree floristiche, riportate sopra, appositamente individuate per la conservazione delle risorse botanico vegetazionale, con la L.R. 52/74. Successivamente, il PPAR ha posto tra gli elementi centrali della sua architettura l'individuazione e tutela delle emergenze botaniche. A queste indagini volte all'individuazione di aree di particolare importanza per la conservazione della vegetazione si è successivamente aggiunta la definizione della Rete Natura 2000 (dir. 92/43/CEE “Habitat”) nell'ambito della quale le comunità vegetali hanno ovviamente giocato un ruolo essenziale per la perimetrazione dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC). La REM ha individuato una serie di aree focali, la Rete dei Nodi della Vegetazione, composta da: Aree floristiche, Emergenze Botanico Vegetazionali PPAR, SIC. Nella fase delle sintesi interpretative i nodi sono 47
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) stati selezionati ed aggregati a quelli per la fauna per giungere alla definizione del sistema dei nodi della REM. Dal Geodatabase della Vegetazione della REM è stata, inoltre, derivata la Carta della naturalità. Per la redazione di tale carta è stato utilizzato l’indice di conservazione del paesaggio (o Index of Landscape Conservation ‐ ILC) proposto da Pizzolotto & Brandmayr (1996) e utilizzato anche come Indice di Naturalità della Vegetazione (INV) in molti studi scientifico‐applicativi (Ferrari et al., 2000; APAT, 2003; Blasi et al., 2003). Si tratta di un indice che esprime la naturalità di un’area valutando, per ogni tipologia di vegetazione, la distanza dalla vegetazione climacica. La legenda utilizzata in questo studio della REM è costituita da 5 classi di uguale ampiezza (0.2) che individuano ambiti a naturalità crescente (Molto bassa, bassa, media, alta, molto alta). Valori prossimi all’unità denotano un territorio ad alta naturalità, mentre bassi valori di ILC indicano un paesaggio fortemente antropizzato. Altro elaborato della REM utile a fornire una rappresentazione critica del territorio, in particolare del valore floristico/vegetazionale, è la Carta della valenza geobotanica. Quest’ultima rappresenta un strumento per la valutazione del livello di qualità ambientale e di vulnerabilità dell’area di studio e permette di individuare le aree di maggior rilevanza per la conservazione della biodiversità fitosociologica, che hanno contribuito alla costruzione del sistema dei nodi della REM. Tiene conto delle caratteristiche di tipo naturalistico e/o biogeografico: diffusione, vulnerabilità, tipo di frammentazione e valore floristico delle singole comunità vegetali per evidenziare le tipologie di vegetazione su cui concentrare gli sforzi di gestione. Nelle pagg. seguenti: Fig. 1: carta della naturalità su territorio provinciale (Fonte dati: REM) Fig. 2: valenza geobotanica del territorio provinciale (Fonte dati: REM) 48
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 49
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 50
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.9.2
HABITAT E RETI ECOLOGICHE: fauna Gli studi della REM, sulla base dei rilievi effettuati (sia faunistici che botanico‐vegetazionali) e grazie all’utilizzo di specifici modelli e appositi parametri di qualità ambientale valutati faunisticamente, hanno portato alla rappresentazione del territorio secondo una gradualità di idoneità faunistica e funzionalità ecologica. A tale scopo è stato utilizzato l'Indice Faunistico Cenotico medio (IFm), che riassume in sé, attraverso le sue componenti, numerosi parametri quali la rarità, la complessità, la sensibilità, la fragilità e la vulnerabilità. La mappa che si ottiene dall’interpolazione dell’IFm permette di visualizzare le aree a maggior grado di naturalità, la loro distribuzione spaziale, il grado di frammentazione e la tendenza alla connessione, evidenziando le potenzialità della rete ecologica e mettendo in risalto le criticità. Dalle analisi si evidenzia come le zone a maggior qualità siano distribuite con estrema continuità lungo le dorsali montuose regionali che presentano scarsi elementi a bassa naturalità costituiti in gran parte da alcuni insediamenti ma, in particolare, dal reticolo stradale che determina il significativo rischio di frammentazione. Valori bassi di qualità e quindi di funzionalità ecologica, si registrano ove insiste la pesante infrastrutturazione soprattutto nella porzione più a mare, a ridosso dell’autostrada; importante è anche la componente agricola intensiva. Queste aree sono soggette e subiscono programmazioni d’area più vasta a cui si accompagna una urbanizzazione che si sviluppa lungo queste direttrici aumentando ancor più l’effetto barriera. Una certa fragilità si regista anche negli ambiti fluviali, in particolare nell’Unità Ecologico Funzionale del fiume Esino, causata in parte dall’infrastrutturazione dei corsi d’acqua e dalla perdita di funzioni dei sistemi di versante. La presenza di elementi antropogenici artificiali (zone urbane e industriali, infrastrutture viarie) nonché alcune modalità di gestione agronomica intensiva, in particolare lungo le direttrici legate alle infrastrutture lineari, determinano una progressiva frammentazione fino ad una separazione netta tra elementi territoriali in maniera anche importante, degli elementi di contiguità funzionale con estremo disturbo degli ambiti fluviali. Fig. 3: Idoneità faunistica del territorio provinciale sulla base IFm (Fonte dati: REM) 51
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 52
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.9.3
LA RETE ECOLOGICA: sistema di nodi e connessione della REM Anche in questo caso per l’analisi territoriale, ed il successivo confronto tra azioni di piano e contesto ambientale in cui si inseriscono, ci si è rifatti ampiamente alle elaborazioni per la REM (Regione Marche 2001), di cui si riportano in sintesi alcune elaborazioni e considerazioni. I lavori per la definizione della Rete Ecologica marchigiana sono partiti dall’analisi del sistema biologico regionale con l’individuazione degli elementi costituitivi del tessuto ecologico. Questo elementi, che devono dar rappresentazione sia degli aspetti botanici che faunistici, sono il punto di partenza per la strutturazione del sistema di nodi e connessioni della Rete Ecologica. I nodi L'individuazione dei nodi è partita dall'analisi delle aree già oggetto di provvedimenti di tutela delle risorse biologiche, quali: i siti Natura 2000, le Oasi di Protezione della Fauna (OPF, L. 157/92) e le Aree Floristiche (AF, L.R. 52/74). Non sono state considerate in questa fase le aree protette (L. 394/91) perché, viste le loro finalità ed obiettivi, la perimetrazione non è basata esclusivamente sulle risorse naturali. Sono stati, quindi, identificati ulteriori nodi che sono privi attualmente di tutela. Il disegno della REM è stato quindi completato con l’individuazione di aree buffer, porzioni di territorio che, pur essendo al di fuori dei nodi, sono funzionalmente strettamente collegate ad essi e delle zone di connessione, stepping stones e aree di criticità. Per poter elaborare strategie progettuali sufficientemente articolate e coerenti con i caratteri ecologici del territorio regionale, la rete è stata articolata in sistemi omogenei. A questo scopo per ognuna delle specie target prescelte sono state definite le esigenze ecologiche in riferimento alla vegetazione e alle fasce bioclimatiche e sono state suddivise in sei categorie: specie forestali, specie delle praterie, specie delle aree rupestri, specie delle aree umide, specie dei litorali e specie degli agro ecosistemi; queste categorie sono state utilizzate per classificare i nodi. L’analisi ha permesso di evidenziare due situazioni sostanzialmente differenti. Le aree rupestri, le aree umide e le praterie hanno una distribuzione molto frammentata e/o concentrata in porzioni particolari della regione, mentre gli ecosistemi forestali, seppur con caratteri spesso molto differenti, sono presenti in tutto il territorio delle Marche. Da ciò deriva che per le prime la rete sarà costituita da frammenti più o meno importanti, senza tuttavia la possibilità di ricercare una reale contiguità fisica. La gestione dovrà quindi puntare al mantenimento di un congruo numero di sub‐popolazioni o territori occupati che attraverso i naturali processi di colonizzazione/ricolonizzazione possa compensare le eventuali estinzioni locali. In questo modo sarà possibile mantenere vitali anche le popolazioni frammentate (metapopolazioni sensu lato). In questo tipo di meccanismo ecologico un ruolo essenziale viene svolto dalle aree non occupate ma potenzialmente idonee per cui, uscendo dalla logica “presenza della risorsa = area da tutelare” è essenziale mettere in campo strategie in grado di valorizzare gli habitat a prescindere dall'effettiva presenza o meno delle specie target. Le indagini per la REM hanno scaturito alcune considerazioni, che si riportano di seguito. Aree Rupestri Le aree rupestri sono per loro natura isolate e, viste le caratteristiche intrinseche della cartografia botanica non facilmente individuabili, soprattutto se di piccole dimensioni. D'altra parte va osservato che la maggior parte delle specie faunistiche ad esse legate sono dotate di grandi capacità di movimento (uccelli e chirotteri) per cui è ipotizzabile una sostanziale continuità tra di esse. Il disegno della REM per questi ambienti è quindi stato definito evidenziando le Unità ecologico funzionali all'interno delle quali sono presenti aree rupestri idonee all'insediamento delle specie target. 53
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Aree umide Le aree umide sono il sistema che nelle Marche ha subito, nel corso del tempo, le alterazioni più profonde tanto che oggi possiamo considerare sostanzialmente scomparse quelle di origine naturale. I nodi sono così limitati a pochi lembi fluviali particolarmente ben conservati e ad alcuni bacini artificiali frutto di impianti per la produzione elettrica o di vecchie cave in falda. La velocità con cui sono state colonizzate appena le condizioni ambientali sono diventate appena accettabili, lascia intendere come ci siano ampi spazi per la creazioni di un sistema di aree umide di elevato valore naturalistico se si intervenisse riqualificando quelle esistenti. In questo caso la REM è stata quindi interpretata come un'indicazione delle potenzialità in cui le aree di connessione sono state interpretate come i luoghi in cui concentrare gli sforzi per giungere alla creazione di un sistema di nodi attualmente del tutto frammentario ed insufficiente per garantire la tutela di molti dei taxa presenti. Sono entrati quindi a far parte della REM, oltre ai nodi con le aree buffer definiti in precedenza: le aree con presenza di vegetazione dei greti, i laghi artificiali (anche quelli irrigui) ed i corsi d'acqua principali. Litorali Discorso simile può essere fatto per il litorale dove, seppur con meno evidenza, la corretta gestione dei residui tratti liberi porta ad un immediato miglioramento dello stato di conservazione della risorsa. Qui tuttavia gli effetti negativi dell’utilizzo antropico sono stati ancor più marcati tanto che sono ormai limitatissime le aree ancora naturali, soprattutto nei litorali sabbiosi. Nell’ambito della REM gli elementi costituitivi della rete per il sistema dei litorali sono i nodi in cui è stata accertata la riproduzione del fratino, le principali foci fluviali, le aree con vegetazione psammofila e gli ambiti inedificati censiti dal Piano di Tutela della Costa della Regione Marche. Come per le aree umide l’obiettivo della REM va oltre la conservazione dei nodi esistenti puntando ad un sostanziale rafforzamento attraverso il recupero ambientale dei tratti di costa ancora non alterate in modo irreversibile. Praterie Le formazioni erbacee sono senza dubbio uno degli elementi più importanti per la conservazione della biodiversità, sia floristica che botanica delle Marche. Ciò è testimoniato anche dall'elevato numero di nodi che contribuisce alla REM per questo sistema e che nel loro complesso contengono una frazione molto elevate della superficie di questo habitat presente in regione. Le praterie sono concentrate soprattutto nelle aree sommitali dei massicci montani e per questo si presentano come un sistema di “isole” più o meno separate l'uno dall'altra. Le aree di connessione sono quindi le porzioni esterne ai nodi dal cui buono stato di conservazione dipende la possibilità o meno delle popolazioni di espandersi facilitando in questo modo sia la sopravvivenza all'interno dei nodi che il flusso di individui tra di essi. Foreste Il sistema delle foreste è certamente quello più interessante per la quantità di specie presenti e per la diffusione nel territorio regionale. I boschi o i frammenti che di essi rimangono penetrano in profondità nelle aree collinari giungendo spesso sino al mare e contribuiscono in modo determinante alla biodiversità dei paesaggi agrari. Per questa ragione questo sistema che si configura come il vero elemento portante della REM per buona parte della regione. 54
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Core area e sistemi di connessione La Dorsale appenninica, grande area naturale continua, si configura come una vera e propria core, il “serbatoio” della REM, in cui i nodi sono lo strumento di gestione principale e per la cui continuità l’aspetto più importante appare valutare come il resto del sistema biologico regionale si relazione con essa. La REM ha individuato un sistema principale, la core area della Dorsale appenninica, e i sistemi di connessione e delle stepping stones. La REM ha effettuato una classificazione dei sistemi di connessione a seconda del ruolo svolto in ambito regionale e il rapporto con il sistema principale individuando: ‐
Sistemi di connessione di interesse regionale Sono i grandi sistemi sono collegati con la dorsale (distanza <100 m) e che attraversano trasversalmente la regione innervando le aree collinari ‐
Sistemi di connessione di interesse locale collegati Sistemi minori che pur essendo collegati con il sistema principale (distanza <100 m) interessano porzioni limitate di territorio ‐
Sistemi di connessione di interesse locale non collegati Sistemi minori che interessano porzioni limitate di territorio e non sono Dall’analisi delle continuità è stato possibile raggruppare le unità ecosistemiche nelle seguenti quattro categorie: Sistema Dorsale appenninica La Dorsale appenninica raggruppa tutte le aree naturali presenti lungo la dorsale da Bocca Trabaria ed Arcevia a nord sino al fiume Tronto. All’interno di questo sistema la continuità e molto elevata anche considerando una distanza massima tra le patches di 0 m. Esso ospita il cuore della biodiversità regionale e quindi anche la maggior parte dei nodi della REM configurandosi come una vera e propria core area. Modellandosi sulla struttura dei sistemi montuosi e formata quindi da due lunghe fasce, una lungo la dorsale umbro‐marchigiana e l’altra lungo quella marchigiana, che si congiungono sul massiccio dei Sibillini. In questo sistema gli obiettivi gestionali sono quelli del massimo potenziamento della qualità ecologica in particolare per le praterie e le aree rupestri che vi sono in gran parte concentrate. Sistema di connessione di interesse regionale I sistemi di connessione di interesse regionali comprendono aree naturali continue che da un lato si collegano alla Dorsale appenninica e dall’altro penetrano più o meno diffusamente il territorio collinare sino a giungere alla costa. In generale si caratterizzano per una maggior dimensione nelle aree alto collinari ed un progressivo assottigliamento andando verso il litorale dove sono in genere limitati alle fasce riparali. L’obiettivo gestionale da perseguire è quello di un mantenimento della loro funzionalità garantendo o incrementando la permanenza delle continuità. Le analisi condotte hanno portato ad individuarne cinque, tre delle quali in provincia di Ancona e cioè, da nord a sud: ‐
Sistema “Bacino del Misa”: E’ il più piccolo dei cinque sistemi di interesse regionale ed è sostanzialmente confinato al solo bacino del fiume Misa e del suo affluente Nevola. Il sistema è molto debole avendo una struttura dendritica limitata sostanzialmente alle sole fasce ripariali. Anche il collegamento con la Dorsale appenninica è debole giocandosi su poche aree intorno ad Arcevia. ‐
Sistema “Bacino dell’Esino”: Questo sistema è strutturalmente semplice, come il precedente, poiché dipende quasi esclusivamente dalla vegetazione ripariale; tuttavia si caratterizza per essere l’unico a collegarsi con entrambe le dorsali e per questo svolge un ruolo strategico nella REM contribuendo 55
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) contemporaneamente al sistema delle continuità nelle aree collinari e a quello interno alla Dorsale appenninica attraverso la sinclinale di Camerino. ‐
Sistema “Dorsale di Cingoli – Potenza – Fiumicello”: La aree tra le province di Ancona e Macerata presentano una situazione delle continuità naturali complessa, dovuta soprattutto alla presenza di alcune discontinuità lungo il corso del Musone che ne riducono il ruolo a livello regionale. Le analisi svolte hanno portato all’individuazione di un sistema caratterizzato ad una prima parte in cui un sistema relativamente solido di connessioni collega la Dorsale appenninica alla Dorsale di Cingoli ed una seconda che da qui, attraverso alcune strette fasce ripariali si spinge nelle aree collinari. Sistema di connessione locale I sistemi di connessione locale sono sistemi di vegetazione naturale connessi che interessano porzioni di territorio limitate e per questo non riescono a svolgere un ruolo strategico al livello regione sebbene siano importanti a scala locale. Alcuni sono comunque molto importanti o perché riguardano aree di grande valore ambientale (es: Monte Conero) o perché possono fungere da punto di appoggio nel rafforzamento delle connessioni ecologiche, ad esempio tra le due dorsali o nelle porzioni di territorio più deboli come quelle tra Ancona e Macerata. L’obiettivo gestionale generale è quello di mantenere la continuità al loro interno e favorire la ricucitura delle connessioni con i sistemi di interesse regionale. Stepping stones Tutta la vegetazione naturale non compresa in sistemi e stata considerata come stepping stone. Essa quindi svolge una funzione di punto di appoggio nei sistemi di connessione che tuttavia e fortemente condizionato sia dalle dimensioni che dalla distanza che separa le diverse patches dai sistemi di connessione. Aree di connessione Sensibili Nell’ambito dei sistemi di connessione naturali sono state individuate le aree che per le caratteristiche delle unità ecosistemiche o per la loro collocazione svolgono una funzione particolarmente importante per la REM. Interventi che portino ad un deterioramento delle continuità ecologiche in queste aree hanno quindi un effetto particolarmente negativo sull’intero sistema mentre dovrebbero essere messi in atto progetti per il loro rafforzamento. Queste aree sono state classificate in tre tipologie differenti: Area di contatto “dorsale – sistemi di connessione” Comprende tutti i punti di contatto tra la Dorsale appenninica e i Sistemi di connessione. Sono quindi le aree attraverso le quali si svolgono con più intensità gli scambi di individui tra i diversi sistemi e per questo svolgono un ruolo fondamentale per favorire la diffusione della biodiversità dalle aree montane a quelle collinari. Area di indebolimento interno alla dorsale Seppur complessivamente continue, le formazioni naturali all’interno della Dorsale appenninica, in alcune aree si presentano quantitativamente impoverite con un conseguente indebolimento delle connessioni ecologiche. Si tratta per la maggior parte di attraversamenti vallivi che interrompono il sistema di boschi e praterie con infrastrutture lineari o coltivi. Data la centralità della Dorsale appenninica per la REM ed il ruolo che il tratto marchigiano svolge nell’ambito più ampio delle connessioni ecologiche nazionali, è indispensabile monitorare con attenzione queste aree e se del caso intervenire per ridurre la frammentazione. Tratti fluviali in ambito urbano. I corsi d’acqua rappresentano un elemento essenziale per il sistema delle continuità naturali soprattutto nei fondovalle in ambito collinare e costiero. Per questa ragione i tratti fluviali che attraversano le aree urbane 56
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) sono, per le pressioni che su di esse vengono esercitate, sicuramente un indebolimento delle continuità sui quali intervenire per garantire la massima efficacia possibile della rete. Fig. 4: pagina seguente: I nodi e i sistemi di connessione (Fonte dati: REM) 57
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 58
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Considerando i livelli di tutela del territorio, la carta dell’idoneità faunistica, la carta dei nodi e sistemi di connessione, e rapportando tale rappresentazione del territorio con la pianificazione proposta, si può dire che la maggior parte delle aree di interesse faunistico rientrano in zone che presentano vincoli di tutela (AAPP, Oasi di protezione faunistica, aree in divieto di caccia ai sensi della L7/95 e ss.mm.ii.). L’unica zona che rimane completamente esterna a tali vincoli è la zona individuata dalla ZPS “Monte Cucco e Monte Columeo”. Anche in questo caso, comunque, alcune limitazioni nelle operazioni di gestione faunistico‐venatoria, derivano dalla normativa (DRG 1471/08) e dalle norme per la rete Natura 2000 inserite nel PFV e scaturite dall’analisi per la valutazione di incidenza. 9.9.4
POPOLAZIONE E ASPETTI SOCIO ECONOMICI Di seguito si analizzano alcuni fattori che hanno implicazioni di tipo sociale ed economico, primo fra tutti la descrizione della popolazione venatoria e problematiche suscettibili di ingenerare conflitti sociali come i danni in agricoltura e gli incidenti stradali con fauna selvatica. 9.9.4.1
Popolazione venatoria Iscritti per ATC Nelle seguenti tabelle vengono riportati il numero, la distribuzione per Comune di residenza e l'opzione di caccia per la stagione venatoria 2010/11 dei cacciatori della Provincia di Ancona. Iscritti con opzione B Iscritti con opzione C Totale iscritti residenti Agugliano 1 61 62 Arcevia 1 175 176 Barbara 0 37 37 Belvedere Ostrense 7 68 75 Castelcolonna 0 43 43 Camerata Picena 2 34 36 Castelleone di Suasa 5 50 55 Chiaravalle 1 237 238 Corinaldo 38 137 175 Falconara Marittima 8 330 338 Genga 0 50 50 Monsano 2 60 62 Montecarotto 0 48 48 Montemarciano 5 134 139 Monterado 1 62 63 ATC AN1 / Comune 59
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Iscritti con opzione B Iscritti con opzione C Totale iscritti residenti Monte San Vito 6 142 148 Morro d'Alba 4 52 56 Ostra 4 137 141 Ostra Vetere 7 130 137 Poggio San Marcello 0 14 14 Ripe 9 67 76 San Marcello 1 51 52 Sassoferrato 0 246 246 Senigallia 17 657 674 Serra de' Conti 0 87 87 119 3.109 3.228 ATC AN1 / Comune TOTALE Iscritti stessa Provincia = 316 Iscritti fuori Provincia = 262 TOTALE ISCRITTI ATC AN1 Iscritti stessa Provincia = 90 3.896 Iscritti con opzione B Iscritti con opzione C Totale iscritti residenti Ancona 17 799 816 Camerano 6 98 104 Castelbellino 1 50 51 Castelfidardo 16 241 257 Castelplanio 0 41 41 Cerreto d'Esi 0 39 39 Cupramontana 2 140 142 Fabriano 0 496 496 Filottrano 0 216 216 Jesi 13 387 400 Loreto 7 117 124 Maiolati Spontini 4 91 95 Mergo 0 23 23 Monte Roberto 3 48 51 ATC AN2 / Comune 60
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Iscritti con opzione B Iscritti con opzione C Totale iscritti residenti Numana 1 49 50 Offagna 3 50 53 Osimo 25 486 511 Polverigi 1 68 69 Rosora 0 29 29 San Paolo di Jesi 0 11 11 Santa Maria Nuova 0 103 103 Serra San Quirico 0 80 80 Sirolo 1 47 48 Staffolo 1 32 33 TOTALE 101 3.741 3.842 ATC AN2 / Comune Iscritti stessa Provincia = 335 Iscritti fuori Provincia = 55 TOTALE ISCRITTI ATC AN2 Iscritti stessa Provincia = 168 4.400 Per ogni ATC è stato realizzato un quadro storico delle consistenze numeriche dei cacciatori attivi nel periodo 2004/09. Risulta evidente come nel tempo il numero dei cacciatori attivi decresce costantemente e gradualmente. La tabella sintetica ed il grafico successivo illustrano bene tale tendenza. Tot. residenti 2004 2006 2007 2008 2009 4.032 4.038 3.680 3.588 3.514 3.357 Iscritti da fuori ambito provinciale 691 711 739 612 629 294 Iscritti da fuori ambito regionale 121 113 92 81 83 74 Totale iscritti ATC AN1 4.844 4.862 4.511 4.281 4.226 4.075 2005 61
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) ATC AN2 Come per l’ATC AN1, anche nella parte meridionale della provincia di Ancona il calo costante degli iscritti è una tendenza che al momento sembra irreversibile; tabella e grafico successivi ne sintetizzano le dimensioni. 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Tot. residenti 4.820 4.713 4.425 4.208 4.126 4.011 Iscritti da fuori ambito provinciale 59 64 53 54 55 50 Iscritti da fuori ambito regionale 230 234 201 185 190 198 Totale iscritti ATC AN2 5.421 5.314 5.027 4.808 4.732 4.616 62
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Rapporto n. cacciatori residenti /totale Di seguito si riporta un raffronto tra il numero di cacciatori residenti e il totale della popolazione comunale. Iscritti con opzione b 1 17 1 Iscritti con opzione c 61 799 175 Totale iscritti residenti 62 816 176 Barbara 0 37 37 2,50 Belvedere Ostrense 7 68 75 3,26 Camerano 6 98 104 1,43 Camerata Picena 2 34 36 1,52 Agugliano Ancona Arcevia n iscritti residenti/tot pop comune (%) 63
1,29 0,79 3,50 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) n iscritti residenti/tot pop comune (%) Castelbellino Iscritti con opzione b 1 Iscritti con opzione c 50 Totale iscritti residenti 51 Castelcolonna 0 43 43 4,01 Castelfidardo 16 241 257 1,36 Castelleone di Suasa 5 50 55 3,18 Castelplanio 0 41 41 1,15 Cerreto d'Esi 0 39 39 0,97 Chiaravalle 1 237 238 1,58 Corinaldo 38 137 175 3,40 Cupramontana 2 140 142 2,88 Fabriano 0 496 496 1,55 Falconara Marittima 8 330 338 1,22 Filottrano 0 216 216 2,22 Genga 0 50 50 2,53 Jesi 13 387 400 0,98 Loreto 7 117 124 0,99 Maiolati Spontini 4 91 95 1,53 Mergo 0 23 23 2,09 Monsano 2 60 62 1,90 Montecarotto 0 48 48 2,30 Montemarciano 5 134 139 1,36 Monterado 1 62 63 2,96 Monte Roberto 3 48 51 1,69 Monte San Vito 6 142 148 2,22 Morro d'Alba 4 52 56 2,84 Numana 1 49 50 1,29 Offagna 3 50 53 2,80 Osimo 25 486 511 1,51 Ostra 4 137 141 2,06 Ostra Vetere 7 130 137 3,93 Poggio San Marcello 0 14 14 1,81 Polverigi 1 68 69 1,60 Ripe 9 67 76 1,74 Rosora 0 29 29 1,49 San Marcello 1 51 52 2,48 San Paolo di Jesi 0 11 11 1,20 Santa Maria Nuova 0 103 103 2,42 Sassoferrato 0 246 246 3,24 Senigallia 17 657 674 1,50 64
1,05 PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) n iscritti residenti/tot pop comune (%) Iscritti con opzione b 0 Iscritti con opzione c 87 Totale iscritti residenti 87 Serra San Quirico 0 80 80 2,64 Sirolo 1 47 48 1,24 Staffolo 1 32 33 1,39 Serra de' Conti 2,33 9.9.4.2
Appostamenti fissi Prendendo in considerazione i dati provinciali dal 2004 al 2010, si evidenzia un progressivo decremento del numero degli appostamenti fissi e della densità per 1.000 ettari. Anno N. Appostamenti fissi Densità (n. app./1000 ha) 2004 669 4,00 2005 656 3,92 2006 611 3,65 2007 526 3,14 2008 536 3,20 2009 505 3,02 2010 509 3,04 65
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.9.4.3
Incidenti stradali Una problematica non trascurabile che coinvolge la fauna selvatica è costituita dagli incidenti stradali in cui può essere coinvolta. I sinistri mettono a repentaglio la sicurezza dei veicoli e di chi li guida, soprattutto se l’animale coinvolto è un mammifero di grossa taglia, e possono causare elevate perdite di fauna selvatica, a volte anche di specie rare. È diventato un problema con quale confrontarsi prima in Appennino e poi anche in pianura, soprattutto con l’espansione delle specie di ungulati, tra cui cinghiale e capriolo. In particolare quest’ultimo ha visto negli ultimi anni una notevole espansione in provincia. Relativamente ai sinistri stradali avvenuti nel territorio provinciale nel biennio (2009/10), si restituiscono le informazioni concernenti il numero di sinistri accertati e per i quali è stato erogato un risarcimento e la fauna selvatica responsabile. Appare evidente una predominanza del cinghiale rispetto agli altri ungulati selvatici coinvolti negli incidenti stradali lungo le strade provinciali. Tab n.12: incidenti nell’ultimo biennio Specie n. incidenti 2009 n. incidenti 2010
Tot. % Capriolo 26 29 55 34,16 Cinghiale 56 38 94 58,39 Daino 6 5 11 6,83 Indeterminato 1 0 1 0,62 Tot. 89 72 161 100 66
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.9.4.4
Danni agricoltura, tipologia e specie coinvolte Una problematica da analizzare correlata alla gestione faunistica sono i danni in agricoltura che si possono verificare quando le densità di alcune specie, ungulati in particolare, raggiungono valori elevati e l'incidenza del pascolo o calpestio non è più trascurabile incidendo negativamente sulle produzioni. A livello territoriale il risarcimento dei danni prodotti dalla fauna selvatica alle produzioni agricole compete all’Amministrazione Provinciale nelle ZRC e Oasi, agli ATC nel territorio di caccia programmata, nelle ZAF e nei CPPS; ai concessionari della AFV e delle ZAC nei territori di competenza. Nel PFV sono stati analizzati i dati inerenti tale problematica, di cui si riporta di seguito un sunto della serie storica (suddiviso per specie interessata e per tipologia colturale) per analizzare il trend del fenomeno. Un quadro d’insieme sull’evoluzione degli importi liquidati dalla Provincia per danni in agricoltura da fauna selvatica , nel periodo 2004/09, è visualizzato nello schema riassuntivo proposto di seguito. Fig. importi liquidati dalla Provincia suddivisi per specie coinvolta Fig. importi liquidati dalla Provincia suddivisi per coltura coinvolta 67
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Infine nel grafico seguente viene illustrato graficamente e sinteticamente l’andamento del risarcimento dei danni liquidati dai singoli enti territoriali competenti, al fine di evidenziare lo sforzo complessivo sostenuto a livello provinciale. Risarcimenti liquidati da Provincia, ATC AN1 e AN2 per
danni da fauna selvatica all'agricoltura (2004/10).
€ 160.000
ATC AN1
€ 140.000
€ 120.000
€ 100.000
€
ATC AN2
€ 80.000
€ 60.000
€ 40.000
€ 20.000
Provincia AN
€0
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
Dall’analisi dei dati si riportano alcune principali considerazioni: Gli importi liquidati si mantengono abbastanza costanti nel tempo, con un picco registrato nel 2008 con oltre € 45.000; tale valore è correlato in particolare ad un incremento dell’impatto da parte del cinghiale, presumibilmente sul girasole (46% dei risarcimenti nel 2008). Tuttavia il trend ritorna in decisa crescita nel 2010, quando arriva a quota 43.000 € liquidati. In relazione alle specie responsabili del danno, le voci principali sono rappresentate da cinghiale, lepre e altri uccelli. In particolare si evidenzia il progressivo incremento percentuale del ruolo assunto dal cinghiale, fino a divenire la specie prevalente con oltre il 52% del totale liquidato, rilevato sia nel 2009 che nel 2010. Per quanto riguarda la lepre, si riscontra una tendenza opposta con costante ridimensionamento percentuale dopo l’exploit del 2006. Voce rilevante è anche “Altri uccelli” con una media degli ultimi anni superiore al 20% rispetto al totale liquidato; in questo caso il valore è anche inficiato dall’inserimento o meno di altre specie problematiche come fagiano o storno, ma assume un’indubbia importanza in relazione, generalmente, a Corvidi, tortore e diversi altri passeriformi. Per quanto riguarda le colture danneggiate gli importi liquidati sono in funzione, ovviamente, delle tipologie colturali adottate nei singoli anni e dalle quotazioni di mercato. In tale ambito analitico il girasole è sempre stata una delle colture più interessate dai danni (dal 16 al 42% dell’intera liquidazione). Al girasole si aggiungono gli elevati importi liquidati per danni sui frutteti (crollati nel 2009 al 3%); altre voci consistenti sono il mais, cresciuto in modo sensibile dal 2004 al 2009, così come le colture da seme che nel 2009 si attestano al 23% degli importi liquidati. Infine alcune categorie mostrano consistenze molto variabili, come la voce “Altro” che nel 2006 costituisce oltre il 50% dei danni liquidati, ma anche medica e leguminose con un picco nel 2009 quando rappresentano quasi il 20% dell’importo stanziato, per poi crollare di nuovo percentualmente nel 2010. 68
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.10 GLI INDICATORI AMBIENTALI L’analisi dei trend in merito alle componenti ambientali non è sempre immediata a causa della mancanza di studi organici e continuativi, almeno su alcuni aspetti. Ad esempio, gli studi sulle popolazioni faunistiche non forniscono sempre un quadro completo con dati confrontabili per poter delineare un andamento storico. Nel caso in cui dati a disposizione lo hanno permesso, i temi ambientali sono stati descritti anche attraverso l’uso di indicatori, ossia parametri che consentano di evidenziarne lo stato e l’andamento nel tempo per valutarne l’evoluzione senza l’attuazione del piano e nelle sue alternative. Gli indicatori ambientali devono essere rappresentativi delle condizioni ambientali e socio‐economiche locali, dei fattori di pressione sulle risorse locali e globali, delle politiche urbane e territoriali. L’indicatore sintetizza una valutazione, esprime un trend, traduce operativamente un criterio. Devono avere validità scientifica e al tempo stesso immediatezza comunicativa. La scelta degli indicatori è condizionata, comunque, dalla reperibilità ed affidabilità dei dati necessari, da costi e tempi necessari alla elaborazione e raccolta dati. Per la valutazione degli aspetti pertinenti lo stato attuale dell’ambiente, delle dinamiche territoriali, degli elementi di pressione della evoluzione probabile dello stato dell’ambiente, risulta utile un indicatore deve essere comparabile nel tempo e nello spazio. Gli indicatori ambientali devono essere scelti in base alla: 
rispondenza a precisi requisiti di disponibilità ed aggiornabilità periodica dei dati; 
rappresentatività delle problematiche ambientali considerate; 
alla loro sensibilità (capacità di restituire i mutamenti dei fenomeni monitorati nel tempo e, se possibile, fornire un’indicazione precoce sulle tendenze irreversibili),

disponibilità a costi ragionevoli; 
alla loro rilevanza ai fini dell’attivazione di politiche ambientali ed all'immediatezza comunicativa. L’individuazione di indicatori risulta utile anche per la successiva fase del monitoraggio. Di seguito si forniscono una serie di indicatori finalizzati a rappresentare la situazione a livello di pressione antropica, presenza infrastrutturale, biopermeabilità, per rappresentare interferenze effettive e potenziali dovute all’insediamento. Il ricalcolo di tali indici in momenti temporali diversi potrebbe essere utile per seguire l’evoluzione della situazione territoriale. 9.10.1 Indice di Conservazione del Paesaggio (ILC) Nelle elaborazioni REM è stato calcolato l’Indice di Conservazione del Paesaggio (ILC) per il territorio regionale per le singole Unità di Paesaggio Vegetale ed anche per le diverse Unità Ecologico‐Funzionali. Tale indice fornisce un’informazione sintetica sul grado di naturalità del paesaggio ed è stato infatti utilizzato nella REM per la definizione della carta della naturalità. Valori prossimi all’unità denotano un territorio ad alta naturalità, mentre bassi valori di ILC indicano un paesaggio fortemente antropizzato. 69
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) ILC= 1‐ (A/Amax) Dove: n è il numero di classi di naturalità (nel presente caso n=6) xi rappresenta il valore cumulativo percentuale della categoria i‐esima. A = grado di antropizzazione del territorio. nc A= ∑
i=1
xi-100
Amax=100 (n-1)
Tabella Indice di Conservazione del Paesaggio per le Unità Ecologico Funzionali che interessano, almeno in parte, la provincia di Ancona (Fonte dati REM, Regione Marche 2011). Codice Nome dell’Unità Ecologico Funzionale ILC 16 Colline costiere di Senigallia 0,18 17 Fascia basso collinare tra Cesano ed Esino 0,2 18 Fascia medio collinare tra Cesano ed Esino 0,23 19 Fascia alto collinare tra Misa ed Esino 0,29 20 Monte Conero 0,34 21 Colline tra Santa Maria Nuova e Osimo 0,19 22 Colline tra Cupramontana e Santa Maria Nuova 0,24 70
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 23 Colline tra Esino e Cingoli 0,29 26 Colline di Cingoli e Treia 0,23 28 Colline tra Apiro e San Severino Marche 0,29 55 Massiccio del Catria 0,82 56 Rilievi di Arcevia 0,82 57 Gola della Rossa e di Frasassi 0,74 58 Massiccio del San Vicino 0,78 61 Sinclinale Sassoferrato Fabriano 0,36 62 Sinclinale Fabriano ‐ Camerino 0,26 64 Monte Cucco 0,74 65 Appennino fabrianese tra il Giano ed il Potenza 0,8 75 Fondovalle del Cesano 0,24 76 Fondovalle dell'Esino da Serra San Quirico a Falconara 0,2 77 Fondovalle del Musone 0,21 82 Ancona 0,1 9.10.2 Percentuale della sup. urbanizzata sul totale della sup. provinciale ∑Aurbi x100 Perc. = Au (kmq/kmq) Dove: Aurbi = sup. urbanizzata (kmq) Au = sup. dell’unità territoriale di riferimento (kmq) Aurbi = 21.589 ha Au = 195.881 ha (sup. Provincia di Ancona) Perc. = 11,02 % La superficie urbanizzata viene calcolata tramite elaborazioni GIS dalla carta di uso del suolo, accorpando le seguenti categorie della Carta di Uso del suolo: Strade asfaltate, Strade non asfaltate, Urbanizzato, Ferrovia, Edifici isolati, Cave attive. 9.10.3 Indice di protezione e valenza ambientale (Romano & Paolinellli, 2007) Indica l’entità di superficie interessata da provvedimenti di tutela ambientale e da segnalazione di valori ecosistemici (aree protette, riserve naturali, SIC, ZPS, IBA) ∑Aapi Ipa= Au Dove: Aap = sup. delle aree protette e siti Natura 71
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 2000 Au = sup. dell’unità territoriale di riferimento
Aap = 14.684 (AAPP) +13.152 (sovrapposizione SIC e ZPS) = 27.836 ha tot Au = 195.881 ha (sup. Provincia di Ancona) Ipa = 0,14 9.10.4 Percentuale della SPFV sul totale della sup. provinciale ASPFV x 100 Perc. = Au (ha/ha) Dove: ASPFV = sup. SPFV (ha) Au = sup. dell’unità territoriale di riferimento (ha) ASPFV = 167.439 ha Au = 195.881 ha (sup. Provincia di Ancona) Perc. = 85,48% 9.10.5 Percentuale delle aree escluse dall’attività venatoria sul totale della sup. provinciale previste dal PFV A x 100 Perc. = Au (ha/ha) Dove: A = sup. aree in divieto di caccia (ha) secondo l’ipotesi di PFV Au = sup. dell’unità territoriale di riferimento (ha) A = ha 36.984 ha (Parchi e Riserve naturali – L. 394/91 + Oasi + Centri pubblici e privati produzione fauna + ZRC + Fondi sottratti – art. 21 della L.R. 7/95 + ZAC) Au = 195.881 ha (sup. Provincia di Ancona) Perc. = 18,8. % 9.10.6 % cacciatori iscritti residenti sul totale cittadini residenti N x100 Nc. = Ni Dove: N = numero tot cacciatori iscritti residenti Ni = numero cittadini tot residenti N= 3.228 (ATC AN1)+3.842 (ATC AN2) Ni = 481.028 (Popolazione residente al 1° gennaio 2011 ‐ Fonte dati ISTAT ‐ Elaborazioni: Sistema Informativo Statistico Regione Marche. Nc. =1,47% 72
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.10.7 Vigilanza venatoria: numero agenti e/o guardie per 1000 ha N Nag. = Au 1000 Dove: Au = sup. dell’unità territoriale di riferimento (ha) N = numero guardie e/o agenti N=58 Au = 195.881 ha (sup. Provincia di Ancona) Nag=0,3 Nel 2010, il personale impiegato in vario modo e con diverse funzioni alla vigilanza nel settore fauna in ambito provinciale consta di 58 unità (21 Agenti di Polizia Provinciale Settore Fauna + 37. Guardie Ecologiche Volontarie Settore Fauna). Per un confronto con altre realtà, si riportano i dati relativi alle altre regioni italiane per l’anno 2007. Tab. 13: Vigilanza venatoria per regione ‐ Fonte dati ISTAT 2007. Regioni
N. agenti e/o
guardie per 1000 Regioni
ha
Piemonte
1,1
Umbria
1,3
Valle d'Aosta
0,8
Marche
1,5
Lombardia
1,0
Lazio
1,9
Liguria
4,3
Abruzzo
1,3
Trentino-Alto Adige
0,5
Molise
0,7
Bolzano/Bozen
0,1
Campania
2,1
Trento
0,9
Puglia
0,2
Veneto
0,8
Basilicata
1,0
Friuli-Venezia Giulia
0,4
Calabria
1,3
Emilia-Romagna
1,2
Sicilia
0,8
Toscana
0,9
Sardegna
0,1
ITALIA
1,0
N. agenti e/o
guardie per
1000 ha
73
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) C.3. CRITICITÀ, SENSIBILITÀ E VULNERABILITÀ TERRITORIALI. Per quanto concerne gli aspetti correlati alla biodiversità, si è già discusso delle valenze territoriali che confluiscono a comporre il quadro della REM, dei suoi nodi e dei suoi sistemi di connessione. Tali zone possono essere prese come riferimenti, configurandosi come le aree di maggiore interesse per le componenti ambientali in esse custodite e per la funzionalità della rete ecologica, meritando particolare attenzione. Di seguito vengono analizzati sia fattori di criticità e vulnerabilità direttamente correlati con l’attività di gestione faunistico‐venatoria, sia fragilità territoriali, alcune delle quali affrontate dalla REM, che vengono considerate in sede VAS per la valutazione della situazione territoriale e per la individuazione di eventuali effetti negativi cumulativi nei confronti della fauna, seppur non connesse con le azioni di piano. Di seguito vengono analizzati gli elementi che possono costituire fattori di criticità per i sistemi ecologici e per la fauna, sia di tipo instrastrutturale (ad es. sistema insediativo, viabilità, rete elettrica) che correlate ad attività sul territorio (es. gestione faunistico‐venatoria, attività turistiche, etc). 9.11 Elementi di criticità territoriali 9.11.1 Elementi di frammentazione ambientale I sistemi insediativo ed infrastrutturale costituiscono indubbiamente elementi di interruzione della continuità ambientale. Per quanto concerne l’assetto insediativo provinciale, la minore densità abitativa si riscontra essenzialmente nelle fasce montane ed alto‐collinari, dove prevalgono le zone a maggiore naturalità e a più scarsa presenza antropica. Le aree a media densità edilizia caratterizzano nelle zone collinari dove la trama dell’edificato, più o meno diffuso e privo di occasioni accentratrici, si salda con il sistema dei coltivi e della gestione dei fondi. In un tale contesto si arriva ad individuare situazioni che lambiscono i limiti dei maggiori nuclei urbani, siano essi di pianura, di poggio o di versante. Le aree a maggiore densità, coincidono con il capoluogo di Provincia e i satelliti ad esso collegati. In generale, anche lungo le zone costiere, la densità abitativa appare piuttosto alta, con l’eccezione del comprensorio del Monte Conero. La REM, per delineare il quadro della situazione regionale, ha utilizzato due diversi indici di frammentazione: 
l’indice da frammentazione da infrastrutture (Infrastructural Fragmentation Index). 
l’indice da urbanizzazione lineare (Urban Fragmentation Index – U.F.I.) Di seguito si riporta un estratto degli elaborati prodotti dalla REM, ritagliati nel territorio della provincia di Ancona. Figg. 5 e 6: Frammentazione territoriale (IFI) e Frammentazione territoriale (UFI) 74
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 75
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 76
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) L’esito dell’indagine della REM denuncia un fenomeno pronunciato di frammentazione da urbanizzazione in corrispondenza dei principali canali di penetrazione che dalla costa si addentrano vero l’interno, ovvero nelle aree vallive principali (ripercorrendo la consueta struttura a pettine della Regione Marche). Rilevante la natura dei dati riferiti anche alla fascia costiera, sede dell’ormai nota “città diffusa”. Il fenomeno perde intensità progressivamente nel passaggio dalla pianura o bassa collina alla fascia alto‐collinare e pedemontana, nelle quali il diradamento delle aree antropizzate indirizza in modo deciso il valore numerico dell’indice. Sussistono tuttavia occasioni di criticità anche nell’entroterra, come accade nel caso della sinclinale che da Camerino giunge a Pergola. Per quanto concerne il quadro fornito dai valori derivanti dall’indice di frammentazione da infrastrutture (I.F.I.), anche in tal caso la scala dei valori numerici definisce il grado di “compromissione” della singola unita ambientale. Il risultato dell’analisi, come specificato dalla relazione finale REM, delinea un tracciato del tutto simile a quello alla base del precedente scenario, con alcune note di interesse proprie di alcune differenze tra i due casi. Dove insiste l’arteria stradale è riscontrabile il maggior valore di frammentazione e questo accade, come previsto, nei medesimi corridoi vallivi sui quali si diffonde principalmente il sistema antropico. L’infrastrutturazione segue il percorso dell’urbanizzazione del territorio ma nel primo caso si segnalano situazioni di accentuazione marcata dei valori in stretta corrispondenza dei limiti dell’edificato di alcuni dei principali nuclei urbani. A precisazione di ciò va anche detto che nel verificarsi di tali occasioni di concentrata frammentazione va parimenti considerata la conformazione e l’estensione dell’unita ambientale cui fa riferimento il nucleo urbano. 9.11.2 Altri fattori antropici Le minacce potenziali comprendono quegli elementi del sistema antropico che, per le loro caratteristiche intrinseche, possono interferire negativamente con la rete ecologica e più in generale con le risorse biologiche. L’intensità dell’impatto reale dipende dalle caratteristiche puntuali dell’interferenza e da quelle del sistema naturale a scala locale. Sinteticamente, la REM individuata i seguenti elementi di criticità: ‐
sistema della mobilità ‐
mobilità aerea ‐
viabilità di progetto ‐
turismo ‐
cave attive ‐
discariche attive ‐
aerogeneratori (progetti approvati o per cui è avviato l’iter di approvazione) ‐
interporto Jesi ‐
rete elettrica La carta delle Fragilità ai fattori antropici, rappresenta il territorio provinciale evidenziando i fattori di minaccia individuati dalla REM per la componente faunistica. (Fonte Dati: REM, Regione Marche 2011). FIg. 7: carta delle Fragilità ai fattori antropici 77
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 78
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 9.11.3 Elementi di criticità correlati alla gestione faunistico‐venatoria Tra le problematiche maggiormente significative e non risolte vanno segnalati i danni prodotti dalla fauna selvatica alle produzioni agricole. Tale emergenza determina un conflitto “sociale” tra la categoria degli imprenditori agricoli e la Pubblica Amministrazione ed i cacciatori e un rilevante impegno economico per il risarcimento degli stessi a carico della Provincia e soprattutto degli ATC. Le notevoli risorse finanziare impiegate determinano conseguentemente una limitata disponibilità economica per poter realizzare interventi di gestione faunistica, quali i miglioramenti ambientali o il rimborso spese del personale coinvolto. Altro aspetto che merita maggiore attenzione riguarda l’approfondimento delle conoscenze in merito alle specie faunistiche, sia di interesse venatorio che conservazionistico. Per quanto concerne le prime, una considerazione positiva è che i censimenti, nelle ultime stagioni venatorie, sono stati eseguiti sulle specie più comuni oggetto dell’attività venatoria, e che quindi sia ormai partito quel processo virtuoso che dovrebbe legare la gestione all’analisi della consistenza. Tuttavia l’accuratezza, soprattutto negli anni precedenti al 2010, non ha evidentemente raggiunto il suo apice; si possono notare, infatti, alcuni dati anomali, come quelli che mostrano densità molto alte oppure più elevate in periodo pre‐riproduttivo piuttosto che in quello post‐riproduttivo, come riscontrato più volte sulla lepre. Sarebbe pertanto auspicabile mettere in atto accorgimenti che permettano alle metodologie adottate di ottenere risultati maggiormente attendibili. Anche per quanto riguarda le indagini sulla fauna di interesse conservazionistico, nonostante siano stati portati avanti alcuni studi in ambito provinciale e regionale (vedi PFV, cap. 2.2), il quadro delle conoscenze è ancora da completare e approfondire, in particolar modo nelle zone esterne alle aree protette. Per quanto concerne la problematica degli incidenti stradali la Provincia di Ancona Settore Pol. Provinciale Flora e Fauna sta già portando avanti un progetto sperimentale di prevenzione, tramite attività informative e il posizionamento di presidi già utilizzati con successo in altre realtà per la mitigazione del rischio (catadiottri rifrangenti, cartellonistica di avvertimento, etc). 9.11.4 Sensibilità specie‐specifica ai fattori di pressione Di seguito si riporta l’analisi effettuata nelle indagini per la REM circa la sensibilità delle specie target, scelte sulla base del loro valore conservazionistico, ai diversi fattori di pressione. Da notare che la tabella si riferisce al contesto regionale, pertanto sono elencate anche specie non presenti in provincia di Ancona. 79
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 80
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 81
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Le specie segnalate come sensibili all’attività venatoria, e presenti in ambito provinciale, sono alcune specie di zone umide (folaga, germano reale, porciglione, moretta tabaccata), l’aquila reale, la coturnice, e i mammiferi gatto selvatico e lupo. 9.11.5 Capacità del sistema dei nodi di garantire la gestione delle specie Di seguito si riporta invece la tavola riassuntiva della REM circa la capacità dei nodi di garantire la gestione delle specie e di conseguenza anche la tutela. 82
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 83
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 84
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 85
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) C.4. I SETTORI DI GOVERNO, LE DINAMICHE TERRITORIALI, LE PRESSIONI AMBIENTALI. I “Settori di Governo” sono le attività umane quali ad esempio, Agricoltura, Industria. Energia (produzione e consumo), Turismo, ecc. che possono influenzare e/o che possono essere influenzate dall’attuazione del P/P e che, interagendo con le componenti ambientali, possono influenzare in qualche maniera lo stato dell’ambiente. I settori di governo costituiscono, generalmente, pressioni. Come già visto alcuni elementi di pressione sul territorio possono influire sulle componenti biotiche. Alcuni di essi non sono correlati con il PFV e con le azioni da esso previste, ma derivano da fattori antropici che possono, però, incidere sullo status delle componenti ambientali (fauna, vegetazione, ecosistemi). In tal senso, le maggiori pressioni si possono individuare nell’urbanizzazione, che guida le modifiche al sistema urbano e infrastrutturale, e nelle attività produttive (cave, interporto, etc.). Tali aspetti influenzano in via indiretta l’attuazione del PFV in quanto modificano la destinazione d’uso del territorio di cui il PFV prende semplicemente atto. In tal senso anche tutti gli aspetti correlati alla gestione degli ambienti naturali e seminaturali nel territorio provinciale può avere il suo peso (gestione degli ambienti forestali e delle zone umide, agricoltura, utilizzo intensivo dei litorali, etc). L’indagine REM denuncia un fenomeno pronunciato di frammentazione nelle aree vallive principali, ma anche lungo la fascia costiera. Il fenomeno perde intensità progressivamente nel passaggio dalla pianura o bassa collina alla fascia alto‐collinare e pedemontana. Valori bassi di qualità e quindi di funzionalità ecologica si registrano difatti ove insiste la pesante infrastrutturazione soprattutto nella porzione più a mare, a ridosso dell’autostrada; importante è anche la componente agricola intensiva. Una certa fragilità si regista anche negli ambiti fluviali, in particolare nell’Unità Ecologico Funzionale del fiume Esino, causata in parte dall’infrastrutturazione dei corsi d’acqua e dalla perdita di funzioni dei sistemi di versante. In merito al turismo e alle attività escursionistiche e ricreative, ci potrebbe essere una interazione nelle zone interessate dall’attività venatoria o di gestione faunistico‐venatoria e al contempo oggetto di interesse turistico, anche se le grandi mete sono, in generale, all’interno dei parchi regionali (Conero, Frasassi), pertanto esterne all’ambito di riferimento del PFV. A guidare in modo più diretto le dinamiche inerenti il PFV è sicuramente l’attività venatoria stessa e le spinte sociali ad essa correlate. Anche l’agricoltura interagisce in maniera diretta con le azioni di PFV, a causa della diretta correlazione tra governo degli habitat, gestione colturale e fauna e per la problematica sociale correlata ai danni alle colture causati dalla fauna. Anche se non sono costituisce un vero e propro settore di governo, da citare, in merito alle dinamiche sociali riguardanti il settore venatorio, i movimenti animalisti e ambientalisti, in cui convergono una pluralità di posizioni diverse, da associazioni dichiaratamente schierate contro la caccia, a gruppi che non sono contrari, seppur hanno un occhio attento sulle politiche legate alla gestione faunistico venatoria. 86
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE D ‐ VALUTAZIONE 87
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) D.1. LE INTERAZIONI TRA IL PIANO E IL SISTEMA AMBIENTALE. Nei capitoli precedenti si è provveduto a fornire un quadro sullo stato delle diverse componenti ambientali pertinenti e a contestualizzare poi, nel territorio provinciale, le criticità, sensibilità, e vulnerabilità nelle diverse porzioni. Sono stati definiti gli obiettivi ambientali che il PFV si propone e le azioni individuate per conseguirle. Nella successiva fase, vanno analizzate le probabili relazioni causa/effetto tra le previsioni del piano e le possibili conseguenze sull’ambiente. A tal fine si considereranno le azioni di piano previste e la loro interazione con le componenti ambientali interessate dalle possibili ricadute. Queste ultime possono essere di tipo positivo, negativo, o neutro. La valutazione deve tenere conto di effetti diretti e indiretti, nell’immediato e nel medio‐lungo termine, reversibili e irreversibili, singoli e cumulativi. Per delineare questo scenario previsionale e comprendere come la pianificazione in oggetto interagisce con le dinamiche territoriali prevalenti e con quali risultanze sul territorio, si è ricorsi al modello DPSIR (Determinanti, Pressioni, Stato, Impatti, Risposte), uno schema concettuale molto utilizzato nella VAS. Tale modello permette relazionare le diverse informazioni che descrivono lo stato e le modificazioni di un contesto ambientale secondo uno schema logico. In generale, le determinanti sono ciò che determina (cioè origina) una pressione. La pressione, a sua volta, agendo sullo stato dell’ambiente provoca un impatto, ovvero una modificazione (positiva o negativa) dello stato. Le risposte sono le azioni che vengono poste in essere per rendere minimi gli impatti negativi e massimi quelli positivi. Lo stato corrisponde alle diverse componenti ambientali attinenti al piano, che possono essere descritte grazie a degli indicatori. Le risposte messe in atto, sono le misure di mitigazione e orientamento, strategie, azioni. Queste possono avere un’efficacia nel ridurre la pressione o gli impatti. Tale metodologia è stata inizialmente elaborata in ambito Unione Europea (modello PSR) e ripreso dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) che lo ha ampliato e perfezionato concettualmente, arrivando al modello DPSIR. I settori di governo costituiscono generalmente i determinanti, anche se il modello DPSIR non è “rigido”, ciò significa che una stessa componente può ricoprire più “ruoli” (determinate, impatto, etc) a seconda della costruzione dello schema logico. Ad esempio, le previsioni del P/P rappresentano pressioni quando agiscono direttamente sullo stato, mentre sono determinanti se agiscono su un settore di governo. L’utilizzo di indicatori può essere applicato per rappresentare lo stato, i determinanti, le pressioni e gli impatti, per cercare di quantizzare il loro peso e lo sviluppo della situazione nel tempo. 88
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) La schematizzazione della complessità dei sistemi territoriali attuata col metodo DPSIR è utile nell’individuazione e valutazione dei possibili impatti. Di seguito di procede ad analizzare le azioni previste dal piano per il raggiungimento degli obiettivi di riferimento, per stabile con quali componenti ambientali interagiscono e su quali di esse potrebbero avere un incidenza di tipo positivo o negativo. Alcune azioni di piano costituiscono effettivamente delle pressioni, altre sono, di fatto, già delle risposte messe in atto per la prevenzione e/o mitigazione degli impatti, già inserite nel PFV in un ottica di pianificazione sostenibile. In alcuni casi particolari accorgimenti e indicazioni, adottati già nelle prime fasi di elaborazione del piano, permettono di guidare al meglio le azioni previste riuscendo a diminuire gli impatti previsti fino ad annullarli. Nella tabella per ciascuna azione si specificherà se si tratta di una pressione (P) o di una risposta (R), così come viene intesa nel metodo DPSIR. Per ogni azione che determina pressioni, si valuterà se si può prevedere un impatto effettivo e l’entità dello stesso, nonché le eventuali misure di mitigazione/compensazione per ciascuna componente ambientale coinvolta. Le analisi e considerazioni effettuate potranno sono riassunte e semplificate in matrici. Per quanto concerne i siti Natura 2000 la valutazione degli eventuali impatti sugli obiettivi di conservazione dei siti, viene affrontata nella Valutazione di Incidenza. LEGENDA AZIONI CHE POTREBBERO AVERE UNA INTERAZIONE CON POTENZIALE INCIDENZA NEGATIVA SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO AZIONI CHE POTREBBERO AVERE UNA INTERAZIONE CON POTENZIALE INCIDENZA POSITIVA SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO AZIONI PER CUI NON SI PREVEDONO INTERAZIONI DI RILIEVO SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO TIPOLOGIA DI AZIONE PREVISTA: P = PRESSIONE R = RISPOSTA Tab. 14: valutazione delle interazioni tra azioni di piano e componenti ambientali. 89
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) COMPONENTI AMBIENTALI R AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO R P AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC P AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS P AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZAC P AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV P AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO P AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA P/R P/R P AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 14. INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA R AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI P P VEGETAZION
E ED HABITAT AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) FAUNA R RETI ECOLOGICHE AZIONI DI PIANO PAESAGGIO E POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI TIPOLOGIA P BIODIVERSITÀ 90
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) COMPONENTI AMBIENTALI VEGETAZION
E ED HABITAT RETI ECOLOGICHE PAESAGGIO E POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI BIODIVERSITÀ AZIONI DI PIANO R AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI CON LA FAUNA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA R R R AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 R AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. R AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV R AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE P/R AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV FAUNA TIPOLOGIA D.2. VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI. 10. LE AZIONI DI PIANO: PRESSIONI, RISPOSTE, IMPATTI. Di seguito si analizzano le azioni che determinano una “pressione”, positiva o negativa, e si analizzano già le mitigazioni previste dal piano stesso, che possono avere efficacia sull’impatto atteso, con una sua riduzione. In questa fase emerge quindi l’iter che ha portato alla definizione dell’ipotesi finale del piano, guidata da varie considerazioni di carattere ambientale, oltre che da esigenze socio‐economiche. L’analisi qualitativa dei possibili effetti, positivi o negativi, che le diverse azioni di piano hanno rispetto alle componenti ambientali, viene schematizzata in matrici ne aiuta l’identificazione e coadiuva nell’evidenziazione di impatti cumulativi. Vengono presi in considerazione, oltre agli effetti diretti, anche quelli indiretti, a breve, medio e lungo termine, permanenti e temporanei. In seguito si analizzeranno gli effetti che possono avere carattere cumulativo. 91
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Vengono indicati anche gli indicatori relativi alle pressioni. Alcuni di essi sono stati già utilizzati nella presente relazione e potranno essere utili nel futuro monitoraggio per un confronto con la situazione di partenza al “momento zero” dell’applicazione del piano. Altri, non utilizzati per mancanza delle informazioni a disposizione al momento dell’elaborazione della VAS, potranno essere utilizzati in future analisi. Per dare una quantificazione dell’impatto, seppur qualitativo, si utilizzeranno i seguenti parametri, relativi a intensità, probabilità, durata e reversibilità, sia che l’effetto sia positivo che negativo dalla positività o negatività dell’effetto. INTENSITÀ SIMBOLOGIA IMPATTO MOLTO POSITIVO ++ IMPATTO POSITIVO + IMPATTO INCERTO +/‐ IMPATTO NEGATIVO ‐ IMPATTO MOLTO NEGATIVO ‐‐ REVERSIBILITÀ SIMBOLOGIA REVERSIBILE UN EFFETTO CHE SCOMPARE QUANDO TERMINA L’AZIONE O IN UN TEMPO FINITO DALL’INTERRUZIONE DELL’AZIONE REV IRREVERSIBILE UN EFFETTO IN SEGUITO AL QUALE È NECESSARIO INTERVENIRE PER RIPRISTINARE LE IRREV CONDIZIONI INIZIALI O È IMPOSSIBILE RIPRISTINARE LE CONDIZIONI INIZIALI PROBABILITÀ SIMBOLOGIA POCO PROBABILE UN EFFETTO EPISODICO E/O UN EFFETTO IL CUI VERIFICARSI NON È CERTO. PP PROBABILE UN EFFETTO CHE AVVIENE CON MODERATA FREQUENZA (MA NON EPISODICO) E/O CHE HA UNA BUONA POSSIBILITÀ DI VERIFICARSI. P MOLTO PROBABILE UN EFFETTO CHE AVVIENE CON ELEVATA FREQUENZA E/O CON POSSIBILITÀ VICINE ALLA CERTEZZA DIRETTO/INDIRETO MP SIMBOLOGIA DIRETTO UN EFFETTO CHE SI VERIFICA COME CONSEGUENZA DELL’AZIONE. INDIRETTO UN EFFETTO CHE SI VERIFICA A CAUSA DI UNO O PIÙ EFFETTI PROVOCATI DALL’AZIONE. DIR INDIR Carte vocazioni
strumento di indirizzo per la successiva pianificazione degli istituti faunistici, ma non può essere
considerato prescrittivo per la scelta delle zone da destinare agli stessi. 92
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) 10.1 LE PRESSIONI E LE AZIONI MITIGATIVE Tab.15: valutazione delle interazioni tra pressioni e componenti ambientali. STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA PRESSIONI: AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Protezione aree chiave per la REM ++/REV MP/DIR Protezione aree destinate al rifugio, alla riproduzione ed alla sosta della fauna selvatica ++/REV MP/DIR PRESSIONI: AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Riproduzione e tutela della fauna selvatica allo stato naturale, in aree appositamente individuate, per il suo irradiamento nelle zone circostanti e la cattura della medesima per la traslocazione in territori a bassa densità di popolazione. +/REV MP/DIR Conflitto attività agricole ‐/REV P/INDIR PRESSIONI: AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS DETERMINANTE: Attività venatoria 93
Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Conflitto attività agricole ‐/REV P/INDIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale Riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale, al fine della ricostituzione del patrimonio faunistico autoctono, da utilizzare per le azioni di ripopolamento del territorio provinciale in aree destinate. +/REV MP/DIR PRESSIONI: AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZAC DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR FAUNA Conflitto attività agricole ‐/REV P/INDIR Contrasti sociali con mondo animalista/ambientalista ‐/REV P/DIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale Disturbo fauna ‐/REV P/DIR Pianificazione e gestione territoriale attenta alle sensibilità e criticità ambientali AZ. 1, 2, 3, 13, 14, 20. Conflitto attività agricole (AFV) ‐/REV P/INDIR Contrasti sociali con mondo animalista/ambientalista ‐/REV P/DIR Az. 23. Coinvolgimento steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale Disturbo fauna ‐/REV P/DIR Pianificazione e gestione territoriale attenta alle sensibilità e criticità ambientali PRESSIONI: AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Favorita riproduzione allo stato naturale della fauna (AFV) 94
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA AZ. 1, 2, 3, 13, 14, 20. PRESSIONI: AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Incremento allo stato naturale della fauna selvatica stanziale. +/REV MP/DIR Conflitto attività agricole ‐/REV P/INDIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale PRESSIONI: AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contrasti sociali con mondo animalista/ambientalista ‐/REV P/DIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Mitigazione/eliminazione conflitti con altre attività antropiche (tecniche di coltivazione sperimentali, tecniche di coltivazione biodinamiche, attività di ricerca in campo agronomico e forestale, svolgono attività turistiche quali agriturismo e bad and breakfast, o didattico‐educative quali fattorie didattiche) ++/REV MP/DIR PRESSIONI: AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR 95
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA Disturbo fauna ‐/REV P/DIR Pianificazione e gestione territoriale attenta alle sensibilità e criticità ambientali AZ. 1, 2, 3, 13, 14, 20. Modifica di ambiente naturale ‐/REV PP/DIR Pianificazione e gestione territoriale attenta alle sensibilità e criticità ambientali AZ. 3, 13, 14, 20. FAUNA VEGETAZIONE ED HABITAT PRESSIONI: AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Mitigazione conflitti con altre attività antropiche (agricoltura) +/REV P/INDIR FAUNA Contrasti sociali con mondo animalista/ambientalista ‐/REV P/DIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Disturbo fauna ‐/REV P/DIR Pianificazione e gestione territoriale attenta alle sensibilità e criticità ambientali AZ. 1, 2, 3, 13, 14, 20. VEGETAZIONE ED HABITAT Prevenire/mitigare danni alla vegetazione naturale +/REV P/DIR PRESSIONI: AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Ottimizzazione delle strategie per minimizzare i contrasti sociali e con altre attività antropiche +/REV 96
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA P/DIR PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Ottimizzazione gestione degli habitat +/REV P/DIR Gestione della risorsa faunistica finalizzata alla conservazione della stessa +/REV P/DIR PRESSIONI: AZ. 14. INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Ottimizzazione delle strategie per minimizzare i contrasti sociali e con altre attività antropiche +/REV P/DIR Ottimizzazione gestione degli habitat +/REV P/DIR Gestione della risorsa faunistica finalizzata alla conservazione della stessa +/REV P/DIR PRESSIONI: AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Contrasti sociali con mondo animalista/ambientalista ‐/REV P/DIR Informazione e coinvolgimento pubblico e steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione Az. 23, 24. Mantenimento densità ottimale di specie di interesse venatorio Rischio inquinamento genetico popolazioni faunistiche di specie di interesse venatorio Indicazioni in merito a cattura e allevamenti di origine degli individui 97
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO RISPOSTE INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA +/REV P/DIR ‐‐/IRREV MP/DIR liberati Az. 14 PRESSIONI: AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Corretta informazione della popolazione, con particolare attenzione steakholdes, per stimolare il fattivo coinvolgimento e la mitigazione degli attriti sociali.
++/REV P/DIR È stato attribuito un valore positivo, riguardo gli aspetti socio‐economici, alle azioni funzionali alla pianificazione e definizione della gestione degli istituti di gestione faunistica, e pertanto al raggiungimento dell’ob. c) Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria. Allo stesso tempo, viene però considerata la possibilità di interazioni negative con altri settori di governo (agricoltura, turismo naturalistico, etc.) che in alcuni casi possono innescare problematiche di tipo sociale, come nel caso dei danni in agricoltura. Le stesse azioni possono avere, potenzialmente, effetti negativi dovuti al disturbo dell’attività venatoria e di altre azioni correlate alla gestione faunistico venatoria nei confronti di specie di interesse conservazionistico. Per quanto attiene la conservazione delle specie oggetto di prelievo, una corretta gestione della risorsa dovrebbe risultare in linea con la conservazione della stessa. Gli effetti negativi possono essere, almeno in buona parte, scongiurati con una adeguata gestione faunistica da parte degli Ambiti Territoriali di Caccia e tramite una corretta pianificazione del Territorio di Gestione Programmata della Caccia (Az. 14, Az. 13). Sicuramente positivi gli interventi a favore dell’informazione dei cittadini e del coinvolgimento attivo degli operatori faunistici e dei portatori di interesse a vario livello (settore zootecnico e agricolo, ambientalista, etc) e le proposte di coordinamento con Parchi e Riserve (Ob. g.3) tramite l’individuazione di Indirizzi gestionali dei territori limitrofi alle aree protette (Az. 3). Appare opportuno un approfondimento riguardo gli effetti potenziali dell’attività di caccia. 10.1.1 Effetti potenziali correlati con l’attività venatoria Disturbo Questo fattore di impatto si realizza essenzialmente in correlazione con l’attività di caccia (caccia vagante, da appostamento fisso, agli ungulati), che determina un certo disturbo nel momento del suo esercizio. A proposito dell’attività venatoria il documento della Commissione Europea “Guida alla disciplina della caccia nell’ambito della direttiva 79/409/CEE sulla conservazione degli uccelli selvatici”, specifica chiaramente il rapporto tra caccia e conservazione dell’avifauna ai sensi della Direttiva Uccelli: “La caccia rappresenta una soltanto delle molteplici possibilità di utilizzazione dei siti Natura 2000, accanto all’agricoltura, alla pesca o ad altre attività ricreative. Nelle due direttive in materia di protezione della 98
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) natura non esiste alcuna presunzione generale contro l’esercizio della caccia nei siti Natura 2000. Tuttavia è evidente che varie attività umane, tra cui la caccia, possono comportare una riduzione temporanea dell’utilizzo degli habitat all’interno di un sito. Tali attività potrebbero avere conseguenze significative qualora fossero in grado di provocare una marcata riduzione della capacità del sito di assicurare la sopravvivenza delle specie per le quali esso è stato designato, e potrebbero inoltre comportare una riduzione del potenziale di caccia”. (Commissione Europea 2008). In alcuni casi la caccia è incompatibile con gli obiettivi di conservazione di determinati siti, ad esempio laddove, accanto a potenziali specie cacciabili, siano presenti specie rare altamente sensibili al disturbo. Tali situazioni devono essere identificate sito per sito. “La caccia sostenibile può avere conseguenze benefiche per la conservazione degli habitat all’interno e nelle vicinanze dei siti. La possibilità di evitare significative perturbazioni derivanti dalla caccia o da altre attività dipende da una serie di fattori, tra cui la natura e l’estensione del sito e dell’attività e le specie presenti. È necessario comprendere per quali motivi il sito è considerato importante ai fini della conservazione della natura ed è incluso nella rete Natura 2000; ciò serve per stabilire gli obiettivi di conservazione del sito. La comprensione di questi aspetti costituisce un punto di partenza essenziale per individuare le azioni specifiche di gestione necessarie per assicurare la conservazione del sito” (Commissione Europea 2008). Sempre secondo il documento della commissione europea sopra citato gli uccelli acquatici, a causa del comportamento gregario che caratterizza diverse specie di questo gruppo, sembrano più sensibili al disturbo. Specifica inoltre che “Tuttavia una recente analisi bibliografica della letteratura scientifica sulla fisiologia energetica degli uccelli ha contestato l’ipotesi secondo cui la caccia provoca sempre perturbazioni che minacciano in maniera significativa la sopravvivenza degli uccelli selvatici (cfr. paragrafo 2.6.17). Inoltre un prelievo venatorio limitato a livello locale, anche se elevato, può non incidere sulle popolazioni locali nel lungo termine, a condizione che siano disponibili sufficienti risorse alimentari, se gli uccelli abbattuti possono essere sostituiti da uccelli provenienti da altri luoghi o mediante altri meccanismi compensatori di ordine biologico. Peraltro ciò potrebbe non verificarsi in caso di elevata pressione venatoria su una zona molto ampia dell’areale della specie interessata. È probabile che disturbi significativi causati dalla caccia o da altre attività umane determinino una riduzione dell’uso degli habitat nei quali tali attività hanno luogo, costringendo gli uccelli a coprire maggiori distanze o ad adattare il proprio comportamento per sfuggire alla caccia, fino addirittura a rinunciare ad utilizzare habitat in cui la presenza umana è relativamente elevata. (…) Questo fenomeno dipende, tra gli altri fattori, dal tipo di caccia praticata, dalla sua intensità, frequenza e durata, dalle specie interessate e dagli habitat utilizzati nonché dalla disponibilità di zone di rifugio alternative. (…) È quindi importante far sì che tali attività siano gestite in maniera da evitare disturbi che possano incidere in misura significativa sui valori di conservazione dei siti in questione (Commissione Europea 2008). Lo stesso documento sottolinea come la bibliografia riporti, a volte, dati discordanti circa la capacità di adattamento dell’avifauna al disturbo, sottolineando in alcuni casi l’elevata sensibilità di alcune specie, in particolare di acquatici, mentre altri studi sostengono come gli uccelli dimostrino una grande capacità di adattamento dal punto di vista fisiologico e comportamentale. Non sono, invece, disponibili informazioni e ricerche sistematiche sugli uccelli in migrazione che consentano di valutare meglio gli effetti dei fattori di disturbo, quali la caccia, sulle popolazioni aviarie e sul loro stato di conservazione. L’impatto del disturbo della caccia in contesti ambientali diversi dalla zone umide è meno noto. È verosimile che il disturbo arrecato alla fauna terrestre sia variabile da caso a caso, risultando minimo dove non sono presenti specie particolarmente sensibili e dove la densità dei cacciatori è bassa. Gli effetti indiretti possono 99
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) invece essere non trascurabili in contesti con massicce presenze di cacciatori o in zone con presenza di specie di interesse conservazionistico sensibili al disturbo (Gariboldi et al 2004). Le specie le cui popolazioni migrano in toto e sono pertanto assenti nelle nostre zone nel periodo invernale, risentono in misura inferiore di tale disturbo, dal momento che la loro presenza si sovrappone alla stagione venatoria in un periodo molto limitato temporalmente, durante parte del passo autunnale, mentre nel più delicato momento della riproduzione non viene interessato. Particolare attenzione, nella pianificazione, va pertanto posta ai siti eventualmente posti in corridoi di migrazione, colli di bottiglia e/o punti di hot spot per la migrazione e in siti caratterizzati da ambienti acquatici o dalla presenza di specie svernanti e/o residenti particolarmente sensibili al disturbo. Anche per quanto concerne i mammiferi, il disturbo può essere variabile a seconda delle specie coinvolte e dell’intensità dell’azione di caccia e merita attenzione se può coinvolgere specie d’interesse conservazionistico come, ad esempio, il lupo. Tali aspetti possono variare da zona a zona in funzione delle esigenze ecologiche, comportamentali, nutrizionali ed energetiche delle diverse specie interessate e dell’importanza dell’area per la conservazione della specie. Va ricordato che la DGR 1471/2008 impone già, per SIC e ZPS, che ospitano assieme alle aree protette, le zone a maggior valenza del territorio, alcune limitazioni in tal senso, alle attività di gestione faunistico‐
venatoria, che vanno nella direzione di ridurre il disturbo, quali, ad esempio, l’esercizio della caccia a gennaio in due sole giornate a settimana, il divieto di pre‐apertura e di caccia in deroga, la riduzione del numero di cani nella caccia in battuta al cinghiale. A. Allenamento e addestramento cani, svolgimento prove e gare cinofile. Altra attività che può essere ascritta tra quelle capaci di generare disturbo, è l’attività di addestramento cani (art. 33 LR 7/95 s.m.i.), in particolare se con sparo (ZAC di tipo C). Anche nelle altre ZAC il disturbo potrebbe avere una certa incidenza a causa del disturbo che tale attività può arrecare a numerose specie animali, principalmente uccelli, che si riproducono a terra (incluse specie di interesse comunitario quali albanella minore, tottavilla, calandro, ortolano) e migratori che sostano e si rifugiano tra l’erba e prede di vari rapaci. Non a caso, la DGR 1471/2008 vieta in SIC e ZPS lo svolgimento dell'attività di addestramento di cani da caccia prima del 1° settembre e dopo la chiusura della stagione venatoria, tranne che nelle ZAC sottoposte con esito positivo a Valutazione di Incidenza. Anche per ampliare, rinnovare o istituire nuove ZAC (nell’ambito del PFV) è necessaria la preventiva VI. Per quanto concerne le ZAC di carattere temporaneo (A), il “Regolamento per l’istituzione e la gestione delle Zone Addestramento Cani da caccia e per le gare e prove cinofile” della Provincia di Ancona (approvato con deliberazioni di C.P.nn. 57/04 e 52/05), all’art. 8 prevedeva già che non potessero essere autorizzate nelle ZPS e nei pSIC designati per la presenza di specie omeoterme. B. Controllo della fauna in sovrannumero Altra attività da considerare connessa con la gestione faunistica e che potrebbe ingenerare un disturbo, è il controllo della fauna in sovrannumero, che interessa, sul territorio provinciale, Corvidi, volpe e cinghiale. L’attività di controllo dei Corvidi è stata realizzata nel 2010 sia in territorio libero che nelle ZRC. La tecnica di cattura si è sempre basata sull’utilizzo di trappole tipo Larsen. Se effettuata con l’utilizzo di tale metodica, non si individuano fattori di incidenza né in merito al disturbo, né alla possibilità di coinvolgere specie diverse da quelle oggetto di cattura, vista la selettività del metodo. L’attività di controllo della volpe è stata effettuata, nel periodo 2009/10, in alcuni istituti di gestione (CPuRs 100
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) e ZRC) mediante l’intervento diretto in tana. Nel corso del biennio 2009/10 il cinghiale è stato abbattuto mediante la tecnica di caccia della braccata in alcuni istituti di gestione e in alcuni comuni inclusi nei territori a gestione programmata della caccia. Quest’ultima forma di controllo, per la tecnica adottata, appare quella degna di maggior attenzione. Tale attività, dato il disturbo che può creare, va valutata sito per sito a seconda delle valenze segnalate per individuare eventuali limitazioni o modalità di attuazione meno impattanti, in particolare in corrispondenza o in prossimità di Oasi e Aree protette. Da considerare, d’altro canto, come la presenza in densità elevate di specie come gli ungulati, in particolare il cinghiale, può avere effetti negativi su habitat e vegetazione, e pertanto tale aspetto è necessario di gestione. Particolare attenzione va posta ai siti in cui è segnalata la presenza del lupo, in particolare nel suo periodo riproduttivo (marzo‐agosto). Presenza di infrastrutture sul territorio Le infrastrutture che possono essere poste sul territorio sono quelle funzionali allo svolgimento della caccia da appostamento fisso. “Sono fissi gli appostamenti di caccia costituiti in legno o altro materiale esclusa la muratura con preparazione del sito, destinati all'esercizio venatorio per almeno una intera stagione venatoria” (LR 7/95, Art. 31, comma 1). L’appostamento temporaneo è realizzato invece al momento sul luogo di caccia con teli mimetici e ramaglie e smantellato alla fine della giornata. L’installazione di queste strutture determina modifiche limitate dell’habitat in cui vengono posti, non passibili, generalmente, di determinare impatti sostanziali, così come l’effetto di calpestio di cacciatori e cani. Attenzione va posta in siti dal particolare valore floristico o dalla particolare fragilità, come le aree floristiche protette. Immissioni faunistiche. Le operazioni di ripopolamento, eseguite dagli ATC in collaborazione con la Provincia, riguardano le specie di interesse venatorio quali fagiano, lepre e starna, rilasciate sia in territorio libero che in alcuni istituti di gestione. La liberazione del fagiano viene eseguita di norma nel periodo febbraio‐marzo con rilascio diretto dopo breve sosta in voliere pre‐ambientamento. Le starne sono state rilasciate, nell’ultimo anno, nel mese di luglio e agosto nel territorio di entrambi gli ATC. La lepre è stata oggetto di liberazione nel territori dell’ATC AN1 eccezionalmente nei mesi di luglio e ottobre sia a causa delle avverse condizioni meteo nell’inverno ma anche poiché sono state effettuate catture prima della restituzione alla caccia di alcune ZRC in scadenza. Mentre nell’ATC AN2 tali operazioni si sono concentrate nei mesi di febbraio e marzo. Il PFV specifica che, in tutto il territorio provinciale, è fatto divieto di immettere lepri provenienti da allevamenti e di cattura estera. Per i siti Natura 2000, le misure minime di conservazione prevedono già alcune misure che hanno lo scopo di evitare inquinamenti genetici: nelle ZPS la DGR 1471/2008 vieta “l’immissione in ambiente naturale di specie animali alloctone o, seppur autoctone, non appartenenti a popolazioni locali” e prevede che ”Le immissioni faunistiche a scopo venatorio, comprese quelle finalizzate all’addestramento cani, sono consentite solo con soggetti appartenenti a specie e popolazioni autoctone provenienti da allevamenti nazionali, da Zone di ripopolamento e cattura, da centri pubblici e privati di riproduzione della fauna selvatica allo stato naturale, insistenti sul medesimo territorio, previa valutazione di incidenza”. 101
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Saturnismo L’effetto deleterio del piombo sugli ecosistemi acquatici è stato ormai dimostrato, e appare particolarmente letale negli uccelli acquatici, dal momento che i pallini vengono ingeriti direttamente, sia perché confusi con le particelle alimentari, sia per formare il grit. La reale portata del problema riguardo altre specie, come gli uccelli da preda, non è ancora del tutto nota. Alcune evidenze dimostrano che modeste tracce di piombo ingerite da altre specie animali come ad es. l’aquila reale, possono condurre a intossicazione a seguito di ingestione di soggetti morti o debilitati a causa dell’intossicazione da piombo. (Kenntner et al. 2007; Kenntner et al. 2001; Gariboldi et al. 2004). Nel nostro paese le indagini specifiche sono piuttosto recenti e limitate, anche a causa della difficoltà di attuazione in quanto gli effetti sugli animali non sono quasi mai immediati e si possono confondere con altre forme di impatto. Per la Provincia di Ancona il problema, riguardo l’aquila reale, appare mitigato dal fatto che la presenza dell’unica coppia residente riguarda il comprensorio del Parco Gola della Rossa e di Frasassi, in cui la presenza dell’area protetta comporta il divieto di caccia. L’utilizzo di munizionamento a pallini di piombo è attualmente vietato all'interno delle zone umide di SIC e ZPS (Allegato I DRG 1471/2008). Almeno in tali zone, il problema appare mitigato. 10.2 LE RISPOSTE Tab.16: valutazione delle interazioni tra risposte e componenti ambientali. STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA RISPOSTA: AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Contribuisce ad una corretta pianificazione territoriale +/REV P/DIR Contribuisce ad una adeguata gestione che tiene conto della vocazionalità della specie +/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Contribuisce a corretta pianificazione territoriale 102
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI ECOLOGICHE IMPATTO IMPATTO INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA +/REV P/DIR FAUNA Contribuisce ad una adeguata gestione che tiene conto della vocazionalità della specie +/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Contribuisce allo Ob. g3: Coordinamento tra politiche di gestione di Parchi e Riserve e siti Natura 2000 +/REV MP/DIR Contribuisce a corretta pianificazione territoriale +/REV P/DIR Ottimizzazione gestione e studio della componente faunistica tramite coordinamento con aree protette
+/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA VEGETAZIONE HABITAT Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Mitigazione conflitti con altre attività antropiche (agricoltura) +/REV P/INDIR Tutela sanitaria, tutela del patrimonio storico‐
artistico, delle produzioni zoo‐agro‐forestali ed ittiche +/REV P/INDIR Tutela specie di interesse venatorio +/REV P/DIR ED Prevenzione/mitigazione danni alla vegetazione naturale +/REV 103
Disturbo fauna di interesse conservazionistico +/‐ /REV P/DIR PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA P/DIR RISPOSTA: AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA Mitigazione conflitti con altre attività antropiche (agricoltura) ++/REV P/DIR Fattivo coinvolgimento nella gestione degli habitat per la fauna degli agricoltori ++/REV P/DIR Miglioramento habitat (ambienti forestali, agrari zone umide, zone montane) con interventi diretti e limitazione di pratiche dannose alla fauna selvatica. ++/REV P/DIR Migliore tutela della fauna e incremento della riproduzione di fauna ++/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI CON LA FAUNA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Riduzione del rischio di incidenti stradali con la fauna ++/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Prevenzione/mitigazione rischio sanitario nei confronti della popolazione e delle attività zootecniche +/REV P/DIR Prevenzione/mitigazione rischio sanitario nei confronti delle popolazioni faunistiche +/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. g3: Coordinamento tra politiche di gestione di Parchi e Riserve e siti Natura 2000 104
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA ++/REV MP/DIR PAESAGGIO E RETI ECOLOGICHE FAUNA VEGETAZIONE ED HABITAT Tutela delle valenze paesaggistiche delle aree rete Natura 2000 ++/REV P/DIR Tutela delle specie faunistiche che contribuiscono agli obiettivi di conservazione delle aree rete Natura 2000 ++/REV P/DIR Tutela della vegetazione e degli habitat che contribuiscono agli obiettivi di conservazione delle aree rete Natura 2000 ++/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI FAUNA Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV P/DIR Coinvolgimento diretto operatori coinvolti nella gestione faunistico venatoria +/REV P/DIR Maggior controllo sulle operazioni previste +/REV P/DIR RISPOSTA: AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Contribuisce allo Ob. c. Rispettare le attività e tradizioni culturali correlate all’attività venatoria +/REV MP/DIR Informazione al pubblico dello stato di attuazione del piano +/REV MP/DIR Verifica in itinere dell’attuazione e dell’efficacia delle azioni di piano +/REV MP/DIR 105
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) STATO: COMPONENTI AMBIENTALI IMPATTO IMPATTO INTERAZIONE POSITIVA INTERAZIONE NEGATIVA RISPOSTA: AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE DETERMINANTE: Attività venatoria POP. ED ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI Informazione e coinvolgimento, responsabilizzazione degli steakholdes in fase di definizione del PFV e nella sua attuazione ++/REV MP/DIR Mitigazione possibili contrasti sociali ++/REV MP/DIR D.3. VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI CUMULATIVI E SINERGICI. 10.3 VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI CUMULATIVI E SINERGICI La valutazione dell’esistenza di effetti cumulativi e sinergici si rende necessaria in quanto fattori di incidenza che singolarmente non sono passibili di sortire impatti significativi, potrebbero, combinandosi, rafforzare la propria significatività determinando conseguenze ambientali non trascurabili. Di seguito si riporta un estratto della tabella di analisi degli impatti, in cui si riportano le azioni di piano che determinano effetti potenzialmente negativi sulle medesime componenti ambientali. Tab. 17: azioni di piano che determinano effetti cumulativi sulle componenti ambientali, senza considerare l’applicazione delle misure di mitigazione. COMPONENTI AMBIENTALI AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC VEGETAZION
E ED HABITAT P FAUNA AZIONI DI PIANO RETI ECOLOGICHE TIPOLOGIA PAESAGGIO E POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI BIODIVERSITÀ P AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS P AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZAC P AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV 106
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) COMPONENTI AMBIENTALI P AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO VEGETAZION
E ED HABITAT FAUNA RETI ECOLOGICHE AZIONI DI PIANO PAESAGGIO E POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI TIPOLOGIA BIODIVERSITÀ P AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI P P AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE R Dalla tabella si evince come impatti cumulativi riguardano essenzialmente aspetti socio‐economici per i conflitti sociali che possono derivare dovuti essenzialmente all’interferenza con altre attività antropiche, in particolare con il settore agricolo e zootecnico. Le azioni di informazione, coinvolgimento diretto, incentivi agli agricoltori per interventi di miglioramento degli habitat, assieme all’adeguata gestione della fauna e delle consistenze numeriche, può mitigare gli effetti negativi. Per quanto concerne i risarcimenti per i danni arrecati alle colture, non se ne discute in quanto rientra nell’ambito di competenze della Regione. Anche la fauna può essere interessata potenzialmente da interferenze di tipo negativo da parte di più azioni, correlate essenzialmente all’effetto di potenziale disturbo dovuto all’esercizio della caccia, di cui si è discusso sopra. Gli effetti negativi possono essere, almeno in buona parte, scongiurati con una adeguata gestione faunistica da parte degli Ambiti Territoriali di Caccia e tramite una corretta pianificazione del Territorio di Gestione Programmata della Caccia (Az. 14, Az. 13). La tutela delle aree importanti per la fauna di interesse conservazionistico, la pianificazione differenziata e tarate sulle caratteristiche, vocazionalità territoriali e sul rispetto delle sensibilità, le azioni di miglioramento degli habitat, la gestione del prelievo delle specie cacciabili congruo alle consistenze, possono minimizzare gli effetti negativi, andando anzi nella direzione di una buona qualità della gestione delle risorse biologiche. Sono già state descritte le azioni di risposta previste dal PFV. Importante il monitoraggio dello stesso per valutare l’efficacia di tali misure. 107
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE E ‐ MONITORAGGIO 108
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) E.1. I PARAMETRI PER IL MONITORAGGIO Il monitoraggio per la VAS può avvenire contestualmente al monitoraggio dello stato di attuazione del PFV. PERIODICITÀ MONITORAGGIO: Annuale ESECUTORE: Prov. Ancona ‐ Area Polizia Provinciale Flora e Fauna INDICATORI: ‐ Densità appostamenti fissi (n. app./1000 ha) per ATC; ‐ Num. Cacciatori Iscritti con opzione b, Iscritti con opzione c, Totale iscritti residenti, Iscritti da fuori ambito provinciale, Iscritti da fuori ambito regionale per ATC; ‐ Num incidenti stradali, % per specie coinvolta; ‐ Danni agricoltura, tipologia e specie coinvolte, danno risarcito €/anno ‐ Sup. AATV/ sup. tot.SPFV ‐ Sup. AFV/sup. tot.SPFV ‐ Sup. ZAC per tipologia/sup. tot.SPFV ‐ Sup. Aree di rispetto/ sup. tot.SPFV ‐ Sup. fondi chiusi art. 21 LR 7/95/ sup. tot.SPFV ‐ Stima Densità (ind./km2) specie faunistiche da dati censimenti (cinghiale, fagiano, lepre, volpe e Corvidi) ‐ N. catture lepre e fagiano in ZRC, Centri Pubblici di Produzione della Fauna selvatica per ATC;. ‐ Ripopolamenti: n. individui liberati per ATC, per istituto e provenienza ‐ Interventi di miglioramento ambientale per la fauna selvatica realizzati: tipologia, superificie, importi impegnati per ATV ‐ Attività di controllo della fauna in sovrannumero (corvidi, volpe e cinghiale): numero per specie e istituto. 109
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) SEZIONE F ‐ CONCLUSIONI 110
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) F.1. BILANCIO DELLE VALUTAZIONI EFFETTUATE Dall'analisi effettuata si evidenzia che buona parte della superficie provinciale interessata dei nodi REM è tutelata dalla presenza di AAPP o Oasi di protezione faunistica. Stesso discorso per le aree della rete Natura 2000 (che contribuiscono a formare i suddetti nodi): più della metà della loro superficie è già sottoposto a tutela. Inoltre, per la tutela di SIC e ZPS, sono state indicate delle precise norme. I potenziali effetti negativi correlati con alcuni aspetti della gestione faunistico venatoria possono essere, almeno in buona parte, scongiurati con una adeguata gestione faunistica da parte degli Ambiti Territoriali di Caccia e tramite una corretta pianificazione del Territorio di Gestione Programmata della Caccia. La tutela delle aree importanti per la fauna di interesse conservazionistico, la pianificazione differenziata e tarate sulle caratteristiche, vocazionalità territoriali e sul rispetto delle sensibilità, le azioni di miglioramento degli habitat, la gestione del prelievo delle specie cacciabili congruo alle consistenze, possono minimizzare gli effetti negativi, andando anzi nella direzione di una buona qualità della gestione delle risorse biologiche. Sono state descritte alcune azioni mitigative di risposta già previste dal PFV. Si sottolinea, comunque, l’importanza del monitoraggio del piano, per valutare l’efficacia delle azioni e misure previste e per gestire eventuali effetti non previsti o prevedibili. Si sottolinea l’importanza, da parte dell’amministrazione provinciale, di favorire lo studio e la conoscenza in merito alle valenze da tutelare, incentivare la vigilanza territoriale, e il coinvolgimento dei portatori di interessi, in accordo anche con gli altri soggetti gestori della fauna (AAPP) e dei Siti Natura 2000 (AAPP, comunità montane). F.2. EVENTUALI DIFFICOLTÀ INCONTRATE Le difficoltà incontrate riguardano essenzialmente l’esigenza di disponibilità di dati maggiormente attendibili e completi in merito allo status della fauna sia cacciabile che di interesse conservazionistico. Sarebbe auspicabile mettere in atto accorgimenti che permettano alle metodologie adottate per i censimenti di specie cacciabili di ottenere risultati migliori. Anche per quanto riguarda le indagini sulla fauna di interesse conservazionistico, nonostante siano stati portati avanti alcuni studi in ambito provinciale e regionale (vedi PFV, cap. 2.2), il quadro delle conoscenze appare ancora da completare e approfondire, in particolar modo nelle zone esterne alle aree protette. 111
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) BIBLIOGRAFIA AA.VV., 1992. Le emergenze botanico‐vegetazionali della Regione Marche. Regione Marche. Assessorato Urbanistica Ambiente. AA.VV., 2001. I tipi forestali delle Marche. Inventario e carta forestale della Regione Marche. Regione Marche. Assessorato Agricoltura e foreste. AA.VV., 2005. Monitoraggio dei siti della Rete Natura 2000 delle Marche per la loro gestione e conservazione e per la realizzazione della Rete Ecologica Marche (REM). Completamento delle indagini di base. Scheda zoologica ‐ avifauna della ZPS IT5310031 “Monte Catria, Monte Acuto, Monte della Strega” (ZPS 14), Regione Marche Progetto CIPE, Università degli studi di Urbino – Laboratorio Biologia e Conservazione. Agrotec ‐ Studio Helix Associati 2007. Aggiornamento dei quadri conoscitivi relativi alla fauna presente nei Siti della Rete europea Natura 2000 (report finale). Regione Marche Doc.U.P. SUBMISURA 4.1.2. AmbienteItalia (a cura di, 2007). Geografia delle Pressioni Ambientali. Studio per l’individuazione delle aree a diversa pressione – criticità ambientale nel territorio della Regione Marche. Relazione 2007. Regione Marche. Assessorato all’Ambiente. Servizio Ambiente e Paesaggio. Autorità Ambientale Regionale. APAT, 2003. Gestione delle aree di collegamento ecologico funzionale. Manuali e linee guida 26/2003 APAT. Battisti C., 2004. Frammentazione ambientale, connettività, reti ecologiche. Un contributo teorico e metodologico con riferimento alla fauna selvatica. Provincia di Roma. Assessorato alle Politiche agricole, ambientali e Protezione civile. BirdLife International, 2004. Birds in Europe: population estimates, trends and conservation status. Cambridge, U.K.: BirdLife International (BirdLife Conservation Series no. 12). Biondi E., a cura di. 2007. Carta della vegetazione (fitosociologica) della Regione Marche. Università Politecnica delle Marche. Università degli Studi di Camerino. Regione Marche – Assessorato all’Ambiente. BirdLife International 2007. BirdLife's online World Bird Database: the site for bird conservation. http://www.birdlife.org. BirdLife International (2011) Important Bird Areas factsheet: Mount Conero. Downloaded from http://www.birdlife.org on 22/11/2011. Blasi C., Carranza M.L., Frondoni R., Rosati L., 2000 – Ecosystem classification and mapping: a proposal for Italian landscapes. Applied Vegetation Science 3: 233‐242. Blasi C., S. Ercole, D. Smiraglia, 2003. Biodiversità nei paesaggi rurali e rapporto tra sistemi agrari e territorio. In: Biodiversità nei paesaggi agrari forestali, Pantelleria, Palermo Brichetti P., Fracasso G., 2003. Ornitologia italiana. Vol 1 – Gavidaee‐Falconidae. Alberto Perdisa Editore, Bologna. Brichetti P., Fracasso G., 2004. Ornitologia italiana. Vol 2 – Tetraonidae‐Scolopacidae. Alberto Perdisa Editore, Bologna. Brichetti P., Fracasso G., 2006. Ornitologia italiana. Vol 3 – Stercoraribae‐Caprimulgidae. Alberto Perdisa Editore, Bologna. Brichetti P., Fracasso. Ferrari C., G. Pezzi, L. Dell’Aquila, Diversità e naturalità della vegetazione. Elementi per un’analisi quantitativa integrata, Informatore Botanico Italiano, 32 suppl. 1: 31‐34, 2000. 112
PFV PROVINCIA DI ANCONA HYSTRIX SRL RAPPORTO AMBIENTALE PER LA VAS (DLGS 152/06 E SS.MM.II) Filpa A., Romano B. (a cura), 2003, Pianificazione e reti ecologiche, Planeco, p. 300, Gangemi Ed., Roma, ottobre. Gambero C., Magrini M., Perna P., Angelici J., 1998. Indagine sulla presenza del Lupo Canis lupus lupus L. nelle Marche e sulle sue interazioni con l’attività zootecnica. WWF Italia – Delegazione Marche. Giacchini P., 2003. Check‐list degli uccelli delle Marche. Riv. Ital. Orn. 73 (1): 25‐45. Giacchini P. Pandolfi M., 1995. Avifauna della provincia di Pesaro e Urbino. Amministrazione provinciale di Pesaro e Urbino. Assessorato Ambiente. Lipu, 2002. Relazione finale. Sviluppo di un sistema nazionale delle ZPS sulla base della rete delle IBA (Important Bird Areas). BirdLife Italia. Ministero dell’Ambiente, Servizio Conservazione della Natura. Pandolfi M., 1992 Fauna nelle Marche. Mammiferi e uccelli. Regione Marche. Il lavoro editoriale. http://www.ambiente.regione.marche.it/Ambiente/Natura/Infrastrutturaverde/Areefloristiche.aspx Pizzolotto R., Brandmayr P., 1996. An index to evaluate landscape conservation state based on land‐use pattern analysis and geographic information techniques. Coenoses, 11: 37‐44. Regione Marche 2009. Schede delle Aree Floristiche protette. http://www.ambiente.regione.marche.it/Ambiente/Natura/Infrastrutturaverde/Areefloristiche.aspx Regione Marche 2009. Geografia delle pressioni ambientali. Studio per l’individuazione delle aree a diversa pressione – criticità ambientale nel territorio della regione Marche. Regione Marche. Servizio Ambiente e Paesaggio. Stampa Errebi Grafiche Ripesi srl ‐ Falconara Marittima (AN). Regione Marche 2009. Consumo di suolo nelle Marche: Ambiente e Consumo di Suolo nelle Aree Urbane Funzionali delle Marche. Informazioni inedite e temi per un nuovo governo del territorio” Assessorato alla Tutela e Risanamento Ambientale Servizio Ambiente e Paesaggio. PF Informazioni Territoriali e Beni Paesaggistici. PF Aree protette, Protocollo di Kyoto, Riqualificazione urbana. Regione Marche 2011 REM. Relazione generale. Quadri conoscitivi e Sintesi interpretative. Regione Marche Servizio Ambiente e Paesaggio. Terre.it Unicam. RERU Rete Ecologica Regionale dell’Umbria – Regione Umbria – Petruzzi Editore, 2009. Romano B., Paolinelli G., 2007. L’interferenza insediativa nelle strutture ecosistemiche. Modelli per la Rete Ecologica del Veneto. Università degli studi dell’Aquila – Dipartimento di Architettura e Urbanistica. Gangemi Editore. Spagnesi M., Zambotti L., 2001. Raccolta delle norme nazionali e internazionali per la conservazione della fauna selvatica e degli habitat. Quad. Cons Natura, 1, Min. Ambiente ‐ Ist. Naz. Fauna Selvatica, pp. 378. Spagnesi M., A. & De Marinis M. (a cura di), 2002 ‐ Mammiferi d’Italia. Quad. Cons. Natura, 14, Min. Ambiente ‐ Ist. Naz. Fauna Selvatica. Tucker G.M. & Heath M.F., 1994. Birds in Europe: their conservations status. Cambridge, UK.: BirdLife International (BirdLife Conservation Series no. 3) WWF Italia, 2004. Verso una Rete Ecologica Regionale ‐ Modelli per un progetto di Rete Ecologica nelle Marche. Regione Marche Servizio Ambiente e Paesaggio. 113
Settore I
Area Polizia Prov.le e Flora e Fauna
Provincia
di Ancona
Istituti di gestione faunistico-venatoria
Scala 1:220.000
Legenda
Istituti di gestione PFVP 2012-2016
Aree protette L. 394/91 - Parchi
Aree protette L. 394/91 - Parchi
Aree protette L. 394/91 - Riserve
Aree protette L. 394/91 - Riserve
Aziende Faunistico-Venatorie
Aziende Faunistico-Venatorie
Centri Pubblici Riproduzione Fauna Selvatica
Centri Pubblici Riproduzione Fauna Selvatica
Oasi di protezione faunistica
Oasi di protezione faunistica
Zone Ripopolamento e Cattura
Zone Ripopolamento e Cattura
Zone Addestramento Cani
Zone Ambientamento Fauna Selvatica
Elaborazione cartografica a cura di Hystrix srl
Istituti di gestione PFVP 2004-2009
Settore I
Area Polizia Prov.le e Flora e Fauna
Carta delle tutele e delle valenze
Scala 1:220.000
Legenda
Aree Floristiche LR 52/74
Zone di Protezione Speciale
Siti di Interesse Comunitario
Aree protette L 394/91
IBA
Elaborazione cartografica a cura di Hystrix srl
Provincia
di Ancona
INTRODUZIONE La Direttiva 2001/42/CE introduce la procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) che si delinea come un processo finalizzato a “garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e contribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione e dell’adozione di piani e programmi al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile”. Il recepimento della direttiva VAS in Italia è avvenuto con il D.Lgs 3 aprile 2006 n° 152, e nella Regione Marche con la Legge Regionale 12 giugno 2007 n°6, legge con la quale i temi ambientali e gli obiettivi di sostenibilità entrano in modo organico e sistematico nei processi di pianificazione territoriale ed urbanistica. 1.
PIANI E PROGRAMMI SOVRAORDINATI Il PFV segue gli indirizzi delineati da una serie di normative e piani sovraordinati che definiscono gli obiettivi di riferimento del piano(coerenza esterna). Di seguito si riportano gli strumenti di pianificazione e legislazione (internazionale, nazionale, regionale e provinciale) i cui obiettivi sono la base di riferimento per il PFV. Tab. 1: piani e documenti di riferimento. CONVENZIONI, ACCORDI INTERNAZIONALI E DIRETTIVE EUROPEE Parigi (18 ottobre 1950) Protezione degli uccelli: durante il periodo di riproduzione; la migrazione di ritorno (marzo‐luglio) e tutto l'anno per le specie minacciate di estinzione; regolamentazione mezzi di caccia. Ramsar (2 febbraio 1971) Conservazione zone umide di importanza internazionale e degli uccelli Acquatici.
Berna (19 settembre 1979). Conservazione vita selvatica e ambiente naturale in Europa, della flora e fauna selvatiche e degli habitats. Rio de Janeiro (5 giugno 1992). Conservazione della biodiversità, uso durevole dei suoi componenti, ripartizione equa dei benefici delle biotecnologie. Direttiva 92/43/CEE "Habitat" del 21 maggio 1992 relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. (GUCE L 206 del 22.7.1992). Direttiva 2009/147/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente la conservazione degli uccelli selvatici del 30 novembre 2009 (GUCE n. L 20/7 del 26/01/2010). PIANI E STRUMENTI LEGISLATIVI NAZIONALI L. n. 6 dicembre 1991, n. 394. Legge quadro sulle aree protette e ss.mm.ii; (GU 13 dicembre 1991, n. 292, S.O.). L. 157/92 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio, in attuazione dell'articolo 9 della direttiva 79/409/CEE. e ss.mm.ii; (GU, serie generale, n. 46 del 25 febbraio 1992). DPR n. 357 del 8/09/97 “Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 92/43 CEE relativa alla conservazione degli habitat e semi naturali, nonché della flora e della fauna selvatica” e ss.mm.ii. (S.O. alla G.U. n. 248 del 23 ottobre 1997). Decreto ministeriale 17 ottobre 2007. Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione 2
relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS). (GU n. 258 del 6‐11‐
2007). PIANI E STRUMENTI LEGISLATIVI REGIONALI L.R. 7/95 e ss.mm.ii, e regolamenti regionali ad essa riferiti. Legge Regionale 28 aprile 1994, n. 15 “Norme per l’Istituzione e gestione delle aree protette naturali”. Criteri ed Indirizzi per la Pianificazione Faunistico‐Venatoria 2010‐2015 (D.A. 5/2100). PPAR (D.G.R. n. 197 del 03.11.1989). Attualmente in fase di aggiornamento, con D.G.R. N. 140/2010 è stato approvato il documento preliminare per la verifica e l'adeguamento del P.P.A.R. al Codice dei beni culturali e del paesaggio e alla Convenzione europea del paesaggio. L.R. n. 52 del 20 dicembre 1974. Provvedimenti per la tutela degli ambienti naturali. (B.U.R. 31 dicembre 1974, n. 53). L. R. 12 giugno 2007, n. 6. Modifiche ed integrazioni alle Leggi regionali 14 Aprile 2004, n. 7, 5 Agosto 1992, n. 34, 28 ottobre 1999, n. 28, 23 Febbraio 2005, n. 16 e 17 Maggio 1999, n. 10 ‐ Disposizioni in materia ambientale e rete natura 2000. (BUR n. 55 del 21/06/2007). Legge regionale 18 luglio 2011, n. 15. "Modifiche alla Legge Regionale 5 gennaio 1995, n. 7 "Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell'equilibrio ambientale e disciplina dell'attività venatoria". DGR n. 1471 del 27/10/2008. DPR 357/97 ‐ Decreto ministeriale 17 ottobre 2007 ‐ Adeguamento delle misure di conservazione generali per le zone di protezione speciale di cui alla direttiva 79/409/CEE e per i siti di importanza comunitaria di cui alla direttiva 92/43/CEE. (B.U.R. n. 105 del 7 novembre 2008). Piano Forestale Regionale (PFR). Legge Regionale 23 febbraio 2005, n. 6, articolo 4. (D.G.R. n. 114 del 26.02.2009). Piano di sviluppo rurale (PSR) delle Marche 2007‐2013. (D.A. n. 153 del 2/02/2010). PIANI E STRUMENTI PIANIFICATORI PROVINCIALI Regolamenti provinciali di settore. STRUMENTI PROGRAMMATICI Strategia regionale per lo sviluppo sostenibile 2006‐2010 ‐STRAS (D.A.C.R. n. 44 del 30 gennaio 2007). ALTRI PIANI TERRITORIALI Piani dei Parchi e Riserve Naturali (L. 349/91, L.R. 15/94). 2.
DESCRIZIONE DI SINTESI DEL PIANO 2.1
Obiettivi strategici di sostenibilità ambientale e azioni del PRG Per ciascun tema ambientale pertinente vengono individuati gli obiettivi ambientali di riferimento che il PFV si propone di perseguire. 3
Gli obiettivi di sostenibilità sono le finalità che ci si prefigge di raggiungere attraverso la realizzazione del PRG, attraverso le azioni previste nel perseguimento di una politica di sostenibilità economica, ambientale e sociale. Tab. 2: macrobiettivi di sostenibilità e obiettivi specifici per ciascuna componente ambientale. del PFV. COMPONENTE AMBIENTALE POPOLAZIONE ED ASPETTI SOCIOECONOMICI MACROBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI a) Evitare e/o ridurre conflitti fra aspetti di gestione faunistico‐
venatoria e aspetti sociali ed economici. Ob. a.1 Evitare e/o ridurre i conflitti con attività umane e produttive, con particolare riguardo ai settori agricolo e zootecnico, della pesca, della forestazione, del turismo naturalistico. b) Promuovere la crescita culturale e la cooperazione tra tutti gli stakeholders. Ob. b.1 Garantire l’informazione, la comunicazione e la partecipazione dei diversi attori interessati (soggetti coinvolti nella gestione faunistica e nell’attività venatoria, associazioni agricole, allevatori, associazioni ambientaliste, operatori del turismo naturalistico, etc), nella gestione, conservazione, fruizione degli habitat e della fauna. Responsabilizzazione e coinvolgimento dei soggetti coinvolti nella gestione faunistica e nell’attività venatoria. Ob. a.2 Prevenire conflitti di tipo sanitario, sociale ed economico nei confronti della popolazione umana. c) Rispettare le attività Ob. c.1 Pianificazione e regolamentazione dell’attività e tradizioni culturali venatoria in equilibrio tra esigenze di tipo sociale e correlate all’attività conservazione delle valenze faunistiche. venatoria. BIODIVERSITÀ – FAUNA d) Mantenere il giusto equilibrio fra attività venatoria e risorse faunistiche. Ob. d.1 Conseguimento della densità ottimale delle popolazioni di specie soggette a prelievo venatorio e la sua conservazione tramite la regolamentazione del prelievo stesso. Ob. d.2 Mantenimento/miglioramento degli equilibri ecologici, delle reti trofiche, della densità ottimale delle popolazioni faunistiche, con particolare attenzione alle specie di interesse conservazionistico, gestionale. Ob. d.3 Incremento delle conoscenze in merito allo status delle popolazioni faunistiche. Ob. d.4 Prevenzione dell’inquinamento genetico delle popolazioni naturali. Ob. d.5 Vigilanza e controllo sulle operazioni gestionali. e) Tutela della fauna Ob. e.1 Tutela e conservazione della fauna protetta e di protetta e di interesse interesse conservazionistico (ai sensi delle Direttive, 4
COMPONENTE AMBIENTALE BIODIVERSITÀ HABITAT BIODIVERSITÀ ECOLOGICHE OBIETTIVI SPECIFICI conservazionistico accordi internazionali, Liste Rosse, normativa nazionale), con particolare attenzione agli obiettivi di conservazione dei Siti Natura 2000. – f) Mantenimento delle Ob. f.1 Mantenimento e riqualificazione degli habitat E risorse ambientali e naturali e seminaturali al fine di favorire il naturale degli habitat incremento della fauna selvatica, con particolare attenzione ai siti Natura 2000 e agli obiettivi di conservazione degli stessi. VEGETAZIONE PAESAGGIO MACROBIETTIVI E – g) Conservare gli Ob. g.1 Mantenimento/miglioramento della Rete ecosistemi e la Ecologica: garantire la qualità ambientale delle cores connettività tra di essi areas, della funzionalità dei corridoi ecologici e la connettività ecologica tra gli habitat, con particolare attenzione alla specie di interesse conservazionistico, gestionale, venatorio. RETI Ob. g.2 Consolidamento delle funzioni territoriali dell’attività agricola e valorizzazione delle aree con valenza boschiva. Ob. g.3 Coordinamento tra le politiche di gestione di Parchi e Riserve e Siti Natura 2000. 2.2
Le azioni del piano Nella tabella seguente si sintetizzano, per ciascuna componente ambientale, gli obiettivi di sostenibilità delineati e le relative azioni individuate per il loro raggiungimento. Ovviamente, alcuni obiettivi possono essere gli stessi per più di una componente ambientale ed alcune azioni possono contribuire al raggiungimento di più obiettivi. Tab. 3: rapporto tra obiettivi e azioni. OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI A) EVITARE E/O RIDURRE CONFLITTI FRA ASPETTI DI GESTIONE FAUNISTICO‐VENATORIA E ASPETTI SOCIALI ED ECONOMICI Ob. EVITARE E/O RIDURRE I CONFLITTI CON AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA a.1 ATTIVITÀ UMANE E PRODUTTIVE, CON GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA PARTICOLARE RIGUARDO AI SETTORI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL AGRICOLO E ZOOTECNICO, DELLA CINGHIALE PESCA, DELLA FORESTAZIONE, DEL AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE TURISMO NATURALISTICO. AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI 5
OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI CON LA FAUNA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV Ob. PREVENIRE CONFLITTI DI TIPO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE a.2 SANITARIO, SOCIALE ED ECONOMICO AZ. 18. INDICAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI NEI CONFRONTI DELLA POPOLAZIONE CON LA FAUNA UMANA AZ. 19. DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO IN CASO DI ZOONOSI O PER AZIONI DI SORVEGLIANZA SANITARIA B) PROMUOVERE LA CRESCITA CULTURALE E LA COOPERAZIONE TRA TUTTI GLI STAKEHOLDERS Ob. GARANTIRE L’INFORMAZIONE, LA AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) b.1 COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO DEI DIVERSI ATTORI INTERESSATI (SOGGETTI COINVOLTI NELLA GESTIONE FAUNISTICA E NELL’ATTIVITÀ VENATORIA, ASSOCIAZIONI AGRICOLE, ASSOCIAZIONI ALLEVATORI, AMBIENTALISTE, OPERATORI DEL TURISMO NATURALISTICO, ETC), NELLA CONSERVAZIONE, GESTIONE, FRUIZIONE DEGLI HABITAT E DELLA FAUNA; RESPONSABILIZZAZIONE COINVOLGIMENTO DEI COINVOLTI NELLA FAUNISTICA E E SOGGETTI GESTIONE NELL’ATTIVITÀ VENATORIA. AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 14. INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 23. COINVOLGIMENTO STEAKHOLDES IN FASE DI DEFINIZIONE DEL PFV E NELLA SUA ATTUAZIONE AZ. 24. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DEL PFV C) RISPETTARE LE ATTIVITÀ E TRADIZIONI CULTURALI CORRELATE ALL’ATTIVITÀ VENATORIA Ob. PIANIFICAZIONE c.1 REGOLAMENTAZIONE VENATORIA ESIGENZE IN DI CONSERVAZIONE FAUNISTICHE. E DELL’ATTIVITÀ EQUILIBRIO TIPO SOCIALE DELLE TRA E VALENZE AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE AI SENSI DELLA LL. 394/91 AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE FAUNISTICA AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE DI ZAC 6
OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 14 INDIRIZZI DI GESTIONE FAUNISTICA PER GLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. D) MANTENERE IL GIUSTO EQUILIBRIO FRA ATTIVITÀ VENATORIA E RISORSE FAUNISTICHE Ob. CONSEGUIMENTO DELLA DENSITÀ AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE d.1 OTTIMALE DELLE POPOLAZIONI DI FAUNISTICA SPECIE SOGGETTE A PRELIEVO VENATORIO E LA SUA CONSERVAZIONE TRAMITE LA REGOLAMENTAZIONE DEL PRELIEVO STESSO. AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 7. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE DI ZAC AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 11. PIANIFICAZIONE APPOSTAMENTI FISSI AZ. 12. ZONAZIONE TERRITORIALE PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE AZ. 13. PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO DI GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA AZ. 16. CONTROLLO DELLE SPECIE PROBLEMATICHE Ob. MANTENIMENTO/MIGLIORAMENTO AZ. 1. REDAZIONE CARTA DELLE VOCAZIONI FAUNISTICHE (LEPRE, FAGIANO) d.2 DEGLI EQUILIBRI ECOLOGICI, DELLE RETI AZ. 2. REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO TROFICHE, DELLA DENSITÀ OTTIMALE AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE DELLE POPOLAZIONI FAUNISTICHE, CON FAUNISTICA PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO, GESTIONALE. AZ. 5. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE ZRC AZ. 6. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DEI CPPS AZ. 8. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DI AFV, AATV 7
OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV AZIONI AZ. 9. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE AREE DI RISPETTO Ob. INCREMENTO DELLE CONOSCENZE IN AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV d.3 MERITO ALLO STATUS DELLE POPOLAZIONI FAUNISTICHE. Ob. PREVENZIONE DELL’INQUINAMENTO AZ. 15. REGOLAMENTAZIONE RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO d.4 GENETICO DELLE POPOLAZIONI NATURALI. Ob. VIGILANZA E CONTROLLO SULLE AZ. 21. INDICAZIONI IN MERITO AL PERSONALE ADDETTO ALLA VIGILANZA E d.5 OPERAZIONI GESTIONALI ALLE OPERAZIONI GESTIONALI. AZ. 22. MONITORAGGIO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PFV E) TUTELA DELLA FAUNA PROTETTA E DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Ob. TUTELA E CONSERVAZIONE DELLA AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 e.1 FAUNA PROTETTA E DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO (AI SENSI DELLE DIRETTIVE, ACCORDI INTERNAZIONALI, LISTE ROSSE, NORMATIVA CON PARTICOLARE NAZIONALE), ATTENZIONE AGLI CONSERVAZIONE DEI OBIETTIVI DI SITI NATURA 2000. F) MANTENIMENTO DELLE RISORSE AMBIENTALI E DEGLI HABITAT Ob. MANTENIMENTO E RIQUALIFICAZIONE AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO f.1 DEGLI HABITAT NATURALI E AMBIENTALE SEMINATURALI AL FINE DI FAVORIRE IL AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 NATURALE INCREMENTO DELLA FAUNA SELVATICA, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI SITI NATURA 2000 E AGLI OBIETTIVI DI CONSERVAZIONE DEGLI STESSI. G) CONSERVARE GLI ECOSISTEMI E LA CONNETTIVITÀ TRA DI ESSI Ob. MANTENIMENTO/MIGLIORAMENTO AZ. 2 REDAZIONE DELLA CARTA DEL VALORE NATURALISTICO g.1 DELLA RETE ECOLOGICA: GARANTIRE LA AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE QUALITÀ AMBIENTALE DELLE CORES AI SENSI DELLA L. 394/91 AREAS, DELLA FUNZIONALITÀ DEI AZ. 4. PIANIFICAZIONE E INDIRIZZI GESTIONALI DELLE OASI DI PROTEZIONE CORRIDOI ECOLOGICI E LA FAUNISTICA CONNETTIVITÀ ECOLOGICA TRA GLI HABITAT, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA SPECIE DI INTERESSE AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 8
OBIETTIVI SPECIFICI DEL PFV CONSERVAZIONISTICO, AZIONI GESTIONALE, VENATORIO. Ob. CONSOLIDAMENTO DELLE FUNZIONI AZ. 10. CRITERI PER INDIVIDUAZIONE DI FONDI CHIUSI E SOTTRATTI ALLA g.2 TERRITORIALI DELL’ATTIVITÀ AGRICOLA GESTIONE PROGRAMMATA DELLA CACCIA E VALORIZZAZIONE DELLE AREE CON VALENZA BOSCHIVA. AZ. 17. DEFINIZIONE DI CRITERI ED INCENTIVI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE Ob. COORDINAMENTO TRA LE POLITICHE DI AZ. 3. INDIRIZZI GESTIONALI DEI TERRITORI LIMITROFI ALLE AREE PROTETTE g.3 GESTIONE DI PARCHI E RISERVE E SITI AI SENSI DELLA L. 394/91 NATURA 2000. AZ. 20. NORME DI TUTELA DELLE ZONE DELLA RETE NATURA 2000 3.
AMBITO DI INFLUENZA AMBIENTALE 3.1
Le valenze e le tutele. Per quanto attiene le valenze faunistiche e botanico‐vegetazionali, la provincia di Ancona presenta le seguenti tutele sancite dalla normativa e/o zone segnalate a livello nazionale o internazionale per le proprie valenze, rappresentate nella Carta delle valenze e delle tutele, riportata in allegato. AREE PROTETTE (AAPP) AI SENSI DELLA L 349/91: ‐
PARCO NATURALE REGIONALE DEL MONTE CONERO Sup.: 5.994 ha, Comuni: Ancona, Camerano, Sirolo, Numana. ‐
PARCO NATURALE REGIONALE GOLA DELLA ROSSA E DI FRASASSI Sup.: 10.026 ha, Comuni: Arcevia, Cerreto d'Esi, Fabriano, Genga, Serra San Quirico. ‐
RISERVA NATURALE REGIONALE DI RIPA BIANCA Sup.: 318 ha, Comuni: Jesi. AREE NATURA 2000 L’ambito di riferimento risulta interessato da 24 siti Natura 2000 tra cui: 
16 Siti di Importanza Comunitaria (SIC), di cui 5 interni ad aree protette, 8 completamente esterni e 3 parzialmente sovrapposti; 
8 Zone di Protezione Speciale (ZPS), di cui 1 interna ad aree protette, 3 completamente esterne e 4 parzialmente sovrapposte. IMPORTANT BIRD AREA (IBA ‐ IMPORTANT BIRD AREA)) Nella provincia di Ancona insiste un’area IBA, la 085 ‐ “Monte Conero”, che include il promontorio del Conero e una piccola parte dell’IBA 212 ‐ “Monte Catria, Monte Acuto e Monte della Strega”, che si estende prevalentemente in provincia di Pesaro e Urbino, in corrispondenza del comprensorio omonimo. La prima si sovrappone al Parco Naturale Regionale del Monte Conero. AREE FLORISTICHE PROTETTE AI SENSI DELLA L.R. N. 52/1974 9
Nella provincia di Ancona insistono 17 aree floristiche protette. Queste zone, designate ai sensi della L.R. n. 52/1974 si propongono di tutelare le valenza botanico‐vegetazionali, in particolare piante rare o in via di estinzione e meritevoli di tutela. Le indagini sul territorio evidenziano come le zone a maggior valenza e naturalità sia da un punto di vista faunistico che paesaggistico e botanico‐vegetazione, si collochino con estrema continuità lungo le dorsali montuose della provincia, in particolare lungo la dorsale marchigiana e umbro‐marchigiana che sono le cores area principali della rete ecologica. Nella parte costiera si evidenza in particolare la zona del Conero come aree di particolare importanza. Valori bassi di qualità e quindi di funzionalità ecologica, si registrano ove insiste la pesante infrastrutturazione soprattutto nella porzione più a mare, a ridosso dell’autostrada; importante è anche la componente agricola intensiva. Queste aree sono soggette e subiscono programmazioni d’area più vasta a cui si accompagna una urbanizzazione che si sviluppa lungo queste direttrici aumentando ancor più l’effetto barriera. Una certa fragilità si regista anche negli ambiti fluviali, in particolare nell’Unità Ecologico Funzionale del fiume Esino, causata in parte dall’infrastrutturazione dei corsi d’acqua e dalla perdita di funzioni dei sistemi di versante. 3.2
Vulnerabilità e criticità. Alcuni fattori di criticità e vulnerabilità sono direttamente correlati con l’attività di gestione faunistico‐
venatoria, altre fragilità territoriali, seppur non connesse con le azioni di piano. vengono considerate in sede VAS per la valutazione della situazione territoriale e per la individuazione di eventuali effetti negativi cumulativi nei confronti della fauna. Tali elementi che possono costituire fattori di criticità per i sistemi ecologici e per la fauna, sono sia di tipo instrastrutturale (ad es. sistema insediativo, viabilità, rete elettrica) che correlate ad attività sul territorio (es. gestione faunistico‐venatoria, attività turistiche, etc). 3.2.1
Elementi di criticità territoriali Elementi di frammentazione ambientale I sistemi insediativo ed infrastrutturale costituiscono indubbiamente elementi di interruzione della continuità ambientale. Per quanto concerne l’assetto insediativo provinciale, la minore densità abitativa si riscontra essenzialmente nelle fasce montane ed alto‐collinari, dove prevalgono le zone a maggiore naturalità e a più scarsa presenza antropica. Le aree a maggiore densità, coincidono con il capoluogo di Provincia e i satelliti ad esso collegati. In generale, anche lungo le zone costiere, la densità abitativa appare piuttosto alta, con l’eccezione del comprensorio del Monte Conero. Altri fattori antropici Le minacce potenziali comprendono quegli elementi del sistema antropico che, per le loro caratteristiche intrinseche, possono interferire negativamente con la rete ecologica e più in generale con le risorse biologiche. L’intensità dell’impatto reale dipende dalle caratteristiche puntuali dell’interferenza e da quelle del sistema naturale a scala locale. Sinteticamente, la REM individuata i seguenti elementi di criticità: ‐
sistema della mobilità ‐
mobilità aerea ‐
viabilità di progetto ‐
turismo 10
‐
cave attive ‐
discariche attive ‐
aerogeneratori (progetti approvati o per cui è avviato l’iter di approvazione) ‐
interporto Jesi ‐
rete elettrica 3.2.2
Elementi di criticità correlati alla gestione faunistico‐venatoria Tra le problematiche maggiormente significative e non risolte vanno segnalati i danni prodotti dalla fauna selvatica alle produzioni agricole. Tale emergenza determina un conflitto “sociale” tra la categoria degli imprenditori agricoli e la Pubblica Amministrazione ed i cacciatori e un rilevante impegno economico per il risarcimento degli stessi a carico della Provincia e soprattutto degli ATC. Altro aspetto che merita maggiore attenzione riguarda l’approfondimento delle conoscenze in merito alle specie faunistiche, sia di interesse venatorio che conservazionistico, per avere una base conoscitiva per migliore per operare le scelte strategiche. Per quanto concerne la problematica degli incidenti stradali la Provincia di Ancona Settore Pol. Provinciale Flora e Fauna sta già portando avanti un progetto sperimentale di prevenzione, tramite attività informative e il posizionamento di presidi già utilizzati con successo in altre realtà per la mitigazione del rischio (catadiottri rifrangenti, cartellonistica di avvertimento, etc). 4.
SINTESI DELLE VALUTAZIONI LEGENDA AZIONI CHE POTREBBERO AVERE UNA INTERAZIONE CON POTENZIALE INCIDENZA NEGATIVA SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO AZIONI CHE POTREBBERO AVERE UNA INTERAZIONE CON POTENZIALE INCIDENZA POSITIVA SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO AZIONI PER CUI NON SI PREVEDONO INTERAZIONI DI RILIEVO SULLA COMPONENTE AMBIENTALE DI RIFERIMENTO TIPOLOGIA DI AZIONE PREVISTA: P = PRESSIONE R = RISPOSTA Tab. 4: valutazione delle interazioni tra azioni di piano e componenti ambientali 11
HABITAT NE ED FAUNA VEGETAZIO
BIODIVERSITÀ ECOLOGICH
A AZIONI DI PIANO E RETI TIPOLOGI
POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO COMPONENTI AMBIENTALI R Az. 1. Redazione carta delle vocazioni faunistiche (lepre, fagiano) R Az. 2. Redazione della carta del Valore Naturalistico R Az. 3. Indirizzi gestionali dei territori limitrofi alle aree protette ai sensi della LL. 394/91 P Az. 4. Pianificazione e indirizzi gestionali delle Oasi di protezione faunistica P Az. 5. Pianificazione e indirizzi gestionali delle ZRC P Az. 6. Pianificazione e indirizzi gestionali dei CPPS P Az. 7. Pianificazione e indirizzi gestionali delle ZAC P Az. 8. Pianificazione e indirizzi gestionali di AFV, AATV P Az. 9. Pianificazione e indirizzi gestionali delle Aree di Rispetto P Az. 10. Criteri per individuazione di fondi chiusi e sottratti alla gestione programmata della caccia P Az. 11. Pianificazione appostamenti fissi P P/R Az. 12. Zonazione territoriale per la gestione e il prelievo del cinghiale Az. 13. Pianificazione del Territorio di Gestione Programmata della Caccia 12
P/R Az. 14. Indirizzi di gestione faunistica per gli Ambiti Territoriali di Caccia P Az. 15. Regolamentazione ripopolamenti a scopo venatorio R Az. 16. Controllo delle specie problematiche HABITAT NE ED FAUNA VEGETAZIO
BIODIVERSITÀ ECOLOGICH
A AZIONI DI PIANO E RETI TIPOLOGI
POP. ASPETTI SOCIO‐ECONOMICI PAESAGGIO COMPONENTI AMBIENTALI R Az. 17. Definizione di criteri ed incentivi per il miglioramento ambientale R Az. 18. Indicazioni per la riduzione del rischio di incidenti stradali con la fauna R Az. 19. Definizione di un protocollo in caso di zoonosi o per azioni di sorveglianza sanitaria R Az. 20. Norme di tutela delle zone della rete Natura 2000 R Az. 21. Indicazioni in merito al personale addetto alla vigilanza e alle operazioni gestionali. R Az. 22. Monitoraggio dello stato di attuazione del PFV R Az. 23. Coinvolgimento steakholdes in fase di definizione del pfv e nella sua attuazione P/R Az. 24. Informazione e Divulgazione del PFV Tab. 5: azioni di piano che determinano effetti cumulativi sulle componenti ambientali, senza considerare l’applicazione delle misure di mitigazione. COMPONENTI AMBIENTALI S
A 13
CI
AZIONI DI PIANO O
TIPOLOGI
BIODIVERSITÀ Az. 5. Pianificazione e indirizzi gestionali delle ZRC P Az. 6. Pianificazione e indirizzi gestionali dei CPPS P Az. 7. Pianificazione e indirizzi gestionali delle ZAC P Az. 8. Pianificazione e indirizzi gestionali di AFV, AATV P P Az. 9. Pianificazione e indirizzi gestionali delle Aree di Rispetto Az. 11. Pianificazione appostamenti fissi P P R Az. 12. Zonazione territoriale per la gestione e il prelievo del cinghiale Az. 15. Regolamentazione ripopolamenti a scopo venatorio Az. 16. Controllo delle specie problematiche HABITAT NE ED VEGETAZIO
FAUNA ECOLOGICH
E RETI PAESAGGIO P Gli effetti negativi possono essere, almeno in buona parte, scongiurati con una adeguata gestione faunistica da parte degli Ambiti Territoriali di Caccia e tramite una corretta pianificazione del Territorio di Gestione Programmata della Caccia (Az. 14, Az. 13). La tutela delle aree importanti per la fauna di interesse conservazionistico, la pianificazione differenziata e tarate sulle caratteristiche, vocazionalità territoriali e sul rispetto delle sensibilità, le azioni di miglioramento degli habitat, la gestione del prelievo delle specie cacciabili congruo alle consistenze, possono minimizzare gli effetti negativi, andando anzi nella direzione di una buona qualità della gestione delle risorse biologiche. 5.
INDICAZIONI PER IL MONITORAGGIO Il monitoraggio è il processo attraverso il quale si verifica in che modo il piano interagisce con il contesto, valutando le modificazioni positive o negative (effetti) che derivano dall’attuazione del piano stesso. Il monitoraggio per la VAS può avvenire contestualmente al monitoraggio dello stato di attuazione del PFV. Di seguito si riportano gli indicatori per l’attuazione del monitoraggio e le modalità di esecuzione. 14
PERIODICITÀ MONITORAGGIO: Annuale ESECUTORE: Prov. Ancona ‐ Area Polizia Provinciale Flora e Fauna INDICATORI: ‐
Densità appostamenti fissi (n. app./1000 ha) per ATC; ‐
Num. Cacciatori Iscritti con opzione b, Iscritti con opzione c, Totale iscritti residenti, Iscritti da fuori ambito provinciale, Iscritti da fuori ambito regionale per ATC; ‐
Num incidenti stradali, % per specie coinvolta; ‐
Danni agricoltura, tipologia e specie coinvolte, danno risarcito €/anno ‐
Sup. AATV/ sup. tot.SPFV ‐
Sup. AFV/sup. tot.SPFV ‐
Sup. ZAC per tipologia/sup. tot.SPFV ‐
Sup. Aree di rispetto/ sup. tot.SPFV ‐
Sup. fondi chiusi art. 21 LR 7/95/ sup. tot.SPFV ‐
Stima Densità (ind./km2) specie faunistiche da dati censimenti (cinghiale, fagiano, lepre, volpe e Corvidi) ‐
N. catture lepre e fagiano in ZRC, Centri Pubblici di Produzione della Fauna selvatica per ATC;. ‐
Ripopolamenti: n. individui liberati per ATC, per istituto e provenienza ‐
Interventi di miglioramento ambientale per la fauna selvatica realizzati: tipologia, superificie, importi impegnati per ATV ‐
Attività di controllo della fauna in sovrannumero (corvidi, volpe e cinghiale): numero per specie e istituto. 15

Documenti analoghi