L`isola dei colori L`isola dei colori

Transcript

L`isola dei colori L`isola dei colori
GENNAIO • FEBBRAIO - JANUARY • FEBRUARY 2016
CUBA
L’isola dei colori
SOMMARIO 2016
6
6
26
22
A2
38
PASSEPARTOUT
Le isole dell’Eden. Cayo Coo
e Cayo Guillermo.
Eden Islands. Cayo Coco
e Cayo Guillermo.
di/by Lisa Cecconi
10
14
18
PORTRAIT
Woody Allen.
di/by Barbara Mattei
22
SPORT
Le miss del set
The ladies of the set
Tatiana di Natale
26
MOTORI
La mititca Ape
The legendary Ape
di/by Marco Galletti
34
PASSEPARTOUT
Sulle tracce dei Maya
Dallo Yucatàn al Guatemala
On the Maya traces
From Yucatàn to Guatemala
di/by Lisa Cecconi
37
GASTRONOMIA
Il cacao
Cocoa
di/by Barbara Mattei
38
PASSEPARTOUT
Grecia, sogno d’estate
Greece, summer dream
di/by Marco Galletti
40
PASSEPARTOUT
Roma e Napoli sotterranee
Underground Rome and Naples
di/by Marco Galletti
PORTRAIT
Adele, the voice
di/by M.G.
PORTRAIT
Halle Berry, la diva ribelle
The rebel diva.
di/by Tatiana di Natale
1
lightcommunication.it
CONTENTS
enica COA
m
o
La d l BARBA
sta a
si gu
GENNAIO FEBBRAIO 2016
JANUARY FEBRUARY 2016
ANNO XIV – N°I
SOCIETÀ EDITRICE
Blue Panorama Airlines SPA
Viale della Arti 123 – 00050 Fiumicino (Roma)
Tel. +39 06 655081
AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE DI ROMA
n. 649/2002 del 28/11/2002
Iscritta al R.O.C. n°22842
DIRETTORE RESPONSABILE
Carla Antonella Cirimbilla
DIREZIONE EDITORIALE MONDO IN BLUE
Marco Galletti
CURIOSITÀ DAL MONDO
WORLD CURIOSITIES
di/by Milena Mariano . .......................................................4
MODA
Il tacco della seduzione
A heel for reductio
Giulia Adonoupolus..........................................................30
WISHLIST
Stile po(r)tabile
Po(r)table style
Giulia Adonoupolus..........................................................32
CULTURA
MG Media Group S.r.l.
Tel. +39 06 35450903
[email protected]
www.mgmediagroup.it
SUB EDITOR
Barbara Mattei
[email protected]
PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE
MG Media Group
[email protected]
TRADUZIONI
Francesco Ricci (inglese)
Sara Terreni (spagnolo)
REDAZIONE
Giulia Adonopoulos
Lisa Cecconi
Tatiana Di Natale
Milena Mariano
Beatrice Mazzini
Viviana Passalacqua
Francesco Ricci
Marco Valente
Lady be. L’arte pop di Letizia Lanzaretti
Letizia Lanzarotti’s Pop Art
Marco Galletti...................................................................46
MONDO IN BLUE
Moschea Blu
Blue Mosque
Lisa Cecconi.....................................................................48
LIBRI
Barbara Mattei..................................................................50
MUSICA
Francesco Ricci................................................................52
CINEMA
Milena Mariano................................................................54
SERVICES
.........................................................................................55
Da Barbacoa la carne non ha segreti
Lasciatevi conquistare dal Barbacoa, ristorante
specializzato nella preparazione della carne da
oltre vent’anni e affermato in tutto il mondo.
Assaporate i migliori tagli di carne, serviti secondo
il
tradizionale
metodo
Rodizio,
assaggiate
l’ottimo buffet di antipasti e scegliete il vostro
vino tra le 140 etichette italiane selezionate.
Inoltre Barbacoa si è arricchito del Dehors,
l’accogliente e ricercato spazio esterno coperto.
Barbacoa, momenti unici raffinati ed eleganti!
PUBBLICITÀ
MG Media Group S.r.l.
[email protected]
Tel. +39 06 35450903
STAMPA
Consorzio AGE, Arti Grafiche Europa
via Vaccareccia, 57
00040 Pomezia (RM)
HANNO COLLABORATO
A QUESTO NUMERO:
Angelica Bianco, Meryem Zeynep Caytak, Mirko Degani,
Elisabetta Galletti, Daniela Spinosa, Sara Terreni
2
in copertina /cover:
Cuba
Copyright: Fotolia
São Paulo Campinas Salvador Brasilia Tokyo Osaka Milano
Lunedì - sabato: 19.30/24.00
Domenica: 12.30/16.00 - 19.30/22.00
Via delle Abbadesse, 30 / 20124 - Milano
Tel. 02 688 3883 - [email protected]
www.barbacoa.it - www.barbacoa.com.br
Barbacoa
è presente nella
Guida Rossa
MICHELIN 2015
WORLD CURIOSITIES
CURIOSITÀ DAL MONDO
di / by Milena Mariano
CINA - CHINA
STATI UNITI - USA
ristorante pizzeria
LA SCUOLA CON LA PISTA
DI ATLETICA SUL TETTO
Hanno dato dimostrazione di
grande creatività gli architetti
che hanno progettato l’edificio
scolastico di Tiantai, nella
Provincia di Zhejiang. Consapevoli di non avere altro spazio da
dedicare alle strutture sportive, hanno infatti pensato di
ricavare una pista di atletica…
sul terrazzo! Questo escamotage
dà la possibilità agli oltre 1800
alunni della scuola di dedicarsi
all’attività sportiva. Per mettere
in sicurezza la palestra a cielo
aperto, sono stati costruiti ben
tre muri, di cui uno in materiale
trasparente, che separano il
tetto dallo strapiombo.
Solo al ristorante - pizzeria
“La Casa del Cliente”, situato nel
meraviglioso scenario dell’Havana,
è possibile assaporare le vere specialità
della tradizione culinaria italiana
e romana. Dal pesce fresco alla pasta
lavorata a mano, dalla pizza ai dolci,
questo ristorante rappresenta l’autentica
cucina italiana nel cuore di Cuba.
THE SCHOOL WITH AN ATHLETICS TRACK ON THE ROOF
The architects who designed the school building of Tiantai, Zhejiang Provinc, have
shown great creativity. Aware of not having more space to devote to sports facilities, they decided to make an athletics track... on the terrace! This trick makes it possible to more than 1,800 school pupils to engage in sporting activities. To secure the
open-air gym 3 walls were built, one of which is a transparent material separating
the roof from the drop below.
IL GATTINO BIONICO CON
LE PROTESI STAMPATE IN 3D
GIAPPPONE - JAPAN
THE CLEANEST
SMARTPHONE
IN THE WORLD
LO SMARTPHONE PIÙ PULITO DEL MONDO
Sempre a contatto con mani sporche, spesso appoggiato su superfici non proprio
pulite, il cellulare diventa troppo spesso un ricettacolo di batteri. Come lavarlo senza
fare danni? L’azienda nipponica Kyocera Telecom ha risolto il problema realizzando
Digno Rafre, il primo smartphone completamente impermeabile grazie all’assenza di
altoparlanti (il suono viene trasmesso attraverso le vibrazioni dello schermo). Lo si
può insaponare ben bene e risciacquare senza problemi. Utile anche per coloro che
avessero voglia di chiacchierare al telefono sotto la doccia!
4
La Casa del Cliente
Always in contact with dirty
hands, often left on dirty
surfaces, the phone too often
becomes a breeding ground
for bacteria. How to wash
it without ruining it? The
Japanese company Kyocera
Telecom has solved the problem
creating Digno Rafre, the
first completely waterproof
smartphone, thanks to the
absence of speakers (the sound
is transmitted through the vibrations of the screen). You can
lather well and rinse with no
problems. Also useful for those
who would want to talk on the
phone in the shower!
Si chiama Vincent ed è nato con una rara malformazione agli arti inferiori. Il simpatico felino, infatti, non
aveva le tibie. Sembrava destinato all’immobilità e ad
una vita infelice ed invece la dottoressa Mary Sarah
Bergh della Iowa State University, ha trovato il modo
di realizzare delle protesi adatte a lui. Grazie ad una
stampante in 3d, la donna ha progettato delle zampette
sostitutive in titanio, che sono state impiantate con successo nelle ossa del gattino permettendo allo scheletro
sano di continuare a crescere. Ora Vincent ha 3 anni e
sembra molto soddisfatto delle sue nuove zampe!
L’Avana
THE BIONIC CAT WITH 3D IMPLANTS
His name is Vincent and he was born with a rare
malformation of the lower limbs. The friendly feline,
in fact, didn’t have shins. He seemed destined to a life of
misery and no mobility, instead Dr. Mary Sarah Bergh
of the Iowa State University, found a way to make
prosthesis suitable to him. Thanks to a 3D printer, she
designed replacement titanium legs, which have been
successfully implanted in the bones of the kitten allowing him to continue to grow. Vincent now has three
years and seems very happy with his new legs!
Ristorante Italiano - Pizzeria
Indirizzo: Calle 13 E/60 Y 62 N. 6007
Playa La Havana - Telefono: 72038840
Cellulare Tony: 53260321 - Mercoledì chiuso
Scatta una foto a questa pubblicità con il
tuo telefono e avrai uno sconto del 10%
5
PASSEPARTOUT / MONDOINBLUE
LA STRADA DEI FENICOTTERI
Cayo Coco e Cayo Guillermo
sono collegate alla terraferma da
una lunga strada di 27 chilometri.
Al tempo della sua costruzione,
sollevò le proteste degli ambientalisti per il pericolo che si temeva
potesse arrecare alla fauna e alla
flora marine. Fortunatamente la
natura ha saputo evitare da sola
ogni difficoltà e, lungo i lati della
strada, nelle acque basse che la
fiancheggiano, fanno il nido stupendi fenicotteri rosa, passeggiando alteri tra le mangrovie.
Apposite interruzioni attraversano adesso la diga, collegando
le acque un tempo separate, per
ristabilire il corretto flusso delle
maree. Percorrendo la Bahia de
Perros, è possibile raggiungere il
centro dell’isola per avventurarsi
in nuove escursioni.
LE ISOLE
dell’Eden
Cayo Coco e Cayo Guillermo:
quando la natura diventa meraviglia
di / by
di Lisa
Cecconi
6
C
i sono luoghi che nutrono l’anima:
con la loro preziosa bellezza
riempiono il cuore di gratitudine.
Uno di questi è Jardines del Rey, lo
splendido arcipelago con alcuni fra i
cayos più belli di Cuba. Questi isolotti
di sabbia bianchissima, perle incastonate in un mare di giada, riescono ad
incantare chiunque arrivi da queste
parti. Uno dei più amati è Cayo Coco,
con un nome ispirato all’ibis bianco
dei Caraibi e l’atmosfera incantata
delle sue coste da fiaba. Il respiro
tranquillo della natura si sposa ai ritmi
caldi delle melodie cubane, mentre la
sabbia lambita dall’Oceano scintilla
candida sotto un cielo turchese. Ci
si può perdere, a Cayo Coco. Non fisicamente, dato che il turismo gode di
una perfetta accoglienza, ma lasciando
smarrire spirito e pensieri lungo un
orizzonte lucente di cristallo, cullati
da un vento leggero nell’abbraccio
dondolante di una morbida amaca. Chi
ama la natura, troverà qui un Eden da
esplorare, non soltanto nelle eco-escursioni all’interno del Parque Nacionàl
El Bagà, ma anche immergendosi nelle
acque trasparenti che circondano
l’isolotto, muniti di maschera e boccaglio per ammirare la flora marina.
Se Cayo Coco vanta scenari di
struggente bellezza, come la soffice
Playa Flamenco, non è da meno Cayo
Guillermo, collegato a Cayo Coco
da una sottile lingua di terra. Qui si
trova Playa Pilar, nota per ammaliare
chiunque solchi le sue dune di finissima sabbia bianca. Considerata tra le
spiagge più belle di Cuba, è attrezzata
di bar e strutture turistiche, ma conserva la fierezza selvatica di un lembo
di terra ai confini del mondo. Anche
Hemingway ne restò affascinato, tanto
da omaggiare Cayo Guillermo con il
romanzo Isole nella corrente: non vi sarà
difficile ripercorrerne alcune tracce o
trovare il vostro personale modo di innamorarvi di questi luoghi. Snorkeling,
immersioni e birdwatching spalancano
un ventaglio di paesaggi naturali capace di lasciare letteralmente senza fiato. Per riprenderlo, vi basterà adagiarvi
su una spiaggia dorata e contemplare
l’Oceano di smeraldo sorseggiando un
frizzante Cuba Libre.
Hemingway ne restò
affascinato, tanto da
omaggiare Cayo Guillermo
con il romanzo
Isole nella corrente
7
PASSEPARTOUT / MONDOINBLUE
Hemingway was fascinated
by it, so much to pay homage
to Cayo Guillermo with the
novel Islands in the Stream
EDEN ISLANDS
THE FLAMINGOS
Cayo Coco and Cayo Guillermo:
when nature becomes wonderfull
T
here are places that enrich the soul and that with their precious
beauty fill the heart with gratitude. One of these is the Jardines
del Rey, the splendid archipelago with some of the most beautiful
cayos of Cuba. These islets of white sand, like pearls set in a sea of​​
jade, manage to enchant anyone who visits. One of the most loved is
Cayo Coco, with a name inspired by the white Caribbean ibis and
the magical atmosphere of its fairytale like coast. The tranquil feel
of nature joins with the hot rhythms of Cuban melodies, while the
white sand of the lapping ocean sparkles under a turquoise sky. You
can lose yourself in Cayo Coco. Not physically, as the tourism here is
perfectly hosted, but letting spirit and thoughts lose along a shiny crystal horizon, lulled by a light wind in the embrace of a soft swinging
hammock. Nature lovers will find an Eden to explore, not only in ecotours within the Parque Nacionàl El Bagà, but also by immersing in
the clear waters that surround the island, with a mask and snorkel to
8
admire the flora.
If Cayo Coco offers scenarios of immense beauty, like the soft Playa
Flamenco, connected to Cayo Coco by a thin strip of land Cayo Guillermo is no less enchanting. Here you will find Playa Pilar, known to
charm anyone who walks along its dunes of fine white sand. Considered to be one of the most beautiful beaches of Cuba, it is equipped
with bars and tourist facilities, but retains the wild pride of a land
on the border of the world. Even Hemingway was fascinated by it,
so much to pay homage to Cayo Guillermo with the novel Islands
in the Stream: it is not difficult to retrace some of the passages or to
find your own way of falling in love with these places. Snorkeling,
diving and birdwatching make way to a range of natural landscapes
that can leave you literally breathless. To admire it simply lay down
on a golden beach and contemplate the emerald ocean while sipping a
sparkling Cuba Libre.
Cayo Coco and Cayo Guillermo are
connected to the mainland by a road
long 27 kilometers. At the time of its
construction it raised protests from
environmentalists due to the danger it
could cause to marine fauna and flora.
Fortunately, nature alone avoided any
trouble and along the sides of the road
in the shallow waters that flank wonderful pink flamingos nest, walking
through the mangroves. Special breaks
are now placed along the dam connecting the waters once separated, to restore
the smooth flow of the tides. Along the
Bahia de Perros, you can reach the
center of the island to venture onto new
excursions.
9
PORTRAIT / MONDOINBLUE
Woody
ALLEN
WINDSOR: PER 30 ANNI
LO STESSO FONT
Dagli anni ’70, Woody Allen
sceglie per i titoli di testa e
di coda dei suoi film lo stesso
font: un carattere con le grazie
suggeritogli da Ed Benguiat,
famoso disegnatore americano di innumerevoli caratteri
tipografici. Unica eccezione
allo Windsor è stata per il film
Interiors.
Ogni volta, quando un mio film
ha successo, mi chiedo:
come ho fatto a fregarli ancora?
di / by
Barbara
Mattei
S
Io non so se Dio
esiste, ma se esiste
spero che abbia
una buona scusa.
“Ti serve
una musa?”
“Non mi è
mai servita”
10
esso non e’ la risposta; sesso e’ la domanda. Sì e’
la risposta.
Il sesso senza amore e’ un’esperienza vuota, ma
con le esperienze vuote che corrono di questi tempi…
Recentemente ho letto la Bibbia. Non male, ma il
personaggio principale e’ poco credibile.
I politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed e’ una
tacca piu’ sotto di quella di un maniaco sessuale.
Sagaci e innumerevoli le battute scritte da
Woody Allen per il cinema. Lui si presenta
da solo, altri non potrebbero che tentare di
abbozzarne un ritratto sommario e appiattire la
sua poliedrica personalità.
Cinico, colto, dall’umorismo raffinato, con un
irresistibile gusto per il paradosso e in un perenne stato di crisi esistenziale: newyorkese di
origini ebraiche, di bassa statura e con il fisic du
role di un giocatore di scacchi, è un mix letale,
che farebbe, e di fatto fa, impazzire le donne.
Quantomeno quelle di un certo livello.
Cinque figli e tre mogli alle spalle: Diane Keaton, Mia Farrow e, l’attuale consorte, la figlia
adottiva di origini asiatiche, Soon-Yi Previn. I
più maligni dicono che la sua filmografia ha, col
tempo, perso sempre più carattere al pari della
sua carriera matrimoniale. Sicuramente il pubblico ama ricordarlo come l’autore di Io e Annie,
Hannah e le sue sorelle, Manhattan; negli ultimi anni
non ha sempre fatto centro con la critica, ma ha
comunque prodotto delle pellicole che lo hanno
ben rappresentato: Match Point e Irrational man,
quest’ultimo uscito nelle sale italiane lo scorso
Natale, hanno ripreso le atmosfere thriller anticipate in precedenza da Crimini e Misfatti e Sogni e
delitti.
Ormai ottantenne, Allen ci manca come protagonista dei suoi film, ma lo riconosciamo dietro alle
battute taglienti e all’ironia intrisa di pessimismo
esistenziale cosmico, così finiamo per trovare
irresistibili anche i burattini che interpretano il
personaggio principale al suo posto. Ci auguriamo
altri 80 anni di Woody Allen, perché non vorremmo mai separarci dai suoi personaggi annoiati
della vita, depressi, fastidiosamente colti, sarcastici fino al paradosso. E noi donne continueremmo
a desiderarlo, perché non c’è niente di più sexy
che una mente brillante. Ma il giorno in cui non
ci sarà più, sorrideremo, ancora, di nuovo, grazie a
lui, ricordando una sua battuta: ci sono cose nella vita
peggiori della morte. Avete mai passato una serata con un
agente delle assicurazioni?
11
PORTRAIT / MONDOINBLUE
WINDSOR: 30 YEARS OF
THE SAME FONT
WOODY ALLEN
EVERY TIME MY FILM IS SUCCESSFUL,
I WONDER HOW I CHEATED THEM AGAIN?
Since the 70’s Woody Allen choses the same font for the opening
and closing credits of his films: a
font suggested to him by Ed Benguiat, famous American designer
of countless typefaces. The only
exception was for the film Interiors.
If God exists I hope
he has a good excuse.
don’t know the question, but sex
is definitely the answer
Sex without love and is an empty
experience, but as empty experiences go it’s one of the best.
Recently I read the Bible. Not
bad, but the main character isn’t
credible.
Politicians have their own ethics.
All of them. And it’s a notch
below that of a sex maniac.
Sagacious and countless are the jokes written by Woody Allen for movies. He introduces himself, others could only try to sketch a summary
of his portrait and flatten his multifaceted personality.
Cynical, cultured, with refined humor and an irresistible taste for
paradox, and in a constant state of existential crisis: New Yorker with
Jewish origins, of short stature and with the body of a chess player, a
lethal mix that could, and in fact does, drive women crazy. At least
those of a certain level. Five children and three wives: Diane Keaton,
Mia Farrow and his current wife, his adopted daughter of Asian
12
origins, Soon-Yi Previn. Most, critisising, say his filmography has, over
time, lost more and more character just like his love life has. Surely the
public loves to remember him as the author of Annie Hall, Hannah
and Her Sisters, Manhattan; in recent years he has not always done
well with the critics, but has anyhow produced films that represented
him well: Match Point and Irrational Man, the latter released in
Italian cinemas last Christmas, which have taken back on the thriller
atmosphere of the past movies such as Crimes and Misdemeanors
and Cassandra’s Dream.
Now in his eighties, we miss Allen as the protagonist of his films, but
we can still recognise him behind the sharp jokes and irony full of
cosmic existential pessimism, so we eventually find irresistible even the
puppets who play the main character in his place. We hope for another
80 years of Woody Allen, because we don’t want to separate from his
characters who are bored with life, depressed, annoyingly educated and
sarcastic to the paradox. And us women will continue to desire him,
because there is nothing sexier than a brilliant mind. But the day when
he will no longer be, we will smile again, thanks to him, recalling one
of his jokes: There are things in life worse than death. Have you ever
spent an evening with an insurance salesman?
“Do you need a muse?”
“I’ve never needed one”
13
PORTRAIT / MONDOINBLUE
“Non ho mai voluto
somigliare alle donne
da copertina.
Io rappresento
la maggioranza delle
donne e sono molto
orgogliosa di questo”
Adele
THE VOICE
L’anima bianca del soul
A FEBBRAIO 2016 HA INIZIO LA TERZA TOURNEÈ EUROPEA PER LA
REGINA DELLE CLASSIFICHE: LEI PARLA DI UN NUOVO INIZIO, MENTRE
SONO GIÀ 62 MILIONI A SEGUIRE IL SUO PROFILO FACEBOOK.
di / by
M.G.
S
catena brividi. Ed emozioni. Con quella voce calda, potente,
profonda, a volte sofferente, con una straordinaria capacità di
coinvolgere chi la ascolta o chi la guarda cantare nei suoi concerti curatissimi in ogni dettaglio. Adele è la regina della scene
della musica internazionale, è una severa donna inglese, almeno
nell’aspetto, bella ma soprattutto bravissima, tanto che in pochi
anni ha collezionato premi, titoli e riconoscimenti che difficilmente si conquistano in un’intera carriera. Nel 2011 la rivista
statunitense Billboard l’ha premiata con il titolo di Artista migliore dell’anno, mentre la rivista TIME l’ha messa nella classifica
delle donne più influenti del mondo. Alla cerimonia dei Premi
Oscar 2013 si è aggiudica la statuetta per la migliore canzone con
Skyfall e nello stesso anno è stata insignita dell’onorificenza di
Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico. Inoltre, i critici di
tutto il mondo la considerano, insieme a Duffy e alla scomparsa
Amy Winehouse, una delle migliori esponenti del soul bianco
della nuova generazione.
Apparentemente gelida, dotatissima di un self control molto britannico, Adele sa anche commuoversi. Nel suo recente concerto
al Radio City Music Hall di New York, il primo in quattro anni,
ma anche il primo suo spettacolo trasmesso interamente in tutto
14
il mondo, è stata accolta con un’assordante ovazione ed è scoppiata in lacrime: «Sono stata lontana da voi per un po’ di tempo –
ha detto - Volevo farvi una sorpresa con il mio ritorno alle scene.
Mi sento come se fossi di nuovo all’inizio. Abbiamo organizzato
questo concerto per mesi e sono felice». Ma ha anche ammesso
di essersi sentita così nervosa prima dello show da desiderare che
finisse subito.
Per avere un’idea del suo straordinario successo, il suo ultimo
album, il terzo in carriera, intitolato 25, ha venduto tre milioni di
copie in una settimana nei soli Stati Uniti: nessun altro artista era
riuscito a raggiungere questo risultato. Ormai ha fama planetaria,
confermata dai 62 milioni di like nella pagina Facebook. Ma ha
saputo controllare il successo. Che, anzi, l’ha perfino aiutata a
scegliere uno stile di vita più sano. Negli ultimi tempi ha smesso
di fumare e ha deciso di diventare vegetariana. Non solo. «Ho
eliminato dolci, alimenti troppo raffinati e bibite gasate ha raccontato – faccio esercizi di ginnastica pilates e lunghe passeggiate. E mi sento sempre meglio, sia fisicamente che mentalmente».
Ma ha anche aggiunto: «Non ho mai voluto somigliare alle donne
da copertina. Io rappresento la maggioranza delle donne e sono
molto orgogliosa di questo».
LA TOURNÉE DEL 2016
Quattro anni di pausa, causati
anche dall’emorragia alle
corde vocali che la costrinse
ad operarsi e a cancellare
tutte le date americane del
suo tour del 2011: proprio in
quell’anno, una ricerca ha accertato che una persona ogni
7 secondi comprò il secondo
album di Adele, intitolato
21. Ora che è uscito il terzo
album, Adele ha annunciato
che la sua terza tournée comincerà il 29 febbraio 2016 da
Belfast e toccherà 36 città in
tutta Europa, per concludersi
il 13 giugno ad Anversa.
15
PORTRAIT / MONDOINBLUE
THE 2016 TOUR
ADELE, THE VOICE
The white soul of soul
A Four-year break, also caused by
the hemorrhage of her vocal chords
forced her to undergo surgery and
to cancel all the American dates of
her tour in 2011: in just that year,
research found that every 7 seconds Adele’s second album, titled
21, was being bought. Now that
her third album has been released,
Adele confirmed that her third
tour will begin on 29th of February 2016 in Belfast and will be in
36 cities across Europe, ending on
June 13th in Antwerp.
In February 2016 the third European
tour begins for the queen of charts:
she speaks of a new beginning, when
there are already 62 million followers
of her Facebook profile.
S
he gives goosebumps and emotions. With that warm, powerful, deep, sometimes suffering voice, with an extraordinary ability to bring those who listen or watch to sing in
her concerts, which are all thoroughly planned. Adele is the queen of the international
music scene, she is a severe Englishwoman, at least in appearance, beautiful but most of all
talented, so much so that in a few years she has racked up awards, titles and acclaims that
are difficult to win in an entire career. In 2011, the US magazine Billboard awarded her
the title of best artist of the year, while the TIME magazine put her on the list of most influential women in the world. At the Academy Awards in 2013 she won the statuette for
best song with Skyfall and the same year was awarded with the honor of Member of the
Order of the British Empire. To add to that, critics around the world consider her, along
with Duffy and the late Amy Winehouse, one of the best exponents of the new generation
of white soul. Seemingly cold, equipped with a very British self control, Adele also knows
how to be moved. In her recent concert at the Radio City Music Hall in New York, her
first in four years and also her first show broadcast across the entire world, she was met
with a deafening ovation and burst into tears: «I’ve been away for a while - she said - I
wanted to surprise you with my comeback on the scene. I feel like I’m back to the beginning. We have been organising this concert for months and I’m happy». She also admitted
that she felt so nervous before the show she wished for it to end quickly.
To gain an idea of her extraordinary success, her latest album, the third in her career,
titled 25, sold three million copies in a week in the US alone: no other artist had managed
to achieve this result before. She has worldwide fame, confirmed by 62 million likes on
her Facebook page. However, she was able to control her success. Which, in fact, has even
helped her choose a healthier lifestyle. She recently stopped smoking and decided to become
a vegetarian. And more. “I banned sweet, refined foods and sodas too - she told – I exercise, I do pilates and take long walks. So, I feel much better, both physically and mentally.”
She did add: “I never wanted to look like a cover girl. I represent the majority of women
and I’m very proud of this.”
16
“I never wanted to look
like a cover girl.
I represent the majority
of women and I’m very
proud of this.”
17
PORTRAIT / MONDOINBLUE
Halle
BERRY
LA DIVA RIBELLE
UN’ATTRICE DALLE MILLE VITE: LE DANNO IL NOME DI UN SUPERMERCATO, VIENE
ABBANDONATA DAL PADRE, POI DIVENTA REGINETTA DI BELLEZZA E VINCE L’OSCAR
di / by
Tatiana
Di Natale
Halle berry sul set di
“la morte può attendere” (film):
il film è stato girato
sulle spiagge di Cuba
L
Halle Berry on the set of the "Die
Another Day" (film):
the movie was filmed
on the beaches of Cuba
a prima vita di Halle Maria Berry comincia a Cleveland, nel 1966. Figlia di un'infermiera di origini
inglesi e tedesche e di un suo paziente afroamericano, prende il nome da un famoso grande magazzino della sua città natale, l'Halle’s Department Store. A soli quattro anni subisce l'abbandono
da parte del padre e diventa, a causa del colore della sua pelle, il bersaglio privilegiato di soprusi e
discriminazioni. Un inizio non di certo fortunato, ma l'occasione di rivalsa è dietro l'angolo. Diventata adolescente, Halle è una studentessa modello, ma soprattutto una giovane donna consapevole
della sua bellezza fuori dal comune, che decide di sfruttare per farsi strada nel mondo dello show
business. Da emarginata a reginetta: inizia la sua seconda vita. Nel giro di poco tempo diventa
Miss Ohio, Miss USA e si classifica sesta a Miss Mondo. La popolarità acquisita grazie a scettri
e corone le apre le porte del cinema, il suo grande sogno. Dopo piccoli ruoli in serie tv e film
18
La grande occasione con Monster’s
Ball: un' interpretazione intensa ed
emozionante, che viene premiata
nel 2002 con il riconoscimento più
importante, quello che mai prima
d'allora era stato assegnato ad
un'interprete di colore:
l'Oscar alla migliore attrice.
UNA DEA NELLE
ACQUE DI CUBA
Oltre al ruolo che le ha
consegnato nelle mani
l’Oscar alla migliore attrice, la Berry è celebre
anche per essere stata
una Bond girl magnetica
e sensuale nel film 007
La morte può attendere.
La pellicola, girata interamente a l’Havana, diventa
un cult grazie alla scena
nella quale Halle, omaggiando Ursula Andress,
esce dalle acque cristalline del Mar dei Caraibi
con indosso un bikini
arancione.
19
PORTRAIT / MONDOINBLUE
Her big occasion comes along
with Monster’s Ball.
An intense and exciting role,
which is rewarded in 2002
with the most important
recognition, one that until
then had never been assigned
to an actress of colour: the
Oscar for Best Actress.
HALLE BERRY
THE REBEL DIVA
AN ACTRESS WITH A THOUSAND LIVES: THEY GAVE HER THE NAME
OF A SUPERMARKET, SHE WAS ABANDONED BY HER FATHER,
THEN SHE BECOMES BEAUTY QUEEN AND OSCAR WINNER.
minori, arriva la grande occasione con Monster’s
Ball. Un’interpretazione intensa ed emozionante,
che viene premiata nel 2002 con il riconoscimento
più importante, quello che mai prima da allora era
stato assegnato ad un’interprete di colore: l’Oscar
alla migliore attrice. All’apice della carriera e con
un nuovo marito, il secondo, tutto sembra perfetto,
ma l’attrice non ha ancora fatto i conti con il
cosiddetto effetto Oscar: «Uno si immagina che ti
arriveranno le migliori sceneggiature e ti offriranno
i migliori ruoli, ma non è così. L'industria di Hollywood è molto competitiva». Così comincia la terza vita di Halle, quella dei flop al botteghino, quella
del secondo divorzio e della battaglia legale per la
custodia della sua primogenita, nata dalla breve
relazione con il modello Gabriel Aubry. Poi l’amore
ritrovato, l’attore francese Olivier Martinez, e la
nascita del secondo figlio; ma anche questa serenità
non è destinata a durare. Di ottobre l'annuncio del
divorzio, il terzo. Diva ribelle dagli amori turbolenti, la Berry compirà mezzo secolo il prossimo anno.
Cinquant'anni di conquiste e battute d'arresto, di
delusioni e di barriere infrante, senza mai perdere
il sorriso, perché in fondo: «L' importante è andare
avanti».
20
T
he first life of Halle Maria Berry began in
Cleveland, in 1966. Daughter of a nurse
with English and Dutch origins and of her
Afro-American patient, they named her after a
famous department store, Halle’s Department
Store, in her home town. At four years of age
she suffers the abandonment of her father and
becomes, because of the color of her skin, the
preferred target of harassment and discrimination. Certainly, not a lucky beginning, but the
opportunity for revenge is around the corner.
She becomes a teenager and Halle is a model
student, but most of all a young woman aware
of her extraordinary beauty, who decides to
take advantage of this to make her way in
the world of show business. From outcast to
queen: her second life begins. In a short time she
becomes Miss Ohio, Miss USA and is ranked
sixth in Miss World. The popularity gained
from scepters and crowns opened the doors to
cinema, her big dream. After small roles in
minor films and TV series, her big occasion
comes along with Monster’s Ball. An intense
and exciting role, which is rewarded in 2002
with the most important recognition, one that
until then had never been assigned to an actress
of colour: the Oscar for Best Actress. At the
height of her career and with a new husband,
her second, everything seems perfect, but the
actress has not yet come to terms with the
so-called Oscar effect: «One imagines that they
will offer you the best scripts and roles , but
it’s not like that. The Hollywood industry is
very competitive». So Halle’s third life begins,
the one of box office failures, the one of the her
second divorce and legal battle for custody of
her first child, born from a brief relationship
with the model Gabriel Aubry. Then she finds
love again, with the French actor Olivier
Martinez, and gives birth to a second child;
but this serenity is also not destined to last.
In October the announcement of her divorce,
the third. A rebel Diva with turbulent loves,
Berry will turn half a century next year. Fifty
years of achievements and setbacks, disappointments and broken down barriers, but without
ever losing her smile, because in the end: «Love
is going forward».
A GODDESS IN THE CUBAN WATERS
As well as the role that handed her the
Oscar for Best Actress, Berry is also famous for being magnetic and sensual
Bond girl in the 007 film Die Another
Day. The film, shot entirely in Havana,
became a cult thanks to the scene in which
Halle, honoring Ursula Andress, comes
out from the crystalline waters of the
Caribbean Sea wearing an orange bikini.
21
SPORT / MONDOINBLUE
AVVERSARIE SUL CAMPO,
AMICHE NELLA VITA.
DUE SUPER CAMPIONESSE ENTRATE
NELLA STORIA DEL TENNIS
I
LE
MISS
del set
PENNETTA-VINCI,
ORGOGLIO ITALIANO
di / by
Tatiana
Di Natale
22
l 12 settembre 2015 è una serata di fine estate a New York,
una grande serata di sport. Di americani davanti alla TV
ce ne saranno pochi, forse: in Italia, invece, tutto il Paese è
incollato al televisore per fare il tifo. A giocarsi gli US Open di
tennis non c’è la favorita, la campionessa degli States e numero
uno al mondo, Serena Williams, ma due tenniste azzurre. E
nonostante non siano esattamente le ultime arrivate, vederle in
campo a giocarsi una finale sul FlushingMeadows è una sorpresa
emozionante. Flavia Pennetta e Roberta Vinci, conterranee
e amiche da sempre, stanno per calcare uno dei palcoscenici
sportivi più importanti al mondo, una contro l’altra. L’incontro
ha finalmente inizio e le due tenniste sono visibilmente tese,
in particolare la Pennetta che parte con il pronostico a proprio
favore. La Vinci se ne accorge e prova a giocarsela, dimostrando
grande forza e determinazione. Flavia, però, al quinto game si
riprende: ha inizio la sua finale. Da qui è tutto un crescendo,
che la porta a prendere in mano le redini della gara. Una serie
di colpi da maestra mettono ben presto Roberta ko in due set
(7-6, 7-2), la Pennetta conquista lo Slam e diventa, per una notte,
regina della Grande Mela. Roberta è sconfitta, ma non può che
essere felice; la sua vittoria se l’era già conquistata in semifinale,
interrompendo clamorosamente il cammino di Serena verso il
Grande Slam. Ora che il torneo è finito, può iniziare la festa:
abbracci, sorrisi, foto ricordo e lacrime di gioia. Dai campetti
della Puglia agli US Open, le due tenniste sono le protagoniste
di una favola moderna. Il finale è lieto, ma sorpresa: Flavia si avvicina all’orecchio di Roberta e le annuncia quello che, a breve,
sapranno tutti: «Chiudo qua, mi ritiro»
BIO ROBERTA VINCI
Roberta nasce il 19 febbraio 1983 a
Taranto, a soli 62 km da Flavia. Le
due crescono insieme sia sportivamente che umanamente, diventando grandi amiche e compagne nel
doppio. Poi le loro carriere si dividono e la Vinci inizia a giocare
in doppio con la bolognese Sara
Errani, diventando la prima coppia italiana ad aver completato il
Career Grand Slam, e la quinta in
assoluto ad aver vinto più Slam. Ma
è nel singolo che Roberta riceve le
soddisfazioni più grandi, arrivando all’età di 32 anni a giocarsi una
finale agli US Open con l’amica di
sempre Flavia (prima coppia tutta
italiana della storia), ma soprattutto battendo nelle semi-finali la
temutissima Serena Williams.
BIO FLAVIA PENNETTA
Nata a Brindisi, il 25 febbraio
1982, da padre Oronzo e mamma Concita, comincia a giocare
a tennis all’età di cinque anni. A
quindici lascia casa e si trasferisce a Roma per inseguire il suo
sogno sportivo. Da qui ha inizio
la sua carriera sfavillante: 11 vittorie nei tornei WTA in singolare
e 17 in doppio (tra cui anche gli
Australian Open), oltre alla stupenda conquista dello Slam agli
US Open lo scorso settembre.
La tennista più anziana ad aver
vinto un torneo del Grande Slam,
Flavia è considerata una delle italiane più forti di sempre. Dopo
aver annunciato il ritiro, ha dichiarato di voler sposare il suo compagno, il tennista Fabio Fognini.
23
HUMILIS
SPORT / MONDOINBLUE
BIO ROBERTA VINCI
THE LADIES OF THE SET
Pennetta-Vinci,
Italian Pride
Opponents on the field,
friends in life. Two super
champions who made
it in the history of tennis
S
eptember 12th 2015 is a late summer evening in New York, a great evening
of sport. There will only be a few Americans watching TV, perhaps: in Italy,
however, the whole country is glued to the TV to cheer. To play the Tennis
US Open is not their favourite, the US champion and world number one Serena
Williams, but two Italian tennis players. Although they are not exactly the latest
arrivals, seeing them on the set playing the final on Flushing Meadows is an exciting surprise. Flavia Pennetta and Roberta Vinci, both Italians and friends forever,
are going to play one of the major sporting venues in the world, against each other.
The match finally begins and the two tennis players are visibly tense, particularly
Pennetta who starts as the favourite to win. Vinci realises this and plays on it,
showing great strength and determination. However, Flavia, gains control again
during the fifth game: her final is about to begin. From here it’s all a crescendo,
which leads her to take lead in the game. A series of experienced shots soon put
Roberta out in two sets (7-6, 7-2), Pennetta wins the Slam and becomes, for one
night, Queen of the Big Apple. Roberta is defeated, but is happy nonetheless; she
already got her victory in the semifinals, dramatically stopping Serena’s chance at
the Grand Slam Now that the tournament is over, the party starts: hugs, smiles,
photos and tears of joy. From the courts in Puglia to the US Open, the two tennis
players are the stars of a modern fairy tale. The ending is happy, but there is a
surprise: Flavia approaches Roberta and whispers in her ear what soon everyone
will know, «I’m finished here, I retire».
24
Roberta was born on February 19th,
1983 in Taranto, just 62 km away from
Flavia. The two grow together both
through sport and life, becoming great
friends and companions in the doubles.
Then their careers separate and Vinci
starts playing doubles with the Bolognese Sara Errani, becoming the first
Italian couple to have completed the
Career Grand Slam, and the fifth ever
to have won most Slams. But it is as a
single that Roberta receives the greatest
satisfaction, at the age of 32, playing
for the final at the US Open against
her long life friend Flavia (the first all
Italian pair in history), but especially
by beating the feared Serena Williams
in the semi-finals.
BIO FLAVIA PENNETTA
Born in Brindisi, on February 25th,
1982, by father Oronzo and mother
Concita, she started playing tennis at
age five. At fifteen, she leaves home and
moves to Rome to pursue her sporting
dream. From here her glorious career
begins: 11 wins in the WTA tournaments in singles and 17 in doubles (including the Australian Open), as well
as the wonderful Grand Slam victory
at the US Open last September. The
eldest tennis player to win a Grand
Slam tournament, Flavia is considered
one of the strongest Italians ever. After
announcing retirement, she said to want
to marry her partner, the tennis player
Fabio Fognini.
Made in Assisi
Unique - Handmade - Inspired by Saint Francis
IL TAU
THE TAU
Il TAU è il segno con cui San Francesco d’Assisi amava firmare le
lettere e le benedizioni. Il TAU infatti, ultima lettera dell’alfabeto
ebraico, è indicato nella Bibbia come simbolo di salvezza. Nel libro del
profeta Ezechiele e nel libro dell’Apocalisse esso è segno profetico della
redenzione attraverso la Croce di Cristo.“Il Signore disse: passa in mezzo
alla città, in mezzo a Gerusalemme e segna un TAU sulla fronte degli
uomini che sospirano e piangono.” (Ez. 9,4). “È un segno di potente
protezione contro il male.” (Ez.9,6). Quello per il TAU era un amore che
scaturiva da una appassionata venerazione per la santa croce, per l’umiltà
del Cristo, oggetto continuo delle meditazioni di Francesco. Il TAU era
inoltre per il Santo il segno concreto della sua salvezza e la vittoria di
Cristo sul male. Oggi il TAU è simbolo della spiritualità francescana che
si esprime nell’amore per la pace, la letizia, il Creato.
The TAU is the sign with which St. Francis of Assisi loved signing his
letters and blessings. Indeed, the TAU, the last letter of the Hebrew
alphabet, is indicated in the Bible as a symbol of salvation. In the book of
Ezekiel and in Revelation it is a prophetic sign of redemption through the
Cross of Christ. “The Lord said: go throughout the city of Jerusalem and
mark the TAU on the foreheads of those who grieve and lament.” (Ezek.
9.4). “It is a sign of powerful protection against evil ...” (Ez. 9, 6). The love
for the TAU was a love that sprang from a passionate reverence for the
holy cross, for the humility of Christ, the subject of ongoing meditations
of Saint Francis. For the Saint, the TAU was also the concrete sign of his
salvation and of the victory of Christ over evil. Today, the TAU is the
symbol of Franciscan spirituality that expresses the love for peace, joy, and
God’s creation.
THE MESSAGE
IL MESSAGGIO
Il TAU è emblema di un percorso di fede che ruota intorno
a Dio e come le vicende della vita si susseguono risolvendosi
nella fede, così i TAU di Humilis si ripercorrono creando
reciprocamente una sequenza senza fine, come dire eterna.
L’anello è il primo ed unico completamente realizzato ad Assisi.
La produzione artigianale, unita alle più evolute tecniche di
lavorazione, fanno di Humilis un oggetto di rara fattura,
benché essenziale. Data l’unicità e l’alto valore simbolico, gli
anelli Humilis vengono sempre più spesso scelti anche come
fedi nuziali. Inoltre sono stati usati solo materiali nobili come
l’oro e l’argento, come nobile era l’animo di Francesco, e un
design semplice e lineare che vuole richiamare la sobrietà della
vita a cui tendere, come quella del Santo.
The TAU is the emblem of a journey of faith that revolves around
God and just as life’s events follow each other and are resolved in faith
so the TAU of Humilis follow each other creating a never-ending,
eternal sequence. The ring is the first and only one of its type created
completely in Assisi.
The craftsmanship, combined with the most advanced manufacturing
techniques, makes Humilis an object of rare workmanship, even
though essential in style. This is also one of the primary reasons
why the Humilis ring is increasingly being chosen as a wedding
ring. Furthermore, only noble materials such as gold and silver were
used, to mirror the noble soul of Saint Francis, while the simple and
linear design recalls the sobriety of his life, as a reference for us to aim
towards.
Acquistando Humilis contribuisci a sostenere la Fondazione Assisi Missio ONLUS, il Centro Missionario dei Frati Minori Cappuccini dell’Umbria in Amazzonia.
By purchasing Humilis you are contributing to support the Assisi Missio non-profit Foundation with the Missionary Centre of the Umbrian Minor Capuchin Friars in Amazonia.
www.humilis.it
Produced and distributed ASSISI JEWELS - Via San Francesco, 14 - 06081 Assisi (PG) - ITALY - ph: +39 075 813362 - mob: +39 347 5485372 - [email protected]
25
MOTORI / MONDOINBLUE
THE LEGENDARY APE
B
angkok has them. As have Cuba and Lisbon or many other cities of the East. Made
into a taxi, as the transport preferred by tour guides, in Rome it is even used as an
itinerant shop, a moving shop which in some some cases also sells tasty street food.
An authentic, amazing chameleon of the road, capable of changing appearance and even
use. The Ape is an Italian invention, a true icon of transport, which in the world has
found an infinite series of successful uses. Born in 1948, when Italy was still devastated
by war. At the time the lack of transportation was evident, but many could not afford
to buy a four wheel vehicle. Piaggio then had the idea to build a commercial vehicle on
three wheels: a van derived from a scooter. The first model was built from the Vespa.
It was immediately a success. Over time this three-wheeled buggy became a charming
image, with a Mediterranean sophistication, cheerfulness, and even glamorous holiday
feel. The world has revived it, with its fresh spirit and unconventional look. Because
it goes anywhere, it does not give up, it challenges the alleys of the historical centers,
narrow streets, traffic jams. Here it is, roaring through the streets of Bangkok and
throughout Thailand, where they have replaced the original engine with another much
more powerful one, which moves through traffic with a thunderclap: and the tourists,
on board, have crazy fun. The Ape also rages in Cuba, re-modelled as a bright yellow
egg-shape, and renamed coco-taxi, with a maximum of two passenger seats.
In the old Europe, Lisbon has chosen the Ape as the ideal transport for city tours. Some
operators have even organized an Eco Tuk Tours Lisboa which uses electric Apes, 100%
ecological, with which one can access every corner of the city, even areas closed off to
buses, especially in the historic center. You can choose several different tours: one that
follows the traditional 28 tram line through the seven hills, the culinary tour or the one
dedicated to shopping. You can even have a five hours ride of the whole city, complete
with a tasting of their typical food and wine. The magic of Ape.
Da Cuba alla Thailandia un mezzo
ideale per turisti sulle strade
di tutti i continenti,
anche quelle d'Europa
La mitica
APE
di / by
Marco
Galletti
A
Bangkok c’è. Come a Cuba o a Lisbona o in molte altre
metropoli d’Oriente. Trasformata in taxi, come mezzo di trasporto preferito dalle guide turistiche, a Roma perfino come
negozio itinerante, un moving shop che in alcuni casi propone
pure gustoso street food. Un autentico, sorprendente camaleonte
della strada, capace di cambiare aspetto e anche destinazione
d’uso. L’Ape è invenzione italiana, una vera icona nei mezzi di
trasporto, che nel mondo ha trovato un’infinita serie di riproposizioni di successo. Nasce nel 1948, in un’Italia ancora stremata
dalla guerra. La carenza di mezzi di trasporto era evidente, ma
molti non potevano permettersi l’acquisto di un mezzo a quattro
ruote. Alla Piaggio venne l’idea di costruire un veicolo commerciale su tre ruote: un motofurgone derivato da uno scooter.
Il primo modello fu costruito a partire dalla Vespa. E fu subito
successo. E’ stato il tempo a consegnare a questo calessino con
tre ruote un immaginario di charme, sofisticata mediterraneità,
allegria, perfino di vacanza glamour. E il mondo lo ha riproposto,
con il suo spirito fresco e, infondo, anche un po’ anticonformista.
26
Perché va ovunque, non si arrende, sfida i vicoli dei centri storici,
le strade strette, gli ingorghi. Eccolo, allora, scoppiettante per le
vie di Bangkok e di tutta la Thailandia, dove hanno sostituito il
motore originario con un altro ben più potente che accompagna
con un rombo di tuono la sua presenza nel traffico: e i turisti, a
bordo, si divertono come matti. L’Ape impazza anche a Cuba,
rivisitato con un design a forma di uovo di colore giallo brillante
e ribattezzato coco-taxi, con al massimo due posti a sedere.
Nella vecchia Europa è Lisbona ad avere scelto l’Ape come
strumento ideale per le visite della città. Alcuni operatori si sono
organizzati addirittura con un Eco Tuk Tours Lisboa che utilizza
Ape elettriche, 100% ecologiche, con cui si può accedere in
ogni angolo della città, persino alle zone chiuse agli autobus,
in particolare nel centro storico. Si possono scegliere vari tour
differenti: quello che segue il tradizionale tram 28 attraverso i
sette colli, il tour gastronomico o quello dedicato allo shopping.
E perfino fare un giro di 5 ore di tutta la città, con tanto di degustazione di prodotti enogastronomici tipici. Magie dell’Ape.
From Cuba to Thailand, an ideal
mode of transport for tourists
across all continents,
even those in Europe
27
28
29
MODA / MONDOINBLUE
A HEEL FOR
SEDUCTION
La moda è una questione
legata indissolubilmente
all'umanità. Che traballa,
cade, ride e si rialza.
Threadlike, high, sexy.
The stiletto is back.
And to be “in step”
with fashion has never
been so difficult
Il tacco della
SEDUZIONE
FILIFORME, VERTIGINOSO, SEXY. LO STILETTO È TORNATO.
E STARE AL PASSO CON LA MODA NON È MAI STATO COSÌ DIFFICILE
di / by
Giulia
Adonopoulos
L
o stiletto ha da poco compiuto i sessant'anni, ma è tornato
alla ribalta, più aggressivo che mai, relegando gli altri trend
di stagione al ruolo gregario di attore non protagonista. Da
sempre considerato pericoloso strumento di seduzione, provocazione e femminilità - la divina Greta Garbo lo definiva un gancio
avvelenato per catturare i maschi incauti - non a caso il suo nome
deriva dal pugnale rinascimentale dalla lama lunga e affilata.
Ogni fashion victim possiede almeno un paio di tacchi assassini
nell’armadio; indossarli, però, non è da tutte, perché ci vuole il
porto d'armi. Maestra indiscussa di equilibrismi è Victoria Beckham. Colei che “mette sempre il tacco 12 perché con le scarpe
basse non riesce a concentrarsi” indossa con assoluta disinvoltura
anche tacchi svettanti e letali come le Blade di Casadei, un 12 cm
in acciaio così sottile e affilato che il suo creatore le ha chiamate
lame. Queste scarpe avveniristiche hanno dato vita a una generazione di celebrities Blade runner per le quali la moda estrema e
la resistenza sono tutto. Da Jennifer Lopez a Cameron Diaz, da
Penelope Cruz a Kim Kardashian, che non vi ha rinunciato nemmeno in gravidanza, le star sono portatrici sane dei vertiginosi
tacchi a spillo che più affilati di così rasentano l'invisibile. Non
più scarpe, ma capolavori d'equilibrio e di virtuosità. Non più
accessori, ma sculture che portano a spasso chi le indossa.
30
Carrie Bradshaw insieme
alle altre tre protagoniste della
serie tv Sex and the City
Persino Repetto, brand francese che ha fatto la storia delle ballerine, si è arreso al fascino delle vertigini e ha regalato alle sue
scarpette qualche centimetro in più, in una collezione tutta tacchi a spillo e lustrini. Più i piedi si sollevano da terra, più i modelli diventano vere e proprie sperimentazioni, perfette per look
forti e sexy. Il tacco diventa a spirale, storto, ultrasottile, ai limiti
dell’arma impropria, o, ancora, struttura irregolare, pionieristica e architettonica. Le proposte sono molto ampie, e a volte
passano attraverso strade impervie; il ritorno del tacco altissimo
ha aperto la strada a dei veri coup de théatre come quelli che
red carpet, palchi e passerelle ci regalano puntualmente a ogni
stagione. L'eccesso, dopotutto, è il lato oscuro dell'eleganza, e
certe creazioni sfidano le leggi della fisica e dell'anatomia. Così,
un gioiello di bellezza può portare a un piccolo fuoriprogramma
davanti ai flash: un capitombolo e un mezzo sorriso imbarazzato
che porta un po' di umanità là dove a parlare sono l’arte e il design più puro. Per ricordarci, semmai ce ne fosse bisogno, che la
moda è una questione legata indissolubilmente all'umanità. Che
traballa, cade, ride e si rialza. E, poi, che saranno mai storte, fratture e andatura instabile se, come dice Manolo Blahnik –designer
di scarpe venerato e super citato nella serie Sex and the City- ,
ciò che conta è amare le scarpe da morirne ? T
he stiletto has just turned sixty, but it has made a cameback, more
aggressive than ever, relegating the other trends of the season to a
gregarious secondary role. Always considered as a dangerous tool of
seduction, provocation and femininity - the divine Greta Garbo called it a
poisoned hook to catch the unwary male - in fact, its name comes from the
long and sharp Renaissance dagger blade.
Every fashion victim has at least a pair of killer heels in the closet; to wear
them, however, is not for all, because you need a license. Undisputed master
of heel acrobatics is Victoria Beckham. She who “always wears high heels
because with flat shoes cannot concentrate” wears with absolute ease even
soaring high and lethal heels such as the Blade by Casadei, a 12 cm steel heel
so thin and sharp that the creator has named blades. These futuristic shoes
have created a generation of Blade runner celebrities for whom extreme fashion
and resistance are everything. From Jennifer Lopez to Cameron Diaz,
Carrie Bradshaw together with
the other three main characters
Penelope Cruz to Kim Kardashian, who wore them even when pregnant,
in the tv series Sex and the City
the stars are real wearers of vertiginous stilettos, which if any thinner would
border on the invisible. Not shoes, but masterpieces of balance and virtuosity.
Not accessories, but sculptures who walk those who wear them.
Even Repetto, the French brand that has made history of the ballerinas,
surrendered to the charm of the height and added a few more centimetres to
his shoes, in an all heels and sequins collection. The higher the feet are raised off
the ground, the more the styles become real experiments, perfect for strong and
sexy looks. The heel becomes spiral, twisted, ultra thin, to the limits of becoming
a weapon, or even of an irregular structure, pioneering and architectural.
The proposals are many, and sometimes go through bad choices; the return of
high heels has set a real coup de théatre like those that the red carpet, stages and
catwalks punctually give us every season. The excess, after all, is the dark side of
elegance, and certain creations defy the laws of physics and anatomy. So, a thing
of beauty can lead to unforeseen events in front of the camera: a tumble and half
embarrassed smile that brings a little humanity where usually the purest art and
design do the talking. To remind us, if ever proof were needed, that fashion is a
matter inextricably linked to humanity. It wobbles, falls, laughs and gets up again.
Then, what are falls, fractures and unsteady walks if, as Manolo Blahnik says
(loved shoe designer and cited in the series Sex and the City), what matters really
is to “love shoes to death”.
Fashion is a matter
inextricably linked to
humanity. It wobbles, falls,
laughs and gets up again
31
WISHLIST / MONDOINBLUE
di/by Giulia Adonopoulos
Sei oggetti unici per
mantenersi idratati
ovunque, con personalità
STILE PO(R)TABILE - PO(R)TABLE STYLE
Six unique objects to
stay hydrated anywhere
with personality
LA BOTTIGLIA DI DESIGN
Il più comune degli oggetti si reinventa per
diventare una borraccia di design, sexy e
glam. Realizzata in alluminio, Continua
di Gio’Style garantisce tenuta e resistenza,
senza però rinunciare alla leggerezza,
caratteristica fondamentale per un oggetto
da portarsi dietro. Per la guarnizione è
stato invece scelto il caucciù: una tecnologia
studiata ad hoc, nel rispetto della natura
e dell’ambiente. I colori e le fantasie a
disposizione sono tanti, e bere acqua
Starbucks ha deciso di impreziosire il
suo classico bicchiere da viaggio con
cristalli Swarovski ed elementi in oro,
in una limited edition pensata per le
modaiole più esigenti che la mattina non
hanno tempo di fare colazione. Grazie
alla doppia parete isolante e al coperchio
a pressione in ceramica, la bevanda resta
calda mentre le mani non si scottano. Non
passerete inosservate mentre attraversate
la città per arrivare in ufficio e la vostra
scrivania acquisterà uno scintillante tocco
di classe.
diventa una scusa per collezionarli tutti.
Starbucks has decided to enhance its classic
portable cup with Swarovski crystals and gold
elements, in a limited edition designed for the
most demanding fashionistas who in the morning do not have time for breakfast. Thanks to
the double-wall insulation and the ceramic
pressure lid, the drink remains hot while hands
do not get burned. You will not go unnoticed
as you cross the city to get to the office and your
desk will have a sparkling touch of class.
The most common of objects reinvents itself to become a sexy and glamorous designer bottle. Made
of aluminum, Continua by Gio’Style guarantees strength and durability without sacrificing
lightness, which is crucial for a portable object.
For the gasket, caucciù has been chosen instead of
rubber: a specially designed technology, respecting nature and the environment. The colors and
patterns available are many, and drinking water becomes an excuse to collect them all.
32
UN BICCHIERE È PER SEMPRE
ECCO, LA ECO-LATTINA
BOTTIGLIETTA FASHION
La tazza termica
Bella e lucida come una Vespa d’epoca, dotata
di un comodo manico e di un indicatore di
temperatura, la tazza termica è la compagna
ideale di ogni giorno. Capiente e adatta non
solo per il caffè, ma anche per cappuccino,
the e tisane, è possibile collegarla a una
presa della corrente o all’accendisigari della
macchina in modo da raggiungere la
temperatura desiderata (si può scegliere tra
bollente, molto caldo, tiepido e ambiente).
Acquistabile su thinkgeek.com.
My Bottle è la bottiglietta che ha conquistato
i fashion blogger di tutto il mondo. Piccola
(contiene fino a 500 ml), maneggevole e
riponibile nel suo simpatico sacchetto, è
pensata per adattarsi a zaini e borsette, anche di
piccole dimensioni. D’estate la potete riempire
con acqua fresca semplice o aromatizzata, nelle
altre stagioni anche con tè, infusi alla cannella
e alla frutta. Lavabile e riutilizzabile, non
trattiene gli odori (pur essendo fatta di plastica)
ed è resistente sia al calore che al freezer. “Non
toccare, è mia!”
Beautiful and shiny as a vintage Vespa, it has a
comfortable handle and a temperature indicator, the
thermal mug is the perfect companion for every day.
Capacious and suitable not only for coffee, but also
for cappuccino, tea and herbal tea, you can plug it
into an electricity socket or the car’s cigarette lighter
in order to reach the desired temperature (you can
choose between hot, very hot, warm and room temperature). Buy it on thinkgeek.com.
My Bottle is the bottle that has conquered the fashion bloggers around the world. Small (holds up to
500 ml), manageable and storable in the cute little
bag, it has been designed to fit in backpacks and
handbags, of even small sizes. In summer, you can
fill it with fresh or flavored water, in other seasons
with tea, infused with cinnamon and fruit. Washable and reusable, it does not retain odors (even if
made of plastic) and is resistant to both heat and the
freezer. “Don’t touch, it’s mine!”
TUMBLER A FIORI
A volte non c'è niente di meglio
di una bella bibita fresca per
rigenerarsi e prendersi una pausa
dallo stress. Sia che preferiate una
centrifuga, un frappé o un tè verde
ghiacciato, un tumbler provvisto di
coperchio e cannuccia è l’accessorio
perfetto per idratarvi durante una
passeggiata, al lavoro o in piscina.
Questo firmato Lilly Pulitzer ha
una doppia parete che mantiene la
bevanda fresca a lungo, e poi trendy,
perché decorato con i vivaci pattern
di fiori, frutta e animali selvatici,
tratto distintivo della maison.
Sometimes there is nothing better
than a nice cold drink to regenerate and take a break from stress.
Whether you prefer a juice, a milkshake or a green iced tea, a tumbler
with lid and straw it is the perfect
accessory to stay hydrated during
a walk, at work or in the pool.
This one signed Lilly Pulitzer has
a double wall that keeps the drink
cool for a long time, it is also trendy
because decorated with vivid patterns of flowers, fruits and wild
animals, distinctive trait of the
maison.
33
PASSEPARTOUT / MONDOINBLUE
Sulle tracce dei
Chichen Itzà, assieme a Uxmal
e Dzibilchaltun, costituisce uno
dei principali siti archeologici
presenti nello Yucatàn.
MAYA
Dallo Yucatàn al Guatemala
di / by
Lisa
Cecconi
Q
IL CALICE DEL SACRIFICIO
Inserito nel 2007 tra le Sette Meraviglie del Mondo, Chichen Itzà fu
uno dei centri più potenti della civiltà Maya. Qui sorge El Castillo, o
templio di Kukulcàn, circondato da
edifici adibiti al culto e alle funzioni
di rappresentanza. Tra questi, l’imponente Tempio dei Guerrieri, una
gigantesca piramide a gradoni sovrastata dalla statua Chac Mool. Posta
alla sommità della grande scalinata,
ad indicare l’entrata del tempio, la
statua porta in grembo una coppa,
anticamente destinata a raccogliere
il sangue delle vittime sacrificali.
34
uando il Sole raggiunge l’Equatore e illumina le
terre del giaguaro, due volte all’anno, nel giorno
di Equinozio, ecco che accade un antico prodigio.
Un serpente di luce, con la testa di pietra, scende
terribile con le sue spire lungo il fianco di un’immensa
piramide. È l’illusione ottica di Kukulcàn, una delle
straordinarie piramidi Maya nel sito archeologico di
Chichen Itzà. Assieme a Uxmal e Dzibilchaltun, costituisce uno dei principali siti presenti nello Yucatàn,
che videro fiorire una civiltà di proporzioni grandiose.
Qui, tra il Golfo del Messico e il Mar dei Caraibi,
dove cresce il cedro tropicale e le piume iridescenti
dei pappagalli brillano nel verde della vegetazione,
i Maya fondarono città-stato scolpite in templi di
maestosa bellezza e architetture monumentali. Alla
severità del tufo e della pietra, cotta in stucchi, gesso
e cemento, sposarono le sfumature vitree della giada
e dell’ossidiana, la finezza della ceramica e il rosso
ardente dei cristalli di cinabro. Sospese in alto, tra gli
edifici, costruirono strade per collegarli e provvidero
i centri urbani di campi per il gioco della pelota. La
colossale imponenza delle antiche città Maya è ancora
percepibile nella splendida Uxmal, la città Tre volte
ricostruita, oggi sito archeologico in ottimo stato di
conservazione. Qui è possibile ammirare il Quadrilatero delle Monache, un complesso di quattro edifici
variamente decorati, con motivi geometrici ornati a
traforo e rappresentazioni delle divinità. Oppure la
suggestiva Piramide dell’Indovino, misteriosa e ammantata di leggenda, o il magnifico Palazzo del Governatore,
con una facciata di quasi 100 metri e un trono formato
da due giaguari in pietra. Alle incredibili rovine Maya
dello Yucatàn si accompagnano quelle del Guatemala,
nella foresta pluviale del Petén. È Tikal, la regina della
giungla, insediamento Maya dal 700 a.C. Un enorme
parco nazionale circonda le rovine, con la bellezza selvaggia della natura percorsa dalle grida delle scimmie
urlatrici. Tikàl annovera ancora piramidi dal fascino
unico, con la base più piccola e slanciate verso l’alto.
Dalla loro cima si spalanca un orizzonte mozzafiato:
un oceano verde e rigoglioso costellato da sgargianti
tucani e dai colori accesi dei fiori tropicali. La cornice
ideale di un magico tuffo nella fierezza di un passato
ancestrale.
35
GASTRONOMIA
PASSEPARTOUT / MONDOINBLUE
Chichen Itza, along
with Uxmal and
Dzibilchaltun, is one
of the main
sites present
in Yucatàn.
ON THE MAYA TRACES
From Yucatàn to Guatemala
W
hen the Sun reaches the Equator and
illuminates the land of the jaguar,
twice a year, on the day of Equinox,
here an antique prodigy takes place. A snake
made of light, with a stone head, horribly
descends with its coils along the side of
a huge pyramid. It is the optical illusion
of Kukulcàn, one of the extraordinary
Mayan pyramids in the archaeological site
of Chichen Itza. Along with Uxmal and
Dzibilchaltun, it is one of the main sites
present in Yucatàn, between the Gulf of
Mexico and the Caribbean Sea, which saw
a civilization of grandiose proportions.
Here, where the tropical cedar grows and
the iridescent feathers of parrots shine in
the green vegetation, the Mayan founded
city-states with carved temples of majestic
beauty and monumental architecture. To the
severity of tufa and stone, cooked in stuccos,
plaster and cement, they added the glassy
36
shades of jade and obsidian, the fineness of
ceramics and fiery red crystals of cinnabar.
Suspended at the top, between the buildings,
they built roads to connect them and they
gave the urban centers fields for the game of
pelota. The colossal grandeur of the ancient
Mayan cities is still perceptible in the
beautiful Uxmal, the Three times rebuilt
city, today an archaeological site preserved
in excellent condition. Here you can admire
the Quadrangle of the Nuns, a complex of
four buildings differently decorated, adorned
with geometric motifs and representations
of deities. Or the evocative Pyramid of the
Riddle filled with legend and mystery, or
the magnificent Governor’s Palace, with
a facade of almost 100 meters and a throne
made of two stone jaguars. Adding to the
incredible Mayan ruins of Yucatàn there
are those of Guatemala, in the rain forest
of Petén. Tikàl, the queen of the jungle, is
THE GOBLET OF SACRIFICE
Added to the Seven Wonders of the
World in 2007, Chichen Itzà was one
of the most powerful centres of the
Mayan civilization. Here is El Castillo, or temple of Kukulcàn, which
is surrounded by buildings used for
worship and ceremonial duties.
Among these, the imposing Temple of
the Warriors, a giant stepped pyramid
with at the top the Chac Mool statue. Placed at the summit of the large
staircase, to show the entrance to the
temple, the statue is carrying a goblet,
originally used to collect the blood of
sacrificial victims.
a Mayan settlement from 700 BC. A huge
national park surrounds the ruins, with
the wild beauty of nature filled by the cries
of the howler monkeys. Tikàl still boasts
pyramids of unique charm, with a smaller
base and soaring upwards. From the top
breathtaking horizons open up: a green and
beautiful ocean, dotted with bright toucans
and the strong colors of tropical flowers. The
ideal setting for a magical dip in the pride of
an ancestral past.
di/by Barbara Mattei
Il cacao
IL FRUTTO AZTECO CHE HA NON HA MAI SMESSO
DI CONQUISTARE IL MONDO: DALLE ALMENDRAS
MESSICANE ALLE PRALINE BELGA
I
l cacao arriva in Europa solo nel XVI secolo grazie a Hernán Cortés , il
conquistatore del Messico. Gli aztechi, prima ancora dei Conquistatores,
si nutrivano dei semi di cacao, le almendras, ma furano gli europei a tritarli,
miscelarli con acqua e zucchero inventando una prima forma di bevanda al
cioccolato. L’uso del cacao in Europa si diffuse a partire dalle Fiandre alla fine
del Cinquecento, mentre in Italia il primo a commercializzarlo fu il toscano
Antonio Carletti (1606). Da allora gli usi che il cioccolato ha offerto a tutte le
cucine del mondo sono davvero molteplici e così le ricette. Re della pasticceria, il cioccolato è un ingrediente complesso: gli intenditori lo classificano
per aroma –persistente ma soave-, struttura – consistente, non sabbiosa -, per
aspetto –uniforme, liscio -, addirittura per il suono che produce quando si
spezza. Il suono prodotto, infatti, dà informazioni sulla compattezza e sull’omogeneità del composto. Ricco di antiossidanti, è una sostanza eccitante,
legale, che ha benefici effetti sull’umore.
PER SAPERNE DI PIÙ
IL LIBRO
L’ARTE CULINARIA
DEL CIOCCOLATO
Storie e ricette. Scritto, dall’opinionista
gastronomo e grande viaggiatore, Pietro
Semino, questo piccolo volumetto, edito
da Progedit, dai colori tenui e la grafica
delicatamente naif illustra le origini di
questo ambito prodotto alimentare,
fornendo molti elementi critici per conoscerlo ed apprezzarlo. Il testo riporta un
centinaio di ricette tutte da provare!
TO KNOW MORE
THE BOOK
THE CULINARY ART
OF CHOCOLATE
Stories and recipes. Written by Pietro
Semino, food critic and great traveler,
this small book, pubblished by Progedict,
with soft colors and gentle graphics
illustrates the origins of this sought
after food, providing many important
elements to know and appreciate it. The
text contains a hundred recipes to try!
COCOA
The Aztec fruit that never stopped conquering the world:
from the Mexican almendras to the Belgian praline.
C
ocoa arrived in Europe in the sixteenth century thanks to Hernán
Cortés, the conqueror of Mexico. The Aztecs, even before the Conquistatores, ate the seeds of cocoa, the almendras, but it was the Europeans who
chopped and mixed them with water and sugar inventing the first form
of chocolate drink. In Europe the use of cocoa spread from the Flanders at
the end of the sixteenth century, while in Italy the first to commercialise it
was the Tuscan Antonio Carletti (1606). Since then the uses of chocolate in
all cuisines of the world are many and varied, so are the recipes. The king
of patisserie, chocolate, is a complex ingredient: connoisseurs classify it by
aroma, persistent but soave; texture, consistent and not gritty; and appearance, homogenous and smooth, and even according to the sound it makes as it
breaks. The sound made gives information on the compactness of the product
and the homogeneity of the mixture. Rich in antioxidants, it is an excitant,
legal, and has beneficial effects on mood.
37
PASSEPARTOUT / MONDOINBLUE
A summer that begins early
here: the weather is warm in
the early months of the year,
when here it is still spring
GRECIA
sogno d'estate
Voli da prendere al volo
di / by
Marco
Galletti
VOGLIA DI SOLE, MARE, RELAX E
DI NOTTI VOTATE AL DIVERTIMENTO.
PROPOSTE PER TUTTI I GUSTI E PER
TUTTE LE TASCHE CON BLU-EXPRESS E
BLUE PANORAMA
B
ellezza e il fascino delle isole che molti considerano fra le
più belle del mondo. L’attrazione fatale di luoghi incantati,
incoronati dalla Storia e dalla Natura. Dalle Cicladi alle Ionie,
dal Dodecaneso alle Sporadi, gli arcipelaghi della Grecia sono una
delle destinazioni più amate e frequentate durante l’estate. Un’estate che qui comincia presto, perché in tutte le isole, e particolarmente in quelle più meridionali, la temperatura sale già nei primi
mesi dell’anno, quando da noi è ancora primavera. Ecco perché
non è mai troppo presto per cominciare a pensare concretamente
alle vacanze in Grecia. Anche perché prima si prenotano i posti
in aereo e meno si spende. Con i voli blu-express e Blue Panorama si può arrivare ovunque. Dalle cattedrali delle vacanze, come
Mikonos, dove splende la luce mondana del locale che è in testa
alla classifica dei sexy bar ed è il secondo bar più frequentato del
pianeta: il Tropicana, dove si beve e si balla sui tavoli o sulla sabbia
e fanno il miglior mojito delle Cicladi. O anche Santorini, fra i
dieci luoghi più suggestivi al mondo dove guardare un tramonto: a Oia, soprattutto, un piccolo agglomerato di case e negozi
38
di fronte al sole che
scivola nell’Egeo. Ma lo spettacolo è bello anche nel versante
opposto, lungo la strada che porta ad Akrotiri, per incantarsi
davanti alla caldera che si colora di rosso su uno sfondo viola
e azzurro. E poi Creta, dove il Minotauro e il filo di Arianna
affiorano dai ricordi di scuola e rivivono qui, in questo Palazzo
di Knosso restaurato con qualche azzardo, ma ugualmente
affascinante. Dall’altra parte dell’isola, la natura ha regalato
il palmeto di Vai: splendido. E anche Lefkada, nello Ionio,
poco lontano da Itaca e Cefalonia, con una delle più belle
spiagge greche, Porto Katsiki. Una lunga serie di destinazioni
in grado di soddisfare tutte le esigenze, che si desideri una
vacanza movimentata o rilassante, ma sempre in un ambiente
straordinario e con un mare e un’atmosfera che hanno pochi
eguali al mondo. E sempre con lo spirito di Blue Panorama
e blu-express: ovunque nel mondo, per soddisfare i nostri
passeggeri, con classe ed eleganza.
GREECE, SUMMER DREAM
Flights to catch
Desire for sun, sea, relaxation and
fun nights. Proposals for all tastes
and budgets with blu-express and
Blue Panorama
B
eauty and charm of the islands that many
consider among the most beautiful in the
world. The fatal attraction of enchanted
places, crowned by history and by nature. From
the Cyclades to the Ionian, from the Dodecanese to
the Sporades, Greece’s archipelagos are one of the
most popular and crowded destinations during the
summer. A summer that begins early here, because in
all the islands, and particularly in the most southern,
the weather is warm in the early months of the year,
when here it is still spring.
That’s why it’s never too early to start thinking about
a holiday in Greece. Also because the earlier you book
flights the less you spend. With blu-express and Blue
Panorama flights you can go anywhere. From holiday
musts, like Mykonos, where you can see the bright lights
of the club considered top in the sexy bar list and the
second most popular bar on the planet: the Tropicana,
where you can drink and dance on tables or on the sand
and where they do the best mojito in the Cyclades. Or
Santorini, one of the ten most beautiful places in the
world where to watch a sunset: in Oia, especially, a small
cluster of houses and shops in front of the sun that falls in
the Aegean. But the show is beautiful even on the opposite side, along the road to Akrotiri, to be enchanted by the
caldera that turns red on a purple and blue background.
Then there is Crete, where the Minotaur and Ariadne’s
thread emerge from school memories and re-live here, in
the Knossos palace, restored with guts, but equally fascinating. On the other side of the island, nature created the
palm grove of Vai: beautiful. Also Lefkada in the Ionian
Sea, not far from Ithaca and Kefalonia, with one of the
most beautiful beaches in Greece, Porto Katsiki.
A long list of destinations to satisfy all needs, whether
you want an active holiday or relaxing one, but always
in an extraordinary environment, with a sea and an atmosphere that have few equals in the world. And always
with the spirit of Blue Panorama and blu-express:
anywhere in the world, to satisfy our passengers, with
class and elegance.
Un’estate che qui comincia
presto: la temperatura sale già
nei primi mesi dell’anno, quando
da noi è ancora primavera
3
39
9
PASSEPARTOUT/ MONDOINBLUE
L'acquedotto Vergine in via del Nazareno,
nel pieno centro storico di Roma tuttora
alimenta la Fontana di Trevi, splendidamente
restaurata proprio di recente
ROMA E
NAPOLI
sotterranee
sotterranee
di / by
Marco
Galletti
INTERMINABILI LABIRINTI, CAPACI
DI CELARE E RIVELARE SECOLI
DI STORIA DI DUE CITTÀ
BELLISSIME ANCHE AL DI SOTTO DEL
MANTO STRADALE: LÀ DOVE LA LUCE
NON ARRIVA E ALBERGA IL MISTERO
40
Q
uel che non si vede affascina. E’ l’idea del mistero, del
nascosto, così vicina anche al tentatore concetto di proibito. E quel che non si vede, in città meravigliose come
Roma e Napoli, quel che non appare perché è coperto dalla
storia e dalla vita di tutti i giorni, scatena una straordinaria
attrazione. Ecco perché i sotterranei di queste città sono
un patrimonio prezioso e spesso poco conosciuto, che però
si può svelare con semplicità. Perché il mondo sotterraneo
di Roma e Napoli, come quello di molte altre città, si può
visitare.
A volte è appena sotto l’asfalto, altre volte bisogna esercitarsi
in discese anche avventurose, ma sempre si è ripagati con
la scoperta avvincente di aspetti sorprendenti e nemmeno
immaginati. Roma propone itinerari diversi, suggestioni che
svelano lo sviluppo dell’Urbe in differenti epoche storiche.
I resti dell’acquedotto Vergine in via del Nazareno, ad
esempio, in pieno centro storico, magnifica testimonianza di
ingegneria idraulica concepita per rifornire le Terme di Agrippa, e che tuttora alimenta la Fontana di Trevi, splendidamente
restaurata proprio di recente: un tracciato sorprendente, quello
dell’unico acquedotto antico ancora funzionante dall’epoca di
Augusto. Oppure le tante vestigia di un passato che brillano
ancora di un’inimitabile bellezza, forse proprio perché rimaste
a lungo protette dal mondo che correva sopra di loro. Come
le tante Domus romane, a cominciare da quelle scoperte sotto
Palazzo Valentini, in via IV novembre. E poi la Domus Aurea,
che Nerone si fece costruire dopo aver incendiato la città, le
case romane del Celio sotto la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo e un’intera Necropoli proprio sotto la Basilica di San Paolo.
Senza trascurare, naturalmente, tutti i percorsi catacombali che
nell’Anno Santo meritano una particolare celebrazione. Sempre
in tema di chiese, merita una visitala cripta dei Frati Cappuccini,
alla quale si accede da via Veneto, e dove sono raccolte le ossa
di oltre 4000 frati cappuccini. Il sottosuolo impressiona, per
l’imponenza di percorsi mai immaginati, per l’intrico di cunicoli
che si perdono in itinerari infiniti e corrono per chilometri e
chilometri sotto le strade ed i palazzi. A Roma come a Napoli,
dove esiste un fittissimo e complesso reticolo di cunicoli sotterranei, una vera e propria città che ricalca, in negativo, la città di
superficie. E’ la Napoli sotterranea, che si estende sotto tutto
il centro, con una serie di gallerie usate, nel corso dei secoli, in
diversi modi. Nate in seguito alla necessità di estrarre il tufo per
le costruzioni, sono state poi adibite ad acquedotto e utilizzate
come rifugio ai tempi della Seconda Guerra Mondiale: custodiscono ancora miti, leggende, timori che animano il già vivace
immaginario collettivo dei napoletani. Una ragione in più, per
emozionarsi: proprio lì, l’unico posto dove a Napoli non arriva
mai il sole.
41
PASSEPARTOUT/ MONDOINBLUE
The Vergine aqueduct in Via del
Nazareno, in the historic city
center of Rome, still today
supplies the Trevi Fountain,
beautifully restored recently.
UNDERGROUND
ROME AND NAPLES
Endless labyrinths, capable
of veiling and revealing
centuries of history of the
two cities, also beautiful
from below the road surface:
there where the light does
not reach and mystery lives.
W
hat is not seen is fascinating. It is the idea of mystery, of the hidden, so
close to the tempting concept of the forbidden. What is not seen, in wonderful cities such as Rome and Naples, what does not appear because it
is covered by history and everyday life, unleashes an extraordinary attraction.
That’s why the underground of these cities are a precious heritage and often
not known, but they can easily be unraveled. Because the underworld of
Rome and Naples, like many other cities, can be visited.
At times it’s just below the road, sometimes you have to descend adventurously, but they always pay off with the discovery of exciting and surprising
aspects, not even imagined. Rome offers different itineraries, routes that
reveal the development of the City in different historical periods. The remains
of the Virgin aqueduct in Via del Nazarenoa as an example, in the busy city
center, a magnificent example of hydraulic engineering designed to supply the
Baths of Agrippa, and that still today supplies the Trevi Fountain, beautifully
restored recently: a surprising route, the one of the only ancient aqueduct still
functioning from the time of Augustus. Or the many vestiges of a past that
still shine of inimitable beauty, maybe because they have long remained protected from the world that lives over them. Like the many Roman Domus,
starting with those discovered under Palazzo Valentini, in Via IV Novembre.
And then the Domus Aurea, which Nero built after having set fire to the city,
the Roman houses of Celio under the Basilica of Saints John and Paul, and a
whole Necropolis under the Basilica of St. Paul. Without forgetting, of course,
all the catacomb paths that in the Holy Year deserve a special celebration.
Staying with the church theme, the crypt of the Capuchin Friars is worth
a visit, which is accessed from Via Veneto, and where there is a collection of
42
over 4,000 Capuchin monk bones.
The underground is impressive, for the grandeur of routes never
even imagined, for the maze of tunnels lost in endless routes which
that run for kilometers under the streets and buildings. In Rome as in
Naples, where there is a dense and complex network of underground
tunnels, a real city lives under the city surface. There is the Naples
Underground, which extends under the entire center, with a series of
tunnels, used over the centuries in different ways. Created following
the need to extract tufa for the buildings, they were then used as
an aqueduct and as a shelter during the Second World War. These
tunnels still preserve myths, legends, and fears that enliven the already lively imagination of the Neapolitans. One more reason to get
excited: that is the only place in Naples where the sun never shines.
43
ARTE
di / by Milena Mariano
DANIEL BUREN. AXER/DÉSAXER. LAVORO IN SITU 2015
In occasione del decennale dell’inizio
dell’attività del museo, il Madre ha stretto una collaborazione con Daniel Buren.
L’artista francese ha presentato il lavoro in
situ Axer/dèsaxer, una macro opera architettonica posta all’ingresso dell’edificio che
ospita il museo, che pone in asse il palazzo
rispetto alla via su cui si affaccia. Attraverso un gioco di specchi, superfici colorate e
righe, Buren ha creato un collegamento tra
interno ed esterno. Idealmente museo e comunità che si fondono compenetrandosi l’uno nell’altra. L’
opera è stata concepita per celebrare la relazione tra la galleria ed il suo pubblico, sugellare il rapporto tra istituzione
e comunità. Nell’aprile 2015 Buren aveva già realizzato una
prima installazione, Comme un jeu d’enfant, ancora visibile
al Madre. I due appuntamenti fanno parte di un unico progetto di mostra a cura di Andrea Viliani ed Enrico Viola
To celebrate the tenth anniversary of the
opening of the museum, the Madre has partnered with Daniel Buren. The French artist
presented the work in situ Axer/dèsaxer, a
macro architectural work placed at the entrance of the building that houses the museum, which puts it on an axis with respect
to the street it overlooks. Buren has created
a link between inside and outside, through
a game of mirrors, colored surfaces and lines. Ideally reppresenting the museum and
communities that blend together, penetrating into each other.
The work was created to celebrate the relationship between
the gallery and its audience, to consolidate the relationship
between institution and community. In April 2015 Buren had
already made a first installation, Comme un jeu d ’enfant, still
at the Madre. The two events are part of a single project curated by Andrea Viliani and Enrico Viola
EGOSUPEREGOALTEREGO
Volto e Corpo Contemporaneo dell’Arte
La mostra ha come tema l’analisi del volto e del corpo nell’arte contemporanea, mediante l’esposizione di
opere in cui l’artista stesso si autorappresenta, raffigura
un altro artista o un personaggio in cui si rispecchia.
L’esposizione, curata da Claudio Crescentini, offre lo
spunto per approfondire e dimostrare, nel concreto
dell’arte stessa, la pittura di genere, con riferimento
all’autoritratto e al ritratto. Fino all’ultima mania, alla
portata di tutti, dei selfie. Una parte è riservata ad Alberto Moravia e Achille Bonito Oliva, due emblemi del
mondo della cultura italiana contemporanea, famosi
anche a livello internazionale, sul quale si è posta una
maggiore attenzione visuale, attraverso l’esposizione
dei ritratti di Moravia realizzati da Renato Guttuso,
Carlo Levi e Mario Schifano e quelli di ABO di Sandro
Chia, Francesco Clemente e Mario Schifano.
Museo Madre - Via Settembrini 79, Napoli – Naples – Fino al / 28 febbraio 2016 - Until 28th of February 2016
TRANSFORMERS
Hou Hanru e Anne Palopoli sono i curatori
di una mostra visionaria dedicata alla cultura contemporanea che riunisce il genio di
quattro artisti “sognatori” di fama internazionale. Il coreano Choi Jeong-hwa, l’italiano Martino Gamper, che vive a Londra, il
franco-portoghese Didier Fiuza Fustino e
il messicano Pedro Reyes, tutti legati al
mondo del design, sono i protagonisti del
progetto. Le opere allestite nella fondazione capitolina sono ispirate all’attualità,
soffermandosi sugli aspetti più rappresentativi di un mondo
in rapida trasformazione, globalizzato e segnato da conflitti
economici. Tra le istallazioni Golden Lotus, la gigantesca installazione da dieci metri di diametro che si gonfia e si sgonfia
riproducendo un respiro; Cosmos, una cascata di perline variopinte; Hubble Bubble, una foresta formata da palloncini
verdi che simboleggiano alberi. Per conludere Life Life: coloratissimi baloon istallati dall’artista a cui si aggiungono altri
gonfiati dai visitatori.
Hou Hanru and Anne Palopoli are the curators of a visionary exhibition dedicated to
contemporary culture that brings together
the genius of four internationally renowned
“dreamer” artists. Korean Choi Jeong-hwa,
Italian Martino Gamper, who lives in London, the French-Portuguese Didier Fiuza
Fustino and the Mexican Pedro Reyes, all
related to the world of design are the protagonists of the project. The pieces of work on
display in the Capitoline foundation are inspired to current events, focusing on the most representative
aspects of a rapidly changing world, globalised and marked
by economic conflicts. Among the installations: Golden Lotus, a huge installation, ten metres in diameter, that inflates
and deflates replicating breaths; Cosmos, a waterfall of colorful beads; Hubble Bubble, a forest made up of green balloons symbolising trees. Finally, Life Life: colorful balloons
installed by the artist where visitors can blow up and add
their own.
MAXXI - Via Guido Reni 4°, Roma - Rome - Fino al 28 marzo 2016 - Until 28th of March 2016
44
Contemporary face and body of art
The exhibition’s theme is the analysis of face and body in contemporary art through the showing of works in which the
artist represents himself, another artist or a character which
mirrors him. The exhibition, curated by Claudio Crescentini, provides an opportunity to deepen and demonstrate, in the
concrete of art itself, genre painting, with reference to portrait
and self-portrait. Going right to the latest craze, available to
all, the selfie. One part is reserved for Alberto Moravia and
Achille Bonito Oliva, two emblems of contemporary Italian
culture but also internationally known, on which a greater focus on the visual is placed, through the display of portraits of
Moravia created by Renato Guttuso, Carlo Levi and Mario
Schifano to those of ABO by Sandro Chia, Francesco Clemente
and Mario Schifano.
MACRO - via Nizza 138, Roma - Rome
Fino all'8 maggio 2016 - Until 8th of May 2016
45
CULTURA/ MONDOINBLUE
LADY BE
L’arte pop di Letizia Lanzarotti
LADY BE
di / by
Marco
Galletti
P
arole e definizioni sembrano complessi, in realtà sono piuttosto semplici.
La Lady Be Art è un ramo della pop
art, il cui interprete principale è stato
Andy Warhol, definito concettualismo
pop: tutti i materiali utilizzati perdono
la funzione originaria e diventano uno
strumento della pittura. Con risultati
spettacolari. Come quelli di Lady Be,
appunto.
Letizia Lanzarotti, questo il nome di
Lady Be, è una giovane artista italiana
che sta riscuotendo grande successo di
pubblico e di critica. Le sue opere sono
Mosaici Contemporanei nati con uno scopo
ben preciso: focalizzare l’attenzione
sul riutilizzo artistico dei materiali di
recupero, oltre che su quello concreto
ed energetico. Lady Be utilizza materiali
che hanno perso la loro funzione originale per acquisire la funzione di colore.
Nei suoi quadri, paradossalmente, un
diamante e un giocattolo rotto acquisiscono lo stesso valore, quello artistico,
46
perché sono utilizzati come colore, o
meglio, come tasselli di un mosaico. Le
sue opere sono state esposte a New York,
Amsterdam, Barcellona, Bruxelles, Malta,
Edimburgo e perfino a Parigi sulla Torre
Eiffel. Alla I Biennale di Palermo, le sue
creazioni sono state presentata da due
importanti critici, Vittorio Sgarbi e Paolo
Levi. Proprio quest’ultimo ha scritto di
lei: «Lady Be manipola in modo mirato
ogni tipologia di materia, tramite un
intrigante costrutto a collage, per realizzare maschere umane ben riconoscibili,
indagate da un’inedita sapienza compositiva, e affrontando la sinfonia cromatica
come un indispensabile valore strutturale
e narrativo».
Il nome Lady Be nasce dalla passione
dell’artista per i Beatles, si tratta di un’assonanza con la canzone Let it Be. Inoltre,
ha spiegato l’artista, Be indica l’arte
dell’essere, ovvero un messaggio che mira
ad arrivare all’essenza delle cose, e non
alla loro apparenza. Proprio in relazione
Lady Be uses materials
that have lost their original
function to become colour
al suo legame con i Beatles, Nel giugno
del 2013, Lady Be ha realizzato una curiosa performance a Brescia, durante il Beatles Day: gli spettatori erano chiamati a
staccare un pezzettino dell’opera (quattro
sagome dei Beatles a dimensioni naturali)
lasciando i soggetti completamente nudi.
Fu un enorme successo. Qualche mese
dopo, le opere di Lady Be erano esposte
sulla Torre Eiffel. E da allora la sua fama
è in continua ascesa. Dalla nativa Dorno,
5 mila abitanti in provincia di Pavia, fra il
Po e il Ticino, alla conquista del mondo.
Lady Be utilizza materiali
che hanno perso la loro
funzione originale
per acquisire
la funzione di colore
Letizia
Lanzarotti’s
Pop Art
D
efinitions and words seem complex, but really they are actually quite simple.
“Lady Be Art” is a branch of pop art, whose main contributor was Andy
Warhol, called “conceptualism pop”: all the materials used lose their original
function and become a tool for painting, with spectacular results. Like those
of Lady Be, precisely. Letizia Lanzarotti, also known as Lady Be, is a young
Italian artist who is having great success with audiences and critics. Her pieces
of work are “Contemporary Mosaics” born with a purpose: to focus attention
towards the reuse of recycled materials to create art, as well as looking to
the concrete and energy. Lady Be uses materials that have lost their original
function to become “colour”. In her paintings, paradoxically, a diamond and
a broken toy acquire the same value, the artistic one, because they are used as
colour, or rather, like pieces of a mosaic. Her pieces have been exhibited in New
York, Amsterdam, Barcelona, Brussels, Malta, Edinburgh and even the Eiffel
Tower in Paris. At the First Biennale of Palermo, two important critics, Vittorio
Sgarbi and Paolo Levi, presented her creations. The latter even wrote about her:
«Lady Be manipulates with purpose all types of material, through an intriguing
creation in collage style, to create recognisable human masks, investigated by a
new compositional skill, and addressing the chromatic symphony as an essential
value to structure and narrative ».
The name Lady Be comes from the artist’s passion for the Beatles, an assonance
with the song “Let it Be”. In addition, the artist explained, “Be” means the art of
being, or a message that aims to get to the essence of things, and not just their appearance. In relation to her link with the Beatles, in June of 2013, Lady Be did a
curious performance in Brescia, during the Beatles Day: viewers were called to
remove a piece of the work (four life size silhouettes of the Beatles) leaving the
subjects completely “naked”. It was a huge success. A few months later, the pieces
of work from Lady Be were exhibited in the Eiffel Tower. Since then her fame
keeps growing. From her native Dorno, 5,000 inhabitants in the province of
Pavia, between the Po and the Ticino, to conquer the world.
47
MONDO IN BLUE / MONDOINBLUE
Moschea
BLU
A ISTANBUL, LO SPLENDORE SACRO DELL’ISLAM
BLUE MOSQUE
di / by
Lisa
Cecconi
A
ttraversando le onde turchine del
Mar di Marmara, là dove Istanbul si affaccia sulla costa, eccola
stagliarsi contro l’orizzonte, con i suoi
sei minareti innalzati verso il cielo. È
Sultan Ahmet Camii, meglio nota come
la Moschea Blu, l’eccezionale luogo di
culto con cui il sultano Ahmet I sfidò la
bellezza di Aya Sofya. Eretta proprio al
cospetto della Basilica di Giustiniano, la
Moschea Blu è ammantata di leggenda.
Si narra infatti che il giovane sultano,
volendo competere con l’imponenza
del tempio cristiano o della moschea di
Solimano, costruita quarant’anni prima,
ordinò di circondare la Moschea Blu di
scintillanti minareti d’oro. Ma l’architetto Sedefkar Mehmet Ağa avrebbe
frainteso il turco “altin” (oro) con la
parola “alti” (sei), dotando la splendida
48
moschea dei sei celebri minareti che a
tutt’oggi la contraddistinguono. Certo è
che la Moschea Blu è una delle gemme più luminose di Istanbul, immersa
nel cuore della città, dove un tempo
sorgeva il Gran Palazzo di Costantinopoli. Alla sontuosa eleganza delle cupole
e alla grazia snella delle sue guglie, si
somma la meraviglia che suscitano
i suoi materiali. 21.043 piastrelle di
delicata ceramica turchese compongono la cupola e le pareti, conferendo alla
moschea le sfumature da cui prende il
nome. All’interno, le maioliche di Iznik,
che ricoprono archi, pareti e colonne,
impreziosiscono l’immensa sala della
preghiera di un fascino cristallino e
sovrannaturale, complice l’illuminazione di 260 vetrate colorate che la luce
del giorno attraversa, sciogliendosi
in suggestivi riflessi luminosi. Ogni
maiolica, finemente decorata con
immagini di fiori e frutti del Paradiso,
digrada nei toni del verde e dell’azzurro,
passando per il celeste e l’acquamarina, mentre immensi lampadari in stile
ottomano, un tempo tempestati di oro
e di gemme, scendono dal soffitto fino
a tre metri da terra. I pavimenti della
Moschea Blu sono coperti da finissimi
tappeti e quattro pilastri a zampa di
elefante sostengono la cupola arabescata.
Uno spettacolo che toglie il fiato e invita lo spirito al raccoglimento. Quando
il tramonto incendia l’orizzonte, la
pietra si tinge del colore dell’ambra e la
Moschea Blu si trasforma in oro. Poi si
accende di luce artificiale e, brillando
come una luna, adombra le stelle nella
notte cobalto.
In Istanbul, the splendor of a sacred place of Islam
U
pon crossing the turquoise waves of the Sea of Marmara, where
Istanbul overlooks the coast, like a silhouetted against the horizon,
with its six minarets raised skyward there is the Sultan Ahmet
Camii. Better known as the Blue Mosque, the unique place of worship
with which the Sultan Ahmet I challenged the beauty of Aya Sofya.
Standing right in front of the Basilica of Justinian, the Blue Mosque
is covered in legends. It is said that the young Sultan, wanting to
compete with the grandeur of the Christian church and the mosque of
Suleiman built forty years earlier, ordered to surround the Blue Mosque
with gleaming gold minarets. But the architect Mehmet Ağa Sedefkar
misinterpreted the Turkish word “altin” (gold) with the word “alti” (six),
giving the beautiful mosque the six famous minarets that still distinguish
it today. It is certain that the Blue Mosque is one of the brightest gems
of Istanbul, nestled in the heart of the city, where once stood the Great
Palace of Constantinople. Added to the sumptuous elegance of the domes
and the grace of slender spiers, is the beauty that is given through its
materials. 21,043 delicate turquoise ceramic tiles make up the dome and
walls, giving the mosque colourful shades from which it takes its name.
Inside, the Iznik tiles that cover arches, walls and columns adorn the
vast prayer hall with a supernatural and crystal like charm, adding to
it the lighting of 260 stained glass windows through which the light of
day bursts through, creating bright reflections. Each majolica, decorated
with images of flowers and fruits of Paradise, goes from shades of green
to blue, passing through sky blue and aquamarine, whilst huge Ottoman
style chandeliers, once studded with gold and gems, come down from the
ceiling up to three meters from the ground. The floors of the Blue Mosque
are covered with fine carpets and four “flared leg” pillars supporting the
arabesque dome. A view that takes your breath away and invites the
spirit to recollection. When the sun sets fire to the horizon, the stone takes
on the color of amber and blue mosque is transformed into gold. Then the
artificial lights are turned on, and shining like a moon, overshadow the
stars in the cobalt night.
49
LIBRI
di / by Barbara Mattei
ATMOSFERE IN VERDE A NEW YORK
Satoshi Kawamoto - Logos Editore € 20,00
ATLANTE DEI PAESI CHE NON ESISTONO
Nick Middleton - Rizzoli € 24,90
COMIZI D’AMORE
Pier Paolo Pasolini - Contrasto Books € 19,90
LA LEGGE DEL CONTRARIO
Oliver Burkeman - Mondadori € 19,00
INTERVISTE CON IL MORTO
AA.VV. - 66thand2nd € 18,00
NÉ PER FAMA, NÉ PER DENARO
Anton Čechov - Minimum Fax 9,00 €
Dopo Atmosfere in verde, arriva in libreria Atmosfere in verde a New York.
L’artista delle piante, il giapponese Satoshi Kawamoto, da Tokyo si
sposta nella Grande Mela: apre il
suo settimo negozio, Green Fingers
Market, e inizia una serie di commissioni per l’allestimento in chiave total green di alcune boutique,
studi, aziende. Questo libro documenta, con ricchissime fotografie,
alcune interviste e brevi testi, la
sua attività, la cui anima è tutta nel
potere estetico delle piante. Satoshi propone una contaminazione
di verde e stile urban, che porta
all’interno di case, uffici, laboratori,
dell’estetica del quotidiano insomma, uno stile alternativo per arricchire il life style dell’uomo metropolitano di un tono più verde.
Titolo: Atlante dei paesi che non esistono. Sottotitolo: Alla scoperta di 50 nazioni che non hanno confini. La poesia
di questi titoli potrebbe già da sola
valere il prezzo di copertina, ma il
contenuto risponde alle aspettative.
Nick Middleton, professore di geografia di Oxford, ci conduce in un
viaggio attraverso quelle tante, piccole, porzioni di terra non politicamente riconosciute come stati, ma
che hanno una loro forte, fortissima
identità. Questo libro è un connubio
di cura grafica e tipografica, rigore
scientifico delle informazioni e di
quella capacità poetica che sa far sognare il lettore, conducendo al di là
del concetto di confine anche coloro
che questa capacità a volte dimenticano. Consigliatissimo.
1963, Pier Paolo Pasolini realizza
un’inchiesta video sulla sessualità
percorrendo lo Stivale da Sud a Nord:
fa parlare donne, uomini e bambini di
diverse estrazioni sociali. Le domande sono semplici e dirette - Lei pensa
che l’importanza del sesso nella sua
vita sia un fatto positivo o negativo?
Ha mai provato sentimenti masochisti? Secondo lei un omosessuale è tale
dalla nascita o lo diventa? -. Le risposte sono inconsapevolmente ricche di
sottotesti, che Pasolini, da stimabile
e onesto intellettuale, prova a tradurre con l’aiuto di Moravia e del celebre
psicanalista Musatti. La casa editrice
Contrasto, a 40 anni esatti dall’omicidio di Pasolini, pubblica la trascrizione del film arricchita di materiale
fotografico e documentale molto ricercato. Edizione da collezione.
Alla faccia dei tanti best seller per
casalinghe disperate, alla faccia del
banale concetto molto americano pensa positivo e tutto volgerà per
il meglio, alla faccia di Segreti per
la felicità, il giornalista britannico
Burkeman propone una teoria che
si oppone alla filosofia del self-help.
Parte da due domande: ma se tutta questa ricerca della felicità costi
quel che costi non fosse la strada
giusta? Cosa c'è di male nell'accettare di buon grado un pò di sana negatività nella nostra esistenza? Sarà
per la raffinatezza della sua scrittura,
sarà per l'intelligenza del sarcasmo
inglese, sarà per la solidità delle sue
fonti, ma di certo questo testo appare più convincente dei tanti, troppi,
manuali che vogliono insegnarti la
vita a tutti i costi a forza di slogan
motivazionali.
Ideatore e curatore del progetto è
Dan Crowe. La prima pubblicazione è inglese ed è firmata dal grande
editore Granta. In Italia lo porta la
piccola, ma molto promettente, casa
editrice romana 66thand2nd.
Tredici interviste impossibili: lo
scrittore newyorkese Rick Moody,
classe 1961, incontra il chitarrista
con la "c" maiuscula, Jimi Hendrix; il
canadese Douglas Coupland intervista Andy Warhol; lo scrittore inglese
Geoff Dyer, Friedrich Nietsche; Michel Faber, Marcel Duchamp. E così
ancora.
L'edizione italiana proposta dalla
66thand2nd è deliziosa, apprezzabilissima la scelta dei font e l'equilibrio
dei testi sulla pagina.
Chi conosce i racconti di Anton
Čechov e chi conosce i consigli di
scrittura di Raymond Carver riconoscerà in questo concentrato di appunti sull’arte narrativa, prima l’assoluta
fedeltà di queste alla lingua del Maestro russo, e poi la fedele eredità che
il Maestro del racconto americano ha
saputo ricevere.
Compiere sopraluoghi, usare l’olfatto,
usare il tatto, partecipare alle feste – Osservare preparativi, riti, e chi vi partecipa; cogliere l’atmosfera. Sono consigli
semplici, scevri da inutili sentimentalismi, profondamente umani e aderenti alla realtà fattuale dell’esistenza.
Così come sono i racconti Čechov e
successivamente quelli di Carver e
dei grandi allievi che hanno saputo
fare della scrittura di Čechov una lezione di narrativa.
After Decorating with Plants, to arrive in bookstores is Deco Room with
Plants in New York: living with
plants. The artist of plants, the Japanese
Satoshi Kawamoto, from Tokyo moves to
the Big Apple: he opens his seventh store,
Green Fingers Market, and begins a series
of total green commissions for the dressing
of some shops, studios and companies. This
book, rich with photographs, interviews
and short texts, documents his business,
whose soul is all about the aesthetic power
of plants. Satoshi suggests contamination
of green and urban style, bringing in homes, offices, laboratories, in the aesthetics
of everyday life, in short, an alternative
style to enrich with a greener shade the
metropolitan man life style.
Title: Atlas of the countries that do not
exist. Subtitle: The discovery of 50 nations with no boundaries. The poetry of
these titles may already alone be worth
the cover price, but the content also meets
expectations. Nick Middleton, geography
professor at Oxford, takes us on a journey
through the many, small portions of land
that are not politically recognised as states, but that have a strong, very strong,
identity. This book is a combination of
graphic and typographic care, scientific
rigor of the information and poetic ability to allow the reader to dream, by going
beyond the concept of border even for
those who sometimes forget this capacity.
Highly recommended.
1963 and Pier Paolo Pasolini made a video investigating sexuality along the boot
from South to North: he makes women
talk, men and children from different social backgrounds. The questions are simple
and direct – Do you think the importance
of sex in your life is a good or bad thing?
Have you ever experienced masochistic
feelings? According to you is a person homosexual from birth or do they become
so? -; the answers are unknowingly rich
in subtexts, that Pasolini, as a reputable
and honest intellectual, tries to translate
with the help of Moravia and the famous
psychoanalyst Musatti. The publishing
house Contrasto, exactly 40 years since
the murder of Pasolini, has published the
transcript of the film enriched with highly sought pictures and documents.
Collector’s edition.
To hell with the many best sellers for desperate housewives, to hell with the boring and very American concept “think
positive and everything will turn out for
the best”, to hell with Secrets for happiness, the British journalist Burkeman
offers in this text a theory that opposes the
all American self-help. Burkeman starts
with two questions: but if all this pursuit
of happiness whatever the cost is not the
right way? What’s the harm in willingly
accepting a little healthy negativity in
our lives?It may be for the refinement in
his writing, it may be for the intelligence of English sarcasm, it may be for the
solidity of its sources, but certainly this
text looks more convincing than many,
too many manuals that want to teach
life at all costs with forcefulmotivational
slogans.
Dan Crowe is the creator and curator
of the project.ì The first publication is
in English and signed by the great publisher Granta. To bring it to Italy is
the small, but very promising, Roman
publishing house 66thand2nd.
Thirteen impossible interviews: the
New York writer Rick Moody, class of
1961, meets the guitarist with a capital letter, Jimi Hendrix; the canadian
writer Douglas Coupland interviews
Andy Warhol; the british writer Geoff Dyer, Friedrich Nietzsche; Michel Faber, Marcel Duchamp. And so
on. The Italian edition proposed by
66thand2nd is fantastic, very appreciated is the font choice and balance of
the text on the page.
Those who know the stories of Anton Čechov and the writing advice of
Raymond Carver will recognise in this
collection of notes on the art of narrative,
first of all the absolute loyalty of these
reflections to the language of the Russian
Master, and then the true legacy that the
Master of the American tales, was able to
receive. Describing locations, the use
of the sense of smell, touch, to participate in parties- Observe preparations,
rituals, and those who participate;
seize the atmosphere. They are pieces of
advice which are simple, free from unnecessary sentimentality, profoundly human
and close to the reality of factual existence.
As are the stories of Čechov and later those
of Carver and of the great students who
have made the writing of Anton Čechov a
lesson in narrative.
50
51
MUSICA
52
di / by Francesco Ricci
COLDPLAY – A HEAD FULL OF DREAMS
ADELE – 25
THIS IS THE KIT – BASHED OUT
NOTHING BUT THIEVES – NOTHING BUT THIEVES
C’è bisogno dei Coldplay per rendere un album dei
Coldplay ancora più colorato, vivace e brillante. Dopo
Ghost Stories, sul quale è difficile non proiettare l’ombra
della rottura tra il frontman Chris Martin e Gwyneth Paltrow, il nuovo album della band britannica è una cavalcata
di melodie esplosive e ritmi dance battimani. Un disco
che vede anche collaborazioni eccellenti: Noel Gallagher imbraccia la chitarra e Beyonce canta nello sfondo
dell’ottimistica Up&Up, con la cantante statunitense che
torna per il bis nella traccia dal sapore R’n’B Hymn for the
Weekend. E, a dare un senso di chiusura all’album – ma non
solo –, il cameo della stessa Paltrow, che canta una strofa
in Everglow, a lei dedicata. Un album coerente e sostenuto, mancante forse di quel picco al quale ogni traccia
sembra prepararci . Ma che non arriva mai.
Una cantante che ha fatto del rimorso la sua musa. Ma
mentre nel precedente 21 a cantare era una ragazza piegata
dal cuore spezzato, in 25 Adele è una donna che si affaccia con risolutezza e forza sul quel che è stato. Basta uno
sguardo alla tracklist per afferrarne il tema: Water under the
bridge, When we were young, Hello (che suona più come un
Goodbye). Un mood decisamente nostalgico, che guarda al
passato, proprio come lo stile della cantante. Il singolo Hello ha già battuto ogni record possibile, esplodendo al pari
del cantato del ritornello. In When we were young Adele fa
tesoro di ricordi passati, immortalati come tante Polaroid
in una ballata da ascoltare e riascoltare. La dolcissima Remedy si aggrappa ad una singola linea di pianoforte, mentre
Send My Love (To Your New Lover) è uno dei suoi pezzi più
pop, ma non per questo meno virtuoso.
Elementi d’elettronica, pezzi di psichedelica, uno
stampo indie e una inconfondibile vena folk: This is the
kit non è forse un album che colpisce con virtuosismi e
acuti, ma un lavoro che cresce ascolto dopo ascolto, fino
a quando non se ne può più fare a meno. Kate Stables,
voce e fondatrice del gruppo, mette anima e sangue nel
disco. Una voce vellutata, che, come in Silver John – uno
dei pezzi migliori –, si adagia su una tappezzeria di elettronica che fiorisce in un outro che vale tutto l’album.
La vena country prende il sopravvento grazie al banjo di
Spores all settling, mentre il pizzicato della title track ci
trasporta in atmosfere più buie e fumose. Ogni nota di
questo Bashedout è pennellata con cura: il risultato è un
disco minimalista e profondo, nel quale immergersi, con
calma, per comprenderlo a fondo.
Lo diciamo adesso: questi ragazzi stanno giocando le
carte giuste per ritrovarsi protagonisti sui palchi per
i quali, al momento, si limitano ad aprire gruppi del
calibro di Awolnation e Muse. Nothing but Thieves è un
Bignami dell’alternative-rock di successo. Poco originali?
Forse. Scarna tecnica? Senza dubbio. Eppure il giovane
quintetto britannico le fa tutte giuste: Excuse Me ci introduce alla voce angelica del frontman che si staglia sugli
sporchi riff di chitarra, continuando con il puro rock di
Wake up call.
Un intermezzo più soft arriva grazie a Graveyard Whistling, per poi lasciare nuovamente spazio al pulsare della
vena alternative con l’aggressiva Painkiller. Un album di
debutto molto speciale per una band destinata a togliersi
più di una soddisfazione.
You only need Coldplay to make a Coldplay album even more
colorful, lively and bright. After Ghost Stories, through which
it is difficult not to project the shadow of the break up between
frontman Chris Martin and Gwyneth Paltrow, the new album
by the British band is a wave of explosive melodies and clapping
dance rhythms. An album that also sees excellent collaborations:
Noel Gallagher on the guitar and Beyonce sings in the background
of the optimistic Up & Up, with the American singer also singing
on the track in the R’n’B flavored Hymn for the Weekend. To
give a sense of closure to the album and much more, the cameo
of Paltrow who sings a verse in Everglow, which is dedicated to
her. A coherent and strong album, perhaps missing that peak for
which every track seems ready, but that never comes.
A singer who turned her remorse into her muse. While in the
previous 21 she sang as a heartbroken girl, in 25 Adele is a
woman who looks with strength and determination over what
has been. All you need is glance at the tracklist to grasp the
theme: Water under the bridge, When we were young,
Hello (which sounds more like a Goodbye). A decidedly nostalgic mood, which looks at the past, just like the singer’s style. The
single Hello has already broken every record possible, exploding
just like the singing of the chorus. In When We Were Young
Adele treasures past memories, immortalised like a polaroid in
a ballad to listen and listen to again. The sweet tune Remedy
clings to each piano line, while Send My Love (To Your New
Lover) is one of her most pop feel pieces, but no less virtuous.
With electronic elements, pieces of psychedelic, an indie feel and
a distinctly folk vein: This is the kit is maybe not an album with
striking virtuosity and acutes, but a piece of work that grows
on you listening after listening, until you cannot be do without
it. Kate Stables, voice and founder of the group, puts soul and
blood in the disc. A velvety voice which, as in John Silver (one
of the best pieces) lies on a tapestry of electronic music which
blooms in an outro that is worth the entire album. The country
sound takes over thanks to the banjo in Spores All Settling,
while the pizzicato of the title track takes us into the darker and
smokier atmospheres. Each note of this Bashedout is carefully
created: the result is a minimalist and deep disc, in which to
dive, calmly, to understand it thoroughly.
We can say it now: these guys are playing the right cards to
be the protagonists on stage for which they currently are
limited to the opening act for the likes of Awolnation and
Muse. Nothing but Thieves is a Bignami of successful
alternative-rock. Not very original? Maybe. Lacking technique? No doubt. Yet the young British quintet does everything right: Excuse Me introduces us to the angelic voice
of front man that works on a dirty guitar riff, continuing
with the pure rock of Wake up call. A softer alternative
is offered with Graveyard Whistling, to then come back
again to the alternative pulsing vein with the aggressive
Painkiller. A very special debut album for a band destined
to gain off more than one satisfaction.
53
CINEMA
di / by Milena Mariano
SERVICES
INFORMAZIONI UTILI • INFORMAZIONI UTILI
NUOVE REGOLE DI SICUREZZA IN AEROPORTO
NEW EU SECURITY RULES AT AIRPORTS
UNA GUIDA RAPIDA PER AIUTARE
IL PASSEGGERO
QUO VADO
Per proteggervi contro la nuova minaccia derivante dagli esplosivi liquidi, l’Unione
Europea ha adottato nuove regole di sicurezza che limitano le quantità di liquidi
che possono essere introdotti nelle aree sterili. Tali regole si applicano nei confronti
tutti i passeggeri in partenza dagli aeroporti dell’Unione Europea verso qualsiasi
destinazione.
Ciò significa che ai controlli di sicurezza, il passeggero e il relativo bagaglio a mano
devono essere controllati per verificare la presenza di liquidi. Comunque, le nuove
regole non limitano la quantità di liquidi che possono essere acquistati presso gli
esercizi commerciali situati oltre il punto di controllo del titolo di viaggio od a bordo
di un aeromobile di compagnia appartenente all’Unione Europea.
Le nuove regole si applicano a partire da lunedì 6 novembre 2006, in tutti gli aeroporti dell’Unione Europea, in Norvegia, Islanda e Svizzera a meno di eventuali
modifiche.
Annunciato da una campagna pubblicitaria
senza trailer e con tre teaser:
il sala il IV film di Luca Medici
Questa volta Checco Zalone veste i panni di un
impiegato provinciale del servizio caccia e pesca
che, dopo le recenti riforme, rischia di essere
licenziato. Ha una vita comoda: pur essendo
fidanzato, vive ancora con mammà, lavora a
tre metri da casa e ha il tanto agognato posto
fisso. Pur di salvare il proprio impiego, accetta
di essere messo in mobilità affrontando svariati
trasferimenti nelle località italiane finendo per
essere destinato ad una base scientifica nella
fredda Norvegia, tanto diversa dall’assolata
provincia barese. Ma proprio quando il
ragazzo sta per gettare la spugna, il vero amore
entrerà nella sua vita facendogli cambiare idea.
Ancora una volta il comico diverte il pubblico
ironizzando su problematiche di stretta attualità
e riuscendo ad imprimere ai propri film una nota
di profondità che solo la buona commedia riesce
a comunicare. Il cast prevede una sorpresa:
Checco Zalone e Lino Banfi insieme per la
prima volta, un connubio perfetto per i fan della
comicità made in Puglia che forse sarà il preludio
di una futura collaborazione. L’attore icona della
commedia sexy anni ‘70 ha dichiarato: “Magari
prima che ci lascio le penne vorrei recitare in un
film con Zalone in cui io sono il padre e lui il
figlio, come ha fatto Sordi con Verdone”.
PAESE: Italia, 2015
GENERE: commedia
REGIA DI: Gennaro Nunziante
CAST: Checco Zalone, Lino Banfi, Eleonora
Giovanardi, Sonia Bergamasco e Maurizio
Micheli
A SHORT GUIDE TO HELP YOU
QUO VADO
Announced by a campaign
without trailer but with hilarious mini clips:
the fourth film by Luca Doctors in cinemas
This time Checco Zalone plays the role of a provincial
services employee for hunting and fishing, who after
recent reforms risks being fired. He has a comfortable
life: although he is engaged he still lives with his
mother, working round the corner from home and has
the sought after permanent job. In order to save his job,
he accepts a move facing several transfers in Italian
localities, but eventually ending up in a scientific base
in cold Norway, so different from the sunny province
of Bari. Just as the guy is going to pack it all in, true
love enters his life making him change his mind. Once
again the comedian manages to entertain the audience,
playing irony on current issues and succeeding in giving
his film a touch of depth that only good comedy can
communicate.
The cast includes a surprise: Checco Zalone and Lino
Banfi together for the first time, a perfect match for
fans of the made in Puglia comedy that perhaps will
be the prelude to a future collaboration. The actor, icon
of sexy 70s comedy said: “Maybe before I pop my clogs I
would like to act in a film with Zalone in which I am
the father and him my son, as Sordi and Verdone did”.
COUNTRY: Italy, 2015
GENRE: commedy
DIRECTOR: Gennaro Nunziante
CAST: Checco Zalone, Lino Banfi, Eleonora
Giovanardi, Sonia Bergamasco and Maurizio
Micheli
To protect you against the new threat of liquid explosives, the European Union
(EU) introduced new security rules to limit the amount of liquids that you can take
through security checkpoints. They apply to all passengers departing from EU airports to all destinations.
This means that, at security checkpoints, you and your hand luggage must be
inspected for liquids screening in addition to other prohibited articles. However,
the new rules do not limit the liquids that you can buy at shops located beyond
the checkpoints.
The new rules are in force as to Monday 6th November 2006 at all airports in the
EU and in Norway, Iceland, Switzerland until further notice.
COSA C’È DI NUOVO?
WHAT IS NEW?
DURANTE LA PREPARAZIONE DEL BAGAGLIO A MANO:
È consentito portare solo piccole quantità di liquido nel bagaglio a mano. Tali liquidi devono essere posti in singoli contenitori della capacità massima di 100 ml
ciascuno. Tali contenitori devono essere chiusi in una busta di plastica trasparente,
richiudibile, di capacità non superiore a 1 Litro per singolo passeggero.
WHILE PACKING:
You are allowed to carry only small amounts of liquids in your hand luggage. These
liquids must be in individual containers with a maximum capacity of 100 ml each.
You must pack these containers in one transparent zip-top re-sealable plastic bag
of not more than one litre capacity per passenger.
DISPOSITIVI ELETTRONICI PORTATILI
PORTABLE ELECTRONIC DEVICES
Tutti i dispositivi elettronici, inclusi i telefoni cellulari, dovranno essere tenuti
spenti per le fasi di rullaggio, decollo ed atterraggio. Durante il volo è invece
consentito l’utilizzo di lettori CD, DVD, MP3, videogiochi e computer portatili
verificando che abbiano la connessione wireless disattivata. I telefoni cellulari
potranno essere utilizzati, esclusivamente durante la fase di crociera, solo se la
modalita’ “In-volo” è stata precedentemente impostata a terra.
All electronic devices, including mobile phones, must be switched off whenever the “fasten seat sign” is on for taxi, take off and landing. During the cruise
phase the use of cd, dvd, mp3 player, videogames and portable computer is
permitted as long as the wireless connection is disabled. Mobile phones can be
used, when airborne, only if the “in-flight mode” has been selected on ground.
JET LAG
Il vostro “orologio biologico” può a volte non gradire i cambi di fuso legati al
viaggio aereo: senso di affaticamento, difficoltà a prendere sonno e riduzione
dell’appetito sono tra i sintomi più comuni. Per minimizzare l’impatto di tale
fenomeno, si consiglia di dormire bene la notte prima del volo e di mantenere
le proprie “lancette biologiche” sull’orario di casa se la permanenza nel luogo
di destinazione non dovesse superare i due giorni. In caso di una permanenza più prolungata, è opportuno adeguarsi il prima possibile all’orario locale e
attenersi a regole di vita salutari, tenendo presente che il recupero degli effetti
“jet lag” è generalmente più rapido se si viaggia con direzione ovest e più lento
con direzione est.
Sometimes you “biological clock” may not welcome the time changes involved
in air travel and it finds ways of letting you know about this. Some of the most
common symptoms are a sense of weariness, difficulty in falling asleep at night
and appetite loss. To minimize jet lag effects, make sure you get a good night
sleep before leaving and, if you plan to stay abroad less than two days, keep
you biological clock set on your home time (i.e. keep your regular eating and
sleeping habits). In the event of a longer trip, it is advisable to get used to local
time as soon as possible and to conduct a regular and healthy life. Remember
that getting over jet lag is generally quicker when travelling westwards than
eastwards.
ELENCO / LIST
SONO CONSIDERATI LIQUIDI / THE FOLLOWING ARE CONSIDERED LIQUIDS:
- Acqua e altre bevande, zuppe, sciroppi / water and other drinks, soups, syrups;
- Creme, lozioni ed olii / creams, lotions and oils;
- Profumi / perfumes;
- Spray / sprays;
- Gel, inclusi quelli per capelli e shampoo / gels, including hair and shower gels;
- Contenitori pressurizzati, inclusi schiuma da barba, altre schiume e deodoranti /
content of pressurized containers, including shaving foam, other foams and deodorants;
- Sostanze pastose, incluso il dentifricio / pastes, including toothpaste;
- Sostanze miste liquide-solide / liquid-solid misture;
- Rimmel / mascara;
- Ogni altro articolo con caratteristiche simili /any other item with similar characteristics
COSA NON CAMBIA?
WHAT IS REMAINING UNCHANGED?
È SEMPRE POSSIBLE / YOU STILL CAN:
- Porre le sostanze nel bagaglio da imbarcare in stiva: le nuove regole riguardano
solo il bagaglio a mano / put your liquids in checked luggage: new rules apply only
to carry–ons;
- Trasportare nel bagaglio a mano medicine e altri cibi per diete particolari, incluso il
cibo per bambini, da utilizzare durante il viaggio. Al passeggero può essere richiesta
prova della effettiva necessità di tale trasporto / Medicines, baby food and special
dietary food are allowed in carry-ons for use while on-board. You may be asked to
provide evidence of the effective need to carry such items on board;
- Acquistare liquidi come bevande e profumi sia in un esercizio commerciale dell’Unione Europea, qualora sito oltre il controllo del titolo di viaggio, o a bordo di una
compagnia appartenente all’Unione Europea /Purchase liquids, such as drinks and
perfumes, both in shops located beyond the checkpoints and on board of flights operated by EU carriers;
- Qualora venduti in una busta speciale sigillata, non aprirla sino a che non siano
stati effettuati i controlli di sicurezza, altrimenti il contenuto potrà essere sequestrato
presso il punto di controllo (qualora il passeggero sia in transito su uno scalo dell’Unione Europea, non aprire la busta prima che sia stato effettuato il controllo presso
l’aeroporto di transito o presso l’ultimo aeroporto in caso di più transiti successivi) / In
case of items sold in a sealed plastic bag, you are required not to open the bag until
you reach you final destination and only beyond the checkpoint. Passengers failing
to do so, will not be permitted to carry such items through the checkpoint (in case
of connecting flights in EU, sealed bags must not be opened before the security recheck process or until the last security check process at your final destination, in case
of more than one connection).
Le suddette quantità sono in più rispetto a quelle più sopra menzionate e poste nelle
buste di plastica richiudibili.
The above mentioned amounts are larger than quantities allowed in the re-sealable
bags.
Per qualsiasi dubbio rivolgersi alla compagnia aerea o agente di viaggio prima di
intraprendere il viaggio.
If you have any doubt, please ask your airline or travel agent.
I passeggeri sono pregati di essere pazienti e di collaborare con gli operatori sicurezza e delle compagnie aeree.
Passengers are kindly requested to be patient and collaborative with security officers
and airline staff.
Il presente documento è stato ideato congiuntamente alla Commissione Europea,
dall’Associazione delle compagnie aeree europee e dall’associazione dei gestori aeroportuali europei.
This document has been created in co-operation with the European Commission, the
Association of European Airlines and the Airport Council International Europe.
Il presente documento riassume per informazione al passeggero i punti salienti della
regolamentazione europea; non è il reale testo della norma.
This document is intended to provide passengers with a brief summary of EU regulations on airport security measures; this is not the extract form the relevant official
regulations.
IN AEROPORTO / AT THE AIRPORT
PER AGEVOLARE GLI OPERATORI DI SICUREZZA OCCORREWWW:
TO HELP OFFICERS DURING SCREENING OPERATIONS YOU MUST:
- Presentare tutti i liquidi trasportati agli operatori per il controllo / declare all carried
liquids for inspection at the checkpoint
- Togliere giacche e/o soprabiti. Devono essere controllati separatamente dal passeggero / Take off jackets and overcoats for separate inspection at checkpoint
- Rimuovere pc portatili ed altri oggetti elettrici e/o elettronici di grandi dimensioni dal
bagaglio a mano. Devono essere controllati separatamente dal bagaglio a mano /
Remove lap tops and other electrical devices from your hand luggage for separate
inspection at checkpoint.
55
SERVICES
INTRATTENIMENTO INDIVIDUALE
“ON DEMAND” BLUE CLASS
LA FLOTTA • THE FLEET
BLUE CLASS INDIVIDUAL AUDIO & VIDEO “ON DEMAND” SYSTEM
Solo Boeing 767 300er / Only Boeing B767 300er
IATA MEMBER
56
BOEING 737-300 (3 aerei)
Registrazione aeromobile: I-BPAI; I-BPAG;
I-BPAM
Peso massimo al decollo: 56.400 Kg
Costruttore: The Boeing Company
Commercial Airplane Seattle (Washington)
Autonomia: 2100 miglia nautiche
Velocità: 946 Km/h
Quota massima di crociera: 11.277 mt
Posti: Economy Class / 148 passeggeri
BOEING 737-300 (3 aircrafts)
Aircraft registration: I-BPAI; I-BPAG;
I-BPAM
Maximum take-off weight: 124,500 Lbs
Manifacturer: The Boeing Company
Commercial Airplane Seattle (Washington)
Range: 2,100 nm
Speed: 447 Knts (.8 mach)
Maximum operating altitude: 37,000 ft
Seats: Economy Class / 148 passengers
BOEING 737-400 (1 aereo)
Apertura alare: 29 mt
Lunghezza: 36,5 mt
Altezza: 11 mt
Motori: CFM International
Tipo di motori: CFM 56
Numero di motori: 2
Cabina di pilotaggio: di tipo avanzato e
avionica digitale
Massimo carico utile: 16.000 Kg
Capacità carburante: 18.300 Kg
Velocità di crociera: 780 km/ora
Quota di crociera: 10.060 mt
Autonomia: 5.370 km
Sistema di intrattenimento: monitor CRT
Posti: 168 passeggeri
BOEING 737-400 (1 aircraft)
Wingspan: 94ft. 10in.
Length: 119ft. 7in.
Height: 36ft. 6in.
Engine Manufacturer: CFM International
Engine type: CFM 56
Engine number: 2
Cockpit: advanced flightdeck and digital
avionics
Max payload: 35,274 Lbs
Fuel capacity: 40,345 Lbs
Typical cruising speed: 420 Knts
Typical cruising altitude: 33,000 ft
Range: 2.900 nm
Inflight entertainment system: CRT monitors
Seats: 168 passengers
BOEING 737-500
Posti: 128
Quota di crociera: 10.060 mt
Velocità di crociera: 780 km/ora
Numero di motori: 2
Tipo di motori: CFM 56
Registrazione : I-BPAL
BOEING 737-500
Seats: 128
Typical cruising altitude: 33,000 ft
Typical cruising speed: 420 Knts
Engine number: 2
Engine type: CFM 56
Registration : I-BPAL
BOEING 767-300 ER (3 aerei)
Apertura alare: 47,5 mt
Lunghezza: 55 mt
Altezza: 16 mt
Motori: General Electric
Tipo di Motori: CF 680C2-B7FS
Numero di Motori: 2
Spinta: 62.000 Lbs
Cabina di pilotaggio: di tipo avanzato e
avionica digitale
Massimo carico utile: 16.000 Kg
Capacità carburante: 73.000 Kg
Velocità di crociera: 852 Km/h
Quota di crociera: 10.668 mt
Autonomia: 11.100 Km
Sistema di intrattenimento: monitor CRT &
LCD, cuffie auricolari
Posti / Pitch Prima Classe:
12 passeggeri / 46”
Posti / Pitch Economy: 264 passeggeri / 30”
Totale posti a sedere: 276 passeggeri
BOEING 767-300 ER (3 aircrafts)
Wingspan: 156ft. 1in.
Length: 180 t. 3in.
Height: 52ft. 7in.
Engine Manufacturer: General Electric
Engine type: CF 680C2-B7Fs
Engine number: 2
Engine propulsion: 62,000 Lbs
Cockpit: advanced flightdeck
and digital avionics
Maximum payload: 35,274 Lbs
Fuel Capacity: 160,940 Lbs
Typical cruising speed: 460 Knts
Typical cruising altitude: 33,000 ft
Range: 6,600 nm
Inflight entertainment system: CRT & LCD
Monitors, headphones
Seats / First Class Pitch: 12 passengers / 46”
Seats / Economy Class Pitch:
264 passengers / 30”
Total seats: 276 passengers
Sui voli di lungo raggio, per i passeggeri Blue Class, è disponibile un
sistema d’intrattenimento individuale. Dispositivi con schermo LCD
da 7 pollici “touch screen” permettono di gestire in totale autonomia
una gamma di film in prima visione, selezioni musicali e videogiochi,
concedendo durante il volo piacevoli momenti di svago.
On long haul flights, Blue Class Passengers can enjoy an upgraded
entertainment experience thanks to our AVOD system (audio & video
on demand) provided by a 7 inches LCD “touch screen controlled”
individual players, integrating a selection of blockbuster movies,
audio programs and videogames.
ISTRUZIONI PER L’USO
1) Connettere l’auricolare all’apposito attacco posizionato sul lato del riproduttore
2) Accendere il riproduttore premendo il tasto ON/OFF contrassegnato dal simbolo
3) Attendere il caricamento del software per alcuni secondi
4) Selezionare la lingua desiderata toccando il monitor con il dito
5) Attendere il caricamento del menu principale
OPERATING INSTRUCTIONS
1) Plug the headset on the side of the players
2) Turn on the device by pressing the ON/OFF button
3) Wait for few seconds for software loading
4) Select desired language by tapping the display with the finger
5) Wait for the main menu to be uploaded
MENU PRINCIPALE
MOVIES
MUSIC
GAMES
1) Toccare con il dito una delle icone FILM – MUSICA – GIOCHI per
accedere ai menu contenuti
2) Fare scorrere la lista e toccare con il dito il programma scelto per
cominciare la riproduzione
3) Premere l’icona RIPRESA per continuare la visione del programma
dal punto d’interruzione
MAIN MENU
I dispositivi saranno disponibili esclusivamente durante la fase
di crociera. Per ricevere assistenza nell’utilizzo del riproduttore,
contattare un Assistente di Volo
Players will be available during cruise only. For any assistance in
managing the device, please, contact a member of your cabin crew
1) Tap one of the icons MOVIES – MUSIC – GAMES to access the
contents menu
2) Scroll the contents list and tap your favourite program to start
playing
3) Press RESUME icon to restart a program from where it stopped
57
SERVICES
PER INFORMAZIONI
E PRENOTAZIONI
Contact center
Dall'Italia 06.98956666
Dall'Albania 044.500130
www.blue-panorama.com
www.blu-express.com
Biglietteria al pubblico
MILANO; via P.da Cannobio, 2
lun-ven 9.00 - 18.00
ROMA; via Barberini, 111
lun-ven 9.00 - 18.00
TIRANA; Sheshi Skenderbe,
Pallati I Kultures, primo piano
lun-sab 8.30 - 20.30
dom 10.00 - 14.00
BLUE PANORAMA AIRLINES
LE DESTINAZIONI
DESTINATIONS
Varadero
Cayo Coco
Cayo Largo
Holguin
Santa Clara Santiago de Cuba
La Havana
Vola dai principali aeroporti italiani verso le più importanti
destinazioni turistiche del mondo.
DA ROMA A: Bergamo,
Reggio Calabria, Lampedusa, Pantelleria, Ibiza, Creta, Mykonos, Rodi,
Santorini, Skiathos, Zante, Lefkada,
Tirana
DA ANCONA A: Tirana
DA BERGAMO A: Roma, Tirana,
Creta, Mikonos, Rodi, Santorini,
Skiathos, Zante
DA BOLOGNA A: Tirana, Lamepdusa, Ios, Mikonos, Santorini, Skiathos,
Zante
DA FIRENZE A: Tirana
DA GENOA A: Tirana
DA LINATE A: Reggio Calabria
DA MALPENSA A: Tirana, Lampedusa, Pantelleria
DA PERUGIA A: Tirana
DA PISA A: Tirana
DA REGGIO CALABRIA A: Roma,
Linate
DA VENEZIA A: Tirana
DA VERONA A: Tirana
DA TIRANA A: Ancona, Bergamo,
Bologna, Firenze, Genoa, Malpensa,
Perugia, Pisa, Roma, Venezia,
Verona
DESTINAZIONI ESTIVE
GRECIA: Cefalonia, Corfù, Creta,
Kos, Lefkada, Mykonos, Rodi, Santorini, Skiathos, Zante
SPAGNA: Ibiza
ITALIA: Lampedusa, Pantelleria
TURCHIA: Bodrum
GRECIA
Fly from the main Italian airports towards the most
important tourist destinations of the world.
ALBANIA
TUNISIA
MESSICO
JAMAICA
DA MILANO PER:
CUBA - La Havana / Cayo Largo /
Cayo Coco / Holguìn / Santa Clara /
Varadero
REPUBBLICA DOMINICANA - La Romana
MESSICO - Cancún / Mérida
JAMAICA - Montego Bay
DA ROMA PER:
CUBA - La Havana / Santiago de Cuba
Cayo Largo
REPUBBLICA DOMINICANA - La Romana
MESSICO - Cancùn
• CUBA
• EGITTO
• GRECIA
• JAMAICA
• KENYA
• CUBA
• JAMAICA
• KENYA
Mèrida
CUBA
EGITTO
REP. DOMINICANA
Cancùn
KENYA
Marsa
Matrouh
TANZANIA
Sharm el Sheikh
Marsa Alam
• MESSICO
• REPUBBLICA DOMINICANA
• SPAGNA
• TANZANIA
• TUNISIA
• MESSICO
• REPUBBLICA DOMINICANA
• TANZANIA
Mosca
Bergamo
Verona
Milano
Venezia
Bologna
Pisa Ancona
Palma de
Mallorca
Ibiza
Roma
Menorca
Pantelleria
Lampedusa
Tirana
Corfù
Skiathos
Lefkada
Bodrum
Cefalonia
Mykonos
Kos
Zante
Santorini
Rodi
Heraklion
Contact center: tutti i giorni dalle 08.00 alle 20.00 - tel. 06.98956666 - www.blu-express.com
58
59
SERVICES
CINEMA A BORDO • CINEMA ON BOARD
SERVICES
INSIDE OUT
Cast: Amy Poehler, Bill
Hader, Lewis Black
Regista/Director: Pete
Docter, Ronnie Del Carmen
Durata/Runtime: 102’
Genere/Genre: Animazione,
Famiglia /Animation, Family
Quando la sua famiglia si trasferisce, la giovane Riley cerca di adattarsi alla nuova vita
a San Francisco, seminando
scompiglio nel Quartier Generale (il “centro di controllo” del
nostro cervello).
When her family moved, the young Riley, tries to adapt
to the new life in San Francisco, wreaking havoc in the
Headquarters (the “control center” of the brain).
MISSION IMPOSSIBLE:
ROGUE NATION
Cast: Tom Cruise, Rebecca
Ferguson, Jeremy Renner
Regista/Director: Christopher
McQuarrie
Durata/Runtime: 132’
Genere/Genre: Azione, Avventura/ Action, Adventure
Ethan e il suo team devono affrontare la missione più impossibile: eliminare il Sindacato,
un’organizzazione criminale
internazionale di agenti altamente qualificati incaricati di
distruggere la IMF.
Ethan and team take on their most impossible mission yet,
eradicating the Syndicate, an International rogue organization as highly skilled as they are, committed to destroying
the IMF.
PER L’ITALIA / TO ITALY
DALL’ITALIA / FROM ITALY
NOVEMBRE-DICEMBRE/NOVEMBER-DECEMBER
SPY
Cast: Melissa McCarthy,
Rose Byrne, Jude Law
Regista/Director: Paul Feig
Durata/Runtime: 118’
Genere/Genre: Azione,
Commedia/ Action, Comedy
Una sedentaria analista della
CIA si offre volontaria per
infiltrarsi sotto copertura nel
mondo di un commerciante di armi di contrabbando
per prevenire un disastro
globale.
A desk-bound CIA analyst
volunteers to go undercover to infiltrate the world of
a deadly arms dealer, and prevent diabolical global
disaster.
GRAND BUDAPEST HOTEL
Cast: Ralph Fiennes, F. Murray
Abraham, Mathieu Amalric
Regista/Director: Wes Anderson
Durata/Runtime: 100’
Genere/Genre: Commedia,
Drammatico/ Comedy, Drama
Il film narra le avventure di
Gustave H, leggendario concierge di un famoso albergo
europeo tra le due guerre
mondiali, e di Zero Moustafa,
il facchino che diventa il suo
amico più fidato.
The adventures of Gustave
H, a legendary concierge at
a famous hotel from the fictional Republic of Zubrowka
between the first and second World Wars, and Zero
Moustafa, the lobby boy who becomes his most trusted
friend.
PROGRAMMI TV / TV SHOWS
DALL’ITALIA / FROM ITALY
THE BIG BANG THEORY
L’osservazione del bosone di Higgs
(sesta stagione - terzo episodio)
Quando Sheldon assume una giovane dottoranda che lo aiuti nelle sue
ricerche, Amy, gelosa, chiede a Penny
di aiutarla a spiarli. Nella stazione spaziale, Howard assume comportamenti
stravaganti.
The observation of the Higgs boson
(sixth season - third episode)
When Sheldon takes a young graduate student to help him in his research,
Amy, jealous, asks Penny to help you
spy on them. In the space station, Howard takes on extravagant behavior.
60
PER L’ITALIA / TO ITALY
HAWAII FIVE-O
Steve McGarrett torna a Oahu, il
paese dove è nato, al fine di trovare
l'assassino di suo padre. Il governatore gli offre la possibilità di gestire la
sua task force (Five-0). La squadra
di Steve è composta da Chin Ho
Kelly, Danny “Danno” Williams e
Kono Kalakaua.
Steve McGarrett returns home to
Oahu, in order to find his father's
killer. The governor offers him the
chance to run his own task force
(Five-0). Steve's team is joined by
Chin Ho Kelly, Danny "Danno" Williams and Kono Kalakaua.
EVERGREEN
1. You Don't Know Me / Ray Charles
Genius Loves Company
2. We'll Meet Again / Frank Sinatra
Sinatra: London
3. I Feel Love / Donna Summer - I Feel
Love: The Collection
4. Faith / George Michael - Faith
5. Soldier of Love / Sade - Soldier of
Love
6. I Got a Name / Jim Croce - I Got a
Name
7. Waterloo / ABBA - Waterloo
8. Mr. Tambourine Man / Bob Dylan The Best of Bob Dylan
9. 2000 blues / ZZ Top - One Foot in
the Blues
10. Cryin' / Aerosmith - Tough Love:
Best of the Ballads
11. Standing Still / Jewel - Greatest Hits
12. I Don't Want to Wait / Paula Cole
-Single
13. Postcards / James Blunt - Moon
Landing
14. I'm a Believer / Neil Diamond - AllTine Greatest Hits
15. The Chain / Fleetwood Mac - The
Dance
16. Music of the Night / Katherine
Jenkins - Music from the Movies
17. Lovers On Tne Sun / David Guetta
- Listen
18. Let Me In / Grouplove – Single
ITALIAN POP
1. Prima di parlare / Nek - Prima di
parlare
2. Straordinario / Chiara - Single
3. C'e sempre una canzone / Ligabue
- Single
4. Senza scappare mai piu / Tiziano
Ferro - Single
5. Fino all'estasi / Eros Ramazzotti Single
6. Una finestra tra le stelle / Annalisa
Scarrone - Splende
7. L'amore Esiste / Francesca Michielin
- Single
8. Bene cosi / Alex Britti - Bene cosi
9. Il mondo esplode tranne noi / Dear
Jack - single
10. Il solo al mondo / Bianca Atzei Single
11. L'uomo col cappello / J-Ax - Il bello
d'esser brutti
12. Guerriero / Marco Mengoni - Parole
in circolo
13. E se poi / Malika Ayane - Single
14. Siamo Uguali / Lorenzo Fragola Single
15. Sabato / Jovanotti - Single
16. Magnifico / Fedez & Francesca
Michielin - Pop-hoolista
17. Siamo uguali / Lorenzo Fragola Single
18. Why Don't You Love Me? / The
Kolors - I Want [Explicit]
19. Buon Viaggio / Cesare Cremonini Buon Viaggio
20. L'Amore Eternit / Fedez - Pophoolista
21. Non mi ami / Giorgia - Senza paura
22. Grande amore / Il Volo - Sanremo
grande amore
23. Se tu fossi qui / Noemi - Noemi- Se
tu fossi qui
24. L'amore comporta / Biagio
Antonacci - L'amore comporta
25. Lontano da qui / Elisa - L'anima vola
INTERNATIONAL POP
1. Sugar / Maroon 5 - V
2. Love Me Like You Do / Ellie Goulding
- Fifty Shades of Gray Soundtrack
3. Heartbeat Song / Kelly Clarkson Piece By Piece
4. FourFiveSeconds / Rihanna & Kanye
West & Paul McCartney - Single
5. Earned It (Fifty Shades of Gray) /
The Weeknd - Fifty Shades of Gray
MUSICA • MUSIC
Soundtrack
6. Bright / Echosmith - Talking Dreams
7. I Want You To Know / Zedd ft. Selena
Gomez - Single
8. See You Again / Wiz Khalifa ft. Charlie
Puth - Furious 7
9. Worth It / Fifth Harmony - Reflection
10. Somebody / Natalie La Rose ft.
Jeremih - Single
11. One Last Time / Ariana Grande - My
Everything
12. Honey, I'm Good. / Andy Grammer Magazines or Novels
13. Chains / Nick Jonas - Nick Jonas
14. Want To Want Me / Jason Derulo
- Single
15. Lay Me Down / Sam Smith - In the
Lonely Hour
16. Style / Taylor Swift - 1989
17. Illuminati / Madonna - Rebel Heart
18. Title / Meghan Trainer - Title
19. Shut Up and Dance / Walk the Moon
- Talking Is Hard
20. Talking Body / Tove Lo - Queen of
the Cluds
21. I Bet / Ciara - Single
22. Cool / Alesso ft. Roy English - Cool
23. Right Here, Right Now / Giorgio
Moroder ft. Kylie Minogue - Right
Here, Right Now
24. Universe / Mohombi - Universe
25. Insomnia / Audien ft. Parson James
- Single
26. One Hot Mess / Malea – Single
JAZZ
1. Don't Know Why / Norah Jones Come Away With Me
2. Paper Moon / George Benson Guitar Man
3. Summetime / Charlie Parker - Charlie
Parker with Strings
4. Dream a Little Dream of Me / Ella
Fitzgerald - All That Jazz
5. Hello Dolly / Louis Armstrong
- Very Best of Louis Armstrong
6. Oblivion / Chris Botti - Impressions
7. I'm Old Fashion / Cassandra Wilson Sings Standards
8. Autumn In New York / Lena Horne Being Myself
9. Nowhere to Run / Gregory Porter Issues Of Life
10. WomanChild / Cecile McLorin
Salvant - WomanChild
11. Once Upon a Love / Fourplay - Yes,
Please!
12. Exactly Like You / Michael Feinstein The Sinatra Project
13. Fever / Herb Alpert & Lani Hall - I
Feel You
Intemperie
15. Cavern’colas / Ricardo Arjona - Viaje
16. Magalenha / Sergio Mendes –
Brasileiro
SOUL
1. Under the Boardwalk / The Drifters Under the Boardwalk
2. I Will Always Love You / Whitney
Houston - Whitney: The Greatest
Hits
3. Cruel to Be Kind / Nick Lowe - Basher
- The Best of Nick Lowe
4. It's Only Rock 'N' Roll (But I Like It) /
Rolling Stones - It's Only Rock 'N'
Roll (2009 Re-Mastered)
5. Running on Empty / Jackson Browne
- Running on Empty
6. Red Red Wine / UB40 - Labour of
Love
7. Somebody to Love / Jefferson
Airplane - Surrealistic Pillow
8. My Sharona / The Knack - Get the
Knack
9. Forever Young / Rod Stewart - The
Definitive Rod Stewart
10. Bennie and the Jets / Elton John Greatest Hits 1970-2002
11. Just the Way You Are / Billy Joel The Stranger
12. You've Lost that Lovin' Feelin / Hall
& Oates - The Very Best of Daryl Hall
& John Oates (Remastered)
13. Jessie's Girl / Rick Springfield - The
Best of Rick Springfield
14. Play that Funky Music / Wild Cherry
- Wild Cherry
15. God Only Knows / Beach Boys - Pet
Sounds
NEW AGE
1. Caribbean Blue / Enya - Shepherd
Moons
2. Seasons / Yanni - Truth of Touch
3. I Put a Spell on You / Jesse Cook Blue Guitar Sessions
4. The Pretty Maid / Clannad - Clannad
5. Sounds of the Village / Deep Forest
- Deep India
6. Dawn's Spirit / Marcomé - River of
Soul
7. La Luna / Ottmar Liebert - Up Close
8. Estrella / Kitaro - Thinking of You
9. Briel / Yo-Yo Ma - A Playlist Without
Borders
10. La Dispute / Yann Tiersen - Amelie
soundtrack
GREAT ORCHESTRAL
PERFORMANCES
1. Piano Concerto No.2 in G Minor,
Op16 Adantino / Kirill Gerstein/
Deutsches Symphonie-Orchestra
TROPICAL
Berlin (Gaffigan) - Tchaikovsky &
1. El Perd—n / Nicky Jam ft. Enrique
Prokofiev Piano Concertos
Iglesias - Single
2. Puccini_La Bohème, Act I: "Che
2. Mi Verdad / Mana ft. Shakira - Single
gelida manina" / Jonas Kaufmann,
3. Mi Nuevo Vicio / Paulina Rubio ft.
Prague Philharmonic Orchestra &
Morat - Single
Marco Armiliato - The Best of Jonas
4. Disparo Al Corazon / Ricky Martin - A
Kaufmann
Quien Quiera Escuchar
5. Hilito / Romeo Santos - Formula Vol. 2 3. Verdi: Don Carlo / Act 1 - "Io
l'ho perduta... Io la vidi, a suo
6. Nota de Amor / Wisin + Carlos Vives
sorriso" / Jonas Kaufmann, Prague
Featuring Daddy Yankee
Philharmonic Orchestra & Marco
- Nota de Amor
Armiliato - The Best of Jonas
7. Juntos (Together) / Juanes Kaufmann
McFarland, USA (Original Motion
4. Bizet: Carmen / Act 2 - ""La fleur que
Picture Soundtrack)
tu m'avais jetée" / Jonas Kaufmann,
8. Fan‡tica Sensual / Plan B - Love
Prague Philharmonic Orchestra &
and Sex
Marco Armiliato - The Best of Jonas
9. Lejos de Aqu’ / Farruko - Farruko
Kaufmann
Presents Los Menores
5. Brahms_Serenade No. 1 in D
10. Pierdo La Cabeza / Zion & Lennox Major, Op. 11: 6. Rondo (Allegro)
Pierdo la Cabeza
/ Gewandhausorchester Leipzig &
11. Quiereme / Johnny Sky - Quiereme
Riccardo Chailly - Brahms: Serenades
12. Como Tœ No Hay Dos / Thalia feat.
6. Strauss_Dorfschwalben aus
Becky G - Amore Mio
Österreich, Walzer, Op. 164 / Zubin
13. Mi Princesa / Remmy Valenzuela - Mi
Mehta & Wiener Philharmoniker
Princesa
7. Elgar_Concerto for Cello and
14. Un Zombie a La Intemperie Orchestra in E minor, Op. 85: III.
Alejandro Sanz - Un Zombie a la
Adagio / Jacqueline du Pré, Daniel
Barenboim & The Philadelphia
Orchestra
8. Concerto for Cello and Orchestra in E
Minor, Op. 85: I. Adagio – Moderato
/ Jacqueline du Pré, Daniel
Barenboim & The Philadelphia
Orchestra
9. Schumann_Overture, Scherzo &
Finale, Op. 52: Overture. Andante
con moto – Allegro / Paavo Järvi
& Deutsche Kammerphilharmonie
Bremen - Schumann: Symphony
No. 4, Overture, Scherzo & Finale &
Konzertstuck
10. Gounod__La reine de Saba:
"Faiblesse de la race humaine,
Inspirez-moi, race" (Adoniram) /
Bryan Hymel, Prague Symphony
Orchestra & Emmanuel Vuillaume
11. Bellini_La sonnambula: Ah! Non
credea mirarti (Amina) / Diana
Damrau, Orchestra Teatro Regio
Torino & Gianandrea Noseda
12. Lecocq_Les cent vierges, Act III:
No. 10, "Je soupire et maudis le
destin...O Paris, gai séjour de p /
Sonya Yoncheva, Orquestra de la
Comunitat Valenciana & Frédéric
Chaslin - Paris, mon amour
13. Chopin_Piano Concerto No. 2 in
F Minor, Op. 21: 3. Allegro vivace /
Nelson Freire, Gürzenich-Orchester
Köln & Lionel Bringuier - Chopin:
Piano Concerto No.2; Ballade No.4;
Berceuse; Polonaise HŽro•que
LIGHT CLASSICAL
1. Symphony No. 35 in D Major,
K.385: I. Allegro con spirito / Berlin
Philharmonic Orchestra & Karl Böhm
- Mozart: Symphonies Nos. 35-41
2. The Four Seasons: Summer - 3.
Presto / Avi Avital & Venice Baroque
Orchestra - Vivaldi
3. Reminiscence / Ólafur Arnalds & Alice
Sara Ott - The Chopin Project
4. Suite bergamasque, L. 75: III. Claire
de lune / Steve Anderson
- Classics for the Heart
5. Piano Trio: I. Marcato / Trio
Appassionata - Gone into Night Are
All the Eyes
6. Etude No. 17 / Maki Namekawa Philip Glass: The Complete Piano
Etudes
7. Time to Say Goodbye(Co Te Partiro) /
Il Divo - Wicked Game
8. Parla Piu Piano(Love Theme from
The Godfather) / Katherine Jenkins
- Believe
9. La donna e mobile / Andrea Bocelli Concerto One Night in Central Park
10. That's Amore / André Rieu & Johann
Strauss Orchestra - Love in Venice
SPOTLIGHT
1. Grazie Dei Fiori / Nilla Pizzi - Viva
Sanremo: 50th Festival
2. Nel Blu Dipinto Di Blu (volare)
Nr.1:1958 / Domenico Modugno Viva Sanremo: 50th Festival
3. 24.000 Baci / Adriano Celentano Viva Sanremo: 50th Festival
4. Manica / I Santo California - Viva
Sanremo: 50th Festival
5. Zingara / Bobby Solo - Viva Sanremo:
50th Festival
6. Ancora / Eduardo De Crescenzo Viva Sanremo: 50th Festival
7. Le Mille Bolle Blu / Mina - Viva
Sanremo: 50th Festival
8. Tu Mi Rubi L'anima / Collage - Viva
Sanremo: 50th Festival
9. Il Cuore E Uno Zingaro / Nicola Di
Bari - Viva Sanremo: 50th Festival
10. Romantica / Tony Dallara - Viva
Sanremo: 50th Festival
11. Se M'innamoro / Ricchi E Poveri Viva Sanremo: 50th Festival
61
menu
BLU-EXPRESS MENU COLAZIONE
BLU-EXPRESS BREAKFAST MENU
€5,00
1 bevanda calda
1 hot beverage +
1 bibita analcolica
1 soft drink +
1 dolce da forno
1 pastry
BLU-EXPRESS MENU ITALIANO
BLU-EXPRESS ITALIAN MENU
€7,00
1 panino o 1 pizza calda
1 sandwich or 1 hot pizza +
1 bibita analcolica
1 soft drink +
1 bevanda calda
1 hot beverage
SNACK SALATI E DOLCI
SALTY AND SWEET SNACKS
Panini / Sandwich farciti / Pizza calda*
Stuffed sandwiches / Hot pizza................€5,00
Snack salati / Patatine / Arachidi tostate
Salty snacks / Chips / Toasted peanuts.....€2,00
Biscotti / Snack dolci / Barrette ai cereali
Biscuits / Chocolate snacks / Cereal bars....€2,00
Croissant / Brioches /Dolci da forno
Croissants / Pastries.................................€2,00
Cioccolatini Chocolates........................€3,00
Caramelle / Gomme da masticare
Candies / Chewing Gum.....€2,50
Caramelle Tic Tac /
Tic Tac candies....... €1,50
BIRRA E VINI / BEER AND WINES
Birra / Beer................................................................€4,00
Vino bianco o rosso / White or red wine..................€4,00
VINI DOC / DOC WINES (37,5 cl)
Barbera d'Alba, Langhe Dolcetto (rosso/red).............€7,00
Roero Arneis (bianco/white).......................................€7,00
Nebbiolo d'Alba (rosso/red)......................................€10,00
Spumante / Sparkling wine........................................€5,00
Le immagini rappresentate sono puramente illustrative e possono non corrispondere esattamente alla realtà.
Product images are for illustrative purposes only, and may slightly differ from the actual product
Shopping a bordo
BEVANDE ANALCOLICHE
SOFT DRINKS
ASTUCCIO RELAX /
PILLOW € 8,00
BEVANDE CALDE /
HOT DRINKS
Caffè / Coffee....................€2,00
Caffè decaffeinato
Decaf Coffee.......................€2,00
The / Tea................................€2,00
Camomilla / Camomille.........€2,00
BEVANDE FREDDE / COLD DRINKS
Acqua naturale o gassata /
Still or sparkling water (50 cl)................€2,00
Acqua tonica / Tonic water..................€3,00
Aranciata / Fizzy Orange.....................€3,00
Coca Cola, Coca Cola Zero,
7UP, Chinotto...........................€3,00
Tè freddo / Ice Tea...................€3,00
Succhi di frutta
Fruit juices (33cl).............€3,00
Red Bull......................... €4,00
*nei voli serali chiedete agli assistenti di volo se sono previste
offerte speciali sui panini - on evening flights, ask your cabin
crew for sandwich deals availability
**disponibilità soggetta alla presenza a bordo della macchina
per espresso - subjected to coffee machine availability on board
62
BEVANDE ALCOLICHE
ALCOHOLIC DRINKS
CARTE DA GIOCO /
PLAYING CARDS €11,00
PRESA UNIVERSALE /
UNIVERSAL ADP €11,00
CAPPELLINO /
HAT € 8,00
AEREO
GONFIABILE /
INFLATABLE
AIRPLANE € 3,00
AEREO ANTISTRESS /
ANTISTRESS
AIRPLANE € 6,00
IL NOSTRO B757 /
OUR B757 € 12,00
CINGHIA VALIGIA /
BELT € 8,00
SIGARETTA ELETTRONICA
ELECTRONIC CIGARETTE € 10,00
IL NOSTRO B737 /
OUR B737 € 11,00
IL NOSTRO B767 /
OUR B767 € 13,00
63
SERWWES
BENESSERE A BORDO
WELL BEING IN THE AIR
Questa sezione fornisce suggerimenti e consigli per
migliorare il vostro benessere durante la permanenza a
bordo dei nostri aerei To help you feel better when you fly
with us, just follow these tips and suggestions designed to
enhance your well being on board
Stare a lungo seduti in una stessa posizione può farvi sentire a
disagio sull’aereo. Sgranchitevi gambe e braccia ogni due ore
circa. Alzatevi di tanto in tanto e camminate su e giù per il corridoio oppure fate i semplici esercizi* di stretching illustrati per
prevenire problemi circolatori.
Prolonged sitting in a fixed position can make you feel uncomfortable in the plane. Every few hours, stretch your arms and legs
or carry out some easy exercises* suggested below.
Consumate pasti leggeri, mangiate con moderazione e limitare
bevande gassate, tè e caffè.
Eat a light meal and moderate you intake of fizzy drinks, tea and
coffee.
Bevete molta acqua naturale, meglio se in piccole quantità e
spesso.
Drink plenty of water to keep you hydrated.
Moderate il consumo di bevande alcoliche, poiché queste sono
assorbite più facilmente dal corpo ad alta quota a causa della
bassa pressione dell’aria all’interno della cabina.
Moderate your intake of alcohol.
In caso di permanenza prolungata a bordo è consigliato sostituire le lenti a contatto con degli occhiali per evitare irritazioni
oculari. Togliete sempre le lenti a contatto prima di dormire.
In case of a long flight it is recommended to wear eyeglasses
rather than contact lenses. Remove contact lenses before sleeping.
*Vi suggeriamo di sospendere immediatamente questi esercizi
se causano dolore o disagio.
*We suggest you stop doing these exercise immediately should
you feel pain or discomfort.
1.
Iniziate gli esercizi stando seduti in modo comodo ed eretto.
Start the exercise by sitting in comfortably in your seat in an upright position.
64
2.
Poggiate entrambi i piedi sul pavimento. Flettete i piedi puntando i talloni in su e poi in giù. Ripetete per cinque volte.
Rest both feet on the floor. Flex both feet with toes pointing
upward, then point your toes downward Perform this exercise
five times.
3.
Sollevate dolcemente il ginocchio verso il busto per alcuni secondi, poi lasciatelo andare, poggiando nuovamente il piede
sul pavimento. Fate lo stesso con l’altra gamba. Ripetete cinque
volte per gamba.
Raise you knee gently towards the chest for a few seconds and
then release, placing your feet back on the floor. Continue with
the other leg. Repeat five times for each leg.
4.
Mettete le mani sotto una coscia e sollevatele dolcemente verso il busto. Ruotate la caviglia in modo circolare per 5 secondi.
Ripetete con l’altra gamba. Ripetete questo esercizio cinque
volte per gamba.
Place your hands under one thigh, and gently lift toward your
chest. Rotate your ankle in a circular motion for 5 seconds. Repeat with the other leg. Perform this exercise five times with
both legs.
Luxury in the
mayan world
MÉRIDA – YUCATÁN
rosasandxocolate.com
See our
video

Documenti analoghi

yucatán - Blu Express

yucatán - Blu Express DI / BY FRANCESCO RICCI

Dettagli