“Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?”

Commenti

Transcript

“Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?”
SEGRETERIA PROVINCIALE VARESE
VIA F. MORANDI N. 5, 21100 VARESE
C/O CASA CIRCONDARIALE VARESE
DI PAVIA (PV).
_________________________________
E-MAIL: [email protected] – SITO INTERNET: WWW.SAPPELOMBARDIA.IT
Prot. 2501/TT/2009
Varese, 25.01.2009
Alla Direzione Casa Circondariale
VARESE
Alla Segreteria Generale SAPPE
ROMA
Alla Segreteria Regionale SAPPE
MILANO
A tutto il Personale di Polizia Penitenziaria
SEDE
Oggetto: Pagamento indennità di missione anno 2008. Nuovo sollecito.
Nonostante le innumerevoli sollecitazioni per le vie brevi, da parte dei Dirigenti Sindacali SAPPE, e
le missive scritte inoltrate, nessun segno tangibile sembra essere pervenuto in merito alla retribuzione
delle indennità di missione, a saldo delle spettanze dell’anno 2008.
La scrivente O.S. è stanca dei “passa carte” e di chi, godendo di “ricco” stipendio, si limita alle
chiacchiere e alle sterili letterine…
“Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?”
Con queste parole, pronunciate dal grande Cicerone, che si addicono perfettamente alla circostanza, il
SAPPE chiede a codesta Direzione una immediata soluzione della problematica evidenziata.
Si annuncia sin d’ora che, in assenza di urgente concreta soluzione, il SAPPE, attraverso i propri
legali, predisporrà per il Personale interessato, un’azione legale nei confronti dell’Amministrazione tesa
al recupero di quanto dovuto, maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data in cui essi dovevano
essere corrisposti.
“Si vis pacem para bellum”… ossia “Se vuoi la pace, prepara la guerra”!
Alla Segreteria Generale SAPPE, si chiede di interessare il competente ufficio legale, informando
questa segreteria provinciale sulle concrete modalità esecutive dell’eventuale azione legale.
Distinti Saluti.
I Delegati Provinciali
Rosario ARCIDIACONO
Bruno LANNI
Francesco TROVATO

Documenti analoghi

La truffa dei fondi comunitari

La truffa dei fondi comunitari tre cose, il precario stato di conser­ giorno.Eallora,seèvero­comeève­ vazione di parte del nostro patrimo­ ro ­ che il lavoro è potenzialmente nio ambientale. determinanteperiltrattamentorie­ Vorr...

Dettagli