comunicato stampa

Commenti

Transcript

comunicato stampa
COMUNICATO STAMPA
La Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. ospita presso le proprie vetrine del “Private Banking” (ex
Negozio Bubani) di Piazza del Popolo n.30, fino al 15 marzo prossimo, una originale mostra,
realizzata grazie alla collaborazione del collezionista faentino Giordano Dal Prato, su “La donna nella
rèclame”, esposizione di manifesti e scatole che riproducono immagini pubblicitarie dove è sempre
presente la figura femminile.
La donna, simbolo della continua evoluzione dell’umanità e per questo motivo già protagonista nelle
pitture rupestri accanto ad un uomo ed un toro, è dipinta come Danzatrice nelle pareti della reggia di
Cnosso e così via fino al primo archetipo del manifesto, nell’antica Pompei, dove, ritratta insieme ad
un uomo (forse il marito), pubblicizza una panetteria.
“La moda veste la storia” disse il Re Sole. Le donne, come ricorda nella presentazione della mostra
Pino Romagnoli, che più o meno consapevolmente seguono la moda, sono le croniste più meticolose
e più informate del loro tempo.
Con l’invenzione della cromolitografia, a metà dell’Ottocento, incomincia l’era del manifesto moderno
e in questi affiches murali, la donna, classica o moderna Cleopatra, la fa da padrona. Verso la fine del
1800 Jules Chéret, chiamato anche “giornalista della strada”, inventò “cherette”, un tipo di donna
sempre allegra, disponibile e sprizzante salute e gioia di vivere. Un tipo suggeritogli da una cantanteballerina danese che aveva grande successo a Parigi, sempre vestita di rosso papavero e giallo
mimosa. L’epoca d’oro del manifesto francese durò una quindicina d’anni ed eccoci all’incontro con il
grande Toulouse-Lautrec, che attraverso i suoi manifesti fa un diario impareggiabile delle donne della
“Ville Lumière” e del “Moulin Rouge”, indolenti su morbide poltrone o alle prese con sfrenati can can.
In Italia si impongono più avanti i cartellonisti di Casa Ricordi e fra questi emergono Leopoldo
Metlicoviz e Marcello Dudovich.
Nel primo dopoguerra la donna si libera di busti, pizzi e merletti, indossa sottovesti trasparenti,
costumi da bagno, ma anche basco o berretto e sciarpa da chaffeur, moda lanciata da Greta Garbo
(Dudovich per la Rinascente, Mario Gros per FIAT).
Infine Gino Boccasile, creatore della signorina “grandi firme” lancia un nuovo tipo femminile, procace,
allettante, una donna dinamica e indipendente, che dopo la seconda guerra mondiale continuerà la
sua corsa sui campi da sci, in motocicletta o in automobile, una donna sempre più chiamata a
trasformarsi in vero e proprio persuasore occulto su ogni supporto mediatico.
Ravenna, 3 marzo 2016
Seguono FotoCorelli
Sede Sociale e Direzione Generale: Piazza G. Garibaldi, 6 - 48121 Ravenna ( ITALIA ) - Tel +39/0544/480111- Fax +39/0544/480535 - www.lacassa.com - E-mail: [email protected] Cap. Soc. 174.660.000,00 int.vers. - Cod. Fisc. / P. IVA / numero di iscrizione al Registro Imprese di Ravenna 01188860397 - Codice ABI 6270.3 - Codice SWIFT: CRRA IT 2R Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia
Pag. 1 di
1

Documenti analoghi