Diane Arbus - officinaMentis

Commenti

Transcript

Diane Arbus - officinaMentis
Daniele Barbieri
Diane Arbus: i volti mostruosi della normalità
Diane Arbus è stata una fotografa americana, nata nel 1923 e scomparsa (di morte volontaria)
nel 1971.
Ha fotografato sempre persone, soprattutto freak (nel senso originale inglese di anormali,
mostri).
Le sue fotografie mi hanno sempre colpito, probabilmente proprio per la loro apparente
banalità: figure centrate, sguardo in macchina, pose da foto di famiglia. Quello che lascia il segno in
chi guarda, in questa apparenza di banalità, è il fatto che tutti i soggetti immortalati dalla Arbus
appaiono in qualche modo freak, e la sensazione è tanto più forte quanto più “normali” invece ci
sembra di vederli.
Le foto della Arbus sono disturbanti, inquietanti, mostruose. Ci trasmettono la sensazione che
la mostruosità si trovi soprattutto in quella che ci appare come normalità. Paradossalmente,
proprio le foto che ritraggono dei veri freak sono le meno angosciose: perlomeno la deviazione è
evidente, perlomeno la mostruosità che esibiscono è tale da permetterci di pensare che quelli sono
diversi da noi. Ma quando non lo possiamo pensare, perché il soggetto è sufficientemente
“normale”, allora quella normalità mostruosa si erge davanti a noi come se potesse essere,
corrispondentemente, la nostra; quasi come se la foto fosse uno specchio. E forse, per la sua
autrice, la foto era davvero uno specchio, un modo per vedere e mostrare la mostruosità del proprio
essere normale; o la corrispondente “normalità” dell’essere un freak, un mostro.
Questa dialettica tra normale e mostruoso mi ricorda certe poesie di un’altra grande americana
di quegli stessi anni, la poetessa Sylvia Plath, ugualmente angosciosa, e ugualmente suicida.
Vorrei mostrare le foto della Arbus e parlare del suo lavoro anche per cercare di capire come
ella riesca a costruire attraverso le sue foto questo senso di generale insanità, questa generalizzata
“banalità del male”. Mi piacerebbe trasmettere a chi mi ascolta l’insana passione che provo per il
lavoro di questa donna, che certamente non ha vissuto in pace con il mondo.

Documenti analoghi

Diane Arbus - Circolo Fotografico Vicenza

Diane Arbus - Circolo Fotografico Vicenza un'influenza determinante, non facendone una propria emula, ma incoraggiandola a cercare i propri soggetti ed il proprio stile. Diane Arbus si dedica allora instancabile ad una sua ricerca, muovend...

Dettagli

Diane Arbus, l`angelo nero della fotografia randagia?

Diane Arbus, l`angelo nero della fotografia randagia? sorta di guida a capire e comprendere meglio le foto esposte e in generale tutto il lavoro artistico della fotografa.

Dettagli

Diane Arbus: diversità

Diane Arbus: diversità spicciola, ma probabilmente se si esamina a fondo il suo modo di sentirsi paragonato alla sua opera, forse si intuisce che essa cerchi nel mondo esterno una diversità più evidente di quella che ell...

Dettagli

Psicologia e cinema: FUR. Un ritratto immaginario di Diane Arbus

Psicologia e cinema: FUR. Un ritratto immaginario di Diane Arbus lezioni di Lisette Model, verso le cui immagini notturne e realistici ritratti si sente convivenza della psiche fortemente attratta. Costei eserciterà sulla Arbus un'influenza determinante, non uma...

Dettagli