Tra grana e rumore - intro - Comune di Rosignano Marittimo

Commenti

Transcript

Tra grana e rumore - intro - Comune di Rosignano Marittimo
Tra grana e rumore
Roberto Nencini
Il racconto, la memoria e il desiderio di documentare fedelmente la
vita dell'uomo fanno da sempre parte del mio modo di sentire e di fare
fotografia.
Storie e ambienti diversi che si intrecciano in un cammino che ho
intrapreso lungo tutta una vita..
Un viaggio che si snoda tra fotografia analogica e digitale, in
un'unione tra epoche così diverse ma per me così vicine.
Fotograficamente sono nato nel 1975 con la mia prima macchina fotografica,
una Kodak Retinette regalatami da mio padre. Un giorno mi capitò tra le mani un libro
che parlava della camera oscura, la cosa mi affascinò e così ebbe iniziò il mio viaggio.
Nel 1980 mia madre mi dette i soldi per comprare la mia prima Canon AE1, che dopo
pochi giorni mi fu rubata. Caddi nella disperazione più assoluta, era la mia passione e
non potevo più fare foto. Cominciai a risparmiare su tutto quello che potevo e dopo
qualche tempo riuscii a comprarmi un'altra Canon. Da quel momento non ho mai
smesso di rivolgere il mio sguardo al mondo. La mia innata curiosità mi spingeva
sempre a provare il nuovo, a cercare di fermare il tempo fissandolo in immagini. Mi
rinchiusi per mesi in camera oscura tra acidi e sviluppi, sino ad ottenere quello che
cercavo. Fu però l’incontro del 1982 con il Fotoclub 3C di Cascina che mi dette una
forte spinta. Là incontrai gente preparata e quello che potrei definire il mio "padre
fotografico", Silvio Barsotti. Quelli che seguirono furono anni straordinari e di grandi
soddisfazioni. Poi i casi della vita cambiano il corso delle cose, iniziai a fotografare
quello che volevano gli altri, smorzando in parte la mia libertà espressiva. Oggi ho
ritrovato quella passione e quel fuoco che ardeva nascosto e ho ricominciato a
guardare all’anima delle cose e delle persone, si sono accesi nuovi colori, luci e voglia
di raccontare. Cerco di guardare oltre l’obiettivo e di entrare dentro la scena, senza
mai stravolgere la realtà, ma provo solo a raccontare le mie emozioni e ad
accompagnarvi con i miei occhi nel mondo.
Buon viaggio! Roberto