I BORORO : I NOMADI CHE INSEGUONO LE NUVOLE (Africa)

Commenti

Transcript

I BORORO : I NOMADI CHE INSEGUONO LE NUVOLE (Africa)
I BORORO : I NOMADI CHE INSEGUONO LE NUVOLE (Africa)
I Bororo, nomadi dell’Africa subsahariana: 6
milioni di persone dal Senegal al Cameroun che
vivono rincorrendo le piogge, per sfuggire siccità
e carestie.
Le aspettano a lungo, ma la loro stagione sarà
breve, sempre troppo breve. Nubi pesanti,
tempeste violente ridurranno il deserto in un
acquitrino che germoglierà e permetterà il taglio
dell’erba per le loro mandrie.
La ricerca dell’acqua guida ogni spostamento dei
Borro. Un tempo marciavano seguendo i segnali
delle stagioni. Oggi si sono modernizzati: con i
walkie-talkie, tra marzo e aprile, si segnalano a
vicenda su quali piste meno asciutte orientare il
bestiame. Appaiono in corteo con le loro donne, i
corpi lunghi e sottili, le facce dipinte, i cappelli
ornati di piume di struzzo e gli animali, docili, al
seguito.
Il bestiame è tutto per loro. Vivono in simbiosi
con le vacche dalle lunghe corna, ma anche con
gli zebù e i cammelli, fino a dare ai propri figli lo
stesso nome degli animali.
NOMADI NELL’ANIMA
Amano la loro libertà, ma da nomadi sanno che il deserto crea nemici e impone alleanze stagionali.
Così vivono in un perenne sentimento di minaccia e si trovano spesso in discordia con gli altri
grandi signori della regione, i Tuareg: fanno razzie di vacche gli uni nei campi degli altri, le
prendono in ostaggio e chiedono riscatti sempre più onerosi.
GEREWOL, LA PIU’ GRANDE FESTA ANNUALE
Subito dopo la stagione delle piogge, tutte le famiglie, regolate da ferree leggi sociali, si riuniscono
per un solo giorno, ma intenso di eventi, di musiche, di danze.
I Bororo coltivano in modo particolare la bellezza: c’è uno sfoggio speciale di acconciature, abiti,
gioielli. E’ tutta una passerella di vanità per i corteggiamenti d’amore: gli uomini, imbellettati nel
viso con polvere, ocra e grasso, aprono le danze roteando le spade, ammiccano, strabuzzano gli
occhi attendendo dalle donne un gesto furtivo della mano, come segno per essere stati prescelti.
Il matrimonio sarà celebrato al chiarore della luna e, subito dopo, il ballo riprenderà incessante,
fino all’alba, per dimenticare che la stagione secca tornerà presto a trasformare il deserto in un
mare di brace.