tecniche costruttive del romanico e paleocristiano

Commenti

Transcript

tecniche costruttive del romanico e paleocristiano
IL ROMANICO
Dopo l’anno Mille tutta l’Europa occidentale conosce un periodo di straordinario fermento
innovativo. Ciò è dovuto al definitivo esaurirsi della pressione esercitata dalle popolazioni barbariche di
provenienza nord-orientale e al conseguente, relativo stabilizzarsi della situazione politica generale.
In breve si giunge a una ripresa consistente e duratura delle attività economiche, religiose e
culturali. Questo rinnovato clima di ricerca, laboriosità e concretezza sarà la premessa, nell’Italia
centro-settentrionale, per la nascita e lo sviluppo dei liberi Comuni e, in quella meridionale e in Sicilia,
per l’affermazione della nascente potenza normanna.
Le numerosissime e variegate esperienze artistiche europee manifestatesi tra il Mille e la
fine del XII secolo sono convenzionalmente definiteRomaniche. Quest’aggettivo, utilizzato per la prima
volta dagli storici dell’arte dell’Ottocento, allude all’origine romana ancora individuabile in molti aspetti
della nuova arte di quel periodo. Ma se l’arte romana, in quanto espressione d’un potere centrale, era
sostanzialmente unitaria in ogni parte dell’impero, quella romanica presenta caratteri assai regionalistici
e differenziati.
L’architettura è senza dubbio la manifestazione più imponente del romanico, ed è anche la
più complessa per la molteplicità delle soluzioni adottate nelle diverse aree dell’Occidente cristiano, per
gli innesti di diverso tipo con le culture precedenti, per la non sempre uguale disponibilità di mezzi e di
maestranze. Il monumento principe di questo periodo è la chiesa. Le chiese romaniche furono un
elemento di primaria importanza nel paesaggio medievale.
Pianta del Duomo di Spira, Germania
Le tipologie adottate sono quelle basilicali consuete, a croce latina con tre o
eccezionalmente cinque navate, transetto e cripta seminterrata. Ad esse si aggiunge anche
il presbiterio rialzato, dovuto al fatto che le volte della cripta superano spesso il livello del pavimento
della navata.
Sezione di una chiesa romanica con i quattro livelli dell'alzato
Nelle costruzioni romaniche il matroneo, che abbiamo visto essere stato già ampiamente
impiegato anche in alcune architetture paleocristiane, bizantine e alto medioevali, diventa un elemento
distintivo e quasi sempre presente. Esso consiste, in genere, in una galleria collocata sopra le volte
delle navate laterali, che affaccia sulla navata centrale mediante arconi a tutto sesto o altri tipi di
aperture a bifora, a trìfora o a quadrìfora. Riservato inizialmente alle sole donne, come il nome stesso
suggerisce, diventò in seguito un elemento architettonico autonomo, la cui funzione era anche quella di
innalzare la navata centrale e di contribuire a irrigidire l’intero edificio.
Principali elementi architettonici di una chiesa romanica
•
•
•
•
Fra le innovazioni tecniche e le caratteristiche architettoniche più significative del Romanico
ricordiamo comunque:
La volta a crociera, che sostituisce vantaggiosamente le più deperibili strutture a capriate in legno e le
troppo pesanti volte a botte in muratura.
Il pilastro, che sostituisce o si affianca alla colonna.
Il contrafforte esterno, che contrasta le spinte generate dalle volte a crociera.
Il forte spessore delle murature perimetrali, che conferisce alla costruzioni la necessaria solidità.
La volta a crociera La volta a crociera è un sistema di copertura in muratura che, anche se noto fin
dall’epoca romana, trova solo adesso la sua piena e sistematica applicazione costruttiva.
Dal punto di vista geometrico, una volta a crociera è generata da due volte a botte uguali che
si intersecano, una perpendicolarmente all’altra. Lo spazio quadrato coperto da ciascuna crociera
prende il nome di campata ed è delimitato, ai quattro vertici, da altrettanti massicci pilastre in muratura.
Le quattro porzioni di volte a botte risultanti dalla loro avvenuta intersezione prendono il nome di vele,in
quanto la loro forma richiama proprio quella di una vela triangolare gonfiata dal vento.
Schema geometrico della costruzione di una volta a crociera
1. Prima volta a botte.
2. Seconda volta a botte perpendicolare
3. Campata
4. Vela
La stabilità di una volta a crociera impone di adottare particolari accorgimenti costruttivi.
Infatti, mentre la volta a botte scarica il proprio peso uniformemente lungo le due pareti continue che la
sorreggono, la volta a crociera lo ripartisce, tramite i quattro archi a tutto sesto che la delimitano e i due
archi diagonali che l’attraversano, sui quattro pilastri della campata i quali, di conseguenza, ne
ricevono la spinta. Questi devono quindi assumere proporzioni e forme adeguate a sopportare il carico
degli archi e a contrastare efficacemente tali maggiori spinte. E’ per questo motivo che essi sono
spesso compòsiti, in quanto presentano sezioni mistilìnee, date dalla varia combinazione di forme
quadrate e tondeggianti. Pilastri cosiffatti, dunque, conseguono il doppio effetto di essere più robusti
senza però darne l’impressione, poiché il profilo spezzato ne ingentilisce l’aspetto.
Nel caso di costruzioni a navata unica il problema statico di una volta a crociera è
generalmente risolvibile adottando murature esterne di grande spessore e riducendo al minimo
l’apertura di porte e finestre che, altrimenti, ne indebolirebbero la struttura. Le aperture oltre a costituire
una privazione di materia, quindi una discontinuità nella struttura, sono sempre i luoghi più critici di un
edificio.
Nelle chiese a tre o più navate sono le volte a crociera delle navate minori a compensare la
spinta esercitata sui pilastri della navata centrale dalle crociere principali. Le spinte diagonali che
anche le volte delle navate minori esercitano verso l’esterno, infine, vengono contrastate, oltre che
dalla spessa muratura perimetrale, anche dai contrafforti. Questi elementi architettonici sono un
ulteriore ringrossamento della sezione muraria, in pratica, degli ulteriori pilastri di rinforzo addossati alla
parete esterna in corrispondenza dei pilastri interni, cioè nei punti dove le spinte generate dalle volte a
crociera sono maggiori e più concentrate.
Cattedrale di San Geminiano, Modena
Ecco allora che i grandi spessori delle murature, la gran mole dei pilastri, il ritmico succedersi
dei contrafforti, la piccola luce delle finestre rappresentano le conseguenze dell’impiego generalizzato
delle volte a crociera, diventando al medesimo tempo il simbolo stesso dell’architettura romanica.
Duomo di Modena, navata centrale
ARTE PALEOCRISTIANA
ARTE PALEOCRISTIANA
Contrariamente ai riti pagani che venivano celebrati all’esterno dei templi, quelli cristiani si svolgevano
al chiuso e alla presenza di tutta la comunità dei fedeli. I primi edifici adibiti al culto cristiano vennero
costruiti avendo quale esempio le basiliche romane, le uniche costruzioni espressamente realizzate
per contenere grandi moltitudini di persone.
La basilica cristiana
La basilica cristiana ha un andamento longitudinale e l’ingresso, a differenza di quanto avveniva nelle
basiliche romane, è sempre in uno dei lati minori.
Essa è preceduta da un quadriportico, cioè da uno spazio di forma pressoché rettangolare, con un
porticato posto su tutti e quattro i lati. La porzione di porticato che corrisponde alla facciata della
basilica è detta nartèce.
Schema assonometrico dall'alto di una basilica a cinque navate (San Pietro a Roma)
L’interno della basilica è diviso in navate da due o più serie di colonne. La navata centrale è
solitamente più ampia e più alta delle laterali, per permettere l’inserimento delle finestre, e termina con
un abside. Questa si compone di un semi cilindro, innestato sulla parete di fondo, sormontato da un
quarto di sfera che prende il nome di catino absidale. Talvolta il corpo longitudinale è tagliato
trasversalmente da una navata che prende il nome di transetto.
Schema prospettico dell'interno di una basilica a cinque navate
Se i due bracci del transetto sono più corti delle navate, la basilica si dice a croce latina, tipologia
diffusa soprattutto in Occidente; se sono uguali e si innestano al centro delle navate, invece, si parla di
edificio a croce greca, secondo una consuetudine diffusa soprattutto nell'Oriente cristiano. Se, infine,
nella croce latina, il transetto è posto a circa 2/3 del corpo longitudinale, si parla di croce immissa (dal
latino immittere, mettere dentro, cioè inserita all'interno); se è in fondo, di croce commissa (dal
latino committere, mettere insieme) o di pianta a “T” (tau).
Forme basilicali
Chiamiamo presbiterio il luogo riservato al clero, posto in fondo alla navata principale di fronte al
abside. Il presbiterio è solitamente separato dalla navata da un recinto in marmo, intagliato o traforato,
che viene più propriamente dettotransènna.
Arco trionfale è detto quello che congiunge la navata centrale al transetto, ovvero, in mancanza di
quest’ultimo, per arco trionfale si intende la porzione di parete che rimane attorno all’innesto
dell’abside.
La basilica ha copertura composta da capriate lignee che, talvolta, sorreggono un soffitto piano
composto da cassettoni in legno.
Alla varietà tipologica delle basiliche si affiancava una varietà anche delle funzioni:
le basiliche cattedrali erano quelle in cui celebrava il vescovo, le basiliche cimiteriali o
martyria erano quelle destinate al culto dei martiri, meta di pellegrinaggi. Spesso queste ultime
avevano un deambulatorio, a continuazione delle navate laterali dietro il presbiterio: ciò consentiva
l'accesso dei fedeli alle reliquie, di solito conservate sotto l'altare.
Tipico edificio cristiano è il battistero, che ospitava la vasca con l'acqua per il rito del battesimo per
immersione: per analogia con gli ambienti termali, la pianta assunse una forma circolare o poligonale.
Pianta del Battistero Lateranense
ARTE PALEOCRISTIANA
L’arte che si è sviluppata nei primi secoli del cristianesimo sul territorio dell’Impero Romano viene
denominata arte paleocristiana. L’arte romana era fortemente orientata alla propaganda di ideologie
politiche e civili e influenzò con ogni probabilità le espressioni artistiche paleocristiane proprio in
relazione alle comuni esigenze del cristianesimo di trovare un modo di propagandare le proprie
ideologie religiose ed etiche.
L’arte cristiana nasce con la consapevolezza del potere evocativo delle immagini, che erano considerate
come portatrici di significati simbolici. L’utilizzo dell’immagine per diffondere i contenuti della
nascente religione, è azione consapevole, sin dall’inizio della sua diffusione. La prima arte
paleocristiana non differisce stilisticamente dall’arte romana, ma anzi ne imita gli schemi compositivi,
oltre che le tecniche esecutive. I cristiani, lo si è già visto, saranno gli unici eredi della vera mentalità
romana.
D’altra parte, gli artisti e gli artigiani che lavoravano per i cristiani e per i pagani erano gli stessi.
Non c'è, quindi, discontinuità fra arte romana e arte cristiana.
Gesù Buon Pastore, seconda metà del III sec. Affresco. Roma, Catacombe di Priscilla.
Durante i primi due secoli dalla nascita di Cristo l’unica differenza fra arte pagana e cristiana va
colta nel diverso valore simbolico che i cristiani attribuivano a certe raffigurazioni.
Infatti, se una qualunque scena di vendemmia, con la rappresentazione di viti e grappoli d’uva, per una
pagano non era altro da quello che mostrava di essere, per un cristiano, invece, si caricava di valori
simbolici. In essa egli vedeva l’allusione alla parabola evangelica in cui Gesù paragonava se stesso alla
vite e i cristiani ai tralci. Un pastore con le pecore è, per un pagano, parte di una scena agreste, per un
cristiano raffigura Gesù Buon Pastore.
Allo stesso modo la raffigurazione di un pesce per un pagano altro non era che quella di un animale
acquatico (fig. a), mentre per il cristiano costituiva il simbolo stesso del Cristo (fig.b). In greco pesce si
dice ichthýs, ma questa parola è anche l'acròstico formato dalle lettere greche iniziali della frase Iesùs
Christòs Theoù Yiòs Sotèr, cioè: Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore.
Decorazione pagana. (fig.a)
Simboli cristiani (Fig. b)
Con le precisazioni che finora abbiamo tratteggiato, pertanto, per “arte paleocristiana” intendiamo
quella dei primi secoli dell'era cristiana, dal grecopalaiòs, vecchio. Tale arte, comunque, può essere
ancora definita correttamente come tardo-antica.
Gli scavi archeologici effettuati da Palermo a Siracusa hanno riportato alla luce interi cimiteri, situati
intorno alle città e utilizzati a partire dell'antichità, quando la Sicilia viene cristianizzata dai Romani. Le
catacombe conservano alcune tracce di decorazioni pittoriche e sono le prime testimonianze d'arte
cristiana.
Nel 535, la conquista dell'isola da parte dei Bizantini segna il riavvicinamento della Chiesa di Sicilia
all'esarcato di Ravenna e, a partire dal 751, all'impero di Costantinopoli. E' tuttavia la crisi iconoclasta
che colpisce Bisanzio a dare la svolta decisiva alla storia della regione. I cristiani di Sicilia infatti, rimasti
fedeli al culto delle figure sacre vietate dall'imperatore nel 725, assistono all'arrivo in massa di
immigrati. Intere comunità monastiche e numerosi gruppi di artisti si rifugiano in Sicilia dove fanno
mostra delle loro doti, specialmente nel campo dei mosaici.
Questo florido periodo dà origine da un lato all'allestimento di numerosi santuari e alla costruzione di
abitazioni rupestri scavate direttamente nella roccia, dall'altro all'edificazione delle cube, chiesette a
pianta centrata quadrata. (tipicamente bizantine) semplicemente formate da tre esedre che si affacciano
su un'area centrale cubica, sormontata da una cupola, con un ingresso situato nell'unico lato piatto (ad
ovest).
Catacombe paleocristiane di Porta d'Ossuna, Palermo
Fonti: “Itinerario nell'arte” Dall'arte paleocristiana a Giotto. Terza edizione. Versione gialla. Cricco, Di
Teodoro. Zanichelli.