STRUTTURE EXTRA ALBERGHIERE CASE E APPARTAMENTI

Commenti

Transcript

STRUTTURE EXTRA ALBERGHIERE CASE E APPARTAMENTI
Pagina 1di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
DATI GENERALI
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
MO10
Rev 0 del 12/05/2014
n. utenti per attività:
Struttura denominata:
Indirizzo (via- n.- cap)
Classificazione
Telefono – Fax – e.mail
Tipo Attività :
Timbro:
……………………………………………………………………….
……………………………………………………………………….
ISPEZIONE
programmata
VERIFICA (rispetto ad ispezione verbale n°___________del ___________________ eseguito da__________________________________________)
su segnalazione
SCIA Comune: …………………………………………………… prot. N°. …………..………del ……………..…….....
Data ispezione ___________________operatore/i _______________________________________________________________________________________
SPSAL
Congiunto con
SIAN
SSIA
SVET
ALTRI ……………………………….
DOCUMENTI DOSSIER
Planimetria disponibile agli atti
SI
NO
Relazione tecnica precedente
SI
NO
Data ultima ispezione________________________
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
Pagina 2di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
MO10
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
Rev 0 del 12/05/2014
ATTIVITA’ (gestione)
Prot.(TUR/07/139282) La locazione turistica, nella Regione Emilia-Romagna, può essere effettuata nelle seguenti forme:
a) locazione da parte di privati di appartamenti ammobiliati per uso turistico. Tale forma di locazione, da parte di proprietari o usufruttuari, può riguardare fino a
tre alloggi, e prevede non siano forniti servizi aggiuntivi e non siano effettuate attività di pubblicità, oltre a tali limiti è obbligatoria la gestione in forma imprenditoriale.
Non sono calcolati nel tetto dei tre appartamenti gli alloggi per i quali sia stata prevista l'intermediazione o la gestione diretta da parte di agenzie immobiliari
turistiche con contratti in forma scritta, descritte ai successivi punti b1) o c). Per le caratteristiche e per la classificazione volontaria di tale tipologia di ricettività e le
modalità per la sua comunicazione si rinvia al relativo capo.
b) gestione in forma diretta di case e appartamenti per vacanza, preventivamente classificati, da parte di imprese.
b1) la gestione in forma diretta di case e appartamenti per vacanze, preventivamente classificati, è possibile anche da parte di agenzie immobiliari turistiche, che
hanno la piena disponibilità degli alloggi in base a diritti reali di godimento o contratti che prevedano la piena disponibilità dell'immobile. Qualora la stessa agenzia
svolga anche attività di intermediazione occorre la nomina di un preposto che svolga separatamente quest'ultima attività in forma esclusiva e che lo stesso sia
regolarmente iscritto al ruolo dei mediatori.
c) con gestione da parte di agenzie immobiliari che svolgono l'attività di intermediazione di appartamenti ammobiliati ad uso turistico ai sensi dell'art. 12 della
L.R. 16/04, per conto di proprietari, usufruttuari e possessori ad altro titolo.
Le agenzie immobiliari possono erogare, quali attività collegate direttamente alla conclusione dell'affare, i seguenti servizi accessori:
• possono effettuare promozione pubblicitaria in proprio,
• possono fornire il servizio di ricevimento e recapito.
Possono inoltre fornire i seguenti servizi su richiesta:
• assistenza e manutenzione alle case e appartamenti,
• pulizia delle case e appartamenti,
• fornitura di biancheria pulita.
1 ACCESSIBILITA’ ALLA STRUTTURA
E’ garantita la fruibilità\ accessibilità ai disabili?
(Legge n° 13/89 art. 1, DM 236/89 art. 5.5, Del. CO NI
1.1
1379/2008 punto 5)
Criterio da soddisfare: fruibilità/accessibilità
Giudizio
SI
si
no NO
N.A.
NOTE
Gli esercizi di affittacamere sono esclusi dall’applicazione
dell’articolo 5 punto 5.3 del D.M. 14-6-1989 n. 236.
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
Pagina 3di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
2 LOCALI
I locali devono corrispondere a quelli di civile abitazione:
(di cui al D.M. 05/07/1975, fatto salvo delle abitazione già esistenti i
cui minimi si derogano entro i limiti già acconsentiti e documentati).
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.6
2.7
2.8
2.9
L’altezza minima interna utile dei locali adibiti ad abitazione è di
m 2,70 riducibili a m 2,40 per i corridoi, i disimpegni in genere,
i bagni, i gabinetti ed i ripostigli?
Se comuni montani al di sopra dei m 1000 sul livello del mare
può essere consentita, tenuto conto delle condizioni climatiche
locali e della locale tipologia edilizia, una riduzione dell’altezza
minima dei locali abitabili a m 2,55.
Le stanze da letto hanno una superficie minima di mq 9, se per
una persona, e di mq 14, se per due persone?
L’ alloggio è dotato di una stanza di soggiorno di almeno mq
14?
Le stanze da letto, il soggiorno e la cucina sono provvisti di
finestra apribile?
L’alloggio monostanza, per una persona, ha una superficie
minima, comprensiva dei servizi, non inferiore a mq 28, e non
inferiore a mq 38, se per due persone?
L’alloggio è dotato di di impianto di riscaldamento ove le
condizioni climatiche lo richiedano?
(deve rispondente a tali valori e deve essere uguale in tutti gli
ambienti abitati e nei servizi, esclusi i ripostigli).
Tutti i locali degli alloggi, eccettuati quelli destinati a servizi
igienici, disimpegni, corridoi, vani-scala e ripostigli fruiscono di
illuminazione naturale diretta, adeguata alla destinazione
d’uso.
Per ciascun locale d’abitazione, l’ampiezza della finestra è
proporzionata in modo da assicurare un valore di fattore luce
diurna medio non inferiore al 2%?
Comunque la superficie finestrata apribile non dovrà essere
inferiore a 1/8 della superficie del pavimento.
E’assicurata l’aspirazione di fumi, vapori ed esalazioni nei punti
di produzione (cucine, gabinetti, ecc.) prima che si diffondano?
(Il “posto di cottura”, eventualmente annesso al locale di
Giudizio
N.A. NOTE
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
MO10
Rev 0 del 12/05/2014
Pagina 4di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
2.10
2.11
2.12
MO10
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
soggiorno, deve comunicare ampiamente con quest’ultimo e
deve essere adeguatamente munito di impianto di aspirazione
forzata sui fornelli)
La stanza da bagno è fornita di apertura all’esterno per il
ricambio dell’aria o dotata di impianto di aspirazione
meccanica?
SI
(Nelle stanze da bagno sprovviste di apertura all’esterno è
proibita l’installazione di apparecchi a fiamma libera).
Nell’alloggio vi è almeno una stanza da bagno dotata dei
seguenti impianti igienici: vaso, bidet, vasca da bagno o
SI
doccia, lavabo?
si
no NO
si
no NO
I locali sono ben tenuti, imbiancati e privi di segni di umidità?
si
no NO
3 IMPIANTI DOCUMENTAZIONE
Esiste certificato di agibilità/abitabilità?
3.1
Oppure: Agibilità richiesta: sì no il ____________
Esiste certificato di conformità degli impianti (L. 37/2008
3.2
oppure se antecedente al 2008 Lg.46/90),
Approvvigionamenti idrico:
acquedotto?
3.5
pozzo Certificato di potabilità valido?
(laboratorio Pubblico) si no
SI
N.A.
NOTE
ASCENSORI E MONTACARICHI
Giudizio
N.A.
E’ stato rilasciato dal Comune il n° di matricola?
3.7
SI si no NO
(D.P.R. 162/1999)
E' stata affidata la manutenzione dell'impianto a persona
munita dell'apposito patentino di abilitazione o a ditta
3.8
SI si no NO
specializzata?
(D.P.R. 162/1999)
Esiste controllo biennale agli impianti di sollevamento da parte
3.9
dell’ AUSL – UOIA RE o degli Organismi di certificazione
SI si no NO
notificati a ciò preposti sono opportunamente archiviati (libretto
NOTE
3.6
Autorizzazione agli scarichi idrici?
Giudizio
Rev 0 del 12/05/2014
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
SI
si
no NO
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
Pagina 5di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
MO10
Rev 0 del 12/05/2014
aggiornato e verbale di verifica)?
(D.P.R. 162/1999 art. 13)
Controllo Legionella: (DGR 1115/2008 e conferenza Stato Regioni provvedimento 13/01/2005; “linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-ricettive
e termali”).
Documento di valutazione del rischio (DGR 1115/2008):
Schema impianto idrico sanitario:
Schema impianto trattamento aria:
Piano di monitoraggio biologico:
Programma di manutenzione ordinario e straordinario:
Registro manutenzioni:
sì
sì
sì
sì
sì
sì
no ______________________________
no ______________________________
no ______________________________
no ______________________________
no ______________________________
no ______________________________
Giudizio Finale: SI si no NO -------note_______________________________________________________________________________________
In presenza di attrezzature per idromassaggio di uso comune, occorre assicurarsi che le stesse siano sottoposte al controllo da personale esperto, che deve
provvedere alla effettuazione e alla registrazione delle operazioni di pulizia e di corretta prassi igienica come:
sostituire almeno metà della massa di acqua ogni giorno; trattare continuamente l'acqua con 2-3 mg/l di cloro;
pulire e risciacquare giornalmente i filtri per la sabbia;
controllare almeno 3 volte al giorno la temperatura è la concentrazione del cloro;
assicurare una operazione di disinfezione accurata almeno una volta a settimana.
Giudizio Finale: SI si no NO -------note_______________________________________________________________________________________
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
Pagina 6di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
MO10
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
4 PRESENZA DI PISCINA TIPO A2.2
Giudizio
N.A.
Rev 0 del 12/05/2014
NOTE
E’ presente comunicazione di inizio attività da presentare
all’Autorità
Sanitaria e all’Azienda Sanitaria Locale,
contenente i seguenti elementi essenziali:?
4
4.1
4.2
a) Ubicazione della struttura e inquadramento urbanistico;
b) Categoria, gruppo, tipologia della piscina classificata ai sensi del
punto 2;
c) Numero e tipo di vasche classificate ai sensi del punto 2;
d) Numero massimo di utenti ammissibili;
e) Responsabile della gestione della piscina;
f) Documentazione tecnica descrittiva dell’intera struttura e degli
impianti di trattamento dell’acqua, comprendente almeno una SI
relazione tecnica, planimetria, piante, sezioni quotate e con
l’indicazione di ogni destinazione d’uso di locali comprensiva delle
superfici di illuminazione e ventilazione; descrizione e progetti degli
impianti tecnici di ventilazione, condizionamento, illuminazione,
fognatura ecc.; tavola descrittiva del processo di depurazione
dell’acqua indicante la loro potenzialità; quadro schematico del
sistema di movimentazione dell’acqua ( acqua in ingresso,
depurazione refluo con indicazione delle direzioni dei flussi e dei
punti in cui sono stati ubicati i manometri, ricircolo).
(Si ricorda che la variazione di uno o più elementi sopra elencati
comporta l’obbligo di nuova comunicazione.)
E’ presente ed esposto in modo ben visibile il regolamento
interno relativo al comportamento dei frequentatori?
Il regolamento deve contenere almeno i seguenti punti:
a) indicazione della profondità e di eventuali punti della vasca
a profondità ridotta
b) divieto di fare tuffi in assenza di strutture adeguate;
a) raccomandazione di non bagnarsi a meno di tre ore dal SI
consumo di un pasto;
b) obbligo di doccia e pediluvio prima di bagnarsi;
c) ubicazione dei più vicini servizi igienici;
d) orari di accesso in piscina;
e) vietato l’ingresso ai minori di anni 12 non accompagnati.
L’accesso in piscina deve essere consentito soltanto negli orari
prestabiliti.
E’ presente l’assistente bagnanti?
SI
si
no NO
si
no NO
si
no NO
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
Pagina 7di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
4.3
4.4
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
Se l’assistente bagnanti non è previsto sono soddisfatte le
seguenti condizioni?
- piscina con vasca inferiore a 100 mq e profondità non
superiore a 140cm;
- almeno due lati del bordo vasca libero da ostacoli;
- vigilanza adeguata anche con idonei sistemi di controllo
e/o di allarme da postazione presidiata; nel caso in cui la
vigilanza non sia continuativa i frequentatori devono
SI
essere informati;
presenza di personale addetto ad interventi di pronto
soccorso, debitamente formato secondo quanto prevede la
normativa vigente, prontamente disponibile durante le ore
di apertura della piscina.
Nelle piscine rientranti nelle condizioni sopra riportate e che
non hanno l’assistente bagnanti, le modalità organizzative
della vigilanza e le procedure di intervento devono essere
indicate nel piano di autocontrollo.
Gli spazi perimetrali intorno alla vasca e quelli direttamente
connessi alle attività natatorie e balneazione sono delimitati da
un elemento di separazione invalicabile?
SI
Tale separazione, che deve comunque rispondere ad
esigenze sia di igiene che sicurezza, può essere realizzata
anche con elementi mobili ( es. fioriere).
si
no NO
si
no NO
4.5
I percorsi a piedi nudi sono privi di stuoie o tappeti?
SI
si
no NO
4.6
E’ presente nei pressi dell’area di balneazione vaschetta lava
piedi che consenta l’immersione completa dei piedi, alimentata
SI
in modo continuo da acqua contenente una soluzione
disinfettante, dotata anche di doccia?
si
no NO
E’ presente almeno una doccia?
si
no NO
4.7
4.8
4.9
4.10
SI
Sono presenti a bordo vasca almeno due galleggianti
SI si no NO
salvagente regolamentari dotati di fune di recupero?
E’ presente personale adeguatamente formato in grado di
assicurare le prestazioni di primo soccorso durante tutto SI si no NO
l’orario di funzionamento della piscina?
La struttura è dotata di presidi di primo impiego e materiali di
SI si no NO
medicazione, disponibili ed utilizzabili?
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta
MO10
Rev 0 del 12/05/2014
Pagina 8di 8
DOCUMENTO
CHECK-LIST
Servizio Igiene e Sanità pubblica
Dipartimento Sanità Pubblica
STRUTTURE EXTRALBERGHIERE:
CASE E APPARTAMENTI VACANZE (art. 11 L.R. 16/04)
MO10
Rev 0 del 12/05/2014
Giudizio generale:
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Documenti da richiedere:
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Adeguamenti da porre in essere:
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Firma: _____________________________________________________________________________________
Documento di proprietà dell’Azienda Usl di Reggio Emilia – È vietata la riproduzione e la diffusione senza specifica autorizzazione scritta