Corte di Cassazione, sez. I, sentenza 07/04/2015, n. 6914

Commenti

Transcript

Corte di Cassazione, sez. I, sentenza 07/04/2015, n. 6914
-691 14 115
Oggetto
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Opposizione
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
dichiarazione
a
di
PRIMA SEZIONE CIVILE
fallimento.
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. ALDO CECCHERINI
R.G.N. 24579/2008
- Presidente -
Cron.
Dott. ANTONIO DIDONE
-
Dott. ROSA MARIA DI VIRGILIO
-
Dott. MAGDA CRISTIANO
- Consigliere - PU
Dott. LOREDANA NAllICONE
Consigliere
6'51
Rep. 6/1
Consigliere - Ud. 04/03/2015
- Rel. Consigliere -
ha pronunciato la seguente
SENTENZA
sul ricorso 24579-2008 proposto da:
M.T.A.
MANAGEMENT
&
BUSINESS
S.R.L.
(c.f.
0466157100), in persona del legale rappresentante
pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA
SISTINA 42, presso l'avvocato FRANCESCO GIORGIANNI,
che la rappresenta e difende unitamente
2015
409
all'avvocato GIUSEPPE LAGOTETA, giusta procura a
margine del ricorso;
- ricorrente contro
.14
1
CO.I.MI. S.R.L. IN LIQUIDAZIONE (P.I. 01687850139),
in persona del Liquidatore pro tempore,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PREMUDA 1,
presso l'avvocato SERGIO FEDELI, che la rappresenta
e difende, giusta procura a margine del
controricorso;
ELIFANI
MARCO
(c.f.
LFNMRC62C06H501E),
elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PREMUDA l,
presso l'avvocato SERGIO FEDELI, che lo rappresenta
e difende, giusta procura a margine del
controricorso;
- controrícorrenti contro
FALLIMENTO DELLA M.T.A. MANAGEMENT & BUSINESS
S.R.L.;
-
intimato
-
avverso la sentenza n. 3285/2008 della CORTE
D'APPELLO di ROMA, depositata il 19/08/2008;
udita la relazione della causa svolta nella
pubblica udienza del 04/03/2015 dal Consigliere
Dott. LOREDANA NAZZICONE;
udito, per il controricorrente,
l'Avvocato S.
FEDELI che ha chiesto il rigetto del ricorso;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. LUIGI SALVATO che ha concluso per
2
l'inammissibilità,
ricorso.
in
subordine
rigetto
del
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
La Corte d'appello di Roma con sentenza del 19
agosto 2008 ha respinto il reclamo proposto avverso la
sentenza dichiarativa del fallimento della M.T.A.
Management & Business s.r.l.
La corte territoriale ha ritenuto che:
a) le consistenti situazioni debitorie sono state
accertate
da
una
sentenza
di
secondo
grado
provvisoriamente esecutiva e di probabile conferma, in
ragione delle ragioni ivi esposte;
b) vi sono ulteriori elementi oggettivi rilevanti
nei
bilanci
2004-2006,
quali
l'assenza
di
utili,
l'esistenza di perdite, una situazione debitoria
consolidata a fine del 2006 per C 1.359.550,00, una
liquidità irrisoria e debiti verso il fisco e l'Inps;
c)
il
ha
curatore
depositato
ulteriore
documentazione, relativa alle domande di ammissione al
passivo di altri creditori;
d)
tutto ciò palesa l'esistenza dello stato
d'insolvenza ex art. 5 1.f.
Contro questa sentenza la società propone ricorso
per cassazione, affidato ad un motivo; resistono con
controricorso i creditori Marco Epifani e CO.I.MI. s.r.1.,
depositando altresì le memorie di cui all'art. 378 c.p.c.,
mentre non svolge difese la curatela.
MOTIVI DELLA DECISIONE
l. - Con l'unico motivo, la società ricorrente
deduce la violazione e la falsa applicazione dell'art. 5
1.f. sull'accertamento dello stato d'insolvenza, dolendosi
del giudizio affermativo, operato dalla corte d'appello a
conferma della valutazione del tribunale, circa la
situazione di insolvenza della società, giudizio che
sarebbe inadeguato, perché fondato sopra un solo debito
rimasto inadempiuto, per il quale controparte aveva
ottenuto l'esecuzione provvisoria, mentre occorreva
considerare la composizione del passivo ed il costante
R.G. 24579/2012
3
miglioramento del rapporto tra attivo e passivo, evitando
una mera visione statica del fenomeno e considerando il
dato patrimoniale congiuntamente a quello economico e
finanziario.
Il motivo si conclude con due quesiti, chiedendosi
alla Corte di statuire:
a)
se
l'inadempimento di
un unico
credito,
contestato in sede giudiziale e quindi non definitivo,
integri il presupposto oggettivo del fallimento;
b)
se
si
ravvisare
possa
il
requisito
dell'insolvenza senza valutare la condizione patrimoniale
dell'impresa in termini prospettici, l'aspettativa di beni
futuri, la composizione qualitativa di essi, la capacità
produttiva e il credito goduto.
2. - Il convincimento dei giudici di merito circa la
sussistenza dello stato di insolvenza dell'imprenditore
dichiarato fallito è incensurabile in Cassazione, quando
sia sorretto da motivazione adeguata, immune da vizi
logici e ispirata a esatti criteri giuridici (Cass. 1 0
dicembre 2005, n. 26217). Il riscontro dello stato
d'insolvenza del debitore prescinde, inoltre, da ogni
indagine sull'effettiva esistenza ed entità dei crediti,
essendo a tal fine sufficiente l'accertamento di uno stato
d'impotenza economico-patrimoniale, idoneo a privare tale
soggetto della possibilità di far fronte, con mezzi
"normali", ai propri debiti (Cass., sez. un., 11 febbraio
2003, n. 1997).
Ciò posto, il motivo si palesa immeritevole di
accoglimento sotto ogni profilo.
In primo luogo, il motivo non coglie la
decidendi
ratio
della pronuncia, dalla parte ricorrente
censurata perché avrebbe male accertato un solo debito.
Ma la motivazione dell'insolvenza nella sentenza
impugnata non è riferita all'unico credito contestato in
giudizio, essendo essa ben più ampia ed articolata. In
sostanza, la corte del merito ha ritenuto provata la
R.G. 24579/2012
4
situazione di insolvenza alla stregua degli ulteriori
elementi ricordati e la parte non ha censurato gli altri
dati da essa valutati, onde, sotto tale profilo, le
censure proposte sono, altresì, prive di decisività.
A ciò si aggiunga che, come costantemente affermata
da questa Corte, per ravvisare lo stato d'insolvenza non
occorre l'accertamento definitivo del credito, e dovendosi
tenere conto che i crediti contestati sono stati accertati
nel doppio grado di merito con sentenza provvisoriamente
esecutiva, sicché neppure la fondatezza delle
contestazioni esimerebbe il debitore dal pagamento,
rispetto al quale deve dimostrarsi solvibile.
Il secondo profilo, dal suo canto, si palesa
inammissibile, in quanto, sotto l'egida del vizio di
violazione di legge, mira in realtà ad una
riconsiderazione della situazione di fatto.
La corte d'appello, infatti, pur dando atto della
sussistenza dei crediti ancora
sub ludice,
ha fondato la
decisione, come già evidenziato, sopra una pluralità di
ulteriori elementi, in particolare su di una pesante
situazione debitoria non ripianata. È allora agevole
rilevare la sostanziale inammissibilità della stessa
impostazione delle censure, che non trovano riscontro
nella pronuncia e sono intese a far valere la non
condivisibilità della valutazione della corte d'appello e
non già un vizio di violazione di legge. Mentre, giova
ricordare, non è necessario che siano prese in
considerazione tutte le argomentazioni svolte dalle parti,
per confermarle o confutarle, ma è sufficiente che il
giudice indichi le ragioni del proprio convincimento,
dovendosi in tal caso ritenere disattese tutte le
argomentazioni logicamente incompatibili con esse (Cass.,
2 febbraio 2007, n. 2272 ed altre).
3. - Le spese seguono la soccombenza.
P.Q.M.
R.G. 24579/2012
5
La Corte rigetta il ricorso e condanna la parte
ricorrente al pagamento delle spese di lite del giudizio
di legittimità, che liquida in C 7.200,00, di cui C 200,00
per esborsi, oltre alle spese forfetarie ed agli accessori
come per legge.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 4
marzo 2015.
Il Pre
Il Consigliere est.
Aldo C
(Loredan 1 Pjazzicone)
9-4L9Y1-1
De posRatoitiC
anceUeria
—7 APR 2015
Funzionario
Giudiàario
Amald CAS
R.G. 24579/2012
6
11 cons. rel. est.

Documenti analoghi

Cassazione civ. 18676-2014

Cassazione civ. 18676-2014 - controricorrente al ricorso incidentale avverso la sentenza n. 449/2008 della CORTE D'APPELLO di FIRENZE,

Dettagli