scheda tecnica - Barz and Hippo

Commenti

Transcript

scheda tecnica - Barz and Hippo
scheda tecnica
durata: 80 minuti
nazionalità: Italia
anno: 2005
regia: SABINA GUZZANTI
sceneggiatura: SABINA GUZZANTI
produzione: VALERIO TERENZIO TRIGONA PER STUDIO UNO, SABINA GUZZANTI
PER SECOL SUPERBO E SCIOCCO PRODUZIONI
fotografia: PAOLO SANTOLINI
montaggio: CLELIO BENEVENTO
musiche: RICCARDO GIAGNI, MAURIZIO RIZZUTO
interventi di: RORY BREMNER, SABINA GUZZANTI, DANIELE LUTTAZZI, MICHELE
SANTORO, ENZO
BIAGI,
FABRIZIO MORRI, VALERIO TERENZIO, ANDREA
SALERNO, LUCIA ANNUNZIATA, BEPPE GIULIETTI, CLAUDIO PETRUCCIOLI,
DARIO FO, FLAVIO CATTANEO, LUCIANO CANFORA, KARL ZERO, FRANCESCO
ALBERONI, MICHELE
BONATESTA, DAVIDE
CAPARINI, FURIO
COLOMBO,
FERRUCCIO DE BORTOLI, BILL EMMOTT, CLAUDIO FRACASSI, BRUNO GACCIO,
MAURIZIO GASPARRI, UDO GEMPEL, BEPPE GRILLO, ERIC JOZSEF, GIORGIO
LAINATI, EZIO MAURO, MARCELLE PADOVANI, ANGELO MARIA PETRONI,
ANTONIO POLITO, PAOLO ROSSI, ALEXANDER STILLE, MARCO TRAVAGLIO,
ELIO VELTRI, MARCELLO VENEZIANI
[email protected]
1
la parola ai protagonisti
La lettera di Sabina Guzzanti
Ho deciso di realizzare questo documentario quando il giudice ha stabilito che la querela contro
Raiot era priva di fondamento.
L'ho girato nelle pause della tournée e le idee si sono chiarite mano mano che procedevo con le
interviste, grazie anche all'intelligenza e alla grande capacità di comunicare degli intervistati.
Quello che più mi affascinava nella realizzazione di questo progetto, era testimoniare in diretta la
trasformazione di una democrazia in qualcos'altro.
Al di là delle ragioni storiche e politiche, raccontare in che modo la percezione degli avvenimenti
cambi gradualmente agli occhi delle persone comuni. Quali sono i meccanismi che rendono
possibile questa alterazione.
L'idea di intervistare altri colleghi che fanno satira in televisione all'estero è arrivata dopo qualche
tempo e direi che è stata una svolta decisiva nella realizzazione del film.
E' stato importante verificare che queste restrizioni della libertà d'espressione riguardano solo
l'Italia; che certo c'è una tendenza generale in questo senso negli ultimi anni, ma non ha niente a
che fare con quello che succede qui da noi.
È stato importante anche sperimentare l'Europa, scoprire che qualcosa significa. Che c'è
un'appartenenza concreta, che abbiamo principi comuni e che oltre all'unione monetaria è
possibile anche un'unione umoristica.
Soprattutto direi che grazie al contributo dei colleghi "satiristi", è diventato un film sulla censura ma
anche e contemporaneamente sulla libertà: come parla la libertà, qual è il suo sguardo, che
sensazione dà.
Per quanto si finisca per abituarsi a tutto, quando la incontri - la libertà- è un attimo
rinnamorarsene, ricordarsi della propria origine.
Immagino che oltre ai diretti interessati molti altri si sentiranno attaccati da "Viva Zapatero!". Tutti
quelli che pur occupando posti di potere importanti in questa Italia, pretendono di convincerci
d'essere persone libere.
Sono sicura che il disagio provocato dal film verrà espresso in modi variopinti che in parte prevedo,
in parte ancora una volta mi sorprenderanno.
Spero vivamente che "Viva Zapatero!" possa contribuire alle battaglie per la libertà d'espressione e
che faccia crescere la consapevolezza di quanto sia importante l'indipendenza dell'informazione
dalla politica, nella vita di ciascuno di noi.
"Lasciateci dire che 2+2 fa 4 il resto verrà da sé", scriveva Orwell in 1984.
È l'autoritarismo la causa dei disastri economici, della corruzione e della depressione di una
nazione.
La libertà è al contrario la soluzione, l'unica soluzione a questi mali.
Quindi riprendiamoci quella che c'era e già che ci siamo prendiamone molta di più, che quella che
c'era era comunque poca.
Sabina Guzzanti
[email protected]
2
Sabina Guzzanti
Haav
ut
odeipr
obl
eminelr
eper
i
r
el
ei
mmagi
nid’
ar
chi
v
i
odel
l
aRai
?Socheul
t
i
mament
el
at
r
af
i
l
a
nonèt
r
al
epi
ùsempl
i
ci
…
Mentre un tempo si doveva solo avanzare una richiesta formale ed eseguire il pagamento
peraver
e ac
cesso al
l
’
ar
chi
vi
o,oggil
e cos
e sono mol
t
o pi
ù compl
i
cat
e.E’di
venut
o
praticamente impossibile ottenere delle immagini soprattutto su Berlusconi, il materiale
risulta infatti vincolato ed alle nostre richieste formali hanno sempre risposto in modo
negativo. Ho tentato persino di acquisirli sotto false spoglie, dichiarando che erano per un
document
ar
i
osu"
Medi
aecr
i
st
i
ani
t
à"
,manoncihannoc
r
edut
o.Poi
,dur
ant
el
’
i
nt
er
r
egnodi
Alessandro Curzi alla presi
denz
a,hopr
ovat
oachi
eder
gl
iai
ut
oel
ui
mel
’
hadat
o.Nonèun
segreto che siamo riusciti ad ottenere gli spezzoni grazie a lui. Comunque credo che sia del
tutto legittimo, non capisco perché non sia possibile avere le riprese di Berlusconi e
del
l
’
edi
t
to di Sofia.
La stampa spagnola prima che a Venezia si vedesse il film, pensava fosse un documento sul loro
presidente ed erano molto eccitati. In realtà, tu hai scelto questo titolo perché...
Perché effettivamente volevo fare un omaggio a un politico che, una volta eletto, ha fatto
alcune delle cose che aveva promesso in campagna elettorale. Forse è il caso di ereditare
questa bella usanza dalla nuova Spagna. Zapatero appena è andato al governo ha fatto
tutto quello che aveva promesso: ha ritirato le truppe dall'Iraq, ha fatto in modo che
l'informazione fosse sottratta al controllo politico, ha fatto quello per cui gli elettori lo hanno
votato. Cosa che in Italia non è mai accaduta. Il titolo è anche una provocazione perché
Zapatero è un incubo anche a sinistra perché hanno paura che noi pretendiamo che si
facciano le stesse cose. I politici sono i nostri dipendenti, siamo noi che li stipendiamo,
devono andare là a fare quello che gli chiediamo noi, anche perché quello che stanno
facendo ora ci sta portando al disastro più totale. Comunque il titolo è un piccolo gioco di
parole con un vecchio film con Marlon Brando che si chiamava 'Viva Zapata'.
Dalle prime impressioni raccolte in sala, si evince una grande soddisfazione da parte del pubblico
nel veder "dissacrati" sullo schermo, non solo i soliti uomini della destra, ma anche qualche
intoccabile di sinistra. Tra tutti, Luciano Violante e Claudio Petruccioli. Hai avuto già qualche
r
i
most
r
anz
adal
l
’
opposi
z
i
onedigov
er
no?
Non ancora. Ma non è la prima volta che un certo tipo di obiezioni vengono mosse
al
l
’
opposi
z
i
one.I
nr
eal
t
àl
a gent
e disi
ni
st
r
a è gi
à mol
t
ot
empo che espr
i
me i
lsuo
disappunto. Il problema è che non ha i mezzi per mostrarlo e per parlarne.
Ancora nessuno ha avanzato rimostranze, ancheper
c
héi
l
f
i
l
m èappenausci
t
onel
l
esal
e…
Il mio giudizio sulla sinistra riassume il pensiero di moltissimi elettori di sinistra.
Comeènat
oi
l
pr
oget
t
odi
“
Vi
v
aZapat
er
o”
,f
i
ndal
l
’
i
ni
z
i
oav
ev
ii
nment
edi
f
ar
eunf
i
l
m?
Io si sinceramente, anchesei
lpr
oget
t
oi
ni
z
i
al
eer
api
ùor
i
ent
at
ov
er
soun’
usci
t
ai
nDVD
piuttosto che nelle sale. Il fatto di non sentire la pressione di realizzare un film per il cinema
cihaper
mes
sodil
avor
ar
econmol
t
acal
mamant
enendoal
t
ol
’
appor
t
odic
r
eat
i
vi
t
àperi
l
l
avor
o. I
lf
i
l
m haunr
i
t
momol
t
os
candi
t
o,pi
enament
eci
nemat
ogr
af
i
c
o…
Sempr
edipi
ùl
’
aut
opr
oduz
i
oneel
’
aut
or
gani
zz
az
i
onef
i
ni
sceconi
lt
r
asf
or
mar
el
aper
cez
i
onedi
al
cuniev
ent
icheal
t
r
i
ment
i
,at
t
r
av
er
soinor
mal
imedi
a,f
i
ni
r
ebber
oconl
’
essere snaturati come per
esempio è accaduto per il G8 di Genova. Anche per la seconda puntata di Raiot, quella avvenuta
al
l
’
Audi
t
or
i
um,mol
t
eor
gani
z
z
az
i
onial
t
er
nat
i
v
et
ihannodat
oi
l
l
or
osuppor
t
o.
Assolutamente si! Già da tempo ho iniziato a stringere legami con diverse associazioni
alternative. Anche per questo film ho chiesto il loro aiuto soprattutto quando ancora non
[email protected]
3
sapevo che il film sarebbe stato distribuito nelle sale. La seconda puntata di Raiot è stata
una bella esperienza anche perché si è attivato un valido circuito di informazione
alternativa. Adesso mi stanno molto aiutando nella diffusione del testo per la raccolta di
firme in cui si chiede una legge sul conflitto di interessi.
"Viva Zapatero" passerà in prima battuta per un film contro Berlusconi. In realtà i destinatari del
messaggio sono altri, è molto più la sinistra e quello che sarà del dopo-Berlusconi.
E’così
.Non bast
a mandar
e vi
a Ber
l
usc
onie di
r
e che cosìr
i
sol
vi
amo t
ut
t
o.No,pr
i
ma
devono dirci perché hanno permesso a questa persona di devastare il paese. Prima
devono rispondere delle loro responsabilità, fare in modo che questo non si possa ripetere
e devono ricostruire le fondamenta della nostra democrazia. Cose non scontate.
Guardiamo alla Rai... Prima che venisse eletto presidente Petruccioli, Fassino se non
sbaglio aveva dichiarato che se si fosse trovato un accordo sulla presidenza, avrebbero
lasciato quel Cda anche in caso di vittoria elettorale. Questo vuol dire che non hanno
alcuna intenzione di operare dei cambiamenti veri. Il sistema a questo punto può cambiare
sol
osei
nsi
st
i
amonoi
,opi
ni
onepubbl
i
ca.I
lr
est
oèi
nmanoaun’
ol
i
gar
chi
a,c
henonsono
direttamente i partiti, ma alcune persone, sempre le stesse, quelle che scalano le banche.
Tant
ononc’
èal
cunai
nf
or
mazione in grado di controllarli e di contrastarli.
L’
al
t
r
acosachei
lt
uol
av
or
osugger
i
scec
onf
or
z
aèchenonbast
adel
egar
e.Macheègi
unt
oi
l
momento in cui ognuno di noi si deve prendere le proprie responsabilità e agire di conseguenza.
Insomma, sembr
ir
i
v
ol
ger
eunmessaggi
ochi
ar
odipr
esadicosci
enz
apr
opr
i
oal
l
’
opi
ni
onepubbl
i
ca
di cui parlavamo.
Come scriveva il "New York Tomes" ai tempi delle grandi manifestazioni per la pace
"
l
’
opi
ni
one pubbl
i
ca è l
’
uni
ca al
t
r
a gr
ande super
pot
enz
a delpi
anet
a"
.E t
r
al
’
opi
ni
one
pubblica, maggiore responsabilità ha chi può far sentire la propria voce, chi lavora nella
stampa e nelle televisioni. Voi giornalisti, per esempio.
I giornalisti stranieri che hanno collaborato
Marcelle Padovani, che ha partecipat
oat
t
i
v
ament
ea quest
opr
oget
t
o,har
i
cav
at
oun’
i
mmagi
ne
del
l
’
I
t
al
i
aancor
api
ùdi
sper
ant
ediquant
ogi
ànonsapesse.
Alcont
r
ar
i
o,"
Vi
vaZapat
er
o"cihar
as
si
c
ur
at
i
.L’
or
ol
ogi
oi
t
al
i
anoèf
er
moal2001edaal
l
or
a
tutte le nostre più fosche previsioni si sono avverate. Sabina è partita dal racconto del suo
caso e dalla sua indignazione per poi allargare la visione e darci un quadro generale su ciò
cheèr
i
mast
odel
l
al
i
ber
t
àdiespr
es
si
onenelvost
r
opaese."
Vi
vaZapat
er
o"r
est
er
àl
’
uni
c
o
atto serio e document
at
osul
l
’
er
adel
ber
l
usc
oni
s
moesui
guast
i
chehapr
odot
t
o.
Stessa domanda per Udo Gumpel.
Non è bello che un osservatore straniero si metta in cattedra e dica ad un altro popolo e ad
un altro paese quella che secondo lui è la verità. Posso dire però che quello che si nota in
modo abnor
me è l
a di
f
f
er
enz
a dil
i
ber
t
à diespr
es
si
one i
nt
vt
r
al
’
I
t
al
i
a e gl
ial
t
r
ipaesi
d’
Eur
opa.I
n Ger
mani
a,ogniser
avengono t
r
as
mess
e al
menodue or
e dipr
ogr
ammidi
satira dove si sbeffeggiano pesantemente sia governantichepol
i
t
i
cidel
l
’
opposi
z
i
one.Una
cosa molto sana, che permette al pubblico di prendere la corretta distanza dalle enfatiche
dichiarazioni dei politici.
[email protected]
4
Raiot –armi di distrazione di massa: i fatti
13 novembre 2003
Conferenza stampa per la presentazione del programma satirico RaiOt. Paolo Ruffini, il direttore di
Rai3, ha parole di grande elogio per il lavoro svolto dagli autori.
Autori del programma, oltre a Sabina Guzzanti, Curzio Maltese, Emanuela Imparato e Paolo
Santolini. Il programma annunci
at
opr
ev
edepunt
at
emonot
emat
i
chediun’
or
a,conunmonol
ogodi
venti minuti in cui Sabina Guzzanti appare senza trucchi e senza maschere e sketch con la
partecipazione di Francesco Paolantoni, Roberto Herlitzka, Rosalia Porcaro, David Riondino,
Stefano Vigilante, Corinna Di Castro e Sabrina Impacciatorek, ecc.
16 novembre, ore 17.00 circa
Paolo Ruffini telefona a Sabina Guzzanti per comunicare la sua decisione di sopprimere il
programma.
16 novembre, ore 19.00
Dopo la convocazione di una conferenza stampa nella saletta del Teatro Ambra Jovinelli, il
direttore Paolo Ruffini torna sulla sua decisione.
16 novembre, ore 23.30
Lapr
i
mapunt
at
aRai
ot
,dedi
cat
aal
l
al
i
ber
t
àd’
espr
essi
one,v
ai
nonda:Ner
iMar
c
or
ér
i
por
t
asul
l
o
schermo il Ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri, mentre Sabina Guzzanti interpreta
Bar
bar
aPal
ombel
l
i
,Si
l
v
i
oBer
l
usconi
,Br
unoVespa,Massi
moD’
Al
emaeLuci
aAnnunz
i
at
a(
al
l
or
a
Presidente della Rai). Il successo è straordinario: il programma viene visto da 1.834.000
telespettatori, con il 18.37% di share e picchi del 25% (oltre due milioni di spettatori). Un risultato
chepor
t
aRaiTr
e,dopol
amez
z
anot
t
e,adi
v
ent
ar
epr
i
mar
et
enaz
i
onal
eperol
t
r
emez
z
’
or
a.Un
record!
Nei giorni successivi:
- Mediaset cita in giudizio RaiOt perdi
f
f
amaz
i
one e chi
ede 20 mi
l
i
onididanni
.L’
az
i
one
legale è rivolta contro Rai, Studio Uno (La società di produzione del programma), Sabina
Guzzanti, gli altri autori del programma e Paolo Ruffini.
- Il CdA della Rai decide di sospendere la trasmissione
- I
lgi
udi
ce ar
chi
v
i
ai
lcaso t
r
ov
ando l
a quer
el
a diMedi
aseti
nf
ondat
a:Non c’
è st
at
a
diffamazione; primo: perché RaiOt era un programma satirico a tutti gli effetti e si può
quindi avvalere del paradosso; secondo perché le cose dette sono oltretutto vere nella
sostanza
- Nel
l
’
i
mpossi
bi
l
i
t
à diandar
ei
n onda,l
o spet
t
acol
o diSabi
na Guzz
ant
iv
i
ene al
l
est
i
t
o
al
l
’
Audi
t
or
i
um diRoma,i
nsegnodipr
ot
est
a.Spet
t
acol
ogr
at
ui
t
of
i
noadesaur
i
ment
opost
i
.
Sul palco con lei Paolo Rossi, Serena Dandini, Fiorella Mannoia, Dario Fo, Daniele
Luttazi.La serata viene proiettata in diretta in diversi teatri italiani e, grazie alle strutture
sat
el
l
i
t
ar
i
,è v
i
si
bi
l
e sulpacchet
t
o Sk
y.Al
l
’
est
er
no del
l
’
Audi
t
or
um v
i
ene al
l
est
i
t
o un max
i
schermo. Alcuni siti internet si mobilitano per trasmettere il varietà in moltissime città
italiane.
L’
Audi
t
or
i
um,ben2700post
i
,dasegnar
ei
l
t
ut
t
oesaur
i
t
o.Manonbast
a:unaf
ol
l
adi15.
000
persone rimane fuori
…l
eal
t
r
epunt
at
ediRai
Otnonsonomai
andat
ei
nonda
[email protected]
5
recensioni
Maurizio Porro - Il Corriere della Sera, 16 settembre 2005
Certo, viva. Lo ha gridato il pubblico di Venezia con 15 minuti di plausi. La Guzzanti, una delle
«epurate» dal video, proclamandosi la buffona, costruisce sulla linea di Moore un bellissimo
documentario sulla censura e la libertà di informazione satirica in Italia. Interroga non solo sé e i
suoi «bravi» (Grillo, Rossi, Luttazzi, Fo) ma anche stupefatti comici stranieri. Tra gli intervistati ci
sono gaffes storiche di pre-potenti Rai, un Marcorè-Gasparri sublime, Sabina che fa Berlusca,
mentre dicono cose belle e intelligenti Biagi, de Bortoli, Santoro, Travaglio. Intervento magistrale di
Furio Colombo: non possiamo più dire di non sapere. A cavalcioni tra farsa e tragedia il film è
irresistibile sia quando fa ridere, spesso, sia quando fa venire rabbia, spessissimo, e rilancia il
potere documentario di controinformazione. Da vedere. VOTO: 8,5
Roberta Bottari - Il Messaggero, 16 settembre 2005
Viva Zapatero!, il film più applaudito alla Mostra del Cinema di Venezia, esce oggi nella sale
italiane in trenta copie, distribuito da Luky Red. Il dirompente documentario di Sabina Guzzanti è
stato già venduto in Francia, Spagn a, Svizzera e Olanda e il 2 3 settembre il Festival di San
Sebastian potrebbe funzionare da trampolino per il 1ancio internazionale. Sui mercati esteri la
distribuzione sarà curata dalla società francese Wilct Bunch, già marchio di Michael Moore e Nanni
Moretti. «Ma non ho nessuna fiducia - dice Sabina Guzzanti nella possibilità che questo film possa
essere acquista-to dalla Rai, nonostante la proposta di Sandro Curzi».
Il documentario di 80 minuti spara a zero sulla libertà di informazione in Italia, iniziando con il
ricordare come il suo Raiot fosse stato cancellato, nel novembre 2003, dopo una prima puntata
ass
aipr
omet
t
ent
e(
23perc
ent
odishar
e)
.Poil
adenunci
adelsi
st
emadipot
er
edel
l
’
i
nf
or
maz
i
one
in mano al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dei danni della Legge Gasparri, dei mille
conflitti di interesse che, secondo la Guzzanti, convivono tranquillamente nel nostro Paese. Il tutto
fra spezzoni, imitazioni, interventi di Dario Fo, Paolo Rossi, Daniele Luttazzi, Beppe Grillo. e Marco
Travaglio, ma anche di giornalisti stranieri che spiegano come nei loro Paesi la satira non sia
oggetto di discriminazione. E in Viva Zapatero! non mancano accuse alla sinistra, alla sue
connivenze e distrazioni verso un sistema di potere che la Guzzanti non esita a definire: «un
regime».
Roberto Cotroneo - L’
Uni
t
à,16set
t
embr
e2005
Onesto. Calzante. Lucido. E dal punto di vista cinematografico: geniale. Viva Zapatero! di Sabina
Guzzanti e stato paragonato a Fahrenheit 9/11 di Michael Moore. Ma, con tutto il rispetto per
Moore, con Fahrenheit 9/11, nonostante la nobiltà del terna, ti addormenti dalla metà in poi. Con
Viva Zapatero rimani incollato sulla sedia e ti accade qualcosa di assolutamente inedito. Per tutto il
tempo non sai se ridere o se piangere. Questo film è il più misurato, obbiettivo, tremendo,
documento su quello che è diventato questo paese dalla presa del potere di Silvio Berlusconi. È
unl documento che non fa demagogia, che non gioca oltre il lecito con le battute facili, che non fa
sermoni e morali a nessuno, che non certifica verità giornalistiche buone per una battaglia
ideologi
ca.Ma most
r
al
e cose come sono.Usa l
’
i
nt
er
v
i
st
a nelmodo i
n cuidov
r
ebbe esser
e
utilizzata veramente. E mostra soprattutto quanto il nostro paese, in questi ultimi anni sia franato
al
l
’
i
ndi
et
r
or
i
spet
t
oalr
est
odEur
opa:sulv
er
sant
edel
l
’
i
nf
or
maz
i
one,su quello della tolleranza, del
diritto di espressione, del diritto di satira.
Naturalmente la storia del film, è in parte la storia del programma, Raiot, di Rai Tre, chiuso dopo la
prima puntata, con un gesto censorio sconcertante, e persino ridicolo. La vicenda dì Raiot ha
mostrato quanto il potere in questo paese non sia in grado di sopportare nulla che non sia filtrato,
addomesticato, e soprattutto normalizzato. Così Sabina Guzzanti dopo averci raccontato, con
filmati di repertorio, quello che avvenne allora, è tornata dai protagonisti di quella vicenda a
chiedere conto. Il programma fu cancellato perché Berlusconi, fece arrivare alla Rai quattro
querele con la richiesta di danni per4ø miliardi di vecchie li-re. La sentenza ha poi detto che i! reato
[email protected]
6
non sussiste, e la Guzzantii è stata assolta soprattutto perché le cose dette nel programma erano
sostanzialmente vere. Ma nonostante questo, la Rai non ha rimesso il programma in palinsesto.
Le interviste di Sabina sono perfette. Sabina torna dai suoi censori per chiedere perché. E i perché
finiscono per esprimere più che una opinione una sottocultura. Una sottocultura verbosa e
arrancante, di gente che non riesce neppure ad arrampicarsi sugli specchi. E si mette a fare
distinguo tra informazione e satira, e parla di paletti, di misura, di una quantità di cose che sono
senza una logica vera. Flavio Cattaneo, già direttore generale Rai che dice, testuale: «se fai
i
nf
or
maz
i
onesiaccet
t
al
er
egol
edel
l
’
i
nf
or
maz
i
onesesif
as
at
i
r
asidev
eat
t
ener
eal
l
er
egol
edella
satira, quindi non è contro Sabina Guzzanti la chiusura». E Sabina: «ma le regole della satira dove
le ha lette lei mi scusi?». Oppure Gasparri, che dice: «No, vede... questa è una questione seria
signora Guzzanti. La satira è la satira, il dibattito è il dibattito». E il senatore Lainati di Forza Italia:
«Senta io sono un collega di suo padre che è un esponente del centro destra... ho avuto occasione
dipar
l
ar
econsuopadr
echeèunsenat
or
edelcent
r
odest
r
a.
.
.
».ESabi
na:«chec’
ent
r
a,houna
certa età, non chiedo mica a mio padre quello che devo fare».
In queste perle linguistiche che sono la sostanza della malattia ideologica e morale di questo
paese, in questo verboso nascondersi dietro parole, in questo tentativo di comunicazione da
piazzisti di enci
cl
opedi
a, di v
endi
t
or
i di ghi
acci
ol
i agl
i eschi
mesi
, che è l
’
i
deol
ogi
a del
berlusconismo più autentico, Si innestano filmati dei programmi dì satira in Francia, e interviste a
giornalisti stranieri che vivono in ItaIia: Udo Gumpel e Marcelle Padovani. Entrambi spiegano che è
impossibile raccontare queste cose agli stranieri. Entrambi dicono che in nessun paese la satira
può essere censurata. In Francia, in una parodia tarantiniana di Pulp Fiction, hanno inscenato
per
si
noun’
esecuz
i
onediChi
r
ac.Danoi, ma ormai si sa da tempo, tutto questo è impossibile. Ma
seVi
v
aZapat
er
osil
i
mi
t
asseaquest
o,sar
ebbeun’
ut
i
l
ef
i
l
m suquel
l
icheal
cunidef
i
ni
sconouna
anomalia di questo paese, e noi potremmo definire meglio come una forma di barbarie: il potere
assoluto di un uomo su tutti i mezzi di informazione, e che caccia dal video attori e giornalisti
scomodi. Ma Viva Zapatero è la dimostrazione di un nodo ancora peggiore. Il rapporto tra media e
potere che vige in Italia, e che sarebbe riduttivo leggere solo in chiave politica. La sudditanza di
buona parte dei media nei confronti del potere, e lo scarsissimo rispetto de! potere nei confronti dei
media. Non si sa bene chi abbia cominciato prima. Ma questo ormai avviene ovunque: nella
politica, nella cultura, nello spettacolo, nello sport. Viva Zapatero è una grande lezione di
giornalismo proprio perché è fuori dal giornalismo. Ma è di certo giornalismo, di certo suo
linguaggio, della sua non volontà di fare domande, di quel suo voler essere a tutti i costi
trasversale, cincischiante, assolutorio, spesso persino compromesso, pieno di malizie, privo di
schiettezza, capace di traccheggiare ogni qualvolta gli è possibile che parla soprattutto Viva
Zapatero. Quel giornalismo che usa il linguaggio dei suoi politici, perché spesso i suoi politici
hanno fatto i giornalisti, e ormai nessuno riesce a distinguere i linguaggi: tutti uguali. E proprio
questo giornalismo che esce peggio da questo film. E questo farsi da parte, questo lavarsene le
mani, che viene fuori con più pr
epot
ent
el
uci
di
t
àdal
«j
’
accuse»del
l
aGuzz
ant
i
.
Quando chiusero Raiot tutti trovarono una ragione. «Una ragione» con ragione, da parte dei
giornali vicini al centrodestra. E «una ragione» per quanto non condivisi-bile, da parte di quelli del
centro sinistra. Ma alla fine si capiva comunque un fatto, e va detto senza ipocrisie: che quel
pot
er
econdi
v
i
so,quel
l
epar
ol
echepassanodaunaboccaal
l
’
al
t
r
anel
f
i
l
m del
l
aGuz
z
ant
i
,par
ol
edi
destra, di centro e anche di sinistra, nella sostanza non dicono cose troppo diverse. E dietro
quest
epar
ol
ec’
èunpost
ul
at
o:«icomi
cinonpossonof
ar
eigi
or
nal
i
st
i
».Chet
r
adot
t
osi
gni
f
i
ca:una
voce che esprime opinioni, e non ha fatto un esame di stato non può esprimersi liberamente.
Purtroppo con sfumature diverse si ritrova in tutti gli schieramenti . Il contraltare è quello di Luciano
Canfora che pacatamente fa scivolare questo mondo di ignoranza in un limbo del ridicolo:
«Aristofane inserisce nelle sue commedie dei comizi interi», spiega alla Guzzanti: «si chiamava
parabasi; il corifeo si staccava dagli altri, dal resto del coro, andava in primissima fila, e diceva:
“
or
apar
l
oal
l
aci
t
t
à”edi
cev
at
ut
t
oquel
l
ochegl
ipassav
aperl
at
est
asul
l
aguer
r
a,l
apol
i
t
i
ca,su
qualunque argomento».
Ora Sabina Guzzanti è disposta a seguire il suo film, che distribuisce Lucky Red, in trenta copie
iniziali, in tutte le città dove verrà proiettato. Quelli che hanno voluto, allora, la chiusura di Raiot
dovrebbero cominciare a preoccuparsi . La satira, spesso, fa dei brutti scherzi, torna come un
[email protected]
7
boomerang, e i boomerang più vengono lanciati lontani più prendono forza e velocità, e fanno
molto male.
Roberto Nepoti - Vanity Fair, n. 39 6 ottobre 2005
Abbiamo anche noi un Michael Moore? Col suo documentario satirico sul tema della censura, che
a Moor
e guar
da un po’(
sopr
at
t
ut
t
o nel
l
ei
nt
er
v
i
st
e a per
sonaggiche non v
ogl
i
ono saper
ne)
,
Sabina Guzzanti ha ottenuto un successo di pubblico sorprendente: 150 mila euro nel primo fine
settimana. Piccoli numeri, si dirà; molto significativi, però, se si considera che Viva Zapatero! è
uscito in sole 34 copie (raddoppiate nel secondo weekend) ed è conteso dalle distribuzioni estere,
cos
ar
ar
aperundocument
ar
i
oi
t
al
i
ano.Un po’comi
co unpo’amar
o,i
lf
i
l
m pr
opone spez
z
oni
televisivi, interviste a personaggi censurati (Dario Fo, Enzo Biagi), materiali inediti (il confronto con
ipr
ogr
ammidisat
i
r
a pol
i
t
i
ca f
r
ancesie br
i
t
anni
ci
)
,r
i
f
l
essi
onidel
l
’
aut
r
i
ce su “
Rai
Ot
”
,i
lsuo
programma bloccato prima della messa in onda, più imitazioni sue (Berlusconi
,D’
Al
ema)ediNer
i
Marcorè (Gasparri). Divertente il duetto tra Guzzanti-Berlusconi e un comico inglese che
impersona Tony Blair.
Emanuela Martini - Film Tv n. 39, 27 settembre 2005
Viva Zapatero! di Sabina Guzzanti, che sta raccogliendo un inaspettato successo di pubblico
(infatti la compagnia di distribuzione Lucky Red ha deciso di aumentare il numero delle copie in
ci
r
c
ol
az
i
one)èun’
i
nchi
est
asul
l
al
i
ber
t
àdisat
i
r
aed’
i
nf
or
maz
i
onenelnost
r
opaese,gi
r
at
aconl
a
cl
assi
cat
ecni
cadel
l
’
i
nchi
esta televisiva, mescolando spezzoni della trasmissione e del successivo
spet
t
acol
o del
l
’
aut
r
i
ceei
nt
er
v
i
st
eadat
t
or
isat
i
r
i
ci
,gi
or
nal
i
st
ieopi
ni
oni
st
ipi
ùo menoi
ncappat
i
nella nostrana censura televisiva (Beppe Grillo, Paolo Rossi, Dario Fo, Enzo Biagi, Michele
Santoro, ecc;), ai politici del centrodestra e del centrosinistra che al momento della sospensione di
Raiot ricoprivano ruoli chiave (dal ministero delle Comunicazioni alla Presidenza della Rai e del
Consiglio di garanzia), agli osservatori stranieri, ancora giornalisti e autori satirici, sempre più
stupefatti davanti alla situazione italiana (che imputano, lucidamente, a entrambi gli schieramenti
pol
i
t
i
ci
)
.Lar
egi
adel
l
aGuz
z
ant
inonhal
’
ef
f
i
caci
ae“
l
’
ar
i
a”deif
i
l
m diMi
chaelMoor
eet
i
enepoco
conto del contesto esterno (come sa fare Moore nelle opere migliori). La sua naturale destinazione
sarebbe la televisione. Ma, qui e oggi, questa è una contraddizione in termini. Perciò ben venga
nelle sale e poi in dvd perché, non fosse altro che come promemoria, va visto.
Max Stèfani - Il Mucchio Selvaggio , ottobre 2005
Anche se duramente criticato dai celoduristi della Lega, il film documentario satirico della Guzzanti
hascos
sounpo’l
eacquenel
l
’
assonnat
ocl
i
madel
l
aMost
r
adiVenez
i
a.Bel
l
a, ma come al solito
con pochi spazi per il cinema italiano non firmato dai soliti Medusa, Istituto Luce, Rai, Fandango. È
st
at
oi
l
f
i
l
m pol
i
t
i
cochemancav
aal
l
aMost
r
a.LaGuz
z
ant
i
,pr
endendospunt
odal
l
’
oscur
ament
odel
suo programma Raiot, mette a nudo la censura brutale, perversa che si è abbattuta in questi anni
sulla nostra penisola e sui mezzi di comunicazione. pubblici e privati che siano; e non si è limitata
adespr
i
mer
el
asuar
abbi
a:hapr
esoal
v
ol
ol
’
occasi
oneperandar
eav
er
i
f
i
car
e,i
nmodoserio ma
conmol
t
o senso del
l
’
umor
i
smo,l
o st
at
o del
l
a democr
az
i
ai
nI
t
al
i
a.I
lr
i
sul
t
at
o è dr
ammat
i
co.I
l
documentario è una sfilata di zombie ignavi, paralizzati dalla paura o semplicemente cinici e fieri
della loro indegnità. Si ride spesso per gli sketch e le imitazioni della Guzzanti, ma Viva Zapatero è
al tempo stesso angosciante e deprimente. Quando Grillo supplica in giornalisti di ribellarsi o
almeno di scrivere quello che pensano e parlare di quello che vedono, è imbarazzante per la
nostra categoria, come emozionante è il pianto di Alfredo Pieroni, quasi distrutto dal subdolo
r
i
pul
i
st
if
at
t
oal
l
’
i
nt
er
nodel
“
Cor
r
i
er
eDel
l
aSer
a”
.Nonsi
r
i
spar
mi
ano,gi
ust
ament
e,cr
i
t
i
cheal
cent
r
o
sinistra che nulla ha fatto, quando addirittura non ha aiutato, per far sì che Berlusconi non
ar
r
i
v
as
se alpot
er
e.L’
at
t
eggi
ament
ot
enut
o dal
l
a si
ni
st
r
a ait
empidel
t
a sospensi
one del
pr
ogr
ammaèancor
aoggidav
er
gognaper
chéhadi
most
r
at
oche“
t
ut
t
a”l
apol
i
t
i
canongr
adi
scel
a
“
sat
i
r
a”eche pur
t
r
oppo,se come sembr
al
a sinistra vincerà le elezioni il prossimo anno, non
cambi
er
à ni
ent
e.Ri
mar
r
emo sempr
e alsessant
esi
mo post
o perl
’
Osser
v
at
or
i
o mondi
al
e del
l
e
libertà civili. Il film esce con la distribuzione indipendente della Lucky Red, a dimostrazione che in
Italia si possono fare film o libri anche senza passare per forza dalla Medusa o da Mondadori.
[email protected]
8
Kataweb.it cinema
Il presidente Chirac è seduto alla scrivania del suo studio, quando due tipi armati fino ai denti e
conci
at
icomeJohnTr
av
ol
t
aeSamuelJack
soni
n’
Pul
pf
i
ct
i
on’gl
ipunt
ano l
epi
st
ol
eal
l
at
est
a,
elencandogli tutte le promesse elettorali non mantenute. La scena non è presa da un video
eversivo in circolazione su internet, ma da una popolare trasmissione satirica regolarmente in onda
sul
l
at
vf
r
ancese,’
LesGui
gnol
sdel
’
i
nf
o’
.
Di’
Vi
v
aZapat
er
o!
’
,i
ldocument
ar
i
ocher
i
cost
r
ui
scel
ev
i
cende delpr
ogr
amma’
Rai
ot
’
,sospeso
dalla Rai dopo una sola puntata, una delle cose che fanno più effetto è la finestra che spalanca
sul
l
’
Eur
opadel
l
asat
i
r
a.Tr
ai
mmagi
nidi repertorio e interviste a più o meno imbarazzati esponenti
digov
er
no,opposi
z
i
oneedel
l
’
i
nf
or
maz
i
onei
t
al
i
ana,Sabi
naGuz
z
ant
imet
t
ei
nf
at
t
il
esuei
ncur
si
oni
in alcune delle più popolari trasmissioni satiriche estere: come quando, truccata da Berlusconi,
affianca in una rocambolesca conferenza stampa congiunta un altrettanto mascherato comico
britannico che imita - in tutta libertà - il premier Tony Blair. E che definisce "inconcepiblie" che nel
suo paese possa accadere ciò che è successo a Raiot.
Sospesoconl
’
accusadinonf
ar
esat
i
r
amadiusar
ei
l
ser
v
i
z
i
opubbl
i
coperf
ar
epol
i
t
i
ca,’
Rai
ot
’non
è mai più andato in onda. Neanche dopo che il giudice ha stabilito che la querela fosse priva di
fondamento e che i fatti di cui parlava fossero veri. E proprio in quel momento Sabina Guzzanti ha
deciso di intraprendere questo viaggio nella censura, con testimonianze di Dario Fo, Paolo Rossi,
Beppe Grillo, Enzo Biagi, Daniele Luttazzi e molti altri.
I
lv
i
aggi
odi’
Vi
v
aZapat
er
o!
’
,passat
oancheperl
aMost
r
adi Venezia, dove è stato accolto da 12
minuti di applausi, continua adesso in trenta sale italiane. Un numero (per ora) ridotto di copie per
consentire a Sabina Guzzanti di accompagnare il suo film in giro per il paese, nella speranza che
l
’
ef
f
et
t
o’
Fahr
enhei
t9/
11’(
l
a casa didi
st
r
i
buz
i
one è l
a st
essa)coi
nv
ol
ga i
lmaggi
ornumer
o di
per
sone."
Lav
ogl
i
adiconoscer
ec’
è,enonl
odi
most
r
asol
oi
l
successodeidocument
ar
ial
ci
nema
ma anche la sommossa popolare che ci fu quando Raiot fu sospeso. Andammo in onda
dal
l
’
Audi
t
or
i
um diRomai
ncol
l
egament
ov
i
asat
el
l
i
t
e,ef
uor
ic’
er
ano15mi
l
aper
soneasegui
r
cisul
maxischermo."
"
I
lt
i
t
ol
o’
Vi
v
aZapat
er
o!
’- spiega la Guzzanti - oltre ad essere la citazione di un film con Marlon
Br
andoi
nt
i
t
ol
at
o’
Vi
v
aZapat
a!
’
,vuole essere un omaggio al premier spagnolo. Appena è stato
eletto, ha cominciato a mettere in pratica ciò che aveva promesso. In particolare, sta facendo in
modochenonsi
api
ùi
lpot
er
epol
i
t
i
coagest
i
r
el
’
i
nf
or
maz
i
onepubbl
i
ca.Per
chél
al
i
ber
t
ànonèun
lusso, anche se vogliono farci abituare a questa idea."
Aspet
t
ando l
ar
i
spost
a delpubbl
i
co i
t
al
i
ano,’
Vi
v
a Zapat
er
o’ha nelf
r
at
t
empo gi
à conv
i
nt
oi
distributori francesi, spagnoli e svizzeri, che hanno acquistato il documentario, presentato fuori
concor
soal
f
est
i
v
aldiSanSebast
i
an.Epr
opr
i
ooggi
,i
lquot
i
di
anobr
i
t
anni
co’
Thei
ndependent
’ha
dedi
cat
oduepagi
nealf
i
l
m.Chi
ssàchedav
v
er
o,comeauspi
caSabi
na,ol
t
r
eal
l
’
uni
onemonet
ar
i
a
nonesi
st
ai
nEur
opaancheun’
uni
oneumor
i
st
i
ca.
Claudia Gorgoglione –la repubblica 9 settembre 2005
Irrompe tra i fasti e rituali della Mostra, conquistando tutta la ribalta. Così, in una giornata che
dov
ev
aesser
eal
l
’
i
nsegnadelci
nemai
t
al
i
ano"
i
st
i
t
uz
i
onal
e"- dal film di Pupi Avati al premio alla
carriera per Stefania Sandrelli - Sabina Guzzanti sconvolge ogni cosa, infiammando la platea
come non mai: il suo documentario "Viva Zapatero", evento a sorpresa di oggi, strappa ben dodici
mi
nut
idiappl
ausi
.Con l
’
aut
r
i
ce e isuoicompagnid’
av
v
ent
ur
a - da Michele Santoro a Marco
Travaglio - accolti come eroi.
Ei
lmer
i
t
ononèt
ant
odel
l
’
oper
ai
nséepersé,quant
odel
l
acar
i
ca"
ev
er
si
v
a"chepor
t
aal
f
est
i
v
al
:
r
i
per
cor
r
ei
nf
at
t
i
,conl
’
ai
ut
odinumer
oset
est
i
moni
anz
e,l
ast
or
i
adelpr
ogr
ammat
vdel
l
aGuz
z
ant
i
,
Raiot, prima voluto e poi censurato da RaiTre. Svelando anche - attraverso incontri coi principali
autori europei di satira televisiva - l
’
anomal
i
ai
t
al
i
ana:uni
copaesechemet
t
ei
lbav
agl
i
oaicomi
ci
.
Gov
er
nat
odaunuomo,Si
l
v
i
oBer
l
usconi
,cheèl
’
i
ncar
nazione vivente di un incredibile conflitto di
interessi. E in cui gente presente sul piccolo schermo da una vita - Santoro, Enzo Biagi - ne è stata
al
l
ont
anat
abr
uscament
e,dopol
’
"
anat
ema"l
anci
at
odal
pr
emi
er
.
At
t
enz
i
one,per
ò:come l
’
aut
r
i
ce t
i
ene a sot
t
ol
i
near
e,"
’
Vi
v
a Zapat
er
o"non è un f
i
l
m cont
r
o
[email protected]
9
Berlusconi. Non penso affatto che lui sia un genio del male... diciamo che sicuramente non è un
geni
o.E’sempl
i
cement
e un’
oper
a suunsi
st
ema mar
ci
o"
.E i
nef
f
et
t
il
a pel
l
i
col
a nonf
as
cont
i
soprattutto a chi, almeno in teoria, dovrebbe fare opposizione: non a caso, i momenti più esilaranti,
che hanno strappato più applausi anche in sala, sono quelli in cui vediamo gli imbarazzi e le
esitazioni di esponenti del centrosinistra, di fronte alla censura. Come si vede, ad esempio,
nel
l
’
i
nt
er
v
i
st
a al
l
’
at
t
ual
e pr
esi
dent
e Rai
, Cl
audi
o Pet
r
ucci
ol
i
, al
l
’
epoca numer
o uno del
l
a
commissione di Vigilanza: commentando la sua performance, la Guzzanti - qui al Lido - la
definisce "esilarante".
Insomma: niente propaganda anti-premier e basta. Anche perché, come ricorda Santoro, "la
censur
ac’
er
agi
àpr
i
madil
ui
,ei
npar
t
esempr
ecisar
à.Mai
nI
t
al
i
aèsuccessoqual
cosadipi
ù:
una malattia profonda, una degenerazione. In questo senso, il film non è contro Berlusconi, ma
parla invece del dopo Berlusconi. Rivolgendosi alla nostra parte: ai politici che avrebbero dovuto
bat
t
er
si
,i
nt
er
pr
et
andol
av
ol
ont
àdei
ci
t
t
adi
ni
,enonl
’
hannof
at
t
o"
.
E’quest
a,i
nsomma,l
av
er
adenunci
apr
esent
enelf
i
l
m.Chei
nt
er
pr
et
agl
iumor
inonsol
odei suoi
protagonisti, ma anche di una fetta di opinione pubblica. Come mostra il trionfo ottenuto in questa
edi
z
i
onenumer
o62del
l
aMost
r
a.Fest
i
v
alche,r
i
cor
di
amol
o,sièaper
t
ocolsuccess
odiun’
al
t
r
a
pellicola centrata sulla libertà di stampa: "Good night, and good luck" di George Clooney, dedicata
a un giornalista che si battè come un leone contro il maccartismo. E in cui si colgono analoghi
timori sul tema della libertà di espressione.
Certo, guardando il documentario di Sabina, vediamo come in Italia la situazione sia più grave
rispetto a qualsiasi altro paese civile. Ma per lei, bandita dalla tv pubblica, una consolazione
comunquec’
è:i
l
suof
i
l
m,di
st
r
i
bui
t
odal
l
eLuckyRed,usci
r
àneici
nemai
l
16set
t
embr
e.Equal
che
giorno prima, il 12, sarà proiettato davanti al Parlamento europeo. Quanto alla Rai, il consigliere
d’
ammi
ni
st
r
az
i
oneSandr
oCur
z
i
,pr
esent
equiaVenez
i
a,assi
cur
a:"
Cer
cher
òdiconv
i
ncer
ei
lcda
a mandarlo in onda". E la Guzzanti, scuotendo la testa, replica: "Sì, come noooo...".
Claudio Zappoli - Mymovies.it
Questo film-document
ar
i
or
i
per
cor
r
e con l
’
ai
ut
o dinumer
ose t
est
i
moni
anz
e, l
a st
or
i
a del
programma tv della Guzzanti, Raiot, prima voluto e poi censurato da RaiTre. Più che un film
’
cont
r
oBer
l
usconi
’èunf
i
l
m chesii
nt
er
roga su quale sia la definizione di satira e sulla effettiva
libertà di informazione nel nostro Paese. Sgombriamo subito il campo da un equivoco: proprio chi
sost
i
enei
l
gov
er
nodel
Pol
odov
r
ebbegi
oi
r
ediundocument
ar
i
o’
al
l
aMi
chael
Moor
e’comequest
o.
Infatti con la sua libera circolazione nelle sale porta acqua al mulino di chi sostiene che
l
’
al
l
ont
anament
odiBi
agidal
l
at
vpubbl
i
caèst
at
osol
ounamessaar
i
posoperr
aggi
unt
il
i
mi
t
id’
et
à
e che in Italia non esiste alcuna censura preventiva. Di fatto la Guzzanti (che si compiace non
pocodelsuo’
caso’enonr
i
nunci
amaif
i
noal
l
af
i
near
i
t
or
nar
v
ianchequandosembr
apr
ont
aad
allargare lo sguardo sul complesso della situazione della comunicazione in Italia) non lesina
critiche neppure alla sinistra. Colpevole, a suo dire, di eccessiva compiacenza nei confronti del
Cavaliere. Quello che Moore aveva solo accennato riguardo alla debolezza dei Democratici
amer
i
caniquiemer
gei
nmodopal
eseet
r
ov
aunasuai
conanelv
ol
t
odel
l
’
at
t
ual
ePr
esi
dent
edi
garanz
i
adel
l
aRaiPet
r
ucci
ol
ienel
suoannaspar
eal
l
ar
i
cer
c
adir
i
spost
epl
ausi
bi
l
i
."
Di
’qual
cosadi
sinistra" gli urlerebbe un passionale Moretti. La Guzzanti, in questo caso, sembra invece più
compi
aci
ut
adel
suoest
empor
aneo’
Bl
ob’i
nquel
l
ocher
est
acomunque un documento che stimola
la discussione e il confronto.
Castlerock CinemaZone
Dopo l
’
i
noppor
t
una e pr
et
est
uosa soppr
essi
one dalpal
i
nsest
o not
t
ur
no diRai
t
r
e delsuo
programma (più o meno) satirico, Sabina Guzzanti opta per armi più fini (se così si possono
definire), dedicandosi al cinema, e scrivendo un film di denuncia sulla sua trasmissione di
denunci
a.Un’
i
nv
ol
uz
i
one digener
ie espr
essi
onicomuni
cat
i
v
e paur
osa,che dà per
òv
i
t
a al
frizzante Viva Zapatero!, film/documentario di accusa/propaganda che di tutto tratta tranne che
degli spagnoli e del loro primo ministro.
La Guzzanti si rifà agli ormai celeberrimi film a tesi di Michael Moore, costruendo il documentario
permet
à con i
nt
er
v
i
st
er
eal
i
zz
at
e ad hoc,perl
’
al
t
r
a con sk
et
ch e par
odi
er
i
pr
esi dai suoi
[email protected]
10
programmi o da programmi di satira internazionali. La tesi che enuncia si distingue in modo netto
nel
f
i
l
m dal
(
br
ut
t
o)ci
nemadiMoor
eperduepr
i
nci
pal
imot
i
v
i
:i
lpr
i
mo,noni
ndi
f
f
er
ent
e,l
’
af
f
er
enz
a
della Guzzanti al mondo della satira infor
mat
i
v
a,t
ut
t
’
al
t
r
a cosa r
i
spet
t
o aldocument
ar
i
smo
d’
i
nchi
est
a.I
lsecondo,non meno i
mpor
t
ant
e(
anz
i
)delpr
ecedent
e,è l
’
aut
or
ef
er
enz
i
al
i
t
à del
l
a
costruzione del prodotto cinematografico. Sono questi i due aspetti fondamentali che segnano Viva
Zapatero!
,al
dil
àdel
l
’
enunci
at
odel
l
at
esiche,r
i
spol
v
er
andoar
goment
iet
eor
i
eunpo’l
i
seadi
r
ei
l
vero, si concentra sulla possibilità di far televisione e sul limbo di confine tra satira e informazione
nel servizio di Stato.
Il primo punto su cui la Guzzanti costruisce (non si sa quanto consapevolmente) la sua identità di
ci
neast
a,smar
candosidaf
aci
l
ianal
ogi
econuncer
t
ot
i
podidocument
ar
i
smod’
assal
t
o,èl
asua
identità pubblica di show-womandelmondodel
l
asat
i
r
ai
mpegnat
a.Edèdunquesul
l
’
i
mpegnoche
la regista (o si dovrebbe dire montatrice, o protagonista?) fonda il suo film, creando una
dissonanza tra il tono con il quale affronta - in voice off - la vicenda, con la relativa costruzione
del
l
’
i
mpi
ant
omusi
cal
eesonor
o,ei
lmat
er
i
al
echef
ungeda contenuto vero del film, materiale che,
raccogliendo in gran parte spezzoni di programmi satirici (di casa Guzzanti e non), non si presta
agevolmente ad un tipo di lettura seriosamente militante. Non si capisce se sia una dicotomia
cercata, ma si avverteun’
i
nadeguat
ez
z
adelr
i
t
model
l
ei
mmagi
nir
i
spet
t
oalt
ent
at
i
v
or
i
cer
cadiun
tono pacato e incedente.
Secondopunt
oi
nt
er
essant
enel
l
’
anal
i
sidel
l
acost
r
uz
i
onedel
f
i
l
m èl
’
aut
or
ef
er
enz
i
al
i
t
àdel
r
accont
o
a tesi portato avanti dalla pellicola. Essendo parte in causa, la Guzzanti non esita ad affiancare alla
sua tutte le situazioni di "precarietà del posto di lavoro", chiamiamole così, del mondo televisivo,
ma nonsol
o.Fi
ni
sce addi
r
i
t
t
ur
a perav
ocar
eal
l
a cat
egor
i
a degl
iemar
gi
nat
idalpot
er
el
’
ot
t
i
mo
Fer
r
ucci
odeBor
t
ol
i
.Esempi
odicomel
’
anal
i
sidel
l
aGuz
z
ant
isi
ai
ndi
v
er
sipunt
if
umosa,senz
a
uno scopo preciso, pur venendo aiutata da interviste imbarazzanti (per gli intervistati)
del
l
’
est
abl
i
shmentpol
i
t
i
coi
t
al
i
ano.Lasequenz
a(
?)f
i
nal
eèpar
adi
gmatica di questi due grandi vizi
(?) da cui il film trae linfa, presentando in maniera drammaticamente partecipe e accorata quella
che è st
at
al
a gr
ande f
est
a del
l
’
Audi
t
or
i
um r
omano nel
l
a ser
at
a del
l
a seconda punt
at
a del
programma.
Un buon film di propaganda, che sarà duro terreno di scontro fra le parti, ma che non aggiunge
nul
l
adinuov
onédideci
si
v
onel
l
’
aut
unnoci
nemat
ogr
af
i
co,s
enonperun’
ecocheconi
lci
nemaanche quello veramente politico - nonc’
ent
r
anul
l
a.
Cristina Piccino - Il Manifesto
Trionfo al Lido per il documentario di Sabina Guzzanti inserito a sorpresa tra le proiezioni e
accompagnato da una tavola rotonda con Michele Santoro, Marco Travaglio e Sandro Curzi. Si
par
l
adel
l
’
I
t
al
i
a,del
l
acl
assepol
i
t
i
ca,del
l
al
i
ber
t
àd’
espr
essi
onenegata
I
l
t
i
t
ol
oèunpo’unapr
ov
ocaz
i
one,v
er
si
oneaggi
or
nat
adel
«dìqual
cosadi
si
ni
st
r
a»mor
et
t
i
anocon
l
ost
essodest
i
nat
ar
i
o,l
ì(
Apr
i
l
e)D’
Al
emai
nt
v,quil
anost
r
aopposi
z
i
one,l
a«si
ni
st
r
a»pol
i
t
i
cae
cul
t
ur
al
e del
l
ei
st
i
t
uz
i
oninel
l
’
er
a Ber
l
usconi. Viva Zapatero, a ricordare che il leader spagnolo
eletto ha fatto ciò che aveva promesso, la cosa più semplice e normale che in Italia suona come
un’
enor
mi
t
à.«Ipol
i
t
i
cidov
r
ebber
of
ar
eci
òpercuil
iabbi
amoel
et
t
i
,comeappunt
ohadi
most
r
at
o
Zapatero, altrimenti sono le oligarchie che decidono. La classe politica al governo che vediamo nel
f
i
l
m nonsaneppur
epar
l
ar
e.Oggil
asol
av
i
ad’
usci
t
aaldi
sast
r
odelnost
r
opaeseèl
af
unz
i
one
del
l
al
i
ber
t
à,enonc’
èal
t
r
af
or
z
asenonl
’
opi
ni
onepubbl
i
caagarantirla. Chi si domanda quale può
essere il leader vincente sbaglia. Non è questione di aspettare il tipo strafico che ti risolve i
pr
obl
emi
,nonèdemocr
az
i
a.Lademocr
az
i
ai
nf
at
t
isif
ondasul
l
’
opi
ni
one».Vi
v
aZapat
er
oèar
r
i
v
at
o
al Lido a sorpresa nel giorno di furiosa tempesta (metereologica) che ha spazzato via tendoni e
st
r
ut
t
ur
e,ospi
t
edel
l
eGi
or
nat
edegl
i
aut
or
i
escel
t
odal
l
’
Anac.Unt
r
i
onf
o.Sal
ast
r
acol
ma,appl
ausi
a
«scena aperta», e quello lunghissimo finale come finora non si era mai visto - Polanski uscendo
dalla sala accende una sigaretta con sospiro. Qualcuno piange a dirotto (dirà in conferenza
st
ampaungi
or
nal
i
st
a:«hopi
ant
operi
lmi
opaese»)
.Sipar
l
ai
nf
at
t
idel
l
’
I
t
al
i
adioggi
,i
lpunt
odi
partenza è la chiusura di Raiot, il programma che Guzzanti aveva realizzato per Raitre dopo una
puntata, che diventa «pretesto» per denunciare censura, informazione controllata, «epurazioni»
(
l
’
edi
t
t
odiSof
i
ac
ont
r
oSant
or
o,Lut
t
az
z
i
,Bi
agi
)
,l
egamet
r
apol
i
t
i
caemedi
a- in Rai dicono alcuni
[email protected]
11
gi
or
nal
i
st
ic’
èsempr
est
at
omaoggièdi
v
enut
odi
kt
at- l
’
ar
r
oganz
adiunacl
assepol
i
t
i
cachenon
acc
et
t
adir
i
sponder
eal
l
edomandediGuzz
ant
i
.Maanchel
adebol
ezz
aches
f
i
or
al
’
oppor
t
uni
smo
delcent
r
o si
ni
st
r
a,un’
opposi
z
i
one pi
at
t
a,che r
i
schi
a dif
i
nr
eanch’
essa nel
l
a maci
na diquest
o
meccanismo. Insieme a Guzzanti, ci sono Michele Santori, Marco Travaglio, Bruno Guacca autore
di Le Grand Guignol, programma quotidiano di satira francese. È arrivato Sandro Curzi che
promette: «proporrò al consiglio di amministrazione Rai di trasmettere il film».
Per ora Viva Zapatero arriva in sala (il 16), ce lo porta la Lucky Red (Occhipinti si è subito
innamorato del lavoro), davanti ai cinema ci saranno dei tavolini per firmare un appello che chiede
al prossimo gover
no diabol
i
r
el
al
egge Gaspar
r
i
,disot
t
ar
r
el
e nomi
ne Raie l
’
i
nf
or
mazi
one al
cont
r
ol
l
opol
i
t
i
co,eun’
i
mmedi
at
al
eggesul
conf
l
i
t
t
odii
nt
er
essi
.«Met
t
er
emoanchedel
l
epost
az
i
oni
conv
i
deocamer
e,unpo’t
i
poi
lv
ecchi
oaudi
oboxdiRai
t
r
edov
el
agent
epuò dire cosa ne pensa.
Lapr
i
mav
ol
t
ami
sonof
at
t
at
r
ov
ar
ei
mpr
epar
at
amaor
al
’
hopensat
abene».
Non solo. Il 12 Viva Zapatero viene proiettato al parlamento europeo - i
l13c’
èl
aconf
er
enz
adi
Venezia che spiegherà perché la Gasparri e la Frattini sono liberticide - che purtroppo non può fare
mol
t
o ma che l
al
i
ber
t
à d’
i
nf
or
maz
i
one i
nI
t
al
i
a si
at
r
abal
l
ant
e al
l
’
est
er
o sene sono ac
cor
t
ida
tempo. Commentatori, giornalisti - come spiegare in Francia Porta a porta? è impossibile
commenta Marcelle Padovani - osservatori che mettono il nostro paese dopo il 2002 al 77° posto
nel
l
acl
assi
f
i
caperl
i
ber
t
àdeipaesi
.Guaccadi
ce:«Por
t
aapor
t
a?Unasat
i
r
adel
l
’
i
nt
el
l
i
genz
a».
Torniamo a Sabina. «Non volevo fare politica, il mio lavoro è la satira. Non credo che Berlusconi
sia il genio del male, anzi non credo proprio che sia un genio. Il problema è altrove. Siamo in un
sistema marcio che permette oggi a lui, domani a un altro, di fare ciò che vuole. La mia critica è
alla degenerazione del potere».
Interviene Sant
or
o:«l
acensur
ac’
èsempr
est
at
aesempr
ecisar
annot
ent
at
i
v
ii
nquest
osenso.È
un conflitto eterno ma ciò a cui stiamo assistendo in Italia è altro, mostra una malattia della politica,
della cultura, della morale. Il film di Sabina più che su Berlusconièsuquel`
dopo’chei
nqual
che
modo è già cominciato. E parla a noi, alla sinistra, ai nostri politici per fargli capire che dovrebbero
mettersi al servizio dei cittadini più che in passato».
La storia di Viva Zapatero comincia quando i giudici danno ragione a Guzzanti smontando la
querela miliardaria di Mediaset usata da servizio pubblico come giustificazione alla chiusura del
programma. A questo punto Raiot dovrebbe tornare in onda e invece no. Perché? Lo chiede a tutti
Sabina (con tecnica alla Michael Moore), commissione di vigilanza, Petruccioli allora responsabile,
che è esilarante nel suo arrampicarsi sugli specchi, e dice la regista negli extra del dvd sarà
ancora meglio, Gasparri, Cattaneo, esponenti del governo, del cda Rai Alberoni o Veneziani che
rifiutano di rispondere.
L’
i
nchi
est
asulsensoel
anat
ur
adel
l
asat
i
r
aar
r
i
v
ai
nOl
anda,Fr
anci
a,I
nghi
l
t
er
r
apers
copr
i
r
el
a
nostra «unicità». «Ci è voluto un anno per girarlo, e se il punto di partenza è stata la sentenza su
Raiot che ci dava ragione, il discorso si è subito allargato. La Rai non ci ha voluto dare i materiali,
dicevano che erano sotto sequestro. Mi sono pure spacciata per una regista che stava preparando
un film sul rapporto tra media e cristianitrà ma non mi hanno creduto». E gli int
er
v
i
st
at
i
,c’
èanche
chi oltre a non rispondere si è rifiutato di incontrarla? «Tutta la commissione di vigilanza non ha
acc
et
t
at
odif
ar
sii
nt
er
v
i
st
ar
e,sonodov
ut
aandar
l
iacer
car
econunst
i
l
eunpo’’
d’
assal
t
o’
.L’
uni
co
che si è preso la sua responsabi
l
i
t
àèst
at
oCat
t
aneo,anchesepur
el
uial
l
’
i
ni
z
i
oscappav
adat
ut
t
e
l
epar
t
i
.Poic’
èi
lcasodiPaol
oRuf
f
i
ni
,chei
nquant
odi
r
et
t
or
eRai
t
r
ehav
ol
ut
oi
lpr
ogr
ammael
o
haanchechi
uso.Mal
uinonhoneppur
ecer
cat
odii
ncont
r
ar
l
o`
d’
ass
al
t
o’
.È st
at
o così vile che
sono felice non sia nel film. Mi ha chiesto per tre volte di fare qualcosaa per Raitre e io rifiutavo,
tanto, gli dicevo, me lo censureranno. Per Raiot mi aveva dato assicurazioni di ogni tipo e quando
lo ha bloccato non ha avuto neppure il coraggio di dirmelo. E pensare che è in quota a sinistra».
[email protected]
12
[email protected]
13

Documenti analoghi