Comunicato Stampa - AUSL Reggio Emilia

Commenti

Transcript

Comunicato Stampa - AUSL Reggio Emilia
Reggio Emilia, 28 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA
Grande successo per la Giornata per la prevenzione del Piede diabetico
Grande successo per la giornata dedicata al Piede diabetico, svoltasi domenica 26 febbraio ai
Poliambulatori dell'Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova di Reggio Emilia.
Circa 100 persone con diabete hanno partecipato all'iniziativa che prevedeva un percorso di
educazione di gruppo sul piede diabetico e sull'alimentazione; i presenti hanno potuto eseguire lo
screening completo del piede in 8 ambulatori attivati con un medico e un infermiere e hanno poi
concluso la mattinata con un momento di “educazione” su fumo, alcool e attività fisica, in
collaborazione con Luoghi di Prevenzione, centro regionale di didattica multimediale per la
promozione della salute.
Sono stati oltre 25 gli operatori delle due Aziende sanitarie della provincia coinvolti, insieme ai
volontari delle associazioni diabetici della provincia, in questa iniziativa all'insegna della
integrazione e del gioco di squadra.
Grande l'apprezzamento dimostrato da tutti i partecipanti che hanno chiesto di replicare iniziative
di questo tipo per la cittadinanza.
Il Piede diabetico
Il Piede diabetico causa la metà dei ricoveri collegati al Diabete Mellito e ne è una delle
complicanze più invalidanti. Prevenire e diagnosticare in maniera tempestiva è dunque
fondamentale.
Il diabete può determinare diverse complicanze, tra cui un danno a nervi (neuropatia) con
conseguente perdita della sensibilità, o un danno alle arterie della gambe (arteriopatia) con
"placche" che possono ridurre il flusso del sangue. Quando la neuropatia diabetica e l’arteriopatia
delle gambe modificano la struttura o il buon funzionamento del piede è necessaria una diagnosi
specifica per predisporre una terapia adeguata che eviti la comparsa di lesioni ulcerative. Queste
ferite talvolta possono infettarsi e richiedere lunghe medicazioni e terapie; in alcuni casi si può
arrivare anche all’amputazione delle dita o di parti più ampie del piede.
La consapevolezza, l’osservazione e la corretta cura quotidiana dei piedi rappresentano insieme
all’identificazione dei fattori di rischio del piede diabetico il primo intervento di prevenzione per tale
complicanza. Mediante lo screening, è possibile inquadrare in modo semplice, rapido e poco
costoso i nostri piedi e prevenire problemi che altrimenti possono diventare enormi.
Gli Uffici Stampa