Visita alla mostra Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti,Visita

Commenti

Transcript

Visita alla mostra Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti,Visita
Visita alla mostra Modigliani, Soutine e gli
artisti maledetti
Milano, Palazzo Reale
venerdì 15 marzo 2013 – ore 15,40
VISITA GUIDATA (25 posti disponibili)
Euro 10,00 ( ingresso incluso!!! )
Per la prima volta in Italia, si possono ammirare i capolavori appartenenti alla ricca collezione di
Jonas Netter (1867 – 1946), acuto riconoscitore di talenti. La mostra presenta oltre 120 opere di
straordinaria bellezza di Modigliani, Soutine, Utrillo, Suzanne Valadon, Kisling e altri artisti che
vissero e dipinsero a Montparnasse agli inizi del Novecento durante i cosiddetti “anni folli”, in cui il
noto quartiere parigino divenne centro culturale di avanguardia e luogo di incontro di artisti e
intellettuali.
Di Modigliani Netter ammirò l’originalità del genio creativo, amò profondamente i suoi volti
femminili stilizzati su lunghi colli affusolati, come Elvire con colletto bianco (Elvire con collettino)
del 1918 e Fanciulla in abito giallo (Ritratto di giovane donna con collettino) del 1917, entrambi
esposti insieme a Ritratto di Zborowski (1916) e Ritratto di Soutine, questo realizzato nel 1916 dopo
l’incontro tra i due artisti che strinsero una solida amicizia, al punto che fu proprio Modigliani a
presentare Soutine a Netter. Di quest’ultimo sono esposti in mostra oltre venti olii, tra cui Uomo con
cappello, Scalinata rossa a Cagnes e La pazza.
Allo stesso modo Netter scoprì i quadri del “periodo bianco” di Utrillo, soprattutto vedute, tra le
quali Piazza della chiesa a Montmagny, Chiesa di periferia e Rue Muller a Montmartre, tutte esposte
in mostra. Netter decise di proteggere questo eterno fanciullo disincantato innamorato della madre,
Suzanne Valadon, valente e originale pittrice, anc
he lei presente in mostra, con opere come Ketty nuda mentre si stiracchia e Chiesa di Neyron.
La visita avrà una durata massima di 90 minuti.
Prenotazioni entro il 7 marzo 2013 inviando via email il modulo d’iscrizione alla mostra
all’indirizzo [email protected]
Chi vuole associarsi al Cral può farlo compilando il modulo scaricabile e inviandolo via
email a [email protected] .
La prenotazione verrà confermata via email da parte del Cral della
Provincia di Milano (per info Flavio Caminada 338 439 2161)
La visita sarà realizzata con un minimo di 25 partecipanti iscritti al CRAL.
Ritrovo: Venerdì 15 marzo 2013 ore 15,10 Milano Palazzo Reale Piazza Duomo.
ll CRAL Provincia di Milano
Visita guidata alla mostra Costantino 313
d.C.
Milano, Palazzo Reale, 15 febbraio 2013, ore 15.30
10,00 euro
La mostra celebra il 17° centenario dell’emanazione a Milano nel 313 d.C., da parte dei due Augusti
Costantino e Licinio, delle disposizioni note come l’editto di Milano.
Prenotazioni:
entro il 7 febbraio 2013 esclusivamente sottoscrivendo e inviando via email a
[email protected] il Modulo iscrizione Costantino.
La prenotazione verrà confermata via email da parte del Cral della Provincia di Milano
(per info Flavio Caminada 338 439 2161)
La visita sarà realizzata con un minimo di 25 partecipanti iscritti al CRAL
Le sei sezioni del percorso espositivo illustrano l’aspetto di Mediolanum, sede imperiale, nel IV
secolo d.C, la trasformazione dell’Impero operata da Costantino, dalle ultime persecuzioni alla sua
scelta di rendere lecito il cristianesimo, sotto il segno del Chrismon, e la diffusione del simbolo,
formato dall’incrocio delle due lettere iniziali del nome di Cristo (Xi e Rho), raffigurato su monete e
su oggetti preziosi e d’uso comune in tutto l’Impero. Segue una sezione dedicata alle testimonianze
figurative pagane di età costantiniana che documentano il clima di tolleranza culturale voluto
dall’imperatore.
Con particolare attenzione vengono raccontati i principali protagonisti del mondo di Costantino:
l’esercito con una affascinante parata di armi della cavalleria imperiale, la chiesa con i primi luoghi
di culto del cristianesimo ufficiale, la corte documentata da una galleria di ritratti imperiali e da
splendidi oggetti d’arte che ci restituiranno la realtà della vita dell’epoca.
La mostra si conclude con una spettacolare sezione relativa alla figura di grande modernità diElena
madre di Costantino imperatrice e santa. Il suo volto, i suoi viaggi alla ricerca della Croce e la sua
fama in età moderna vengono documentati da grandiose statue-ritratto, raffinati oggetti, disegni e
dipinti.