Relazione di presentazione al progetto

Commenti

Transcript

Relazione di presentazione al progetto
Relazione di presentazione al progetto
BANDO DI CONCORSO
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro
Concorso per l’assegnazione di n. 300 borse di studio individuali o collettive a
studenti delle Scuole Secondarie Superiori per lavori/progetto in tema di sicurezza
e salute negli ambienti di vita, di studio e di lavoro.
Anno scolastico 2004-2005
Titolo del progetto:
In casa sì…curi!
approfondimento di studio su aspetti tecnico-normativi riguardante la prevenzione dei
rischi in ambienti domestici
Descrizione e contenuti del progetto realizzato:
Il lavoro svolto dalle studentesse Benigni Tania, Flammini Federica, Manunta Claudia, Pierpaoli Altea
Tiburtini Sara, sotto la guida della Prof.ssa Donatella Talamonti tutor del progetto e rappresentanti
tutto il gruppo femminile della classe 3° A della Specializzazione Informatica dell’Istituto Tecnico
Industriale Statale “E. Fermi” di Ascoli Piceno, consiste nella presentazione in forma sia cartacea che
multimediale, molto articolata e dettagliata tuttavia di facile consultazione, di un approfondimento di
studio su aspetti tecnico-normativi riguardante la prevenzione dei rischi in ambienti domestici.
Il progetto realizzato con attinenza all’area di indirizzo seguita (Informatica) ha sviluppato la
conoscenza degli aspetti tecnico-normativi ed organizzativo-gestionali generali, relativi alla sicurezza e
salute negli ambienti di vita, di studio e di lavoro, la conoscenza dei principali fattori di rischio e la
capacità di individuare misure di prevenzione e protezione individuali e di tutela ambientale.
Esso si inserisce nel Piano dell’Offerta Formativa d’Istituto, in quanto la nostra scuola (Istituto Tecnico
Industriale Statale “E. Fermi” di Ascoli Piceno) è Scuola Polo per la sicurezza con decreto dell’Ufficio
Scolastico Regionale per le Marche fin dal 2001 recentemente rinnovato ( si allega copia del decreto);
il fatto di essere Polo per la sicurezza ha sicuramente influenzato molte attività didattiche, prima fra
tutte la formazione di molti operatori docenti e non docenti, e la sensibilizzazione al problema della
Pagina 1 di 3
sicurezza e salute negli ambienti di vita da parte degli studenti fra i quali si sono distinte le allieve
sopra menzionate che hanno realizzato un Cd multimediale divulgativo sviluppando le seguenti sezioni:
•
•
•
•
•
•
•
•
Un contributo per una maggiore coscienza di sicurezza
Dai piccoli incidenti domestici alle grandi calamità
Gli incidenti domestici
Il rischio naturale
–
Il rischio sismico
–
Il rischio di eruzioni vulcaniche
–
Il rischio di frane ed alluvioni
–
Il rischio tecnologico
–
Il patrimonio acqua
–
Il patrimonio aria
–
Il patrimonio terra
Troppi incidenti: è allarme “tempo libero”
–
Ferite da taglio, traumi: trentamila l’anno le vittime del fai-da-te
Boom degli infortuni domestici: all’Inail 4300 denunce in tre mesi
Controlli di sicurezza: la nuova frontiera per elettricità e gas
Impianti domestici alimentati a gas: le leggi da tenere d’occhio
Sezione Video
• Come nasce un pericolo, Inutili acrobazie, Sostanze tossiche e nocive
Sezione Diapositive
• Chi non conosce il mondo lo subisce!!
• Pronto soccorso: decidere il da farsi
Fasi:
Il progetto è stato realizzato secondo le seguenti fasi: recupero del materiale di studio, analisi di
situazioni tipo, sviluppo di form su cui segnalare le situazioni, analisi di situazioni di rischio, studio di
situazioni di prevenzione; implementazione in forma “informatica” di tutto il lavoro prodotto.
Obiettivi generali e specifici conseguiti:
L’iniziativa dà oggettivamente più visibilità ai progetti delle varie scuole favorendone il successo.
Con il Protocollo d’intesa del 20 febbraio 2002, il MIUR e l’INAIL hanno avviato un programma di
collaborazione organica e articolata nella realizzazione di un progetto destinato all’orientamento
professionale e tecnico scientifico e a forme di incentivazione allo sviluppo di professionalità in
materia di sicurezza e salute negli ambienti di vita e di lavoro.
Si conviene che la promozione della tutela della sicurezza e la salute negli ambienti di vita, studio e
lavoro debba essere innanzitutto un’attività non solo educativa, ma anche preventiva e indirizzata
Pagina 2 di 3
prioritariamente nei confronti dei giovani, cittadini e lavoratori di domani; inoltre si riconosce
l’importanza di creare un collegamento stabile tra scuola e mondo del lavoro, al fine non solo di
promuovere e sostenere lo sviluppo e la diffusione della cultura della prevenzione negli ambienti di
vita, studio e lavoro, ma anche di orientare e sostenere scelte professionali indirizzate all’acquisizione
delle conoscenze tecniche e specialistiche adeguate alle specifiche esigenze del mercato del lavoro.
Insegnante Tutor che ha seguito le fasi di sviluppo del progetto (Art. 2 Bando di Concorso)
Prof.ssa Donatella Talamonti
Ascoli Piceno 18 giugno 2005
Pagina 3 di 3