Fac simile istanza 492 bis

Commenti

Transcript

Fac simile istanza 492 bis
TRIBUNALE CIVILE DI ___________
RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DEI BENI EX ARTT.
492 BIS C.P.C. E 155 QUINQUIES, COMMA II, DISP. ATT. C.P.C
ALL’ILL.MO PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI ________
Per:
il
sig.________________
(CF_________)
residente
in
____________rappresentato e difeso dall’Avv. ____________(C.F.:
___________), giusta procura a margine/in calce al presente atto/all’atto di
precetto del ..........., elettivamente domiciliato presso il suo studio in
________, alla via ___________; indirizzo di posta elettronica certificata:
_________; indirizzo di posta elettronica ordinaria: _______________; fax
n. ______________;
PREMESSO CHE
- Il sig. _______________è creditore nei confronti del sig. /della
società
(C.F./P. IVA _______), residente in/con sede in
______________ in forza della Sentenza n.______________resa il
_________dal Tribunale di ___________nel procedimento RG n.
____________ ;
- con il menzionato provvedimento il Tribunale di _______ ha
condannato il sig. ________ a pagare, in favore del creditore istante, la
somma complessiva di Euro ________così imputata: 1) Euro
__________quale sorte capitale; 2) Euro __________per interessi
moratori sino al ________.; 3) Euro __________ a titolo di esborsi e
spese legali liquidate con la medesima Sentenza, oltre rimborso spese
forfettarie 15% ex d.m. 55/2014, C. P. A. ed I.V.A;
- la suddetta Sentenza,, munita di formula esecutiva, è stata notificata
unitamente al pedissequo atto di precetto il_____ con l’intimazione al
sig. ___________ di pagare, entro il termine perentorio di 10 giorni da
tale notifica, la complessiva somma di Euro_______ (come in dettaglio
indicato nel suddetto precetto che si deposita, in copia conforme,
unitamente alla citata Sentenza al doc. 1);
- è decorso il suddetto termine dilatorio ex art. 482 c.p.c. e, ad oggi, il
debitore non ha effettuato il pagamento intimatogli;
- occorre procedere ad espropriazione forzata e, a tal fine, è necessaria la
preventiva individuazione dei beni o crediti del debitore.
1
Tanto premesso, il sig. ________rappresentato, difeso e domiciliato come in
epigrafe
CHIEDE
che l’Ill.mo Presidente del Tribunale di _________ voglia autorizzare la
ricerca telematica dei beni e crediti del Sig./della società (C.F. / P. I.V.A. ),
residente/ con sede in_____________, ai sensi e per gli effetti dell’art. 492
bis c.p.c., mediante richiesta diretta delle informazioni, da rivolgere ai
gestori delle banche dati menzionate dal predetto articolo, rappresentando - a
tal fine – che:
a) alla data odierna non può essere disposto (e nemmeno richiesto)
l’accesso diretto, con modalità telematiche, alle medesime banche
dati da parte dell’ufficiale giudiziario addetto all’ufficio UNEP
presso codesto Tribunale;
b) non risultano, infatti, definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale gli
standard di comunicazione e le regole tecniche di cui all’art. 58,
comma 2, del codice di cui al D. Lgs. n. 82/2005 (c.d. Codice
dell’Amministrazione Digitale) menzionate nell’art. 155 quater,
comma 1, secondo periodo, disp. att. c.p.c.;
c) alla data odierna non risulta che il Ministero della Giustizia - così
come le amministrazioni che gestiscono le banche dati - dispongano
dei sistemi informatici per la cooperazione applicativa di cui all’art.
72, comma 1, lettera e) del medesimo D. Lgs. n. 82/2005;
d) non risultano stipulate convenzioni per la fruibilità informatica dei
dati tra il predetto Ministero e le medesime amministrazioni che
gestiscono le banche dati di cui all’art. 492 bis c.p.c., giacché – ad
oggi – non risulta pubblicato sul portale dei servizi telematici del
Ministero della Giustizia (menzionato nell’ultimo periodo del citato
comma 1 dell’art. 155, quater disp. att. c.p.c.) nessun elenco delle
banche dati per le quali risulta operativo l’accesso diretto da parte
dell’Ufficiale giudiziario per le finalità di cui alla suddetta norma.
Conseguentemente, giusta il disposto dell’art.155 quinquies, comma II, disp.
att. c.p.c., il creditore istante, rappresentato e difeso come in atti,
CHIEDE
2
all’Ill.mo Presidente del Tribunale di essere autorizzato allo svolgimento
della suddetta ricerca telematica, tramite richiesta diretta di informazione e di
interrogazione da rivolgere esclusivamente ai gestori delle banche dati
comprese nell’anagrafe tributaria, ivi incluso l’archivio dei rapporti
finanziari, nonché ai gestori delle banche dati degli enti previdenziali.
Bari, lì_______.
Avv. ___________
3