15 Avvicinarsi a Bruxelles

Commenti

Transcript

15 Avvicinarsi a Bruxelles
d o n a t o
l
v e r a l d i
i n t e r v i s t a
confindustria catanzaro informa
Avvicinarsi a Bruxelles
Intervista al parlamentare europeo Donato Veraldi sulla programmazione delle
risorse comunitarie
Periodo di programmazione
2007-2013
Obiettivo Convergenza
Fonti di finanziamento: Fondo di Coesione,
FESR, FSE
Obiettivo Competitività regionale e occupazione
Fonti di finanziamento : FESR, FSE
Obiettivo Competitività territoriale europea
(nuovo obiettivo)
Fonti di finanziamento: FESR
Donato Veraldi
Donato Veraldi, già presidente della Giunta regionale
geografica alla quale si accompagna una distanza
della Calabria e senatore della Margherita, da otto
diciamo “burocratica”.
mesi siede al Parlamento europeo.
che rende oggettivamente “lontane” dalla vita dei cala-
Onorevole Veraldi, com’è la Calabria vista da
bresi le istituzioni europee>.
Bruxelles?
Cosa fare per avvicinarla?
<La Calabria è lontana dall’Europa. Esiste una distanza
<Dobbiamo far giungere alle espressioni organizzate
15
Una carenza d’informazione
d o n a t o
della società calabrese notizie utili per sviluppare una
progettualità di base che metta in condizione enti locali, associazioni, imprese, di partecipare più attivamente ai programmi europei di
sviluppo economico e sociale>.
Ha qualche idea sul come
stabilire questo canale d’infor mazione?
<In questi mesi ho avviato
una serie di iniziative. Ho
stampato un opuscolo con i
programmi
europei
l
v e r a l d i
“
i n t e r v i s t a
europeo?
<Dalla settimana prossima sarò nella Commissione
Agricoltura. Finora ho fatto parte della commissio-
La Calabria è lontana
dall’Europa. Esiste una distanza
geografica alla quale si accompagna una distanza“burocratica”. Una carenza d’informazione che rende oggettivamente
“lontane” dalla vita dei calabresi le istituzioni europee
2007/2013, l’ho mandato
a tutti i sindaci della regione, ho organizzato un convegno il 21 ottobre scorso, con tutta la deputazione
europea, col presidente della Regione e col Ministro
D’Antoni, ho avviato una serie di convegni zonali per
“
ne LIBE (quella delle libertà) e della commissione
economia>.
Quali sono i temi emer genti in queste due commissioni che interessano
il sud dell’Italia e la
Calabria in particolare?
<Nell’ambito della commissione LIBE il problema
d
e
l
l
e
migrazioni.L’Europa, nel suo complesso, si sta
ponendoi il problema dell’accoglienza e dell’integrazione delle decine di migliaia di esseri umani che
fuggono dall’Africa e dal terzo mondo per approdare,
sensibilizzare gli amministratori locali, ho incontrato il
attraversando il Mediterraneo, con mezzi di fortuna ed
direttivo di Confindustria per invitare le imprese a parte-
a caro prezzo, da noi.Oggi la competenza nell’affron-
cipare ai bandi comunitari>.
tare questo fenomeno “epocale”, che interesserà in
Quali programmi per il futuro prossimo?
maniera crescente nei prossimi decenni tutta l’Europa, è
<Presentare i bandi europei, darne notizia a tutti i comu-
affidata al Ministero dell’Interno italiano che, con mezzi
ni calabresi, organizzare dei seminari di studio con le
e norme inadeguati, fa fronte all’emergenza come può.
organizzazioni sociali, imprenditoriali e con gli ammini-
L’Italia non può essere lasciata sola in questa vicenda. Il
stratori per progettare insieme a loro il da farsi in tema
Mediterraneo è la frontiera sud di tutta l’Europa, non
di attività sociali ed economiche europee>.
solo nostra. L’accoglienza, l’inserimento sociale, la soli-
Ci parla del suo ruolo istituzionale in seno al Parlamento
darietà umana che dobbiamo a questa umanità soffe-
16
d o n a t o
l
v e r a l d i
i n t e r v i s t a
confindustria catanzaro informa
rente (come sottolinea la CARITAS Italiana) sono un
sto tempo si accumulano. La C.E. ha il diritto dovere di
dovere di tutti gli stati membri. Nella carta Europea dei
ottimizzare l’efficacia nell’utilizzo dei fondi che mette a
diritti dell’uomo e del cittadino debbono trovare spazio
disposizione delle regioni e di vigilare sulla loro desti-
anche questi “migrantes”>.
nazione finale. Il problema, peraltro è stato di recente
Cosa si può fare in concreto?
sollevato anche dalla Giunta Regionale della Calabria
<La creazione di centri di accoglienza in Spagna,
e da una azienda che ha citato in giudizio gli istituti di
Francia, Germania, la emanazione di norme europee,
credito. Penso che le banche italiane siano anch’esse
valide in tutti gli stati membri, e lo stanziamento di fondi
interessate ad un tavolo di riflessione e di trattativa su
finalizzati all’inserimento sociale ed economico di que-
questo problema>.
ste famiglie sono l’obiettivo finale di un percorso che so
L’Unione europea ha un ruolo fondamentale in tema di
già non agevole, ma che basterebbe, da solo, a dare
politiche per l’energia da fonti rinnovabili?
un senso alla mia attività di parlamentare europeo>.
<Lo sviluppo di una politica energetica europea e della
E riguardo ai problemi economici e monetari con riferi -
ricerca scientifica in tale direzione è il problema dei
mento al Mezzogiorno?
problemi. Il petrolio, ancorché insostituibile, appartiene
<Nell’ambito della commissione dei problemi economi-
ormai al passato prossimo non solo dell’Europa ma del-
ci e monetari è prioritario problema del credito nelle
l’intero pianeta. D’altra parte i conflitti che si sviluppano
regioni meridionali, almeno per la parte che riguarda
quotidianamente e che rendono instabili gli approvvi-
l’erogazione di prestiti legati ad iniziative oggetto di
gionamenti di delle fonti energetiche tradizionali sono
aiuto da parte della C.E.. Com’è noto l’eccessivo costo
un campanello di allarme che, insieme alle mutazioni
del denaro al sud, a causa della forbice del “prime
atmosferiche, sta sollecitando una accelerazione della
rate” tra il nord/centro ed il mezzogiorno del nostro
ricerca di fonti energetiche alternative. Nei bandi euro-
paese, è uno dei principali ostacoli (assieme alla crimi-
pei 2007, questa presa di coscienza è avvertita e
nalità organizzata) per la nascita e lo sviluppo di impre-
penso che attiverà un cammino positivo. Personalmente
se. Questo gap vanifica, almeno in parte, il pieno uti-
credo che sarà lo sfruttamento dell’idrogeno il punto di
lizzo degli aiuti comunitari i quali, dati i tempi di eroga-
arrivo di questa ricerca, che è già a buon punto.
zione che mediamente distano almeno 2 anni dalla
Energia pulita, rinnovabile, reperibile in ogni angolo
emissione dei bandi e dalla creazione delle iniziative
del pianeta. Credo che potrebbe segnare l’inizio di una
produttive, vanno a coprire interessi passivi che in que-
nuova era.>n
17