Dammacco - Diritto ecclesiastico - LMG cattedra H-P - 2015

Commenti

Transcript

Dammacco - Diritto ecclesiastico - LMG cattedra H-P - 2015
INSEGNAMENTO
DENOMINAZIONE
DIRITTO ECCLESIASTICO (lettere H-P)
IUS 11
CORSO DI LAUREA E
ANNO DI CORSO
Laurea Magistrale in Giurisprudenza (LMG)
II anno
9 CFU
CREDITI
PRIMO SEMESTRE
PERIODO DI
SVOLGIMENTO
DOCENTE
GAETANO DAMMACCO
CORSO
PROGRAMMA DEL
CORSO
1. Il fenomeno sociale a finalità religiosa nella società
contemporanea europea e mediterranea (pluralismo e
multiculturalismo). L'organizzazione del potere civile come
risposta ai bisogni del fenomeno religioso. La
transnazionalità dei fenomeni religiosi e la molteplicità della
loro regolazione giuridica: la laicità degli ordinamenti
giuridici e degli Stati. Il diritto di libertà religiosa.
Il diritto ecclesiastico italiano. Storia e disciplina
giuridica della legislazione ecclesiastica: lo Stato unitario, il
regime fascista, la società repubblicana. Rapporti tra potere
politico e religione.
2. La libertà religiosa nella Costituzione della
Repubblica italiana. Le fonti del diritto ecclesiastico. La
tutela individuale, la tutela confessionale, la tutela collettiva
e dei gruppi.
La disciplina costituzionale; il fenomeno sociale a
finalità religiosa nella disciplina della Costituzione italiana. Il
diritto di libertà di religione. L’art. 7 della Costituzione:
genesi della norma, interpretazione dottrinale, interpretazione
giurisprudenziale. L’art. 8 della Costituzione: concetto di
confessione religiosa, natura giuridica delle intese, procedura
per la stipulazione delle intese. I culti ammessi nella legge n.
1159 del 1929. L’eguale libertà delle confessioni religiose. Il
principio di laicità dello Stato nell'esperienza pluralista e
multiculturale della società italiana. La distinzione delle
competenze. Le peculiarità della disciplina italiana. In
particolare: la disciplina del matrimonio secondo il
concordato e le intese, la riserva di giurisdizione, i
procedimenti di nullità e la delibazione. I matrimoni delle
confessioni diverse dalla cattolica; gli enti religiosi ed
ecclesiastici delle confessioni religiose (con riferimenti agli
enti non profit); il regime tributario e l’otto per mille; i mezzi
per l’attività di religione o di culto: dal sistema beneficiale
agli istituti per il sostentamento del clero. Le entrate di diritto
privato e le entrate di diritto pubblico. Gli edifici di culto, la
tutela del patrimonio storico ed artistico. Il volontariato e le
sue implicazioni religiose. I ministri di culto
nell’ordinamento italiano. Il lavoro dei religiosi. L’istruzione
religiosa. Le scuole confessionali. La particolare posizione
dei docenti dell’Università Cattolica. La tutela penale del
sentimento religioso.
3. Santa Sede e Stato Città del Vaticano. Le regole
della diplomazia e geopolitica. Il governo della Chiesa.
4. La libertà religiosa nell’ordinamento europeo,
internazionale e dei Paesi mediterranei: CEDU, Carta di
Nizza, Trattato per la Costituzione europea, OSCE,
Dichiarazione ONU, Dichiarazioni internazionali sulla non
discriminazione, Dichiarazione islamica sui diritti umani,
Carta araba sui diritti umani. Il Dialogo interreligioso e
interculturale, le regole della coabitazione pacifica.
TESTI CONSIGLIATI
Per quanto riguarda i testi, lo studio della PARTE
GENERALE si effettua, utilizzando a scelta uno dei
manuali sotto indicati:
• F. FINOCCHIARO, Diritto ecclesiastico, edizione
compatta a cura di A. Bettetini e G. Lo Castro, 4^
edizione, Bologna, Zanichelli, 2012.
OPPURE
• M. TEDESCHI, Manuale di Diritto ecclesiastico,
Torino, Giappichelli, 2010
Al manual,e per lo studio della PARTE SPECIALE, si
aggiunge
G. DAMMACCO, Diritti e religioni nel crocevia
Mediterraneo, ed. Apes, Roma, 2015
Lo studio deve essere completato con l'ausilio delle
fonti normative.
Tra le raccolte di leggi ecclesiastiche si consiglia una
delle seguenti a scelta:
• BERLINGO’ - CASUSCELLI, Codice del Diritto
ecclesiastico, Milano, Giuffrè,
• P.
MONETA,
Codice
di
Diritto ecclesiastico,
Piacenza, La Tribuna
OBIETTIVI SPECIFICI
DEL CORSO
MODALITA’ DI
VERIFICA
STUDENTI ERASMUS
Fornire la conoscenza del diritto di libertà religiosa e della
relazione esistente nella società tra diritto e religione.
Relativamente a questa relazione studiare la disciplina
giuridica positiva di alcuni istituti (matrimonio, enti,
insegnamento della religione, patrimonio artistico).
Relativamente al diritto di libertà religiosa, fornire la
conoscenza della disciplina giuridica unilaterale, bilaterale,
europea e internazionale con attenzione all’area
mediterranea. Avviare all’analisi dei diritti riguardanti il
fenomeno religioso e all’individuazione delle esigenze di
regolamento di situazioni e diritti in conflitto. L'interesse
per lo studio della disciplina è, pertanto, assolutamente
indipendente dalle personali opzioni religiose, ma
appartiene alla rilevanza dei rapporti intersoggettivi.
Esame di profitto orale
I programmi saranno concordati con gli studenti “erasmus” ai quali
saranno fornite tutte le informazioni necessarie e ogni supporto
didattico, compresi cicli di lezioni.
ASSEGNAZIONE TESI La tesi finale potrà essere richiesta durante le ore di ricevimento o
previo specifico appuntamento. Egualmente dicasi per l’assegnazione
delle tesine orali. Non verranno assegnate tesi se il periodo tra la
richiesta e la sessione di laurea è inferiore a otto mesi.

Documenti analoghi