Euro: sistema inefficace L`UE è catatonica

Commenti

Transcript

Euro: sistema inefficace L`UE è catatonica
MERCOLEDÌ 27 LUGLIO 2011
Commenti (pag.6)
Euro: sistema inefficace
L’UE è catatonica
“L'Europa indigna”, titolava il francese Libération alla vigilia del Vertice straordinario dei 17 capi
di Stato e di governo della zona Euro chiamato a salvare la Grecia dal fallimento (default) e con la
Grecia a salvare l'intero progetto europeo. “Agli occhi dei suoi cittadini - ricordava Libération –
l'Europa è diventata sinonimo di austerità”. Ora con molti distinguo e meccanismi rigidissimi di
monitoraggio, la Grecia o meglio i greci avranno trent'anni di tempo per rimborsare i loro debiti
restituendo anno dopo anno prestiti pubblici e privati ad un tasso di interesse non inferiore al 3.5%
in una situazione di incertezza tale che lascia aperta la possibilità a defaul selettivi. Su questo
giornale Sergio Sergi ha ricordato i ritardi, le incertezze, le ambiguità e le contraddizioni dei
governi nazionali, oggi a maggioranza conservatrice ma, nel periodo aureo della costruzione
europea ispirata da Delors, a maggioranza socialdemocratica. L'Unione economica e monetaria fu
costruita pezzo per pezzo in quegli anni, dando la priorità alla moneta e non all'economia e
privilegiando l'obiettivo tendenzialmente conflittuale della competitività rispetto a quelli della
crescita sostenibile e della solidarietà. Con una buona dose di miopia poi la Costituzione europea
prima ed il Trattato di Lisbona poi hanno escluso a priori il rischio che i paesi della zona Euro
potessero fallire addossando questo rischio sulle spalle dei soli paesi in deroga e cioè di quelli che
per ragioni obiettive o di decisione politica sono rimasti al di fuori dell'Euro.
“La ripresa è ben avviata e l'Euro poggia su fondamentali economici sani” recita con allegro
ottimismo la dichiarazione finale del Vertice di Bruxelles. Che l'ottimismo sia di casa a Justus
Lipsius (il palazzo del Consiglio Europeo a Bruxelles, ndr) non stupisce ma, giustamente, Sergio
Sergi si stupisce del fatto che tale ottimismo possa essere condiviso dalla famiglia socialista e
socialdemocratica arrivando al punto di sostenere (Fassina su L'Unità del 22 luglio) che i governi
conservatori “hanno imboccato il sentiero tracciato da PSE e PD sin dal 2009”. Certo, l'Unione
europea ha evitato all'ultimo momento di cadere nel baratro ma il sistema europeo è per sua natura
inefficace, lento, inadeguato e senza garanzia di continuità. Per dirla usando una diagnosi
psichiatrica, l'Unione presenta i sintomi classici dello stato catatonico: rigidità, acinesia, mutacismo,
ripetizione delle parole, improvvise ed inaspettate fughe in avanti. Per mesi la famiglia socialista ha
contestato il carattere scarsamente democratico e poco trasparente che deriva dall'interpretazione
che i governi hanno dato del Trattato di Lisbona, ha denunciato la priorità assoluta data alla stabilità
ed al rigore e la mancanza di obiettivi, di politiche e di strumenti per garantire crescita sostenibile e
solidarietà, ha chiesto un piano europeo di rilancio dell'economia finanziato da Eurobond con una
forte componente sociale come aveva proposto lo stesso Monti nel suo rapporto sul Mercato .
Nessun impegno in questa direzione è stato preso dai governi dei 17 e sarà difficile che il timone
della nave europea cambi rotta al Consiglio europeo dei 27 quando si riunirà in settembre.
L'alternativa, diceva Spinelli, non è fra federalismo o confederalismo, ma fra federalismo od
anarchia e cioè fra un sistema di regole e valori comuni basato sul principio della solidarietà o un
sistema senza regole o con regole stabilite dal mercato dove prevale la legge del più forte. Serve una
coalizione di innovatori che, a partire dall'alleanza fra Parlamento europeo e la società civile
trasformi in progetto politico la “indigazione” di cui parla Libération.
PIER VIRGILIO DASTOLI, Presidente del Movimento Europeo