Ibrahim Maalouf - bio ita

Commenti

Transcript

Ibrahim Maalouf - bio ita
IBRAHIM MAALOUF
biografia
Ibrahim Maalouf scopre la tromba dal padre
Nassim Maalouf - un ex studente di Maurice
André e il primo trombettista arabo a suonare la
musica classica occidentale. Studia la musica
moderna, classica, barocca e contemporanea, e
allo stesso tempo è attorniato dalla musica araba
classica, etnica e tradizionale. Ibrahim, riesce a
riprodurre tutti questi tipi di musica, basandosi su makams (modi arabi),
grazie all'invenzione di suo padre negli anni Sessanta – la tromba al
quarto di tono (con una quarta valvola).
La musica monotona e insistente che scaturisce da questa tromba
particolare è l'espressione di un’antica cultura. Nessuno prima di suo
padre aveva pensato di fare omaggio a essa, adattando il linguaggio
musicale arabo alla tromba attraverso il vero sistema dei tre quarti di tono.
Ibrahim da ragazzo sognava di diventare un architetto, per
ricostruire il Libano. Invece ha costruito la sua vita intorno a quel ricco
patrimonio misto, che può trasmettere attraverso la sua musica.
Dopo una prestigiosa carriera classica, con numerosi riconoscimenti
internazionali (Francia, Ungheria, Finlandia, Stati Uniti d'America), il primo
posto al premio del Conservatorio nazionale di Parigi (Conservatoire
National Supérieur de Musique de Paris) e dopo aver collaborato con
numerose orchestre sinfoniche e da camera, nonché vari ensemble in
tutto il mondo, Ibrahim è diventato una figura ben nota nel panorama
musicale grazie alla sua collaborazione con cantanti come Sting, Amadou
et Mariam, Lhasa de Sela, Salif Keita, Vanessa Paradis e molti altri che
volevano usare il suo suono e il suo stile unico di suonare per dare colore
alla loro musica.
Da Sting a Arthur H. via Disiz la Peste, Mathieu Chedid, Amadou &
Mariame e VanessaParadis, il trombettista Ibrahim Maalouf è stato a lungo
uno dei più ricercati musicisti per accompagnarli in tour, esprimendo una
grande varietà di stili, non solo negli studi, ma anche sul palco. E
nonostante il piacere e la ricca esperienza artistica maturata lavorando
con questi artisti, Ibrahim non è stato sviato dalle sue priorità: comporre e
sviluppare la sua musica in modo molto personale, in modo che la portata
delle sue doti di strumentista - e la diversità delle sue influenze personali potessero esprimersi al massimo.
Non gli piace essere etichettato né di creare una gerarchia tra le
numerose influenze musicali che lo ispirano e ascolta allo stesso modo di
Oum Kalsoum e Fairuz, o Bach, Mahler e Mozart, o
Dizzie Gillespie, Miles Davis, la musica pop, hip hop, musica elettronica e
alternativa, le canzoni popolari francesi, e la musica classica
contemporanea.
Ibrahim è stato rapidamente riconosciuto dal mondo Jazz e i suoi cinque
album sono stati acclamati all'unanimità dalla stampa nazionale ed
internazionale.
Dopo «Diasporas» (2007), «Diachronism» (2009), «Diagnostic» (2011) e
"Wind" (2012), Ibrahim Maalouf ha pubblicato il suo ultimo album
"illusions" nel 2013 per il quale ha ricevuto ai Music Awards Francese il
premio come “Best World Music Album”.
Dall’uscita di Diagnostic, nel 2011, Ibrahim Maalouf ha suonato nei festival
più interessanti, e più grandi in Europa e in tutto il mondo.
Nel 2013, Ibrahim Maalouf è risultato il strumentista francese con le
vendite maggiori in Francia negli ultimi tre anni.
Ibrahim compone anche musica per il cinema. Nel 2013, ha composto le
colonne sonore di "Smart Ass" (Kim Chapiron), "Yves Saint Laurent" (Jalil
Lespert) distribuiti da Harvey Weinstein negli Stati Uniti, "Red Roses"
(Sepideh Farsi).
Ibrahim compone anche musica per orchestre sinfoniche e diversi
fensembles e insegna improvvisazione per tutti gli strumenti in un
Conservatorio Superiore di Parigi.
Nel 2006, Ibrahim ha creato la sua propria etichetta per produrre i suoi
album, e più recentemente anche per la produzione di altri progetti e
artisti. Potete trovare tutte le diverse attività di questa etichetta nella
sezione: Mi'ster Productions
[email protected]
2013.