COMUNICATO STAMPA SOCIETA`: Adoc, il matrimonio diventa

Commenti

Transcript

COMUNICATO STAMPA SOCIETA`: Adoc, il matrimonio diventa
COMUNICATO STAMPA
SOCIETA’: Adoc, il matrimonio diventa low cost, risparmio medio del 60%, il 15% degli sposi sceglie il “faida-te”
Risparmi fino al 90% su partecipazioni e bomboniere, l’81% degli sposi sceglie di “tagliare” i costi sul
ristorante, il 70% sugli addobbi floreali, in crescita i “matrimoni a rate”
Adoc consiglia alcune soluzioni low cost che permettono di risparmiare oltre 17mila euro
Roma, 18 dicembre 2012 – Un matrimonio tradizionale costa in media poco più di 28mila euro. Ma
risparmiando su ogni voce della spesa il costo scende a circa 11mila euro, il 60% in meno. L’Adoc ha
indagato sul nuovo fenomeno, il matrimonio “low-cost”.
“Puntando sul fai-da-te e su soluzione economiche ma non meno originali si può spendere il 55% in meno
rispetto al matrimonio tradizionale – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc - Per esempio,
inviando le partecipazioni via sms o a mano si risparmia il 90%, realizzando le bomboniere a mano l’86%.
Sugli abiti si può risparmiare fino al 77%, magari noleggiandoli o acquistando capi online o di passate
collezioni. Per il trucco, le foto e l’auto si può chiedere a parenti o amici, per il ricevimento si possono
scegliere soluzioni come l’agriturismo, le locande o addirittura l’happy hour, coniugando la qualità al
prezzo. Dall’indagine, inoltre, risulta che il 91% degli sposi è disponibile a risparmiare o a rinunciare all’auto,
l’81% cerca di limare la spesa del ricevimento, il 75% prova a ridurre il numero degli invitati, il 50% posticipa
il viaggio di nozze o lo inserisce nella lista dei regali. Alla tentazione risparmio resistono l’abito e il servizio
video-fotografico, solo il 15% degli sposi cerca di abbattere i costi del vestito, mentre il 25% punta al
risparmio sulle foto. Stanno aumentando, infine, le offerte di pacchetti low cost tutto incluso, con prezzi
che vanno dai 6 ai 10mila euro, così come sono in crescita del 2% gli sposi che pagano il matrimonio a rate.
Il matrimonio richiede un grande sforzo economico e non sorprende che, nella condizione economica in cui
ci troviamo, circa il 15% delle coppie scelga di fare un matrimonio low cost o fai-da-te. Per questo l’Adoc
ritiene che la percentuale nei prossimi anni aumenterà mediamente del 3-5% l’anno.
L’Adoc, ad ogni modo, propone alcune soluzioni di risparmio che ogni coppia può adottare. Il giorno del
matrimonio può essere un ricordo bellissimo anche non spendendo cifre esagerate.
Rapporto costi tra matrimonio tradizionale e low cost
Costo medio 2011
Partecipazioni
375 €
Bomboniere
1750 €
Confetti
400 €
Abito da sposa (completo)
3000 €
Abito da sposo (completo)
2200 €
Trucco/acconciatura
225 €
Bouquet
100 €
Fedi nuziali
425 €
Noleggio Automobile
700 €
Addobbo floreale chiesa
625 €
Addobbo floreale ricevimento 1250 €
Affitto sala ricevimento
2500 €
Catering/ristorante
7500 €
Torta nuziale
275 €
Foto/video
1500 €
Viaggio di nozze
3500 €
Musica/animazione
500 €
Totale
26825 €
Versione Low cost
32 €
200 €
200 €
675 €
525 €
100 €
50 €
250 €
50 €
300 €
500 €
1500 €
3750 €
150 €
300 €
2000 €
100 €
10682 €
Risparmi/rinunce matrimonio
% di sposi che risparmiano/rinunciano
Numero invitati
75%
Addobbi floreali
70%
Musica/animazione 69%
Fedi nuziali
49%
Bomboniere
45%
Ristorante
81%
Viaggio di nozze
50%
Foto/video
25%
Abito
15%
Auto
91%
% risparmio
92%
89%
50%
77%
77%
45%
50%
42%
93%
52%
60%
40%
50%
46%
80%
43%
80%
60%
Possibili soluzioni low cost
Partecipazioni/invitati: ridurre numero invitati, limitando l’evento solo ai parenti e amici più stretti
(limitando così anche la spesa per il ristorante) Le partecipazioni possono essere fatte a mano o inviate via
sms/email
Bomboniere: realizzate artigianalmente in proprio, solo costo materiali
Abiti da sposi: si possono noleggiare o acquistare online, anche alle aste. Inoltre, possono essere acquistati
capi di collezioni precedenti
Trucco/acconciatura, foto e video, auto: i ruoli possono essere affidati ad amici o conoscenti, pagando solo
le spese minime ( carburante e altri di costi gestione, stampa foto ecc…)
Addobbi floreali: possono essere utilizzate piante decorative, più economiche, al posto dei fiori o
semplicemente prevedere solo lo stretto necessario
Sala e pranzi/cene: al posto di ville, casali e ristoranti si possono affittare ad un costo minore agriturismi,
locande, trattorie (pagando meno anche l’eventuale pranzo/cena di nozze). Sono valide anche soluzioni
come il buffet o l’happy hour
Viaggio di nozze: rimandare il viaggio quando la cassa è piena o inserirlo nella lista di nozze
Musica/animazione: per la musica si possono far suonare gli amici o semplicemente fornire alla sala una
compilation di tutti i brani da mandare in sottofondo