CAPITOLATO SPECIALE D`ONERI - SUA Città Metropolitana di

Commenti

Transcript

CAPITOLATO SPECIALE D`ONERI - SUA Città Metropolitana di
SERVIZIO GARE E CONTRATTI
16122 Genova - Piazzale Mazzini, 2
Telefono n. 010.5499.271-372 - Telefax 010.5499.443
e-mail: [email protected]
http://www.provincia.genova.it/bandi.htm
CERTIFICATO N. 4626/01
CAPITOLATO SPECIALE D’ONERI
OGGETTO
Allestimento di un centro visite nel Parco naturale
regionale del Beigua.
COMMITTENTE/CONTRAENTE
Ente Parco del Beigua
DEFINIZIONI
Ente ........................................................................... Ente Parco del Beigua, nella sua qualità di
contraente
D.L. ............................................................................ Direzione lavori
Fornitore ................................................................... Il
soggetto
aggiudicatario
che
sottoscrive
il
contratto di fornitura
Soggetto aggiudicatario ......................................... Il
concorrente
che
in
base
ai
criteri
di
aggiudicazione ha presentato la migliore offerta e
che è stato formalmente dichiarato aggiudicatario
Concorrente/i ........................................................... I soggetti ammessi a partecipare alla gara
opere
Le opere strutturali e tecnologiche
manufatti
Tutte le componenti di arredamento
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 2 di 19
SOMMARIO
pagina
SEZIONE I
..........................................................................................................................................................4
Articolo 1
Oggetto dell'appalto ..........................................................................................................................4
Articolo 2
Allestimento delle sale ......................................................................................................................4
Articolo 3
Adeguamento funzionale locali .........................................................................................................6
Articolo 4
Strumenti e prodotti di comunicazione e di divulgazione ..................................................................6
Articolo 5
Importo a base d’asta .......................................................................................................................6
SEZIONE II
..........................................................................................................................................................6
Articolo 6
Luogo dell’allestimento .....................................................................................................................6
Articolo 7
Consegna dell’immobile e termini per esecuzione allestimento........................................................6
Articolo 8
Oneri a carico del fornitore ...............................................................................................................7
Articolo 9
Oneri a carico dell’Ente Parco del Beigua ........................................................................................8
Articolo 10
Collaudo ...........................................................................................................................................8
Articolo 11
Vizi occulti.........................................................................................................................................8
Articolo 12
Garanzia e assistenza tecnica sui manufatti.....................................................................................9
Articolo 13
Addestramento del personale ...........................................................................................................9
Articolo 14
Costi post vendita .............................................................................................................................9
Articolo 15
Garanzie per l’esecuzione del contratto..........................................................................................10
15.1
garanzia per la fornitura e messa in opera .................................................................................10
15.2
Garanzia RCT e CAR .................................................................................................................10
15.3
Garanzia sul servizio di assistenza tecnica ...............................................................................11
Articolo 16
Corrispettivo....................................................................................................................................11
Articolo 17
Fatturazione e modalità di pagamento............................................................................................11
Articolo 18
Responsabilità ed obblighi derivanti dal rapporto di lavoro.............................................................12
Articolo 19
Penali..............................................................................................................................................12
Articolo 20
Risoluzione .....................................................................................................................................13
Articolo 21
Facoltà di recesso...........................................................................................................................13
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 3 di 19
Articolo 22
Brevetti e diritto d’autore.................................................................................................................14
Articolo 23
Tutela della riservatezza .................................................................................................................14
Articolo 24
Cessione del contratto e subappalto...............................................................................................14
Articolo 25
Normativa di riferimento..................................................................................................................14
Articolo 26
Controversie ...................................................................................................................................15
SEZIONE III
........................................................................................................................................................16
Articolo 27
Criteri di aggiudicazione .................................................................................................................16
27.1
offerta tecnica.............................................................................................................................16
27.2
offerta economica.......................................................................................................................16
Articolo 28
Composizione .................................................................................................................................16
28.2
relazione progettuale. .................................................................................................................16
28.3
Esperienze aziendali ..................................................................................................................17
Articolo 29
Valutazione dell’offerta tecnica .......................................................................................................17
Articolo 30
Valutazione dell’offerta economica .................................................................................................19
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 4 di 19
SEZIONE I
Articolo 1
Oggetto dell'appalto
Il presente capitolato ha per oggetto la progettazione ed esecuzione della fornitura chiavi in mano di
arredi fissi e mobili, sistemi integrati multimediali e prodotti di comunicazione occorrenti per
l’allestimento di un centro visite denominato “GEOPARCO DEL BEIGUA”.
Il tema oggetto del centro visite, la descrizione dell’immobile e degli interventi sono indicati nella
relazione tecnica allegata al presente capitolato e parte integrante dello stesso.
Il progetto deve prevedere in sintesi quanto segue:
1.1 allestimento delle sale comprendente:
-
oggetti di arredo fissi e mobili;
-
sistemi integrati multimediali (attrezzature informatiche video e audio);
-
pannelli esplicativi;
-
stampe fotografiche, tendaggi stampati;
-
corpi illuminanti;
1.2 adeguamento funzionale dei locali: interventi edili e tecnologici (impianti);
1.3 strumenti e prodotti di comunicazione e di divulgazione.
Articolo 2
Allestimento delle sale
I concorrenti, sulla traccia degli interventi enunciati nell’allegata relazione tecnica, devono presentare un
progetto comprendente tutti gli arredi fissi e mobili (inclusi pannelli illustrativi, stampe fotografiche,
tendaggi stampati, corpi illuminanti) e i sistemi integrati multimediali (attrezzature informatiche, video e
audio), e quanto altro ritenuto necessario per l’allestimento del centro reso “chiavi in mano” a regola
d’arte.
Tutti i manufatti devono essere realizzati, nei casi applicabili, nel rispetto dei requisisti minimi indicati
dalla norme UNI e UNI EN in vigore in materia di sicurezza, salute, resistenza al fuoco, resistenza alle
sollecitazioni di carichi statici e dinamici.
L’allestimento deve avere i seguenti requisiti di carattere generale:
a) arredi fissi e mobili:
1.
coordinati tra loro per quanto concerne i materiali, colori e tecnologie costruttive adottate;
2.
robusti;
3.
realizzati con materiale di alta qualità e di facile manutenzione con preferenza per l’utilizzo di
materiali ecocompatibili;
Capitolato Speciale d’Oneri
4.
Pagina 5 di 19
elevato profilo estetico;
b) i sistemi integrati multimediali (attrezzature informatiche, video e audio):
1.
elevata efficienza operativa;
2.
elevata integrazione funzionale tale da permettere una semplice operatività ordinaria;
3.
software ed hardware aderenti a standard diffusi e ridotto utilizzo di tecnologie proprietarie;
4.
sia in termini di software che di hardware, i sistemi multimediali e gli impianti audio-video
devono avere un’architettura di tipo aperto in modo da consentire possibili espansioni future per
implementazioni senza richiedere radicali revisioni dello stesso;
L’intero allestimento deve avere inoltre costi contenuti di gestione e di manutenzione.
Il progetto, dimensionato in base alle caratteristiche e alle misure dei singoli locali, tenendo conto delle
prescrizioni di legge sulla sicurezza deve prevedere in sintesi quanto segue:
(1)
la rappresentazione grafica dell’allestimento complessivo proposto;
(2)
la documentazione e certificazione inerente sia le attrezzature tecnologiche e informatiche che
agli arredi.
L’Ente si riserva la facoltà a suo insindacabile giudizio di provvedere ad eventuali modifiche sul progetto
prima dell’approvazione dello stesso.
2.1 rappresentazione grafica
I concorrenti devono presentare nell’offerta tecnica elaborati grafici in scala 1:50 minimo della soluzione
proposta di allestimento dell’intero complesso (elaborati minimi richiesti: piante, prospetti/sezioni ed
eventuali viste tridimensionali dei locali interessati); in seguito all’aggiudicazione dovrà essere redatto il
progetto esecutivo degli allestimenti.
2.2 certificazione
La conformità dell’intero allestimento alle prescrizioni contenute nel presente capitolato deve essere
dimostrata da idonea certificazione e/o da collaudi effettuati da laboratori accreditati e riconosciuti dallo
Stato italiano.
Le certificazioni inerenti i materiali utilizzati per la realizzazione degli arredi, quali rivestimenti, prodotti
lignei, etc., come peraltro gli eventuali componenti delle attrezzature tecnologiche ed informatiche,
devono essere intestate alle imprese produttrici dei materiali e/o componenti stessi, mentre le restanti
certificazioni devono essere intestate alle ditte produttrici dei manufatti offerti.
Dette certificazioni devono essere prodotte in allegato all’offerta tecnica, in originale o copia conforme
all’originale ai sensi del D.P.R. 445/2000.
Capitolato Speciale d’Oneri
Articolo 3
Pagina 6 di 19
Adeguamento funzionale locali
I concorrenti, sulla traccia degli interventi enunciati nell’allegata relazione tecnica, devono presentare la
progettazione di tutti gli interventi di natura strutturale ed impiantistica nonché quelli eventualmente
ritenuti indispensabili per la realizzazione a regola d’arte.
I concorrenti devono quindi presentare una relazione tecnica analitica di tutte le lavorazioni e forniture
che intendono eseguire, nonché la relativa rappresentazione grafica in piano, in scala 1:100 minimo.
L’esecuzione delle opere deve essere effettuata da imprese abilitate a seconda della tipologia dei
singoli interventi. In particolare per quanto concerne i lavori impiantistici vige l’obbligo di esecuzione da
parte di installatori aventi i requisiti di cui alla Legge n. 46/1990 e relativo regolamento di attuazione
approvato con D.P.R. n. 447/1991.
Articolo 4
Strumenti e prodotti di comunicazione e di divulgazione
I concorrenti, sulla traccia degli interventi enunciati nell’allegata relazione tecnica, devono ideare,
realizzare e installare, su materiale fornito dall’Ente, programmi multimediali e filmati da proiettare
tramite impianto audiovisivo nei locali, nonché l’ideazione e realizzazione di pannelli illustrativi con testi
in lingua italiana e inglese.
Articolo 5
Importo a base d’asta
L’importo a base d’asta dell’intero allestimento reso “chiavi in mano” è stimato in € 140.000,00#, oneri
fiscali esclusi. Non sono ammesse offerte in aumento.
SEZIONE II
Articolo 6
Luogo dell’allestimento
Il centro visite, oggetto del presente capitolato deve essere allestito presso il Palazzo Gervino sito in Via
Badano n. 45, all’ingresso del nucleo storico del Comune di Sassello (Provincia di Savona).
Articolo 7
Consegna dell’immobile e termini per esecuzione allestimento
La consegna dell’immobile per l’esecuzione di quanto previsto dal presente capitolato è effettuata dalla
D.L entro 10 giorni decorrenti naturali e consecutivi dal provvedimento di aggiudicazione definitiva.
Le risultanze delle operazioni di consegna, dello stato dei luoghi, delle eventuali certificazioni e/o
autorizzazioni già rilasciate devono risultare da apposito verbale sottoscritto dalle parti.
L’intero allestimento deve essere reso funzionante entro il termine di centoventi giorni, naturali e
consecutivi, decorrenti dal verbale di consegna.
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 7 di 19
La messa in funzione deve essere attestata da apposito verbale redatto in contraddittorio tra le parti ed
il fornitore deve in tale occasione consegnare i manuali d’uso in lingua italiana.
Articolo 8
Oneri a carico del fornitore
Sono a carico e spese del fornitore le opere e la fornitura di arredi e attrezzature tecnologiche e
informatiche, previste nel progetto di allestimento presentato, approvato dall’Ente, e gli obblighi da esso
derivanti:
(1)
esecuzione di rilievo dell’immobile interessato dall’allestimento;
(2)
redazione di progetto esecutivo dell’allestimento nelle scale adeguate (il progetto dovrà essere
approvato dall’Ente Parco Beigua);
(3)
la messa in sicurezza del cantiere;
(4)
il conferimento a discarica degli eventuali materiali di risulta;
(5)
l’esecuzione di tutte le opere necessarie all’adeguamento dei locali;
(6)
la pulizia di fine cantiere;
(7)
le prestazioni inerenti al rilascio di eventuali autorizzazioni/certificazioni sia all’esecuzione delle
prestazioni che quelle di fine allestimento;
(8)
la fornitura di tutte le attrezzature tecnologiche ed informatiche, arredi e suppellettili, previste per
l’allestimento;
(9)
la fornitura di tutti i materiali nessuno escluso per rendere funzionanti le apparecchiature
tecnologiche, informatiche e le luci;
(10)
montaggio di tutti gli arredi e suppellettili;
(11)
imballaggio, trasporto, asporto dell’imballaggio, assemblaggio e facchinaggio incluso;
(12)
cablaggio e messa in funzione di tutte le attrezzature informatiche;
(13)
tutti gli strumenti di comunicazione e di divulgazione;
(14)
manuali d’uso in lingua italiana;
(15)
collaudo dell’intero allestimento.
Tutto quanto sopra è a titolo esemplificativo e non esaustivo essendo comunque a carico del fornitore
ogni onere necessario per l’allestimento reso “chiavi in mano” a regola d’arte in base alle vigenti
normative.
Capitolato Speciale d’Oneri
Articolo 9
Pagina 8 di 19
Oneri a carico dell’Ente Parco del Beigua
Sono a carico dell’Ente i seguenti oneri:
a) oneri relativi all’acquisizione delle autorizzazioni da parte degli enti competenti (Comune di Sassello
– Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Liguria);
b) oneri relativi alla Direzione Lavori
c) fornitura d’energia elettrica e acqua;
d) assistenza tecnica durante l’esecuzione della fornitura;
e) locale ad uso cantiere.
Articolo 10
Collaudo
Entro 90 giorni dalla data del verbale di cui all’Articolo 7, ultimo comma, le opere ed i manufatti sono
sottoposti a collaudo da incaricati dell’Ente in presenza del fornitore o di personale da questi delegato,
previa convocazione.
Il collaudo deve accertare la rispondenza al presente capitolato e al progetto in offerta presentato dal
fornitore e approvato dall’Ente in sede di aggiudicazione.
Nel caso l’esito del collaudo non risultasse positivo e/o la fornitura e le opere annesse non
corrispondessero in tutto o in parte alle caratteristiche tecniche previste, la stessa può essere
totalmente o parzialmente rifiutata dall’Ente e deve essere, da parte del fornitore, resa idonea alle
specifiche richieste. Tale fattispecie è considerata come “ritardata consegna” ai fini della applicazione
della penalità.
Anche le parti sostituite/rifatte sono sottoposte a collaudo secondo le modalità e i tempi
precedentemente indicati per la fornitura. In caso di esito negativo di detto collaudo l’Ente ha facoltà di
dichiarare risolto il contratto in tutto o in parte.
Delle operazioni è redatto apposito verbale di collaudo sottoscritto dalle parti.
Qualora l’accertamento diretto di cui sopra non fosse ritenuto idoneo allo scopo, l’Ente si riserva la
facoltà di eseguire il collaudo mediante perizie, analisi o altre operazioni meglio viste incaricando
soggetti terzi a totale spesa dell’aggiudicatario.
Articolo 11
Vizi occulti
Il collaudo della fornitura ed i verbali di consegna in funzione non esonerano il fornitore da eventuali
responsabilità per difetti, imperfezioni e/o difformità che non fossero emersi all’atto delle predette
operazioni e che venissero accertati entro 6 (sei) mesi dalla data dell’ultima consegna.
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 9 di 19
Il fornitore si impegna ad effettuare a propria cura e spese tutti gli interventi necessari ad eliminare
difetti, imperfezioni e/o difformità entro 10 (dieci) giorni consecutivi naturali dalla richiesta inviata
dall’Ente a mezzo fax.
Ove il fornitore non ottemperi a quanto richiesto viene effettuata l’esecuzione in suo danno, salvo
l’applicazione delle penali di cui all’Articolo 19.
Articolo 12
Garanzia e assistenza tecnica sui manufatti
Il fornitore deve assicurare sull’intero allestimento una garanzia totale di 3 anni decorrenti dal verbale di
messa in funzione.
Il fornitore deve altresì garantire l'assistenza tecnica costante su tutti i prodotti forniti per tutta la durata
della garanzia. L’assistenza, deve effettuarsi in situ e la stessa deve essere comprensiva dell'eventuale
fornitura gratuita di tutti i pezzi di ricambio occorrenti al ripristino funzionale del guasto e deve essere
garantita entro sette giorni lavorativi dalla richiesta di intervento. In caso di ritardo si applica la penale di
cui all’Articolo 19, punto 3.
La richiesta può essere inoltrata a mezzo fax, o in via telefonica o telematica, ai recapiti che saranno
indicati dal fornitore.
Articolo 13
Addestramento del personale
Il soggetto aggiudicatario dovrà provvedere, a propria cura e spese, alla formazione di un gruppo di
operatori, finalizzata all’apprendimento dell’uso e della gestione del sistema, per almeno due giornate
lavorative, entro 7 giorni decorrenti dalla data del verbale di consegna.
L’attività formativa dovrà essere svolta presso il Centro visite, oggetto della presente fornitura, in data
da concordarsi tra le parti e in orario di lavoro.
Il mancato rispetto del suddetto termine darà luogo all’applicazione della penale prevista all’Articolo 19.
Articolo 14
Costi post vendita
I concorrenti devono presentare in sede di offerta la quotazione annuale del servizio di manutenzione
ordinaria e straordinaria “on site”, per il periodo successivo alla scadenza della garanzia contrattuale
proposta.
Per servizio di manutenzione si intende anche la fornitura e la sostituzione di tutte le parti di ricambio e
di consumo. Il servizio di manutenzione deve essere prestato con le modalità indicate nell’Articolo 12.
Capitolato Speciale d’Oneri
Articolo 15
Pagina 10 di 19
Garanzie per l’esecuzione del contratto
Il fornitore a garanzia dell’esatto adempimento di tutti gli obblighi contrattuali inerenti sia la messa in
opera che quelli conseguenti alla stessa è tenuto a prestare le seguenti cauzioni:
15.1
garanzia per la fornitura e messa in opera
Una cauzione definitiva pari al 10% dell’importo contrattuale complessivo, salvo gli incrementi disposti
all’art. 113 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.
La cauzione può essere costituita nei seguenti modi:
A) mediante garanzia fideiussoria, rilasciata da una delle imprese esercenti l’attività bancaria previste
dal D.P.R. 22 maggio 1956, n. 635;
B) mediante polizza fideiussoria, rilasciata da una delle imprese di assicurazione autorizzate al ramo
cauzioni, ai sensi del D.P.R. 13 febbraio 1959, n. 449, e del decreto legislativo 7 settembre 2005 n.
209;
C) mediante polizza fideiussoria, rilasciata da un intermediario finanziario iscritto all’elenco speciale di
cui all’articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385.
Le fideiussioni devono prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione
del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della stazione
appaltante.
Ogni qualvolta la cauzione sia ridotta ai sensi dell’articolo 113, comma 3, del decreto legislativo 12
aprile 2006, n. 163, il fornitore si impegna a fornire all’Ente i documenti comprovanti l’ammontare
residuo della garanzia.
La cauzione definitiva è svincolata all’esito positivo del collaudo e previa presentazione della garanzia di
cui al successivo punto 14.3.
In ogni caso il garante si deve ritenere liberato dall’obbligazione solo ed esclusivamente a seguito di
espresso svincolo da parte della Provincia. Tale obbligo dovrà risultare nel contratto di fideiussione.
15.2
Garanzia RCT e CAR
L’aggiudicatario deve presentare all’atto della consegna dell’immobile apposite polizze assicurative di
responsabilità civile e per danni di esecuzione che potrebbero essere causati durante l’esecuzione
dell’appalto nonché per incendio, furto ed atti vandalici sul materiale della fornitura, fino alla
sottoscrizione del verbale di consegna in funzione.
I massimali di dette polizze dovranno essere:
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 11 di 19
a) per la responsabilità civile pari a euro 500.000,00
b) per i danni di esecuzione pari a euro 150.000,00
c) per le altre garanzie l’importo non potrà essere inferiore all’importo contrattuale.
15.3
Garanzia sul servizio di assistenza tecnica
E’ richiesta una cauzione pari al 10 % del 30% dell’importo contrattuale da costituirsi nei modi indicati al
punto 15.1, per una durata di tre anni con decorrenza dalla data del verbale di collaudo.
Lo svincolo della cauzione avviene entro il mese successivo a quello della scadenza del periodo di cui
all’Articolo 12.
Articolo 16
Corrispettivo
Il corrispettivo è determinato dal prezzo complessivo offerto in sede di gara.
Il prezzo, al netto degli oneri fiscali, s’intende comprensivo di ogni onere per fornitura resa franco
destino, come indicato all’articolo 8.
Il fornitore riconosce che il prezzo è rimunerativo e di non avere, quindi, alcun diritto a chiedere ulteriori
patti, condizioni, prezzi e/o compensi diversi, maggiori o comunque più favorevoli di quelli fissati.
Il prezzo complessivo offerto in sede di gara deve intendersi invariabile ed in nessun caso è suscettibile
di variazione per tutta la durata del contratto, così come i prezzi unitari utilizzati per la sua
determinazione.
Articolo 17
Fatturazione e modalità di pagamento
Le fatture dovranno essere emesse dal fornitore con la seguente cadenza:
(1)
fatturazione relativa ai 9/10, successivamente alla sottoscrizione del regolare verbale consegna
in funzione di cui all’Articolo 7;
(2)
fatturazione del decimo a saldo dopo l’esito favorevole del verbale di collaudo di cui all’Articolo
10.
Tutte le fatture devono essere indirizzate a: Ente Parco del Beigua, Via G. Marconi 165, 16011
Arenzano (GE)
Il pagamento delle fatture avverrà di norma entro quarantacinque giorni dalla data di ricezione delle
stesse.
Capitolato Speciale d’Oneri
Articolo 18
Pagina 12 di 19
Responsabilità ed obblighi derivanti dal rapporto di lavoro
L’aggiudicatario s’impegna ad ottemperare a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti derivanti da
disposizioni legislative e regolamentari in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, nonché prevenzione e
disciplina infortunistica, assumendo a proprio carico tutti i relativi oneri.
In particolare, l’aggiudicatario s’impegna a rispettare, nell’esecuzione delle obbligazioni contrattuali e
dei singoli ordinativi di fornitura, le norme regolamentari di cui al decreto legislativo 19 settembre 1994,
n. 626, e successive modificazioni e integrazioni.
L’aggiudicatario dichiara di conoscere perfettamente le norme contenute nel decreto legislativo 19
settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni ed integrazioni, in materia di prevenzione degli
infortuni sul lavoro per quanto concerne i propri operatori, mallevando l’Ente da ogni responsabilità al
riguardo, sia diretta che indiretta.
Articolo 19
Penali
L’Ente applica le seguenti penali:
1)
sui tempi di consegna di cui all’Articolo 7: una penale di € 200,00 per ogni giorno di ritardo naturale
e consecutivo;
2)
sui tempi di manutenzione di cui all’Articolo 12: una penale di € 25,00 per ogni giorno di ritardo
naturale e consecutivo;
3)
sui tempi di cui all’Articolo 13: una penale di € 25,00 per ogni giorno di ritardo naturale e
consecutivo.
Qualora il ritardo sui tempi di consegna superi 30 giorni naturali e consecutivi l’Ente si riserva la facoltà
di risolvere il contratto.
Gli inadempimenti contrattuali che danno luogo all’applicazioni delle penali sopra indicate verranno
contestati in forma scritta al fornitore. Quest’ultimo deve comunicare le proprie deduzioni entro il termine
massimo di 5 giorni dal ricevimento della contestazione. Qualora le deduzioni non siano accoglibili a
giudizio dell’Ente o non vi sia stata risposta o la stessa non giunga nel termine sopra indicato, sono
applicate al fornitore le penali a decorrere dall’inizio dell’inadempimento.
Le penali vengono trattenute, per il loro rispettivo importo sull'ammontare delle fatture ammesse al
pagamento e, in mancanza di queste, sulle garanzia per l’esecuzione del contratto costituita dal
fornitore, con l’obbligo per quest’ultimo di reintegrare la stessa entro 15 giorni dalla richiesta dell’Ente,
pena l’eventuale risoluzione del contratto.
L’applicazione delle penali non pregiudica il risarcimento di tutti i danni che potranno derivare all’Ente
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 13 di 19
per la ritardata o omessa fornitura, per l'eventuale peggior offerta conseguita dall’Ente stesso nel
successivo o negli ulteriori esperimenti della gara e comunque in relazione al maggior costo della
fornitura stessa rispetto a quello che si sarebbe verificato senza la decadenza del fornitore.
Articolo 20
Risoluzione
In tutti i casi di violazione degli obblighi contrattuali, l’Ente, indipendentemente dall’applicazione delle
penali, comunica al fornitore gli estremi degli inadempimenti rilevati, assegnando un termine minimo di
15 (quindici) giorni per adempiere secondo le modalità contrattuali. Qualora il fornitore non ottemperi, è
facoltà dell’Ente risolvere il contratto.
Oltre quanto previsto dall’articolo 1453 del codice civile, costituiscono motivo di risoluzione del
contratto, ai sensi dell’articolo 1456 del codice civile, le seguenti ipotesi di inadempimento:
(1)
mancata reintegrazione della garanzia per l’esecuzione del contratto eventualmente escussa,
entro il termine di 15 giorni dal ricevimento della relativa richiesta, ai sensi dell’Articolo 21,
comma 3;
(2)
importo delle penali superiore al 10% dell’importo contrattuale;
(3)
cessione del contratto, ai sensi dell’Articolo 24.
Nelle ipotesi sopra indicate il contratto è risolto di diritto con effetto immediato a seguito della
comunicazione dell’Ente in forma di lettera raccomandata, di volersi avvalere della clausola risolutiva.
La risoluzione del contratto comporta l’escussione delle cauzioni, fatto salvo il risarcimento
dell’eventuale maggior danno, anche in relazione al maggior costo della fornitura rispetto a quello che si
sarebbe verificato senza la decadenza del fornitore.
Articolo 21
Facoltà di recesso
L’Ente si riserva il diritto di recedere dal contratto nei casi di:
(a)
giusta causa;
(b)
reiterati inadempimenti del fornitore, anche se non gravi.
A mero titolo esemplificativo e non esaustivo, si ha giusta causa quando:
(A)
sia stato depositato contro il fornitore un ricorso ai sensi della legge fallimentare o di altra legge
applicabile in materia di procedure concorsuali, che proponga lo scioglimento, la liquidazione, la
composizione amichevole, la ristrutturazione dell’indebitamento o il concordato con i creditori,
ovvero, nel caso in cui venga designato un liquidatore, curatore, custode, il quale entri in
possesso dei beni o venga incaricato della gestione dei beni del fornitore;
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 14 di 19
(B)
il fornitore perda i requisiti minimi richiesti dal bando di gara;
(C)
taluno dei componenti l’organo di amministrazione o l’amministratore delegato o il direttore
generale o il responsabile tecnico del fornitore siano condannati, con sentenza passata in
giudicato, per delitti contro la pubblica amministrazione, l’ordine pubblico, le fede o il patrimoni
pubblico ovvero siano assoggettati alla misure previste dalla normativa antimafia;
(D)
ogni altra fattispecie che faccia venir meno il rapporto di fiducia sottostante il presente contratto.
Dalla data del recesso il fornitore deve cessare tutte le prestazioni contrattuali, assicurando che tale
cessazione non comporti danno alcuno all’Ente.
In caso di recesso il fornitore ha il diritto al pagamento delle prestazioni eseguite purché effettuate a
regola d’arte, secondo i corrispettivi e le condizioni contrattuali, rinunciando espressamente, ora per
allora, a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa anche di natura risarcitoria ed ogni ulteriore compenso o
indennizzo anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 1671 del codice civile.
Articolo 22
Brevetti e diritto d’autore
Il soggetto aggiudicatario assume ogni responsabilità conseguente all’uso di dispositivi o all’adozione di
soluzioni tecniche o di altra natura che violino diritti di brevetto, di autore ed in genere di privativa altrui.
In caso che venga promossa nei confronti dell’Ente un’azione giudiziaria da parte di terzi che vantino
diritti sui prodotti acquistati, il fornitore assume a proprio carico tutti gli oneri conseguenti incluse le
spese eventualmente sostenute per la difesa in giudizio.
Articolo 23
Tutela della riservatezza
L’aggiudicatario si impegna, ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, e al D.p.c.m. 28
aprile 2005, a rispettare l’obbligo di riservatezza e a non diffondere, asportare, utilizzare per motivi
propri, al di fuori delle specifiche esigenze contrattuali, in alcun modo, i dati e le notizie di cui verrà a
conoscenza nell’esecuzione del contratto.
Articolo 24
Cessione del contratto e subappalto
Non è ammessa la cessione del contratto. È consentito il subappalto nei modi e nei termini previsti
dall’art. 118 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e s.m.i.
Articolo 25
Normativa di riferimento
Per quanto non specificamente disposto nel presente capitolato e per ogni effetto del contratto, si
intendono qui richiamate tutte le leggi e disposizioni regolamentari in materia di forniture.
Capitolato Speciale d’Oneri
Articolo 26
Pagina 15 di 19
Controversie
Per tutto quanto concerne l’esecuzione del contratto, salvo diverse successive comunicazioni, il
fornitore deve fare riferimento all’Ufficio.
Tutte le controversie che dovessero insorgere in merito all’esecuzione del contratto sono di competenza
del foro di Genova.
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 16 di 19
SEZIONE III
Articolo 27
Criteri di aggiudicazione
Il sistema di aggiudicazione della gara è basato sul criterio dell’offerta economicamente più
vantaggiosa. La valutazione sarà articolata su un punteggio massimo di 100 punti, da attribuirsi a
ciascuna offerta, validamente formulata e presentata, sulla base dei seguenti fattori di ponderazione.
La valutazione sarà articolata su un punteggio massimo di 100 punti, da attribuirsi a ciascuna offerta,
validamente formulata e presentata, sulla base dei seguenti fattori di ponderazione:
27.1
offerta tecnica
massimo
85 punti;
27.2
offerta economica
massimo
15 punti.
Articolo 28
Composizione
I concorrenti devono presentare in sede di offerta tecnica:
a) una relazione progettuale dell’allestimento proposto rispondente alle finalità, alle esigenze ed ai
vincoli contenuti nel presente capitolato o comunque manifestate espressamente dall’Ente;
b) esperienze aziendali.
28.1
Relazione progettuale
La relazione deve seguire il seguente schema:
a) proposta generale complessiva di allestimento che deve essere sviluppata in base agli schemi
contenuti nella relazione tecnica allegata al capitolato al fine di valutarne la funzionalità, l’estetica e
l’originalità;
b) elenco di tutti gli arredi fissi e mobili e suppellettili proposte specificando per ciascuno le
caratteristiche tecniche costruttive, le dimensioni, i materiali impiegati, le finiture, i trattamenti ed i colori;
c) elenco e descrizione dei sistemi multimediali specificando le caratteristiche tecniche, funzioni,
marche, presenza del produttore sul territorio nazionale, centri di assistenza e vendita, etc.;
d) elenco e descrizione di tutte le opere previste di demolizione e ripristino delle strutture e dei materiali
adoperati;
e) descrizione degli impianti elettrico, trasmissione dati e audio, tenendo presente che gli stessi devono
essere realizzati con canalizzazioni esterne al fine della salvaguardia delle parti decorate, come meglio
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 17 di 19
specificato nella relazione tecnica;
f) relazione metodologica illustrativa delle modalità che il concorrente intende adottare per la migliore
comunicazione e divulgazione dei contenuti proposti per il centro visite (sistemi multimediali, filmati e
pannelli illustrativi).
Alla relazione deve essere allegato quanto segue:
- una rappresentazione grafica in pianta, prospetto/sezione ed eventuale vista tridimensionale, in scala
1:50 minimo, dell’allestimento;
- certificazioni rilasciate da laboratori accreditati e riconosciuti dallo Stato italiano a dimostrazione della
conformità dei manufatti offerti alle normative indicate all’Articolo 2;
- depliants, disegni illustrativi o quant’altro ritenuto utile per l’apprezzamento e la valutazione del
progetto.
È lasciata la facoltà ai concorrenti di proporre una soluzione alternativa a quella principale sopra
indicata. La soluzione alternativa deve essere oggetto di una nuova relazione progettuale completa,
anche in caso di variante parziale, e deve trovare riscontro in una offerta economica distinta da quella
principale.
28.2
Esperienze aziendali
I concorrenti devono presentare in sede di offerta tecnica una documentazione grafica, descrittiva o
fotografica di un numero massimo di 3 (tre) progetti relativi a interventi ritenuti significativi della propria
capacità progettuale ed esecutiva, scelti fra interventi qualificabili affini a quelli oggetto dell'affidamento.
Ciascun progetto è descritto da non più di 3 (tre) schede in formato A3 (solo fronte).
Gli elementi descrittivi di ogni progetto consistono almeno in:
(1)
oggetto dell’intervento;
(2)
committente;
(3)
descrizione analitica dell’intervento;
(4)
importo della commessa;
(5)
buon esito della commessa rilasciato dal committente.
Articolo 29
Valutazione dell’offerta tecnica
I punteggi di merito sono attribuiti in base agli elementi sotto specificati:
- progetto complessivo di allestimento
massimo 35 punti;
- caratteristiche tecnico-costruttive e funzionali dei singoli manufatti
massimo 10 punti;
- qualità dei materiali impiegati
massimo 10 punti;
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 18 di 19
- relazione metodologica sulla comunicazione
massimo 20 punti;
- esperienze aziendali
massimo 10 punti.
29.1 Progetto complessivo di allestimento
La Commissione per la valutazione di questo elemento prende in considerazione la relazione tecnica e
la rappresentazione grafica presentata.
La valutazione di questo elemento è basata sull’apprezzamento discrezionale del soggetto valutatore
che assegnerà, motivandone l’attribuzione, un coefficiente da 0 a 1 alle proposte contenute nelle varie
offerte, applicando la seguente formula:
VT
=
CF * VP
laddove s’intende:
VT
=
valutazione tecnica
CF
=
coefficiente di valutazione
VP
=
valore ponderale dell’elemento.
29.2 Caratteristiche tecnico costruttive/funzionali dei singoli prodotti
La Commissione per la valutazione di questo elemento prende in considerazione in particolare la
relazione tecnica, le certificazioni, i depliants e altro materiale prodotto dai concorrenti.
La valutazione di questo elemento dell’offerta tecnica è basata sull’apprezzamento discrezionale del
soggetto valutatore che assegnerà, motivandone l’attribuzione, un coefficiente da 0 a 1 alle proposte
contenute nelle varie offerte, applicando la seguente formula:
VT
=
CF * VP
laddove s’intende:
VT
=
valutazione tecnica
CF
=
coefficiente di valutazione
VP
=
valore ponderale dell’elemento.
29.3 Qualità materiali impiegati per realizzare i prodotti
La Commissione per la valutazione di questo elemento prende in considerazione in particolare la
relazione tecnica, certificazioni, schede tecniche dei prodotti e altro materiale prodotto dai concorrenti.
La valutazione di questo elemento dell’offerta tecnica è basata sull’apprezzamento discrezionale del
Capitolato Speciale d’Oneri
Pagina 19 di 19
soggetto valutatore che assegnerà, motivandone l’attribuzione, un coefficiente da 0 a 1 alle proposte
contenute nelle varie offerte, applicando la seguente formula:
VT
=
CF * VP
laddove s’intende:
VT
=
valutazione tecnica
CF
=
coefficiente di valutazione
VP
=
valore ponderale dell’elemento.
29.4 Relazione metodologica
La valutazione della relazione metodologica è effettuata con il metodo del confronto a coppie.
29.5 Esperienze aziendali
La valutazione dell’offerta tecnica, relativamente alla professionalità del concorrente, è effettuata con il
metodo del confronto a coppie.
Articolo 30
Composizione e valutazione dell’offerta economica
L’offerta economica deve essere espressa dai concorrenti con riferimento all’importo complessivo
dell’intero allestimento proposto, oneri fiscali esclusi, reso chiavi in mano e comprensivo di tutti gli oneri
a carico del fornitore.
I concorrenti devono presentare, unitamente all’offerta economica, un elenco analitico dei prezzi unitari
di dettaglio dei singoli componenti ed interventi costituenti l’intero allestimento.
La valutazione dell’offerta economica è basata sul metodo proporzionale, attribuendo il massimo
punteggio al miglior prezzo e scalando di conseguenza le altre offerte secondo la seguente formula:
VE
=
KMIN / K * VP
laddove s’intende:
VE
=
valutazione economica
K
=
offerta considerata
KMIN
=
offerta più bassa
VP
=
valore ponderale dell’elemento.
PREMESSE
Palazzo Gervino
L’intervento in oggetto è previsto all’interno dello storico edificio denominato
Palazzo Gervino, situato all’ingresso del nucleo storico del Comune di
Sassello; l’edificio, identificato al catasto al fg. 23 mappale 199, risulta
vincolato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio
della Liguria (ex art. 12 D. Lgs 42/04).
L'accesso principale e' posto sul lato est dell’edificio, al n. 45 di via Badano,
uno dei principali assi pedonali del centro storico; sulla stessa via si trova
anche l’ingresso al giardino che si sviluppa nella parte ovest dell’edificio; la
quota del piano terra è circa un metro e mezzo più alta di quella della strada e
al palazzo si accede tramite una rampa di scale; l’accessibilità a persone
disabili è garantita dalla rampa situata nel giardino che conduce all’ingresso
secondario posto nel vano scala; non sono al momento accessibili ai disabili i
piani superiori (primo e secondo) raggiungibili solo tramite una ripida scala.
L’edificio presenta una pianta quasi quadrata e si sviluppa su tre piani; sul
prospetto nord è presente una parte bassa con copertura a terrazzo che
confina con la strada comunale.
La struttura portante è in muratura piena di mattoni e pietrame, di notevole
spessore, e diminuisce salendo ai piani superiori.
La facciata principale, che insiste su via G.B. Badano, è caratterizzata da
numerosi elementi decorativi: il piano terra è rifinito da una fascia di intonaco
trattato a bugnato, il secondo piano riporta una fascia a bugnato liscio dipinto
interrotta dalle decorazioni che riquadrano le finestre, dalle cornici marcapiano
e dalle pietre d’angolo anch’esse dipinte. Il disegno cambia nuovamente
nell’ultima fascia prima della copertura, sottolineata da un cornicione liscio, la
cui decorazione con un effetto ottico, crea l’illusione della presenza di una
modanatura.
Il fronte su Via Savona è caratterizzato da una decorazione più semplice, che
riprende quella della fascia principale mentre i restanti prospetti non
presentano decorazioni. Il tetto dell’edificio, a quattro falde, ha una struttura
lignea ed una copertura in tegole piane “sassellesi”.
Internamente, i diversi locali presentano soffitti di diversa tipologia, sia a volta
(padiglione e doppia crociera, al piano terra e in parte del secondo piano), sia
piani (in parte nel secondo piano e all’ultimo piano). La maggior parte dei
soffitti è decorata; i pavimenti sono in cementine a disegni policromi.
Palazzo Gervino è di proprietà del Comune di Sassello a seguito di lascito
disposto dal Dott. Gervino Tommaso, ultimo proprietario dell’immobile ed è
oggi destinato ad uso pubblico con gestione affidata all’Ente Parco del Beigua;
il piano terra è in parte occupato dal Centro Servizi Territoriali del Parco del
Beigua e dall’ufficio informazioni turistiche; il piano primo viene utilizzato
parzialmente per esposizioni temporanee ed il piano secondo è adibito a
foresteria (con n. 2 alloggi).
L’edificio è stato oggetto di un primo intervento di restauro complessivo nei
primi anni ’90; recentemente sono stati effettuati alcuni lavori di manutenzione,
in parte ancora in corso.
Il Centro Visite
L’allestimento è finalizzato alla realizzazione un Centro Visite del Parco del Beigua all'interno degli spazi esistenti
ristrutturati; in particolare interessa due locali al piano terra e l’intero piano primo, sviluppando l’itinerario espositivo
su una superficie complessiva di circa 98,00 mq. (di cui mq. 28,00 al piano terra e mq. 70,00 al piano primo come
visibile alle tavv. 3-4)
L’importo complessivo del quadro economico relativo alle opere di allestimento è di 190.000,00 euro (comprensivi di
realizzazione dell’allestimento, IVA sulle opere, oneri di progettazione e ogni altro onere).
L'allestimento sarà sviluppato con sale tematiche che dovranno definire un percorso espositivo obbligato, inserito
all'interno dell'edificio, conciliando le esigenze progettuali con i vincoli presenti all'interno di una struttura esistente.
La continuità tra gli spazi espositivi sarà ottenuta concretamente
riaprendo alcune porte nelle pareti di divisione esistenti in modo da
collegare le stanze tra loro e sfruttando anche il vano scala a fini
espositivi.
Altre opere di adeguamento della struttura esistente saranno
realizzate al di fuori di questo progetto e finanziate separatamente:
- adeguamento alle barriere architettoniche con l’inserimento
di una piattaforma elevatrice che colleghi la quota del
giardino con il terrazzo del piano primo
- opere di manutenzione per rendere agibile il servizio disabili
situato al piano terra con accesso dal giardino
- realizzazione di griglie di raccolta acque bianche
sull’ingresso secondario (lato giardino)
- risanamento delle murature perimetrali nella sala del piano terra (parte verso il giardino)
Il tema individuato quale oggetto del Centro Visite è il “GEOPARCO DEL BEIGUA”, con particolare riferimento ad
una particolare epoca della storia geologica del comprensorio del Beigua, compresa tra 37 e 23 milioni di anni fa
ossia, l’Oligocene.
Il Geoparco del Beigua – Beigua Geopark
Dal Marzo 2005 il Parco del Beigua – Beigua Geopark è riconosciuto come “Geoparco” internazionale nell’ambito
della Rete Europea dei Geoparchi (EGN) e della Rete Globale dei Geoparchi dell’UNESCO.
Il Geoparco del Beigua – al cui interno è compresa l'intera superficie classificata come "Parco naturale regionale del
Beigua" – si sviluppa per un’estensione complessiva di 39.230 ettari coinvolgendo i Comuni di Arenzano, Campo
Ligure, Cogoleto, Genova, Masone, Rossiglione, Sassello, Stella, Tiglieto e Varazze.
Il comprensorio del Geoparco del Beigua presenta un ricco e variegato patrimonio geologico che ben rappresenta le
diverse discipline delle Scienze della Terra e che risulta particolarmente significativo per quanto riguarda la
ricostruzione della storia geologica dell’Italia e per la comprensione dell’evoluzione della catena alpina.
Nel comprensorio del Geoparco sono presenti siti che consentono di apprezzare diverse tipologie di rocce, forme e
processi di notevole valore scientifico ma che rivestono anche un particolare interesse estetico, didattico,
divulgativo.
L’area è caratterizzata da una grande estensione di ofioliti (rocce verdi) con impronta metamorfica alpina che
rappresentano un frammento di un originario bacino oceanico giurassico, raramente affiorante in maniera così
diffusa nelle Alpi ed in Europa.
Nel vasto comprensorio del Geoparco si registrano particolari caratteristiche geomorfologiche, forme e
testimonianze legate, in alcuni casi, a processi morfogenetici scomparsi, che conferiscono al territorio del Parco
caratteri tali da farne un unicum nel quadro ligure: dai depositi periglaciali presenti nella porzione sommitale del
massiccio del Beigua alle forme e processi che testimoniano l’attuale modellamento fluviale (forre e meandri
incassati) e gravitativo (frane di crollo e depositi clastici) nei settori di versante, fino ai terrazzi marini che registrano
le variazioni del livello marino presenti nella fascia costiera tra Arenzano e Varazze.
Il comprensorio, infine, è contraddistinto da interessanti aree paleontologiche, spesso caratterizzate da un
contenuto fossilifero abbondante ed in buono stato di conservazione, nonché da siti di interesse mineralogico,
famosi soprattutto per la presenza di spettacolari granati, che hanno arricchito le collezioni di tutto il mondo.
Ecco perché dedicare un Centro Visite del Parco del Beigua all’Oligocene e alle sue emergenze paleontologiche
che rappresentano un elemento indispensabile per ricostruire una tappa della sua storia geologica.
I siti più interessanti e significativi sono l’area di Stella S. Giustina, nota da tempo per la ricchezza di resti fossili di
piante superiori, le cosiddette Filliti, e la località di Maddalena-Ponte Prina caratterizzata dalla presenza di piccole
biocostruzioni a coralli in buono stato di conservazione. In entrambi i casi i fossili rinvenuti permettono di ricostruire i
diversi tipi di ambienti, da continentali a marini franchi, che si sono succeduti nel corso dell’Oligocene (circa tra 34 e
23 milioni di anni fa).
Dal punto di vista geologico i due siti fanno parte di quello che i geologi definiscono come Bacino Terziario
Piemontese, che si identifica in una vasta area che dalla Pianura Padana si spinge al di là dello spartiacque ligurepadano, caratterizzato oggi da un’imponente successione di rocce sedimentarie ricche di fossili. Queste rocce si
sono depositate in un antico mare, chiamato Mare di Ranzano, che da nord/nord est avanzava verso sud/sud ovest
ricoprendo le allora le terre emerse verso i contrafforti della appena formata Catena Alpina. La situazione geografica
nell’Oligocene era quindi completamente diversa da quella attuale, praticamente rovesciata, col mare dove ora c’è
la Pianura Padana ed una fascia di transizione caratterizzata da pianure alluvionali ricoperte da lussureggiante
vegetazione ed infine la terra emersa al posto del Mar Ligure.
Nell’area di Stella S. Giustina gli alvei del Sansobbia e dei piccoli rivi affluenti sono generalmente ricchi in frustoli
carboniosi (di origine vegetale) e, in alcuni casi, contengono numerosi resti di piante superiori sotto forma di tronchi
e foglie. I tronchi carbonificati, alcuni dei quali anche di discrete dimensioni, sono visibili, più o meno bene a
1
seconda delle condizioni del corso d’acqua, nelle rocce affioranti dentro o lungo l’alveo del Sansobbia e talvolta
sono da considerare ancora in posizione di vita. Per quanto riguarda i resti di foglie, si tratta di impronte piuttosto
dettagliate, con le nervature evidenti, per lo più caratterizzate da una pellicola carboniosa scura, che è quanto resta
dei tessuti del lembo fogliare.
Questi resti fossili hanno permesso di ricostruire una ricca vegetazione costituita da Pteridofite, Gimnosperme e,
nettamente dominanti, Angiosperme. Nelle Pteridofite prevalgono le Felci (circa 43 specie), tra cui spiccano grandi
forme arboree come Goniopteris polypodioides, da tempo scomparse dalle flore europee, mentre gli Equiseti con
forme erbacee sono poco rappresentati (2 sole specie). Per le Gimnosperme (10 specie) si tratta soprattutto di
Conifere, in particolare Pinus e Sequoia. Come già detto il gruppo dominante è quello delle Angiosperme con ben
391 specie riconosciute, tra cui prevalgono decisamente le Dicotiledoni (332 specie). Interessante è anche la
presenza nell’alveo del Sansobbia, a nord est del centro abitato a valle di Case Praserra, di un livello ricco di oogoni
(parti fertili) di Caracee, alghe verdi di acqua dolce, che testimoniano l’esistenza di piccoli bacini lacustri.
Le ricostruzioni paleoambientali disegnano l’area come un’antica pianura alluvionale con aree di esondazione,
meandri e piccoli laghi, dove potevano accumularsi grandi quantità di resti vegetali. Si tratta quindi della fase
immediatamente precedente all’arrivo del mare, che ricoprirà la piana in tempi successivi. La vegetazione, ricca in
felci arboree, palme e numerose specie appartenenti a generi oggi tipici di clima caldo, indica un paleoambiente
nettamente tropicale-subtropicale di piani basali-pedemontani.
A Maddalena-Ponte Prina, invece, si possono ricostruire le successive prime fasi di avanzata del mare con la
costituzione di un ambiente di mare basso, dove si formano piccole biocostruzioni a coralli. Su un substrato
costituito da rocce serpentinitiche modellate dall’azione del mare, in un ambiente profondo pochi metri, si impostano
le prime colonie di coralli che oggi si trovano spesso ancora in posizione di vita; questi piccoli insediamenti non
riescono però a costruire una vera scogliera dato che vengono soffocati da depositi di materiale grossolano dovuti
ad un massiccio aumento del trasporto verso mare da parte di corsi d’acqua a regime torrentizio. Il mare continua
gradualmente ad avanzare, l’ambiente diventa un poco più profondo (circa 20-30 m): i coralli possono ricolonizzare
il fondo con colonie massicce o tabulari, i sedimenti sono ora molto più fini (arenaceo-siltosi e sabbioso-siltosi) e
sono ricchi di alghe calcaree rosse e macroforaminiferi.
Le successive alternanze di livelli arenacei ricchi in alghe e macroforaminiferi e livelli a coralli indicano un periodo di
stasi nell’avanzata del mare, durante il quale proliferavano le alghe calcaree rosse che colonizzavano il fondo
stabilizzandolo e consentendo così la ripresa della crescita dei coralli.
La scoperta delle Filliti di S. Giustina, una delle più importanti flore oligoceniche europee e dei coralli di MaddalenaPonte Prina , è legata alla figura di Don Deogratias Perrando, parroco di Stella S. Giustina dal 1857 al 1889, uomo
di grande cultura, appassionato naturalista e ottimo conoscitore delle aree fossilifere del savonese e delle Langhe,
nonché amico e guida di geologi e paleontologi come L. Pareto, E. Sismonda, G. Michelotti, T. Taramelli e,
soprattutto, A. Issel. Nei lunghi anni di attività esplorativa egli raccoglie una imponente collezione di rocce, minerali,
reperti paletnologici e fossili, oggi patrimonio dell’Università di Genova, di cui le Filliti e i coralli costituiscono uno dei
nuclei più importanti.
IL PROGETTO DI ALLESTIMENTO
La presente relazione corredata di elaborati grafici illustrativi è volta all’individuazione delle linee di indirizzo generali
che dovranno essere seguite nella progettazione e realizzazione dell’allestimento; le indicazioni di seguito riportate
sono da considerarsi contenuti minimi dell’appalto posto a base di gara; la ditta concorrente, in sede di
presentazione dell’offerta, ha la facoltà di proporre soluzioni migliorative e/o alternative a quanto di seguito indicato,
purchè siano offerte senza alcun incremento di prezzo; le modifiche potranno riguardare sia proposte progettuali di
allestimento e di strumenti di comunicazione innovativi sia l’utilizzo di materiali differenti da quelli citati negli
elaborati che seguono.
Il progetto di allestimento dovrà tenere conto dei seguenti principi generali:
• sviluppare alcuni temi comuni agli altri Centri Visite e Punti Informativi del Parco
• privilegiare un allestimento che coinvolga il visitatore con esperienze multisensoriali
• considerate le modeste dimensioni dei locali, utilizzare per gli elementi espositivi pavimenti e pareti, evitando
di occupare la parte centrale delle sale, come indicato negli schemi grafici allegati
• utilizzare il vano scala come parte del percorso espositivo
• continuità di allestimento tra le varie sale (individuazione di alcuni elementi caratterizzanti che si ripetano nei
differenti ambienti espositivi)
• utilizzo di materiali ecocompatibili, di facile manutenzione e a basso degrado.
Gli interventi sono soggetti all’approvazione da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il
Paesaggio della Liguria e dovranno essere realizzati nel rispetto delle caratteristiche strutturali e architettoniche
dell’edificio; in particolare:
• non potranno essere modificati e alterati i soffitti dipinti ed i pavimenti in cementine decorate esistenti, se non
con materiali e/o manufatti facilmente rimovibili; dovranno quindi essere progettati sistemi adeguati per la
collocazione dei videoproiettori sospesi; sarà inoltre possibile, anche se non espressamente indicato negli
elaborati grafici allegati, utilizzare elementi schermanti a soffitto (tipo teli tesi o altro) di facile rimozione,
qualora si ritenessero necessari alla ricostruzione di ambienti tematici
• dovranno essere ridotte al minimo eventuali crene nelle murature esistenti; i nuovi impianti dovranno passare
in canaline esterne o dietro agli allestimenti; ove possibile, si dovranno riutilizzare i punti luce esistenti.
L’allestimento comporta la progettazione e realizzazione di differenti categorie di opere che vengono di seguito
riassunte:
• allestimenti: progettazione e fornitura di allestimento delle sale comprendente:
oggetti di arredo fissi e mobili
pannelli illustrativi
stampe fotografiche, tendaggi stampati
illuminazione (corpi illuminanti e/o sistemi di illuminazione integrati negli allestimenti)
attrezzature tecnologiche: attrezzature informatiche, attrezzature video e audio
• strumenti di comunicazione e di divulgazione (i testi, le fotografie, il materiale di base per i filmati ed i
multimediali sarà fornito dall’Ente Parco):
progetto grafico di pannelli illustrativi, tende, pareti ecc.
progetto, realizzazione e installazione di filmati
progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediali
- adeguamento funzionale dei locali: interventi edilizi e impianti
ALLESTIMENTI
L’individuazione degli ambienti di Palazzo Gervino interessati dall’allestimento del centro visite è riportata alle tavv.
3-4.
Vengono descritti di seguito i contenuti di massima ed i relativi allestimenti di ogni sala del percorso espositivo; la
descrizione dei singoli elementi che costituiranno l’allestimento e la relativa rappresentazione grafica riportate alle
tavv. 5-6-7-8 risultano indicative e dovranno essere sviluppate dalle ditte concorrenti. In fase di esecuzione le
eventuali modifiche dovranno essere concordate ed approvate dall’Ente Parco Beigua.
Anche se non espressamente indicati negli schemi grafici l’allestimento dovrà comprendere corpi illuminanti e/o
sistemi di illuminazione integrati negli allestimenti.
Piano terra - Ingresso
L'atrio di ingresso, con la scala aperta che sale ai livelli superiori, e' utilizzato sia dal
Centro Visite, sia dalle altre attivita' che occupano il piano terra (Centro Servizi
Territoriali Ente Parco Beigua – ufficio informazioni turistiche) e dalla foresteria situata
al piano secondo. Considerata la non immediata accessibilità di Palazzo Gervino da via
Badano si dovrà prevedere un sistema di segnalazione del Centro Visite che risulti
visibile dalla strada (banner da appendere sulla facciata o altro); in fase esecutiva la
soluzione proposta dovrà essere verificata e approvata dai competenti Uffici Comunali
(gli oneri relativi alla richiesta di eventuali autorizzazioni saranno a carico dell’Ente
Parco).
Al fine di assicurare il rispetto delle norme di sicurezza si prevede la modifica della
bussola di ingresso con allargamento della stessa per consentire l’apertura della porta
a spingere verso l’esterno.
L'allestimento dell’ingresso comprende:
1. punto informativo con postazione multimediale: elemento espositivo con parte
bassa adibita a raccoglitore per materiale informativo e parte alta con postazione
multimediale comprensiva di:
- n. 1 monitor 17” con touch screen
- n. 1 computer con lettore dvd (incluso fornitura di licenza e installazione sistema operativo)
(la postazione multimediale ha l’obiettivo di fornire informazioni e di rappresentare un inquadramento generale
del comprensorio del Parco del Beigua – Geoparco del Beigua con particolare attenzione alle strutture museali e
didattico-informative che costituiscono la rete di fruizione divulgativa dl comprensorio dell’area protetta)
Piano terra - sala 1: i geoparchi in Europa e nel mondo
La sala intende fornire informazioni in merito alle reti internazionali dei Geoparchi; in particolare saranno presentate
la “European Geoparks Network”, rete che rappresenta oltre 30 geoparchi presenti in Europa, e la “Global
Geoparks Network” sotto l’egida dell’UNESCO, rete che coinvolge sia i geoparchi europei, sia tutti gli altri
geoparchi individuati a livello internazionale (Cina, Brasile, Iran, ecc.); si forniscono indicazioni sulla loro
localizzazione, sulle loro caratteristiche geologiche e ambientali, sulle loro strutture e sulle loro attività di fruizione.
2
L'allestimento della sala prevede:
2. postazione multimediale comprensiva di:
- n.
1
lavagna
interattiva
collegata
al
videoproiettore
- n. 1 computer dotato di lettore CD e lettore DVD,
collegato al server (incluso fornitura di licenza e
installazione sistema operativo)
- n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e
definizione
3. parete con casellario luminoso dei singoli geoparchi
con foto significative e informazioni di base;
l’allestimento dovrà essere progettato in modo da
consentire un facile aggiornamento dei dati esposti
e l’eventuale inserimento di nuovi geoparchi
(caselle vuote per eventuali aggiunte e/o aggiornamenti); dimensioni indicative parete 5,00*2,00 m;
4. mappa a pavimento dell’Europa con individuazione dei geoparchi: stampa digitale in quadricromia su carta
blueback da affissione/carta da parati minimo 120 gr + plastificazione calpestabile floor grafic (dimensioni
indicative m 5,50*3,50); sarà possibile proporre soluzioni differenti che prevedano l’utilizzo di un pavimento
sopraelevato
5. pannelli illustrativi tradizionali con grafici, disegni e testi da fissare a parete; il supporto sarà in PVC (Forex)
spessore minimo 5 mm con plastificazione protettiva opaca (dimensioni indicative: 3,30*1,60 m e 2,00*1,60 m)
6. parete con stampa fotografica; la parete potrà essere realizzata con supporto rigido (legno o cartongesso)
oppure con teli e dovrà avere una parte apribile per l’accesso alla finestra;
Piano terra - sala 2: Beigua Geopark (Geoparco del Beigua)
All’interno del contesto europeo verrà evidenziato cosa significa e per quali motivi il
Parco del Beigua ha ottenuto nel 2005 il riconoscimento di “geoparco” europeo e
mondiale sotto l’egida dell’UNESCO.
L’allestimento della sala prevede:
7. pannelli illustrativi tradizionali con grafici, disegni e testi da fissare a parete; il
supporto sarà in PVC (Forex) spessore minimo 5 mm con plastificazione protettiva
opaca (dimensioni indicative: 1,10*1,60 m)
8. parete con stampa fotografica; la parete potrà essere realizzata con supporto rigido
(legno o cartongesso) oppure con teli e dovrà avere parti facilmente apribili per
l’accesso alle finestre;
9. postazione multimediale comprensiva di:
- n. 1 tavolo interattivo collegato al videoproiettore
- n. 1 computer dotato di lettore CD e lettore DVD, collegato al server (incluso
fornitura di licenza e installazione sistema operativo)
- n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o collegato al computer/server;
10. n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o collegato al computer/server; il
videoproiettore potrà proiettare sulla parete di fondo immagini e o filmati a rotazione oppure approfondimenti
collegati alla postazione interattiva
Vano scala
Da utilizzare all’interno del percorso espositivo: con effetti audio e/o video o luminosi
dovrà sottolineare il passaggio indietro nel tempo dai giorni nostri a 30 milioni di anni fa,
introducendo il visitatore all’ambiente dell’Oligocene.
L’allestimento del vano scala prevede:
11. rivestimento delle pareti esterne del vano scala con materiale sottile che non
comporti una riduzione eccessiva della larghezza utile di passaggio con riproduzioni
evocative del trascorrere del tempo; potranno essere semplici scritte, immagini o
effetti luminosi; l’allestimento sarà comprensivo di sistema audio azionato da un
sensore che rileverà il passaggio delle persone sulle scale (dotato di
temporizzatore).
Piano primo – sala 3: l’Oligocene
La sala verrà utilizzata sia per convegni e conferenze che come parte
dell’itinerario espositivo; l’argomento della sala è un inquadramento
sull’Oligocene e sulle formazioni rocciose (conglomerati, arenarie, siltiti, ecc.)
relative a quell’epoca.
L'allestimento della sala prevede:
12. n. 1 schermo per proiezioni costituito da tenda a rullo realizzata con tessuto
oscurante DARKTEX F.R. ignifugo classe 1(movimento da salita e discesa
elettrico con telecomando); inclusa stampa digitale quadricromia con
rettangolo centrale bianco per la proiezione (dimensioni indicative:
2,80*2,80 m); sarà utilizzato in occasione di convegni e conferenze o, in
assenza di specifici eventi, verrà adibito alla proiezione di diapositive e/o
filmati forniti dall’Ente Parco;
13. n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o collegato al computer/server;
14. n. 2 tende a rullo realizzata con tessuto oscurante DARKTEX F.R. ignifugo classe 1 (movimento da salita e
discesa elettrico con telecomando); inclusa stampa digitale quadricomia
15. allestimenti a parete comprendenti una parte bassa con ricostruzione della sezione del terreno (parte di
S.Giustina e parte di Ponte Prina) con cassetti o vetrine per esposizione di campioni di roccia e una parte
superiore con testi illustrativi (dimensioni indicative parete con camino 5,20*2,80 m)
16. allestimento per esposizione di ricostruzioni di carotaggi
17. pannelli illustrativi tradizionali con grafici, disegni e testi da fissare a parete (ivi compresa la storia delle
esplorazioni geologiche dei siti di S.Giustina e di Ponte Prina, nonché il sito dei conglomerati della Val
Gargassa); il supporto sarà in PVC (Forex) spessore minimo 5 mm con plastificazione protettiva opaca
(dimensioni indicative: 2,50*2,80 m)
Piano primo – sala 4: 30 milioni di anni fa a S. Giustina: una foresta tropicale
La sala è dedicata alla ricostruzione dell’ambiente di S. Giustina 30 milioni di anni fa
quando il clima, la fauna e la flora di questa zona erano simili a quelle di una foresta
tropicale.
L’allestimento dovrà basarsi sul contrasto tra la situazione morfologica e paesaggistica
attuale e quella di questo passato molto lontano di cui restano piccole “tracce” nel
presente da scoprire.
L'allestimento della sala prevede:
18. rivestimento pareti con cartongesso, legno o altro materiale, facilmente rimovibile,
con realizzazione di gigantografie – stampa digitale quadricromia su carta blueback
da affissione/carta da parati 120 gr + plastificazione opaca leggera (stampe di
ambiente tropicale); nella parete dovranno essere previste delle finestre o scatole
chiuse per la visione dei fossili (molluschi e vertebrati) – dimensioni indicative delle
pareti m. 4,50*2,30 - 2,30*2,30 - 4,30*2,30
19. postazione multimediale comprensiva di:
- n. 1 lavagna interattiva collegata al videoproiettore; il programma multimediale dovrà simulare il passaggio
dal paesaggio attuale di S. Giustina alla ricostruzione di quello corrispondente 30 milioni di anni fa
- n. 1 computer dotato di lettore CD e lettore DVD, collegato al server (incluso fornitura di licenza e
installazione sistema operativo)
- n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o collegato al computer/server;
20. n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o collegato al computer/server
(caratteristiche minime: luminosità 1800 ansilumen, definizione computer
sino alla risoluzione XGA, definizione video 800 linee (RGB), contrasto
800/1);
21. nicchia con esposizione dei resti dell’anthracotherium
22. vetrina per esposizione fossili (piante e foglie fossili) da realizzarsi
all’interno della nicchia a parete
23. mappa a pavimento della zona di S. Giustina oggi: stampa digitale in
quadricromia su carta blueback da affissione/carta da parati minimo 120 gr
+ plastificazione calpestabile floor grafic (dimensioni indicative m
4,40*2,40) sarà possibile proporre soluzioni differenti che prevedano
l’utilizzo di un pavimento sopraelevato
3
Piano primo – sala 5: 28 milioni di anni fa a Sassello: scogliere in un mare tropicale
La sala è dedicata alla ricostruzione dell’ambiente di Sassello 28 milioni di anni fa, in
particolare all’ambiente marino tropicale, con presenza di barriere coralline e animali
quali sirenidi, squali, ecc.
L’allestimento dovrà basarsi sul contrasto tra la situazione morfologica e paesaggistica
attuale e quella di questo passato molto lontano di cui restano piccole “tracce” nel
presente da scoprire.
L'allestimento della sala prevede:
24. mappa a pavimento della zona di Sassello oggi: stampa digitale in quadricromia su
carta blueback da affissione/carta da parati minimo 120 gr + plastificazione
calpestabile floor grafic (dimensioni indicative m 3,15*3,10); sarà possibile proporre
soluzioni differenti che prevedano l’utilizzo di un pavimento sopraelevato
25. rivestimento pareti con cartongesso, legno o altro materiale facilmente rimovibile
con realizzazione di gigantografie – stampa digitale quadricromia su carta blueback
da affissione/carta da parati 120 gr + plastificazione opaca leggera - stampe di un
ambiente marino (le barriere coralline); nella parete dovranno essere
previste delle finestre o scatole chiuse per la visione dei fossili (molluschi
e vertebrati) – dimensioni indicative delle pareti m. 1,85*2,80 - 2,35*2,80
- 3,05*2,80
26. postazione multimediale comprensiva di:
- n. 1 lavagna interattiva collegata al videoproiettore; il programma
multimediale dovrà simulare il passaggio da una foto attuale di Sassello
alla ricostruzione di 28 milioni di anni fa
- n. 1 computer dotato di lettore CD e lettore DVD, collegato al server
(incluso fornitura di licenza e installazione sistema operativo)
- n. 1 videoproiettore ad alta luminosità e definizione con lettore dvd o
collegato al computer/server.
Piano primo – sala 6: piccolo laboratorio
La piccola sala sarà una sosta all’interno del percorso espositivo in cui il visitatore potrà
osservare oggetti al microscopio o consultare documentazione sugli argomenti del
centro visite tramite una postazione multimediale.
L'allestimento della sala prevede:
27. vetrina per esposizione minerali
28. postazione pc costituita da:
n. 1 scrivania
n. 2 sedie
n. 1 microscopio
n. 1 pc collegato in rete
pannelli illustrativi tradizionali con grafici, disegni e testi
Piano primo – sala 7: 28 milioni di anni fa a Sassello: i coralli
La sala sarà dedicata alla ricostruzione dell’ambiente di Sassello 28 milioni di anni fa, in
particolare ai coralli.
L’allestimento, come nelle sale precedenti dovrà essere basato sul contrasto tra
l’esposizione dei coralli veri (a pavimento) e quelli fossili ritrovati in queste zone.
L'allestimento della sala prevede:
29. rivestimento pareti con cartongesso, legno o altro materiale facilmente rimovibile
con realizzazione di gigantografie – stampa digitale quadricromia su carta blueback
da affissione/carta da parati 120 gr + plastificazione opaca leggera - stampe
fotografiche di un ambiente marino; nella parete dovranno essere previste scatole
con esposizione di fossili - dimensioni indicative delle pareti m. 2,75*2,30 3,10*2,30 - 2,75*2,30
30. pavimento sopraelevato con stampa digitale in quadricromia su carta blueback da
affissione/carta da parati minimo 120 gr + plastificazione calpestabile floor grafic
(dimensioni indicative m 2,80*3,20) - stampa di fondale marino e “buchi” con esposizione di coralli
GLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E DI DIVULGAZIONE
In ogni sala del centro visite sono previsti strumenti di comunicazione e divulgazione di diverso tipo la cui
interazione consente maggiore coinvolgimento del visitatore; tali elementi sono localizzati ed evidenziati negli
elaborati grafici allegati con una numerazione progressiva e sono suddivisi come segue:
• pannelli illustrativi: le parti di testo saranno concentrate in singoli pannelli o potranno essere inserite negli
allestimenti a parete (potranno, ad esempio, essere stampate su tende o collocate in inserti nelle stampe
fotografiche a parete)
• multimediali
• filmati
Il materiale base per la loro realizzazione sarà fornito dall’Ente Parco e dovrà essere montato e rielaborato dalla
ditta aggiudicataria dell’appalto; per quanto riguarda la parte dei pannelli illustrativi dovrà essere progettata la parte
grafica in accordo con gli uffici del Parco che forniranno i testi in lingua italiana; sarà a carico del soggetto
aggiudicatario la traduzione in lingua inglese.
Piano terra - Ingresso
allestimento n. 1: progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediale: inquadramento generale del
comprensorio del Parco del Beigua – Geoparco del Beigua con particolare attenzione alle strutture museali e
didattico-informative che costituiscono la rete di fruizione divulgativa dl comprensorio dell’area protetta
Piano terra - sala 1: i Geoparchi in Europa e nel mondo
allestimento n. 2: progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediale: indicazioni sulla rete dei Geoparchi,
la loro localizzazione, sulle loro caratteristiche geologiche e ambientali, sulle loro strutture e sulle loro attività di
fruizione.
allestimento n. 5: progetto grafico, realizzazione di pannelli illustrativi: rete internazionale dei Geoparchi –
spiegazione di che cosa sono la “European Geoparks Network” e la “Global Geoparks Network” sotto l’egida
dell’UNESCO (testi e materiale fotografico fornito dall’Ente)
allestimento n. 6: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete
Piano terra - sala 2: Beigua Geopark – Geoparco del Beigua
allestimento n. 7: progetto grafico, realizzazione di pannelli illustrativi: descrizione delle caratteristiche geologiche
del Parco (testi e materiale fotografico fornito dall’Ente)
allestimento n. 8: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete
allestimento n. 9: progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediale: illustrazione del territorio del Parco
con possibilità di “aprire delle finestre” di approfondimento con immagini che saranno proiettate sulla parete di fondo
allestimento n. 10: progetto, realizzazione e installazione di filmati: i filmati saranno dei brevi spot di
approfondimento collegati alla postazione multimediale (ad esempio potranno visualizzare immagini dei geositi del
Parco)
Vano scala
allestimento n. 11: progettazione e realizzazione di audio di introduzione all’epoca Oligocenica (montaggio di
materiale fornito dall’Ente Parco del Beigua)
Piano primo – sala 3: l’Oligocene
allestimento n. 13: progetto, realizzazione e installazione di filmato: filmato sull’oligocene (montaggio di materiale
fornito dall’Ente Parco del Beigua)
allestimento n. 15: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete per allestimento con ricostruzione della
stratigrafia
allestimento n. 17: progetto grafico, realizzazione di pannelli illustrativi: l’oligocene, la storia delle esplorazioni
geologiche dei siti di S.Giustina e di Ponte Prina, il sito dei conglomerati della Val Gargassa (testi e materiale
fotografico fornito dall’Ente)
4
Piano primo – sala 4: 30 milioni di anni fa a S. Giustina: una foresta tropicale
allestimento n. 18: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete
allestimento n. 19: progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediale: illustrazione del passaggio tra il
paesaggio attuale di S. Giustina e quello di 30 milioni di anni fa, con possibilità di “aprire delle finestre” di
approfondimento
allestimento n. 20: progetto, realizzazione e installazione di filmato: il filmato riguarderà la ricostruzione multimediale
dell’anthracotherium (montaggio di materiale fornito dall’Ente Parco del Beigua)
QUADRO ECONOMICO
1
allestimento
oggetti di arredo fissi e mobili
pannelli illustrativi
stampe fotografiche e tendaggi
illuminazione
attrezzature tecnologiche
Piano primo – sala 5: 28 milioni di anni fa a Sassello: scogliere in un mare
tropicale
B
strumenti di comunicazione e divulgazione
pannelli illustrativi
filmati
multimediali
allestimento n. 25: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete
allestimento n. 26: progetto, realizzazione e messa in esercizio di multimediale: illustrazione del passaggio tra il
paesaggio attuale di Sassello e quello di 28 milioni di anni fa, con possibilità di “aprire delle finestre” di
approfondimento (si potrà confrontare la barriera corallina di oggi con la ricostruzione di come si poteva presentare
28 milioni di anni fa)
C
adeguamento locali
opere edili
impianti
Piano primo – sala 6: piccolo laboratorio
totale allestimento
€
140.000,00
I.V.A. 20%
€
28.000,00
totale
€
168.000,00
Spese tecniche:
€
15.500,00
CNPAIA 2%
€
310,00
Oneri fiscali IVA 20%
€
3.162,00
totale
€
18.972,00
3
Somme a disposizione (imprevisti, opere non
esattamente computabili)
€
3.028,00
4
Totale impegno di spesa
allestimento n. 28: progetto grafico, realizzazione di pannelli illustrativi: i pannelli saranno di spiegazione degli
esperimenti che si potranno fare con il microscopio (testi e materiale fotografico fornito dall’Ente)
Piano primo – sala 7: 28 milioni di anni fa a Sassello: i coralli
allestimento n. 29: progetto grafico, realizzazione di stampe a parete
A
2
€
168.000,00
ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI
Come accennato nelle premesse, i locali che ospiteranno il centro visite sono stati oggetto recentemente di lavori di
restauro e manutenzione, in parte ancora in corso; i lavori edili previsti sono quindi di modesta entità e si limitano
alle opere necessarie ad adeguare gli spazi esistenti alla funzione espositiva.
In sintesi gli interventi previsti, descritti negli elaborati grafici allegati (si vedano tav. 5-6-7-8), sono:
• smontaggio degli impianti esistenti nella sala del piano terra (condizionatore, server, canaline elettriche, ecc) e
smontaggio della stufa con recupero della stessa;
• smontaggio della bussola di ingresso e creazione di nuova chiusura in vetro con parte laterale in cartongesso
come a disegno a tav. 6 comprensiva di chiusura con parete in cartongesso dello sportello informazioni
esistente
• demolizione di porzioni di muratura per la creazione dei collegamenti tra le sale 1 e 2;
• allargamento della porta esistente tra la sala 5 ed il laboratorio;
• demolizione di porzioni di muratura per la creazione dei collegamenti tra la sala 7 e il vano scala (con provvista
di porta o grata scorrevole sulla parete della stanza per la chiusura del centro);
• smontaggio di alcune porte (vengono mantenute le chiambrane in legno);
• realizzazione di nuovo pavimento sopraelevato nella sala 7
• realizzazione dell'impianto elettrico funzionale all'allestimento con canalizzazioni esterne che saranno per la
maggior parte nascoste da elementi di arredo (saranno limitate allo stretto necessario le crene nelle murature);
• realizzazione dell'impianto di rete per il collegamento tra le postazioni interattive e con gli uffici;
• realizzazione di impianto video e audio, inclusa predisposizione di strutture per la sospensione dei
videoproiettori e delle casse a parete o a soffitto
• altri lavori di finitura e manutenzione.
€
18.972,00
€
€
3.028,00
190.000,00
ELENCO ELABORATI GRAFICI
Tav. 1
PTCP: assetto insediativo, geomorfologico, vegetazionale
scala 1:25.000
Tav. 2
Carta Tecnica Regionale
scala 1:10.000
Tav. 3
Stato attuale: pianta piano terra, pianta piano primo
scala 1:100
Tav. 4
Stato attuale: sezioni A-A’, B-B’, C-C’, D-D’
scala 1:100
Tav. 5
scala 1:100
Tav. 6
Schema di allestimento: pianta piano terra, pianta piano
primo
Schema di allestimento: pianta piano terra
Tav. 7
Schema di allestimento: pianta piano primo
scala 1:50
Tav. 8
Schema di allestimento: pianta piano primo
scala 1:50
scala 1:50
5