Case prefabbricate modulari

Commenti

Transcript

Case prefabbricate modulari
Case prefabbricate modulari
Un nuovo modo di concepire l'abitare nella quotidianità : veloce, bello ed
economico.
Una risposta ai continui cambiamenti del mondo
moderno:
le case prefabbricate sono in realtà progetti che
hanno come comune denominatore un habitat
proteso alla socializzazione e al vivere lo
spazio, il tutto partendo dal concetto di ecosostenibilità.
La parola d’ordine è adattabilità: realizzare e
pensare case che si inseriscano
armoniosamente nel proprio territorio.
Il concept nasce dall’idea di moltiplicazione della soluzione base, anche
modificabile nel tempo, per accrescimento. Si parte da moduli base con pianta
semplice (cell concept), sul quale sono state plasmate ulteriori tipologie, per
composizione di elementi standardizzati, che possono essere scelti da un abaco in
base a contesto, committenza e condizioni ambientali.
Sintesi di un sereno equilibrio uomo-natura, sono delle soluzioni chiavi in mano,
che vanno da piccole unità unifamiliari, a complessi residenziali, per arrivare
anche a veri e propri alberghi di tre piani, anche customizzabili su misura.
Altamente personalizzabili, danno comunque una grande libertà di azione, in base
anche all’ambiente in cui vengono inserite. Una grande scelta e varietà estetica, con
soluzioni che coinvolgono le facciate, l’esterno e le coperture stesse.
Si può scegliere al tetto, che in inverno funziona da
isolante termico mantenendo maggiormente il calore;
oppure ai pannelli solari termici, per la produzione
di acqua calda e per riscaldamento e raffrescamento.
L’involucro delle strutture è di tipo passivo, con
pareti della struttura composta da pannelli in legno
lamellare e isolanti naturali, con alte proprietà
termiche. Strutture in cui è possibile scegliere il legno,
il metallo, gli intonaci, fino ad arrivare alla copertura
con o senza pannelli fotovoltaici, con una o più falde e decorazioni da esterno con
verande, serre o deck.
Grande cura ai dettagli, come la bulloneria nascosta, caratterizzano questa tipologia
di costruzione a secco; il progetto si basa sul concetto di una modularità che esiste
fin dal processo produttivo, che per sapiente accostamento, consente di creare veri e
propri villaggi, non però ripetitivi e noiosi, in cui l’involucro è l’elemento cardine con
contesto.
Una sorta di architettura in moduli, ma con un occhio
all’estetica domestica. Leggerezza ed elasticità
traspaiono da queste case, che si presentano come
soluzioni abitative economicamente sostenibili e di
design.
Una nuova realtà dell’abitare in sintonia con
l’ambiente, creando una stretta relazione tra comfort
delle persone e sostenibilità.
Prefabbricati e ambiente
Anche l’Italia contribuisce a sfatare il mito, ormai obsoleto, dei sistemi di
prefabbricazione nell'edilizia domestica visti come una sorta di ripiego rispetto
ai sistemi tradizionali.
Grazie alla collaborazione di alcuni atenei italiani che permette un aggiornamento
continuo sull'ottimizzazione dell'uso dei materiali e dei sistemi da utilizzare per un
concreto risparmio energetico, è ormai all'ordine del giorno far riferimento ad
aziende qualificate per la costruzione di abitazioni singole o anche condomini
con metodi prefabbricati.
I materiali usati sono atossici, i legni certificati ma,
soprattutto, il lavoro di cantiere segue una tabella
precisa che permette il rispetto dei tempi di
realizzazione, grazie ad un continuo e severo
controllo qualitativo di ogni fase, sia in azienda,dove
ogni elemento costruttivo è realizzato, sia in cantiere,
alla posa in opera degli elementi. Tutto questo, senza
tradire la committenza e ogni sua precisa indicazione.
Nelle nostra sede aziendale avviene la parte preponderante di tutta la produzione
ancora artigianale e quindi manuale di ogni singolo progetto, dalla selezione dei
materiali costruttivi alla realizzazione dei vari elementi in legno (sagomati con
precisione) che in seguito saranno trasportati in cantiere per l'assemblaggio definitivo.
Tutto questo a favore di un’ottima qualità e soprattutto risparmio in termini di
energia.
Un esempio di case su due livelli (foto in basso a destra): forme geometriche e pulite,
con il piano terra che ospita in un unico spazio tutta la zona giorno, compresa la
cucina, più un ufficio e un bagno. Al secondo livello si trova la zona notte, con una
galleria che permette di affacciarsi sulla zona giorno godendo al contempo della
visuale esterna grazie alla vetrata a tutta altezza che occupa, in pianta e in alzato, un
intero angolo.
Grande attenzione è dedicata
all'orientamento della struttura (laddove sia
possibile), che si apre visivamente verso
l'esterno con ampie vetrate sul lato Sud-Est,
rimanendo invece chiusa verso Nord.
L'isolamento, nonostante le ampie superfici vetrate, può essere garantito dal doppio
vetro e tende filtranti esterne. La struttura è realizzata con elementi di legno,
privilegiando essenze resistenti e prive di emissioni nocive . Anche per
l'isolamento nei pannelli vengono usati materiali isolanti o bio-isolanti. Il
rivestimento esterno può essere rivestito o intonacato, la copertura può essere
realizzata in tegole in ardogres o Canadesi ardesiate . I muri possono avere
spessori da 18 fino a 28 cm. Le strutture sono tutte antisismiche (testate a resistere
ad una scossa fino a 6 gradi Richter), in più anche resistenti ai peggiori eventi
atmosferici. Sull’ultimo livello può essere realizzato un giardino pensile che,
oltre ad offrire un panorama invidiabile, collabora col resto della struttura ad
ottimizzare i consumi. All'interno, parquet in tutti gli ambienti. Per il riscaldamento
l'impianto è a pellet, con pannelli radianti a pavimento e sfrutta un impianto
solare per l'approvvigionamento energetico.
Nuova edilizia prefabbricata abitativa
In un nuovo segmento di mercato, quello creato
dalla sempre più ampia emergenza abitativa, che
richiede risposte brevi, anche e soprattutto in
materia di realizzazione degli interventi, si potranno
realizzare appartamenti a risparmio energetico
in diverse tipologie di dimensioni, con costi di
realizzazione decisamente più bassi di quelli
dell'edilizia corrente e, al tempo stesso, tempi di
realizzazione fino al 40% inferiori a quelli di esecuzione tradizionali.
Dunque una nuova e interessante sfida commerciale-produttiva, che genererà
un confronto da cui può trarre giovamento la qualità architettonica generale dei
prodotti nonché il mercato delle abitazioni.